Il Blog delle Stelle
DIRETTA - Una nuova visione per una nuova gestione del debito pubblico italiano

DIRETTA - Una nuova visione per una nuova gestione del debito pubblico italiano

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 52

di MoVimento 5 Stelle

Una nuova visione per una nuova gestione del debito pubblico italiano. Se ne sta discutendo alla Camera dei deputati con esperti e studiosi di livello internazionale.
Uscire dall'ideologia dell'austerity non significa tornare a spendere male e scassare ancora di più il bilancio pubblico, ma orientare le risorse su programmi e missioni che siano in grado di rivoluzionare il nostro sistema produttivo, generando così crescita sostenibile, orientata al vero benessere, e aiutando al tempo stesso a rendere sostenibile il nostro stock debitorio.



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

3 Lug 2017, 13:17 | Scrivi | Commenti (52) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 52


Tags: bilancio, convegno, debito, debito pubblico, m5s

Commenti

 


TANTI, TANTISSIMI SOLDI “GRATIS” DAI LAVORI PUBBLICI


Non passa giorno che ogni organo di informazione, o a piacere “disinformazione”, ci vengano sbattute in faccia almeno 3 notizie; sempre dallo stesso tono.
------La prima parla della disastrosa situazione economica nella quale versiamo.
------La seconda bella notizia è che oggi qua, ieri la, domani tra le Alpi ed il profondo sud, qualche Procuratore della Repubblica scopre nefandezze di ogni genere, accomunate solo da sparizioni e/o spartizioni, tangenti ecc. ecc.
------La terza riporta l’ingente somma del nostro debito.

MOSE, EXPO E ROMA CAPITALE NE SONO LA CONFERMA, PUR ESSENDO SOLO LA PUNTA DELL’ICEBERG.

Queste sono solo alcune delle motivazioni che, da parecchio tempo, mi hanno portato a pensare dove trovare soldi, e ovviamente a costo zero. Anzi. Gira e rigira, anziché dormire, una bella notte mi venne l’idea.
Vivo da sempre a Bologna, uno degli ultimi baluardi di una becera politica, e ricordo che da bambino per strada vedevo operai, i cosiddetti “stradini” che con una bella casacca a righine bianche e blue, asfaltavano, riparavano buche ecc. ecc. Col passar del tempo questi lavoratori comunali vennero via via sostituiti da loro colleghi di aziende private. La scusa, per me faziosa più che banale, era che così facendo i costi erano più contenuti e certi. Assurdo.
Il primo pensiero che mi venne spontaneo fu: Ma come fanno a costare di meno, se i privati, quantomeno, per fine ultimo debbono trarvi profitto, al contrario del Comune?
Col passare poi di altro tempo, e la conferma mi venne dai famosi fatti di Mani Pulite, capii, o meglio sarebbe dire che ebbi delle conferme, che quello dei “costi più bassi e certi” altri non era che il solito teatrino per gettarci fumo negli occhi. Complicità? Io penso a 360° e a volontà.
30 Novembre 1969, appena compiuti 25 anni, firmando un bel pacco di cambiali, saltai il bancone e mi misi in proprio. Un po’ le espe

Antonio Sarti 06.07.17 09:18| 
 |
Rispondi al commento

IL PROBLEMA "DEBITO PUBBLICO" SI PUÒ RISOLVERE IN UN SOLO MODO:
RINAZIONALIZZANDO LA BANCA D’ITALIA .
CON UNA BANCA CENTRALE “PRESTATRICE DI ULTIMA ISTANZA”
OGNI TITOLO DI STATO ALLA SCADENZA POTRA’ ESSERE RIMBORSATO…
…OVVIAMENTE IN LIRE.
È LA “MAGIA” DELLA SOVRANITÀ MONETARIA.

Santo Nalbone 05.07.17 22:30| 
 |
Rispondi al commento

GLI ONESTI RAPINANO GLI AUTOMOBILISTI ROMANI
A Roma è stata attivata la corsia preferenziale di via Portonaccio ma lo sapevano solo i Grillini. Multe a gogo per centomila Romani.
L'assessore Enrico Stefano ideatore della trappola li prende per il culo dicendo che è tutto regolare
la Raggi prevede un introito extra di 10 milioni di euro in multe e gongola.
Arriva il M5S ,occhio al portafoglio

Cristian G., rm Commentatore certificato 05.07.17 16:45| 
 |
Rispondi al commento

L'equilibrio, in una sana gestione statale è dato dal pareggio fra ENTRATE E USCITE.
La differenza va ad incrementare e/o diminuire lo stock di DEBITO.
Ciò premesso, visto che nel settore ENTRATE non si può agire oltre per la già elevata tassazione (il problema evasione lo conosciamo), bisogna agire allora sull'altro fronte delle USCITE.
Come?
Annullando tutte le spese superflue cioè:
Acquisto F35,
abolizione Missioni di "pace";
Riduzione a "zero" spese per immigrati;
Abolizione vitalizi e pensioni d'oro;
Abolizione Grandi opere (TAV, ECC.);
dimezzamento Parlamentari e Enti Inutili;
Ecc., ecc., ecc.
Solo così si possono risparmiare 40/50 Miliardi all'anno e nel giro di 15/20 anni possiamo diventare una Nazione normale.
G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.07.17 12:28| 
 |
Rispondi al commento

una parola di coraggio ed usciremo dal gorgo malefico del debito: congelamento del debito per quanto riguarda gli interessi ed i soldi via via così risparmiati, per la metà utilizzati per estinguere il debito, senza se e senza ma!

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.07.17 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Salve,fino a quando le banche centrali,naturalmente compresa la Banca d'Italia,saranno gestite abusivamente dagli usurai(BCE,FMI,Banca Mondiale),il debito pubblico rappreresemterà una arma micidiale per schiavizzare miliardi di persone,privandole dei loro diritti fondamentali,quali lavoro,libertà di pensiero,sicurezza,sanità ecc.Gli strumenti di tale
politica ,che si sta verificando sotto gli occhi di tutti,sono imperniati su una spietata austerità e una oppressione di memoria staliniana.

TINO LISSU, S.MICHELE Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 04.07.17 22:05| 
 |
Rispondi al commento


Esistono solo due soluzione. Il resto sono inutili chiacchiere.
1)La BCE diventa una vera banca centrale europea, prestatrice di ultima istanza. I titoli di stato europei saranno collocati ad un tasso d’interesse unico, pari o leggermente inferiori al tasso d’inflazione. Cosa a cui, dato il contesto in cui ci siamo infilati, non credo sia minimamente possibile.
2)L’Italia, riacquista la sua sovranità monetaria. I titoli di stato italiani saranno emessi ad un tasso pari o inferiore all’inflazione. Cosa estremamente difficile ma più praticabile.
Altriemento pagare, pagare, pagare, fino al fallimanto totale del paese.
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 04.07.17 11:48| 
 |
Rispondi al commento

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/17_luglio_03/munchau-l-esperto-tedesco-ministro-minenna-svolta-m5s-sull-economia-166e0074-6022-11e7-89db-f0df40559f50.shtml

"Di Maio spiega: «Si pensava che l’euro potesse avere una funzione taumaturgica per unificare le economie europee, ma non è stato così». E dunque si esce dalla moneta unica? Nient’affatto: «Il dibattito euro sì euro no rischia di diventare ideologico». È sufficiente «approfondire le misure per correggere la rotta della nave Europa, che rischia di schiantarsi».

euristi fino al midollo. Poi qualcuno gli spieghi che il fiscal compact e'gia' in costituzione

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 04.07.17 10:30| 
 |
Rispondi al commento

L'unico modo per veder diminuire il nostro debito pubblico è abbandonare di corsa la Zona Euro e riportare la Banca D'Italia sotto il controllo del Ministero Del Tesoro, così che sia possibile da parte del Governo decidere la politica monetaria.
Fuori dall'Euro, o sarà la morte per questo già disastrato Paese.
Tutte le altre soluzioni determineranno un aumento del Debito Pubblico e del deficit verso l'estero.

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 04.07.17 10:29| 
 |
Rispondi al commento

EX EQUITALIA CON PIGNORAMENTI INCASSERÀ 1 MILIARDO IN PIÙ..

La soluzione non è aumentare la repressione fiscale,ma ridurre le tasse, è essenziale per poter sperare di tornare a crescere.

Chi ha debiti con lo Stato molto spesso sono le famiglie e piccole imprese in difficoltà.

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 04.07.17 08:09| 
 |
Rispondi al commento

EX EQUITALIA CON PIGNORAMENTI INCASSERÀ 1 MILIARDO IN PIÙ...

La soluzione non è aumentare la repressione fiscale, ma ridurre le tasse, è essenziale per poter sperare di tornare a crescere.

Alto livello della tassazione aumenta il fallimento e delocalizzazione delle imprese con la conseguenza di aumento della disoccupazione e lavoro nero.

Chi ha debiti con lo Stato molto spesso sono le famiglie e piccole imprese in difficoltà.

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 04.07.17 08:05| 
 |
Rispondi al commento

@Rosa ed altri:
-Non sono Zanni Marco perche' lui non e' me ed io non sono lui

-Se Borghi dice cose giuste non vedo perche' non ascoltare

Altri lo hanno detto con minore incisivita' e competenza, la sintesi di Borghi e' ineccepibile:
"La BCE pone un problema di sicurezza nazionale" .

Siete d'accordo o no ?

Se non siete d'accordo parlate di quello , se siete d'accordo perche' mi accusate di essere Marco Zanni di cui sapevo assolutamente nulla prima di informarmi a seguito della vs. "simpatica ipotesi di scambio di persona" .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 04.07.17 02:47| 
 |
Rispondi al commento

la questione del DEBITO PUBBLICO , si potrà risolvere soltanto con una azione RIVOLUZIONARIA ;
IN PRIMIS RITORNO ALLA MONETA NAZIONALE , NEGOZIARE IL DEBITO CON I CREDITORI PRIVATI , AZZERANDO IL 50% DEI TITOLI DI STATO , CON LA TUTELA DEI PICCOLI RISPARMI ; PER FARE CIO' E NECESSARIO UN PARLAMENTO ELETTO DAL POPOLO ITALIANO IN FORMA costituente , con poteri di modifica della Costituzione e decisioni inappellabili dalla CONSULTA ;

GIUSTO BONANNO (), MISILMERI Commentatore certificato 03.07.17 22:18| 
 |
Rispondi al commento

Il cosiddetto Debito Pubblico è una truffa bella e buona,poichè i nostri politicanti traditori hanno privatizzato il denaro,ossia hanno consegnato la proprietà del denaro stesso ad un manipolo di banchieri privati;cio' comporta che questi ultimi siano i prestatori di denaro nei confronti dello Stato,cosi costretto ad un indebitamento continuo e perenne,gravato dagli interessi sul debito,ammontanti a 80 miliardi di euro annui.Se ne desume che il debito pubblico è un imbroglio messo in piedi dal sistema bancario,al quale sono inchiodate milioni di persone,perennemente tassate dallo Stato per conto degli usurai a strozzo senza scrupoli.

TINO LISSU, S.MICHELE Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 03.07.17 20:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aldo Masotti, alias Zanni Marco?

Rosa 03.07.17 19:57| 
 |
Rispondi al commento

Qui (anche se l'audio e' un po' fuori sincrono ) la lectio magistralis sul debito pubblico :

https://www.youtube.com/watch?v=UkvTbWe7nhA

Si sente perfettamente e si capisce molto di piu' .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 03.07.17 19:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho sentito adesso Kenneth Orchard.

Intervento incomprensibile, forse anche per la traduzione simultanea.
A cosa serve un dibattito organizzato in questa maniera?

Ad allontanare la gente da tematiche che sono invece CENTRALI per uscire una volta per tutte dal tunnel dell'austerity imposto dalle banche per pagare a loro INTERESSI E CAPITALE NON DOVUTI?

LORO producono solo carta, noi con il nostro lavoro diamo un reale valore a quella carta.
Se la valuta fosse creata dallo Stato avrebbe lo stesso valore ma non ci indebiteremmo di capitale più interesse con banche private.
RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA SOVRANITA' MONETARIA.

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 03.07.17 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Negli ultimi anni il debito pubblico è aumentato tantissimo ed è detenuto in buona parte da stranieri.
Si dovrebbe convertire in una valuta interna italiana, per poterlo monitorare e pagare.

Rosa 03.07.17 18:11| 
 |
Rispondi al commento

E' da 20 anni che l'Italia ha dei problemi di crescita e di produzione. Forse i nostri brillanti capi di governo, economisti, Amato, Prodi, Monti poi ecc., pensando di entrare nella moneta unica (nonostante fossero stati avvisati di probabile fallimento), credettero di lasciare agli altri la soluzione di problemi italiani.
Siamo entrati nell'euro facendo promesse, e anche ricevendo promesse dagli altri, tutte disattese.
L'Italia avrebbe dovuto o dovrebbe risolvere il problema della corruzione, rendere una giustizia efficiente. Cose per cui gli altri non c'entrano nulla.
Altro handicap lo abbiamo creato quando abbiamo dismesso la banca pubblica.
Ormai è riconosciuto da tanti che la moneta unica non può funzionare, si è detto che il sistema è stato tenuto insieme con gli interventi di Draghi, mediante il quantitative easing.
Si è detto che la storia ci ha insegnato dell'esistenza di più di una moneta contemporaneamente, una moneta per l'attività interna e una per i commerci esteri.
Anche se nessuno lo dice l'attuale finanza utilizza, nell'attività bancaria, diversi cambio di euro, uno per ogni stato.
In Sardegna utilizzano il bitcoin. In passato si sono usati certificati di credito per pagare le imposte.
La stessa Grecia ha testimoniato che avevano progettato una moneta alternativa, ma per mancanza di tempo e della situazione dell'allora governo, non sono riusciti a portarla avanti e finì, come tutti sappiamo.
Se l'Italia è in questo disastro, la colpa non è della Germania, dell'Unione Europea, è dei nostri governi. I nostri politici hanno fatto solo i loro interessi svendendoci per due soldi.
Le soluzioni ci sono, ma servono politici con le mani libere e con un forte senso di patria Italia.

Rosa 03.07.17 18:05| 
 |
Rispondi al commento

Potranno fare tutte le discussioni del mondo. Potranno avere tutti i migliori esperti del mondo. Ma la cosa, nella sua drammaticità. È di una semplicità sconcertante. Le soluzioni sono due:
1) La BCE diventa la banca centrale europea, prestatrice di ultima istanza. I titoli di stato europei saranno collocati ad un tasso d’interesse unico, pari o leggermente inferiore al tasso d’inflazione. Cosa a cui, dato il contesto in cui ci siamo infilati, non credo minimamente.
2)L’Italia, riacquista la sua sovranità monetaria. I titoli di stato italiani saranno emessi ad un tasso pari o inferiore all’inflazione. Cosa estremamente difficile ma più praticabile.

Altre soluzioni, saranno praticabili solo continuando a dissanguare, palesemente o occultamente, questo paese, già ridotto al lumicino.
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 03.07.17 17:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Il punto cruciale su cui i lettori dovrebbero riflettere è il seguente:
perché la Bce e non lo Stato o l’Ue ha il diritto di produrre dal nulla il bene denaro?
E perché i contribuenti in crisi di Eurolandia devono ripagare questo bene creato dal nulla, in un momento in cui per farlo si rischia di finire nella depressione economica, alla Bce – tutti i soldi alla fine infatti finiscono lì - dato che la banca centrale, ed i suoi azionisti privati, sono il solo creditore dell’intero sistema?
Dato che dietro gli euro, come dietro qualsiasi moneta cartacea non c’è nulla, ma solo la fiducia di chi queste banconote le continua ad usare indebitandosi, cioè noi, e dato che il diritto a stampare moneta dal nulla alla Bce glielo abbiamo dato noi, cittadini di sistemi democratici, attraverso la delega ai nostri governanti, perché non azzerare questo debito e ripartire da zero?
In passato ciò è avvenuto con le guerre, oggi si potrebbe farlo per evitarle.
di Loretta Napoleoni - economista coraggiosa e fuori dal coro (sempre più stonato!)
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/05/debito-pubblico-chi-lo-crea-stampando-moneta-e-chi-lo-paga-con-le-tasse/832248/

cosa aspetta il M5S per dire queste cose???

Vogliamo aiutare DAVVERO i cittadini italiani e l'europa intera dicendo e facendo cose DAVVERO rivoluzionarie e per il bene di tutti, o vi volete accodare al Sistema euro-bancario che ci sta affamando???

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 03.07.17 17:23| 
 |
Rispondi al commento

sto seguendo la diretta a questo indirizzo:
https://www.youtube.com/watch?v=_dKptnonWiw

perché se si parla di sistema monetario in Italia si parla in inglese?

La traduzione simultanea è scandalosa, non credo sia colpa della traduttrice ma sembra che ci sia la volontà di allontanare le persone dalla tematica del Sistema monetario rendendolo praticamente INCOMPRENSIBILE.
E' molto più semplice di quello che ci vogliono far credere.
“La Banca Centrale Europea è l’unico organismo che ha il diritto di stampare moneta, lo dovrebbe fare secondo parametri fissi ma data la crisi Draghi è riuscito ad aggirarli ed è lui alla fine che stabilisce quanta moneta cartacea si stampa. Da notare che nessuno di noi europei lo ha eletto. La Bce è una banca privata, di proprietà degli azionisti delle banche centrali dell’Eu, tutti enti ed organismi non statali, tra costoro ci sono anche alcune delle nostre banche.
Come funziona il meccanismo? La Bce crea dal nulla euro, nel gergo comune trasforma carta straccia in banconote, questi soldi vengono dati in prestito, oggi a tassi vicini allo zero, alle banche di Eurolandia. Con questi soldi le banche acquistano i buoni del Tesoro dello Stato (NOSTRO DEBITO)con i quali i governi nostrani ripagano ogni anno solo gli interessi sul debito pubblico, di più infatti non si riesce a fare. Idealmente questi soldi dovrebbero alimentare l’economia e farla crescere: prestiti all’industria, per l’innovazione o per le opere pubbliche ecc. La crescita economica dovrebbe far aumentare il gettito fiscale con il quale ripagare il prestito. Ma non è così nel nostro caso, e questo lo sanno tutti ormai, l’austerità taglia le gambe alla crescita quindi il circolo virtuale appena descritto diventa un circolo vizioso di impoverimento."
E' anche peggio di così, ma almeno E' CHIARO
link all'articolo completo
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/05/debito-pubblico-chi-lo-crea-stampando-moneta-e-chi-lo-paga-con-le-tasse/832248/

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 03.07.17 17:10| 
 |
Rispondi al commento

Perché non parlate mai di spending review?

patrick le 03.07.17 16:42| 
 |
Rispondi al commento

i servi delle banche (al tempo di Monti ) hanno fatto sparire la lettera che Obama ( visto che Monti faceva il sordo) ha scritto ai giornali italiani che servi della mafia economica hanno insabbiato - tasi Toni mi te faso ciapar gli skei ma ti te tasi - ve lo ricordate cosa era scritto? congelare la scadenza dei titoli per 6 mesi rinnovabili al modo di eliminare lo spred - fermare per tre mesi rinnovabili le vendite allo scoperto (vera causa della speculazione) pagare interessi vicino allo 0 (come è stato fatto da Obama) ma i garzoni della mafia ZITTI.


Spendere bene i soldi pubblici e' possibile anche oggi, in regime di austerity. Solo che i governi italiani non sanno o non vogliono farlo. Basta vedere lo spreco di denaro delle "riforme" di Renzi e del suo successore.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 03.07.17 15:17| 
 |
Rispondi al commento

chi scrive IRPEF 25% tutti dimostra di non capire nulla di tasse

Alberto Ragazzi, Sesto san Giovanni Commentatore certificato 03.07.17 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Sono sorpresa dai relatori economisti del convegno del 3 luglio.nessuna distanza da una politica contro il neo liberismo.contro il profitto contro il libero mercato contro il PIL .la più grande intenzione del neo liberismo.al Potere interno lordo vaso situata LA FELICITA INTERENA LORDA come nel BUON E COME LE LEGGI DELLA FISSARE QUANTI SIA CI I SEGNA NO .CONTRO LA COMPERI ZIONE ,LA BASE DELL È CONOMICA DEL CAPIRE LISBONA LA COOPERAZIONE ,LA LEGGI DELL È VOCAZIONE BILIO GIÀ DELLA VITA .O IL M5 si presenta con un programma di governo RIVOLUZIONARIO o diventerà una forza politica come tutte le altre. Ho inviato ad alcuni fra cui Taverna ,Di Battista Toninelli "Un CONTRIBUTO PER UNA RIFLESSIONE " .ma nessuno risponde ,non lo pubblicate .Cattivo segno .......

Stefania Sarsini 03.07.17 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Faccio il punto della situazione:
3/4 del Paese "gira" in nero
la spesa pensionistica non è stata coperta dai contributi ( solo 15% )
l'IVA cosi comè è insostenibile e aumenta il nero di sopravvivenza.
Le tasse le pagano solo i lavoratori dipendenti ( 185€ media nazionale )
in questa situazione il debito pubblico aumenta e l'economia sana è strozzata.
Soluzione:
Eliminazione "TOTALE" del denaro contante.
Pensione massima cumulata = 2500
IVA 15%
IRPEF 25% per tutti
Contributi per pensione = max 500€/mese.

cosi facendo si innesca un meccanismo virtuoso di paghiamo meno ma paghiamo tutti.
Ogni cittadino "pretende" servi efficienti e si ricrea "cultura del lavoro".
Attività illegali quasi impossibili:
Mafia, Droga, lavoro nero, commercio sleale, ecc..

Tutte le altre manovre e manovrine dello 0, ... sono praticamente inutili, come un bicchiere di acqua fresca a un malato terminale..

Roberto M., Genova Commentatore certificato 03.07.17 12:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sò solo che da Salvatore Monti in poi il debito pubblico è aumentato in misura consistente.
Che da quando c'è questa seconda repubblica è esploso in maniera vergognosa,grazie anche al contributo federalista di regioni,provincie e comuni.
Che da dati eurostat abbiamo almeno un 20% in più di operatori scolastici rispetto alla media europea.
Che abbiamo speso qualche miliardata con il bonus 80 euro che non è andato in tasca ai 7\8 milioni di italiani che ne avevano\hanno bisogno.
Che abbiamo speso qualche miliardata in bonus per l'occupazione a tempo pieno chedicono non ci sia.

franco selmin, montegrotto terme Commentatore certificato 03.07.17 11:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUAL'E' IL PROBLEMA DEL DEBITO PUBBLICO ITALIANO? LO SI FA CONFLUIRE IN UNA BAD ITALY!

...O NO?

Eppure per metterlo nel culo ai cittadini italiani, senza problemi i debiti delle banche si fanno confluire nelle BAD BANK!

Se il giocattolo funziona con le banche, visto che lo Stato emette decreti per rendere legali la bancarotta fradolente preferenziale, a maggior ragione funzionerà per lo Stato stesso.

...O E', O NON E'!


*****
Ancora solo parole, considerazioni, suggerimenti di tanti esperti che vanno avanti da anni. Bisogna bloccare l'immigrazione clandestina con il blocco alla frontiera, gli altri stati europei lo fanno da molto tempo, intercettazione barconi in prossimità della costa Libica, retromarcia con spedizione al mittente. Questo per un mese, andranno tutti in Spagna raggiungibile molto più facilmente, se gli Spagnoli sono buonisti come il PD ma i fatti dicono il contrario.

Per la gestione del debito pubblico c'è una sola cura: tagliare spesa dell'apparato politico, pensioni e stipendi d'oro, evasori fiscali in galera con sequestro beni insieme ai corruttori e corrotti che rubano denaro dei contribuenti ma prima bisogna svuotare le carceri completamente in quanto bisogna mettere al fresco l'attuale sistema . Questo è un esempio di come di applica il concetto di " fare sistema " purtroppo in negativo per il popolo ma positivo per pochi magari protetti dalle attuali leggi gestite da un governo forte con i deboli e debole con i forti e questo lo si vede anche al parlamento europeo.
M5S trovate un settore che in italia va bene, fate un blog per tirarci su il morale.

Pietro Z., Padova Commentatore certificato 03.07.17 10:37| 
 |
Rispondi al commento

La Convenzione di Schengen (ufficialmente Convenzione di applicazione dell'Accordo di Schengen) è un trattato internazionale che regola l'apertura delle frontiere tra i paesi firmatari.
Firmata inizialmente il 19 giugno 1990 da Benelux, Germania Ovest e Francia, in applicazione dell'Accordo di Schengen del 1985, alla convenzione hanno in seguito aderito anche Italia (1990), Spagna e Portogallo (1991), Grecia (1992), Austria (1995), Danimarca, Finlandia e Svezia (1996)

L'Austria ha sospeso il trattato di Schengen:
dal 16 novembre 2015 decide di reintrodurre i controlli alle frontiere, a causa dei problemi legati all'immigrazione e al terrorismo.

Danimarca
Da maggio al 31 dicembre 2011 la Danimarca ha deciso di reintrodurre il controllo alle proprie frontiere terrestri e marittime, al fine di far diminuire il crimine transfrontaliero.[13][14]
dal 4 gennaio al 23 febbraio 2016 per limitare l'immigrazione internazionale.

La Francia ha sospeso il trattato di Schengen:
Nel 2005 a seguito degli attentati di Londra
dal 13 novembre 2015 al 13 dicembre 2015 per la Conferenza di Parigi sui cambiamenti climatici rinnovando la sospensione dal 14 dicembre 2015 al 27 marzo 2016 a seguito degli Attentati del 13 novembre 2015 a Parigi.

La Germania ha sospeso il trattato di Schengen:
dal 13 settembre 2015 al 13 febbraio 2016 per limitare l'immigrazione internazionale

L'Italia ha sospeso il trattato di Schengen:
Dal 14 al 21 luglio 2001, durante il G8 di Genova
Dal 28 giugno al 15 luglio 2009, durante il G8 dell'Aquila
Dal 10 maggio al 30 maggio 2017, durante il G7 di Bari e Taormina

Malta
dal 9 novembre 2015 al 31 dicembre 2015 per la conferenza Commonwealth Heads of Government Meeting2015 e per problemi legati all'immigrazione.

Norvegia
dal 26 novembre 2015 al 14 febbraio 2016 per limitare l'immigrazione internazionale

Svezia
dal 12 novembre 2015 al 9 marzo 2016. per limitare l'immigrazione internazionale

./.

5* 03.07.17 10:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per anni si sono svolte discussioni nel sistema operativo , mediante l'utilizzo delle funzioni
Lex - Parlamento
Lex - Europa
Lex - Regione
Con migliaia di interventi dei cittadini attivi del nostro M5s , con :
- Suggerimenti
- Modifiche
- Obiezioni
- Vizi di forma

Ma ad oggi si dovrebbe decidere per il nostro Programma che sarà proposto a livello Nazionale completato solamnente da un centinaio di interventi .. baroni style ..
Con le indicazioni fornite da persone che non hanno mai aderito al nostro M5S , alle iniziative territoriali , come ai tavoli tematici mediante i quali sono nate le proposte , le iniziative riportate nella Piattaforma Nazionale e Ufficiale M5S .
Questo metodo non ha nulla di condiviso con gli iscritti al Blog di Beppe Grillo e delle Stelle , non si informa il cittadino su come gli interventi degli attivisti sono stati inseriti per completare i Disegni di Legge portati in Parlamento a nostro nome e per conto della Comunità degli iscritti al MoVimento 5 Stelle .
Che per un Programma Nazionale davvero partecipato , riferibile al nostro M5S ,occorrerebbe un prospetto nel quale siano riportati tutti i Disegni di Legge ad oggi presentati a livello Istituzionale , con indicati gli interventi inseriti nel Testo delle Leggi depositate a nome e per conto degli iscritti .
Presentazione di un documento del M5S nel quale siano riportati tutti i DdL ad oggi votati per essere presentati a livello Parlamentare , in modo che i partecipanti alle iniziative locali e in Rete , abbiano corrette e dettagliate informazioni su come procediamo per la presentazione delle nostre proposte Istituzionali come M5S .
Altrimenti si comunichi nelle TV , ai Media dis-servizio che a decidere politicamente come M5s sono qualche eletto e pochi altri .. e che il cittadino è completamente estromesso dall'essere parte decisionale nel nostro Progetto Nazionale .
Siete pregati di adottare il metodo di elaborazione descritto per il nostro Programma partecipato e condiviso 5 Stelle .

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 03.07.17 09:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori