Il Blog delle Stelle
#RaiChiediScusa per le balle sul referendum

#RaiChiediScusa per le balle sul referendum

Author di Beppe Grillo
Dona
  • 55

di Beppe Grillo

Il sondaggio sulle bufale dei media si è concluso. I risultati sono i seguenti:
- 60%: Se vince il NO paese a rotoli: bufala diffusa da tutti i media italiani, con rare eccezioni, per comodità è stata attribuita alla RAI che maggiormente si è distinta per la campagna a favore del SI, fregandosene del suo ruolo di servizio pubblico
- 17%: Grillo vuole una banca: bufala diffusa dal Giornale (prima pagina)
- 14%: Beatrice Di Maio: bufala diffusa da La Stampa (chiamata La Busiarda a Torino) e smontata dall'intervista di Franco Bechis a Titti Brunetta
- 9%: Buche a Roma (del 2014): bufala diffusa da L'Unità, qui maggiori informazioni
La RAI vince quindi il Bufalino d'oro e presto gli sarà consegnato il premio. Pretendiamo scuse pubbliche ai cittadini italiani per la campagna di disinformazione messa in atto per il Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016. Basta prendere in giro i cittadini che pagano il canone. La RAI cominci a fare informazione imparziale e veritiera.




Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

16 Gen 2017, 14:00 | Scrivi | Commenti (55) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 55


Tags: Beatrice Di Maio, bufalino d'oro, il giornale, l'unità, la stampa, RAI, referendum, referendum costituzionale, tg

Commenti

 

Ciao Mr / Mrs / Ms
E ' con profonda gratitudine che ringrazio
portare qui la mia testimonianza, È che sono alla ricerca
pronti i soldi, non so come condividere con voi
la mia gioia perché me di essere ancora alla ricerca per il prestito, io sono
cadde sulla Signora Anissa KHERALLAH donna d'affari. Lei mi ha concesso
un prestito di 20.000 euro è ho parlato
diversi colleghi che hanno anche ricevuto prestiti in
questo Madame senza preoccupazioni. Soprattutto a me,
Ho ricevuto la mia domanda di credito, tramite bonifico bancario in un
durata di 72 ore senza protocollo e sono abbastanza
soddisfatto. Il motivo che mi spinge a pubblicare questo annuncio
è questa donna continua a fare
meraviglie per le persone che sono veramente nel bisogno.
Così ho deciso di condividere questa opportunità
che non hanno il favore delle banche, o che aveva dovuto
fare finanziatori disonesti che fanno abuso
la personalità degli altri; hai un progetto o di un bisogno
il finanziamento, è possibile scrivere a lui e spiegare a lui
la vostra situazione, vi aiuterà se lei è convinto di
la tua onestà. Ecco la sua email : developpement.aide@gmail.com

pik sousana rosa Commentatore certificato 19.01.17 10:05| 
 |
Rispondi al commento

Il Tg1 ti lascia Di-gi-uno

Agostino Carnevale Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 18.01.17 15:02| 
 |
Rispondi al commento

la mia domanda e': perche' quando chiedono soldi per i bisognosi del terzo mondo leggono lentamente? per convincerti quasi confidenzialmente? Ed invece quando devono dare informazioni generali soprattutto politico,vanno
a velocita' con divieto di respiro? forse per non farti capire? Bufale ed altro.

gerardo lofoco 18.01.17 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Forse sarebbe bene spiegare cos'è questa fondazione. A cosa serve e perché ha bisogno di soldi. Non bastano finanziamenti ai partiti?

Robero Nuara 17.01.17 18:51| 
 |
Rispondi al commento

ricordo gli inizi del digitale terrestre quando la rai aveva dato il compito a 4 gatti in gamba di creare rati utilie....

l'unico bel canale RAI fatto a superisparmio ... mi ricordo che lo guardavo sempre.

una volta finita la sperimentazione hanno fatto sparire rai utile e hanno messo rai merda disutile news 24!

chissà che fine hanno fatto quei tizi che facevano rai utile... considerando che lo facevano con 4 palanche...erano veramente bravi...

PS non c'entro nulla con loro e non li conosco!

cattivello cattivelli 17.01.17 00:16| 
 |
Rispondi al commento

se uno ti racconta delle balle gratis tanto tanto .... ma se uno ti costringe a pagare per ascoltare le sue balle allora è una tro fatto.


che raccontino pure quel che gli pare ma aboliamo il canone ... oppure si fanno un bel sistema di criptatura come sky e chi vuol pagare paga e chi non vuole non paga.

anche la banca è uguale se fai debiti fallisci e cazzi tuoi e du qegli idioti che ti hanno dato fiducia mettendo i risparmi nella tua merda di banca.

però se il responsabile della banca che ha fallito possiede anche 1 solo euro ... gli venga espropriato!

cattivelli cattivello 17.01.17 00:11| 
 |
Rispondi al commento

"Le bevute di ogni cosa e il darla a bere raggiungono livelli di generosità e di capienza da ubriacatura cosmica" Pasquale Panella

Paolo donati 16.01.17 21:52| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente la rai ha vinto un premio!

Nessun'altra tv spezzerà mai però il monopolio che detiene da anni come TV MERDA WORLD CUP di cui è indiscussa campionessa di miseria e giornalisti falliti da due soldi :-)

Taipan X Commentatore certificato 16.01.17 19:36| 
 |
Rispondi al commento

la rai mi lascia sempre senza parole!

Gustavo Woltmann 16.01.17 19:25| 
 |
Rispondi al commento

LA DITTAURA RAI HA FINALMENTE RICEVUTO IL PREMIO CHE SI È FATICOSAMENTE GUADAGNATO!!

ECCOLO LO VOLEVATE, ORA È VOSTRO!

CONGRATULAZIONI PER LA VITTORIA, E MIRACCOMANDO SENZA VERGOGNA COME SEMPRE:-)

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 16.01.17 18:40| 
 |
Rispondi al commento

era ovvio che il premio andasse alla Rai
con tutto quello che fa x incitrullire noi abbonati

la cosa importante era recuperare i soldi del canone

x quel che riguarda l'informazione è di alta qualità x la pizza

saluti ai monelli del blog

▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌

old dog 16.01.17 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Questo sistema è irriformabile e solo una diversa visione politica del problema può portare ad un cambiamento radicale, che è vitale per la nostra democrazia che non possiede un contrappeso dalla parte dei cittadini, una “public company” televisiva, senza pubblicità, finanziata solo dal canone, dove i cittadini che la pagano, siano i soli azionisti con il potere di eleggere il presidente (con tutti i poteri), in regolari elezioni da abbinare alle politiche o alle amministrative, tra personaggi indipendenti da economia, politica, religioni.
E’ necessario che sia dichiarato solennemente, chiaramente e giuridicamente, che la RAI è proprietà dei cittadini che autogestiscono, fuori dai partiti, una informazione che sia all’altezza di proteggerli da tutti gli inganni e imbrogli che il potere economico e politico tramano a loro danno, soprattutto per ciò che riguarda la salute, l’ambiente, l’alimentazione, l’economia e le banche.

maria t., olbia Commentatore certificato 16.01.17 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Veleno, non fare il furbo: si sta parlando di rai, radio televisione italiana e la domanda è ben precisa , seguita ad una tua affermazione. E comprati una tastiera con la zeta, pezzente.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 16.01.17 17:31| 
 |
Rispondi al commento

C'è Fabio di Vicensa che si domanda se la propaganda e l'informazione abbia un ruolo marginale per detenere il potere...

Spero sia retorica, altrimenti sarebbe demenza.

L'informazione e la propaganda SONO il potere e SERVONO il potere stesso.

Infatti c'è chi disinforma, chi non informa, chi mistifica, chi informa solo riguardo le castronerie altrui,

ma chi INFORMA veramente e onestamente?

http://voxnews.info/2017/01/14/roma-500-mila-euro-per-trasformare-hotel-in-nuovo-centro-per-300-clandestini/

http://www.riscattonazionale.it/2017/01/15/roma-un-altro-senzatetto-morto-congelato-raggi-pensa-ristrutturare-hotel-clandestini/

Sarà colpa del reddito di cittadinanza che non c'è...

Veleno 16.01.17 17:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL CONTO DEL DOPO REFERENDUM

Come molti quotidiani LIBERI avevano previsto da mesi,l'UE ha richiesto una manovra aggiuntiva ai conti dell'Italia di 3,4 miliardi di euro pari allo 0,1 del nostro PIL per eccesso di deficit.
I quotidiani GOVERNATIVI ne danno notizia solo oggi passata la sbornia del referendum e con un governo a guida renziloni che per forza di cosa dovrà gravare i cittadini di ulteriori gabelle visto che non c'è modo di trovare la quadra.
E' proprio il paese di bengodi.Ma come il duo padoan-renzi si vantava pochi mesi or sono della bontà delle riforme di questo governo e dei tagli di tasse alle imprese ed oggi non sappiamo neanche dove reperire i fondi per una manovra aggiuntiva?
Tutto era stato congelato per il referendum che si è dimostrato una sorta di ricatto all'Italia visto che di colpo le agenzie di rating ci declassano,il sistema bancario precipita,si scopre il dieselgate all'Italiana e partono le procedure di infrazione da parte dell'UE per l'elevato deficit,un vero e proprio tradimento per chi voleva venderci allo "straniero" spianandogli la strada con la modifica costituzionale.
I media non solo sparano balle ma sono completamente asserviti alla politica per fare il lavaggio del cervello alla nazione con improbabili attori che mediante altrettanto improbabili slide ci presentano un sistema economico sereno che invece collassa tra job act,buona scola,riforma delle popolari,salva banche,fondo Atlante annegato come Atlantide,trivelle,80 euro buttati al cesso per non parlare delle inutili misure anti corruzione rivelatesi un palliativo per un sistema di scambio che continua ad incancrenire.
I media non sono solo colpevoli di plagio ma sono corresponsabili della nostra disfatta,è come avere un nemico in casa,un traditore pagato dal popolo per nascondere la verità.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 16.01.17 17:04| 
 |
Rispondi al commento

c'e' ne vorrebbero di bufalini d'oro....

Luigi T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 16.01.17 16:58| 
 |
Rispondi al commento

EVVIVA!!!!
LA SCOPERTA CHE LE BUFALE SI POSSONO RICICLARE!!!

MA SE LA TV E' STRACOLMA DI FORMAT CHE VI LECCANO IL CULO!!!!

SPECCHIO DELLE TUE BRAGHE 16.01.17 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi decide quali post pubblicare...
Bisogna far capire agli elettori che il M5S è meglio degli altri con i programmi, con le proposte...
lasciamo libero ognuno di pensare quali sono le bufale e da chi sono propinate, se ascoltereste la gente che chiacchera al bar vi rendereste conto che le persone non sono così cretine ... che sanno quello che fanno e perchè lo fanno... queste iniziative lasciano il tempo che trovano e fanno sorridere (e talvolta ridere) i miei clienti che mi sfottono dicendo che per certe cose c'è "BLOB" e "STRISCIA LA NOTIZIA" ...
Dove sono le proposte ... dove sono i candidati alle future elezioni... dov'è il programma?
Da evitare soprattutto di pensare che quello che dicono i relativamente pochi (circa 200000 su potenziali 10000000 di elettori, un ridicolo 2%) sia oro colato. Allarghiamo questa ristretta cerchia, e troviamo un modo di fare votare anche agli altri. Altrimenti dove sta la democrazia dal basso?
Attenzione perchè gli altri si stanno gia preparando alla campagna elettorale e mi sembra che il M5S rischia di arrivare impreparato (l'ideale sarebbe avere già una idea di quale potrebbe essere la squadra di governo) e fare la stessa magra figura della giunta di Roma venuta fuori da ANAC e Magistratura

Grazie

P.M. 16.01.17 16:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando l'avrete finita di prenderci in giro con queste inutilità fate un fischio. L'Italia avrebbe bisogno di un'opposizione VERA, cosa che non esiste.

Nel caso nessuno se ne fosse accorto, tutte le porcate del PD sono state fatte nell'esatto periodo in cui all'opposizione c'era il M5S (l'apritore di scatolette del tonno).

La conoscete la storiella della rana bollita?

Non so se mi sono stato spiegato, altrimenti ve lo rispiegassi, per dirla alla di Maio...

Veleno 16.01.17 16:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

e
Ho citato Petrini e vorrei ricordare la sua 'Terra madre', una rete mondiale, creata da Slow Food nel 2004, che raggruppa le "comunità dell'alimentazione" impegnate, ciascuna nel suo contesto geografico e culturale, a salvaguardare la qualità delle produzioni agro-alimentari locali. Terra Madee raccoglie migliaia di contadini e allevatori di tutto il mondo per salvare i prodotti locali dalla massificazione alimentare, è locale ma allo stesso tempo si muove in un panorama planetario.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.17 16:27| 
 |
Rispondi al commento

d
Visti questi cambiamenti, dobbiamo imparare a ‘pensare globale’ senza perdere di vista le ‘istanze locali’ e, tanto meno, quelle ‘individuali’ anche per correggere il globalismo delle multinazionali che tende a distruggere le individualità, i prodotti tipici del territorio, i piccoli produttori massificando tutto in una uniformità mortale (Vd il monopolio sul riso che in India fa sparire le molte e diverse specie di riso)... Credo che uno come Petrini col suo slow foord potrebbe spiegare benissimo cosa vuol dire difesa delle ricchezze e delle multivarietà del territorio contro la massificazione e l'appiattimento di in Mc Donald o di una Coca Cola.
Il motto del glocal è "Think globally, act locally", cioè pensa sull'intero pianeta ma difendi le specificità del tuo territorio, salvaguarda le identità culturali. Questo la Lega lo capisce benissimo ma dovrebbe capirlo chiunque difenda i nostri marchi, il parmigiano, la mozzarella, l'olio mediterraneo, il vino Chianti...Per De Kerckhove, erede di McLuhan, la politica del futuro coniugherà intelligentemente ‘pubblico’ e ‘privato’ in uno Stato formato da una costellazione di iperlocalismi.
Copio: "Nel mondo, ogni comunità ha i propri valori sociali e culturali che esprimono l’identità di quel territorio. Condividendo globalmente questi valori con altre comunità, ad esempio attraverso l’uso della rete internet, la cultura locale si arricchisce e diventa una cultura glocale. Infatti la cultura glocale nasce proprio dalla voglia che hanno i soggetti di far conoscere ad altre comunità la propria identità e valori, il web risulta essere uno strumento efficace in quanto, da una parte facilita la nascita e moltiplicazione di comunità diverse e dall’altra consente il dialogo e lo scambio in tempo reale di opinioni tra i soggetti che ne fanno parte. In questo modo favorisce un’economia basata sul dialogo tra diverse identità locali e incentiva la crescita e lo sviluppo a livello globale".


segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.17 16:26| 
 |
Rispondi al commento

b
Un esempio facile da capire è la world music, "le culture musicali hanno da sempre espresso questa potenzialità straordinaria di trasmissione, oltre le differenze linguistiche, portando il valore di musiche sviluppate in ambiti locali (si pensi al reggae giamaicano o alla taranta salentina) negli scenari mondiali delle musiche possibili".
Mc Luhan parla di villaggio globale o villaggio planetario, concetto che unisce due termini opposto in un apparenze paradosso. Grazie a internet e alla tv quello che accade dall'altra parte del pianeta è come se avvenisse nel nostro angolo di mondo. Nel mondo postmoderno i media tecnologici hanno abolito il tempo e lo spazio. Al posto del luogo fisico abbiamo il luogo sociale. La rete delle reti è simbolo massimo della globalizzazione ma è anche il massimo di valorizzazione dell'individuo. In luogo di una comunicazione, che nel passato avveniva nel tempo con spostamenti reali nello spazio, abbiamo ora l'informazione in tempo reale per cui l'universo è nel tuo villaggio e il tuo villaggio può essere nel mondo. Sono cambiati i rapporti tra singolare e universale. Ma la rivoluzione dell'informazione grazie alla rete trova il suo parallelo in una rivoluzione nell'economia che cerca la sua via di mezzo. I capitali si spostano in tempo reale e così si spostano i flussi di lavoro e le produzioni delle merci. Da una parte, nei paesi occidentali, si crea una omologazione di consumi, gusti, pensieri, dall'altra la rete stessa potenzia le economie locali che possono ampliare il loro mercato e salvare le loro peculiarità. Si pensi all'allevatore di capre sardo che vende il suo formaggio su internet, o al produttore egiziano di tappeti che vende i suoi prodotti su e bay.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.17 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Una vergogna nazionale che ,fra l altro,paghiamo noi col canone e che,come i fatti dimostrano,garantisce un informazione totalmente di parte e molto spesso,come in questi casi,Falsa;è l espresssione massima del potere della Casta dei partiti che si manifesta con la quotidiana presa in giro dei cittadini

Rino Siconolfi, Ferrara Commentatore certificato 16.01.17 16:25| 
 |
Rispondi al commento

a
.Rispondo a una domanda su glocal e global

-'Glocal' non vuol dire,come pensa qualcuno, occuparsi solo del proprio orticello disinteressandosi del mondo ma una cosa molto diversa. Vuol dire salvare la propria individualità e particolarità connettendola all'intero mondo ma salvandola dall'omologazione. Vuol dire pensare un'economia che salvi le caratteristiche di ciascun territorio e le specificità delle piccole imprese locali, valorizzandole a livello globale grazie allo sviluppo delle telecomunicazioni e delle tecnologie informatiche"
Vorrei ricordare che il 99% dell'economia italiana è formata da piccole e medie imprese, non da multinazionali ed è queste che si rivolge il M5S
Glocal è un termine introdotto dal sociologo Bauman per adeguare la globalizzazione alle realtà locali,così da studiarne meglio le relazioni con gli ambienti internazionali.Bauman non aveva intenzione di porli in contrapposizione come hanno fatto invece i no global nella loro lotta alle multinazionali che distruggono i poteri e i valori delle realtà economiche sottostanti. Per Bauman globalizzazione e localizzazione sono considerate come tendenze non opposte,ma strettamente interconnesse in un processo di reciproca inclusione
Il filosofo e sociologo francese Edgar Morin parla di "un pensiero capace di non rinchiudersi nel locale e nel particolare,ma capace di concepire gli insiemi,adatto a favorire il senso della responsabilità e il senso della cittadinanza".Glocal coniuga globale e locale, nel tentativo di ammortizzare l'urto della globalizzazione che tende ad uniformare in logiche standard,astratte e disumanizzanti del capitale,con le peculiarità sociali e culturali delle particolarità territoriali.E' una nuova etica di interconnessione che oggi,attraverso l'espansione del web,offre opportunità straordinarie anche per valorizzare le biodiversità e le capacità di auto-organizzazione delle comunità e così interpretare le dinamiche sostenibili del futuro in atto.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.17 16:24| 
 |
Rispondi al commento

..OK ..OK...ho votato e concordo su tutto.!

Ma per quanto RIGUARDA LE PENSIONI, a QUANDO si RIPORTANO a 60 ANNI ??????

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 16.01.17 16:08| 
 |
Rispondi al commento

D'accordissimo sull'abrogazione del canone visto che la rai, lottizzata com'è da anni,è più un servizio contro il pubblico che per il pubblico e, non essendo un mezzo interattivo ma solo un broadcast unidirezionale lava cervelli, è pure superata dai tempi come altre tv generaliste. Ludi et circenses, si sa che quanto a lavaggio di cervelli brillano da sempre campionato di calcio e musica cosidetta nazional popolare la cui manifestazione principe è il prossimo festival di Sanremo,cose beninteso che si possono guardare ed ascoltare senza farne però ragione di vita. E proprio a proposito di festival si stanno allestendo le prove di inciucio rai mediaset con l'intervento congiunto a Sanremo dei rispettivi pezzi da novanta De Filippi Conti. Dopo la finta concorrenza, il via vai di artisti o pseudo tali si sancisce ufficialmente l'inciucio del duopolio al pari di un'unione civile sdoganata, viatico probabile alla propaganda che dovrà sorreggere quell'altro inciucio delle larghe intese Pd Forza Italia con la regia dei soliti pallonari, questa sì una tragica iattura.

marco c., genova Commentatore certificato 16.01.17 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Inizia una nuova serie televisiva su LA7 per le comunali di Palermo.
A che punto siamo?
Possibile che in meridione,Calabria e Sicilia, i MU sono in guerra perenne a causa dei mamma santissima del Mov. Che vogliono imporre i loro protetti?
Vi ricordò il caso eclatante di Crotone.....Morra impose il suo nonostante avesse vinti un'altro....
Che vogliamo fare,perdere un sindaco importante?

Alfonso Papaleo 16.01.17 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Oltre che per la campagna spudorata a favore del si la RAI merita il bufalino d'oro anche per i commenti sbrigativi e devianti dopo la vittoria del no.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 16.01.17 15:44| 
 |
Rispondi al commento

DIEGO FUSARO
Il mondo post-1989 non è il mondo della libertà, a meno che per libertà non si intenda quella del capitale e dei suoi agenti. Per il 99% della popolazione mondiale il post-1989 è e resta un incubo: un incubo di disuguaglianza e miseria. Ce l’ha ancora recentemente ricordato Forbes, la Bibbia dei sacerdoti del monoteismo del mercato deregolamentato. Otto super-miliardari – meticolosamente censiti da Forbes – detengono la stessa ricchezza che è riuscita ad accumulare la metà della popolazione più povera del pianeta: 3,6 miliardi di persone. L’1% ha accumulato nel 2016 l’equivalente di quanto sta nelle tasche del restante 99%. Il mondo è sempre più visibilmente diviso tra un’immensa massa di dannati – gli sconfitti della mondializzazione – e una ristrettissima classe di signori apolidi dell’oligarchia finanziaria transnazionale e postmoderna, post-borghese e post-proletaria. Non vi è più il tradizionale conflitto tra la borghesia e il proletariato… il conflitto – meglio, il massacro a senso unico – è oggi tra la nuova massa precarizzata globale e la nuova “aristocrazia finanziaria” (Marx) cosmopolita e liberal-libertaria, nemica giurata dei diritti sociali e delle sovranità economiche e politiche. La massa degli sconfitti della globalizzazione è composta dal vecchio proletariato e dalla vecchia borghesia: il vecchio proletariato è divenuto una massa senza coscienza di erogatori di forza lavoro sottopagata, supersfruttata e intermittente. La vecchia borghesia dei piccoli imprenditori è stata essa stessa pauperizzata dall’oligarchia finanziaria, mediante rapine finanziarie, truffe bancarie e competivitismo transnazionale. L’oligarchia sempre più ristretta governa il mondo secondo la logica esclusiva della crescita illimitata del proprio profitto individuale, a detrimento del restante 99% dell’umanità sofferente

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.17 15:33| 
 |
Rispondi al commento

...E' NATA una NUOVA PIZZA ?
Si la PIZZA R.A.I


rigorosamente a base di MOZZARELLA di BUFALA

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 16.01.17 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Tutto Oro colato Beppe!
"Bufalino d'oro" alla Rai.
"Bufalino d'argento" al Corriere.
"Bufalino di bronzo" a tutti quelli dai finanziamenti pubblici.
Oro, Argento,Bronzo,come le loro notizie,falsi ovviamente !
Non più "Noblesse" in questo Paese.
Solo "Ironie oblige".
Non si ride però.
E chi tace ?

Maria Luisa Vargiu 16.01.17 15:19| 
 |
Rispondi al commento

Quando il Movimento andrà al governo metterà la Bufala al posto del Cavallino!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 16.01.17 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Mi piace riflettere su quanto ha dichiarato Tremonti e riportato nell'articolo del Giornale.it. "Seppur in modo soft questa data (l'insediamento di Trump} ha una portata storica simile alla caduta del comunismo." Per Tremonti la presidenza Trump potrebbe portare con sé la fine dell'utopia della globalizzazione. Meglio ancora se coincidesse con la fine di un'arroganza da salotto priva di significato concreto, demagogica e rieducativa, obbligatoria anche per quelli che non hanno alcuna voglia di convertirsi e che desiderano godere ancora della liberta' di pensiero e di espressione. Proprio quell'arroganza che ha necessita' delle bufale per rivestirsi di credibilita' e delle persone che quelle bufale sono preposte a diffondere e rendere credibili.

Francesco C. Commentatore certificato 16.01.17 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Pietro Z., Padova Il presidente della vigilanza (FICO) non può fare nulle purtroppo! E' dall' orto che lo deve ricevere!

silvana rocca, genova Commentatore certificato 16.01.17 15:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Certo che fra tutte, la bufala delle buche a Roma è la più incredibile.Per fortuna la gente gira e lo vede con i propri occhi che da quando c'e il M5S a Roma le strade sono più sicure la giunta Raggi ha chiuso anche le buche lasciate dal PD e la Citta soprattutto in periferia è diventata molto più sicura e vivibile grazie anche alle strade che sono state tutte riasfaltate Questi cialtroni di giornalisti lo sannio ma continuano a mentire. Dovrebbero essere tutti denunciati per falso. Virginia continua cosi
Avanti con slancio

Andrea Ciolli, Roma Commentatore certificato 16.01.17 14:55| 
 |
Rispondi al commento

@ Garante Grillo,
concordo: “informazione imparziale e veritiera.”


A proposito di informazioni, avrei bisogno delle seguenti informazioni pratiche riguardo al Comunicato politico n. 54
-Ogni eletto si impegnerà a interagire quotidianamente attraverso la Rete per informare i cittadini e interagire con gli iscritti al M5S-
-Ognuno conta uno-

A) -in quale luogo della Rete- posso interagire quotidianamente con gli eletti in modo da
realizzare quel efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico idoneo
a Testimoniare che il ruolo di governo ed indirizzo del M5S leaderless
NON è normalmente attribuito a pochi, eletti, capi, padroni, leader, o vertici.

Ovvero, visto che -Ognuno conta uno- non significa votare quello che, qualcuno per tutti, ha deciso che gli iscritti debbano votare,

B) -in quale luogo - è attiva la promessa Piattaforma -uno spazio dove ognuno veramente conta uno-, con cui la Rete degli iscritti può esercitare il proprio ruolo statutario,
proponendo e discutendo le questioni da sottoporre a votazione.

Visto inoltre che “verranno regolarmente recepiti i miglioramenti richiesti dagli utenti iscritti al M5S che saranno gestiti per ogni funzione da responsabili eletti nel M5S.”
vorrei sapere

C)-in quale luogo della Rete- posso richiedere che i responsabili della -funzione decisionale Vota- siano effettivamente eletti nel M5S con i seguenti compiti

- Offrire riscontrabili garanzie di trasparenza affinché ogni iscritto possa proporre, discutere e votare contando né più né meno di uno.
- Agevolare una discussione efficiente ed efficace delle proposte coordinando la funzione Vota con la piattaforma di discussione Forum
- Trasferire alla funzione Vota le proposte discusse sul Forum per 15 giorni e approvate da almeno il 5% degli iscritti.
- Inserire nel Programma i punti votati da almeno il 30% degli iscritti.
- Pubblicare entrate - uscite del M5S e il bilancio regolarmente certificato.

Grazie

Tocotto Ottova, Mosca Commentatore certificato 16.01.17 14:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

HO COMPRATO UNA BUFALA , L'HO CHIAMATA R.A.I

aniello r., milano Commentatore certificato 16.01.17 14:44| 
 |
Rispondi al commento

A chi verrà consegnato il bufalino d'oro? Speriamo non sia il presidente commissione vigilanza della rai.

Pietro Z., Padova Commentatore certificato 16.01.17 14:42| 
 |
Rispondi al commento

La RAi è solo uno strumento nelle mani della malapolitica che al occupa in modo arrogante ed antidemocratico. CHI VUOLE CONTROLLARE LA RAI SE LA COMPRI. PRIVATIZZARE LA RAI E' NECESSARIO PER IL BENE DEL PAESE!

ABELARBO NORKIS 16.01.17 14:38| 
 |
Rispondi al commento

Austerity. L'europa deve imporre l'austerity a chi è in grado di soddisfarla. Io, credo, assieme a milioni di altri sudditi italiani di questi ultimi inqualificabili governi, sono anni che pratichiamo l'austerità volenti o nolenti visto che è il mercato che ce la impone dato che le pensioni sono ferme, il lavoro non c'è, solo voucher e precariato, la povertà è alle porte, si trascura la salute, tutte cose degne di uno stato che dicono essere la settima potenza mondiale. Basta parole a vuoto e scuse di chi compie errori consapevoli rovinando l'italia. I soldi devono essere presi dove ci sono, chi più ha più contribuisce al bene del popolo ma in italia come per tutto il resto avviene il contrario. La legalità sociale deve essere ripristinata in modo esemplare. Le cooperative ricevono milioni di euro per assistere i clandestini, a parte che non ci dovrebbero essere, e poi li trovi ammassati in luoghi inabitabili e quelli che sono negli alberghi di solito li lasciano semi distrutti e lo stato si gira dall'altra parte trovando millew cavilli legali per espellere i clandestini che ci siamo andati a prendere. Sono arrivati come clandestini quindi li si rimanda indietro come clandestini o meglio dal barcone o dalle coste si prendono i veri profughi muniti di documenti, gli altri retromarcia verso altri paesi. L'europa accetta solo profughi certificati quindi non illudiamoci, ce li terremo sempre quà naturalmente mantenuti con i soldi dei poveri italiani non certo con quelli dei signori dell'apparato politico: loro non rinunciano a niente, neanche a vergognosi privilegi, anzi guai chi li tocca. L'italia ha già il 3x1000, fate un pò il conto.

Pietro Z., Padova Commentatore certificato 16.01.17 14:34| 
 |
Rispondi al commento

ahahahah GRANDE BEPPE !!!!

bufalino d'oro alla RAI, chissà se ne parleranno e COME ne parleranno nei media di regime AHAHAHAHA

Forza M5S.

Alessio S., Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 16.01.17 14:23| 
 |
Rispondi al commento

sempre più attuale il
"meglio un salto nel buio che un suicidio assistito"

mentre continua l'assistenza al suicidio, il buio è sempre meno buio

purtroppo non tutti la pensano cosí, malgrado le evidenze

Path Walker Commentatore certificato 16.01.17 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Non si da sufficiente rilevanza al fatto che il M5S è per l'abrogazione del canone RAI, ipocritamente definito canone sul possesso degli apparecchi televisivi.
Portiamo avanti questa battaglia in ogni occasione pubblica.

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 16.01.17 14:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LUIGI DI MAIO
A Bruxelles lo chiamano "il conto di Renzi" e come al solito le sue bugie le pagheremo con le nostre tasse.Da Sindaco ha indebitato Firenze per arrivare a Palazzo Chigi.Poi lì ha indebitato l'Italia per foraggiare chi lo aveva mandato
Risultato? Oltre 100 miliardi di € di debiti e nessun conto in regola.Un uomo,un buco di bilancio.Quando Renzi faceva il Sindaco di Firenze,il suo bilancio comunale è stato bocciato per 4 volte di fila dalla Corte dei Conti: "sappiamo solo che c’è uno sbilancio di 50 milioni,dobbiamo trovarli”,dichiarò il nuovo Sindaco di Firenze Nardella appena insediato.I 50 milioni alla fine li stanno facendo pagare ai cittadini.Lui spreca e sperpera con le promesse elettorali,poi lascia i suoi avatar a fare il lavoro sporco.A Gentiloni tocca lo stesso destino di Nardella:nell'ultima Legge di Bilancio del Governo Renzi mancano all'appello 3,4 miliardi,a Bruxelles lo chiamano "il conto di Renzi",ma in realtà vogliono farlo pagare a noi con una manovra straordinaria.Per vincere al referendum, "l'uomo voragine" aveva promesso aumenti pensionistici,bonus di vario genere,abbassamento delle tasse,abolizione di Equitalia e una batteria di pentole in omaggio.Promesse che già a novembre non quadravano nei conti della Commissione Europea,ma in UE si sono guardati bene dal certificarlo ufficialmente:per l'establishment doveva vincere il SI' e non si doveva disturbare il manovratore.Purtroppo i rilievi sono arrivati questa settimana e si prospetta una manovra lacrime e sangue.Sia chiaro,questi 3,4 miliardi sono richieste fatte dall'UE in nome dell'austerity che noi abbiamo sempre combattuto.Soldi che in ogni caso non avremmo mai speso in mance elettorali.Il Pd che finge di litigare con l'UE prima delle elezioni e dopo esegue a testa bassa,ora vuole aumentare le tasse per colmare i 3,4 miliardi.Io il "conto di Renzi" lo farei pagare al Pd,che prima critica i parametri UE,poi li viola e poi abbassa la testa facendo pagare a noi

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.17 14:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori