Il Blog delle Stelle
Professionisti, donne e pari opportunità

Professionisti, donne e pari opportunità

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 3

di Melissa Tocchet, avvocato, candidata alla Camera nel collegio uninominale Milano 2

Il MoVimento 5 Stelle considera prioritario promuovere lo sviluppo del Paese, e pertanto – se da un lato pone l’attenzione ai problemi delle fasce deboli – dall’altro è ben conscio della necessità di tutelare e favorire attività professionali e imprenditoriali, vero motore propulsivo del paese.

Non a caso, tra i 20 punti di programma presentati agli italiani, è prevista la riduzione dell’IRAP e dell’IRPEF, l’eliminazione degli studi di settore, dello spesometro e dello split payment.

Ulteriori e più specifici provvedimenti dovranno anche essere assunti in favore delle donne che decidono di dedicarsi alla libera professione e all’imprenditoria, soprattutto e madri o intenzionate a diventarlo.

Ebbene, se una sorta di tutela embrionale - e sicuramente migliorabile - esiste per le lavoratrici dipendenti, questa è di fatto completamente assente rispetto a professioniste e imprenditrici.

Le peculiarità tipiche della libera professione e dell’imprenditoria pongono invero ulteriori e diversi ostacoli alle donne rispetto a quelli che deve affrontare chi svolge un lavoro dipendente.

In questo ultimo caso, infatti, i problemi maggiori in ambito lavorativo sono riconducibili sostanzialmente alla discriminazione e alle molestie – purtroppo sempre più presenti.
Mentre per le donne imprenditrici o professioniste, si delinea un problema più di carattere strutturale: svolgono la loro attività sempre più sotto pressione, costrette per emergere, ma in molti casi anche solo per sopravvivere dignitosamente, a orari di lavoro estenuanti.
Tutto ciò conseguenza di una concorrenza sempre meno etica e di un sistema normativo iniquo anche sotto il profilo fiscale.
Evidente l’incompatibilità di un siffatto sistema con la condizione delle donne, che di fatto svolgono un secondo lavoro altrettanto impegnativo quali mogli e madri. Non a caso, in tante, troppe occasioni, ove desiderino costruirsi una famiglia, e non godano di una posizione economica privilegiata che consenta loro tutto il necessario supporto, si vedono costrette a rinunciare ai loro sogni.

Questa situazione deve cambiare!

E’ necessario pertanto intervenire con forza. Il MoVimento 5 Stelle ha previsto un investimento di 17 miliardi di euro per eguagliare il modello francese, prevedendo quindi rimborsi per asili nido, pannolini e baby sitter, ma anche l’introduzione dell’I.V.A agevolata per prodotti neonatali e per l’infanzia, nonché un innalzamento dell’importo detraibile per l’assunzione di colf e badanti.

A prescindere da ciò, però, il futuro gruppo parlamentare che mi auguro appoggerà il primo governo pentastellato, dovrà approfondire con cognizione di causa la condizione specifica di professioniste e imprenditrici.
Oltre ai provvedimenti di natura generale appena accennati, sarà infatti necessario un esame attento e non ideologico, finalizzato ad identificare le singole peculiarità dei vari modi di svolgere tali attività, ed intervenire in maniera mirata.
Si pensi, solo per fare un esempio, a tutte quelle donne – e sono la maggior parte - che esercitano all’interno di realtà strutturate: sotto il profilo fiscale vengono trattate come professioniste di grido, ma nella realtà dei fatti quali dipendenti obbligati ad attenersi a rigidi orari per di più eccessivi e a regole gestorie interne, senza che vengano loro riconosciute quelle seppur minime tutele previste per le lavoratrici dipendenti.

Finora le attenzioni di chi ci ha amministrato sono state rivolte più alla forma che alla sostanza, il MoVimento affronterà invece il problema nella sua essenza per restituire a tutte le donne quel ruolo centrale all’interno della nostra società che spetta loro di diritto.

SOSTIENI IL RALLY PER ANDARE AL GOVERNO CON UNA DONAZIONE:

scopriprogramma.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

18 Feb 2018, 10:50 | Scrivi | Commenti (3) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 3


Tags: donne, lavoro, m5s, Melissa Tocchet, professionisti

Commenti

 

E ai bisogni dei bambini chi ci pensa? Mettere un bambino in un asilo nido a sei mesi è una barbarie, lui è troppo piccolo per capire che la mamma non lo abbandona, lui sente che non c'è e si sente abbandonato e non può neppure spiegare quello che prova, può solo piangere, fino allo sfinimento perchè il suo bisogno non sarà soddisfatto, perchè prima di tutto c'è il lavoro. A mio modo di vedere gli asili nido sono dei lager, si pensa sempre alla donna come pedina utile all'economia, prima viene questo aspetto, poi tutto il resto compresi i figli. Si deve invertire questo concetto, prima gli affetti ed il benessere delle persone più indifese, come lo sono i bimbi, poi il lavoro...si lavora per vivere e non si vive per il lavoro.

donata saggiorato 19.02.18 19:40| 
 |
Rispondi al commento

per tutte le tue esigenze di prestito, per favore contatta il signor Francois Roussel questi francesi riconosciuti in tutta Europa questi che mi hanno fatto un prestito di 100000 € Ti lascio il suo indirizzo se ti interesez.email francoisroussel184@gmail.com

marine Habre (marine10), BILBAO Commentatore certificato 18.02.18 14:30| 
 |
Rispondi al commento

Una altra eccellenza è entrata far parte del Movimento 5 Stelle. Ne sono orgoglioso. La propongo al Ministero delle pari Opportunità. Avanti così che stiamo formando un Governo eccezionale. G. Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.02.18 11:50| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori