Il Blog delle Stelle
Pd-Mpd: verso il 'tana libera tutti'

Pd-Mpd: verso il 'tana libera tutti'

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 15

di MoVimento 5 Stelle

Occhio perché potremmo assistere a un do ut des non dichiarato nel centrosinistra (tra Pd e Mdp) che coinvolge da una parte la legge elettorale (in discussione alla Camera) e dall’altra il “tana libera tutti” contenuto nella riforma delle agenzie fiscali (che si vota al Senato).

Queste ultime rappresentano il core business degli scissionisti Bersani e D’Alema che storicamente le controllano attraverso i “Visco-boys” (uomini molto vicini all’ex ministro delle Finanze Vincenzo Visco, bersaniano di ferro). In pratica, con la riforma si preparano a mettere il lupo a sorvegliare il gregge.

Avete presente, infatti, i dirigenti del Fisco? Quelli che esigono e riscuotono le tasse dei cittadini, che li vessano con esosi interessi, sanzioni e odiosi aggi? Coloro che ci massacrano con la vecchia Equitalia mascherata dietro le nuove insegne di Agenzia delle entrate riscossione?

Ebbene, i ministri Padoan (anche lui un tempo molto vicino a D’Alema) e Madia hanno stabilito poco prima dell’estate che alle prove concorsuali per la dirigenza delle strategiche agenzie fiscali, Entrate e Dogane in testa, potranno partecipare “coloro che abbiano riportato sentenze penali di condanna ancorché non passate in giudicato o di patteggiamento, diverse da quelle per le quali è ammesso il beneficio della sospensione condizionale della pena”.

Via libera a chi si è macchiato di reati contro il patrimonio, condotte corruttive, peculato o malversazioni di varia natura. Un premio per chi insabbia le cartelle o rallenta gli accertamenti in favore dei soliti amichetti. Ma un sostanziale via libera anche per chi è colpevole di gravi crimini diversi da quelli tipici dei colletti bianchi, la rapina ad esempio.

In tutti questi casi l’agenzia che bandisce il concorso può escludere il candidato condannato per reati contro la Pa, ma rimane una facoltà del tutto discrezionale. Mentre restano fuori solo coloro che abbiano ricevuto la pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici.

Il passaggio citato, scovato dal MoVimento 5 Stelle, è l’articolo 2 comma 6 del decreto interministeriale del Tesoro e della Funzione pubblica del 6 giugno scorso. Testo che prepara il terreno, se l’operazione dovesse andare in porto, all’occupazione, alla grande spartizione dei partiti, al controllo clientelare delle agenzie fiscali. Strutture strategiche che nel frattempo, con la riforma in discussione al Senato e su cui si accelera in queste ultime ore, rischiano di uscire dal perimetro della Pubblica amministrazione.

La politica ha infatti deciso di distorcere le raccomandazioni arrivate nel luglio 2016 da parte di Ocse e Fmi che chiedono soltanto più autonomia per questi enti. Mentre i partiti puntano a trasformarli in un far west fatto apposta per le scorribande dei potenti di turno. La nostra Carta fondamentale e l’obbligo di bandire concorsi equi per reclutare risorse nel settore pubblico rappresentano un intralcio. Non a caso, dopo la sentenza della Corte costituzionale del marzo 2015 che dichiarò illegittime le nomine di circa 800 dirigenti delle Entrate perché stabilite senza alcun concorso, i vertici delle agenzie le hanno tentate tutte per salvare le posizioni dei funzionari che in modo surrettizio facevano le veci dei dirigenti mancanti.

Stiamo ancora aspettando che venga celebrato un vero concorso, la manovra correttiva della primavera scorsa ha di nuovo prorogato al 30 giugno 2018 sia il termine per bandirlo sia la scadenza delle deleghe assegnate provvisoriamente ai funzionari. Ma intanto, sullo sfondo, si staglia la riforma che separerebbe definitivamente le agenzie fiscali dalla Pa e che, abbinata al decreto Padoan-Madia, consentirebbe alla politica di fare quello che le pare, senza più la scocciatura di dover rispettare la Costituzione.

Anche perché si prevede che possano aumentare fino al 20% i dirigenti nominati dall’esterno per la seconda fascia e fino al 15% quelli di prima fascia. Senza dimenticare che il testo interministeriale del giugno scorso riserva il 30% dei posti dei concorsi a chi è già in organico dentro le Entrate o le Dogane e prevede che l’esperienza lavorativa interna abbia un peso prevalente rispetto ai titoli.

Insomma, mentre i dirigenti che si sono macchiati di gravi reati aspettano di incassare il premio e con loro i funzionari promossi illecitamente (che continuano a fare il bello e cattivo tempo), la politica non molla la presa su articolazioni strategiche dello Stato, la cui efficienza nel frattempo cola a picco.

Il governo conta di coprire la prossima legge di bilancio con 5,1 miliardi di recupero di evasione, ma quest’ultima sottrae allo Stato una cifra che oscilla tra i 110 e i 180 miliardi e la Corte dei conti ci racconta che in Agenzia delle entrate gli accertamenti sono calati di oltre il 6% in sei anni, mentre le indagini finanziarie sono crollate dell’85% in quattro anni. Nel frattempo, il governo Renzi ha depenalizzato i reati tributari e le sanatorie si sono susseguite a ritmo incessante (due procedure di voluntary, rottamazione delle cartelle, etc…). Non solo: è grazie a una interpellanza del M5S che abbiamo scoperto il numero “monstre” di indagati alle Entrate soprattutto per reati legati alla corruzione. Parliamo di ben 340 persone dal primo gennaio 2014 al primo settembre 2017. Tutta gente a cui, scommettiamo, la riforma per l’autonomia degli enti fiscali non potrà che far piacere.

Mentre rischiamo di consegnare definitivamente (più di quanto già non accada) ai corrotti il nostro sistema tributario, lo stesso che manda sul lastrico anche tanti cittadini onesti, si consuma quindi lo scontro politico senza quartiere all’ombra del poltronificio delle agenzie fiscali.

Gli scissionisti del duo Bersani-D’Alema si nascondono dietro grandi battaglie ideali sulla povertà, sul lavoro precario o sugli investimenti. Ma in realtà contano su ben altre leve per mettere alle corde Renzi e il giglio magico. Tra i “Visco boys” c’è tanta gente che fa riferimento all’ex direttore delle Entrate, Massimo Romano. Persino Rossella Orlandi, pur nominata nell’era Renzi, viene da quel mondo lì. E infatti il segretario Pd l’ha fatta fuori per metterci un fedelissimo della prima ora come Ernesto Maria Ruffini. Dell’area politica di provenienza del ministro Padoan abbiamo detto. E il decreto sul via libera ai condannati nei concorsi porta in primis la sua firma.

Cosa ha da dire il premier Gentiloni? Vuole farsi passare sotto il naso questo scandalo come se nulla fosse? Oppure il via libera alla riforma delle agenzie fiscali che piace a Mdp serve ad ammorbidirli in vista dell’arrivo del Rosatellum bis in Senato?



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

12 Ott 2017, 10:09 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 15


Tags: centrosinistra, do ut des, m5s, mdp, parlamento, pd

Commenti

 

Battaglie per i poveri da parte di Bersani?
Quello come ministro dell'industria ha fatto privatizzazioni che hanno affossato l'apparato industriale italiano, pensiamo a Telecom che prima di lui era all'avanguardia e adesso come banda larga veniamo dopo la Romania.
E non parliamo della legge Fornero o dell'invasione per dare lavoro alle coop altrimenti fallite per la speculazione edilizia e i prestiti sociali bruciati nelle speculazioni finanziarie.
La sinistra ha distrutto il paese, deve essere spazzata via definitivamente, altro che ius soli.

mario genovesi 15.10.17 07:49| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
Prima di tutto ti consiglierei di stare attenti alle offerte in rete e agli annunci. Perché più di 90% di questi annunci sono fraudolenti. Oggi sono sempre più truffe. Ho voluto prendere in prestito denaro, dopo aver pubblicato un annuncio, ogni giorno ricevo più di 25 messaggi appena crooks che chiedono soldi dicendo cosiddette tasse di file. E io su Adele, pensavo fosse anche parte dei truffatori della rete ma con mia sorpresa questo è diverso, mi ha fatto un prestito di 25.000 euro e ho rimesso in tempo.

Confermo questo e se succede che stai cercando un prestito contattare la posta. Ecco la sua email: adelegodo@yahoo.com

pricine vaennee 13.10.17 10:21| 
 |
Rispondi al commento

Stiamo vivendo un momento tragico per la democrazia come la conoscevamo, stiamo assistendo alla nascita del governo icostituzio-illegal-ignobile visto le regole di voto che verranno introdotte. Io non so proprio cosa ci resti da fare contro un tale abuso di potere, un furto in pieno giorno dei nostri diritti ! Io, non avendo più la speranza di un M5S al governo sono deluso e disperato...non so più cosa fare se non scadere nella violenza.
Non mi ero mai sentito così.

Tukko67 aka (acronik-nauta) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2017 12.10.17 22:05| 
 |
Rispondi al commento

SI VUOLE O NON SI VUOLE GOVERNARE ???

SCRIVETELO SUI MANIFESTI MURALI IN TUTTE LE CITTA’, IL BLOG È LETTO SEMPRE DALLE STESSE PERSONE NON HANNO BISOGNO DI QUESTE INFORMAZIONI GIA SI FIDANO DEL M5S !!!

SENZA INFORMAZIONE IN STRADA NON SI VA DA NESSUNA PARTE !!!
IL CONSENSO SI OTTIENE CON L'INFORMAZIONE !!!
CON IL CONSENSO SI GOVERNA !!!

DI QUESTO PASSO E CON QUESTI MEDOTI OCCORRONO 100 ANNI PER CAMBIARE LE COSE !!!

INVECE DI RESTITUIRE I SOLDI RESTITUITELI AI CITTADINI IN INFORMAZIONE !!!

Franco Della Rosa 12.10.17 20:13| 
 |
Rispondi al commento

DIFFONDETELO OVUNQUE X CORTESIA:

CODICE DI BUONA CONDOTTA ELETTORALE (UE)
Linee Guida: cap.II° punto 2.B
+ Rapporto Esplicativo: Punti 63/64/65
E' SCRITTO CHE NON SI PUO' FARE UNA LEGGE ELETTORALE ENTRO L'ANNO ANTECEDENTE LE ELEZIONI!!!!
*********************
ART.72 COSTITUZIONE ITALIANA
''La procedura NORMALE di esame e di approvazione diretta da parte della Camera è SEMPRE adottata per i disegni di legge in materia costituzionale [cfr. art. 138] ed elettorale ...''
*********************

QUI STIAMO FACENDO UNA LEGGE ELETTORALE NUOVA 4 MESI DALLE ELEZIONI E A COLPI DI FIDUCIA!!!
PORCA MISERIA!!

niko d. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 12.10.17 16:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

È NOSTRO DOVERE BUTTAR FUORI QUESTA BANDA. BUTTIAMO DELLE FIALETTE DI SONNIFERO E TIRIAMO FUORI PER I PIEDI. .DOBBIAMO SALVARE NOI E L'ITALIA DALLA CATASTROFE DI QUESTI MALVIVENTI CHE SI LEGALIZZANO A VICENDA

Anna Tuzzolino 12.10.17 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno
Gente di ITALIA ci sono troppi bla bla bla e si capisce che è per imbrogliarci, SVEGLIATEVI, capisco che è un torpore politico che dura da 30 anni ma ora non ci sono scusanti e sconti per nessuno, il prezzo è l'ITALIA con i suoi abitanti che diventeranno schiavi per indebitamento per GENERAZIONI, se c'è uno schiavo necessariamente ci deve essere un padrone e per noi sono i bIG Europei, Germania e forse Francia... A scanso di equivoci si stanno personalizzando la legge elettorale con il bene placido del Presidente (Quiete,fiori e medaglie), L'UNICO TRENO che passerà per noi sarà alle VOTAZIONI, perdiamolo e andremo a piedi a VITA, mandiamoli via con l'unico modo che non possono contaminare e corrompere, mi rivolgo a quel 50% che rimane a casa e non vota, avranno sulla coscienza i giovani, i ragazzi, i bambini e quelli che ancora devono nascere e purtroppo con la disgrazia di essere ITALIANI.
Una parte di POPOLO si è svegliata e si chiama MOVIMENTO 5 STELLE VOTIAMOLI così proveremo a salvarci...

sebastiano b., catania Commentatore certificato 12.10.17 13:50| 
 |
Rispondi al commento

Basta con parole e discorsi, tutti nelle piazze e spazziamo via con la forza questa schifosissima gentaglia!!!

Alfredo Stendardo 12.10.17 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo questo articolo si intuisce come il pd abbia le mani legate da tantissimi interessi al di fuori degli interessi dei cittadini, che passano sempre più, in secondo piano. Non a caso il pd è identificato come una Spa.
Bersani per la sua brama di mantenere il potere (e forse giusto dire gli interessi del pd), ha ceduto questo partito a Renzi, che lo ha distrutto.
Ha appoggiare il governo Renzi e Gentiloni in ogni schifezza e quindi riemerge che le priorità sono gli interessi del pd, non dei cittadini.
Ora fonda un altro partito ed è evidente che lo fa per raccattare i nostalgici della sinistra, non si ritrovano più politicamente. Sono convinta che alla prima occasione ritornerà con Renzi.

Veronica2 12.10.17 12:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

C'è una meravigliosa dichiarazione di Di Battista alla Camera il cui video potete trovare sul sito del Fatto. Di Battista è epico e riempie di orgoglio chiunque abbia un minimo di coscienza civica, anche se non vota il M5S.
Guardatelo.

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 12.10.17 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Da anni siamo costretti a parlare di leggi elettorali: i vertici politici, che non si rassegnano all’idea di doversi misurare continuamente con le istanze del corpo sociale, cercano di soffocarle con ogni artificio, contro l’ art. 1 “La sovranità appartiene al popolo” dove il verbo “appartiene” non è scelto a caso.

Malgrado due pronunce della Corte Costituzionale, che hanno pesantemente censurato il porcellum e l’italicum facendo sorgere la necessità che il Parlamento intervenga per far sì che sia restaurato un sistema elettorale omogeneo per le due Camere e coerente con la Costituzione, il disegno di riforma elettorale attualmente in discussione ripropone il carattere oligarchico e manipolativo della volontà popolare che viziava i precedenti sistemi.

Ho firmato la petizione "Capigruppo di Camera e Senato: Lasciateci scegliere i parlamentari" su Change.org. È importante. Puoi firmarla anche tu?
Ecco il link:
https://www.change.org/p/capigruppo-di-camera-e-senato-lasciateci-scegliere-i-parlamentari?utm_medium=email&utm_source=petition_signer_receipt&utm_campaign=triggered&share_context=signature_receipt&recruiter=780507088

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 12.10.17 11:35| 
 |
Rispondi al commento

No ma davvero voi contereste sul MDP di Bersani per affossare il golpe in atto?
Ma stiamo scherzando?
MDP, Bersani e Dalema fino a pochi mesi fa e per decenni sono stati organici agli interessi che il PD ha sempre difeso, figuriamoci cosa gliene frega della golpe in atto! E' chiaro che stanno facendo chiasso soltanto per ottenere qualcosa in cambio e quel qualcosa è da leggersi come poltrone e potere. Hanno uomini da piazzare, magari indagati o condannati in primo o secondo grado, e gli incarichi dirigenziali all'Agenzia delle Entrate e a quella delle Dogane, sono posti chiave, strategici!
E mica si fermeranno qua, avranno ben altre pretese per garantirsi un posto al sole nella spartizione dei posti di potere, soltanto che ancora non sono trapelate.

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 12.10.17 11:04| 
 |
Rispondi al commento

"L' apriscatole" è decisamente efficace. Mi viene però un senso di vomito a leggere quello riuscite a scoprire tra le righe dei commi degli articoli. Evidentemente chi ha il potere di vigilare si fa delle dormite....

Luca G. Commentatore certificato 12.10.17 10:40| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori