www.beppegrillo.it


12 Maggio 2018

5 milioni di italiani in povertÓ assoluta

poveri.jpg

da Ansa.it

Aumentano gli italiani in povertÓ assoluta. Secondo i dati forniti dal presidente dell'Istat, Giorgio Alleva, nell'audizione sul Def, nel 2017 il fenomeno riguarderebbe circa 5 milioni di individui, l'8,3% della popolazione residente, in aumento rispetto al 7,9% del 2016 e al 3,9% del 2008. Le famiglie in povertÓ assoluta, secondo stime preliminari, sarebbero 1,8 milioni, con un'incidenza del 6,9%, in crescita di sei decimi rispetto al 6,3% del 2016 (era il 4% nel 2008).

La ripresa dell'inflazione nel 2017 spiega circa la metÓ (tre decimi di punto percentuale) dell'incremento dell'incidenza della povertÓ assoluta, ha sottolineato Alleva. "La restante parte - ha aggiunto - deriva dal peggioramento della capacitÓ di spesa di molte famiglie che sono scese sotto la soglia di povertÓ".

Complessivamente, L'Istat stima che nel 2017 siano in povertÓ assoluta 154 mila famiglie e 261 mila individui in pi¨ rispetto al 2016. Dal punto di vista territoriale, i dati provvisori mostrano aumenti nel Mezzogiorno e nel Nord, e una diminuzione al Centro. L'aumento delle famiglie in povertÓ assoluta Ŕ, inoltre, sintesi di una diminuzione in quelle in cui la persona di riferimento Ŕ occupata, e di un aumento in quelle in altra condizione.

Un milione di famiglie senza lavoro, raddoppiate in 10 anni - Nel 2017 in 1,1 milioni di famiglie italiane "tutti i componenti appartenenti alle forze di lavoro erano in cerca di occupazione", pari a 4 famiglie su 100, in cui non si percepiva dunque alcun reddito da lavoro, contro circa la metÓ (535mila) nel 2008. Lo ha sottolineato il presidente dell'Istat, Giorgio Alleva, nel corso dell'audizione sul Def. "Di queste, - ha proseguito - pi¨ della metÓ (il 56,1%) Ŕ residente nel Mezzogiorno. Nel complesso si stima un leggero miglioramento rispetto al 2016 (15mila in meno), ma la situazione al Sud Ŕ in peggioramento (13mila in pi¨)".

Postato da MoVimento 5 Stelle alle 11:20 in Il blog delle stelle