Il Blog delle Stelle
#ProgrammaAffariCostituzionali: P.a. pubblica e trasparente

#ProgrammaAffariCostituzionali: P.a. pubblica e trasparente

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 112

Il rapporti fra il cittadino e la Pubblica amministrazione sono stati oggetti di un ampio dibattito. In questa sezione si pone l’attenzione sull’importanza di accorciare la distanza fra utente e istituzione, sull’esigenza di incrementare la trasparenza della P.A, e su quella della semplificazione amministrativa, con una particolare attenzione alla modifica dei criteri di scelta dei vertici delle Autority, e del controllo della collettività sui servizi e sui dipendenti della P.A, attraverso la valutazione delle performance.

di Daniela Bolognino – docente di Contabilità di Stato presso l’Università degli studi Roma Tre

Il rapporto fra cittadini e la Pubblica Amministrazione è da sempre oggetto di un ampio dibattito. In questa sezione si pone l’attenzione sull’importanza di accorciare la distanza fra utente e istituzioni, sull’esigenza di incrementare la trasparenza della P.A., e su quella della semplificazione dei processi amministrativi, con una particolare attenzione alla modifica dei criteri di scelta dei vertici delle Authority e al controllo sui risultati dei servizi della P.A., attraverso la valutazione delle performance.

La Pubblica Amministrazione deve operare perseguendo obiettivi di efficacia, efficienza ed economicità dell’azione amministrativa, in piena trasparenza, mettendo in campo tutte le strategie di prevenzione del fenomeno corruttivo, con dipendenti che si muovono, operano, e agiscono, nei confronti di cittadini nel pieno rispetto della legalità. Questi sicuramente sono obiettivi importanti su cui il nostro legislatore lavora sin dagli anni ‘90. Tuttavia questi obiettivi rimangono ancora in larga parte non ancora raggiunti e quindi occorre muovere un percorso di riforma incisiva, in parte di perfezionamento, in parte di accompagnamento, in modo migliorare l’operato della P.a. al servizio dei cittadini. Da questo punto di vista le aree di intervento su cui proponiamo di muoverci ruotano intorno ad alcuni obiettivi precisi: semplificazione, trasparenza, partecipazione, controllo sul piano delle performance.

È questo uno dei grandi ambiti, quello dei controlli, su cui il nostro legislatore è intervenuto negli ultimi vent’anni in maniera più o meno incisiva, più o meno burocratizzando il sistema. Tuttavia gli output, salvo esempi di best practice importanti ma circoscritte, non sono risultati in linea con le aspettative. Per questo gli interventi di riforma devono essere innanzitutto “a monte”: sugli strumenti di pianificazione, sui tempi e sui contenuti.

Per procedere in questa direzione è anzitutto essenziale incidere in maniera forte sul miglioramento della rilevazione della performance che chiamiamo convenzionalmente organizzativa perché questa può dare la misura di quello che è il rapporto che i cittadini hanno nei confronti delle amministrazioni. Del resto la soddisfazione finale del cittadino utente è il punto fondamentale di qualunque riforma che riguardi la Pubblica amministrazione. Per questo è importante che i cittadini possano incidere sulla performance organizzativa, con un intervento che gli consenta di comprendere esattamente se le loro attese sono state soddisfatte e questo intervento non può che essere collegato a quelli che sono tutti gli incentivi e anche le sanzioni sulla dirigenza e sul personale. Così è possibile evitare che ci sia uno scollamento tra le performance organizzative e l’output effettivo, quindi tra i risultati e la conseguente premialità o sanzione nei confronti di dirigenza e personale. Del resto è proprio quello che richiedono anche molti dei dipendenti e dirigenti che lavorano all'interno dell'Amministrazione: premiare le performance realmente efficienti.

L’ulteriore punto fondamentale su cui intervenire è il perfezionamento del quadro delle disposizioni vigenti in termini di trasparenza: occorre razionalizzarle sotto due profili. Il primo è quello del rapporto tra disposizioni che applicano il principio di trasparenza e la privacy, due diritti parimenti garantiti dalla Costituzione e che devono essere adeguatamente bilanciati all'interno del testo unico sulla trasparenza. Inoltre un ulteriore intervento in termini di razionalizzazione deve andare a semplificare, alleggerire, snellire la tempistica e gli obblighi di pubblicazione delle Pubbliche Amministrazioni. Occorre che sia pubblicato ciò che è realmente utile pubblicare, anche per non aggravare il processo di pubblicazione in modo da produrre i risultati opposti.

Per questa via si deve quindi procedere verso un miglioramento dell’istituto dell’accesso civico innanzi tutto a attraverso un processo di razionalizzazione e abrogazione delle disposizioni che, all’interno del nostro ordinamento, si pongono in maniera dissonante, sovrapponendosi al testo unico in tema di trasparenza e che creano una serie di problemi applicativi alle Pubbliche Amministrazioni.

La semplificazione è un ulteriore elemento fondamentale in un progetto di innovazione della P.A. Anche qui il punto di partenza è costituito da un quadro normativo che va ulteriormente perfezionato e implementato, a partire dal “Cad”, codice dell'amministrazione digitale, sulla cui applicazione occorre intervenire in maniera incisiva.

Ulteriore tassello importante è quello di modellare i siti web ufficiali delle Amministrazioni a misura di cittadino, per “accompagnarlo per mano” nell’esercizio dei suoi diritti.
La partecipazione è un punto fondamentale nelle riforme: occorre coinvolgere in un circolo virtuoso i cittadini in un clima di fiducia e di coinvolgimento nelle decisioni, in particolare su quelle che incidono in maniera profonda sul territorio sul quale vivono. In questo senso vogliamo partire dal coinvolgimento attraverso un istituto importante, già noto in Francia: il cosiddetto débat public, presente attualmente nel nostro codice degli appalti solo a livello embrionale. È un istituto di partecipazione di particolare importanza che consente di coinvolgere la cittadinanza a monte, nel momento in cui si prende una decisione e successivamente in tutti i passaggi della decisione stessa, per quanto riguarda la costruzione delle grandi opere, anche attraverso l'ausilio di un soggetto terzo di garanzia. In Francia questo soggetto terzo è la Commissione sulle opere pubbliche. Un intervento incisivo in questo settore deve essere rivolto a delineare una normativa ad hoc, che acquisti tutta l’importanza che merita all'interno del nostro ordinamento.

Ultimo punto importante delle riforme è quello di una maggiore garanzia di imparzialità dei soggetti fondamentali nel rapporto tra istituzioni e cittadini che si intende declinare attraverso la riforma delle autorità amministrative indipendenti. Si tratta di un intervento di riforma particolarmente importante che incide sulla vita di tutti i giorni dei cittadini, cosa che si comprende se si guarda ai settori in cui le autorità amministrative indipendenti operano: energia, trasporti, gas, privacy e, più in generale, diritti dei consumatori. La normativa attuale merita un intervento di riforma di tipo organico e in particolare di una riforma sul metodo di nomina dei vertici delle autorità indipendenti, in modo da garantire una reale indipendenza dal Governo. È essenziale a questo fine la presenza di professionalità non solo indipendenti a livello politico ma anche adeguate e dunque da nominare attraverso regole trasparenti sulla presentazione del curriculum dei candidati e una partecipazione allargata con uno specifico dibattito pubblico sulle nomine dei vertici delle autorità indipendenti.

I5S2017_460X230.png



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

25 Ago 2017, 10:17 | Scrivi | Commenti (112) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 112


Tags: affari costituzionali, istituzioni, m5s, riforme

Commenti

 

Ciao
Per tutte le persone che sono onesto, serio, responsabile, capace e
In
Per adempiere i suoi impegni per affrontare il
Risorse finanziarie per uscire definitivamente da dead end
Banche
Rifiutando i file dell'applicazione di credito, ci sono
Un
Il gruppo Di esperti finanziari in grado di dare un prestito
Mente
Di cui avete bisogno e con condizioni che renderanno più facile per voi
si
Vita. Facciamo prestiti che vanno da 1 a 30 anni
Da € 10.000 a € 100.000.000. il nostro tasso di interesse è del 3 %.
Ignoranti
I tuoi usi e trasferimenti sono forniti da una banca per la
La sicurezza della transazione. Per tutte le vostre richieste
Proposte rispetto al tasso di e
Pagamenti
E ci sarà con il vostro aiuto, per ulteriori informazioni, se si
per favore.
Contatto
La mia e-mail : yvesmontero60@yahoo.com

montero yves 02.09.17 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Semplificazione ? Un bruciore allo sfintere ogni volta che mi capita una semplificazione.Da quando si è parlato di semplificare le provincie da 52 son passate a 104.
L'ultima volta che sono andato in comune è stato per il loculo di mia zia.Anni fa.
Vuoi una bella semplificazione,e pure semplice,cancella il testo unico del settore.Altro che se un comune da 9999 abitanti passa a 10001 scatta la pianta organica di livello superiore(il sindaco e assessori prendono tot di più,il segretario comunale passa in fascia alta,l'ufficio tecnco deve avere un laureato con divisione in due sottosettori e realtiva ampia pianta organica.
Via tutto.tipo Usa.Il sindaco che vince(riforma schifosa e antidemocratica)si assume lo staff in relazione alle esigenze che ritiene opportune per ben gestire il comune.Altri in sovrappiù,come negli USa e nelle aziende private,se ne vanno a casa a cercarsi qualche improbabile posto di lavoro.

franco selmin, montegrotto terme Commentatore certificato 31.08.17 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Articolo condivisibile che integrerei con due ambiti di innovazione nella P.A.
Il primo è la dirigenza, origine a mio avviso della maggior quota di inefficienza. Il criterio generale è che a maggiore responsabilità e retribuzione dovrebbero corrispondere minori garanzie. In teoria i dirigenti incapaci o infedeli andrebbero licenziati, perché la loro inefficienza comporta l'inefficienza di tutto il comparto sotto la loro responsabilità, dunque devono essere i meno garantiti. Ma è velleitario pensare che nella P.A. si possa licenziare. Allora si dovrebbe agire sugli incarichi e sulla retribuzione dei dirigenti. E poiché non è pensabile superare una certa quota retributiva per i più meritevoli, a differenza che nel privato, allora occorre agire in diminuzione: il dirigente più capace raggiunge il massimo della retribuzione mentre quello più incapace va al minimo. Lo stesso dicasi dei ruoli: ai capaci maggiori responsabilità, agli incapaci ruoli marginali con pochi dipendenti.
Il secondo ambito di innovazione: il controllo dell'utente. L'utente paga la P.A. per avere un servizio, dunque deve avere diritto di esprimere la sua valutazione sul servizio reso, e questa valutazione, con un sistema automatico di elaborazione, deve concorrere a determinare il giudizio complessivo sull'efficienza dell'ufficio che lo ha erogato in funzione degli standard prefissati. Non è difficile: molte società private hanno adottato questo metodo per assicurarsi la fedeltà del cliente e per migliorare l'efficienza dell'organizzazione interna. In base ai giudizi dell'utenza devono variare retribuzioni e ruoli dei dirigenti.

SANDRO MARRONE, Roma Commentatore certificato 28.08.17 10:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di Maio e Fico sono come sempre in molteplice ma perfetta armonia:

Il Primo, Di Maio, oltre ricordare a qualcuno dalla memoria corta che non è bene tirare bombole di gas in testa alla Polizia di uno Stato che ti ospita (!), ha detto che la causa dell'occupazione, illegale, dello stabile di Roma e dell'esasperazione degli immigrati è l'effetto del magna magna del Governo che ha fatto entrare tutti senza poter prestare a questi un minimo di ospitalità dignitosa. Dunque di illegale c’è a monte solo questo Governo, come ben sappiamo; ed è il quarto.

Il Secondo, Fico, ha sottolineato l'altro aspetto, che cioè il Questore ed il Pretore di Roma, due nomine bada bene di responsabilità di questo Governo e non della Raggi, hanno fatto male a rispondere a questo stato di cose con la violenza, senza riservarsi un dialogo pacifico ed una soluzione più umana e Politica.
Ma questo Governo partitocratrico, noi lo sappiamo, è tanto lontano dal’umanità e dalla Politica quanto un vermiciattolo dalle Stelle

Insomma a monte c’è il business degli immigrati e a valle l’esasperazione di questi ultimi, repressa con la “violenza” che necessita (eccetto frasi fuori luogo) uno sgombro perché sia portato a termine; ma per Di Maio e Fico, giustamente, la responsabilità è solo di questo Governo.

Di Maio-Fico: Il MoVimento non avrebbe speculato sugli immigrati; avrebbe fatto entrare solo gli aventi diritto e gli avrebbe potuto dare così una sistemazione più che dignitosa, non dovendo mai ricorrere alla violenza.
Ma questa è un’altra storia, è la Storia che temono fino alla morte coloro che vorrebbero dividerci.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 26.08.17 14:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono stati i Sindacati a rovinare la P.A. Aboliamo i Sindacalisti e la P.A. Rinascerà. G. Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 26.08.17 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Che cavolo vuole fico rema contro cacciatelo


..se io fossi un bisognoso,..ed avessi occupato un immobile di un'altra nazione, me ne guarderei bene dal contrastare la forza pubblica di tale nazione incaricata di render libero tale immobile.
Alla prima intimazione me ne sarei uscito dallo stabile ..anche se fossi andato sotto la pioggia.
Tutti pieni di diritti..ma i doveri ?

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 26.08.17 09:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Giacomo
c'è qualcuno che mi può spiegare cosa ci va a fare il Segretario della NATO, gen Stoltengerg, al meeting di CL?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.08.17 09:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Colonna
Sono convinta che le minoranze hanno fatto la storia e che tante minoranze possono divenire maggioranza, se si è disposti a mettersi in gioco per le cose in cui si crede, e non nascondersi dietro la sterile critica. La vera battaglia sta nell'agire quotidiano, inverando per quanto possibile e senza violenza, con i comportamenti le proprie idee. Esse camminano sulle braccia e le gambe degli uomini;restano utopie se rimangono solo nella mente o nell'auspicio di ciascuno di noi .Buona fortuna a noi e a tutto il genere umano

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.08.17 09:38| 
 |
Rispondi al commento


MARGHERITA
Condivido il senso di spaesamento e di estraneità di fronte al ^male assoluto ^, disumanità, razzismo, indifferenza... espresse tanto da semplici persone comuni sull'autobus, per strada, in internet , quanto da politici, giornalisti, addirittura docenti universitari ( con diversi gradi di responsabilità: alcuni fomentatori d'odio andrebbero rimossi dall'ordine dei giornalisti e interdetti dalla politica e dalle cariche pubbliche ) metamorfosi antropologica degli italiani che non hanno mai rielaborato una memoria collettiva intorno al ^passato che non passa^, residui fascisti evidentemente mai spenti , condizione acuita dalla crisi economica ( con l'inevitabile deriva culturale e morale) che porta nuovamente una parte consistente dei civilissimi europei, di cultura laica o cristiana , come negli anni Trenta, alla ricerca di un ^capro espiatorio ^ su cui scaricare rabbia e violenza verbale e non solo ( ma si comincia sempre a fare violenza con le parole, scriveva Primo Levi ) . Non possiamo restare in silenzio anche se minoranza nel Paese, non possiamo non manifestare pubblicamente il nostro dissenso e la nostra disobbedienza civile se le leggi e le azioni di chi esercita il legittimo monopolio della violenza, governo e forze dell'ordine , sono in contraddizione con i diritti umani universali degli adulti e dei bambini che non ammettono deroghe o sospensioni a meno di non precipitare nello stato d'eccezione in cui tutto può di nuovo accadere....

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.08.17 09:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cristiano Mazzoni

Siamo soli,
ma non bruciamo,
ci hanno spento l’utopia,
ci accusano di essere ammalati,
di malinconia.
Dove siamo ?
Oramai siamo uguali,
a quelli che combattevamo.
Volevamo cambiare il mondo,
ma il mondo ci ha cambiato.
Dove siamo ?
C’è gente che dice di pensarla come me,
ma non è vero, la mia bandiera,
non ti servirà ad abbigliarti,
di finta umanità.
Dove siamo ?
Il nostro sole non ci scalda più,
eppure è ancora la,
che combatte la miseria
e la schiavitù.
Siamo soli,
ma non siamo come voi,
per sempre ci troverete,
sconfitti ed in disparte,
ma orgogliosamente,
sempre e solo dalla stessa parte.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.08.17 09:32| 
 |
Rispondi al commento

OSPEDALE LORETO MARE: “La morte poteva essere evitata senza NEGLIGENZE degli operatori”

In italia, i servizi statali sono TUTTI cosi’.

TUTTI, amministratori, dirigenti, dipendenti, TUTTI furbetti e NIENTE funziona.
In compenso, tutto costa almeno il doppio. I cittadini strapagano per avere disastrosi DISSERVIZI.
E, i Partiti assumono, le leggi proteggono, i sindacati tutelano, i giudici assolvono…
E, diritti, pretese, contestazioni, scioperi…
E, tutti insieme, a calpestare e sputare addosso a poveri cittadini sempre piu’ oppressi ed indifesi.

bron shine 26.08.17 09:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Raggi ha disposto di mandare 40 migranti più deboli,donne e bambini,in 6 villette di Fiorano, peccato che il sindaco Pd(!)li rifiuti!
La Raggi dice:«In Italia l’accoglienza è una vera e propria emergenza ma,piuttosto che affrontare la questione,stiamo assistendo a un vergognoso scaricabarile.Il Comune ha compiuto fino in fondo il proprio dovere,un dovere che non tutti hanno compiuto.La Regione ha disatteso il decreto legge Minniti che la chiama direttamente in causa e mancano adeguate politiche nazionali.È bene sapere che a Roma ci sono un centinaio di stabili occupati abusivamente che attirano
l’attenzione della criminalità e di alcune frange estremiste dei movimenti per la casa.Negli scorsi anni l’accoglienza dei migranti è finita nel mirino di Mafia Capitale come testimoniano le inchieste e le condanne.Significa che dobbiamo intervenire per ristabilire la legalità»
La Raggi si è accordata con la società Sea (gestore dell'immobile),che ha messo a disposizione 6 villette per accogliere questi 40 per 6 mesi a comodato d’uso gratuito,ossia senza alcun onere finanziario per l’amministrazione
Altri 48 sono stati prese in carico dal circuito di assistenza capitolino nelle strutture di accoglienza a Torre Maura,Boccea e sulla Cassia
28 donne e bambini sono stati accolti dal centro umanitario Intetrsos
Altri hanno rifiutato gli alloggi offerti
Le occupazioni sono state tollerate per anni senza che nessuno facesse qualcosa.Gli stabili occupati a Roma sono un centinaio e anche qui 30 non erano rifugiati ma infiltrati
L'ex commissario Tronca fece 3 bandi regionali con 130 milioni(certo poco)ma sono andati deserti e nessuno li ha mai utilizzati
La Regione Lazio ne ha offerti 161 ma anche qui nessuno li ha usati
La prefetta di Roma Paola Basilone ha difeso l’operazione a piazza Indipendenza,parlando di sgombero perfettamente riuscito e di poliziotti aggrediti
Orfini ha detto che non si risponde agli idranti gettando bombole ma trovando soluzioni.Quali sono quelle del Pd?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.08.17 09:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caspita... abbiamo il dramma, dopo 366 giorni, degli sfollati di Amatrice ed Ischia, pero' al tg di regime (tg1),come primo servizio, parlano dei fatti di Roma, sttoponendo la PdS al linciaggio morale.....come sempre.....

Covelli de 'a curva sudde, ....... Commentatore certificato 26.08.17 08:46| 
 |
Rispondi al commento

Per Toto e gli altri che parlano solo perché hanno la bocca e ci metterebbero un secondo a cercare sul web ma evidentemente non ne hanno nemmeno voglia...
L'articolo di Travaglio che mi ha fatto incazzare è questo (e poi sono stufa di essere trattata male così per hobby dal primo somaro che passa)

“Raggi e miraggi”: di Marco Travaglio
Pubblicato su 25 Ago 2017 da INFOSANNIO Lascia un commento
(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – L’arrivo a Roma del quarto assessore al Bilancio in un anno, senza contare i valzer all’Ambiente, all’Urbanistica, all’Ama (rifiuti) e all’Atac (trasporti) è l’ennesima prova del dilettantismo, del pressappochismo, dell’improvvisazione e dell’inesperienza con cui non solo Virginia Raggi, ma tutto il M5S hanno affrontato un’impresa già di per sé disperata: governare Roma. E questo lo sappiamo, ma repetita iuvant, visto che i 5Stelle si candidano nientepopodimenoché a governare l’Italia. Ciò che pochi notano, in un panorama informativo a senso unico, è che ai fallimenti grillini nella Capitale s’aggiungono quelli della “società civile” che avevano coinvolto nell’avventura romana. Fra i tanti errori, la Raggi ne aveva evitato almeno uno: quello di chiudersi nel recinto grillino con un monocolore pentastellato. A parte un paio di nomi, aveva pescato il grosso degli assessori, collaboratori e manager all’esterno, tra figure indipendenti “di area”, alcune brave e titolate. Ed è proprio da queste – tranne il vicesindaco e assessore alla Cultura Luca Bergamo e pochi altri – che ha subìto le più cocenti delusioni – scrive Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano nell’editoriale di oggi 25 agosto 2017, dal titolo “Raggi e miraggi”.

Paola Muraro, fra i massimi esperti di compostaggio-rifiuti, ha pagato suo malgrado un’inchiesta della Procura poi finita quasi nel nulla (a parte un’infrazione al Testo Ambientale oblabile con pochi euro) e un massacro mediatico mai visto per così poco, che infatti s’è interrotto il giorno delle dimissioni.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.08.17 08:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che facciamo l'undici di Settembre , andiamo con il generale Pappalardo ?

vincenzodigiorgio 26.08.17 01:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

https://youtu.be/7_3yDImIQYU 🎼
B notte

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 26.08.17 00:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

https://youtu.be/ucEir_AsFMM
Sicilia tour, Alcamo.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 26.08.17 00:55| 
 |
Rispondi al commento

OT? Follow the money II

..Da allora denunce, lettere e istanze si sono sprecate. Finché esattamente un anno fa, il primo dicembre del 2015, il tribunale di Roma ha emesso un decreto di sequestro preventivo per occupazione abusiva. Il 31 marzo successivo, ecco il ministro dell’Interno Angelino Alfano rispondere così durante un question time alla Camera a un’interrogazione sull’arresto di alcuni scafisti: «Alcuni degli eritrei arrestati a Roma qualche giorno fa dal nucleo speciale di intervento della Guardia costiera sono stati rintracciati nell’immobile di via Curtatone. Il cui sgombero è stato inserito dalla prefettura di Roma in un elenco di obiettivi prioritari». Ed ecco ancora, il 12 aprile seguente, una delibera del commissario straordinario del Comune di Roma, Francesco Paolo Tronca, con l’elenco degli immobili da sgomberare dove compare anche quel palazzo che fu della Federconsorzi.

http://bit.ly/2gE2JPJ

id &as Commentatore certificato 25.08.17 22:31| 
 |
Rispondi al commento

OT? Follow the money

La vicenda (assurda) dell’occupazione di palazzo Curtatone a Roma. Volatilizzati 4 milioni euro del fondo Omega

Circa 4 milioni di euro, più o meno, volatilizzati: soldi del fondo immobiliare Omega gestito da Idea Fimit sottoscritto da investitori istituzionali e da vari fondi pensione (fra i quali quello dei dipendenti Sanpaolo), che invece di rendere per i futuri pensionati, vengono buttati al vento per un fatto che ha dell’incredibile. Siamo in via Curtatone, in pieno centro di Roma, a pochi passi da piazza Indipendenza. Qui, nella più assoluta illegalità, da circa 3 anni è stato occupato, per mano di fantomatici movimenti per il diritto alla casa, Palazzo Curtatone, l’ex sede Federconsorzi e Ispra. Così dal 2013 il palazzo è occupato da oltre 450 persone, per lo più rifugiati di nazionalità etiope ed eritrea stipati nei 32mila metri quadrati dell’edificio. Una vicenda che dimostra come, alla fine, la gestione dei flussi migratori, tanto decantata, sia amministrata in modo assolutamente casuale. I rifugiati, che hanno diritto all’accoglienza e di cui si dovrebbero occupare il Governo e il Comune di Roma trovando una sistemazione alternativa, hanno da tre anni occupato questo palazzo che è diventato il simbolo dell’indifferenza e dell’illegalità. Peccato che la vicenda abbia anche un risvolto finanziario, sul quale questa rubrica ha puntato i riflettori. Sì, perché a rimetterci soldi in questi anni è stato il fondo Omega gestito da Idea Fimit, proprietario del palazzo, che vede tra i suoi sottoscrittori diversi fondi pensione: soldi delle pensioni di migliaia di lavoratori che si sono volatilizzati invece di fornire un rendimento.

http://bit.ly/2vwm3lS

id &as Commentatore certificato 25.08.17 22:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT: Quello che la Rai cerca di far capire all’utente bue (o rincoglionito) è che la responsabilità sugli scontri tra immigrati romani e Polizia è anche del Sindaco, cioè della Raggi, non solo del Prefetto (che non viene neanche menzionato). La Raggi deve essere ritenuta corresponsabile comunque di qualsiasi malefatta. La campagna (di diffamazione) elettorale continua…

Franco Mas 25.08.17 20:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finalmente i nemici si palesano ed è un bene, non c è bisogno di finti sostegni o parziali aperture, quello che ci serve è compattarci dietro un unica linea politica.
Stamattina sentivo la rassegna Stampa e citavano il pezzo di Travagli. Un qualcosa che sfiora il ridicolo, anche perché demoliva completamente l operato della giunta Raggi, poi si capiva il perche arrivando alla critica sugli sgomberi. Certo in una società normale non si arriva allo sgombero ma solo perché non si consente di accumulare le persone come rifiuti un veri quartieri discarica.dare la colpa a virginia e attaccare il movimento è patetico, irritante e subdolo
È da mesi che non compro il fatto ed è da settimane che non lo leggo nemmeno al bar dove lo trovo.
Questo per dire cari amici, che se già quelli del pd cdx fanno vomitare, si aggiunge una nuova categoria quelli come il "direttore". pedine, marionette in mano ai veri nemici del popolo italiano oscuri figuri potenti sino a comprarsi anche i migliori sulla piazza.

Fausto O., Alessandria Commentatore certificato 25.08.17 20:49| 
 |
Rispondi al commento

https://youtu.be/I7ijRW_k9r4

Affari d' oro per i costruttori di barriere in cemento , muri da alzare, tanti spazi da riempire . Si chiamano new Jersey per non impressionare, feste e sagre da separati in casa.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 25.08.17 20:30| 
 |
Rispondi al commento

O.T che più O.T. non si può:

Oltre all'aggressione di finestre pubblicitarie, appena si apre il Blog, non so a voi, ma a me se ne apre anche una che mi richiede aggiornamenti dal Blog. Pur cliccando su "Non attivare", la finestrella resta e non se ne va... Mah!

Gian Paolo ♞ 25.08.17 20:10| 
 |
Rispondi al commento

Ieri a Roma è stata usata la forza per sgomberare un edificio, occupato abusivamente da immigrati.
Come al solito i media hanno diffuso l'evento con articoli in prima pagina, senza mai specificare che se siamo in queste condizioni, la causa è del governo per non aver saputo trattare l'immigrazione con la dovuta programmazione.
E' veramente triste assistere che il pdc non riesce a opporsi a Francia, Austria, Svizzera ecc. che hanno blindato le frontiere con l'Italia, per non lasciare transitare gli immigrati.
Dobbiamo essere consapevoli che tutti questi immigrati, li dobbiamo mantenere noi, subire le loro violenze ecc.
Tutto questo perchè l'ex pdc ha firmato Triton, senza che nessuno lo sapesse, che i leghisti e il proprietario di Arcore, hanno firmato i trattati di Dublino.
Almeno si assumessero le loro responsabilità, anzichè cercare di scaricare i problemi sui sindaci come sta accadendo a Roma.
Ci devono lasciare andare a votare, questi non risolveranno mai nulla.

Veronica2 25.08.17 20:06| 
 |
Rispondi al commento

È solo una impressione ma probabilmente Cottarelli e Perotti avevano individuato e circoscritto il problema .
È lì, si blocca in gola. Se esce chiaro e forte viene subissato dai fischi . Ciò non toglie che sia "il problema". Infatti sono stati cacciati .

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 25.08.17 20:03| 
 |
Rispondi al commento

Aiutiamo Virginia. Ha scritto un articolo sull'immigrazione, sulla sua pagina facebook e in un'ora ha ricevuto 1200 commenti. Tanti di trolls offensivi.

Veronica2 25.08.17 19:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari amici e Dottoressa, Grazie per il vostro contributo.
Attenzione, vorrei invitarvi a esaminare in profondità come funziona in Svizzera da centinaia d'anni la trasparenza,un rapporto chiaro ed efficace fra Stato,Regioni,Comuni e Cittadini.

Viene esercitata una pratica TRASPARENZA COMUNICATA A TUTTI I LIVELLI, NELLE FASI DI IMPOSTAZIONE DEI PROGETTI,REALIZZAZIONE E RENDICONTO e di tutta l'attività amministrativa.
Non si dica che in Svizzera il loro sistema è possibile perchè sono un piccolo Stato.
Se va bene nel piccolo STATO a maggior ragione deve essere applicato nel nostro grande stato Italiano che pecca gravemente di disordine amministrativo e politico.
Fatemi sapere qualcosa, Grazie|
Cordialmente, buon lavoro.
G.Balzi Torino 25 08 2017 ore 19.48

Giovanni Balzi , Torino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 25.08.17 19:46| 
 |
Rispondi al commento

PA..metterli in riga e funzionerà perfettamente...al primo ''sbaglio'' ...puf ..non ci son più ..per l'eternità!

Putin, l'alba per la martoriata Europa....


http://www.ilfoglio.it/esteri/2017/03/02/news/russia-dugin-ideologo-di-putin-123126/

'' l'ideologia ''' radical-chic...

http://www.ilfoglio.it/preghiera/2017/03/09/news/prove-di-islamizzazione-a-maastricht-124550

https://www.pressreader.com/italy/libero/20170824/281745564511121

Tony 25.08.17 19:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Viviana, smettiamola di fare il tifo !!!!
Gentilmente indicami il paragrafo dove Travaglio "infanga" il Movimento.
Cordialità

Toto A., Milano Commentatore certificato 25.08.17 19:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10210176699315940&set=a.4583010135279.1073741825.1292735344&type=3
GLI ITALIANI SONO CORROTTI... ma per necessità...poverini..! https://youtu.be/YVPYl4R4YEQ
BASTA AUSTERITA'... BASTA €U... BASTA KASTA E PROFESSORI COLLUSI..!
INCOERENZA, PROMESSE E MANCE ELETTORALI SPONSORIZZATE DAI "NOMINATI" DIRETTORI DEI MEDIA DELLA PROPAGANDA DI REGIME, TG
etc...https://www.facebook.com/giampaolo167/posts/10210169746942135
IL M5S DENUNCIA, LE CLIENTELE E IL MALAFFARE IMPERANTE IN TUTTE LE ISTITUZIONI... riVOGLIAMO (Le divise scolastiche) e L'EDUCAZIONE CIVICA QUALE MATERIA DI ESAME A TUTTI I LIVELLI STUDIO (altrochè facoltativa). E' compito dello Stato istruire i CITTADINI ad un DIRETTAmente partecipato e responsabilmente e democraticamente legiferato funzionamento di una società sempre più complessa, meglio sarebbe, se corroborato da una leva obbligatoria continuamente riaggiornata nel tempo, con brevi "stage"stile Israele o Svizzera.
https://www.facebook.com/giancarlocanc/videos/1420022368113130/
https://www.facebook.com/giampaolo167/posts/10210167167357647
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=521913738200570&set=a.320075241717755.1073741829.100011458442335&type=3
#M5S #EUROEXIT #ITALEXIT #M5SFAREPOLITICA #M5SBASTAKASTA #M5SBASTARAI #M5SVIATUTTI #REFERENDUMART75 #VINCOLODIMANDATO https://l.facebook.com/l.php…

Giampaolo S., Torino Commentatore certificato 25.08.17 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Il Datore di Lavoro dei dipendenti della Pubblica Amministrazione, non pagava i contributi previdenziali, così, hanno pensato di far confluire l'INPDAP con 12 miliardi di debiti, nell'INPS.
Ora, domando a voi, quando saranno finiti i soldi, fra un operaio (o un lavoratore autonomo)ed un Dipendente Pubblico, chi prenderà la pensione?
Bravi, avete indovinato, 7+.

antonnio d., carrara Commentatore certificato 25.08.17 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Fec niuvs:
Le bombole lanciate verso la polizia, era una bombola lanciata in strada dove non c'era nessuno.
L'ha fatto vedere la nostra televisione.

antonnio d., carrara Commentatore certificato 25.08.17 18:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bisogna essere cauti nel dire: "Del resto la soddisfazione finale del cittadino utente è il punto fondamentale di qualunque riforma che riguardi la Pubblica amministrazione". Perché da una parte è vero, ma dall'altra no.

La Pubblica Amministrazione in molte sue branche si pone come arbitro, esaminatore, insomma è l'entità che deve saper dire Si, ma anche NO al cittadino. Deve eseguire il governo (esecutivo) della cittadinanza e questo può essere tutt'altro che popolare, in sintesi potresti avere un'ottima Pubblica Amministrazione con una soddisfazione finale del cittadino utente molto bassa. Il punto di vista da cui partire per valutare la bontà della Pubblica Amministrazione deve essere piuttosto il raggiungimento dei risultati definiti dal governo (ovviamente in relazione alle risorse impiegate)

alessandro marhetti, Faenza Commentatore certificato 25.08.17 18:24| 
 |
Rispondi al commento

https://rumoriapiancogno-annaquercia.blogspot.it/

risposta a Marco Travaglio per l'articolo - Raggi e miraggi
è vero che a roma c'è sempre movimento,ma in Sicilia la giunta Crocetta quanti ne ha cambiati?E parlando di roma in una città dove la mafia ha governato per 30 anni caro Travaglio ti pare che in un annetto i 5 stelle o la Raggi possano fare il miracolo, penso da profana che mettere l'attuale ,Lemmetti da Livorno, è perchè lì ha risolto pare una situazione catastrofica, io me la prendo non con la Raggi ma con chi ha amministrato prima cioè con Rutelli,Veltroni,Alemanno e poi anche Marino,posso semplicemente dire che il pesce fresco si capisce dalla testa e la testa dell'Italia,Roma è marcia, Roma è così perchè l'Italia è così, la colpa non è dei 5 stelle ,ma dei partiti,quelli che tutti i giorni in tv stanno a salottà, cioè scusate l'espressione a spararsi le seghe ed essendo lo spettacolo indecente io non vedo più la tv si può dire, da me banditi i canali RAI e Mediaset e mò pure la7, contenti voi continuate pure, io i 5 stelle li rivoterò

anna quercia, piancogno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 25.08.17 18:10| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

MIGRANTI

La gestione dei migranti, in italia e’ PESSIMA e COSTOSISSIMA. Un pozzo senza fondo, Un BANCOMAT. Ad immagine e somiglianza dei governanti, dei sindacati e del clero e delle loro cooperative ed associazioni, onlus ed ong, MAI certo per le esigenze dei migranti e per i COSTI a carico dei cittadini.
E, comunque, NON e’ sostenibile, che persone vengano pur malamente, mantenute per decine di anni, al di fuori di ogni inserimento, produttivita’, progetto.
BISOGNA permettere loro di INSERIRSI e renderli consapevoli dei loro costi.
Bisogna che possano essere assunti, in percentuali da valutare, e, direi per circa 3 anni, a stipendi di 100 euro settimanali, con vitto ed alloggio.
Chi sara’ produttivo, si inserira’ in breve tempo e finiti questi 3 anni, verra’ correttamente inserito in azienda, chi non riuscira’ ad inserirsi, ( saranno pochissimi ), diventera’ un disoccupato o, se avra’ commesso reati, verra’ espulso.

bron shine 25.08.17 16:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


reset ?

https://www.youtube.com/watch?v=pg5bnujA-nk

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 25.08.17 16:27| 
 |
Rispondi al commento

-Telecamere devono essere installate all’ingresso/uscita di OGNI ufficio.
-Le assenze di QUALSIASI genere, devono essere remunerate con 10 euro giornalieri ( un malato, che rimane in casa a mangiare zuppa di cipolle e guardare la tv, a NON produrre NIENTE, non puo’ essere remunerato di piu’, considerando che il suo lavoro, che viene pagato dalle tasse dei cittadini, lo devono fare i colleghi e che MOLTI cittadini, potenzialmente piu’ produttivi di lui, sono a casa disoccupati senza nessuna tutela ).
-Totali flessibilita’ e mobilita’, a ricoprire le esigenze dei vari servizi ( non esiste nel privato un cameriere che non fa il barista o l’aiuto cuoco, o un operaio in fabbrica che non si adatti a spostamenti di luogo o servizio. E nemmeno ambulanti che non si adattino a vendere giocattoli, o hamburger, se le cravatte non si vendono piu’ ).
-Fine di carriere automatiche e scatti di anzianita’ e diritti acquisiti e premi certi di produttivita’. Ognuno, si conquista sul campo QUOTIDIANAMENTE il suo stipendio.
-Naturalmente per chi demeriti, decurtazioni e declassamenti e sospensioni e licenziamenti. Fuori e’ pieno di giovani meravigliosi, preparatissimi e volonterosissimi, che sono costretti ad emigrare e i cittadini italiani, NON possono strapagare “furbetti” e parassiti.
...

bron shine 25.08.17 16:18| 
 |
Rispondi al commento

2
Si sono fatte promesse da cialtroni ai terremotati, dopo Berlusconi anche Renzi ha promesso come un boccalone che tutto in breve sarebbe tornato come prima, poi non si sono trovati i soldi nemmeno per sgombrare le macerie, addirittura non si sono spesi nemmeno i soldi che gli Italiani hanno raccolto per i terremotati. Però si sono trovati 59 miliardi per le banche criminali, ci si è impegnati a spendere 15 miliardi per quelle ciofeche che sono gli F35, si sono regalati 23 miliardi alla Nato per nuove guerre, si è entrati anche nella guerra in Siria, si sono lasciare le inutili Province che costano 17 miliardi l'anno e non si tolgono nemmeno i vitalizi....
In anni e anni di terremoti e disastri nazionali, non è mai stato fatto un piano di emergenza, nessuno si è mai sognato di fare un piano nazionale di ristrutturazione o cura del territorio. Nessuno è mai nemmeno riuscito a risolvere il problema della velocizzazione delle procedure. Ma era così difficile fare una legge per le emergenze? E il Parlamento finora cosa c'è stato a fare?
Quando vediamo le aule deserte cosa dobbiamo pensare?
Sono decine di anni che i politici brillano per latitanza, non sono fisicamente presenti nelle loro poltrone, e sono totalmente assenti nel cercare il bene comune.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.08.17 16:12| 
 |
Rispondi al commento

1
CONDONI E ABUSI EDILIZI
Ricordo che è in discussione alla Camera il quarto condono edilizio. Così si continuerà sempre a costruire in zone non edificabili, escludendo il pagamento di qualsiasi tassa? E poi si usufruirà del condono, e quel che succede in seguito lo mettiamo in conto a chi? Lo Stato centrale concede i condoni, poi i conti li pagano i Comuni? E i rischi li subiscono i cittadini? Ma questo sistema perverso continua. C'è qualcosa non torna.
L'Italia è uno Stato dove milioni di illeciti si reggono l'uno con l'altro in un equilibrio squilibrato dove i partiti, dopo aver concesso o sanato ogni sorta di illecito, dopo si trovano nella posizione di chi non può legalizzare nulla per non perdere voti. Quante case abusive ci sono in Italia? A sud sono abusive 60 case su 100. Abbiamo 18.000 costruzioni abusive solo sulle coste. Abusivismo edilizio significa anche minore sicurezza per i cittadini ed economia in nero e il fenomeno si incrocia con il ciclo del cemento illegale e con la malavita organizzata.
D'altra parte, per chi vuole costruire osservando la legge, le procedure sono lentissime (anni di attesa e quintali di scartoffie) e piene di ostacoli, siamo al 112° posto nel mondo sull'ottenimento dei permessi, regolati da una ottusa burocrazia mentre nessuno promuove investimenti di qualità e nella PA continuano a permanere amministratori corrotti e lavativi.
Ci dicono che col satellitare si può leggere anche la targa di un veicolo e poi uno Stato moderno come l'Italia in tanti anni non è stata nemmeno capace di aggiornare il catasto e di individuare e colpire gli abusivi!
In 10 anni si sono spesi 30 miliardi per cercare di far fronte ai disastri. Ma se da sempre si fossero rispettate le leggi, prima di tutto da parte dello Stato con punizioni ai trasgressori, non sarebbe stato meglio per tutti?

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.08.17 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Voto movimento 5stelle. Lo dico subito per sgombrare la mail da qualsiasi equivoco e permettermi quanto scriverò. Ho sentito il rappresentante 5S alle prossime elezioni per la Sicilia parlare di "abusivismo di necessità". Questo, permettetemi, lo lascerei dire all'altra politica, ai De Luca di turno... Ormai su questo argomento, come per tanti altri (Roma docet), IL RIGORE ASSOLUTO è l'unica via maestra e... CON QUESTE AFFERMAZIONI NON PERDETE L'UNICA STELLA VERA, IMPORTANTE E CIOÈ QUELLA POLARE!

AUGUSTO D'ANGELO 25.08.17 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Bolognino,
le tue idee sono condivisibili ed inoppugnabili:

valutazione della performance, semplificazione, trasparenza, partecipazione, controllo, pianificazione, tempi contenuti, imparzialità dei soggetti, professionalità ecc..

Però credo che si possa prima verificare per quali motivi non ha funzionato la normativa in essere e vedere se cancellarla e come integrarla.

A mio parere manca come al solito IL CONFLITTO DI INTERESSI, forse è una malattia per la quale non esiste il vaccino? E poi la praivacy o meglio la riservatezza sembra quasi un segreto di stato quando invece sappiamo che per i comuni mortali è come il segreto di Pulcinella.

Beppe

giuseppe belotti, ranica -bg- Commentatore certificato 25.08.17 15:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro free skipper , c'è il 6 punto ; fare una legge in cui anche nella P.A si può licenziare dirigenti e impiegati come i lavoratori del settore privato , questa è la vera uguaglianza tra lavoratori e vedrai come funziona bene tutto nella P:A:....

Fabio Bagnoli 25.08.17 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Far west a Firenze .... la legge del più forte?

Ma io non capisco una cosa
Ci sono 7 dirigenti del verde a Firenze che dopo gli esposti e l'indagine della procura sono stati ora recentemente rinviati a giudizio ...
Quindi il magistrato ha constatato la rilevanza degli esposti che denunciano una gestione del verde approssimativa , legata alle urgenze alle emergenze, senza appalti con affidamenti diretti ...
Ora si scopre grazie ai cittadini alle associazioni ambientali e agli attivisti del M5s ,
che stanno addirittura tagliando tutto, anche piante sane ...
Piante che non dovrebbero essere tagliate a detta degli esperti agronomi, chiamati in strada dai comitati dei cittadini e dalle associazioni che tutelano il verde ...
Questi invece continuano a tagliare indiscriminatamente
In un braccio di forza fra Comune e cittadini
Senza che intervengano carabinieri e polizia a seguito delle reiterate denunce dei cittadini ...
Siamo allora in un un far west dove vale la legge del più forte ?
Con i media schierati con il Comune,
Perche ' di 59 piante in viale Corsica
Hanno fotografato solo le due/tre con il tronco vuoto malate per orientare i giudizi della opinione pubblica
che assiste non informata e allora in silenzio a questo scempio ...
Ieri hanno potato tutta piazza S.Marco ...
le chiamano potature, poi alla fine di alberi non ce ne rimane nemmeno uno in piedi ...
Oggi in piazza della stazione continuano...
Mettono il cartello potature
E invece tagliano a zero
Potano a zero

Come si fa a fermarli se i cittadini che scendono in piazza vengono a loro volta fermati dalla polizia in tenuta antisommossa con caschi e manganelli ?
E i periti, i dottori in scienze forestali, gli agronomi , gli esperti dei cittadini non vengono presi in considerazione ?
Siamo al far west ?
Alla legge del più forte ?
Questa e' democrazia ?
Sono stati votati .... e quindi danno ordine di tagliare e fanno quello che gli pare ...
sempre e comunque?

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 25.08.17 14:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DI MAIO
“Se c’è un immobile occupato abusivamente, in questo caso da migranti rifugiati, è giusto che questo immobile venga sgomberato. Si devono sgomberare gli immobili abusivi, ma si deve dare un’alternativa a queste persone, perché sono rifugiati aventi diritto, però non si può tollerare che si lancino bombole di gas o altri oggetti contro la nostra polizia, ed è allucinante che stamattina faccia più notizia una frase infelice di un agente che spero abbia fatto solo per la tensione del momento. Fa più notizia questo che loro che lanciano di tutto contro la polizia”.

lo ha detto Luigi di Maio

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.08.17 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Quando finiremo di guardarci l'ombelico ? !

vincenzodigiorgio 25.08.17 13:16| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno parla mai di giustizia ed equità nella Pubblica Amministrazione che continua a discriminare i travet dello stato in lavoratori di serie A e di serie B. I primi, quelli di Quirinale, Camera, senato, ecc, ecc, continuano - a parità di requisiti - a percepire i famigerati 'stipendi d'oro', ovvero circa dieci volte lo stipendio- 'da fame' - di un 'normalissimo' dipendente pubblico!

TI SEMBRA GIUSTO? FAI SENTIRE ANCHE TU LA TUA VOCE SU >>> freeskipper

Free Skipper, Roma Commentatore certificato 25.08.17 12:59| 
 |
Rispondi al commento

"andate in tv andate in tv!"
a farli sfottere e deridere dai quei figli di puttana, come poco fa la Lezzi dal quel testa di c@@@ di Parenzo! Risatine ironiche e sghignazzate dei presenti tra cui quella "grande politica" della Gardini.da vomito!

Zoe 25.08.17 12:46| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

In direzione di un maggior coinvolgimento dei Cittadini nell'amministrazione della cosa pubblica, a livello locale, mi chiedo e vi chiedo, in particolare alla prof.ssa Bolognino, se non sia pensabile di abolire i Consigli Comunali, nei Comuni fino a 100.000 abitanti, e di rafforzare, come contrappeso, gli istituti di democrazia diretta e partecipata (consulte, question time del cittadino, bilancio partecipato, consultazione popolare, referendum), con effetti positivi anche in termini di risparmi economici e di snellimento delle procedure decisionali.
Anticipatamente grazie per la Vs. eventuale attenzione.

Rino De Michele CL 25.08.17 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Innanzitutto è indispensabile che tutti i dipendenti pubblici imparino e tengano SEMPRE ben presente che il loro lavoro DEVE SERVIRE A MIGLIORARE e FACILITARE LA VITA DI TUTTI I CITTADINI ed è SOLO per questo che ricevono lo stipendio ergo, se questo non accade, vanno licenziati !
Secondo: la "politica" DEVE USCIRE DALLA Pubblica Amministrazione !
Terzo: Bisogna cominciare a dare obiettivi calzanti e personali a ciascun dipendente pubblico e bisogna legare il suo stipendio al raggiungimento di tali obiettivi.
NON PRENDIAMOCI IN GIRO Prina questo poi tutto il resto !
Sono stato un dipendente privato per più di 30 anni ed un dipendente pubblico negli ultimi 9 di lavoro.

Bruno 25.08.17 12:18| 
 |
Rispondi al commento

La Fornero disse che non avrebbe sparso altre lacrime sui tagli, e infatti le spese militari sono aumentate. Alleluia! Non vorrete mica che i generali piangano!
E poi ...macché eliminare le pensioni d'oro e i vitalizi, era solo un depistaggio
"LA MANOVRA E’ BELLISSIMA " Lo disse Padoa Schioppa e lo ripeté Bersani che voleva fare Monti "segretario del Pd ad honorem". Infatti a guastare così l’Italia in tanti anni nemmeno lui c’era riuscito). Con Renzi le tasse sono aumentate fino al 47,8%, contro una media europea al 36 per cento. Siamo il quinto Paese al mondo per livello altissimo di tasse, contro i Paesi del nord che hanno sì tasse alte ma danno in cambio uno stato sociale perfetto. Si vede che i nostri governanti ci tengono a far sì che le nostre tasse siano le più belle del mondo, contro uno stato sociale in perpetua diminuzione. Ma non si può mica avere tutto!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.08.17 12:03| 
 |
Rispondi al commento

La crisi è la loro. Usano questa parola come grimaldello per convincerci che siamo sulla stessa barca, che dobbiamo pagare tutti per tenerla a galla. Dimenticano che questa barca non è la nostra, non è nostro neppure il remo cui siamo incatenati.
Il giocattolo è esploso in mano a loro: non sanno più dove sbattere la testa ma provano, giorno dopo giorno, a farci pagare il costo del loro fallimento. Noi non abbiamo bisogno di un nuovo governo, ma di riprenderci la nostra vita e il nostro futuro, fuori dai giochi di chi si candida ancora una volta al ruolo di partito di governo e di opposizione.
Pensare l’impensabile, come condizione preliminare per tentare l’impossibile...
John Dillinger

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.08.17 11:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Negli anni novanta è stata fatta una legge stupenda, la cosiddetta Legge sulla trasparenza amministrativa. Anni dopo parlando con un magistrato, ho avuto la conferma che in Italia si fanno leggi stupende, ma al solito non vengono mai applicate. Mi disse: "Se l'applicassimo si bloccherebbero tutti i tribunali italiani". Addirittura era previsto un ufficio apposito presso la Presidenza del Consiglio per il controllo dell'applicazione della legge (non so se sia mai stato fatto. E' inutile avere un diritto se poi nella pratica non riesci ad averla. Diceva un proverbio: "La ragione è dei fessi". Prima precedenza: un reddito qualunque. Seconda precedenza: devono funzionare i tribunali, mettendo e facendo scontare pene, anche di pochi giorni di galera come in America. Ci vogliono sanzioni precise contro gli Amministratori, i veri detentori del potere in Italia perché sono quelli che "interpretano" la legge e l'applicano se vogliono.

Oronzo Barberio, Mesagne (Brindisi) Commentatore certificato 25.08.17 11:37| 
 |
Rispondi al commento

La "democrazia" è stata inventata per disarmare i popoli.

L'istituto democratico, così come lo conosciamo, e che nulla a che vedere con una vera democrazia, è, per dirla coi furbi (e con gli stolti), la migliore forma di governo possibile.

E, in senso ironico, è vero: grazie alla pseudo democrazia, infatti, le lobby al potere possono continuare le proprie ladronerie indisturbate.

Si tratta di una grande furbata: si fa credere al popolino ignorante che è l'artefice del proprio destino; si incanalano le diverse opinioni in collaudati partiti politici; si controllano i media, inesauribili fabbriche di lavaggio del cervello; e il gioco è fatto.

La gente crede veramente di essere libera, di decidere con la propria testa, di scegliersi i governi, per cui non può più prendersela con nessuno se non con sé stessa, se poi le cose vanno a catafascio.

Mentre nelle monarchie assolute e nelle dittature, il popolo può ribellarsi agli sfruttatori, nelle cosiddette "democrazie" perde quest'arma.

Le lobby comandano esattamente come prima, schiavizzano il cittadino e fanno i comodi loro.

Se poi dovesse succedere che, nonostante i media mainstream, i popoli facciano scelte non in linea con la volontà padronale, ecco che saltano fuori gli "opinionisti" di professione a insinuare che forse il sistema delle elezioni è superato e che bisogna scovare nuove formule per formare i governi.

Quando si renderà conto, la gente, di quanto sia sempre stata ingannata dal potere e che l'unica soluzione per liberarsi dalla tirannia è la rivoluzione?

Gian Paolo ♞ 25.08.17 11:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Concordo sulla semplificazione, sulla trasparenza e anche su siti web (garantiti da un soggetto terzo) che coinvolgano la cittadinanza a monte, nel momento in cui si prende una decisione e successivamente in tutti i passaggi.
Credo che, volendo, si possa fare.

O.T. Stavo guardondo la seguente infografica dei debiti e crediti fra i principali Paesi

https://scenarieconomici.it/che-deve-a-chi-i-debiti-esteri-incrociati-dei-principali-paesi/

in cui risulta che con la Germania abbiamo un debito 120 miliardi e un credito di 202,7 miliardi.
Se non sbaglio, mi pare dunque che l’economia tedesca sia finanziata dagli italiani per 82,7 miliardi di euro.

Ora probabilmente dico una cavolata ma pensavo che se gli italiani ritirassero quei soldi dalla Germania, mettendone 54,7 in Inghilterra e 7,2 in Spagna, saremmo in pari con questi tre Paesi.
Resterebbero ancora 20,8 miliardi di euro per alleggerire il debito con Giappone ed USA,
in modo che il debito estero degli italiani ammonterebbe in totale a 46,8 miliardi di euro.

Riconosco che di materia finanziaria ne capisco poco per cui sarei grata se qualcuno mi spiegasse cosa non quadra nel mio ragionamento. Grazie.

Quarta Luna 25.08.17 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Ho sempre riportato gli editoriali di Travaglio, come giusti e intelligenti, ma oggi sono infuriata con lui per l'attacco indiscriminato sferrato contro la sindaca Raggi, tacciata di incapacità e di volubilità per il cambio degli assessori, cosa che secondo lui dimostrerebbe che i 5stelle non sono adatti a governare.
Vorrei ricordargli che De Magistris ha cambiato 23 assessori. Marino fece tre rimpasti in poco più di 3 anni e mezzo.
Emiliano cambiò tutta la giunta. Sala parla di rimpasto.
E Crocetta ha battuto ogni record, nel 2015 ne nominò e bruciò 35 assessori, con 55 nominati in 3 anni.
Ma Travaglio lancia i suoi suoi strali solo verso la Raggi, cosa che, a questo punto, mi fa proprio stomacare.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.08.17 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E'una questione di cultura del rispetto della dignita. La vedo un po' dura dal momento che si e' istaurata un'atavica arroganza, protervia. Il tutto suppatata dalla politica che ha le stesse caratteristiche... . Poi vengano tutte le norme che si vuole.

Roberto Maccione Commentatore certificato 25.08.17 11:08| 
 |
Rispondi al commento

La chiave di tutto Affari costituzionali è.... LA TRASPARENZA,con essa si ha un nuovo rapporto con i cittadini.
Quello che per anni non è stato mai fatto.
Oggi l'unico rapporto è con un call-center... un rapporto chiuso fra un cittadino che chiede lumi e uno straniero sottopagato che rispondere, non in un perfetto italiano,in modo non qualificato.
Ecco come è oggi la grande trasparenza della P.A.!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 25.08.17 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Vedo spesso in Tv il sig. Giannulli parlare a nome del M5S è autorizzato a farlo ? Credo che spesso i suoi commenti siano controproducenti per il movimento.

PASQUALE BANDINI 25.08.17 10:45| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori