Il Blog delle Stelle
Programma Energia M5S: Gli impianti di stoccaggio

Programma Energia M5S: Gli impianti di stoccaggio

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 517

>

di Edoardo Zanchini, vice presidente Legambiente

Tra pochi giorni sarete chiamati a votare su un altro punto del Programma energetico del Movimento 5 Stelle. Nel programma si spingono le fonti rinnovabili come alternativa alle fonti fossili, per salvare il Pianeta. Ma le fonti rinnovabili hanno bisogno di accumulare energia ad esempio quando il solare non produce, l’eolico non ha abbastanza potenza dal vento, oppure c’è poca acqua. E’ fondamentale comprendere il ruolo che può svolgere l’accumulo di energia, quindi lo stoccaggio. Il quesito che vi verrà proposto è:

Quali impianti di stoccaggio dell’energia bisogna prediligere?
a. Grandi impianti di pompaggio
b. Locali
c. Domestici

Che cosa è lo stoccaggio?
E’ la possibilità di accumulare energia elettrica e poi utilizzarla nei momenti in cui c’è più bisogno. Analizziamo tre diverse possibilità di accumulo di energia elettrica, che è bene capire nelle loro differenze.

1) Grandi impianti di pompaggio: impianti di pompaggio di energia idroelettrica che si trovano normalmente in aree montuose. Consistono in una centrale di energia idroelettrica che nei momenti in cui non viene utilizzata l’energia elettrica, ricarica l’acqua, permettendo di produrre energia quando ce ne è maggiore bisogno. I grandi impianti di pompaggio hanno un problema di gestione: sono in concessione ai grandi gruppi energetici, che invece di utilizzare gli impianti nell’interesse generale, li utilizzano in base alla convenienza dei mercati.

2) Impianti di stoccaggio locali: dimensione legata ai territori e alla rete di distribuzione. Ci sono importanti opportunità legate a una gestione efficiente di energia elettrica prodotta in ambito regionale, ad esempio, che con l’accumulo può essere utilizzata e gestita meglio.

3) Impianti di stoccaggio domestici: riguardano le famiglie, riguardano ognuno di noi all’interno della propria abitazione. L’uso che un cittadino può fare degli elettrodomestici, degli usi elettrici e nella produzione che viene dalle rinnovabili. Ad esempio: noi possiamo avere un impianto solare legato a una rete locale, dentro casa, a cui sono collegati tutti gli impianti che utilizzano energia elettrica e poi un impianto di stoccaggio casalingo. Quale è il grande vantaggio di questa prospettiva? Un cittadino all’interno della propria abitazione, può diventare sempre più autonomo e indipendente dal prendere energia dalla rete.

Entriamo ora nel merito dei tre diversi tipi di stoccaggio su cui si può investire nei prossimi anni.

1) Grandi impianti di pompaggio - pro e contro: si intendono gli impianti idroelettrici collegati a bacini di pompaggio. In Italia questi impianti ci sono, vengono gestiti molto poco durante le giornate e anche nel corso dell’anno perché ad oggi evidenziano un conflitto d’interessi. Sono di proprietà dei grandi gruppi energetici che scelgono di utilizzarli quando è conveniente: ovvero quando guadagnano di più dalla vendita di energia elettrica e quando non si fanno concorrenza da soli. Il problema è che questi impianti sono di proprietà pubblica, sono di proprietà dello Stato. C’è bisogno di una prospettiva che faccia in modo che questi impianti siano gestiti nell’interesse generale. C’è bisogno di spingere verso le rinnovabili e fare in modo che questi impianti producano energia quando ce n’è bisogno per la collettività e per favorire le rinnovabili. Lo Stato dovrebbe riappropriarsi di questi impianti e gestirli in modo differente.

2) Impianti di stoccaggio locali – pro e contro: reti di distribuzione sui territori che includono impianti a fonte rinnovabili che immettono energia in rete e impianti di accumulo che subentrano in aiuto per gestire dinamiche come la diminuzione di produzione di energia solare, eolica, idroelettrica o biomasse. I vantaggi sono che questi impianti si possono legare a reti territoriali di distribuzione, evitando quei momenti in cui le rinnovabili producono anche troppo e necessitano di essere staccate dalla rete, permettendo una gestione efficiente. Gli svantaggi di questi impianti di medio livello oggi non sono economici. Esistono grandi investimenti per ridurre i costi ma non sono tanti i Paesi in cui si sta investendo in questa direzione. Noi potremmo essere il primo Paese che investe in questa direzione, costruendoci anche una prospettiva industriale.

3) Impianti di stoccaggio domestici – pro e contro: parliamo della generazione distribuita ovvero quello che riguarda i milioni di impianti che si possono realizzare in tutte le case, anche nelle piccole e medie imprese, nei negozi, in una logica distribuita, in cui l’impianto di stoccaggio è legato direttamente a un impianto da fonte rinnovabile. Questo è possibile, perché si realizza una rete locale a cui si collegano direttamente tutti gli elettrodomestici che utilizzano energia (computer, riscaldamenti e raffrescamenti) e un impianto da fonti rinnovabili (il più semplice è quello solare, perché si istalla sul tetto della casa) e poi un impianto di stoccaggio, che in questo caso, funziona proprio quando l’energia dal sole non arriva e quindi permette di avere tutto il giorno per tutto l’anno quella produzione. Oggi si investe su questo tipo di impianti di stoccaggio domestici in tutto il mondo, perché permette di risolvere i problemi laddove c’è la domanda, direttamente all’interno delle abitazioni. Si può produrre energia elettrica direttamente dal solare e distribuirla in maniera efficiente, dando risposta alle esigenze delle famiglie e delle imprese.

Adesso avete maggiori informazioni sui diversi impianti di stoccaggio, continuate a informarvi per scegliere quale prediligere per il futuro del Paese. La settimana prossima si procederà alla votazione.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

16 Dic 2016, 10:00 | Scrivi | Commenti (517) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 517


Tags: impianti di stoccaggio, Legambiente, M5S, MoVimento 5 Stelle, programma energia, rinnovabili, stoccaggio, Zanchini

Commenti

 

Nel caso di stoccaggio domestico quali sarebbero i possibili accumulatori ? e quanto costerebbero e quanto inquinerebbero? Perché con si parla anche di elettrolisi? Ho l'impressione che i problemi siano molti e complessi, Io ho sul tetto un fotovoltaico da 3kw e sono un fisico ma non mi sento in grado di decidere per tutti. Meglio che le soluzioni migliori si affermino da sé. Il mercato in questi casi è molto meglio attrezzato che una platea di gente per lo più ideologicizzata. Che potrebbe davvero essere pericolosa.

Silvano Giorgi 25.01.17 23:13| 
 |
Rispondi al commento

Non è possibile comunicare l'invito alla votazione lo stesso giorno poco prima dell'inizio, è inammissibile.

Nicola Sumerano 01.01.17 23:38| 
 |
Rispondi al commento

Credo che lo stoccaggio più efficace ed economico sia l'idrolisi dell'acqua da pannelli fotovoltaici con stoccaggio ed utilizzo controllato del combustibile idrogeno; di dimensioni domestiche, senza rischi di incidenti. recuperando anche l'ossigeno, perché no.

paolo angiolini 28.12.16 16:35| 
 |
Rispondi al commento


NON VOGLIO NEMMENO SAPERE CHI SIA IL RESPONSABILE DI QUESTA COSA...
SPERO VI SIANO BASTATI I COMMENTI SOPRA.
Il massimo che può raggiungere questa operazione è il risultato di un sondaggio fatto male.

MA non credete che certi orientamenti e scelte vadano ponderati in profondità (e non riducendo il tutto a tre clic...)?

SE volevate un sondaggio è grave averlo fatto così (PARLATE DI "VOTARE PER..."!!!).

SE volete trarre spunto dalla massa per chiarirvi idee che NON AVETE CHIARE...

Lasciate perdere...

STATE BUTTANDO DALLA FINESTRA LA FORZA ELETTORALE IN CUI TUTTI ABBIAMO CREDUTO.

PER FAVORE BASTA CON QUESTE SCIOCCHEZZE DA WEB DIPENDENTI.



Premessa 1: sono un ingegnere che lavora come ricercatore da 30 anni sull'energia. Iscritto.
Premessa 2: (non) mi fido di Legambiente come di ENEL. Si vedano, ad esempio, le storie di Chicco Testa e Ermete Realacci. Sarebbe meglio informarsi ognuno con dati, studiare e valutare con il proprio buon senso.
Nello specifico sull'argomento:
1. Quelle proposte nel video non sono le uniche soluzioni tecnologiche per lo stoccaggio (ad es.power-to-gas).
2. Penso che le soluzioni tecniche in genere non siano nè buone nè cattive ma debbano essere scelte dopo studi tecnico-economici specifici per ogni caso, non affidandole a referendum approssimati. Per questo motivo non voterò.
3. Le soluzioni tecniche possono essere miste e sarebbe stupido optare solo per una.
4. La prima opzione è oramai improponibile anche perché lo sfruttamento dell'idroelettrico di alta quota è saturo. Esiste l'opzione dello sfruttamento delle miniere dismesse e del mini-idraulico.
5. La secondo opzione (regionale?) mi mette paura per l'inadeguata preparazione tecnica l'argomento nelle strutture locali e la possibile corruzione, ricalcando l'esperienza del settore della sanità.
6. La terza opzione è la fotocopia di quella proposta da Rifkin, questa chiaramente proposta per il mercato americano (piccole villette di gente benestante, proprietaria di auto elettriche). Provate ad applicarla ad una città italiana.

Occorre smetterla con questo manichiesmo per cui i "grandi gruppi" (o gli "esperti") sono il male ed il piccolo è bello.
In economia esiste l'"economia di scala", dove centralizzando un servizio questo costa meno.
Temo che questa vicenda delle votazioni sull'energia stia mettendo in risalto una metodologia sbagliata per individuare
un programma: credo che la politica debba dare un indirizzo (ad esempio più energie rinnovabili, meno auto ed inquinamento urbano, ecc.). Le soluzioni specifiche tecniche le trovano,
controllati, gli esperti che lavorano sul campo.
Introdurrei anche un video "contro".

Stefano 22.12.16 11:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...(continua da sotto)
Va riorganizzato fortemente il movimento? Si.

Si dovranno prendere forse decisioni un po’ meno POPOLARI? Forse si.

Sarebbe il caso di abbandonare il profilo molto rozzo e poco professionale a livello comunicativo per far spazio finalmente ad un soggetto politico organizzato seriamente, realizzando un contenitore di idee, esperienze e cultura di livello elevato capace di proporre prontamente linee politiche nuove? Sarebbe il caso, visto che ormai la fiducia della base popolare c’è (c’era?) ed ora andrebbe fatto un salto di qualità.

Per me ne varrebbe la pena.

Diversamente non vedo speranza. Il movimento così com’è naviga tra sprazzi di buona politica e imbarazzanti lati oscuri (che ho volutamente tralasciato nel commento altrimenti non se ne esce), con bei esempi di partecipazione da un lato ma allo stesso tempo con scelte decisionali discutibilissime o indecifrabili, marketing politico a dir poco vergognoso per qualità, personaggi di scarsissimo valore mantenuti in posti strategici per la crescita in tutti i sensi del movimento.

Sarebbe ora di fare un salto di qualità, ma so bene che se non si è già presa finora una strada così scontata è chiaro che Casaleggio avrà, purtroppo per l’Italia, piani diversi.

Questa dovrebbe essere la vera domanda da proporre agli iscritti: VOLETE VOI CHE IL MOVIMENTO PROCEDA AD UNA RIORGANIZZAZIONE PER MIGLIORARE LA PROPRIA EFFICACIA POLITICA, LA QUALITA’ DELLE PROPOSTE NONCHE’ LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI?

E magari facendo la sorpresa di far votare già delle soluzioni invece che le solite opzioni banali.

Spero che il concetto sia chiaro… se già non è stata sufficiente ROMA.

Domenico G. 22.12.16 00:25| 
 |
Rispondi al commento

...(continua da sotto)
Gli stessi organi potrebbero valutare proposte esterne venute da iscritti non facenti parte dei tecnici, perché non si deve escludere a priori la possibilità di produrre proposte valide da parte un semplice cittadino non professionista. L’insieme delle proposte che posseggano requisiti di fattibilità e concretezza corredate da un livello adeguato di dettaglio nella descrizione, dovrebbero, a quel punto, essere messe a disposizione degli iscritti sulla piattaforma con un CONGRUO anticipo in modo da potere essere analizzate e valutate da tutti oppure, secondo il mio modesto parere, meglio solo da chi è realmente interessato a valutarle ed a votarle, ognuno chiedendo esplicitamente di partecipare alla votazione in modo da esserne abilitato. In questo modo si depurerebbe (in parte) il risultato dai voti di iscritti, che giustamente votano perché ne hanno la possibilità, ma lo fanno senza una vera cognizione della questione oppure solo a sensazione o peggio per sentito dire.

Analogo discorso si può estendere al meccanismo delle proposte di legge sulla piattaforma.

In questo modo si otterrebbero allo stesso tempo competenza nelle decisioni e partecipazione garantita comunque a tutti, stimolando un po’ di più l’iscritto ad informarsi seriamente sapendo di poter scegliere tra proposte concrete e con una base tecnica già solida.

Chiaro che il processo descritto l’ho fortemente semplificato, ma i vari problemi di realizzazione dello stesso (economici, organizzativi, ecc.) si possono tranquillamente affrontare e risolvere, mantenendo comunque fermi i principi base del movimento.
Inutile che ci perdiate ancora tempo, sulle questioni veramente tecniche (e sono praticamente la stragrande maggioranza) non si può BANALIZZARE o essere superficiali.
(continua sopra)...

Domenico G. 22.12.16 00:23| 
 |
Rispondi al commento

...(continua da sotto)
Tra l'altro oltre ad averla esposta in modo sicuramente insufficiente e per certi versi anche errato, il risultato di una consultazione del genere non potrà mai apportare nulla di veramente concreto ad un processo di costruzione di un programma approfondito sul tema energetico (ma lo stesso discorso vale anche ovviamente per gli altri settori).

Venendo al mio suggerimento sul processo di partecipazione diretta (dando quasi per certo che saranno caratteri sprecati e neanche presi in considerazione, ma facciamo finta che ci creda) devo partire un po’ dall’alto, ma in finale non si tratta di nulla di strano o irrealizzabile, sarebbe soltanto SEMPLICEMENTE LOGICO. La premessa iniziale da fare, prima di descrivere un esempio di procedimento ideale che ha secondo me, appunto, un senso logico, è quella che il movimento si dovrebbe dotare, oltre che dell’ovvio gruppo dirigente POLITICO (magari eletto da un bacino forse un minimo più preparato…ma questo è un altro discorso), anche di una serie di organi TECNICI per ognuno dei settori da inserire in un programma di governo nazionale o locale, formati da professionisti con comprovata esperienza (sarebbe il caso di dare un po’ più di valore a questa parola). Il compito di tali organi tecnici, grazie appunto alla competenza ed all’esperienza di cui i componenti DEVONO essere dotati (con idee di ognuno che ovviamente possono essere diversificate ma comunque indirizzate al conseguimento degli obiettivi finali scelti dai cittadini per il programma generale del movimento), dovrebbe essere quello di riunirsi e dibattere proponendo in conclusione una serie di interventi concreti, o semplicemente linee di indirizzo (a seconda del livello necessario), motivando e dettagliando adeguatamente il tutto, SENZA BANALIZZARE.
(continua sopra)

Domenico G. 22.12.16 00:21| 
 |
Rispondi al commento

Commento di seguito il mio voto, ma soprattutto questo sistema di votazione, dando inoltre un suggerimento serio per migliorare il procedimento di partecipazione diretta, che se è vero che la piattaforma Rousseau è nata da poco e giovane è altrettanto vero e chiaro a tutti che se si utilizza così non va assolutamente bene.

Spero quindi che qualche indicazione anche tra i commenti precedenti venga presa seriamente in considerazione da chi di dovere, altrimenti il destino di questo movimento e di chi li vota è quello di essere presi in giro a vita (da chi non potrebbe neanche permetterselo tra l'altro), ma soprattutto di non riuscire realmente a modificare in positivo la situazione politica nazionale, a parte aver raggiunto un massimo di preferenze convogliando la rabbia, il malcontento e la delusione dei cittadini verso gli altri soggetti politici ma senza in realtà cambiare SERIAMENTE il panorama.

Ora, rispetto alla tematica e ad alla domanda su cui votare, il mio come gli altri sembrerà un commento inutile, anche perché per come è impostato il tutto pare chiaro che si vuole far vincere la posizione preferita dal proponente (non oso nemmeno pensare che il voto sia manipolato), ma voglio far finta che ci sia la buona fede quindi continuo.

Io ho votato per i sistemi LOCALI, diciamo perché, a valle di un ragionamento tecnico preferirei questo tipo di impianti in un discorso più a lungo termine. E’ chiaro che nel post andava approfondito anche il discorso dello stato dell’arte dei sistemi di stoccaggio e delle prospettive date dalla ricerca, con analisi di dati reali e proiezioni future. Ma poco importano a questo punto le vere motivazioni tecniche se effettivamente tutto il procedimento di partecipazione non si fonda su una solida base, appunto, tecnica, ma la questione viene invece banalizzata in questo modo estremo, come hanno già rilevato più o meno tutti. E ciò NON HA VERAMENTE SENSO....(continua sopra)

Domenico G. 22.12.16 00:18| 
 |
Rispondi al commento

Quante osservazioni ci vogliono ancora prima che qualcuno dello staff, o lo pseudo-esperto di turno, prenda in considerazione la necessità di cambiare metodo per costruire il programma sull'Energia?
Se invece più che una partecipazione basta un like, allora si può andate avanti così, ma si rischia di perdere per la strada un sacco di persone che usano ancora la logica, la coerenza e l'argomentazione per sostenere le proprie idee.
Parlare di impianti di stoccaggio senza aver preso in considerazione almeno i costi degli stessi e soprattutto la valutazione del loro ciclo di vita nel 2016, vuol dire essere approssimativi e avere tendenze autolesionistiche. Si suggerisce di predisporre un cappello con la visione/scenario che si auspica, una introduzione con un po' di numeri attendibili per dimensionare la questione anche in termini di costi: situazione attuale e come si andrebbe ad incidere su di essa. Per facilitare la raccolta degli interventi si potrebbe usare un prospetto simile a quello per emendare le leggi in discussione in Parlamento: uno schema a 4 colonne. - - Sulla prima colonna, divisa in paragrafi/periodi/punti, va il testo proposto dall'esperto;
- sulla seconda le modifiche proposte dai partecipanti (tipo: al posto della parola/frase/periodo, sostituire/aggiungere ",,, ,,, " ;
- sulla terza i principi, i criteri e le sintetiche argomentazioni (quando necessarie) che sostengono la modifica;
- sulla quarta citazioni di leggi, studi, ma soprattutto esperienze ben documentate e chiare. La durata minima della consultazione: almeno un mese. Successivamente lo staff e l'esperto rielabora il testo base inserendo le integrazioni che integrano il testo.
Il nuovo testo lo si sottopone di nuovo ad una consultazione di tre giorni. I due giorni successivi per completare il testo definitivo con la sottolineatura degli indirizzi emersi che daranno luogo ai quesiti da votare.
Ogni 10gg si può lanciare un punto del programma in modo da chiudere per maggio '17.

Giulio Labbro Francia 21.12.16 20:51| 
 |
Rispondi al commento

per me è troppo breve il tempo per votare

Davide Casanova 21.12.16 19:51| 
 |
Rispondi al commento

Apprezzo le buone intenzioni di occuparsi di una questione così importante come le fonti energetiche. Ritengo però, come molti altri, che occorra sviluppare e migliorare ogni mezzo di stoccaggio ed utilizzarlo laddove è più indicato secondo la tipologia di fonte energetica, per le dimensioni della fonte, e per le esigenze della località. Suggerisco anche di considerare e sostenere le fonti energetiche in via di sviluppo, ad esempio ho recentemente appreso che in Italia alcuni centri di ricerca hanno realizzato tessuti piezoelettrici per abbigliamento che generano energia durante il movimento, quindi sarà necessario un accumulo sulla persona oppure pannelli fotovoltaici ridotti a un foglio quindi applicabili ad ogni parete o finestra, con accumulo locale.
Tanti saluti, Fabio.

Fabio Fabbri 21.12.16 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, se mi mandi una mail con link "vota ora", quel link dovrebbe permettermi di votare, NON INVITARMI SOLTANTO A FARE UNA DONAZIONE (e non permettermi di votare).

vincenzo mastriani 21.12.16 17:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anch'io preferisco non votare, a mio avviso possono convivere tutti e 3.
Sarei stato orientato per il terzo, sembra tutto più sbrigativo e fattibile, ma poi la decisione viene imposta dall'alto o bisogna che il condominio sia d'accordo? metter d'accordo i condòmini è + difficile di una legge nazionale... leggo di chi vorrebbe sfruttare l'autostrada del sole usando pannelli fotovoltaici, perchè escludere a priori questa possibilità?
Concordo con chi dice che il quesito è mal posto, e che sembra una sorta di contentino per fingere di poter dire che sia democrazia diretta... ma aldilà di questo (e del nervoso perchè non è certo la prima votazione che mi dà questa sensazione), non c'è da limitarsi a 1 delle 3 opzioni... se sono in una città vanno bene la 3 e immagino la 2, se sono in una "valle di lacrime" dove il sole non arriva ci vuole la 1...

Stefano V. 21.12.16 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Il quesito cosi come è posto è un po' limitante.
Sono 3 possibilità che possono - devono- coesistere in funzione di quanto il territorio è propenso a quella soluzione.
Penso al paesino dove sono nato, con 3 pannelli su ogni tetto il fabbisogno sarebbe risolto.
Penso poi al condominio della Milano in cui ho vissuto, dove serve un impianto esterno in grado di garantire l'energia necessaria.
L'accumulo negli impianti idrici è possibile a prescindere, cosi come ora le dighe garantiscono il fabbisogno a mezza italia, il sole del sud molto più presente che al nord, può garantire energia alle pompe anche nelle ore diurne.

Andrea Mancarti 21.12.16 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Stabilire una priorità significa definire una destinazione, verso la quale dirigersi.
Quando si tratta di una decisione in prospettiva a lungo tempo è utile guardare più che a esempi su scala umana (soggetti a mutazioni rapide e imprevedibili) agli esempi dei sistemi naturali stabilizzatisi in milioni di anni di prova ed errore e evoluzione.
La raccolta dell'energia solare ad esempio nella più parte degli autotrofi sessili aviene su base puntiformemente distribuita ed estesa, le singole foglie interconnesse. L'irraggiamento solare è pervasivo ma variabile. La distribuzione dell'energia accumulata si basa su proicessi che non funzionano per lo più passivamente. Le scorte vengono accumulate all'interno dell'organismo sotto forma di zuccheri. Questi sono solo in minima parte conservati nelle foglie, essi entrano in circolazione e finiscono in strutture cellulari ottimizzate per conservarle e ridistribuirle e proteggerle. Questo nelle piante in cui è prevista la caduta ciclica delle foglie. Una strategia di difesa adottata nei climi con inverni freddi, in cui il loro congelamento bloccherebbe l'attività fisiologica in maniera non controllabile e pericolosa.
Contestualizzando la metafora la domanda è: c'è da mettere in conto la caduta delle foglie cin ambito di stoccaggio distribuito? Se c'è il pericolo di disperdere troppa energia tramite lunga circolazione in una rete non ottimizzata allo scopo; se la produzione distribuita locale non è in grado di sostenere un aggregrato industriale che necessiti molta energia; Se i singoli cittadini hanno l'onere di scegliere, installare e tenere aggiornato ed efficente il sistema a loro carico; se il ciclo vitale della tecnologia è stringente. L'installazione dei sistemi di generazione e stoccaggio individuali non dovrebbe essere a carico dei cittadini ma pagato tramite le tasse come sarebbe nella realizzazione di altri sistemi. L'opzione 3 è la destinazione, la 2 un passaggio intermedio necessario, la 1 un sistema di difesa.

Achille Crisignani 21.12.16 17:50| 
 |
Rispondi al commento

Nel leggere i messaggi che sono stati scritti sull'argomento Energie Rinnovabili ho notato che qualcuno si rifiuta di votare, le ragioni i perché di questo non devono impedire a tutti noi componenti del movimento 5 stelle di assumerci le nostre responsabilità, perché da queste scelte dipenderà il futuro della nostra Nazione e perciò il nostro futuro, ed il futuro dei nostri figli ed i figli dei nostri figli, pertanto dobbiamo tutti assieme scegliere quale impianto vogliamo e votare.

Aurelio Spatti 21.12.16 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Non è così che si crea un programma politico
Le scelte vanno strutturate su principi e valori e vanno costruite attraverso procedure partecipate reali e non chiedendo se quasta cosa va' o non va' bene. Chi deve votare è trattato come un "operaio" alla catena di montaggio, che non ha nè la possibilità nè i mezzi per avere una visione complessiva di quanto si sta facendo

antonio c. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 21.12.16 17:16| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Sostengo e mi impegno, con altri amici che vogliono un'Italia migliore, il M5S. Detto questo il quesito così come è posto non serve a nessuno. Mi sembra il quesito del recente referendum. Come si fa a chiedere di scegliere tra tre sistemi distinti di immagazzinaggio dell'energia quando è chiaro a chiunque mastichi un po' sull'argomento che in ogni caso i tre sistemi sono interdipendenti almeno a medio termine e l'uno non esclude l'altro. La preferenza che darò ai "grandi sistemi di pompaggio" è esattamente la risposta articolata che avrei voluto dare. Il quesito avrebbe potuto essere : volete voi che il sistema energetico nazionale emigri nel più tempo possibile verso l'energia pulita, garantendo l'interesse dei Cittadini ed evitando l'arricchimento dei soliti noti? In Italia ci sono molte storture e molti "Monopoli" che, attualmente, si approfittano di posizioni dominanti. Per quanto riguarda l'energia ci sono fior di professionisti che possono suggerire le migliori soluzioni nel tempo. Per cortesia cercate di evitare di comunicare come i partiti tradizionali perché, così come avete attirato il consenso velocemente, lo potete perdere e sarebbe un male per tutti. A parer mio il signore di Legambiente non ha spiegato in maniera adeguata i pro e i contro delle tre soluzioni, non so se perché incompetente nella materia o per mancanza di tempo. Domanda: nel M5S non abbiamo nessun tecnico che poteva spiegare le soluzioni? Sarebbe grave!

Neri Fracas 21.12.16 16:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Penso che tutti e tre i metodi di stoccaggio, ma potrebbero essercene altri,dovrebbero essere tenuti in considerazione, data la varietà geografica dell'Italia. Votarne uno, ha poco senso.Voglio ribadire che partirei da una Regione campione: la Sicilia. Un centro di ricerche, uno di produzione (auto elettriche/pannelli solari), energia solare/eolica/geotermica e stoccaggio. Bisogna portare lavoro e sviluppo in Sicilia anche per combattere la mafia. Penso che i vari argomenti per programma del M5S debbano tradursi in un PROTOTIPO da applicare.

Giuseppe M., Castellammare di Stabia Commentatore certificato 21.12.16 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna partire dalle utenze sul territorio, dalla loro tipologia e diagrammare i fabbisogni di energia in funzione del tempo. Le utenze (energia)domestiche e commerciali devono essere ridotte migliorando il rendimento energetico dei fabbricati, obiettivo 25-30 Kwh x mq/anno per riscaldamento e raffrescamento e verifica delle condizioni di confort(tenuta all'aria, qualità dell'aria interna) Altro aspetto da valutare è la sostenibilità dei materiali impiegati, quantità di energia ed emissioni di carbonio, acqua ecc per la loro produzione e trasporto. Le utenze domestiche possono essere anche raggruppate in piccoli sistemi di rete e/o rese completamente autosufficienti entrambi tramite impianti di stoccaggio. I punti 2 e 3 possono essere complementari!

Pietro I., Vignola, MO Commentatore certificato 21.12.16 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Il quesito e' chiaro e mi appare semplice .
Io personalmente sono d'accordo per la formula di accumulo domenstico , sia per le singole abitazioni che per le singole aziende o attività economiche . Intendo quindi corretto il concetto che l' accumulo e' meglio gestito se chi produce e consuma la propria energia ne e' responsabile . Meglio il modello distribuito , anche nella formula : casa per casa . Grazie per la bellissima iniziativa . L' Italia puo' veramente riequilibrarsi partendo anche dalle nuove sfide per l' energia . .

Emilio Roggero 21.12.16 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Solo pro per lo stoccaggio domestico?
Costi?

Edoardo R. Commentatore certificato 21.12.16 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Sono molto fiero nel vedere che molti commentano e non si arrendono. Il post neanche si avvicina ad esaurisce l'argomento e dovremmo avere la possibilita', oltre a votare, di chiedere suplementi di informazione prima che questa votazione abbia luogo.

Federico BERRINO 21.12.16 16:04| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo mi trovo ad essere d'accordo con molti commenti precedenti al mio, il quesito e' stato posto in modo peggiore rispetto il precedente che gia' a sua volta non era stato formulato bene, scusate ma in questo modo temo che la cosa, seppur nasca con le migliori intenzioni, alla fine diventi controproducente.
Sono e rimango dell'idea di creare un sistema che formuli una proposta assolutamente di massima e permetta di raccogliere e amalgamare le proposte di chi vuole partecipare alla formulazione definitiva, in questo modo si avra' chiarezza nell'esposizione chiarezza negli obiettivi e chiarezza relativamente alle varie opzioni che potranno essere scelte, senza contare il fatto che molto probabilmente si riceverebbero opinioni e consigli anche e sopratutto da chi ha competenza in materia e sa di cosa si sta parlando, cosa che non puo' che far bene: abbiamo gia' un legislatore che fa di tutto per rendere le cose incomprensibili a chiunque, addetti ai lavori compresi, almeno noi cerchiamo di cambiare questa tendenza.
Come per il quesito precedente non partecipero' al voto, spero nel prossimo.

Angelo

Angelo M. 21.12.16 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Mi unisco al coro degli indecisi ... effettivamente non mi sembra molto chiaro il quesito .... dovremmo essere più informati , non è una cosa semplice !!!

Umberto A., La Maddalena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 21.12.16 15:45| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Mah, che dire. Siamo al secondo questito sull'energia, e se il primo era mal posto, questo lo è molto di più! Accidenti, ma non è possibile impostare degli argomenti così seri in modo così approssimativo ed andando a chiedere di scegliere un solo metodo di stoccaggio quando, come dicono in tanti, l'uno non esclude l'altro. Essere d'accordo con le rinnovabili e con la produzione distribuita non vuole per forza dire che dobbiamo solo usare accumuli domestici.

Leonardo Priami, Crespina Commentatore certificato 21.12.16 15:37| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

signori non siamo in grado di comprendere i singoli punti, ed è inutile discuterli in maniera approfondita, perchè è ovvio che vanno bene tutte e tre le soluzioni. E' solo da capire su che cosa puntare maggiormente, piccolo, medio o grande? Non è difficile, fate qualche riflessione autonoma ogni tanto.

Personalmente penso che il problema è che in questi anni si è incentivato solo il 3) punto con il Conto Energia, bella idea, ma adesso i costi sono della maggioranza che non ha un impianto personale e le bollette sono solo aumentate.
Gestire un piccolo impianto è COMPLESSO, non è fattibile su larga scala. La sciura Maria sa a mala pena usare una lavatrice, figuriamoci far funzionare un impianto di produzione casalingo.

Io non punterei neanche sul 1) punto, in Italia grandi opere=grande corruzione. Per cui punterei sul 2) punto.

saluti e buon voto

riccardo f., milano Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 21.12.16 15:34| 
 |
Rispondi al commento

Progetto pannelli fotovoltaici Autostradali
Nessuno pensa che l'Italia ha un potenziale illimitato di corrente elettrica da usare 24/24 h. Per la presenza in commercio di pannelli fotovoltaici che possono erogare anche con la luce degli astri notturni il luogo più idoneo per questi pannelli è l'Autostrada del sole, 1) ogni 25 m. un traliccio sopra ogni senso di marcia con sopra pannelli fotovoltaici; 2) sotto questi archi illuminazione Led per il tratto di strada competente; 3) l'esubero della corrente deve essere portato in palazzi batteria nel sottosuolo di Autogrill e collegati con la centrale per un uso nazionale; 4) ogni Autogrill sarà fornito di colonnine per il ricarico dei mazzi elettrici a costo sociale; 5) l'Autostrada potrà essere usata per servizi di autolinee elettriche dove ci potranno agire navette elettriche ogni comune adiacente all'Autostrada; 6) Tutta la sommatoria dei Km. della rete autostradale sarà coperta da 80 archi per ogni Km/l per un totale di svariati mq. di pannelli; 7) posti di lavoro per il controllo, altri per la manutenzione e rifornimento di corrente per tutta la Nazione, altri per le navette, conteggio che lascio volentieri agli esperti in Ingegneria elettronica. Con questo progetto si può sopperire a tutti i bisogni elettrici necessari Nazionali.
Colagiacomo Sergio

Sergio Colagiacomo 21.12.16 15:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'opzione 1 sarebbe da perseguire se a corollario avesse il prerequisito di una totale nazionalizzazione degli impianti idroelettrici di stoccaggio. In mancanza di ciò preferirei l'opzione 3 se si spiegasse meglio in cosa consiste lo stoccaggio a livello domestico. Si tratta di una batteria come quella che sta proponendo la Tesla?

Alfonso Moretto 21.12.16 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Ho votato per stoccaggio locale con la facoltà per chi ne ha la possibilità di fare lo stoccaggio domestico, a mio avviso potrebbero convivere le due cose. Sembra un pò prematuro ma bisogna pensare in un'ottica futura!!L'indipendenza energetica sarebbe un bel traguardo!!

GIULIANO BERTARINI 21.12.16 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, ci tenevo a dire che sono entrata per documentarmi e votare di conseguenza, ma mi trovo molto in difficoltà su cosa votare quindi mi faccio da parte. Lo sottolineo perché possiate dividere "l'assenzionista" da chi preferisce non votare perché non trova chiaro il quesito o è ancora impreparato sull'argomento. Questo affinché anche voi possiate migliorarvi.

Maria Grazia Bonacci 21.12.16 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Io ho sia compreso che votato, le cose che non ho capito per mia ignoranza e non certo per mancanza di chiarezza nella spiegazione, me lo sono andata a cercare e mi sono istruita.
A me sembra che chi si limita a far polemica e si astiene dal votare lo faccia, pensando in buona fede, perchè abituato al classico atteggiamento Italo-siciliano, ovvero avere sempre la pappa servita, sempre qualcuno che spieghi perfettamente e ci dica tutto, sempre la stessa pigrizia nell'istruirsi da soli.
Chi ha interesse nel votare, nel comprendere e di conseguenza nel voler cambiare le cose, ciò che non comprende a causa della legittima ignoranza sull'argomento, se lo va a cercare.
Il cambiamento parte da noi stessi, sempre.

#Avantitutta

Ilenia C. 21.12.16 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Quesito, a mio giudizio, formulato peggio del precedente.Intanto non si capisce l'effetto della scelta: comprensibile per i grandi impianti= agire politicamente per arrivare a gestione pubblica, ma per il secondo non si capisce nemmeno cosa siano e ancor meno come si intende agevolarli, mentre per i terzi (impianti domestici) mi sembra pacifico che vadano incentivati e basta.
Stavolta RINUNCIO al voto, sorry ma non mi sento responsabile per l'incapacità di chi gestisce queste azioni.

Umberto Monti 21.12.16 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Se chiedete il mio voto pretendo di essre informato meglio e anche di non dovermi esprimere in maniera secca ed escludente.Non voto. cambiate sistema per cortesia.

vandone mario 21.12.16 14:44| 
 |
Rispondi al commento

Come già scritto da molti, mi sembra molto vago come quesito.
Una tecnologia non esclude l'altra. L'accumulo domestico può essere sicuramente una strada da percorerre per abbattere i costi familiari e aumentare la propria indipendenza energetica.
Tutte le attività industriali e del terziario non possono però fare a meno, almeno al momento, di una rete di distribuzione efficiente senza buchi nella continuità di servizio.
Quindi va bene incrementare l'utilizzo di energie rinnovabili, ma assieme ad una rete di distribuzione e stoccaggio efficiente ed adeguata, che dovrebbe prevedere soluzioni apposite, sia centralizzate che distribuite sul territorio. La stessa morfologia del territorio potrebbe influire in questo.
Per esempio, località montane del nord Italia potrebbero usufruire maggiormente di stoccaggio con sistemi idroelettrici.
Al sud c'è più produzione col solare, quindi potrebbe essere conveniente un'altra tecnologia.

Rob 21.12.16 14:34| 
 |
Rispondi al commento

A parte il fatto che la spiegazione è incoerente (non si capisce affatto se gli impianti di pompaggio sono statali oppure dei gruppi privati!) secondo me non ha senso scegliere uno dei tre perché possono andare bene tutti e 3 a secondo del territorio, del fatto che i pompaggi siano gestiti in modo trasparente e pubblico ecc. Quindi, mi dispiace molto, ma io NON voto qualcosa che non è assolutamente chiaro.
Saluti.

Daniele P., Genova Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 21.12.16 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Ho votatato.
A me piacerebbe un sistema diverso che parte dal principio che il pianeta Terra è costantemente irraggiato dal sole.
Avere la possibile di far collaborare tutti gli Stati del mondo in modo da creare delle "camere di compensazione/scambio" di modo che l'energia prelevata nelle ore notture possa essere scambiata con i paesi dall'altra parte del globo, senza dover comprare batterie e accumulare infrastrutture non necessarie.... è utopia?

Nicola 21.12.16 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, vorrei votare oggi sapendo cosa voto, ma leggo che: "Grandi impianti di pompaggio ... Sono di proprietà dei grandi gruppi energetici che scelgono di utilizzarli quando è conveniente... Il problema è che questi impianti sono di proprietà pubblica, sono di proprietà dello Stato. "

Ma allora questi impianti sono o non sono dello Stato???

Per favore cercate di essere più chiari, come potete pretendere che si riesca a votare consapevolmente!
Ciao.

Daniele P., Genova Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 21.12.16 14:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Certo che sceglire non è facile.
Mi viene da pensare forse che la soluzione sta nei tre sistemi proposti in relazione al territorio ed alle esigenze diverse di chi lo abita.
Ai costi forse diversificati.
Sono comunque della idea che energia deve essere statale perché è materia strategica come l'acqua pubblica.
Allora non mi sento di votare per scegliere una sola opportunità di accumulo enera ma ritengo che sia meglio non escludere opzioni che poi potrebbero essere più adatti localmente.
Buon lavoro

Domenico Pinizzotto, Spadafora Commentatore certificato 21.12.16 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti,
mi accodo a quanti scrivono che la materia e troppo complessa ed affrontata, ad oggi, in modo troppo superficiale per poter esprimere un voto consapevole. Non parteciperò al voto su questo tema se l'argomento non verrà approfondito in modo esauriente.

mirko g. 21.12.16 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Da commenti leggo che non c'è molto buon senso, è logico che tutte e tre le opzioni sono valide e che scegliendone una non si esclude le altre azzerandole(o migliorate esempio grandi impianti pompaggio spingendo le grandi aziende a fare meglio) ma qui si deve scegliere su quale spingere maggiormente.

cristian l. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 21.12.16 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno.
A mio parere bisogna prediligire il risparmio per i cittadini, visto i tempi che corrono. POI e dico POI, ci si occupa anche degli altri impianti di stoccaggio. Dare priorità non vuol dire "escludere" il resto. Significa "iniziamo da...."
Buon voto a tutti

luciano m., Aosta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 21.12.16 13:30| 
 |
Rispondi al commento

I tre sistemi di accumulo vanno portati avanti insieme. Detto questo grazie per l'opportunità, buon voto a tutti!

Luca P. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 21.12.16 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Come molti anche io sono perplessa sulla semplificazione di un problema così complesso che segnerà il futuro del pianeta. Prima di affrontare il problema dello stoccaggio, dovremmo avere chiaro quale tipo di energia vorremmo sviluppare, e chiedere conto dei soldi che in bolletta vengono detti finanziamenti per energie alternative delle quali non si vede che qualche vaga ombra. Chiaramente, a primo acchito, mi verrebbe da votare per lo stoccaggio domestico, se non altro per evitare, almeno in parte, forse, sciacallaggi politici e mafiosi che, per carità, in questo paese non si sono mai visti ... poco. Ma, mi domando, quanto sarebbe equo in una collettività, che si sa, ha diverse capacità economiche relativamente al ceto e al lavoro, che il più delle volte non c'è? Non so, mi piacerebbe si aprisse un dibattito unendomi a tutti quelli che lo chiedono, per poter domandare agli esperti delucidazioni e poter loro sottoporre diversi quesiti in merito. Il Movimento è amato da noi cittadini perchè ci aiuta a capire e approfondire. Questo è uno di quegli argomenti che andrebbe approfondito per essere capito e votato poi serenamente e razionalmente.

Maria Giovanna Pani 21.12.16 13:24| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Ragazzi io vi voglio bene e mi fido di voi, ma sono costretto ad unirmi al coro di coloro che percepiscono un errore di impostazione. Le questioni complesse (come questa) non possono essere trattate in modo così banalmente succinto. In altre occasioni ho votato con fiducia su argomenti già in qualche modo metabolizzati dal movimento. Stavolta è davvero impossibile compiere una scelta. L'obiettivo è essere una forza di governo convinta e consapevole. Per raggiungerlo dobbiamo rivedere prima di tutto i criteri di selezione finalizzati alle candidature ed agli incarichi, poi assumere delle decisioni con le responsabilità che ne conseguono. Interrogare la base ogni volta su temi pressoché sconosciuti è un metodo assolutamente inadeguato. Vorrei precisare che la mia opinione è resa in chiave costruttiva da un iscritto ed elettore del movimento 5 stelle.

Luca Galaverni 21.12.16 13:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Tutti e tre i metodi sono necessari!
Quello con maggiori potenzialità di sviluppo è quello locale (l'energia può essere immagazzinata meccanicamente, tramite reazioni elettrochimiche reversibili o idrogeno). Locale può intendersi in senso ampio; quindi dovendo scegliere...

Paolo Garilli 21.12.16 13:19| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Impossibile esprimersi considerato il vasto argomento, ho guardato il video due volte per farmi un idea che onestamente non mi va neanche di esprimere considerato l approccio superficiale. I deputati si facciano sentire anche su questi argomenti per dare un mimimo di credibilita' a queste votazioni.

Mat Macaluso (ll maca) Commentatore certificato 21.12.16 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi unisco a chi ha già segnalato che non è del tutto appropriato votare una delle tre opzioni quando la soluzione potrebbe essere investire su più di una, magari bilanciando in modo diverso gli investimenti a seconda delle realtà regionali e rivedendo ogni anno gli orientamenti in base agli sviluppi tecnologici.
Una strada diversa potrebbe essere quella di votare dei criteri che dovranno poi essere trasformati in legge. Per esempio non dare la concessione degli impianti ha chi ha conflitto di interesse, dare agevolazioni a chi si dota di un impianto di accumulo privato previo accertamento del vantaggio ecologico con successive verifiche, ...

Leandro F., milano Commentatore certificato 21.12.16 13:18| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento


GRILLO SA COSA SCEGLIEREBBERO I MIGLIORI INTERNAZIONALI AMBIENTALISTI?
ECCO, IL MIO COMMENTO E' QUESTO, BISOGNA REPERIRE LE OPINIONI E I PROGETTI DEI PIU' GRANDI CONOSCITORI IN QUESTO AMBITO E VALUTARE I LORO CONSIGLI. Chi ad es. sta già investendo nel miglior modo? E quali sono le ultime novità? Bisogna anche pensare se le "alternative" producono scorie o rifiuti, allo smaltimento e i relativi rischi, se ci sono.
CONSIGLIEREI DI ASSUMERE TUTTE TUTTE LE INFO E INFORMARE PRIMA DELLE VOTAZIONI.
Ma sono più che certa che Grillo ha già tutte le informazioni necessarie per fare al meglio, essendo il suo cavallo di battaglia. Comunque anch'io farò del mio meglio per informarmi

Alessia Nicolini, Agordo Commentatore certificato 21.12.16 13:03| 
 |
Rispondi al commento

Sono veramente indignato per come si sta conducendo questa consultazione su un tema così importante come è l'energia, con pochissimo tempo per discutere. Non è neppure necessario essere specialista come sono (insegno fisica nel Dipartimento di Ingegneria dell'Università di Messina) per comprendere quanto bassa sia la qualità dei materiali forniti. Un solo esempio basti:
Secondo quanto leggo, i grandi impianti di stoccaggio "Sono di proprietà dei grandi gruppi energetici" e "sono di proprietà pubblica, sono di proprietà dello Stato". Ho capito che sarà saltato un "non", ma questo dice tutto di quale sia il livello, parole affastellate senza neppure rileggerle.
Raramente poi, la scelta più conveniente, in casi come questo sta in una sola alternativa: impianti di stoccaggio enormi (è chiaro che bisogna controllarne la proprietà, ma le leggi servono a questo), impianti medi e casalinghi non sono alternativi. Tutti sanno che è più conveniente diversificare gli investimenti: in questo caso occorrerebbe investire in tutte e tre le tipologie di impianti.
Mi dispiace, ma non parteciperò a questa votazione ridicola e pilotata (facile prevedere che il voto viene indirizzato verso gli impianti domestici...) e non parteciperò mai più a simili colsultazioni che mortificano la cultura e l'esperienza dei cittadini iscritti al Movimento.

Felicia Ieni, Villafranca Tirrena Commentatore certificato 21.12.16 13:01| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

In effetti non ci sono tutti gli elementi che permettono di scegliere con oculatezza, Ma al contempo per ogni argomento viene data una soluzione. Credo sia giusto cercare di dare ad un ente appropriato (Terna?!) i grandi sistemi di pompaggio ed al contempo incentivare (come avviene in Germania) gli impianti domestici; mentre per gli altri a livello regionale si può verificare con un paio di siti campione

Marco Guglielmino 21.12.16 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Argomento troppo tecnico e specifico. Per di più, a mio avviso, posto in maniera sbagliata, in quanto nel punto 2 e 3 non vengono specificati i "contro" ma solo i "pro".

Giorgio Paolessi 21.12.16 12:51| 
 |
Rispondi al commento

Io penso che il progetto degli impianti di stoccaggio domestico siano il futuro!

andrea pittarello 21.12.16 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Affermo per diretta conoscenza lavorativa del problema che le stazioni di pompaggio idroelettrico sono di notevole impatto ambientale in quanto necessitano di altri bacini di accumulo, spesso in quota. Sono quindi da evitare. Gli altri due sistemi vanno calibrati alle realtà specifiche delle singole aree. Quando è possibile l'accumulo domestico è preferibile, ma non va dimenticato che presuppone l'esistenza di impianti domestici di produzione fotovoltaica o eolica.

nicola cimini 21.12.16 12:47| 
 |
Rispondi al commento

su questi argomenti, mi sento la classica casalinga di Voghera ho votato comunque, leggendo i commenti che non hanno fatto altro che mandarmi ancora più in confusione

milena nigretti 21.12.16 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Signori, non va bene così, l'argomento è troppo specifico per trattarlo così sbrigativamente. Puntare su una singola scelta non sembra opportuno, andrebbero presi in considerazione tutti e tre i sistemi possibili in maniera combinata.

PS: E basta parlare della Raggi sotto questo post!

Domenico S., Napoli Commentatore certificato 21.12.16 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
credevo che il tema fosse la votazione sui sistemi di stoccaggio dell'energia, postare su altri argomenti è inappropriato e controproducente per il dibattito.
Sono d'accordo sul fatto che il quesito è mal posto: perché scegliere fra alternative che, potenzialmente, potrebbero essere tutte valide?
Per una visione in prospettiva del problema dell'energia rinnovabile in Italia consiglio il seguente studio:
https://arxiv.org/abs/1609.08380v1
Per chi non ha voglia di leggerselo segnalo che, fra l'altro, i due autori sostengono che basterebbe usare i 12 miliardi di incentivi statali alle fonti fossili per finanziare la completa de-carbonizzazione dell'Italia entro il 2050.
Secondo me varrebbe la pena votare su come usare i soldi che lo Stato regala ai petrolieri.
Orientare il programma del M5S verso tecnologie specifiche (e fra loro complementari) è un errore strategico.
Grazie

giuseppe la franca 21.12.16 12:33| 
 |
Rispondi al commento

anch'io come molti qui sono daccordo che un quesito del genere va oltre le mie competenze. Dato che mi fido ciecamente di voi ragazzi del M5S , dovreste dare una guida piu tecnica da chi è competente in materia ed io vi seguirò sempre ed ovunque. Ciao e buon lavoro.

Franco Scanzani Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 21.12.16 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con chi sostiene che le votazioni fatte in questo riduttivo e semplicistico non sono utili, anzi iniziano a sembrare un contentino per non dare l'impressione di aver abbandonato la forza motrice di questo movimento: la partecipazione. Ma qualcuno ci sta realmente a sentire? In tanti diciamo lo stesso, dateci un segnale del fatto che qualcuno ci ascolti.

gianluigi f., barcellona Commentatore certificato 21.12.16 12:01| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono un ingegnere meccanico, ma nemmeno io sono in grado di rispondere a questi quesiti. Servono competenze ed informazioni.
Occorre un team di esperti. Sono decisioni che NON possono essere inviate ai cittadini.

Su questo il M5S deve riflettere e cambiare.

Grazie.

Alex G. 21.12.16 11:50| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Vorrei capire cosa intende il Sig.Zanchini affermando che i grandi impianti di pompaggio sono di proprietá di grandi gruppi energetici, per poi affermare subito dopo che i medesimi sono di proprietá dello stato.

A CHI APPARTENGONO?

Penso abbia fatto un errore di espressione, visto che nella precedente descizione ha affermanto che tali impianti sono "in concessione" di grandi gruppi energetici.

Potreste chiarirmi il concetto?

Saluti dalla foresta nera in Germania, dove il rinnovabile é molto in auge e sovvenzioato.CIAO

Francesco Minozzi 21.12.16 11:45| 
 |
Rispondi al commento

non deve riappropriarsene lo stato, deve imporre politiche di gestione al momento della concessione. Politiche elaborate in processi di confronto inclusivi tra i vari portatori di interesse. sistemi di supporto alle decisioni multi obiettivo.
QUesto modo di porre le votazioni è fazioso e parziale cmq. andrebbe per ogni opzione sentito un sostenitore. L'esposizione da parte di un singolo sarà sempre inevitabilmente sbilanciata.
Con lo stoccaggio domestico le abitazioni e le famiglie possono anche essere sistemate con un sistema Tesla forse ma andrebbe incentivato come in Norvegia mi pare. Ma per le aziende? l'energia richiesta al reparto industriale?
Senza prendere in considerazione i vari aspetti non è molto sensato il quesito, ma soprattutto perchè un sistema dovrebbe escludere l'altro?

Aramis Amantini Commentatore certificato 21.12.16 11:38| 
 |
Rispondi al commento

Anche a me questa votazione non sembra appropriata.

Lo stoccaggio dell'energia deve essere fatto sfruttando tutte le opportunità offerte dai vari contesti e dalla tecnologia disponibile, senza forzature.

Vedo difficile lo stoccaggio domestico per chi abita in un condominio, mentre a livello di quartiere probabilmente non è difficile trovare un fabbricato dove localizzare un impianto di stoccaggio.

Quelli che abitano in una casa autonoma ed hanno degli spazi liberi nel seminterrato o in aree di sgombero dovrebbero essere motivati a sfruttarli per lo stoccaggio.

Inoltre, visto che in Italia siamo tra i leader mondiali negli impianti idroelettrici, non ci trovo niente di male nello sfruttare questa risorsa, quando ovviamente non ci sono problemi di sicurezza o di impatto ambientale. Purtroppo mi risulta che oltre il 90% delle potenzialità disponibile sia stata già sfruttata, tuttavia ho sentito che esistono dei conflitti di interesse che ostacolano lo sfruttamento ottimale di questi impianti.

Occorre una spinta in tutte le direzioni, ed una analisi tecnica caso per caso al fine di individuare la soluzione migliore.

Enrico Bendinelli 21.12.16 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Concordo con chi dice che questo è un tema troppo specialistico per essere votato da chi non ha buone basi di valutazione. Mi piacerebbe che la scelta venisse presa da specialisti "a 5 stelle".

Alessandro B 21.12.16 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Credo che questo voto non abbia alcun senso. Una decisione del genere, senza nessuna analisi economica, senza precisare "chi paga" (ad esempio, per lo stoccaggio domestico, me lo devo pagare io?) mi sembra un atto di irrazionale partigianeria.
E' questa la democrazia diretta?

Danilo B., Roma Commentatore certificato 21.12.16 11:17| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

locale e domestico possono coesistere?

davide mellace, tornimparte Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 21.12.16 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Premesso che ho sempre votato, questa volta NON VOTO, sono ingegnere elettrico pro rinnovabili, pro stoccaggio, pro M5S, ma ritengo l'argomento troppo tecnico e in continua evoluzione per deciderlo con una consultazione on line. Ritengo inoltre che IL NUMERO DEI VOTANTI NON E' IMPORTANTE, l'importante è la qualità se uno non è informato/competente delega le scelte su questo argomento a chi è più competente. NON VOTIAMO a tutti i costi.
Votiamo le linee guida e i rappresentanti, i dettagli tecnici vanno delegati a persone competenti e di fiducia M5S.
QUESTA VOTAZIONE NON HA SENSO, potremmo eventualmente asseverare una scelta di un nostro rappresentante tecnico.
Grazie comunque per tutto quello che fate.
Andrea


'dobbiamo produrre idrogeno con le piante, idrogeno con le piante! ma come è possibile che siamo rimasti al fotovoltaico e a tutte le cose arcaiche che esistono per l'energia? produrre idrogeno con le piante è il futuro come è il futuro il grafene! la natura ci viene incontro e la tecnologia pure e noi? rifiutiamo l'una e l'altra!!!

benito castorina 20.12.16 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Per chi volesse approfondire dal punto di vista pratico la soluzione dell'impianto domestico la soluzione che entrerà in commercio nel 2017 di Tesla sembra molto valida almeno sulla carta considerata l'enorme esperienza che questo produttore ha guadagnati sulle batterie.
Ecco il link
https://www.tesla.com/it_IT/energy

Andrea Lombardo 19.12.16 23:15| 
 |
Rispondi al commento

Una discussione sull'energia che non tratta del costo per kwh e' tempo perso.

Camillo 19.12.16 18:55| 
 |
Rispondi al commento

Condivido quanto già detto ovvero che non è ragionevole una scelta alternativa tra le 3 tipologie, tutte contribuirebbero alla miglior generazione di energia pulita.
Per quanto riguarda i grandi impianti di pompaggio non ha senso che lo Stato se ne riappropri non avendo competenze di gestione e manutenzione (e rischi), è invece opportuno che i contratti di concessione vengano rivisti dettando delle clausole di produzione e immissione di energia secondo le richieste della comunità e non la convenienza dell'operatore.
Per quanto riguarda gli impianti di stoccaggio locali o domestici bisogna chiarire che le tecnologie non sono ancora sviluppate in maniera affidabile. Lavoro in una società di tecnologie elettrochimiche (le batterie sono celle elettrochimiche) che sta sviluppando in partnership apparecchiature atte a questo scopo, ma il percorso è ancora lungo e andrebbe incentivato. Inoltre la tecnologia più efficiente in combinazione con le riciclabili sembra essere l'elettrolisi dell'acqua, cioè la trasformazione dell'energia quando prodotta in idrogeno, e all'occorrenza riconvertito in energia tramite fuel cells. Questo anticiperebbe la cd società dell'idrogeno, ma si parla di 2030.
Al momento per pragmatismo non bisogna abbandonare ciò che si ha, senza averne un sostituto efficiente.

Paolo M., milano Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 19.12.16 16:55| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo stoccaggio domestico su rete elettrica nazionale (fatto con batterie attuali di tutti i tipi ) in italia , ma anche nel resto del mondo non ha senso in quanto antieconomico , in mano a ditte incompetenti che vendono acrocchi a prezzi allucinanti e boicottato all'origine , perché il gestore ha interesse a vendere l'energia e comprarla senza tanti fornitori e menate e burocrazie varie , e , a proposito di burocrazie ,basta leggere le regole tecniche per rendersene conto della reale volontà di incentivare questo sistema ...

mario x. Commentatore certificato 19.12.16 13:16| 
 |
Rispondi al commento

mentre tutti si riempiono la bocca di latino maccheronico (probabilmente perché quello vero non sanno nemmeno dove sta di casa) vai al distributore e scopri che il gasolio da 1,24 euro è arrivato a 1,56 euro. E scopri che il ticket per una radiografia è più caro della stessa da un privato; e che a scuola a fine trimestre gli studenti pretendono un sei anche se in tre mesi non hanno fatto un emerito c..., e la /il preside li difende pure. Poi scopri che a novembre hanno reinstituito la festa del'albero, e ora a Natale nelle piazze di paese ci sono bellissimi enormi abeti deprivati delle loro radici. Scopri poi che mentre di giorno si affannano a trovare assurdi palliativi come le targhe alterne per ridurre co2, la notte vedi le ciminiere di tutti gli impianti industriali che vomitano tanti di quei fumi che nemmeno l'Etna in 150 anni. Senti tutti quelli che incontri che si lamentano delle troppe tasse, comunali, regionali, irpef ilor iva ecc. e poi vedi all'agenzia delle entrate file immense di pecore che zitte zitte e in ordine vanno a pagare quello che c'è scritto sulla cartella Equitalia o nelle terrorizzanti lettere verdi che ti arrivano puntualmente per posta quando non sei in casa e ti scervelli per scoprire cosa c'è dentro per tutta la notte scatenando un'insonnia che nemmeno la notte del terremoto. Ce ne sono tante altre di cose da scoprire..l'unica cosa chiara è che se qualcuno non ci aiuta ad uscire da questo inferno, finirà molto ma molto male. Grillini ce la date sta mano??? io ci sto credendo ok????

nicoletta p., Vasanello (Vt) Commentatore certificato 18.12.16 20:50| 
 |
Rispondi al commento

Ottima esposizione . Sono un ingegnere e mi permetto di dare una mia opinione Per me nell'ottica dell'autosufficienza energetica , dell'ottimizzazione delle reti e del rendimento energetico vanno senza dubbio prediletti gli impianto di accumulo domestici , che hanno anche il vantaggio di utilizzare l'energia proprio la' dove serve senza inutili sprechi di energia dovuti alla trasmissione dell'energia stessa a lunghe distanze. Nell'ottica poi del bilanciamento delle reti sono senza dubbio utili gli accumuli locali di stampo locale di tipo comunale e regionale e quelli su scala nazionale per gestire gli sbilanciamenti residui
La necessità del bilanciamento delle reti risulta necessario in quanto le fonti rinnovabili sono per loro natura non programmabili
Sono perplesso sugli impianti di accumulo del tipo a pompaggio poiché hanno un impatto ambientale devastante e sono attualmente gestite dai privati per il loro tornaconto personale e non nell'interesse collettivo. È' pur vero che adesso però esistono , quindi vanno utilizzati , ma la gestione va affidata al pubblico. Se si rendesse necessario installare impianti di accumulo a livello nazionale , si dovrebbe quindi escludere la realizzazione di impianti di pompaggio e spingere verso altri sistemi come accumulatori a batterie a basso impatto ambientale
Quindi per me questo è' l'ordine di preferenza :
c) accumuli domestici ;
b) accumuli locali
a) impianti di pompaggio

Ne approfitto anche per suggerire di stilare un ordine di preferenza in seguito alla votazione e di non scartare nessuna tipologia a priori in quanto sono tutte necessarie . Si potrebbe anche fare una votazione con metodo Borda che da' un peso alla risposta in relazione all'ordine di preferenza ( esempio : prima preferenza punti 3, seconda preferenza punti 2, prima preferenza punti 1


La distribuzione della illuminazione pubblica molto estesa, non può essere la rete attraverso cui si può collegare l'impianto di stoccaggio attivato dai Comuni per le funzioni amministrative di un territorio? Il sistema di stoccaggio per aree territoriali e quello domestico, possono coesistere?
Io ritengo di sì. Alla buona stella.

Raimondo M., C. C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.12.16 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Come si fa a sottoporre a votazione la strategia da seguire per temi come questo? Una decisione politica in questo senso, presa ipoteticamente oggi, avrà effetti per i prossimi 50 anni. Come può un medico, un piastrellista, un avvocato, una casalinga, un cameriere, che GIUSTAMENTE sono occupati a sbarcare il lunario e fanno altro nella vita impegnare un movimento politico a perseguire una o l'altra soluzione? Cos'é un impianto di stoccaggio? Io che vivo in un monolocale da 35 mq all'interno di un condominio con 60 appartamenti posso averne uno e se si, a che prezzo? Vanno costituiti dei gruppi tematici con moderatori specialisti negli argomenti discussi e che siano in grado di fornire tutte le nozioni relative agli argomenti trattati. In questo modo offriamo solo il fianco a critiche (peraltro giustificate). E va messo un pò d'ordine nell'uso dei blog: qui si parla di energia e una buona metà dei commenti riguarda il caso Raggi. Detto questo, gli impianti di livello nazionale vanno mantenuti e utilizzati date le dimensioni e le capacità, gli impianti di II° livello (distribuzione) vanno riconvertiti ed integrati con quelli nazionali e, dove possibile, vanno incentivati quelli personali creando una rete a 3 livelli per lo stoccaggio da effettuare a livello nazionale; un privato difficilmente potrà investire in un impianto di stoccaggio efficiente anche e non solo per limiti economici. Chi, nel Movimento, é in grado di farlo fornisca gli strumenti per formarsi un'idea SERIA in proposito di questo tema che riveste importanza cruciale per il futuro di tutti e, già che c'é, fornisca anche le spiegazioni per cui qui si sta parlando della vita di TUTTI da qui ai prossimi 50 anni

Gianni Silveri 18.12.16 12:23| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per quanto riguarda gli impianti domestici, vedo che avete inserito i pro ma non i contro. Immagino ce ne sia qualcuno, come in tutte le cose. Vorrei conoscere anche i contro per capire e valutare meglio. Grazie! :)

Enrico Matteazzi, Vicenza Commentatore certificato 18.12.16 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Ecco un articolo chiaro, 100 a zero per i sistemi di pompaggio: http://www.qualenergia.it/articoli/20130327-quale%20accumulo-migliore-per-la-rete-elettrica

Igor M. Commentatore certificato 18.12.16 11:21| 
 |
Rispondi al commento

Non ci sono dubbi sul fatto che, per un efficiente utilizzo dell'energia da fonti rinnovabili, si debba necessariamente provvedere al suo accumulo. Possiedo un impianto fotovoltaico, posto sul tetto della mia abitazione e non riesco ad utilizzare più del 30% dell'energia prodotta.
Lo stoccaggio domestico mi consentirebbe di recuperare l'energia persa, a causa della variazione ciclica giornaliera e di quella meteorologica della radiazione solare.
Resta però la variazione energetica stagionale. In inverno ed in autunno, la radiazione solare e inferiore a quella primaverile ed estiva e risulterebbe impossibile accumulare la tanta energia prodotta in più in estate, per un periodo di tempo così lungo, almeno con i sistemi di stoccaggio disponibili oggi sul mercato. Si rischia così di avere un deficit energetico, proprio nel periodo in cui devo far funzionare una pompa di calore, per riscaldare la mia abitazione. Questo problema può essere risolto prelevando energia proveniente da sistemi di accumulo locali.
Vorrei concludere con una richiesta al sig. Zanchini o ad altri esperti che mi leggono:
potete fornire chiarimenti sulla norma CEI 021, che sembra ponga limitazioni all'installazione dei sistemi di storage?
Allego a tal proposito il seguente link .
http://m.qualenergia.it/view/18702
Buona giornata.

Massimo P., Brescia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.12.16 10:30| 
 |
Rispondi al commento

E dopo la Raggi?
IL NULLAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA.
E gli altri? godono, godono ,godono.
Mandatela a .................

zaratustra 18.12.16 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Ecco un articolo molto chiaro: 100 a zero per i sistemi di pompaggio!
http://www.qualenergia.it/articoli/20130327-quale%20accumulo-migliore-per-la-rete-elettrica

Igor M. Commentatore certificato 18.12.16 10:03| 
 |
Rispondi al commento

Questo articolo contiene una serie di errori impressionanti.
Ne cito alcuni ma è evidente che "l'esperto" ha letto si e no qualche articolo su Wikipedia e basta.
"I grandi impianti di pompaggio hanno un problema di gestione: sono in concessione ai grandi gruppi energetici". Ma quando mai?
L'acqua è data in concessione in quanto bene pubblico, ma l'impianto è di proprietà di chi lo ha costruito. Ma come si fa a scrivere certe cose? Dove le trovate le fonti? Tra l'latro allo scadere della concessione il concessionario entrante dovrebbe pagare tali impianti al concessionario uscente (Decreto Sviluppo - DL 83/2012). Se l'impianto fosse dello Stato perché mai dovrebbe farlo?
"Sono di proprietà dei grandi gruppi energetici che scelgono di utilizzarli quando è conveniente: ovvero quando guadagnano di più dalla vendita di energia elettrica" ma va??? quando dovrebbero dispacciare? quando è meno conveniente? ma se sono impianti di punta che si avviano in pochi minuti è chiaro che vengono usati quando il sistema è corto. In tutto il mondo funziona così, ma non per l'esperto, per lui è meglio farli funzionare di notte, quando non servono a nessuno.
"... e quando non si fanno concorrenza da soli" questo è un concetto interessante. Cosa voglia esprimere qui lo sa solo lui. Per non farsi concorrenza da soli si deve vendere nelle ore dove non vendono gli altri, ma ha appena detto sopra che invece vendono quando è più conveniente. L'esperto è criptico.
"Il problema è che questi impianti sono di proprietà pubblica, sono di proprietà dello Stato" Aridaglie, ci teneva a ripetere questa baggianata.
La realtà è che l'energia (in tutto il mondo non comunista è così) viene gestita in due mercati, uno dell'energia e uno dei servizi. E i proprietari degli impianti competono nei due mercati. Se l'Esperto ci fa capire quale sistema alternativo vorrebbe...
"Lo Stato dovrebbe riappropriarsi di questi impianti e gestirli in modo differente" Perfetto: l'esproprio proletario! Avanti popolo...

Stefano Scazzola 18.12.16 07:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Considerando come fonte primaria la radiazione solare (fotovoltaico e concentrazione termica) rimane effettivamente la questione stoccaggio. Per avere un'informazione appena sufficiente riguardo l'argomento, sarebbe necessario avere qualche chiarimento in più.
Per esempio qualche dettaglio "tecnico" sui modi /costi /impatto ambientale/del tipo di stoccaggio che si intende realizzare per le varie opzioni.
Chiaramente il "pompaggio" sarebbe , nel caso di stoccaggio "domestico", poco indicato. Anche batterie di accumulatori sarebbero forse antieconomiche. O forse no !
Insomma ritengo che per scegliere sia necessario un tavolo "tecnico" di competenze che possa, confortarci con dei dati e cifre fisici. Esiste una tavola di lavoro per questo argomento nel M5S ?

Alberto D'Elia 17.12.16 21:54| 
 |
Rispondi al commento

sono d’accordo con il 2° e 3° tipo di stoccaggio, mi auguro si possa a breve votare potendoli scegliere entrambi senza dover per forza sceglierne uno solo. buon lavoro

federico g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 17.12.16 20:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Energia-Fonti rinnovabili
Un sistema semplice per accumulare l'energia è quello di spostare l'acqua mare da livello zero ad una certa quota utile utilizzando l'energia solare.
L'impianto è composto da colonna verticale che viene riscaldata dal sole. Attorno alla colonna una parabola di specchi o lamiera cromata che innalza la temperatura dell'acqua in modo da produrre vapore.
Il vapore viene inviato ad una turbina solidale con una pompa che spinge l'acqua su un bacino embrifero.
Il resto del funzionamento è vecchio come il cucco.

goffredo panunzi 17.12.16 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Credo che discutere con rispetto e con apertura sia una forma importante di civiltà politica. In questa discussione mi pare ci sia una ottima maturità, intelligenza ed educazione.
Approfondisco alcuni punti senza aver avuto il tempo di recuperare ed approfondire i dati. Scusate.
Rendimenti.
Un motore a scoppio, in media, oggi ha un rendimento termodinamico tra il 20 ed il 30%. Dipende molto dal veicolo. Il rendimento stà comunque aumentando.
Il resto, diciamo per semplificare il 75% viene trasformato in calore. Questo non è trascurabile in quanto in gran parte del mondo, in inverno o comunque con freddo il calore viene utilizzato per riscaldare il veicolo. Non ho calcolato il consumo per questa operazione, ma è notevole. In molti paesi le temperature sotto lo zero durano per mesi. In siberia, ma anche a Mosca scendere a -20, -30°C è abbastanza normale.
Per cui, in queste condizioni, il rendimento medio di un veicolo può raggiungere e superare il 60%. In altre aree geografiche bisognerebbe valutare. In ambienti caldi il veicolo, viceversa, va raffreddato.
Il rendimento medio di una centrale termoelettrica è di circa il 35%, poi c,è la perdita in rete e nei trasformatori valutabile in circa un altro 10%.
Poi c'è la resa del motore elettrico/batterie che varia da circa il 90% con batterie nuove a valori più che dimezzati dopo circa un migliaio di cicli di ricarica. Diciamo dopo circa 2000 cicli le batterie vanno sostituite con un costo che va dai 20.000 a 40.000€. Il costo aumenterà per la limitatezza del litio.
In inverno e nei paesi freddi la situazione peggiora terribilmente. La resa termodinamica del sistema veicolo/batterie cala di molto, bisogna riscaldare il veicolo ecc, ecc.
Il mercato dell'usato delle auto elettriche diventerebbe nullo (usura batterie).
La questione purtroppo è meno semplice di come sembra ed infatti il mercato dell'elettrico non decolla se non in forme incentivate e "promozionali".

Giulio Bornacin 17.12.16 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Programma di riconversione energetica - SCOPO: diventare (più) indipendenti sul piano energetico attraverso lo sviluppo di fonti di energia alternativa al Petrolio (è questa la vera rivoluzione che cambierà l'Italia... L'Euro è il primo passetto ma se non si rende eplicito che la valuta globale da combattere è il petroldollaro, siamo ancora molto indietro)... Ci vorranno molti anni per attuare un programma che coinvolge (in)direttamente ogni settore economico: partire dal risparmio? Telelavoro negli uffizi statali e privati...

Emma Click, FIRENZE Commentatore certificato 17.12.16 17:35| 
 |
Rispondi al commento

A gennaio saranno 72 mesi che non lavoro . Chiedo venia ma cosa devo fare ? Senza reddito e senza lavoro si perde dignita' nei confronti dei figli.

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 17.12.16 16:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao cari amici. Vado attraverso il vostro canale per esprimere la mia gratitudine alla signora ANISSA salvato la vita dai soldi la mia famiglia per la mia operazione. Dio vi accompagnerà per tutta l'eternità per la bontà che fate per la gente. Sono molto felice che i miei genitori sono scesi su di voi e cuore aperto, si era loro concesso questo prestito. Sinceramente grazie per il vostro aiuto e la benedizione. Per chi cerca un prestito serio e veloce, io, vi consiglio di contattare questa donna generosa che fornisce sostegno alle persone che sono nel bisogno. L'indirizzo è; developpement.aide@gmail.com. Ovunque, parlerò di "tu cara signora così le persone sono sbagliate più istituti di credito. Infinitamente grazie a voi

alvine gomez Commentatore certificato 17.12.16 15:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Riposto una risposta a un commento perchè penso che possa essere interessante:
Ciao prima di tutto un piccolo appunto: il passaggio alla mobilità elettrica è obbligato per un semplice motivo: i motori a combustione delle automobili hanno una dispersione di energia intorno al 50 %. Utilizzare i soliti combustibili in grossi impianti permetterebbe di sfruttare una quantità che si avvicina al 100% dell'energia prodotta. Se ipotizzassimo che tutte le macchine in Italia ora sono elettriche e la loro energia venisse ricavata da impianti a combustibile fossile ci sarebbe comunque un enorme risparmio di energia (come se una macchina su due non circolasse) e molto meno inquinamento, essendo i filtri dei grandi impianti più efficienti. Detto questo forse ci sta che tu abbia ragione che non siamo in grado di staccarci completamente dai fossili ma dobbiamo comunque progettare un sistema energetico in cui le fonti di energia fossile siano il minimo possibile, sia perche le energie rinnovabili sono relativamente meno inquinanti, sia perchè sono "oiù eque" (sono diffuse abbastanza uniformemente sul globo a differenza delle fossili (vedi guerre medio oriente, sfruttamento africa da parte dell'eni etc.). Il futuro comunque è puntare al risparmio energetico e di risorse che ora come ora sono proprio sprecate (p.s. curiosità su questo: durante l'estrazione del petrolio viene, di solito, bruciato il gas naturale che esce dai giacimenti perchè non è redditizio estrarlo).

Michele G., Lucca Commentatore certificato 17.12.16 15:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carissimo Beppe..
sempre con l'augurio che tu possa leggere questo commento, ti lascio un link..
vorrei chiederti di prenderti un paio di ore e di guardarlo attentamente.

Il relatore è Rino Di Stefano, giornalista.

Se ti va di fare qualcosa a riguardo.
Magari rintracciare questa persona che MERITA di essere ascoltata.

Sarebbe un balzo ENERGETICO in avanti di centinaia di anni, rispetto al piano di cui vi state occupando ora.
Grazie.. =)

https://youtu.be/5DTVy8AcWHc

Massim0 M., Teramo Commentatore certificato 17.12.16 15:23| 
 |
Rispondi al commento

In futuro prevarrà la mobilità elettrica e, viste le potenze in gioco, saranno proprio le batterie (di nuova generazione) a fare da impianto di stoccaggio per l'energia in eccesso e per le necessità notturne...
sicuramente verranno messi a punto anche tanti altri sistemi nei prossimi anni quindi la soluzione non sarà univoca...
rimarrà comunque sempre la necessità di condivisione in rete dell'energia elettrica e le attuali reti si evolveranno per trasportare anche i contenuti informativi.

William FERRETTI 17.12.16 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Il futuro prossimo vedrà una civiltà con maggior bisogno di energia.
Crescita (speriamo) dell'Africa, dei paesi asiatici, dell'India e l'entrata in campo di nuove tecnologie che possono migliorare notevolmente la qualità e l'aspettativa di vita ma che consumeranno molta energia.
L'idea che un piano energetico nazionale, europeo o mondiale possa sostenersi sulle fonti rinnovabili non è plausibile. Speriamo di poter coprire il 30% del fabbisogno elettrico da fonti rinnovabili con costi economici ed impatto ambientale molto alti. Se poi si ipotizza anche la mobilità elettrica (anche se tecnicamente non è una soluzione praticabile)il fabbisogno di energia elettrica più o meno raddoppierebbe.
La cosa non ha alcun senso.
Attualmente un piano energetico dovrebbe contemplare un uso razionale delle tecnologie esistenti. Di tutte : rinnovabili, fossili e un approfondimento sereno sul nucleare di terza generazione. Il tutto come politica di transizione verso un energia da fusione (sperando che le problematiche tecnologiche vengano superate). Se non raggiungeremo una produzione intensiva e pulita di energia (fusione) il nostro livello sociale sarà probabilmente destinato ad un drastico peggioramento.
Per l'accumulo dell'energia discontinua credo che la soluzione sia la produzione di idrogeno. L'idroelettrico non ha più margini reali di sviluppo tutte le altre tecniche sono poco promettenti.
Credo anch'io, come sostenevano alcuni, che la politica energetica,non possa essere vista in un ottica puramente nazionale senza valutare costi, interconnessioni ecc.

Giulio Bornacin 17.12.16 14:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno a tutti, sono un portavoce M5S in consiglio comunale, in un comune della Liguria. Premetto di non essere assolutamente un esperto di energia, per questo avrei una domanda da porre: cosa ne pensate della cosiddetta "free energy", ovverosia la tecnica di estrarre energia dall'aria? Illustri scienziati del passato (Tesla) e numerosi studiosi ed inventori dei nostri tempi (Bruce De Palma, per fare un nome tra vari...) hanno sostenuto e sostengono che lo spazio che ci circonda non sia vuoto, ma fatto di energia. E questa energia può essere estratta. Ed hanno ideato veri e propri generatori di elettricità che sfruttano questa fonte invisibile ed apparentemente inesauribile. Cosa ne pensate? Sono tutte bufale o potrebbe valer la pena di investire in questa direzione?
Se questa tecnologia fosse realistica, forse varrebbe la pena di lasciar perdere tutte le altre (solare ed eolico inclusi) ed incentivare impianti di piccola (domestici) e media (comunali) dimensione, senza alcun bisogno di stoccare alcunché.
Grazie


...Manca l'orso panda e la pace verde e il trittico e' perfetto.
Non farei scrivere proposte sull'energia sostenibile dalle squalificate congreghe ambientaliste. Il Movimento non ne ha bisogno. Mai.
Per Roma:
il sindaco e' responsabile di tutto. Sempre.
Sarebbe bastato seguire i suggerimenti di Beppe, come la Raggi sempre in ritardo ha ammesso.
Parli poco, presenzi ancor meno e lavori sodo senza piu' giustificazioni.
Poi si vedra'.

Massimo Trento (orbo e semisordo), Belluno Commentatore certificato 17.12.16 12:19| 
 |
Rispondi al commento

La questione dello stoccaggio dell'energia è il nodo gordiano della questione in quanto le fonti fossili stoccano la materia prima che genera energia mentre con le rinnovabili bisogna stoccare il prodotto finito (l'energia) che è molto più instabile e volatile rispetto alla materia prima che da cui è stata generata. Attualmente il dispositivi adatti ad uno stoccaggio domestico quali sono ? e che garanzia di sicurezza danno ? in cina molte auto elettriche con batterie ai polimeri di litio hanno avuto incidenti come incendi ed esplosioni, nella scelta vanno considerati anche questi argomenti ed approfondimenti.

Michele L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 17.12.16 11:47| 
 |
Rispondi al commento

E' importante discutere questo argomento, e la posizione del Movimento su questo è giustamente attenta alla sostenibilità, una posizione storicamente sostenuta dalla sinistra.
Sul problema generale dell'energia in generale noto che difficilmente una posizione ecologista 'radicale' può essere solo italiana. Solo se adottata a livello europeo potrebbe essere attuabile e avere un vero impatto globale. Su questo, come su tanti altri punti importanti, dobbiamo essere Europei e europeisti!
Una visione nazionalista anche su questo punto sarebbe completamente sbagliata, spero che il Movimento si renda conto della potenziale contraddizione tra nazionalismo e problematica energetica e abbracci una visione europea.
Sul punto specifico dell'accumulo credo si debba distinguere l'aspetto tecnico dalle considerazioni 'ideologiche': l'accumulo mediante pompaggio nei bacini idroelettrici è una tecnica sostenibile e a basso impatto, va mantenuta e incentivata, anche perchè non è in contraddizione con le altre due proposte - anzi è perfino più 'ecologica', perchè usa apparecchiature esistenti e accumula energia in modo 'pulito', senza richiedere batterie. Tutte e tre vanno quindi sostenute, eventualmente incentivando i grandi operatori a fare l'interesse della collettività. Non sempre i 'grandi' sono anche 'cattivi'!

Giuseppe C., Udine Commentatore certificato 17.12.16 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Nella zona mediterranea di Antalia Turchia, anni fa ebbi modo di notare, nell'attraversarla, che tutti i fabbricati erano sormontati da una torretta con sopra un cilindro, c'era anche qualche altro oggetto, ma non si distingueva chiaramente; al contempo notai che non c'erano condutture elettriche aeree. Dedussi che quella apparecchiatura realizzava lo stoccaggio dell'energia solare, che in un secondo tempo si sarebbe utilizzata nel fabbricato o tra più fabbricati, forse interconnessi.

Ezio D'Alessandro, Avezzano Commentatore certificato 17.12.16 11:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è bene che la signora raggi si dimetta per limitare i danni. non ha la freddezza intellettuale necessaria,aveva promesso di andarsene ed ho letto che per compiacere marra ha cacciato persone serie che facevano il loro dovere


Virginia Raggi non si deve dimettere...il movimento 5 stelle deve essere unito, altrimenti è finita...Raggi sta facendo tutto quello che si può fare in una realtà così difficile com'è Roma.
Anche la storia dell'incapacità o dell'incompetenza sono fuori dal mondo. Fatemi capire: chi in questi anni ha portato ad una situazione così disastrosa era competente? Rispondente!!! Hanno la faccia come il c..o!!!

dario 17.12.16 11:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Problema: Occorre energia, quindi l'energia deve essere prodotta. I sistemi di produzione attuale sono ad alto impatto ambientale; vieppiù nel tempo insostenibile dall'ecosistema. Esistono sistemi di produzione di energia ulteriori che possono essere alternativi a tutta o a sola una parte della attuale produzione. Questi sistemi alternativi hanno il difetto di passare da zero produzione a causa dell'indisponibilità della fonte a un surplus di produzione, quindi inutilizzabile; esistono le tecnologie per accumulare tale surplus, ma costano.
Quale scelta strategica fare politicamente?
Il M5S ha già scelto la salvaguardia dell'ambiente che resta, di quello che ci aveva dato Madre-Natura; quindi occorre perseguire politiche di diminuzione dei consumi e di produzione di energia alternativa. Lo stoccaggio dipende da: quanto mi costa rispetto all'energia abituale che di notte si usa molto di meno che di giorno in termini di consumi per piccole imprese e famiglie?
Da un lato c'è da risolvere il problema costo/bisogni, dall'altro il problema dei concessionari privati. L'ENEL è nato con l'esproprio della proprietà privata.
Ancora esistono gli art. 41, 42 e 43 della Costituzione che è è stata salvata dagli italiani.

Ezio D'Alessandro, Avezzano Commentatore certificato 17.12.16 11:21| 
 |
Rispondi al commento

L'energia elettrica è un importante argomento, è altresì importante che i cittadini ne discutono, purtroppo però in questo campo si innestano delle problematiche di informazione per la gestione e la comprensione di un problema complesso e ricco di tecnicismi.
Le persone comuni non sono abbastanza ferrate tecnicamente per comprendere appieno i risvolti di tutto ciò, è difficile dare delle basi solide di giudizio pubblicando qualche articolo nell'arco di una settimana, la democrazia diretta è una cosa stupenda ma purtroppo non funziona in questi casi.
Ci vogliono le conoscenze tecniche.
d'altronde per vivere in armonia con il pianeta bisogna sempre ben comprendere che la natura non è democratica bensì una dittatura, le leggi della natura vanno comprese e ci si deve adattare non si può combatterle.
Partendo da questo assunto persone dotate di competenze tecniche debbono ricercare la soluzione migliore per la collettività umana.
Ad esempio esiste una tecnologia recente (ed antica nello stesso tempo) che potrebbe essere impiegata nella accumulo di energia elettrica, si chiamano supercondensatori e sono, senza scendere nei dettagli e semplificando, l'evoluzione nano tecnologica dei condensatori tradizionali, si tratta di una tecnologia ancora un po' immatura ma che promette grandi cose al riguardo dello stoccaggio di energia elettrica.
Porre risorse in tecnologie come questa, che si affacciano per uno sviluppo industriale e massivo sarebbe auspicabile.

Massimiliano M., ISTRANA (TV) Commentatore certificato 17.12.16 11:13| 
 |
Rispondi al commento

Piccolo post per i detrattori del Movimento 5 Stelle:

La mancanza di pudore dovrebbe essere messa fuori legge con sanzioni penali ... Poi vediamo se avreste ancora il coraggio di dire tutte le sciocchezze che venite qua sopra a scrivere per far dire ai vostri giornalai che ... "la base del Movimento 5 Stelle si ribella" ....

Comunque, si, avete ragione, la Raggi ogni tanto si scaccola ... Caccole, sempre e solo alle caccole vi potete attaccare ...

E statev' buon' pure vuje ... ^_^

* * * * *

Al resto del Blog ... Tante belle cose e buon huik hend ... ^_^

* * * * *

Un saluto particolare ad una cara persona ...
Amiiicoooo caaaarooooo ... Cià ... ^_*

EradeiLumi50 17.12.16 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Senza conoscere la legge ne' la costituzione bene, per me e' ovvio che i "diritti acquisiti" dei parlamentari sono delle semplici ruberie e percio' incostituzionali. Il Movimento non potrebbe trovare un bravo avvocato capace di provarlo e denunciarli legalmente?. E siccome e' sono un sopruso perpetrato contro il popolo non si potrebbe fare una denuncia alla Corte Europea per i Diritti dell'Uomo?

Sidney Jahnsen Medling, Milano Commentatore certificato 17.12.16 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Io penso, dopo aver letto tutti i commenti, che ci possa essere un difetto di base.
Gli esponenti del Movimento sono tali perché sono stati gli opinion maker del web e hanno saputo convogliare gli aderenti attraverso la loro attività di attrazione utilizzando la rete.
Ma questa non può essere la sola selezione (la rete)altrimenti si cade scegliendo senza sapere niente degli scelti i quali molte volte producono danni non per loro stessi ma per tutti noi.
Beppe, proviamo a vedere se ci possono essere altri sistemi.

Giuseppe B., Bibbiena - Arezzo Commentatore certificato 17.12.16 10:57| 
 |
Rispondi al commento

Siamo solo agli inizi ,piano piano vengono fuori le magagne...si troveranno le mazzette in AMA in Atac e nelle partecipate che sono:....40 quarantaaaaa!
Certo ci sarebbe da portare i libri contabili in tribunale,ma si corre il rischio di ricevere un avviso di Garanzia....Nogarin docet!
Carissimi petulanti...guardatevi in casa vostra, siete pieni di M***a!
Purtroppo toccherà al Movimento pulire!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 17.12.16 10:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Articolo interessante ma in questo momento il peso piu' grande che abbiamo e' questa classe politica con i suoi vergognosi privilegi, parliamo di quello.

Sidney Jahnsen Medling, Milano Commentatore certificato 17.12.16 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Infatti, riferendomi ai commenti precedenti, continuo a non capire il perché di tante piaggerie e scrupoli della Raggi verso esponenti legati alla destra romana. Sa tanto di patto elettorale. Ma dovrebbe essere chiaropronta che gli elettori di destraNatale a Roma non hanno votato M5S ma hanno votato contro il PD che è cosa ben diversa!

Mario Castorina, Anguillara Sabazia Commentatore certificato 17.12.16 10:46| 
 |
Rispondi al commento

fate una riforma della giustizia. dove ci sia la sicurezza della pena , basta con il buonismo chi sbaglia deve e ripeto deve stare DENTRO altrimenti saltano gli equilibri tra chi è buono e cattivo.
la durata dei processi civili e penali vanno rivisti nei tempi ed infine eliminare la prescrizione la più grande ingiustizia per le persone comuni che non ne usufruiscono

stefano s., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 17.12.16 10:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In tempi NORMALI va benissimo discutere di energia (produzione, accumulo,..) . Ma noi NON viviamo in tempi normali. Noi siamo reduci da un REFERENDUM popolare che ha avuto partecipazione ALTISSIMA. Il che significa che i cittadini sono fortemente INCAZZATI e che vogliono CONTARE qualcosa. Vogliono contare anzitutto su quello che riguarda la VITA di tutti i giorni (trovare un lavoro per il figlio, pagare l'asilo nido della figlia, farsi un esame all'ospedale, pagare la badante per la nonna, pagare le spese condominiali, l'affitto, la luce, il gas, il telefono, dare da mangiare alla famiglia...) All'energia ci penseremo PIU' TARDI. Questi problemi che dobbiamo risolvere SUBITO e vogliamo un governo che ci aiuti a risolverli.
Allora l'M5S vuole o non vuole darci tale governo?
E CHI saranno i ministri di tale governo?
Si farà come a Roma dove per scegliere gli assessori si sono impiegati tre mesi e poi si sono scelti perfino assessori collusi con le vecchie amministrazioni?

Giuseppe Pipino, Tavagnacco Commentatore certificato 17.12.16 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Perché dover scegliere alternativamente tra le 3 soluzioni, anziché portarle tutte avanti in parallelo?
Se è un discorso di convenienza economica, allora piuttosto intraprenderne due su tre, ad esempio la soluzione dei grandi impianti di pompaggio assieme a quella domestica del singolo utente... imho

E. E. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 17.12.16 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Roma la dovreste scoperchiare sempre che sia ancora possibile .....non andare via.
Forza ragazzi fateci vedere qualcosa

Alessandro Calogero 17.12.16 10:33| 
 |
Rispondi al commento

Sono informazioni insufficienti. Il tema energetico è troppo importante per essere trattato con sufficienza. E' necessario divulgare la realtà fornendo numeri precisi affinché il cittadino possa avere un quadro veritiero dei valori in gioco.

fabio amerelli Commentatore certificato 17.12.16 10:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A Roma viene giù tutto con conseguenze gravissime per i 5* e voi fate un post sull'energia ?? Il nuovo che avanza ...

Paolo Guercini 17.12.16 10:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La mia opinione è che stiamo scontando il peccato originale. La mancanza di organizzazione sul territorio.
Grillo ha inventato un nuovo motore e ha costruito un'automobile meravigliosa. Il fatto è che siccome i disonesti usano le ruote rotonde, per distinguere il M5S, ha deciso di farle le ruote quadrate.
Non funziona.
L'organizzazione periferica è la base per progredire e questa manca. Io sono iscritto da tempo, ho dato - poco - è darò ma non basta. Non siamo un partito. Ottimo. Ma organizzarci come un partito non significare perdere la nostra originalità. Non rubare, fare il bene dei cittadini, pensare a cosa serva loro. Questo lo si può fare anche se si hanno delle sedi, dei portavoce responsabili delle varie zone che relazionano sugli iscritti e le loro proposte. Bello il web ma ci vogliono ancora anni e anni perchè prenda piede in politica.
Non mi dilungo, chi vuol capire capisce e qui ci vorrebbero 200mila caratteri per spiegarmi a dovere.
Solo una cosa sui soldi. Benissimo niente finanziamento pubblico. Ma il pagamento di un bonus (non tessera .... è partitico) annuale per l'iscrizione io lo vorrei. 100.000 iscritti per 10 euro all'anno fanno 1 milione. Sono certo che per chi non se lo possa permettere e lo dichiarasse, altri potrebbero versarne 20.
Spero questo non causi il mio addio al blog. In ogni caso forza M5S, il mio voto lo avrai.

GIORGIO S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 17.12.16 10:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..che pompa co' energìa, ma è tutta n'artra storia....
harry haller


pe 'e "pompe" bigna chiama' la fanciulla de Arezzo,
la "fidanzata" der "bomba"..........quella è una "forte" in materia.........

Er caciara ...... Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 17.12.16 10:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma lo mandate qualcuno in televisione a dire qualcosa? E Roma commissariat ela e poi mettetela a ferro e fuoco. .... tappate la bocca agli avvoltoi

Alessandro Calogero 17.12.16 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno può spiegare tecnicamente in che cosa consiste un impianto di stoccaggio locale o domestico ??? Grazie


di MoVimento 5 Stelle

Raffaele Marra si sarà anche messo a disposizione di Sergio Scarpellini, ma il MoVimento 5 Stelle no. E a dimostrarlo non sono le parole ma i fatti. Grazie al MoVimento 5 Stelle sono stati disdetti i contratti capestro che la Camera aveva sottoscritto con l'immobiliarista romano, generando un risparmio di oltre 32 milioni all'anno per la Camera dei deputati. Soldi risparmiati dai cittadini italiani e, di contro, mancati introiti per Scarpellini.
Anche in Campidoglio, grazie a una mozione presentata nel 2013 dagli allora consiglieri del MoVimento 5 Stelle , sono stati risparmiati altri 10 milioni di euro derivanti dagli affitti degli edifici di largo Loria e via delle Vergini.

EradeiLumi50 17.12.16 09:38| 
 |
Rispondi al commento

BUONGIORO CREDO CHE STATE FACENDO DISCORSI DA PD,FI, FDI SIGNORI ROMA NON E LIVORNO O TORINO A ROMA CISTANNO UN A MASSADILADRI STO MARRA NE E LAPROVA DEI PRECEDENTI AMMINISTRAZIONI SPERO CHE LA VETE CAPITO

renno g., Pozzallo Commentatore certificato 17.12.16 09:31| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti ... ^_^

EradeiLumi50 17.12.16 09:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d'accordo con voi, m a chi arriva a malapena a fine mese come potrà permettersi una macchina wlettrica e per giunta pagare un bollo auto maggiorato solo perché non ci si avere un'auto nuova?

Morgese Nunzia 17.12.16 09:23| 
 |
Rispondi al commento

3
Luciano Violante percepisce un vitalizio di 9.363 euro al mese
Giuliano Amato 31.411 euro
Nichi Vendola pensionato d’oro all’età di 57 anni 5.618 euro
Walter Veltroni 5.373
Massimo D’Alema quasi lo stesso
Gianfranco Fini 5.614 euro
Irene Pivetti dal 2013, ovvero da quando aveva solo 50 anni, percepisce 6.203 euro al mese
Alfonso Pecoraro Scanio 8.836 euro al mese da quando aveva 49 anni
Vittorio Sgarbi 8.455 euro
Giancarlo Abete riceve da quando aveva 42 anni riceve 6.590 euro mensili
Rosa Russo Iervolino 5400 euro netti, più il cumulo acquisito come sindaco di Napoli. Pensionata a 41 anni e con un assegno di 8.455 euro
come Claudia Lombardo , definita Miss Vitalizio d’oro. Eletta per la prima volta nel Consiglio Regionale della Sardegna quando aveva 21 anni e divenuta presidente nel 2009 con una carriera fulminea
Domenico Gramazio (quello della mortadella) 10.877 euro
Gianni De Michelis 5.800 euro netti al mese.
Beh, non mi sembra che ci sia molto da minimizzare. La pensione d'oro è un'altra palese iniquità della Casta. E arrivare a dire, come ha fatto Renzi, che quelli che difendevano la Casta erano i 5stelle è il massimo della faccia tosta! I 5stelle volevano toglierla! Renzi voleva addirittura metterla in Costituzione. Ma qui ognuno capisce quello che gli fa comodo.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 17.12.16 09:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

2
Dunque si possono avere più pensioni, una come ex parlamentare, un'altra come ex consigliere regionale, un'altra come ex eurodeputato, un'altra infine come lavoratore normale.
Purtroppo anche se qualcosa è stato cambiato, chi ha goduto di privilegi maggiori in passato se li tiene. Come minimo uno ottiene il doppio di quanto ha versato. E questo godimento passa di generazione in generazione, a mogli, mariti, figli e fratelli che per decenni vivono con l’assegno dello scomparso. Una rendita che nasce da una contribuzione minima, da una sola legislatura o addirittura da un solo giorno in Parlamento. Un caso emblematico è quello del deputato Luca Boneschi dei Radicali che per aver trascorso ventiquattr’ore alla Camera nel febbraio del 1982 ha avuto la pensione a vita.
L’Inps ha calcolato che un vitalizio parlamentare se fosse calcolato con il metodo contributivo, oggi in vigore per tutti gli altri lavoratori, si ridurrebbe del 40%. L’assegno minimo passerebbe da 26.379 euro a 2.487 euro, mentre quello medio scenderebbe da 56.830 euro a 33.568 euro. I tagli interesserebbero il 96% dei casi.
Oggi ci sono circa 2.600 vitalizi in pagamento, per cariche elettive alla Camera o al Senato, per un costo stimato in circa 190 milioni di euro. E si tratta di «una sottostima» . Se si pensa che Renzi aveva millantato che si doveva modificare il Senato per risparmiare una grossa cifra che poi la Corte dei Conti ha quantificato in 57 milioni l'anno, meno le trasferte, ci si rende conto della truffa generale.
Se le pensioni d'oro fossero riportare al regime delle pensioni dei senza-potere il risparmio sarebbe di 76 milioni di euro all'anno (760 milioni in 10 anni). Applicando il sistema contributivo per il ricalcolo dell'insieme delle cariche elettive, si avrebbe un risparmio di circa un miliardo e 457 milioni sui primi 10 anni (oltre 100 milioni all'anno). Il meccanismo dovrebbe essere applicato non solo ai parlamentari ma anche ai consiglieri regionali. (lo dice Boeri)

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 17.12.16 09:21| 
 |
Rispondi al commento

1
VITALIZI
Vedo che continuano ad esserci delle inesattezze sulle pensioni d'oro per cui ci ritorno.
I vitalizi sono stati eliminati ma sono stati sostituiti dalle pensioni d'oro, per cui, come per molte cose di Renzi, cambia solo il nome.
Godrebbero di pensione privilegiata quasi 2 parlamentari su 3, 629 su 943, che sono alla loro prima esperienza parlamentare, e cioè tutti i 5stelle e 2 piddini su 3.
Con la differenza che 5stelle e Lega hanno chiesto di eliminarle, cosa che i media non dicono. Gli altro ovviamente si sono opposti.
I parlamentari avranno diritto alla pensione d'oro, se il loro mandato durerà almeno 4 anni, 6 mesi e un giorno. Dovrebbero riscuoterlo a 65 anni ma ci sono dei modi per averla a 60 anni. Per cui molti parlamentari hanno l'obiettivo di far durare la legislatura almeno fino al 15 settembre 2017. A meno di non riuscire a farsi rieleggere per la prossima legislatura. Per questo molti vorrebbero rimandare il voto nella primavera 2018, a scadenza naturale. Questo tipo particolare di pensione privilegiata è un istituto che nell'ordinamento italiano è riservato ai deputati, ai senatori e ai consiglieri regionali. Proprio perché è privilegiata ci si chiede se è costituzionale ma Renzi nella sua riforma voleva blindare i vitalizi rendendoli costituzionali.
Se il parlamentare è stato anche eletto al Parlamento Europeo o in un consiglio regionale, può cumulare anche 3 vitalizi. Ad essi si aggiunge, ovviamente, il rapporto previdenziale per un lavoro precedente, pubblico o privato. Si è tentato di ridurre questa pensione (Monti), chiamata contributo di solidarietà, ma senza successo. Non solo questa pensione si ottiene con regole molto vantaggiose rispetto al normale sistema pensionistico ma questa pensione da 14 a oltre 30 volte rispetto al trattamento annuo minimo dell’Inps. L’assegno varia rispetto alla lunghezza del mandato dai 1.500 ai 7 mila euro netti al mese.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 17.12.16 09:20| 
 |
Rispondi al commento

OT

MI chiedo e vi chiedo

se avete un'azienda e x qualsiasi ragione non la potete seguire direttamente che fate?

mettete un' AD 8amministratore delegato) giusto

ora questa persona supponiamo sia in azienda ed ha sempre fatto il suo dovere voi lo nominate

dopo un po' di tempo vi accorgete che c'è qualcosa che non va

cosa fate licenziate l'amministratore ed insieme a lui andate via anche voi?

non credo

si cerca un altro amministratore nella speranza che sia una persona onesta e capace

siamo sicuri al 100% che questa sia la persona giusta?

solo la prova dei fatti ce ne darà la conferma

come ho già detto in un altro commento

tirata d' orecchie alla sindaca Raggi

e tutto il M***** deve sostenerla

saluti ai monelli del blog

▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌

old dog 17.12.16 08:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Primo obiettivo da conseguire è la diminuzione dei consumi energetici, costruire e ristrutturare abitazioni ed edilizia non residenziale secondo questi criteri è fondamentale. "case ed involucri edili ad alto consumo energetico" vanificano tutto lo sforzo che stiamo facendo sulle energie rinnovabili. Secondo obiettivo dimensionare conseguentemente la potenza delle utenze, i sistemi di distribuzione e di accumulo vanno dimensionati sulle utenze. Auspico che si concretizzi uno studio territoriale con relativo piano energetico, la sommatoria delle analisi territoriali porterà alla chiarezza e alla necessaria articolazione.

Pietro I., Vignola, MO Commentatore certificato 17.12.16 08:52| 
 |
Rispondi al commento

L'iniziativa del programma è lodevole ma rischia di diventare carta straccia perchè non governeremo mai se non si istituisce un organismo di verifica della storia professionale e politica delle persone che mettiamo dentro. L'esortazione della Lombardi ad immunizarsi dai 'virus' va considetata con la masima serietà. Soprattutto nella prima fase di governo e in posizioni altamente significative come è Roma si dovrebbe diffidare, e quindi allontanare, chiunque abbia avuto ruoli importanti, politici o no, nella gestione passata fatta da Casta e comitati d'affari

Mario Castorina 17.12.16 08:48| 
 |
Rispondi al commento

Neanche degli asini, dopo aver preso numerose tranvate, probabilmente continuerebbero a gestire una forza politica di 9 milioni di elettori, come fosse una bocciofila di periferia.
Senza Strutture locali, regionali e nazionali, con un vertice ben definito e ufficialmente riconosciuto dalla base, finirete per schiantarvi contro un cassonetto dell'immondizia.
Non potete più lasciare ai meetup la scelta dei candidati da eleggere.
Bastano venti nuovi ingressi nel meetup, per ottenere una candidatura anche per il figlio di qualche mafioso, ndranghetista, o camorrista.
Voi siete dei folli!

gianfranco chiarello 17.12.16 08:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A mio avviso dovrebbe essere incentivata prima la seconda opzione per un motivo molto semplice: le disponibilità economiche delle famiglie italiane non sono altissime. Ho letto alcuni commenti che descrivono situazioni abitative di villette dove c'è lo spazio per fare tutto quello che si vuole, ma nel caso di un condominio,? Per esempio nel mio ci sono sei appartamenti da alimentare quindi che tipo di impianto e che dimensioni deve avere? E nei condomini di Milano, Roma? lasciamo perdere poi la questione del metter d'accordo tutti per la spesa da fare. A mio avviso dovrebbe quindi essere incentivata l'iniziativa intercomunale per la creazione di impianti di accumulo massivi che utilizzino le ultime tecnologie disponibili, contemporaneamente obbligare i gestori degli impianti tipo 1 già attivi a produrre la massima energia. Infine quando l'economia nazionale si sarà ripresa anche grazie agli investimenti nell'energia rinnovabile,i contributi si potranno estendere ai privati. Domanda: è più efficiente un impianto da 1milione di€ o 1000 impianti da 1000€ a parità di tecnologia? Ho letto anche che gli impianti più efficienti hanno costi troppo alti per un privato.Si potrebbe inventare una 4a opzione: gruppi d'investimento partecipato di consumatori esempio :500€quota per 10000 consumatori, investimento corrispettivo dello stato 5milioni, totale disponibile per l'impianto 10miloni. In conclusione darò il mio voto alla seconda opzione.

alessasndro bozzato, morazzone Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 17.12.16 08:41| 
 |
Rispondi al commento

La circolare choc dell'ospedale: "Migranti al posto dei pazienti"
L'azienda ospedaliera invita i medici a dimettere i pazienti per far spazio agli immigrati che stanno per sbarcare.

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/circolare-choc-dellospedale-migranti-posto-dei-pazienti-1343447.html
------------------------------

Uccisero anziana a pugni; condannati i due stranieri

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/circolare-choc-dellospedale-migranti-posto-dei-pazienti-1343447.html


In questo momento sarebbe piu' utile pensare a queste cose, non all'energia pulita.

Galileo Reagan, Roma Commentatore certificato 17.12.16 08:24| 
 |
Rispondi al commento

Grande delusione per quanto mi riguarda dopo aver scoperto che il M5S è immigrazionista come e forse peggio del Pd.
Io, come tanti altri milioni di italiani, vi ho votato perchè pensaste ai cittadini italiani, non ai clandestini.
Avete contribuito a smantellare il reato di clandestinità, un reato che in tutto il mondo civile possiede, e fa rispettare.
Calais, Ceuta e Melilla, Passo del Brennero, Ventimiglia stanno li a dimostrare che paesi come Inghilterra, Spagna, Austria e Francia non tollerano la clandestinità.
O cambiate marcia oppure il mio voto ve lo scordate. E continuero' a fare campagna contro di voi per quanto riguarda l'immigrazione.

Galileo Reagan, Roma Commentatore certificato 17.12.16 08:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MANDATE A CASA LA RAGGI, DOPODICHE' I VOSTRI PROBIVIRI, HO L'IMPRESSIONE CHE SIANO COLLUSI CON IL SISTEMA MARRA. AH! CHIEDETE IMMEDIATAMENTE SCUSA ALLA LOMBARDI

Galileo Reagan, Roma Commentatore certificato 17.12.16 08:00| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti. Ho avuto modo di affrontare queste problematiche nell'ambito delle energie rinnovabili, ma soprattutto in ambito ingegneristico, e credo che le due soluzioni più convenienti per la collettività siano gli impianti di stoccaggio locali (gestite dai comuni per la mobilità e l'illuminazione urbana) e gli impianti di stoccaggio domestici. Andrebbe fatta una discussione più ampia sui costi di gestione di entrambe le tipologie, coinvolgendo le aziende di stoccaggio, i consorzi territoriali ed i comuni presenti nel territorio nazionale e regionale nella fattispecie. In ambito domestico andrebbero fatte delle politiche di riduzione degli sprechi di energia immessi in rete e addebitate all'ente di distribuzione dell'energia elettrica. Grazie per la cortese attenzione. Buona giornata e buon lavoro.

Mario Sabetta 17.12.16 07:38| 
 |
Rispondi al commento

Quanto pressappochismo !!! E siamo alla stesura del programma, figuriamoci se dovessimo concretizzarlo. Aggiungo anche che sul punto 1, quello sulla 'benzina e gasolio' ho votato 'NO' semplicemente perchè, come è stato formulato, prescinde da tutto ciò che ci obbliga ad usare i mezzi a combustione fossile in modo improprio, a cominciare dall'uso della rete viaria - priva di ogni regola degna dell'intelligenza umana, se non pagamenti di pedaggi e multe e cioè vessazioni; per non parlare dei disattesi 'tempi della città', e del pendolarismo da ebeti (migliaia di ore di VITA passate in ingorghi e traffico caotico, ad iniziare dal primo caffè mattutino. Lasciamo perdere... ma non perseveriamo a fare liste della spesa, senza sapere cosa abbiamo in dispensa e dove andare a prendere ciò che ci manca. Altra doverosa osservazione(e per essere meglio compreso scendo di livello nel linguaggio) se stiliamo un programma del menga, che prescinde e si erge, col suo solo paternalismo più o meno arricchito dalle solite 'frasi fatte' a bibbia per ignoranti... quante Raggi o Di Maio o Fico o ecc. avremo poi al posto giusto, ma per fare cosa e con cosa ??? Non basta il vestitino elegante o scorribandare in scooter per sentirsi pronti a governare la 'VITA' di un popolo. Termino con una frase non mia, una delle poche buone di fonte old America: 'Ditemi come ottenere il massimo di buono da ciò che siamo ed abbiamo, non cosa potremmo ottenere se avessimo...'

Giovanni M., Lazzate Commentatore certificato 17.12.16 07:00| 
 |
Rispondi al commento

Comunque, tutto questo accanimento da parte della stampa contro il Movimento, rafforza ancor di più la mia convinzione che non esista la figura del "giornalista".

Io la abolirei dai dizionari. Va sostituita, una volta per tutte, col termine, molto più appropriato, di "pennivendolo".

E smettiamola, una buona volta, con tutta questa ipocrisia! Non esiste il giornalista. Tanto meno, l'opinionista. Ci sono personaggi che, di mestiere, vengono stipendiati da lobby politico affaristiche perché facciano gli interessi di queste, utilizzando il loro estro, la fantasia e una buona dose di furbizia.

Tutto il resto, sono favole per bambini.

Non litighiamo sulla Raggi. Siamo solo all'inizio: di porcate, questo sistema, ne farà per metterci contro gli uni gli altri. Nervi saldi e tiriamo diritti.

GIAN PAOLO 17.12.16 06:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti, prego gentilmente di comunicare con un certo anticipo la data delle votazioni e a chi fa commenti di attenersi all'argomento in questione che e' il programma del M5S. Grazie

Enrico Macchi 17.12.16 03:27| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma che significa mi dispiace? Mi dispiace e quindi mi sospendo e tornerò
solo dopo aver dimostrato che non c'erano elementi concreti tali da farmi
dubitare della fiducia che ho concesso a questa persona
arrestata(nonostante le notizie riportate per mesi dai giornali, dagli
avversari politici e anche da alcuni del del mio movimento) o mi dispiace,
ho sbagliato, ma resto attaccata alla poltrona? Questa scena l'abbiamo gia
vista con Di Maio poco tempo fa: mi dispiace ho letto, non ho capito
niente, ho fatto un bel pasticcio, ma resto saldamente sulla mia poltrona
con il mio bello stipendio alla faccia di tutti i disoccupati. Ma siamo
sicuri che le cose vanno bene così nel movimento? Ma a parte Pizzarotti,
che ha dimostrato che qualcosa la sa fare (contro tutto e tutti), nel
movimento chi ha dimostrato fino ad ora di essere capace di andare oltre le
chiacchiere e i paroloni? Penso che l'intero modello vada ripensato, la
protesta non basta, ci vuole anche gente in gamba e...ditemi dovè, io
continuo a vedere solo dei ragazzini inesperti molto loquaci ma per nulla
concreti. C'è un intera classe dirigente da ricostruire da zero. Beppe se
ci sei batti un colpo.

angy nap 17.12.16 02:49| 
 |
Rispondi al commento

Perchè quando scrivo un intervento critico, ma senza parolacce o offese, sul M5S vengo bannata? C'è la censura? O questo blog è per l'informazione libera? Il mio commento sul comportamento della Raggi non riesce a passare nonostante i miei ripetuti tentativi di pubblicarlo.

angela nap 17.12.16 02:47| 
 |
Rispondi al commento

se questo e' un ESPERTO di sSTOCCAGGIO di ENERGIA, io sono Babbo Natale....non mi inporta se fai pompaggio, accumulo di ISOLA (quartiere) o se domestico... mi interessa che sia ENDLESS o DUREVOLE...e comprenda certamente ETERNI CONDENSATORI...

mirco sangalli, bergamo Commentatore certificato 17.12.16 00:58| 
 |
Rispondi al commento

"linea Notte": il conduttore, noto militante PD(Ue)

dice che il M5S, dopo avere attaccato tutti i

partiti di mafiopoli, doveva mettere in conto delle

"RITORSIONI POLITICHE"...

antonio corino, torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.12.16 00:44| 
 |
Rispondi al commento

Siamo arrivati ai bambini che soffrono la fame ! Che Dio abbia pietà di noi .

vincenzodigiorgio 17.12.16 00:34| 
 |
Rispondi al commento

E Buonanotte al blog ... ^_^

https://www.youtube.com/watch?v=jTQXpMW7Cqg

EradeiLumi50 16.12.16 23:57| 
 |
Rispondi al commento

o.t...

Vabbèh Virginia, nun t'arrabbià(!):

https://www.youtube.com/watch?v=G8KwZYMQIe0

Buenas Noches!

Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 16.12.16 23:45| 
 |
Rispondi al commento

----------------TUTTO VA PER IL MEGLIO... ----------

Siamo prossimi a Natale, ancora una volta.
Vi furono anni in cui, di questi tempi, auguravo a chi fosse una persona incensuarata e soprattutto equilibrata, di farsi quel regalo che la legge ancora permette, da contenere in una piccola cassaforte a muro.

Da qualche anno ho smesso d'invitarvi a farvi quel regalo, perché per la maggioranza sarebbe inutile.

Se vi sarà un cambiamento decisivo, sono sempre più convinto che esso non avverrà per azioni del popolo italiano: non ne ha il fegato.
Non avverrà politicamente e democraticamente tramite il M5S, perché non glielo permetteranno.
Io sono sempre più convinto che se avverrà un cambiamento importante nella politica italiana, solo una specie di colpo di Stato potrà realizzarlo, con la speranza che, successivamente sia compito del M5S riportare la democrazia in Italia.

Sono sempre più convinto che nulla cambierà se non interverrà qualcosa di drammatico.

Max Stirner Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 16.12.16 23:39| 
 |
Rispondi al commento

Oggi i TG hanno dedicato 3/4 del loro programma alla Raggi perche' Marra e' stato arrestato (non Raggi) e due minuti a Sala che invece e' lui che e' indagato.

Un messaggio ai giornalisti, alcuni dei quali sicuramente sono nel blog in questo momento alla ricerca di qualcosa per mettere zizzania nel Movimento:

Se voi aveste fatto le pulci ai partiti come state cercando di farle ai 5*****, loro non avrebbero potuto rubare ne riempirsi di tutti i privilegi che hanno adesso e l'Italia non sarebbe nella situazione in cui si trova oggi. Quindi e' tutto anche colpa vostra, siete dei traditori della patria e se un giorno i vostri figli, a meno che non ricevano un favore da qualche politico di vostra conoscenza, dovranno lasciare il paese per andare a cercare l'America da qualche altra parte sara' anche grazie a voi. Mettetevi la mano sul cuore e cercate di rimediare prima che sia troppo tardi e che dobbiate rendere conto al popolo per il danno che avete contribuito a fare all'Italia.

Sidney Jahnsen Medling, Milano Commentatore certificato 16.12.16 23:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mentre voi parlate di energia quelli si vendono il paese... bravi complimenti

angelo la rosa 16.12.16 23:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Coraggio, sosteniamo la Raggi, nessuno può anche solo pensare di vincere la mafia impunemente .Di questo si parla, sono impazienti di risedersi al tavolo dalla mangiatoia.Sappiamo che entrare in quel terreno non sarebbe stato un pranzo di gala.

elisabetta d., Venezia Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 16.12.16 23:14| 
 |
Rispondi al commento

scusate se lo scrivo qua, un argomento che poco c'entra con il contesto. questo è un post su Yahoo http://it.finance.yahoo.com/notizie/euro-missione-compiuta-distrutto-potere-180000946.html e se lo scrivono su Yahoo ... leggetelo !!
https://it.finance.yahoo.com/notizie/euro-missione-compiuta-distrutto-potere-180000946.html

glauco dopo , novara Commentatore certificato 16.12.16 23:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per non dimenticare (lo posterò ogni giorno e possibilmente in ogni post sul blog sino a quando non lo vedrò passare in tutte le testate giornalistiche italiane e possibilmente anche estere).

https://www.youtube.com/watch?v=qeKbw0gLG8A

mario 16.12.16 22:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

.."impianti di pompaggio di energia elettrica"..
No comment.

Roberto Gioffredi 16.12.16 22:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

i genitori di questa ragazzina a udine non lavorano e hanno vergogna a chiedere un aiuto ( scelta non del tutto sbagliata se no gli portano via pure i figli!!!!!)
e' ora che arrivi questo beneamato reddito di cittadinanza, perche' se non c'e' piu' lavoro di qualcosa bisogna pur vivere! ( presupposto di essere onesti senza delinquere!)
a tutti quelli che si chiedono ma io lavoro e guadagno 700 euro al mese e si domandano e allora io sono scemo? si sei scemo se continui a farti sfruttare per quei pochi spiccioli che ti danno i tuoi padroni multimilionari!
cosi' si costringe il datore di lavoro ad alzare le paghe se no bestie da sfruttare non ne trova piu'!
dico a chi lavora, pensate anche solo a nonni e genitori che vivono in miseria per mantenersi nipoti e figli e che purtroppo ad un certo punto della loro vita non si possono neanche godere e raccogliere i frutti che hanno seminato nella loro esistenza!
BASTA SCHIAVI SUL LAVORO, SI AL REDDITO!

MA COSA ASPETTATE A MANDARE VIA LA TAVERNA? PER FARE CARRIERA INTERNAMENTE DA' CONTRO AI SUOI FRATELLI E SORELLE? E' INACCETTABILE BISOGNA ESPELLERLA QUELLA BURATTINA DEL PD!

SVEGLIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

genova genova, genova Commentatore certificato 16.12.16 21:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mentre voi parlate d’altri argomenti,a me capita,come a molti di voi penso, per motivi casuali, come in bar , negozi, o altri posti ,quando si incontrano persone e si comincia a parlare di qualsiasi argomento è raro che non ne troviamo una, a tutti i livelli che non mi racconti che hanno i loro figli che lavorano all’estero. E questo fenomeno è di una dimensione veramente preoccupante ,e non è solo una notiziuola di cronaca da quinta pagina in un angoletto del giornale, dato che i nostri figli stanno fuggendo da un paese inesistente verso i loro problemi di vita,dato che in Italia non c’è più futuro per le nuove generazioni . Io ho mia figlia sposata a Londra, e ha tantissima nostalgia del suo paese , ma nonostante abbia un curriculum di studio e lavoro eccellente , come suo marito, nonostante continuino a cercare di ritornare qui nel loro paese, hanno le strade sbarrate , dato che trovano solo lavori di basso livello solo per sopravvivere, non per far migliorare con la loro capacità lavorativa la loro nazione. Le TV continuano a sparare cazzate a tutti i livelli su quello che accade alla nostra politica,ma quello che dicono serve solo a disorientarci ancora di più sulla visione di come siamo messi, portandoci a ragionar sempre di meno fino al punto di spingerci a brontolare anche con il primo ubriaco che ci passa vicino e niente di più . Anche se siamo sulla strada di comportamenti quasi paranoici, è purtroppo la nostra realtà.
Abbiamo un governo, e non parlo di destra , centro o sinistra ,composto da persone che sono li da una vita, ma cosa ne facciamo di queste persone ? Se io acquisto un etto di formaggio e mi accorgo che è guasto, devo poi continuare a riacquistarlo sperando che col tempo possa migliorare ?
Se siamo a questo livello ci rimane solo la strada di farsi una canna per vedere tutto quello che ci accade attorno, con il sorriso.

giovanni (vicenza) 16.12.16 21:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' come leggere quotidiani o settimanali qualche tempo dopo, provate è una bella senzazione.
O meglio ancora leggere e scoprire qualche tempo dopo la notizia del giorno.(quella di oggi magari, per molti deve essere scoRAGGIante). Ma è meglio la senzazione precedente
Mi chiedevo, qualche tempo fa, dove li andavate a trovare tutte quelle brave persone pronte a rovesciare il brutto col bello,il cattivo col buono,il giusto con l'ingiusto.
Mi sono detto che da marte non era possibile, allora i dubbi mi sono corsi dietro e non mi hanno lasciato più.
Da un tot di tempo penso di eliminare più mediatori possibili fra me e lo stato, e solo carne che mangia la mia carne. E di pensare con il mio cervello( e come vorrei farvi capire come digito: CON IL PROPRIO CERVELLO)."Se non io per me, chi sarà per me, se non così come...."
Con quasi scherno mi ribattezzavo Di Maio (Dio Maio) e Di Battista, segue quello di prima.
Sembra uno sproloquio, il mio, ma Grillo di una volta forse mi capirebbe.
Ce ne sono tanti che si sono persi in questa illusione(25%?)e ho paura delle loro speranze nelle vostre mani. Anche nepotisti vi ho scoperti!
Mi chiedo se sono diventato un qualunquista, che trovo sempre da ridire su tutto.
Ma non sono così, solo quando penso alla nostra classe politica( voi compresi e considerati da me anche peggio degli altri), e organizzazioni politiche in genere, allora SI sono un qualunquista , è come se il mio sistema immunitario del consorzio sociale reagisse per proteggerlo da scelte devianti pericolose.
Grazie dello spazio

Spiga Gianfranco 16.12.16 21:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Regà, ce sta 'na festa de Laurea: che dite, ce imbucamo???.....

http://www.ilgiornale.it/sites/default/files/styles/large/public/foto/2016/12/15/1481790189-15578606-10211374919517929-3299117674859410199-n.jpg

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.12.16 21:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una ventata di poesia

https://www.youtube.com/watch?v=ZSV6yi1ptI4

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 16.12.16 20:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ahi ahi ahi .,..,.,.
La vedo dura .......
E intanto le periferie scoppiano tra degrado immigrati guerre tra poveri illegalità clan mafie droga ......
Arrangiarsi in qualunque modo, anche illegale, per campare .......
E la vedo dura anche perché nessuno vuole o sa' come affrontare i problemi....... Meglio svicolare volando alto.,,,
Che i poveracci de la sbrighino tra di loro..,,,
Un po' come il mercato regolatore di nota memoria,.,,,
E poveri i poveracci..... Tanto da che mondo è mondo il cetriolo è sempre pronto per l'ortolano....
E i poveracci sono abituati a prenderselo in quel posto.,.,,
La vedo dura..,, anzi Nera nera nera
Chissà quando è come se mai adda passa' a nuttata......

Giovanni. Russo, SA Commentatore certificato 16.12.16 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Una buona serata a tutti.

Amiiicooo caroooo .... Anche a te ... ^_*

EradeiLumi50 16.12.16 20:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ricetta per impoverire un paese

- riempirlo di immigrati da ogni dove
- trasferire i soldi destinati agli italiani ai suddetti
- far succedere governi sempre più ladri che affossano imprese e quant'altro
- non togliere i privilegi ai politici ma la dignità alla popolazione
- far finta che tutto cambi(con referendum farsa ecc.) affinché nulla cambi
- far credere di essere in democrazia quando invece la casta la fa da padrona e controlla le nostre vite.

Soluzione

Votare M5S e farlo andare al governo anche se troverà un paese morto che necessita di un miracolo per poter risorgere. Tale miracolo lo ha fatto solo una persona tanto tempo fa. Speriamo in un replay.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 16.12.16 20:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Udine, ragazza sviene in classe: viveva in condizioni di povertà

I casi di povertà sono, secondo il preside della scuola, sempre più frequenti e si cerca il dialogo con le famiglie per dare un aiuto


************

Gli italiani sempre più poveri.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 16.12.16 20:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hitler , Attila e Stalin non basterebbero a aggiustare l'Italia .

vincenzodigiorgio 16.12.16 20:12| 
 |
Rispondi al commento

Rimini, al bando Tu scendi dalle stelle. La scuola sceglie canti africani

I bambini di ben due istituti di Rimini e provincia non canteranno nei loro spettacoli natalizi il Tu scendi dalle stelle. Le scuole lo hanno elimanato per dei canti africani. Tutto per favorire l'integrazione

***********

Così si fa!

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 16.12.16 20:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Verona, vigili picchiati al campo nomadi: quattro all'ospedale

Notte di follia a Verona: intervenuti per sedare gli schiamazzi, gli uomini della municipale vengono aggrediti dai nomadi con spranghe e sassi

*********

Altro problemino non da poco.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 16.12.16 20:10| 
 |
Rispondi al commento

Guerriglia a Torino, profughi in strada seminano il terrore.

Riesplode la paura a Torino. A più riprese era stato dato l’allarme sicurezza nella zona dell’ex villaggio Olimpico del Moi, occupato da tre anni abusivamente da immigrati, da sempre al centro di tensioni, incidenti, aggressioni. Tra stanotte stamattina nuove tensioni tra le palazzine dell’ex villaggio olimpico: un centinaio di extracomunitari è sceso in strada in seguito al lancio di alcuni petardi da parte di persone che sono poi fuggite. La reazione è stata smisurata e la paura tra gli abitanti del quartiere è palpabile. Divelta la segnaletica stradale di via Giordano Bruno, danneggiate alcune auto in sosta, svuotati e gettati in strada cassonetti dell’immondizia. A dare l’allarme sono stati alcuni residenti della zona. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e la polizia. I profughi hanno gettato cassonetti sulla via, lanciano oggetti contro le persone che, terrorizzate si sono nascoste nei negozi costretti a chiudere. Duecento, forse trecento o anche più occupanti delle ex case delle Olimpiadi di via Giordano Bruno sono scesi. Sradicano cartelli, lanciano bottiglie e inveiscono contro i residenti della zona, se la prendono con i passanti. Le forze dell’ordine sono intervenute, dopo che una camionetta dell’esercito era stata costretta ad allontanarsi. Arrivati anche i reparti della polizia in assetto anti-sommossa. Giorni fa anche il sindaco M5S Appendino si era “accorta” dell’esistenza di un problema sicurezza.

*********

Problemino non da poco.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 16.12.16 20:01| 
 |
Rispondi al commento

Microproduzione e microstoccaggio.

questo il futuro!

Mario Agatino Tirenna Commentatore certificato 16.12.16 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera,

scusate non riesco a comprendere perchè una maniera di stoccaggio debba escludere un'altra.

Tutte e tre i sistemi non possono convivere?

EradeiLumi50 16.12.16 19:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

lo stoccaggio è tutto da promuovere, da quello singolo dell'autoconsumo, a quello di reti locali, a quello delle grandi strutture di produzione elettrica rinnovabile.

maria t., olbia Commentatore certificato 16.12.16 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Bisognerebbe distinguere più fasi per lo sviluppo dell'accumulo dell'energia, la prima fase dovrebbe essere coperta dall'utilizzo degli impianti idroelettrici (nei lontani anni 60 così ci venivano descritti, impianti che funzionano di notte quando la richiesta energetica è bassa, e quindi per non sprecare l'energia delle centrali a combustibile, si pompa l'acqua nei bacini soprastanti). Seconda fase, la realizzazione di impianti di accumulo direi di condominio con gli accumulatori del tipo tesla che stanno entrando sul mercato, per poi infine passare all'accumulo domestico dopo aver perfezionato le prime due tipologie di accumulo.

Rosario R., Genova Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 16.12.16 19:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un'altra perla della Raggi. In 24 ore ha trovato casa a una famiglia marocchina e ha lasciato nel sottoscala una famiglia italiana che vive li da tre anni.
E' ORMAI CHIARO: E' UGUALE DEL TUTTO ALLA PENOSA BOLDRINI!!! CHE BRUTTA FINE!!! SVEGLIATEVI!!

ferri 16.12.16 19:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho da tempo un impianto FTV e sono molto interessato al problema dell'accumulo che, ad oggi, credo sia ancora molto costoso.

albino c., GIARDINI NAXOS Commentatore certificato 16.12.16 19:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma ragazzi, ma stiamo impazzendo!? Le dimissioni della Raggi sarebbero deleterie! Piuttosto compattiamoci e si dia un'aiuto alla giunta e al Sindaco. Se perdiamo Roma, perdiamo la credibilità.

Alessandro M., Lissone Commentatore certificato 16.12.16 19:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@Giovanni Velato:
la gente (come me) non vuole un "piano" , non vuole "incentivi" ma solo ESSERE LIBERA di comprare l'energia che vuole dove vuole o di farla senza lacci e lacciuoli dell'Enel e del CEI .

Cioe' definire una volta per tutte che:
"la produzione di energia per autoconsumo e' libera fino alla potenza di 100 Kw "
e che
"chiunque puo' cedere energia comunque prodotta a condizione di prossimita' fisica come cessione fra privati non soggetta a nessuna imposta"

Vedrete che la fantasia degli italiani fara' il resto .

Il completamento perfetto di un solare con accumulo , per il periodo invernale e' un CHP (a metano o GPl) e non un accumulatore di idrogeno .

La combinazione pannelli + metano e' quella che gia' si puo' fare se si fosse liberi di farla .


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 16.12.16 19:14| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti. Molto interessante come video ma secondo me la domanda non è posta proprio nel migliore dei modi. Mi spiego meglio: secondo il mio umile parere ad esempio non bisogna per forza scegliere tra uno dei 3 metodi di stoccaggio non investendo per nulla negli altri due tipi ma piuttosto ci vorrebbe l'utilizzo combinato di, secondo la mia opinione, grandi impianti di pompaggio e impianti di stoccaggio domestici (così si possono immagazzinare grandi quantità di energia in modo relativamente pulito e allo stesso modo rendere più efficiente e diffuso il nostro sistema elettrico). E' possibile riformulare in modo alternativo il quesito?

p.s. una piccola curiosità: gli impianti di tipo domestici sono molto diffusi nei paesi del nord Europa e si sta creando un mercato di batterie usate di auto elettriche che vengono convertite per l'appunto in impianti di stoccaggio domestici.

Michele G., Lucca Commentatore certificato 16.12.16 19:05| 
 |
Rispondi al commento

Al fattore x vincono i neretto proprio da copione kalergi

gonfia di nuovo kalergi 16.12.16 19:04| 
 |
Rispondi al commento

o.t.

missione compiuta

non una parola sulla limpida amministrazione dell'expo da parte del brillante neo sindaco meneghino sala, iscritto al pd

si è auto sospeso dall'incarico?
quindi oggi è stato a casa a cucinare e passeggiare col cane?
seeee

io sto con Virginia
azz.....neanche quelli di mafia capitale son stati trattati con tanto disprezzo.....ha sbagliato a fidarsi, e probabilmente scegliere i collaboratori non è il suo forte..... con questi errori pare si risparmi 32 milioni all'anno.....e scarpellini al gabbio

a chi chiede la testa di soggetti onesti, inesperti incapaci, ma onesti,si faccia delle domande.....non credo troverà le risposte


Path Walker Commentatore certificato 16.12.16 18:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

finirete a denunciarvi tra di voi.
beppe ricordati di sandro mayer...
che pena

lluca u., cagliari Commentatore certificato 16.12.16 18:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buonasera,
spero che Virginia non molli, perché dei media, degli occhi bovini e dei vari animali che popolano i Tg non ci interessa nulla. È stata eletta per governare Roma e lo sta facendo nel modo migliore. Qualche ingenuità ci dà ragione nel pensare che la buona fede è il nostro punto di forza. Dovrebbe solo essere più spietata nei suoi giudizi.
Sempre avanti senza paura.
Paolo


Il quesito seppur ben formulato è mal posto, nel senso che è"troppo" anticipato rispetto all'aver definito il Piano per la transizione da Fonti Fossili a Fonti rinnovabili. Si dovrà assolutamente pianificare come "espellere" le fonti fossili dal sistema di Mobilità e questi medoti di stoccaggio al momento indirizzano, perchè sono figli della stessa "cultura" verso un sistema che tende a scaricare gli oneri del mutamento verso il cittadino. Ovvero si sottende una rete che prevede a regime gli impianti di ricarica presso le abitazioni e quindi verso la necessità di dotarsi di un "nuovo allaccio" alla rete con potenze impegnate molto più elevate anche di 10 volte superiori a quelle domestiche. Un sistema si fatto indipendentemente dal sistema di stoccaggio comporterebbe notevoli investimenti sulla rete e ne amplificherebbe le perdite a scapito dell'efficenza. Non a caso è la strada intrapresa e sostenuta da ENEL.E sistono in realtà progetti che prevedono di far coincidere il nuovo carico Elettrico, dovuto alla mobilità, con la produzione da fonti rinnovabili (Dove Serve Quando Serve). Purtroppo in questa sede non mi è possibile scendere nei dettagli progettuali ma vi posso assicurare che ci sono soluzioni puntuali, che non escludono lo stoccaggio ma lo armonizzano in un contesto di efficenza energetica e ambientale. In estrema sintesi in questa fase pensare di realizzare grandi infrastrutture di stoccaggio (esperimenti sono in corso da parte di Terna e Enel) non farebbe altro che drenare risorse e preparare il terreno ad ulteriori investimenti. Ora ad investire non c'è nulla di male ma non quando producono benefici marginali è hanno anche un forte impatto ambientale. Gli stessi investimenti fatti nel campo dell'efficentamento darebbero risultati maggiori. Per quanto rigurda lo stoccaggio "privato", la sua efficacia ed efficenza è paradossalmente legata ad abbandonare l'idea di caricare il "privato" dell'onere di fornire energia per la mobilità. Io Posticiperei.

Giovanni Velato, Roma Commentatore certificato 16.12.16 18:32| 
 |
Rispondi al commento

MANTOVAPRIMA! Veramente ella è uno sbruffone castista! non degno di venire qui! In un luogo sacro!Se gentilmente viole andare a scruvere sul facebook di sala....grazie !

silvana rocca, genova Commentatore certificato 16.12.16 18:32| 
 |
Rispondi al commento

LA RAGGI DEVE CONTINUARE L'OPERA! Tutti i media cntro! meno contro sala! La raggi non ha commesso illeciti! Se si dimette sarà uno scoppio in tutto il paese!Lasciatela stare, che da un errore (programmato dalla procura) , si rinasce Rafforzati! VIRGINIA TIENI DURO !

silvana rocca, genova Commentatore certificato 16.12.16 18:26| 
 |
Rispondi al commento

Molto bene la precisazione sul caso marra sul post odierno.

Detto ciò credo sia il migliore il capillare accumulo domestico,ma domando come rendere ecosostenibile la produzione e la gestione degli accumulatori a batteria (piombo).
Domando invece se non fosse possibile studiare un nuovo concetto di accumulo ossia ad aria compressa.
Durante l'insolazione diurna l'eccesso di energia alimenta un compressore volumetrico o a vite che comprime aria in serbatoi interrati ad alta pressione per restituire tramite turbina accoppiata ad alternatore energia durante la notte.
Il concetto è semplice e le microturbine realtà economica non dovrebbero esserci grossi problemi ma sentiamo se implementa qualche esperto...

Andrea B., Perugia Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 16.12.16 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Contro dei grandi impianti di stoccaggio: aggiungerei che, come la Tav in Valsusa, distruggono l'ambiente, in questo caso trasformando le valli in laghi artificiali con i loro rischi specifici (vedi Vajont).

Enrico Richetti, Carmagnola (To) Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 16.12.16 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Possibilmente, anche a livello domestico

Maurizio De Tomasi, Alghero Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 16.12.16 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra un po' troppo semplicistico chiedere che localizzazione deve avere l'impianto di stoccaggio, senza comunicare le tecnologie che si intende utilizzare.

Enrico Richetti, Carmagnola (To) Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 16.12.16 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Servono tutte e tre le dimensioni di stoccaggio, ma con priorità ed interventi diversi.

1) Grandi bacini idrici: NO nuovi (non c'è spazio, sono ambientalmente invasivi e ne abbiamo già molti); SI cambio di normativa ovvero obbligare/incentivare in qualche modo a metterli a disposizione del bilanciamento della rete.

2) Stoccaggio locale: incentivare l'imprenditoria a fornire stoccaggi tramite batterie (ce ne saranno a breve di esauste dall'automotive, ma ancora utili per uso stazionario), ad esempio pagando il servizio di bilanciamento;

3) Stoccaggio domestico: è il futuro prossimo, se non il presente. E' importantissimo. Da incentivare come sta facendo la Germania. Basta fare copia e incolla e predisporre le risorse

Stjopa 70, L'Aquila Commentatore certificato 16.12.16 18:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per il nord Italia (zone nebbiose come milano escluse ) bilanciamento di ottimo per famiglia normale con villetta normale:

5Kwp sul tetto
35Kwh stoccaggio con DOD preventivato al 25% di media , di notte .

Inverter da 6Kw , con trasformatore , tradizionale, risultato:da marzo ad ottobre in distacco da enel (in media) .

Attenzione, non usate inverter elettronici che non interrompono la continuita' galvanica .

Il distacco temporale da Enel viene ritenuto una violazione del contratto di fornitura: andare in vacanza ed abbassare al levetta e' irregolare.

Queste sono le norme fatte per "il magna magna" che si chiama CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 16.12.16 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Sono deluso dalle semplicistiche spiegazioni che si da delle diverse tipologie. E' evidente che non possono bastare due parole per spiegare le diverse tipologie.
Ad esempio mentre per le altre tipologie è chiaro (?) di cosa si parla quando si parla di stoccaggio locale non si capisce dell'impianto di cui si parla,
non sono chiari quali sono i costi delle diverse tipologie per il cittadino, infine per come è fatto il post "spinge" verso lo stoccaggio domestico... quello è mal gestito... quello è caro... lo stoccaggio domestico te lo gestisci da solo... ma quanto costa ognuno?
Se lo stoccaggio locale è caro lo stoccaggio domestico è carissimo... ve lo dice uno che ne ha uno in casa con un tempo di ammortamento totale che va dai 10 ai 15 anni... tuttavia un impianto fotovoltaico di 4,5 Kw con accumulo da 6 kw... impianto di produzione dell'acqua calda con collettori solari ... una oculata gestione dell'utilizzo degli elettrodomestici...tutti gli elettrodomestici in classe A, impianto di climatizzazione a pompa di calore in classe A++... cappotto termico, infissi in PVC doppio vetro... si comincerebbe a ragionare. Stiamo parlando di interventi finanziati con diverse forme fino al 65%. L'unica nota stonata i prezzi delle batterie di accumulo...

Pietro Magurno 16.12.16 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Una (buona) cella a gas separati consuma attorno a 200 watt/ora per litro minuto di gas HHO .
A questo punto stare attenti a come si fanno i conti se in moli o in kg.

Solo l'H e' stoccabile o per compressione o per assorbimento in idruri o altre tecniche piu' "esoteriche" .

Un ciclo giornaliero per consumi sui 3500 Kwh/anno e' possibile solo in aree favorite (centro sud italia) .

Ma con le batterie al piombo a vaso aperto si fa meglio e le batterie durano anche 15 anni (cioe' meta' dei pannelli) .

Una batteria al piombo tradizionale se correttamente utilizzata e' meno inquinante di quelle a gel in quanto ha solo acqua ed acido solforico (e piombo ovviamente) .

Come nel caso delle marmitte catalitiche (hanno scoperto l'avvelenamento da Palladio) voler spaccare il pelo in 4 per favorire le lobby dei brevetti crea piu' problemi di quelli che risolve.


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 16.12.16 17:36| 
 |
Rispondi al commento

OT "qualcuno mi spieghi perchè";

(...scusate, ma oggi in TV, ho visto una cosa che fa male al cuore....)


"Il pm aveva chiesto 8 anni per Antonio Cangialosi, ma l’ex compagno di Elena Romani a processo per la morte della figlia della donna, è stato assolto per non avere commesso il fatto".

Riassumo: in casa, solo lei, lui, e la bambina (questa: http://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2015/03/matilda-675.jpg) la bambina muore per un fortissimo colpo alla schiena (un calcio?); la madre assolta nei tre gradi di giudizio: il colpevole? Nessuno....(ma che cazzo dicono?? Che razza di ragionamento hanno fatto, per mandarlo assolto???....)

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.12.16 17:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ANCORA UNA VOLTA
il M5S sotto attacco dei Poteri Forti.
Virginia è Innocente I pidioti invece di pensare ai nostri delinquenti da cui Virginia ha preso subito le distanze, pensino a De Luca e alle sue fritture che è meglio

Andrea Ciolli, Roma Commentatore certificato 16.12.16 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Stoccaggio domestico tutta la vita!
Ho un impianto fotovoltaico off-grid (quindi con batterie, totale autoconsumo) da quasi tre anni e sono estremamente felice e soddisfatto.
Non prelevo un singolo kw dalla rete da più di due anni.

Alfio Lo Castro, Carlentini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 16.12.16 17:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Opps... Ovviamente non si dice con che cosa si stocca l'energia elettrica.
Allora, le tecniche attuali sono: Batterie, aria compressa, batterie a volano, supercondensatori, pile a combustibile e celle a idrogeno.(Richard Muller, energia per i presidenti del futuro) http://www.ibs.it/code/9788875783600/muller-richard-a-/energia-per-presidenti.html oppure http://www.codiceedizioni.it/libri/fisica-per-i-presidenti-del-futuro/.
Solo le prime 2 sono accessibili a privati/piccole imprese.
Avete presente la batteria della Punto, Yaris.. 80/100 Ah...Con una batteria così il forno a microonde va 15 minuti. Moltiplicate per le ore di quanto non va il vs impianto solare e fate i conti.
Non so se un governo 5 stelle sarà in grado di incentivare delle batterie inquinanti, che durano 4/5 anni, di media.
E nemmeno un impianto a aria compressa, perchè costa, cazzo se costa; e devono essere silenziati; avete presente un compressore ad aria? Si parte da lì...
Non è solo questione di politica, ma anche di fisica. Anzi specialmente di fisica.
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 16.12.16 17:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

. Negli Usa e' stata promessa una tassazione lacrime e sangue per le imprese che si ostinano ad esportare posti di lavoro. Da noi i soli argomenti degni di essere socialmente citabili e praticabili sono la promozione di studi di settore, di gender, di eventi culturali, di buona scuola, di matrimoni omosessuali, di musei, di opere d' arte e di concerti come se avessimo gia' tutto il resto. Cosa che avveniva anche nell' URSS dove la gente faceva file chilometriche ai supermercati ma in compenso poteva fare sport, ascoltare musica classica e visitare musei. Gli Usa sembrano oggi orientati ad avviare una politica economica protezionista. il Pd) rimane orientato a svendere. Svendere tratti di mare e zone di pesca, realta' produttive, compagnie aeree ed anche attivita' finanziarie che devono essere sfruttate per motivi ideologici. Vedi Mps, Banca Etruria, Coop rosse. Si devono convincere che sono geneticamente negati per ogni azione di governo che contempli la produttivita'. Non e' affar loro e non lo e' mai stato. Beppe Grillo dovrebbe riprendere il vecchio programma e riproporlo. Solo partendo dal sociale si puo' guadagnare la fiducia degli elettori, di altri elettori. Le energie rinnovabili e l' energia in genere e gli altri programmi verranno dopo.

Francesco C. Commentatore certificato 16.12.16 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Il programma del M5S. Ricordo che tempo addietro Beppe Grillo aveva idee ben chiare in proposito. Intervento sul sistema sociale, su quello produttivo, su quello bancario e su quello valutario. Sono tutti argomenti lontani anni luce dalla mentalita' Pd per il quale gia' solo il comparto sociale e' il luogo dove applicare la tassazione per tutti. I Pieddini non hanno mentalita' imprenditoriale, non sanno come ridurre le spese, non sanno dove e come creare risorse.Mi riferisco ai pieddini delle classi basse quelli privati della capacita' decisionale. Quello sociale e' anche il comparto piu vicino alla sensibilita' della gente ed e' quello che dovrebbe avere la priorita'. Quindi reddito da cittadinanza. Il tessuto produttivo. Oggi e' allo stremo. Il programma di Trump potrebbe essere di orientamento. Anche questo settore e' lontano anni luce dal modo di pensare Pd e dei suoi elettori soprattutto sotto il profilo politicamente strategico. Loro lo chiamano capitalismo e nutrono un profondo disprezzo per tutto quanto contribuisce a creare ricchezza. Tassazione a parte. Non hanno la possibilita' di promuoverlo perche' perderebbero voti ed elettori. Gli elettori Pd odiano l' industria e la piccola e la grande imprenditoria

Francesco C. Commentatore certificato 16.12.16 17:03| 
 |
Rispondi al commento

NONVEDO PERCHé DOVER SCEGLIERE UN E UNO SOLO DELLE POSSIBILITà, QUANDO INVECE LO STOCCAGGIO DOMESTICO ANDREBBE A BRACCETTO CON LO STOCCAGGIO LOCALE.
AD ESEMPIO SE ROMPO IL MIO IMPIANTO, PER QUALCHE MOTIVO. O PER ALLUVIONE, O EVENTI ATMOSFERICI PARTICOLARI.
ALLO STESSO MODO, NON DIMENTICHIAMO CHE L'IDROELETTRICO ATTUALE HA LA POSSIBILITà DI FORNIRE UNA SCORTA IMPORTANTE DI ENERGIA, MA LO STOCCAGGIO NON PUò ESSERE SCISSO DALLA NECESSITà DI AMMODERNAMENTI DELLA LINEA DI DISTRIBUZIONE AD ALTA E MEDIA TENSIONE SIA PER IMPIANTI ESISTENTI MA ANCHE PER LA RETE TRA GLI STOCCAGGI LOCALI E TRA ESSI E LE UTENZE.
QUESTITO DA ALLARGARE

Andrea Pellicioli, Sorisole Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 16.12.16 17:02| 
 |
Rispondi al commento

. E' un punto debole. A meno che non si parli di piani quinquennali statali come nell' URSS di Stalin. Piani quinquennali di cui conosciamo i risultati. La politica di tassazione Pd ha finito per distruggere anche il terziario e l' ha consegnato i mani non italiane, cinesi ad esempio. Loro si ergono a paladini di tutto quanto e' socialmente progressista e difendibile, guardano con occhi compassionevoli all' Africa, all' India, al Pakistan, alla Siria, al Calliffato, alla Palestina ed all' Islam in genere. Ora non dico che non sia una cosa bella dedicarsi ai piu' poveri ma oggi i piu poveri siamo noi. Il resto e' demagogia, non populismo. Dietro tutto cio' e' indubbio ci siano anche le mani forti. I globalisti e la finanza internazionale per esempio. Dal momento che oggi per stare al governo senza far niente, in totale inettitudine, e' necessario essere legati a doppio filo con la massoneria ed il new word order, mi domando quanto il Pd potrebbe essere ancorato a qualcosa che ha apparentemente sempre disprezzato ed odiato. Chi della sinistra italiana e' legato alla Trilaterale ed alla Bildberg? Piccola ricerca su internet per rimanere allibiti. Negli Usa e' stata promessa una tassazione lacrime e sangue per le imprese che si ostinano ad esportare posti di lavoro.

Francesco C. Commentatore certificato 16.12.16 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Ovviamente non ci sono dati. Mai. Sono favorevole, ma con gli impianti di pompaggio ci facciamo un po' di.. pippe.

Io ho lavorato all'impianto di pompaggio di Piolo Sangallo, Siracusa. E dopo ho lavorato su vari impianti idroelettrici. Tra l'altro. Cosa voglio dire: che gli impianti di pompaggio, si scaricano in poco tempo, alla massima potenza, in 3-4 ore. Allora d'inverno, dalle 5 di sera, il bacino mi può dare 4-7 ore di autonomia. Sperando che domani ci sia sole. E poi bisogna vedere quando ci sono i picchi di richiesta d'energia. Tipico sono le 8...
Se convertissimo tutti gli impianti idroelettrici d'Italia in stazioni di pompaggio, bisognerebbe che facessimo un bacino equivalente al lago che alimenta l'impianto (o la sua portata); e ovviamente quando si carica il lago superiore, l'impianto non produce energia.
Con che risultato? Adesso l'idroelettrico ci fornisce ci fornisce il 10/12%.
Ma non tutti gli impianti sono a salto bacino-centrale, per esempio, le moltissime centraline che ci sono nei canali che sfruttano solo la pendenza del canale.
Non è solo questione di politica, ma anche di fisica. Anzi specialmente di fisica.
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 16.12.16 16:54| 
 |
Rispondi al commento

OT

Non si può chiedere alla sindaca Raggi di dimettersi xchè eletta dai cittadini

il Marra è un dirigente del comune

non è iscritto al M***** non lo ha assunto la Raggi semplicemente era già sul posto

a quanto sembra i reati li ha commessi nelle giunte precedenti

l'unico appunto che si può fare alla Raggi è

xchè ha difeso a spada tratta quelle persone

i dipendenti del comune non si possono sostituire ad ogni cambio di giunta

quindi bisogna fidarsi fino a prova contraria

calma e gesso non cercate di buttare tutto all'aria ma una tirata d'orecchie alla Raggi....

poi c'è l'opposizione che cerca, screditando la Raggi, di nascondere le sue responsabilità in Roma che sono enormi

si attaccano al fatto che politicamente è deplorevole

xchè non è forse deplorevole il fatto di aver dato denari in cambio di voti

questo è stato fatto da un governo PD ma nessuno ha detto nulla

a proposito del post

tutto bello ma c'è un problema che è il costo di queste innovazioni e non tutti ce lo possiamo permettere

saluti ai monelli del blog

▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌

old dog 16.12.16 16:52| 
 |
Rispondi al commento

OT

Girala girala, alla fine del giro rimane quello che abbiamo TUTTI pensato dall'inizio: bisognava reperire - per Roma - personale NON coinvolto in nessuna Giunta clientelare PD-Rutelli-Alemanno eccetera. Si sapeva che la vittoria era quasi certa, il tempo non è mancato. Dunque se facciamo salva la buona fede bisogna dire che ci son state imperdonabili imperizia e dilettantismo.

Io non direi che la Raggi deve dimettersi, ma solo se si fa una pulizia radicale con azzeramento della Giunta e si riparte con un coinvolgimento totale dei vertici del Movimento e di Beppe in primis. Se no è meglio che se ne vada... tanto avendo ancora vecchi figuri coinvolti nelle Giunte passate, si andrebbe da uno scandalo all'altro iperpompato dai media, con danni esiziali in vista delle elezioni politiche!

[!]


Volevo ricordare ai Troll di scrivere commenti anche su:
1-21 ml presi dal PD. Boccadutri DL senza rendicontazione.
2-100 ml di debiti dell’Unità a carico dello stato
3-600 ml a De Luca per il debito trasporti
4-Il sindaco di Pescara Alessandrini PD scoperto bugiardo su intercettazioni
5-30/40 miliardi per Fondo atlate(salva banche di cui 240 ml CassaDDPP)
6-150ml nel 2015 all’Expò (sala)
7-52 ml depenalizzati all’ILVA per frode.
8-Sindaco PD di Brescello Coffrini comune sciolto per mafia
9-Europarlamentare PD Caputo indagato per voto di scambio .
10- 485mila ai partiti defunti a Gennaio 2016:UDC-API-UDEUR-MPA
11-Di Girolamo sindaco PD di Terni indagato
12-Valter Nebbiai ex assessore PD a Livorno
13-Presidente Pitella PD della Basilicata
14-Ex sindaco e consigliere reg.Basilicata PD Vito Sarsiero
15-Assessori Basilicata PD Ginefra e Pace

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 16.12.16 16:29| 
 |
Rispondi al commento

A parte i bacini idroelettrici non si parla di quali tipi di stoccaggio si propongono, se a batterie o di altro tipo.

Un modo è quello di trasformare il surplus elettrico in idrogeno e poi alimentare con l'idrogeno una turbina per restituire l'energia.

Con l'idrogeno H2 e la C02 recuperata è però possibile creare anche metano sintetico CH4, detto anche E-GAS per alimentare le auto.

In attesa delle auto elettrice un modo intelligente di stoccare l'energia solare o eolica è proprio quella di trasformarla in METANO da immettere in rete e poi nelle bombole delle auto a metano, che sono già oggi disponibili.

Tommaso Bargiacchi 16.12.16 16:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi chiedo chi farà' la manutenzione degli impianti locali e domestici.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 16.12.16 16:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cor Movimento, l'impianti de stoccaggio; si ce staranno ancora questi, n'vece,l'impianti de 'sto cazzo...

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.12.16 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Domando al garante :
Con questo secondo punto dovrei dedurre che Legambiente sovraintende il programma Ambiente per il Movimento ?
Sono anni che seguo i vari convegni nel Tigullio e capoluogo di provincia e devo dedurre che il Movimento ne ha condiviso i contenuti?

Gianelli Enrica 16.12.16 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Fantastico!!!! Non aspettiamo altro che diventare parte attiva del sistema energetico. Siamo stanchi di essere LEGATI alle utenze di chi poi utilizza i benefici per scopi politici o di parte. BASTA BASTA BASTA!!!Usciamo dalla preistoria! Siamo sempre più numerosi....Non mollate, hanno i mesi contati...

Enrico Duri' 16.12.16 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Adesso i giornalai hanno tanta carne al fuoco x arresto di Marra
Non si parla più di referendum sul Jobs act...
È ora di sostituire subito i dirigenti mancanta
Attenti alle trappole valutare bene curriculum
ANDIAMO Oltre senza tentennamenti
Forza Romani
Forza sindaca Raggi

Reteramo 16.12.16 15:45| 
 |
Rispondi al commento

La scelta 1 è quella economicamente più ragionevole ma questo non significa escludere la 3, ma solo dare un diverso ordine di priorità.
In astratto si chiede se gli accumuli son meglio centralizzati o decentralizzati:
centralizzati costano meno (alcuni esistono già) e sono più efficienti, decentralizzati sono più vicini o persino dentro le abitazioni.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 16.12.16 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Questo intervento é assolutamente insufficiente da un punto di vista informativo.
Presenta le cose in modo solo qualitativo.
Con una villetta magari hai lo spazio per uno stoccaggio, ma in un appartamento?
Lo stoccaggio di acqua in un lago ha un impatto ambientale minimo, quale impatto ha invece il ciclo di vita di pile di batterie messe nel garage o in soffitta?
La scelta tra i 3 sistemi non e' alternativa. Ci vuole semplicemente un mix furbo e ottimizzato di tutti e tre.

Michele B., Campodarsego Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 16.12.16 15:21| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

O.T.:

¡¡¡Hola egregio señor Beppe Grillo✰✰✰✰✰ e p.c. Blok... paziente!!!

LA VERA SINISTRA É SPARITA DA DECENNI!
LA DERIVA DEL FASCISMO YTAGLY-ANO ESISTE ANCÓRA!

Il mio è un semplice suggerimento strategico:

traspare che la gentile sindaca di Roma Virginia Raggi si sia fatta ammaliare dalle
sirene derive della fascinosa politica di destra a costo di penalizzare tutto il Movimento.

Qualcuno Le spieghi che il pericolo della dittatura è vicino e che le sue non possono
essere solo scuse ma una rapida svolta a favore del popolo non solo romano.
I rappresentanti del popolo non possono avanzare strenua difesa
di chi contro il popolo agisce.

Hasta la victoria siempre.

Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 16.12.16 15:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In questi 3 anni i media si sono asserviti in modo assolutamente vergognoso a Renzi.La Rai poi si è genuflessa interamente ai desiderata del CdG,il quale ha occupato al 99% gli spazi di informazione con una propaganda martellante di tipo orwelliano.Sia Renzi che i suoi ministri e in particolare Poletti per 3 anni hanno diffuso dati falsi su una presunta crescita che nessuno vedeva e i media li hanno riportati senza battere ciglio.Ma un Paese non cresce perché lo dice la propaganda di Stato.E' facilissimo smontare questi dati e mostrarne il carattere puramente falsificatore.I dati contrastavano in particolare con quanto riportato dalla Corte dei Conti,dalla Ragioneria di Stato,dal CGIA di Mestre,perfino da Sole24 ore di Confindustria,dalla BC,dagli osservatori economici europei e dal Fm
A causa di questa falsificazione della realtà,i nostri media hanno perso ben 8 punti nella classifica della libertà di stampa,scendendo al 77° posto,ultimi in Europa dopo Paesi come Tonga, Burkina Faso e Botswana.Ma ancora qualcuno crede che ripetere i dati falsi di Renzi possa essere tollerato?La satira è andata a nozze con le balle del Bomba,balle ripetute con grandissima faccia tosta addirittura dopo l'esito del referendum,dove è stato chiaro che la maggior parte degli elettori a quelle balle non crede più
Ne cito solo una "Debito pubblico:43 miliardi in meno",quando il dato 'reale' è di 105 miliardi di debito in più,certificati da Bankitalia,o i presunti 150.000 posti in più della 'buona scuola',contro appena 48.000 persone che nella scuola lavorano da più di 6 anni e che sono state normalizzate su richiesta dell'Ue nel delirio delle assegnazioni a sorpresa in una scuola che ancor oggi alla fine dicembre vede le aule senza insegnanti a causa del caos che ne è conseguito tanto che persino Renzi è stato costretto a licenziare la Giannini.Mi sono persino stufata di ripetere che chiamare 'occupato' chi ha un solo vaucher la settimana è una presa per i fondelli

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.12.16 14:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo articolo non mi piace.
Non e' un vero approfondimento, letto cosi' dobbiamo pensare che l'impianto di stoccaggio casalingo sia il migliore, ma probabilmente servirebbe un mix di tutti e tre per gestire al meglio sia le piccole che le grandi esigenze di consumo.
Che poi lo stoccaggio centralizzato possa essere una soluzione proprio non credo, non abbiamo abbastanza acqua, laghi, dislivelli, etc, per accumulare tutta quell'energia.
Per cio' che riguarda quello casalingo, cio' su cui dovreste dare delucidazioni ben fatte, non prese in giro, e' il riciclo delle batterie.
Sono d'accordo che il futuro dovrebbe essere elettrico, ma il riciclo di batterie e celle solari chi lo fa e come?
L'energia eolica e' una bella cosa, ma non e' il caso di ritrovarsi in tutti i giardini dei tralicci che sembrano grattacieli ed un impatto visivo che se si potesse evitare sarebbe meglio.
Non stiamo parlando dei mulini di un tempo, quelli di Don Chisciotte per intenderci.
Non vorrei dover rimpiangere il metano che non e' illimitato, ma inquina meno di gasolio e benzina, per non parlare del carbone e dell'uranio.
Per favore, documentazione seria se vogliamo far fare scelte serie e non teleguidate.
Ciao, Mario

mario c. Commentatore certificato 16.12.16 14:44| 
 |
Rispondi al commento

GENTILONI COME " BELLO FIGO"
AVETE VOTATO NO PERCHE SIAMO TIPI LOSCHI? PROMUOVO A ALLA MIA SEGRETERIA LA MINISTRA... BOSCHI
AVETE VOTATO NO ALL'EX GOVERNO? VI PIAZZO MINNITI AL MINISTERO DELL'INTERNO.....
AVETE VOTATO NO PER MANDARE VIA ALFANO? LO PROMUOVO AGLI ESTERI E A VOI VI BRUCIA L'ANO...
AVETE VOTATO NO AL GOVERNO RENZI? LASCIO ALLA SALUTE IL MINISTRO LORENZI-N..
AVETE VOTATO NO AI SENZA LAUREA? SIETE CRUDELI! METTO ALL'ISTRUZIONE LA FINTA LAUREATA.. FEDELI
AVETE VOTATO NO A QUEL GOVERNO DI INETTI? LASCIO AL MINISTERO DEL LAVORO IL LOBBYSTA... POLETTI
AVETE VOTATO NO? SIETE MESCHINI.. LASCIO AI BENI CULTURALI IL LECCACULO.. FRANCESCHINI...
AVETE DETTO NO VERSO IL SEGGIO CAMMINANDO? VI LASCIO ALLA GIUSTIZIA L'EBETINO... ORLANDO
AVETE BRINDATO ALLA VITORIA DEL NO CON FUOCHI ARTIFICIALI E BOTTI? VI LASCIO ALLA DIFESA LA... PINOTTI.....
AVETE DETTO TUTTI NO! IN UNA MATTINA?? LASCIO ALL'AGRICOLTURA IL MANCATO ZAPPATORE.... MARTINA
INSOMMA MIEI CARI ITALIANI SE OGNI TANTO VI ELEVIAMO A "ELETTORI" NON VI DA IL DIRITTO DI ROMPERE I COGLIONI..... IL GOVERNO E' COSA NOSTRA

aniello r., milano Commentatore certificato 16.12.16 14:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Queste 3 proposte mi sembrano molto fumose e superate,non dovremmo invece parlare di stoccaggio innovativo ossia,produzione di Idrogeno come combustibile oppure di super condensatori di cui gli inventori Italiani dell'Eolico d'alta quota Kitegen studiano da tempo

aldo marotta 16.12.16 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Ma nun l'avete capito ancora, che so' in corso 'e "grandi manovre" de' certi fiji de 'na inconsolabbile mignotta, de' tanti che se vedono ggià ner dimenticatoio de 'a Storia, senza più 'i privileggi e'a vita da sogno che a l'artri umili, pidocchiosi Itajani, se possono solo sognà?? ma tirate fori 'i cojoni, 'nvece de piagne come donnette dicendo "l'avevo detto", noci tostate.. (in ungherese)....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.12.16 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Una cosa è certa, toccando Roma (la capitale) si sono toccati i fili dell'alta tensione. Bisogna utilizzare le attrezzature adeguate, per non rischiare di rimanere fulminati. Metafora a parte, dall'inizio di questa amministrazione (se si guardano le tv) sembra che nella capitale si stia consumando la peggiore manovra amministrativa. Eppure non mi ricordo che nel mentre di altre amministrazioni, si usavano questi toni, malgrado i danni causati. Provate ad immaginare per un solo istante quando si andrà al governo del Paese, con tutte le verità nascoste, servizi dello stato deviati, poteri forti, lobby e corrotti vari... Ci sarà da combattere fino alla "morte". Io sono pronto!!!

Carlo G. Commentatore certificato 16.12.16 14:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Auff.....

https://www.youtube.com/watch?v=JsfbX_veiP0


https://www.youtube.com/watch?v=JsfbX_veiP0

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.12.16 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Nomine Raggi – perquisizioni 
15 DICEMBRE 2016CLAUDIO CHIARAMONTE
Oh finalmente lo Stato che funziona … era ora !!!
Ma come mai in oltre 10 anni di Mafia Capitale non si sono presentati mai ???
Ma come mai Fratelli d’Italia (l’Italia s’è persa !) non va a fare le pulci a de Luca, a vedere chi ha nominato e con quante “fritture” ???
Ma come mai nessuno si scandalizza del perché alcune Signore famose sono dove sono ???
La Madia (cocca di Veltroni prima e D’Alema poi) che ha avuto per fidanzato il figlio di Napolitano, ad esempio;
Il primogenito del PdR Mattarella, Bernardo Giorgio, è infatti capo dell’ufficio legislativo del dipartimento della Funzione pubblica, cioè è un uomo di punta dello staff del ministro Maria Anna Madia. Lo rivela anche il compenso: 125mila euro annui lordi;
l’intellettuale Piergiorgio Odifreddi affila la penna: «È una raccomandata di ferro con un pedigree lungo come il catalogo del Don Giovanni, è figlia di un amico di Veltroni e la sua candidatura è espressione del più antico e squallido nepotismo mascherato da novità giovanilista e femminista».
L’Agnese Landini (moglie di Renzi) che nel tourbillon geografico multichilometrico che ha riguardato le sue colleghe e ed i suoi colleghi ha trovato una sede sotto casa.
e la moglie di Franceschini ?
e a moglie (ed il fratello) di Alfano ?
e la Fedeli, proveniente dritta dritta dal sindacato ?
e la Boschi (stendiamo un velo pietoso) ?
ed il marito della Finocchiaro ???
Queste situazioni a “lor Signori” vanno benissimo vero ???


Se fossi al posto di Virginia eviterei qualsiasi contatto con gente che ,se non ha la lebbra , è stata in contatto con tanti lebbrosi ! In un momento normale , con avversari normali , si può anche collaborare , ma abbiamo a che fare con gente che ci studia con il microscopio in attesa di fare di un capello una quercia ! Svegliaaaaaa!

vincenzodigiorgio 16.12.16 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Gentiloni basta barconi!
Su Roma, quelli del pd dovrebbero star zitti per un secolo, con tutti i ladri e lestofanti che hanno in casa, anche perché trattasi di mera "leggerezza " nella scelta di collaboratori e non scelta "intenzionale" come vorrebbero far credere.
Detto ciò, meno leggerezze, e avanti con il lavoro di pulizia dei parassiti che infestano Roma e l'Italia! Forza Virginia!!!
Il tuo è un lavoro durissimo, ma sarà premiato. In alto i cuori!

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 16.12.16 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Andate sulla conferenza della Raggi...altri troll a pagamento!
Aooo je brucia dopo la vittoria del SI!
hahha...poverini!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 16.12.16 13:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La procura Romana negli ultimi sei mesi ha deciso di lavorare !!!!
Cordialità

Toto A., Milano Commentatore certificato 16.12.16 13:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

100% OK. Mi auguro si studino mezzi di stoccaggio di energia solare anche sulle automobili ad energia elettrica ed ibride.

Fasog Gi 16.12.16 13:42| 
 |
Rispondi al commento

grazie al M5S che porta all'esame di tutti noi i vari punti sui quali discutere!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 16.12.16 13:40| 
 |
Rispondi al commento

andate sulla"bufala a Roma" ...leggerete quanti troll chiedono le dimissioni della Raggi!
Patetici perchè le buttano lì senza alcun ritegno e senza conoscere i regolamenti comunali,le nomine,le promozioni,i curricula le mansioni,...
pensano solo che per il bene del Movimento la Sindaca debba dare le dimissioni.
Sono patetici,mi auguro solo che i Romani,unici cittadini a decidere,si rendano conto delle difficoltà create appositamente all'attuale amministrazione.
Vorrei precisare che il reato di Marra risale al 2013 e che il reato della Muraro si è saputo con l'avviso di garanzia di Lunedi c.m.
Quindi ripeto cari pidioti evitateci le vostre cazzate...pensate piuttosto alle firme false di Siracusa,A milano,e ai 9 dirigenti di Roma già condannati e che hanno patteggiato.
ps: Marra verrà sostituito come dipendente del Comune.
La Muraro si è già dimessa con l'arrivo dell'avviso.
Guardatevi in casa siete pieni di ladri!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 16.12.16 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Che schifo il servizio in diretta di rainews24 sulla conferenza stampa della Raggi!

Maurizio Penna 16.12.16 13:33| 
 |
Rispondi al commento

a) Non facciamoci intimidire dalle toghe ammaestrate , riconosciamo che il problema c e e , su questo aspetto , riabilitiamo i governi di centrodesta democraticamente eletti .

b)Questa volta il quesito va meglio .
Il verbo "prediligere" va chiarito in senso pratico .
Sono necessari tutti e 3 i livelli di stoccaggio in funzione di quale utenza vogliamo servire . La Alcoa se ne e andata per costo dell energia , se vogliamo tenere industrie energivore solo i grandi impianti danno risposta .

c)Io suggerirei un approccio misto sul lato della ricerca: stabilita sui grandi impianti e recupero dell esistente , liberta totale su quelli familiari ( No Cei 021, liberta di distacco da enel , no burocrazia , no incentivo ) .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 16.12.16 13:26| 
 |
Rispondi al commento

Signori ottima iniziativa di democrazia diretta ma non mi sembra molto bilanciato come riassunto di pro e contro. Non c'e' nemmeno un pro per l'utilizzo dei bacini idroelettrici, non si parla di capacity market, non si parla di carbon floor che incoraggerebbe l'utilizzo efficiente delle risorse secondo logiche razionali (l'interesse generale non va contrapposto all'interesse di mercato, i due combaciano fintanto che non c'e' manipolazione di mercato, che e' diminuita fortemente e che l'Autorita' ha nuovi mezzi per combattere). Ci vuole anche un confronto monetario delle differenti opzioni cosi' che gli italiani possano capire quanto sarebbe il costo in bolletta delle differenti opzioni.

Pierluigi Frison 16.12.16 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Io sarei propenso a tutte e tre le scelte però non si può fare tutto subito perciò penso che la migliore scelta sia quella di tipo domestico.
In modo graduale,in futuro, si dovrà optare per sviluppare impianti di stoccaggio di
reti Locali e infine di grandi impianti.

Franc A Commentatore certificato 16.12.16 13:23| 
 |
Rispondi al commento

Di sicuro Marra e Muraro sono state scelte sbagliate, spero prese in buona fede, ma se non c'erano loro da linciare, il Sistema avrebbe trovato un Nogarin o un altro appiglio per far scordare agli italiani la situazione in cui versa il paese e le relative responsabilità.

Caro Beppe, ritira il simbolo a tutti gli eletti, in Parlamento e fuori.

Basta fare da parafulmine mediatico ai ladri di democrazia, lasciamoli soli con le loro responsabilità e ci penseranno i Forconi ad andarli a prendere.

federico2 s. Commentatore certificato 16.12.16 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Oggi c'è pieno di troll ovvero pidioti pagati per spargere merda.
E pensare che basterebbe conoscere i modi con cui si propmuovono i dipendenti comunali,gli accertamenti attraverso le procure,il casellario giudiziario,i quesiti all'Anac,per evitare di dire stronzate solo pòer spargere melma sul movimento.
Che la politica sia marcia è risaputo che si vada a cercare la merda dove non c'è è più grave sopratutto perchè va a danno dei cittadini.
Forse siamo anche masochisti!i

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 16.12.16 13:20| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno tocchi Virginia
Raffaele Marra è innocente ed è una risorsa importante del M5S per questo da fastidio
I Poteri Forti tramite questo arresto tornano all'attacco di Virginia Raggi ma non vinceranno
Grazie al M5S Roma è tornata ad essere una delle città più vivibili d'Italia e qusto per i Poteri Forti manovrati dal PD non è accettabile
Dobbiamo scendere tutti in piazza per manifestare a favore della scarcerazione del nostro MARRA

Andrea Ciolli, Roma Commentatore certificato 16.12.16 13:16| 
 |
Rispondi al commento

O.T. Riguardo alla “questione Raggi”,
mi limito a riportare il Comunicato politico numero 45 di Grillo
“Ogni eletto si impegnerà a interagire quotidianamente attraverso la Rete per informare i cittadini e interagire con gli iscritti al M5S.”
“Ognuno conta uno”

Ritengo che Grillo dovrebbe ora chiarire

-in quale luogo della Rete- gli iscritti al M5S possono interagire quotidianamente con ogni eletto -PortaVoce nelle Istituzioni Comunali, Nazionali od Europee-
in modo da
“realizzare” quel “efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico” idoneo a Testimoniare che “il ruolo di governo ed indirizzo” del M5S leaderless - orizzontale
NON è “normalmente attribuito a pochi”.

Ovvero,

-in quale luogo della Rete- è attivo uno “spazio dove ognuno veramente conta uno”,
in cui gli iscritti possono esercitare il ruolo di governo ed indirizzo del M5S,
proponendo e discutendo in modo efficace le questioni da sottoporre a votazione.
Inclusa la “questione Raggi”.

Daniela Tosca Commentatore certificato 16.12.16 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Guardate che è stato arrestato Marra e per un fatto accaduto con la vecchia amministrazione,cosa c'entrano le dimissioni della Raggi?

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 16.12.16 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Hanno aperto gli archivi dei soliti che rimangono nell'ombra se non volete essere fregati dovete mettere gente nuova e immacolata, adesso hanno veramente paura che possiate vincere le elezioni.

Marcello P. 16.12.16 13:04|