Il Blog delle Stelle
No al ricatto delle banche

No al ricatto delle banche

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 89

di MoVimento 5 Stelle

Il primo obiettivo del MoVimento 5 Stelle è ridare credito al Paese reale e dire stop a furbi e speculatori. Il risparmio va difeso davvero e bisogna punire seriamente chi lo ha aggredito e, spesso, distrutto.

Ogni italiano deve sapere cosa una banca fa dei suoi soldi. Chi specula sull’economia “di carta” non può e non deve operare con le risorse di cittadini e imprese. Dunque, si affronterà il tema della separazione tra merchant bank e istituti commerciali: questi ultimi saranno gli unici autorizzati alla “raccolta dei depositi” e al finanziamento di famiglie e aziende.

Il MoVimento 5 Stelle lavorerà poi per creare una Banca Pubblica per gli Investimenti che indirizzi direttamente la politica economica, sul modello dei maggiori Paesi Ue. Si tratta di un potente strumento che investirà senza intermediazioni nelle imprese innovative, sostenibili e ad alto impatto sociale, con redditività di “lungo periodo” limitata al mantenimento della struttura e delle performance. La BPI potrà, ad esempio, accelerare l’adeguamento sismico e l’efficientamento energetico degli edifici o finanziare gli interventi strutturali che servono al Paese.

Ma non c’è sistema bancario e finanziario che funzioni senza una vigilanza seria, autorevole e indipendente. Il MoVimento 5 Stelle concederà a regolatori riformati nuovi metodi e strumenti ispirati a condivisione delle responsabilità, maggiore trasparenza e pene più severe a vantaggio della sicurezza e della tutela del risparmio. Tra le ipotesi, c’è quella di affidare i compiti di vigilanza bancaria anche alla Guardia di Finanza e alla magistratura in modo tale da creare un pool di istituzioni che possa offrire maggiori garanzie.

Poi c’è il tema del tasso usura che spingeremo per far in modo venga calcolato partendo dalla media del tasso applicato dalle banche europee, così da non avere un trattamento diverso in Paesi dove il costo del denaro dipende dallo stesso istituto e cioè dalla Bce. Inoltre, bisogna mettere fine allo scandalo dell’anatocismo bancario che dovrebbe essere vietato sin dal 2014: sembra sempre uscire dalla porta e poi, immancabilmente, rientra dalla finestra. Per colpa degli interessi sugli interessi, non vengono ancora restituiti circa 7 miliardi, soldi che devono al più presto tornare nella disponibilità di cittadini e imprese.
Lavoreremo poi a un Sistema di pagamenti condiviso gratuito per tutti gli utenti, che al contempo tuteli la privacy e permetta una reale lotta all’evasione fiscale, affiancando gli attuali strumenti privati. Una piattaforma fondata sulle nuove tecnologie e sul codice fiscale.

Infine il MoVimento 5 Stelle cercherà di spuntare le unghie alla finanza più spericolata. Per esempio, incentivando l’obbligo di rendicontazione pubblica Paese per Paese per tutte le multinazionali, in modo da conoscere quante tasse versano nelle diverse nazioni in cui operano. Oppure rafforzando le sanzioni per reati finanziari o limitando il ricorso a titoli “altamente” speculativi.



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

5 Lug 2017, 17:30 | Scrivi | Commenti (89) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 89


Tags: banche, credito, m5s, paese

Commenti

 

vorrei sapere dal Di Maio come mai e' andato a presenziare a Piacenza l'ascesa del candidato sindaco sig. Pugni, oggi consigliere nel comune, sembra che sia direttore di una 20ina di filiali della banca CARIFE, la stessa banca sulla quale ci siamo appoggiati per andare a protestare e difendere i diritti dei risparmiatori, la lista Pugni e' stata certificata non si sa perche' ignorando ed emarginando la lista storica piacentina, si e' aperto un chiaro e palese conflitto di interessi con questa candidatura che i piacentini giustamente hanno disconosciuto e non votato, da molto tempo i piacentini denunciano in rete incongruenze di questo tipo che si verificano in molti luoghi della penisola e con lo stesso modus operandi, si smerdano le liste storiche e vengono certificate liste dell'ultimo minuto, se questo conflitto di interessi verra' confermato, chiedo le dimissioni immediate del Di Maio e di quel direttore trilateral sign. Pugni dal comune di Piacenza .

Alessandro Bido 09.07.17 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Offerta di prestito seria e onesta: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884
Offerta di prestito seria e onesta della Signor Frank HEINZ sulla e-mail: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884 per un prestito fino a 500.000 euros, al 3%, si prega di essere spensierata nelle vostre richieste.

Offerta di prestito seria e onesta: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884
Offerta di prestito seria e onesta della Signor Frank HEINZ sulla e-mail: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884 per un prestito fino a 500.000 euros, al 3%, si prega di essere spensierata nelle vostre richieste.


Offerta di prestito seria e onesta: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884
Offerta di prestito seria e onesta della Signor Frank HEINZ sulla e-mail: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884 per un prestito fino a 500.000 euros, al 3%, si prega di essere spensierata nelle vostre richieste.


Offerta di prestito seria e onesta: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884
Offerta di prestito seria e onesta della Signor Frank HEINZ sulla e-mail: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884 per un prestito fino a 500.000 euros, al 3%, si prega di essere spensierata nelle vostre richieste.

Offerta di prestito seria e onesta: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884
Offerta di prestito seria e onesta della Signor Frank HEINZ sulla e-mail: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884 per un prestito fino a 500.000 euros, al 3%, si prega di essere spensierata nelle vostre richieste.

FRANK HEINZ 07.07.17 22:01| 
 |
Rispondi al commento

MI CHIEDO, COME MAI UN PROVVEDIMENTO SIMILE ALLA PROPOSTA DEI COSI DETTI INCAPACI 5 STELLE, NON SIA STATA ADOTTATA DAI GOVERNI, POLITICI, PROFESSORONI CHE HANNO CONTRIBUITO A DISTRUGGERE I CREDITI DEI CITTADINI, NON SIA STATA ORGANIZZATA E FATTA LEGGE, AFFINCHE' BLOCCARE LE RAPINE CHE SI SONO CONSUMATE DURANTE TUTTI QUESTI ANNI, DA CONSIDERARE CHE I CITTADINI SONO STATI TRUFFATI DAI GOVERNI, BANCHE, LOBBY CON L'AGGRESSIONE AI RISPARMI E POI DOVUTI A PAGARE IL DEBITO PUBBLICO CHE I GOVERNI HANNO CREATO CON IL SALVATAGGIO DELLE BANCHE, QUINDI, IL CITTADINO E' STATO CORNUTO MAZZIATO E CACCIATO DI CASA, NATURALMENTE NESSUNO E' COLPEVOLE DI UNA MANOVRA CHE HA PORTATO AL FALLIMENTO MILIARDARIO, DELLE BANCHE E DI CONSEGUENZA GLI ITALIANI.

cosimo calabrese, chiaravalle Commentatore certificato 06.07.17 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Perché la proposta Villarosa:
rendere pubblica Bankitalia, è sparita dai radar del M5S? Cosa sta succedendo? Anche il M5S. di fronte a queste scelte i caga sotto?
Un poco di chiarezza e trasparenza in merito non guasterebbe. La chiarezza e trasparenza urlata ma non attuata, serve a niente.
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 06.07.17 11:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando fu fatta la prima separazione tra banche commerciali e di investimento in Italia, fu necessario creare Mediobanca per gli investimenti di medio termine.
Ora, mi sembra che la banca nazionale proposta sia pensata per svolgere un ruolo, che per certi versi, è simile a quanto la FED fece durante la presidenza ROOSVELT (e questo a mio giudizio è già più che buono).
Però se parliamo di creare un’istituzione che si debba occupare di promuovere investimenti in CONTO CAPITALE, perché non si propone invece una istituzione completamente nuova?
Ad esempio si potrebbero creare delle agenzie di credito i cui managers siano in competizione non sul profitto, ma su di un ‘gioco’ inventato apposta per garantire che vi sia un miglioramento reale dei parametri economici, che tra l’altro garantisca incentivi in direzione di un PIANO INDUSTRIALE VOTATO DAI CITTADINI IN SEDE ELETTORALE?
Perché non creare una accademia universitaria come polo di bilanciamento rispetto le istituzioni pubbliche, in modo, magari, da dirottare con ottimo profitto soldi spesi nei meandri istituzionali, per assumere ricercatori e creare una nuova istituzione indipendente, dove magari i ricercatori siano in competizione per ottenimento di riconoscimenti accademici e il lavoro di analisi possa essere svolto in piena cooperazione con tutte le discipline universitarie?


Grande scoop di La7 che intervista Dell’Utri nel carcere di Rebibbia, l’Italia sentiva il bisogno delle pillole di saggezza che arrivano dai galeotti di “destra”, dopo le tante chicche di “sinistra” che questa emittente distribuisce regolarmente ogni sera. Una comunicazione esilarante, se non fosse che la nostra informazione “democratica” sta scivolando nei leccaculismi più beceri. Possiamo solo rimpiangere i tempi di Almirante e Berlinguer…

Franco Mas 06.07.17 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Sanare le banche senza interrompere il flusso di credito dato ai politici e garantito dalla stato
serve a poco.
Nei prossimi anni ci saranni ulteriori debiti personali dei politici che si dovranno risanare.
Il tutto chiaramente a carico dei cittadini.

Walter Bajardo 06.07.17 10:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Preoccupante il caso Consip!
Possibile che perquisiscono i parenti di un giornalista e manco una perquisizione a chi è indagato come lotti o renzie?
A me sembrano intimidazioni!
Ma forse la mafia istituzionalizzata è lecita?
Che differenza c'è tra la mafia e la partitocrazia?

PS
la pubblicità è diventata asfisiante!
Durex non lo comprerò mai! Avete rotto!
Che allocchi quelli che pagano queste inserzioni fastidiosissime! Ma veramente credono che questo tipo di pubblicità funzioni? Al limite ti fanno odiare il marchio.

Paolo . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 06.07.17 09:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Benvenuto al nuovo troll: Alfredo M, Roma. Mi raccomando aspetto le tue nuove fakenews!

Mario Sirianni, Catanzaro Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 06.07.17 09:49| 
 |
Rispondi al commento

che pena l'intervista a Dell'Utri in carcere trasmessa sulla RAI da Paragone e co. Siamo arrivati veramente in basso!

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.07.17 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Alfredo, ma tu sai cosa vuol dire "onestà"!

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.07.17 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Vari Blogger:
Quindi se io prendo un tizio e gli faccio il water boarding-ma solo una volta,eh-vado liscio? Evvai!

Ignazio Silone diceva che esistono due tipi di fascisti:i fascisti e gli anti fascisti

Per fare il male ed essere coperti basta essere politici o agenti di polizia
Funziona così in Italia.Loro sono loro e noi non contiamo niente

Ricapitolando:il pianeta ci guarda come cacche per via di quella "cosuccia" capitata a Genova al G8, una pagina infamante nella storia della Repubblica,della società e della legalità del paese
Siccome vengono TORTURATI ragazzi provenienti da ovunque nel Mondo,inizia il tam tam che fa puntare tante dita accusatrici verso il paese
Passano gli anni e tra una porcheria e l'altra nel tentativo di depistare e di impedire che i COLPEVOLI fossero puniti,si arriva ad una legge che potremmo catalogare tra le SOLITE PORCHERIE A CUI SIAMO ABITUATI che non risolve il problema, che non serve a nulla se non a poter dire che "NOI ALMENO UNA L'ABBIAMO FATTA",lasciando ovviamente tutto come prima perché nel nostro paese un po’ di sana tortura non la si nega a nessuno
Credo che nella legge ci sia anche qualche comma specifico che obbliga ad alzare di grado qualsiasi colpevole delle forze dell'ordine,meglio se apicale e RESPONSABILE

Le cose si fanno per bene o non si fanno, vero Renzi?

Squallidi pagliacci

Finalmente c'è la legge ...ma se ti torturano una volta sola è tutto a posto
La seconda..ti chiedono scusa.La terza ti fanno un bel funerale
Rivotateli..questi sono quelli competenti.

Quindi si può picchiare a sangue un cittadino inerme per ore,senza incorrere nel reato di tortura,purché non ci siano pause nel pestaggio
Complimenti allo chef e ai suoi camerieri

Questa legge ë una vergogna..una presa per i fondelli..una totale vergogna e un'ulteriore violenza contro tutte quelle persone che subirono atti di tortura..e verso quelle persone che purtroppo ne subiranno perché questa legge é del tutto inutile ed inapplicabile

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 06.07.17 08:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hanno votato a favore dell'inutile legge sulla tortura: Pd e Ap. Contro Forza Italia, Cor, Fratelli d’Italia e Lega. Ad astenersi sono stati M5S, Sinistra Italiana, Mdp e Scelta civica. La legge fa così schifo che Manconi che l'aveva presentata si è rifiutato di votarla. Magistratura democratica aveva giudicato il testo " confuso, inapplicabile e controproducente" e invitava deputati "a tornare alla definizione del crimine scritta nella Convenzione Onu contro la tortura, cioè la versione più seria, equilibrata e condivisa al momento disponibile”. A chiedere all’Italia di colmare il vuoto normativo era stata la Corte europea dei diritti umani con la sentenza Cestaro contro Italia (sul caso Diaz) dell’aprile 2015 e lo aveva ribadito con la nuova condanna inflitta al nostro Paese il 22 giugno scorso. "il testo in esame non sarebbe applicabile alla maggior parte dei casi che la Corte europea qualifica come tortura”.Il commissario europeo per i diritti umani ha bocciato il ddl oggi approvato esprimendo mille preoccupazioni di fronte alla sua concreta inutilità. I deputati del M5s si sono astenuti: “Dopo quasi 30 anni dalla ratifica della convenzione Onu – dicono – dopo ben tre condanne in sede di Corte europea dei diritti dell’uomo, non sono riusciti ad approvare una legge che punisca per davvero il reato di tortura. È un giorno amaro, in cui il Pd partorisce l’ennesima normativa che troverà difficile applicazione, con paletti e scappatoie che di fatto potrebbero lasciare impuniti i colpevoli e creare caos nei tribunali. Ecco perché ci asteniamo, perché questa legge è scritta male”.Lo stesso dice Sinistra italiana.
Fratoianni: "Questa legge è un pasticcio, non permetterà
di perseguire in modo efficace chi si rende autore di questi orrendi atti”.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 06.07.17 08:00| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo scusa per il profluvio di poesie
ma siccome un deficiente è venuto qui a scrivere che io non amo la poesia e la banno quando la trovo (grandissima balla!)
ho voluto dimostrargli quanto è falso
ma ovviamente, a questo punto, il tizio ha trovato un altro motivo di attacco opposto al precedente
e, se prima non scrivevo di poesia, dopo ne scrivevo troppa, e va beh... :-)
perché l'importante è calunniare, non importa cosa si dice, una cosa o il suo contrario,
qualcosa resterà
e un deficiente qualche motivo di attacco lo trova sempre, perché il male non queta mai e ha lingua velenosa che non si ferma mai
spero solo gli si possa seccare

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 06.07.17 07:39| 
 |
Rispondi al commento

Dopo 4 anni si sono decisi finalmente a fare il reato di tortura
però per essere tale occorre 'una pluralità' di condotte criminose, per cui se ti stuprano o tu buttano in fondo alle scale o ti bruciano i cogliono con i fili elettrici ma lo fanno in una volta sola, tortura non è

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 06.07.17 07:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vengono salvate le banche private con i soldi pubblici
Per riconsegnare ad altre banche private
Una volta risanate ?
Che senso ha ?
Se il pubblico ci mette i soldi
Tappando le perdite miliardarie di banchieri che non pagano mai il conto
La banca deve rimanere pubblica
Per finanziare l'economia reale
Per creare investimenti e posti di lavoro nel sistema delle pmi
Per far funzionare il sistema
E non per tornare a fare profitti fine a se stessi
Riservati ad una elite di azionisti
Fatta di banche e finanziarie estere

Gli utili gli devono ritornare a fare le imprese il sistema delle pmi
Le banche devono far funzionare il sistema
Avere una funzione pubblica
Nella erogazione del risparmio sotto forma di investimenti alla economia reale
Solo così si rimette in piedi l'amicizia baracca ...

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.07.17 06:54| 
 |
Rispondi al commento

Interessi usurari a imprenditore, bancari finiscono sotto processo

Sono tre direttori del Banco Popolare (ex Cr Pisa) che si sono succeduti da settembre 2006 ad aprile 2013. L’istituto di credito compare come responsabile civile, chiesto un risarcimento di mezzo milione

PONTEDERA. Interessi passivi sullo scoperto di conto corrente superiori al duemila per cento. Una guerra di anni tra imprenditore e banca che ora si è trasformata in un processo per usura ai danni dei tre direttori della filiale in cui erano stati aperti i conti dal titolare di un’impresa edile di Pontedera.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 06.07.17 01:51| 
 |
Rispondi al commento

C'E' UN DISTURBATORE che entra nel Blog di mattina presto e poi ritorna in tarda serata.

Tre sono le sue caratteristiche:

1) Fa parte sicuramente di quella vergogna del fu per poco club dell'assenzio, io propenderei per nico max weber (club e nick volutamente in minuscolo), ma potrebbe essere anche alfredo ercole.

2) Scrivendo sempre ai soliti orari, dimostra di essere sempre occupato in una vita miserevole o dedita al lavoro o in un'esistenza controllata da qualcuno che non vuole che scriva sul Blog.
In entrambi i casi trattasi comunque di uno schiavo.

3) Insulta, cita nick e ultimamente clona. Quindi conosce il Blog e cerca di creare confusione, sia con commenti in chiaro sia andando a rompere le balle ai singoli.

Un uomo di Merda, da qualsiasi angolatura lo si voglia vedere.

Di mattina e in tarda sera 06.07.17 00:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

principi buoni ma tutti sti' sistemi o "corpi" di controllo mi preoccupano, ognuno faccia il suo lavoro e le banche, sicuramente selezionate per compiti e competenze: giusta la separazione tra pubblico e privato tra finanza ed economia reale , agli economisti con l'obbligo della trasparenza. Il controllo sarà comunque più semplice e ci sarà come già c'è ora, e che le banche magari ancora non lo sanno :)!!

marco venturi 06.07.17 00:11| 
 |
Rispondi al commento

Comprate case

Mario Rosini, Pescorocchiano (RI) Commentatore certificato 05.07.17 23:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando leggo che i napoletani sono ancora dietro a Mradona Toc! Toc! grrrrrr! Mi cadono le palle e rotolano via!
Povera gente! Poveri noi!

http://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Napoli/05-07-2017/napoli-maradona-cittadino-onorario-de-magistris-21086119134.shtml

Anche da queste cose si capisce perchè abbiamo tanti problemi.

Noè SulVortice Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.07.17 23:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi lascia molto ma molto perplesso il sentiment pro europa di molti esperti di economia (alcuni dei quali, assolutamente stimabili come Mario Seminerio... drastico censore dei fantocci incapaci di governo) e questo nonostante inconfutabili dati matematici rivelino, l'effetto tragico che l'adesione all'euro e all'EU ha avuto per l'economia italiana e per la maggioranza degli italiani !!! Come si può - ad esempio - ignorare che dall'introduzione dell'euro ad oggi, IL POTERE DI ACQUISTO DEGLI ITALIANI SI È RIDOTTO DEL 40 % ? Che sempre più strati della popolazione sono scivolati nella miseria ? Per carità : non sono un esperto ma certi fatit e realtà che sono sotto gli occhi di tutti mi sembrano assolutamente inconfutabili !!! Così come mi pare inconfutabile quanto esposto nell'articolo soprattutto relativamente al nostro abnorme contributo in relazione soprattutto a quanto rucevuto. Insomma... l'euro e l'EU, si sono rivelati una vera e propria sciagura per gli italiani... e le profezie di meravigliosi paradisiache condizioni di vita per gli italiani, ALLA LUCE DEI FATTI, SI SONO RIVELATE DELLE COLOSSALI BUFALE. Dunque piantiamola con queste scemenze di fratellanza e comunità dei popoli : avanti con i provvedimenti concreti per uscire progressivamente dalla UE fatto salvo che qualcuno non escogiti qualche cosa che oggi sembra miracolosa: creare una NUOVA EUROPA CHE CREI RICCHEZZA PER TUTTI... E NON COME È ACCADUTO DA NOI, DOVE PARE CHE SI SIA GENERATA SOLO POVERTA'... FATTI SALVI I SOLITI PARASSITI E BENEFICIARI DI STATO.

Umberto Tordone Commentatore certificato 05.07.17 22:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

>blog diventato la succursale del p o r n-soft..Spero per il MOV che la BBeellenne paghi bene!

Marco D 05.07.17 22:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

una banca pubblica potrebbe essere quella delle poste e la cassa depositi e prestiti. esistono gia'.

tanti soldi per finanziare imprese, famiglie e progetti statali.

carlo 05.07.17 21:33| 
 |
Rispondi al commento

E' ancora valida questa proposta di Villarosa?
http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/05/18/banca-ditalia-il-m5s-punta-alla-nazionalizzazione-prioritario-riportare-il-controllo-in-mano-pubblica/2739623/

Sarebbe la cosa migliore.

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.07.17 21:20| 
 |
Rispondi al commento

...poche parole....Da fucilare TUTTI alla schiena..!!!

http://www.ilprimatonazionale.it/politica/bonino-choc-abbiamo-chiesto-noi-che-tutti-gli-sbarchi-avvenissero-in-italia-video-68801/amp/

Tony 05.07.17 21:16| 
 |
Rispondi al commento

Per essere precisi e realisti, le banche non ci ricattano ma, di fatto, ci governano. Basta vedere i personaggi in circolazione nei ruoli chiave.
Un conto sono gli obiettivi, altra cosa sono i programmi concreti che si vogliono perseguire.

1)La separazione tra banche commerciali e banche d’affari non deve essere affrontata ma fatta e con la massima urgenza.
2)Oltre la banca pubblica per l’investimenti BPI, non si fa cenno a rendere pubblica Bankitalia, perché? Come è adesso, Bankitalia non potrà mai rsrcitare un efficace controllo, essendo di proprietà dei soggetti da controllare.
3)La proposta di affidare il controllo a più enti farà si che il rimbalzo di responsabilità (uno sport nel quale eccelliamo) sia maggiore di quello che è adesso. Bankitalia pubblica, dipendenti inibiti a vita a lavorare per banche private o istituzioni ad esse collegate.
4)Per l’usura basterebbe un banale legge dinamica che stabilisse la misura massima d’interessi in due volte il tasso ufficiale d’interesse trimestrale, qualsiasi esso sia, più un aggio fisso, funzionale, da riconoscere alla banche nella misura dell’1%-2% massimo. Vietare, per legge, con sanzioni severissime, l’applicazione d’interessi sugli interessi. E magari far pagare l’IMU anche alle banche, dove tutto tace.
5)La rendicontazione, paese per paese, mi sembra un sogno infantile, se non supportata da un'Europa politicamente forte che oggi non esiste. Inoltre, questa affermazione conferma che non si pensa minimamente a ridiscutere le regole e ad un’eventuale rifondazione dell’UE o uscirne.
6)Non si parla di vietare le vendite allo scoperto e le rivendite prima di 48/72 ore dall’acquisto, per limitare la speculazione . Non si parla di vietare le vendite dei derivati ai privati.

Cari amici, le cose o si fanno bene e fino in fondo o serviranno a poco o niente.
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 05.07.17 21:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Occorre un attento controllo dei mercati e degli strumenti finanziari, la CONSOB attualmente è inutile anche perchè mettono ai vertici dei corrotti prezzolati.
Serve una supervisione con leggi severe e galera per chi opera manipolazioni sul mercato vedasi agenzie di rating e mani forti sui titoli, basta vedere i casi di SAIPEM e NOKIA, inoltre le vendite allo scoperto sono semplicemente una TRUFFA.

Marcello P. 05.07.17 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Come spiegano Renzi e suoi che contro l'immigrazione c'è anche il francese Macron, per il quale loro facevano tifo da stadio?

Allora per Renzi anche Macron è come Salvini come lo dice dei 5 Stelle?

Tutti i Paesi difendono i loro confini, il PD in Italia invece vuole incentivare l'iimigrazione con lo Ius Soli con un governo in scadenza e senza consenso.

Lorenzo M. Commentatore certificato 05.07.17 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Con Mori il fascismo sradicò la mafia dalla Sicilia. Che tornò nel '45 dove è tuttora.

Oggi ricorre il 75° anniversario della morte del prefetto Cesare Mori (5 luglio 1942). Sul quel prefetto di ferro che sconfisse la mafia durante il fascismo, è stato detto e scritto praticamente tutto: su di lui sono disponibili una ventina di libri, vari film, alcuni sceneggiati. Lui riuscì dove in seguito fallì l’Italia repubblicana, con gli assassinii di Carlo Alberto Dalla Chiesa, altro prefetto di ferro, dei giudici Falcone e Borsellino e di altre centinaia di uomini assassinati dalla criminalità organizzata siciliana. Quello che però si ignora ancora oggi è che Mori non era fascista, e che durante la presa del potere del fascismo, all’inizio degli anni Venti, fu tra i pochi capi della polizia che si oppose alle squadre fasciste con le armi; e nello stesso modo contrastò i socialisti che cercavano di scatenare i moti di piazza. Da integerrmi servitore dello Stato qual era, non ebbe colori politici ma applicò duramente la legge contro chiunque la infrangesse. Proprio per questa sua dirittura morale, il ministro dell’Interno Luigi Federzoni nel 1924 lo richiamò in servizio mandandolo in Sicilia, dove Mori era già stato prima del fascismo, distinguendosi per il suo operato efficace anche se severo. Mori rimase in Sicilia, prima a Trapani e poi a Palermo, per cinque anni, con l’incarico chiaro di sradicare la mafia da quella regione, che il governo Mussolini si era posto come priorità. Quello che è interessante oggi è capire come fece a debellare la mafia, come mai in seguito la mafia tornò, e quale debba essere il ruolo e il limite dello Stato nell’affrontare un’emergenza di questo tipo, emergenza che oggi, nel mondo occidentale, è presente solo nel nostro Paese, almeno a questo livello di organizzazione.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.07.17 20:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LISTA PD
«Cameriere? Vorrei ordinare, mi porta la lista?».
«No. Per lei abbacchio scottadito con verdini».
«No, grazie, a me i verdini mi restano sullo stomaco, vorrei la lista».
«Che lista?».
«La lista, per scegliere cosa mangiare».
«Qua non si sceglie: scegliamo noi quello che è meglio per lei. Di antipasto fioroni di zucca, di primo renzi al ragù, di secondo boschi allo spiedo con contorno di finocchiaro, per dolce un bel gelato al poletti fresco il tutto annaffiato da un bicchiere di Zanda del '98».
«No, per carità col Zanda del '98 me ce so presa 'na sbornia che ancora me la ricordo. Mi girava tutta la testa! Sbandavo da tutte le parti, confondevo la destra con la sinistra...».
«Allora madia alla zucca».
«No, guardi sono allergica, mi dia la lista!»
>
«Dio me ne guardi! Ma come no, io voglio scegliere...».
«Renzi al ragù, è deciso».
«Ma non avete il menù?».
«...Poi le porto i verdini allo spiedo con contorno di finocchiaro e gelato al migliore. Basta una puntina di esposito e vedrà come le va giù».
«Ma il migliore è quello fresco? perché c'è il migliore a lunga conservazione che fa venire le malattie, indebolisce il sistema immunitario...».
«Signò, forza che io c'ho da lavorare, fanno 95 euro».
«Ma, si paga prima di mangiare??».
«E certo!».
«Ma allora sa che c'è? Io me ne vado!».
«E che fa, non mangia?».
«Ma voi non mi fate scegliere!».
«Signò, la legge mica l'abbiamo fatta noi! Si metta a sedere, si magni i verdini allo spiedo e poi a casa e si piglia tre bustine di digestivo alla DelRio e quello che non le torna su le va giù».
«Ma me volete fa' morì...».
«Signò, è la democrazia!».
«Quale democrazia, a me mi pare una porcheria!».
«È porcellum o italicum o rosatellum che fa lo stesso, ma a lei che le frega, tanto mica è musulmana. Beva beva, E magni questa porcata e basta!».
«La prego, mi dia la lista!».
«No. Questo è il ristorante Italia. O così o pomì".

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Alla faccia del nuovo regalo alle banche degli amici, NOI cittadini veniamo privati di 12 miliardi e loro cosa fanno mandano a casa 5000 persone con la chiusura di 600 sportelli.
Una volta finita la mattanza il sig. delegato quanto si porta via.

Bob55 05.07.17 20:20| 
 |
Rispondi al commento

Sardegna, morto l'ultimo indipendentista dopo 50 giorni di sciopero della fame

È morto all'età di 74 anni l'indipendentista sardo Salvatore Doddore Meloni: si era dichiarato prigioniero politico e da 50 giorni faceva lo sciopero della fame in carcere

Classe 1943, nato ad Ittiri in provincia di Sassari, era leader del movimento "Meris in domu nostra" (Padroni in casa nostra) e del Paris, Partidu indipendentista sardu. Il suo sogno era di liberare la Sardegna dalla "colonizzazione italiana" e per realizzarlo ha lottato fino alla fine, finendo in carcere più volte e affrontando decine di procedimenti penali.

Nel 1981 aveva progettato un colpo di stato assieme ad altri indipendentisti sardi. Il piano era quasi pronto e la nazione a cui volevano dar vita aveva anche già ottenuto l'appoggio dell'allora primo ministro della Libia, Mu’ammar Gheddafi, quando il complotto fu scoperto e sventato.

Meloni finì in carcere per nove anni: ad oggi è l'unico italiano ad essere stato condannato per cospirazione contro lo Stato. "Mi hanno tenuto 33 giorni in un reparto dell’ospedale di Nuoro con gli aghi sulle braccia, per costringermi a confessare chissà cosa - ha raccontato - Se non mi avessero messo le manette, la nostra nazione esisterebbe dal 1982. Io, comunque, ci credo ancora".

....stamattina verso le 9 “Doddore” è morto, dopo aver passato 74 anni a sognare la sua terra dei nuraghi indipendente da Roma. "Le sfide della vita non si possono lasciare a metà - aveva confidato al suo avvocato a metà giugno - Solo così si possono ottenere grandi risultati, so benissimo qual è il rischio che sto correndo in queste ore".

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.07.17 20:15| 
 |
Rispondi al commento

Concordo con il no ai ricatti, da qualsiasi parte provengano, sullo stop a furbi e speculatori e sul ridare credito al Paese reale,
anche se “Il primo obiettivo del Movimento 5 Stelle” non mi risulta questo ma quello sancito dall’art. 4 del Non Statuto: Testimoniare che il ruolo di governo ed indirizzo NON è attribuito a pochi, vertici o esperti che siano.

Riguardo poi a ciò che fa una Banca privata con i soldi dei propri clienti, ritengo dovrebbe rientrare nella sfera dei rapporti privati,
e quindi semplicemente sottostare alle stesse norme che regolano appunto i rapporti fra un’azienda privata e i propri clienti.

Discorso diverso per una Banca pubblica, ovvero per una Banca del popolo sovrano.
Ad esempio una Banca il cui Dirigente sia eletto da 60 milioni di azionisti, magari con il compito di stampare la moneta necessaria a realizzare un programma economico finanziario deciso Direttamente dal popolo, magari su un’idonea Piattaforma, uno spazio dove ognuno veramente conta uno.

Pami Pati 05.07.17 20:14| 
 |
Rispondi al commento

Italia, boom delle richieste d'asilo: +47% tra 2015 e 2016

Secondo i dati diffusi dall'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (Easo), nel 2016 circa 123 mila le richieste d'asilo in Italia: 1/10 di quelle complessive

Un boom di richieste dovuto soprattutto al massiccio afflusso di immigrati nigeriani. Ma è il numero globale di aspiranti rifugiati ad essere aumentato. L'Easo ha calcolato che nel 2016 hanno chiesto asilo in tutta Europa 1.291.785 persone: vuol dire che una domanda su 10 è stata presentata in Italia.

E proprio l'Italia è al centro dell'attenzione dell'Easo, consapevole che il nostro Paese è il più colpito dal pressing migratorio. Il problema dell'Italia è che "molte persone non sono idonee al ricollocamento" tra gli Stati membri dell'Ue: dunque a farsene carico dovrebbe essere il Belpaese, a cui l'Ufficio europeo chiede di aumentare il numero dei centri di identificazione.

Il problema dei rifugiati si intreccia inevitabilmente con quello dei migranti economici. Al 4 luglio 2017, in Italia sono sbarcati circa 85 mila migranti sui 100 mila complessivi arrivati tra Italia, Grecia, Cipro e Spagna. Numeri che mettono in difficoltà il nostro Paese, a cui L'Easo chiede tuttavia uno sforzo supplementare.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.07.17 20:10| 
 |
Rispondi al commento

Dire che è piena di sé non rende l'idea....

sigmund f. 05.07.17 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Diomidis Komninos

Questo sistema di società non può mitigare
le ingiustizie sociali,
poiché esso stesso le riproduce e le pone a propria base.
Questo sistema non può risolvere
il problema della disoccupazione,
giacché esso la crea e gli è necessaria;
non può sbarazzarsi della guerra,
poiché esso la conduce
ed é alimentato da quella;
non può esigere lo sviluppo equiparato
di tutti i paesi,
poiché esso si sostiene sullo sfruttamento dei paesi
poveri.
Il sistema non si interessa della catastrofe ecologica,
poiché esso stesso è la causa di questa crisi;
non rispetta le diversità culturali delle persone,
poiché crede soltanto all'onnipotente dio del denaro.
Questo sistema non può più essere riformato o democratizzato.
Può essere soltanto rovesciato.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:59| 
 |
Rispondi al commento

2
Il portale del M5S è il luogo di incontro, di creazione delle idee, della condivisione delle proposte. Chiunque non sia già iscritto a un partito può iscriversi gratis. Gli iscritti potranno creare una lista civica, proporre un candidato e in futuro modificare il programma in stile Wikipedia, collegarsi in una rete sociale come in Facebook, scambiarsi esperienze. Gli iscritti sono persone informate e motivate e possono trasformare il Paese. Noi siamo “Altri” non esistiamo nei sondaggi, ma siamo gli unici ad avere un Programma creato in Rete, questo Programma va stampato, diffuso, discusso. Il MoVimento coincide con le sue proposte, con le sua azioni civili, con il suo Programma. Chi dice che facciamo proteste e non proposte è in malafede o un imbecille inconsapevole.
“Ora che il governo della Repubblica è caduto nelle mani di pochi prepotenti … ma chi, chi se è un uomo, può ammettere che essi sprofondino nelle ricchezze, che sperperino nel costruire sul mare e nel livellare i monti e che a molti manchi il necessario per vivere? Che costruiscano case e case l’una appresso all’altra e che molti non abbiano un tetto per la propria famiglia? Per noi la miseria in casa, i debiti, triste l’oggi e incerto il domani. Che abbiamo, insomma, se non l’infelicità del vivere?”
Non l’ho detto io, non è l’Italia di oggi, sono le parole di Catilina pronunciate nel 64 prima di Cristo a Roma. L’Italia non è cambiata in duemila anni, per questo può cambiare oggi, solo i pazzi credono nell’impossibile e noi siamo i pazzi della democrazia. Il M5S è nato il giorno di San Francesco, 4 ottobre del 2009, Francesco era chiamato il pazzo di Dio, noi siamo i pazzi della democrazia. Crediamo sia possibile un mondo basato sull’equità sociale, sulla solidarietà, sul rispetto dell’altro, sul diritto alla felicità, in cui chiunque può volare.
Vogliamo tutto e lo vogliamo subito.Cosa abbiamo da perdere?Perché non crederci?Perché non lottare per il nostro futuro?Non abbiamo altro
Sopra e avanti

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:57| 
 |
Rispondi al commento

1
BEPPE GRILLO.
Ci hanno definiti populisti, demagoghi, qualunquisti, violenti, volgari solo perché volevamo riaffermare il principio di democrazia in questo Paese. I partiti sono morti, zombie che camminano, strutture del passato, costruzioni artificiali. Sono diventati barriere tra le persone e lo Stato. Lo Stato siamo noi, non i partiti. E’ finito il tempo della delega in bianco. Il cittadino deve entrare nelle istituzioni come servizio civile per un periodo limitato e poi tornare alla propria attività. Non esiste il politico di professione, esistono i mantenuti a vita di professione come Chiamparino, Fassino, D’Alema, come Maroni, Bossi e tutta la sua grande famiglia, come Andreotti, il prescritto per mafia che ha detto di Ambrosoli, uno dei pochi eroi di questo Paese, “Se l’è cercata!”.
Noi siamo vivi e loro sono morti, in decomposizione, se li tocchiamo moriremo anche noi. Parlano di alleanze, di percentuali, di schieramenti, ma in realtà parlano sempre e soltanto di una cosa: come conservare il loro potere. Il M5S farà alleanze, anche una al mese, una alla settimana, ma solo con i cittadini, con i movimenti per l’acqua pubblica, per una libera informazione non finanziata dallo Stato, contro la TAV in Val di Susa, contro le centrali nucleari, contro la base americana di Dal Molin. L’Italia ripudia la guerra e spende più per armamenti che per opere di pace. Persino Bono degli U2 ci ha mandato a fanculo, non manteniamo le promesse di aiuti umanitari e spendiamo 15 miliardi di euro per 131 caccia bombardieri dagli Stati Uniti, finanziamo la più grande industria bellica del mondo e chiudiamo le scuole.
Il M5S ha preso 9 milioni di voti senza finanziamenti, senza media, giornali, televisioni, ogni voto è costato solo 8 centesimi al MoVimento, nulla ai cittadini, grazie alla Rete, al passaparola. La Rete è anticapitalista, la politica si fa con le idee, non con il capitale.


segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:56| 
 |
Rispondi al commento

Beppe Grillo
Siamo vivi, vivi! Siamo usciti dalle catacombe Siamo sopra e oltre. Sopra al nulla della politica, oltre questa civiltà basata sul denaro e sul consumismo. Sopra e oltre. Io ci credo, voi ci credete.La Rete ci ha unito.Possiamo cambiare la società,il mondo solo se lo vogliamo.Cosa abbiamo da perdere? Ognuno vale uno.Chiunque di voi può fare la differenza,essere un leader.Ognuno è un leader se riesce a trasformare i suoi sogni in realtà.Oggi,qui,ci sono migliaia di ragazze e di ragazzi.Siete l’avanguardia di una Nuova Italia, un posto più bello di questo,onesto,più leggero, senza odi,senza mafie.Voi avete il vostro destino nelle mani,non fatevi comprare,non perdetevi dietro a falsi valori.Quando vi ricorderete di Woodstock,magari tra trent’anni,e vi domanderete cosa avete fatto per voi e per gli altri,che cosa vi risponderete? Cosa direte ai vostri figli? Potrete guardarvi allo specchio?
Noi siamo vivi in un Paese di morti,di vecchi che occupano ogni spazio e si credono eterni,che si nutrono di potere e si sono fottuti la vita.Noi non siamo in vendita,non siamo merce,non crediamo a una società basata sul profitto,sul PIL. Vogliamo tutto perché non abbiamo più niente.Non l’aria pulita,non l’acqua pubblica,non una scuola di eccellenza,neppure la sicurezza di un lavoro e quando lavoriamo la sicurezza di non morire sul lavoro.Gli operai di oggi sono al fronte,sono loro i partigiani che combattono per dare da mangiare ai loro figli e muoiono come topi nelle cisterne.
L’Italia non è una democrazia, il cittadino non è rappresentato in Parlamento, non può votare il proprio candidato. Il Parlamento è eletto dalla mafia, dalla massoneria, dai vertici dei partiti, non dai cittadini. Sei persone decidono per tutto il Paese. L’Italia è un sistema capitalistico/mafioso con le pezze al culo, basato sul debito pubblico e sulle concessioni dello Stato. Il M5S non vuole i soldi, vuole poter volare alto, far volare le sue idee. Noi non abbiamo ideologie. Abbiamo idee.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:52| 
 |
Rispondi al commento

Il video (diretta streaming) non è fruibile semplicemente perchè ogni n-minuti la pagina si ricarcia. Possibile che non c'abbia pensato nessuno e nessuno si è accorto di questo problemino?
GRAZIE


LA POLITICA E KANT
Viviana Vivarelli

‘Politica’ ha sempre significato amore per la polis, cioè per la comunità sociale.
Ma questa comunità non può essere una famiglia, una casta, una classe, una corporazione, una merchant bank, un'unione di interessi privati, una chiesa, una setta e tanto meno una cricca o una bottega.
La prima polis per chi è serio non può essere che l'umanità tutta intera, per cui si deve lottare per difendere i diritti fondamentali e universali di tutti.
Solo teoricamente questa polis può distinguersi in entità più ridotte.
La polis a me più vicina è la Nazione, in cui i miei interessi privati contano ma devono essere subordinati a un interesse superiore.
Il neoliberismo ha distrutto il concetto di Nazione senza sostituirlo col concetto di umanità, ma usando categorie di mero opportunismo finanziario.
Le entità di riferimento superiori o intermedie tra me, la Nazione e l'umanità, hanno senso solo alla luce di valori universali.
Se non si prende come metro di valutazione qualcosa che superi gli interessi egoistici del singolo, si finisce per sforare in qualcosa di negativo per il mondo intero.
I soli imperativi validi restano quelli kantiani.
La morale deve basarsi su qualcosa di assolutamente certo e saldo: il dovere.
Ogni uomo infatti sente in modo sicuro e consapevole la morale come un dovere.
L'uomo dotato di ragione di fronte a certe situazioni sente il dovere di una scelta a cui seguirà il comportamento morale.
Le 3 regole etiche per eccellenza sono:
-Agisci in modo da trattare l'uomo così in te come negli altri sempre anche come fine, non mai solo come mezzo
-Agisci in modo che la massima delle tue azioni sia universale
-Agisci in modo che la tua volontà possa istituire una legislazione universale.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:46| 
 |
Rispondi al commento

Il SOLIPSISMO SETTARIO DELLA SX ANTAGONISTA

Io non ce l’ho col Nemico
Il Nemico è sempre esistito
E’ un archetipo potente
Della storia del Mondo
Senza di lui dormiremmo
Il sonno dei secoli
Io non ce l’ho col Nemico
Cambiano i nomi
Muoiono i tiranni
Ma il Nemico è un’icona
Indistruttibile
Che sempre è, e sempre sarà
Io non ce l’ho col Nemico
Che avrà un suo senso
Nella divisione tra Bene e Male
Nella Lotta infinita
I Nemico è lì bello chiaro
Io lo so e lo riconosco
So che la mia lotta è contro di lui
Che rappresenta tutto ciò che non è bene
per la Terra e gli umani
So che mia lotta non finirà con un tiranno
Ma rinascerà dopo la sua fine
Perché i tiranni rinascono
E rinascerà la mia lotta
Io non ce l’ho col Nemico
Che fa la sua parte
Sulla scena della storia
Come è sempre stato
Ognuno ha il suo copione
Da recitare
E lui ha il suo in modo genetico

Io ce l’ho con i miei compagni di ieri
Che mi hanno tradito
Che hanno perso la via
Che non si sa dove vanno
Io ce l’ho coi miei vecchi compagni
Che ora mi chiamano nemica
E danno a me gli insulti
Che prima davano al Nemico
Io vedo che la battaglia
È diventata la “loro” battaglia
Si è sedimentata in qualcosa
Di vecchio e di oscuro
Di cui hanno perso coscienza
E’ una battaglia conservativa
Di pretese personali
Di titoli di merito
Ormai ingialliti nel tempo
E per questo esclusivo possesso
Sono disposti a negare l’evidenza
Mi avvelenano la vita
Inquinano la battaglia
Per un senso deviato dell’Io
Che diventa Noi
E si dimentica del Tutto.
I miei compagni di un tempo
Mi fanno rabbia e poi pena
Sono come le vecchie tonsille
Che non difendono più il corpo
Dalle infezioni
Ma lo infettano

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:44| 
 |
Rispondi al commento

sono tutti parassiti
di un mondo che muore
e sperano di farlo vivere
sostenendo la sua agonia
fingendo di non vedere cosa succede
là fuori nel mondo

sono come i pidocchi
attaccati alla carogna
che si nutrono di quella
e moriranno
con essa

ma il mondo giovane se ne frega
il mondo giovane cresce
sui resti della carogna
la linfa non può che salire
e dal basso verso l'alto
sta nella forza delle cose
che la vita
prenda il posto
della morta morte.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:42| 
 |
Rispondi al commento

L'unica guerra persa è quella che si ha paura di combattere
Che Guevara

Ma ogni guerra è più difficile quando chi dovrebbe stare in trincea con te contro il comune nemico ti spara ai calcagni.
VV.
..

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:42| 
 |
Rispondi al commento

COSE ATROCI

Una handicappata mentale è stata uccisa con la pena di morte in Virginia
Sakineh sarà lapidata.
Il trattato di Lisbona prevede la pena di morte per i popoli che si ribellano a governi iniqui.
La pena di morte non è mai uscita del diritto militare italiano da applicare in caso di guerra. Nemmeno dalle leggi del Vaticano.
Nessuno dei due è vietato la tortura.
Di fatti sono andati tutti assolti quelli che la praticano, suoi carcerati, o sui bambini.
Noi siamo permanentemente in guerre non dichiarate in cui usiamo mercenari che sono falsamente presentati come eroi.
In Italia due Ministri introducono corsi alle armi nelle scuole superiori.
La xenofobia avanza in Europa.
C’è chi caccia i rom e se ne frega dei moniti europei.
Un partito xenofobo in Svezia ottiene il 5,7% di voti e 20 seggi….
Le banche sono state sostituite ai popoli
Le banche sono salvate nel mentre i popoli sono condannati

non proseguo oltre, ma è chiaro che quella che avanza non è esattamente la civiltà umana.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:40| 
 |
Rispondi al commento

WOODSTOCK 2
Viviana Vivarelli

Voi siete il mio sogno che si realizza
Voi i visi chiari e le mani pulite
Voi i canti e la costruzione del mondo
Voi le idee, i progetti, il volo
Dei liberi rinati
Dei non contaminati
Di chi da sé ricomincia
Senza falsi profeti
A edificare la Vita
Di chi si mette in gioco Vivendo
Voi la natura bellissima e incontaminata
Voi le chiare acque
I cieli limpidissimi
Voi la forza e lo splendore giovane
Voi il mondo nuovo che spazza le macerie
con allegria
e crea il ciliegio fiorito
per chi ne voglia godere
come un diritto
che si riprende
per tutti.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:38| 
 |
Rispondi al commento

io ho fede solo in coloro
che portano avanti le loro battaglie di civiltà
anche quando i fari non si accendono
l'opinione pubblica non si muove
la macchina mediatica non parte
a difendere obliqui interessi
così doppi, così meschini
io credo solo a coloro che non hanno
botteghe ideologiche da difendere
retrivi interessi di parte
capitali o poteri di dubbia legittimità
superiorità morali della razza bianca
dell'Occidente dei mercati imperfetti
di chiese proterve e ostili al cammino umano
di mode del giorno
o atteggiamenti pretestuali
Io credo ai puri, così rari, di cuore
che pongono solo se stessi
come pegno per una visione
futura di civiltà
un sogno
un innamoramento
in cui nell'uomo solitario che sogna
sogni tutto il mondo.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:33| 
 |
Rispondi al commento

L'occasione si presenta ora con la terza banca d'Italia ...
Con il tesoro che ha messo 5.4 miliardi di euro e ha partecipato all'aumento di capitale di 8 miliardi di euro garantendo per i sottoscrittori di obbligazioni subordinate ...
La Banca ora appartiene allo Stato per il 70 per cento
E non deve essere privatizzata ...
Lo Stato attraverso questa banca deve trasmettere al sistema le politiche economiche
Incentivare l'economia reale, gli investimenti al sistema delle pmi e alle famiglie
Invece che speculare sui derivati, sui Santorini e Alexandria che permettevano al MPS di fare utili fittizi con i derivati e distribuire dividendi ai soci ...
Alla fine pagava pantalone tutte le perdite
20 anni fa il sistema bancario italiano era fatto da 12.000 sportelli di cui 8.000 in mano pubblica, ora e tutto privato o quasi e la logica e quella del profitto fine a se stesso che porta alla finanziarizzazione dell'economia, a prediligere per la logica del profitto un derivato che rende 10 rispetto a un mutuo che rende 2 o un fido che rende 4 ...
La banca deve ritornare a fare la banca, a far funzionare il sistema... sono le imrlese che devono fare gli utili
La banca pubblica MPS deve rimanere pubblica per finanziare gli investimenti e lo sviluppo delle'econimia reale, il sistema delle pmi dove trova occupazione la stragrande maggioranza degli occupati del settore privato in Italia
Forza 5 stelle!!

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.07.17 19:31| 
 |
Rispondi al commento

LE VITTIME
Viviana Vivarelli

Le vittime sono potenti
parlano dall'al di là
Hanno la forza misteriosa
di ciò che è inciso
sulla pietra eterna
Gli avversari si possono sconfiggere
i nemici politici abbattere
i soci si possono comprare
e i giudici e i testimoni
compensare e corrompere
ma le vittime sono imprendibili
non entrano nel mercato dei vili
urlano
da una lontananze insormontabile
La loro voce di giustizia
mina i palazzi del potere
corrode le notti più turpi
si insinua letale nell'anima
delle bestie da mercato
La forza delle vittime
non consente e non perdona
In loro sta la potenza
che distrugge gli imperi
Non si possono uccidere
perché sono già morti
e questo dà loro
una potenza invincibile.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Bravi tutti,bravo Di Battista che glie le hai cantate di sana ragione ai giornalisti.
Siete in gamba altro che inesperti.

Terry E. (), Mi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 05.07.17 19:29| 
 |
Rispondi al commento

sembrano caricati a molla
oggi dichiarano questo
domani il contrario di questo
recitano secondo il copione
con faccia imperturbabile
teatranti della democrazia
opportunisti dell'interesse
spregiatori della verità
negatori eterni dell'anima

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Troppi mattoni di piombo
fanno dolere il cuore,
stanotte
mi alzerò a scrivere la mia rabbia
e non potrò più dormire.

Non posso occuparmi di sogni
Non posso dedicarmi ad altro
Non posso occuparmi di fole
Svagarmi con favole di vento
Restare in una torre fasulla
Il mio paese langue
Il mio paese muore
Qualunque cosa faccia
Il suo pianto di morte
Mi avvelena la vita

Camminare insieme a tanti
Su una strada di protesta
È l’unico scopo che sento
Costruire un mondo diverso
Nell’uguaglianza di tutti
Combattere in ogni modo il male
Lavorare per un futuro più sano
Che forse non vedrò mai
Cos’altro mi resta da fare
Se la mia vita ha un senso?

Una delle cose che addolora
È vedere le forze disunite
Che frantumano la battaglia
Di chi invece di combattere insieme
Cerca di tagliarti le gambe
Come se tu fossi il problema
E non l’eterno nemico

La battaglia è una, il nemico è uno
Le vie sono tante
Tante le teste degli uomini
E i loro pensieri
Tanti i modi di combattere
E resistere
Ma chi è chiuso
Nella protervia di se stesso
Preferisce perire nella rovina dell’esistente
Pur di darti la palma di combattere
Al suo fianco.
E questo tra i tanti mali
È il male peggiore.

Quale chiusura mentale
Quale orgoglio disumano
Quale solipsismo feroce
Spinge l’uomo a negare
La battaglia del compagno
Che dovrebbe essere la sua
Come se la liberazione sociale
Fosse un campo di possesso
In cui vantare titoli
Proprietari e protervi?

E come si può combattere
Uniti e diventare forti
Se chi ti deve stare a fianco
Ti azzanna anch’egli i calcagni?
Non c’è vittoria possibile
Se combatti su due fronti
Non solo il nemico è potente
Mi si dissimula in coloro
Che dovrebbero stare
Uniti dalla tua parte.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:27| 
 |
Rispondi al commento

Ha senso continuare?
Sì, se siamo qui, è perché facciamo parte della risposta.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.07.17 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Tubercolosi, test di Mantoux dopo l’infezione di una professoressa


Saranno sottoposti al test Mantoux gli studenti di alcune classi e gli insegnanti di un ’Istituto scolastico di Prato dove si è verificato un caso di infezione tubercolare in una professoressa . L’igiene pubblica e nutrizione di Prato sta contattando circa 120 persone che dovranno eseguire il test di Mantoux per verificare se l’organismo è venuto a contatto con il bacillo tubercolare. Il test interesserà esclusivamente coloro che hanno avuto contatti diretti e prolungati con la persona malata sulla base di un criterio di rischio espositivo individuato dai sanitari e seguendo le linee guida regionali e nazionali. Il servizio di igiene pubblica ringrazia per la collaborazione il dirigente scolastico dell’istituto ed è disponibile a fornire tutte le informazioni necessarie ai genitori degli alunni e al corpo docente della scuola. A Prato nell’ anno 2016 sono stati notificati 80 casi di infezione tubercolare. Dall’inizio del 2017 ad oggi i casi sono stati 30.

**********

Nemmeno negli anni della ricostruzione, c'erano tanti casi di tubercolosi......

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.07.17 19:05| 
 |
Rispondi al commento

Per una volta questi ROM mi sono ''simpatici''....

http://www.affaritaliani.it/milano/rom-in-vacanza-occupano-abusivamente-ex-villa-di-formigoni-a-porto-cervo-488523.html?ref=ig

Tony 05.07.17 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Grilli mentre era direttore al Tesoro era segretamente il presidente di un misterioso comitato economico e finanziario di Bruxelles che li vi si riuniva per ideare segretamente il MES e altre delizie

https://nicolettaforcheri.files.wordpress.com/2012/12/dimissioniconlacondizionale.jpg?w=3003&h=1503
N Forcheri

marina marino Commentatore certificato 05.07.17 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Sarei contento ,

anzi felice se solo la metà di quello che ci si ripromette di attuare si avverasse.

Movimento fammi sognare un mondo pulito e onesto.

W M 5 * * * * *

Vincenzo A., Verona Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.07.17 17:47| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori