Il Blog delle Stelle
Macron e i francesi: sarà vero amore?

Macron e i francesi: sarà vero amore?

Author di Beppe Grillo
Dona
  • 241

di Beppe Grillo

Quante saranno le persone che si riconoscono nell'estrema destra in Francia? Davvero è possibile che il 34% dei francesi sia di "estrema destra?". È veramente "amore" quello per Macron, così come viene spacciato dai sorridenti mass media dell'establishment? La vera notizia di ieri sera è che nella speranza di disfarsi di questa Europa più di un terzo dei votanti ha scelto l'estrema destra e più di un terzo dei francesi non si sente rappresentato con l'astensionismo oltre il 25% (record storico dal 1969) e con il record storico assoluto di schede bianche, il 12%. Considerando che in Francia l'euro, la globalizzazione e le banche non hanno potuto fare disastri paragonabili a quelli perpetrati a danno dei diritti dei cittadini in Italia: dovrebbe essere chiaro quanto è pesante quel 34%.

Eppure il racconto eurocrate è che l'Europa è salva. Mi offende questa cultura superficiale della maschera antigas, al posto della oramai mitica molletta per turarsi il naso di italica memoria. E' un vero peccato che l'avversione ai disastri della globalizzazione, in Francia, sia stata assorbita dalla difficilmente digeribile Marine Le Pen. A causa del suo "estremismo moderato ma poco" l'Europa vedrà un altro governo uscito delle banche.

Ancora altro tempo prezioso perso a vantaggio di questo schieramento di plastica, dei manichini serventi di una moneta impossibile. E' comprensibile che Le Pen non superi un numero fra 30 e 40%, così come quanto ardua fosse la scelta cui sono stati costretti i francesi. Basti considerare il numero crescente di cittadini "né con Macron e neppure con Le Pen". La fretta di omologare tutte le forze e movimenti contro la globalizzazione con il termine di populisti ci lascia capire le intenzioni dell'establishment e dei giornalisti loro sodali per il futuro prossimo in Europa: la fakepolitic!

Mi auguro che Macron, che comunque è il primo presidente a non provenire da uno dei due partiti tradizionali francesi, si impegnerà a salvaguardare il popolo che rappresenta meglio di quanto lo facciano i piddini nostrani (buoni solo a copiare gli slogan d'oltralpe). E questo mio augurio ha un motivo di fiducia: il senso dello Stato Sociale in Francia è più consolidato e la corruzione molto meno diffusa.

Banner_marcia_460x230.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

8 Mag 2017, 11:00 | Scrivi | Commenti (241) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 241


Tags: beppe grillo, elezioni, europa, francia, le pen, macron

Commenti

 

Sarà forse vero che Macron non proviene da partiti tradizionali, ma dietro le quinte sicuramente ci sono gli stessi personaggi.
Come a Monti è succeduto Renzi e a Renzi lo stesso renzi.
La banda cambia ma la musica è sempre la stessa.
Il resto, parole (chiacchiere) solo parole (solo chiacciere).
Macron in Francia non ha sposato il nuovo, ma la vecchia, pardon il vecchio.

Bruno Bianco 13.05.17 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Eliminare il contante.
Pensione di euro 500 (euro 50 in Africa) ad ogni bambino nato, ogni mese per tutta la vita, sappiamo dive andare a prendere i soldi.
Prelievo sul monetario di ognuno del 25% ed azzeramento totale e definitivo del debito pubblico.
Via tutte le tasse attuali, iva, benzina, basta dichiarazioni dei redditi.
Una sola tassa dell'8%, ora siamo al 60%.
Non serve più il Parlamento, si eleggono solo i giudici.
I cittadini diventano sereni, rilassati, fanno solo lavori che piacciono, fatti bene, solo se richiesti.
Fine evasione, fine emigrazioni.

Bartolomeo Nino Cortesi 12.05.17 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Cito:
il senso dello Stato Sociale in Francia è più consolidato e la corruzione molto meno diffusa.

Ma hai mai vissuto in Francia? Da quello che scrivi penso di no.
Lo stato sociale è in fase di naufragio totale, non ci sono i soldi. Per punire i truffatori non fanno altro che ridurre le prestazioni sociali a tutti, indistintamente.
La corruzione è diffusissima. Basta pensare ai poveri parlamentari affetti dalla fobia di compilare le dichiarazioni dei redditi! La corruzione in Francia è talmente diffusa, che non fa neanche più notizia.
Sapendo che in più, come in Italia, gli organismi di informazione, sono tutti al soldo della politica e del sistema finanziario.
Dopo più di 13 anni in Francia, ne posso parlare con certezza. È il motivo per cui ormai non sono più in Francia da 2 mesi, è mai più ci tornerò a vivere.

Massimo Roccia 12.05.17 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiedo: ma gli elettori leggono? Cosa ? Di tanto in tanto visto il potente mezzo che abbiamo tra le mani, non fanno ricerche per sapere chi sono i pupari? I 25 comandamenti di Rothschild, il Piano di Kalergi. Il professor Diego Fusaro.... credo che quelli che votano non sanno davvero leggere ma mettere sono una crocetta! Che peccato. Il problema che con quel piccolo segno ammazzeranno quel po' di democrazie che ci hanno fatto sognare. Non ci resta che piangere...

alegna d., argenta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 10.05.17 15:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao

Aiuto è il modo migliore per condividere il suo amore eterno, che è ciò che ci spinge a rendere disponibili prestiti rimborsabili da 500 a 1.000.000 EURO e anche più; in termini molto semplici a tutte le persone che possono rimborsare indipendentemente dalla razza. Facciamo anche investimenti e prestiti tra individui di tutti i tipi. Offro prestiti a breve, medio e lungo termine in collaborazione con il Ministero delle finanze e dell'economia e un periodo di rimborso a prezzi accessibili. I trasferimenti sono forniti da una banca per la sicurezza della traduzione. Per tutte le vostre richieste. proposte rispetto con le tariffe e le procedure dei pagamenti.
. Per ulteriori informazioni si prega di contattare
da e-mail:infos@cibanque.com

Numero WhatsApp: + 330644146852

FRANCK dencil, rome Commentatore certificato 10.05.17 09:53| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi? Cron? No, Mac ron! Uno dormiente? Vedrai che ti darà la sveglia! Francia aspetati la carica dei 1 a 100.

Gianfranco B. Commentatore certificato 10.05.17 07:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Macron è nelle mani di Putin, che attraverso il suo amico Fillon gli controllerà l'eventuale maggioranza parlamentare, per non parlare dei possibili scandali bancari che gli può tirare fuori.
Ormai Soros anche in Europa ha pochi amici, l'azzoppato Macron e Renzi, con problemi di quasi default che ha il terrore sacro delle urne e governa attraverso l'azzoppata Boschi che manovra l'ancora più azzoppato Gentiloni.

mario genovesi 10.05.17 07:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutta europa e anche l'America sono in mano al totalitarismo finanziario,e questo zero di micron è solo un loro burattino,come Renzi e la Merkel.
Diciamo le cose come stanno:facciamo i nomi della dittatura occulta che comanda,ad esempio scriviamo un nome proibito:Rotshield!Come diceva Voltaire :se vuoi sapere chi comanda,guarda di chi non puoi parlar male ....

alberto cremona, Milano Commentatore certificato 09.05.17 19:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In Francia si mette bene, il bankster potrebbe non avere una maggioranza in parlamento e sindacati e studenti sono già sul piede di guerra in vista della estrema flessibilità sul lavoro che il pupillo del puparo Attali vuole introdurre.
Senza contare che Potin e Trump potrebbero tirare fuori delle bombe mediatiche che screditerebbero il burrattino di Soros.

mario genovesi 09.05.17 19:18| 
 |
Rispondi al commento

Ha ragione Adinolfi, con i culattoni di sicuro, e pure con i preti pedofili.

mario genovesi 09.05.17 18:46| 
 |
Rispondi al commento

Spero che i primi a pagare questa scelta siano i francesi che a valanga l'hanno votato, hanno voluto un presidente ex banchiere? Si tengano le conseguenze e stiano zitti per altri cinque anni

simona verde Commentatore certificato 09.05.17 17:50| 
 |
Rispondi al commento

macron ancora una volta, come tante altre, e' stato una magnifica esca confezionata a regola d'arte da chi detiene veramente il potere, un'esca a cui ha abboccato una grande quantita' di pesci; presto ne pagheremo gravi conseguenze (fiscal compact nei trattati, fine del Q easing ecc ecc) quando ce ne accorgeremo sara' troppo tardi per rimediare e ci schiacceranno come un insetto o come la GRECIA.

lucia\ 09.05.17 16:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe caro, premesso che ritengo il risultato della Le Pen un successo colossale, dato che era una contro tutto il resto del panorama politico francese. Se le cose non dovessero migliorare, Le Pen, sarà il prossimo presedente della Francia. Riguardo l’elezione di M acron le cose sono molto più semplici e lineari di quanto si possa immaginare. Lo schema è ormai consolidato:
1) si sceglie un candidato, lo si sostiene con tutti i mezzi, senza badare a spese, facendo investimenti senza limiti.
2) lo si appoggia nella fase di start up, per dargli un minio di credibilità
3) si presenta il conto delle spese sostenute per l’elezioni e si chiedono in cambio: leggi, regole, e norme necessaria allo sviluppo e consolidamento degli affari.
Cosa farà Macron?
A) risponderà fedelmente alle richieste, secondo le aspettative degli investitori. (cosa che credo farà)
B) avendo raggiunto il massimo potere politico, proverà a mettere in pratica le sue ide, venendo meno agli impegni presi con i sui finanziatori .
C) cercherà di mediare tra l’esigenze dei suoi finanziatori e quelle della Francia.
Resta il fatto che i finanziatori, prima di scegliere e finanziare un candidato, hanno studiato a fondo sia il personaggio che la sua vita privata, in modo da aver, se e quando necessario, delle carte da giocarsi.
Staremo a vedere se sarà vero amore, grande disastro o calma piatta.
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 09.05.17 14:09| 
 |
Rispondi al commento

ELEZIONI PRESIDENZIALI IN FRANCIA:
PERCHE’ I FRANCESI HANNO VOTATO MACRON?
Un confronto essenzialmente con i giovani …… al quale siete invitati anche voi tutti,
è stato affermato che:
1) È uno sconosciuto;
2) Non è figlio della grande e sanguinosa rivoluzione francese
3) Non è legato ad alcun partito storico
4) (si dice) che sia GAY (ma non importa)
5) Ha sposato sua nonna, sua ex insegnante che lo “adottò” sin dall’età di 16 anni .. (minore) che qualche altro Stato l’avrebbe denunciata e la suola la avrebbe certamente licenziata ….
6) Altro? Credo ci sia anche dell’altro … eheheheh
Con un piccolo sforzo, potremmo associarlo al concetto diffuso dei francesi …. Sulla GRANDEUR della Francia ……. MAI essere secondi all’Inghilterra (la storia ci insegna le eterne conflittualità) e comunque stanno subito dopo la Merkel …. Ma sino a quando? Non dimentichiamoci che Hitler si ispirò molto al Bonaparte …ehehehehe
...Il 25% dell' astensionismo ed il 12% di schede bianche …. La dicono …lunga .

salvatore profeta 09.05.17 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Auguro il meglio al popolo francese, ma ho l'impressione che l'establishment abbia trovato la foglia di fico dietro la quale continuare a nascondersi.
Spero di sbagliarmi e che questo Macron non sia il Renzi dei francesi(Micron) e nemmeno il "Prodi", visto che è senza partito, ma qualche dubbio mi assale.
Se veramente questo Macron volesse fare quel che dice, glielo lasceranno fare ?!?
Auspico che il M5S abbia quanto prima a dotarsi di un mezzo di comunicazione di massa "proprio" per superare l'ostacolo del "quarto potere" nelle mani di un solo burattinaio.... il movimento è dato, nei sondaggi, a poco oltre il 30% nonostante tutto il mondo "fake".... se si riuscisse ad informare la gente, con un canale radiotelevisivo o anche cartaceo, oltre il solo blog, sarebbe diverso. I partiti sono ancora votati da chi ancora non sa usare la rete, questo a causa della disinformazione.
Per un servizio pubblico a 6 stelle si potrebbe anche sfruttare l'idea che fu di Santoro della colletta pubblica.... con 10 euro a testa si possono fare grandi cose....!!!
In alto i cuori.
Luca.

luca C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 09.05.17 10:19| 
 |
Rispondi al commento

Io sono convinta che questo governo Macron non durerà, i francesi lo prenderanno a calci come hanno già fatto lo stesso giorno dell'insediamento.

Rosa 09.05.17 09:42| 
 |
Rispondi al commento

Beh l'obiettivo di rincoglionire la gente con programmi demenziali e cose inutili come facebook e gli smartphone per renderla schiava e senza palle funziona.
In Olanda,Austria e Francia potevano dare un calcio in culo alla ridicola UE ma non hanno avuto l'intelligenza e il coraggio di farlo,evidentemente alla gente piace stare a 90 gradi.

Esilarante comunque vedere un mongoloiode sottosviluppato come Genticoglioni "esultare" la vittoria del pelato milfato Macron senza sapere che il parlamento francese verrà comandato dai repubblicani e dalla destra.
Ennesima figuraccia di merda targata partito-dementi-gay-lesbichea huahuahua

Macron è solamente l'utile idiota :-)

Taipan X Commentatore certificato 09.05.17 09:38| 
 |
Rispondi al commento

Chissà perché in tv sono tutti contenti di questo Macron, forse l’egemonia renziana ha insegnato ad amare i barattoli vuoti, un vuoto che altri provvedono a riempire di contenuti estranei agli interessi del popolo. Da questo non mi aspetto nulla di che, a me sembra buono come stampo per il nuovo pupazzo di successo da regalare ai bambini. E poi mi tocca sentire quelli che ridacchiano perché Di Maio ha detto di essere pronto a diventare premier! Prepariamoci bene per le elezioni, ciò che abbiamo intorno è idiozia allo stato puro.

Franco Mas 09.05.17 09:14| 
 |
Rispondi al commento

A giusta pernacchia di tutte le sofisticate (e masturbatorie, e grottesche, e comunque fuori luogo) analisi post ballottaggio- specificando che non avrei votato nè l'uno nè l'altra - l'unica logica e spicciola motivazione del successo di Macron, è che sia gli elettori di Melenchon sia quelli di Hamon hanno votato ( anche fosse solo in parte) il candidato meno a destra. Sarebbe talmente evidente e banale, che i nostri scienziati opinionisti non riuscirebbero o non potrebbero recepirlo, tanto sono rapiti in una virtuale e penosa idolatria di se stessi. Giusto, sbagliato o da rivedere che abbia vinto Macron? Servirebbero molto più delle cartelle che lecitamente non piacciono a Grillo (anche se solo qui - tra i siti frequentabili - si può andare oltre le due o cinque righe di slogans, di battute improvvisate e di insulti, comuni agli a-social networks e a tant'altri blogs pseudo popolari). Ma tornando a noi, l'aspetto più indecoroso è l'artato e/od ottuso parallelo tra il 5 Stelle e il Front National, che solo nel Malpaese adombrano (fuori dall'orticello quasi nessuno l'azzarda nè lo immagina); solo magari per una frase provocatoria di Grillo (che pur ne è magister, e credo mai la sprecherebbe immaginando un auditorio non così apparecchiato, qual purtroppo è) o una frase di un rappresentante ovviamente estrapolata da un discorso più ampio. Ma tutto questo già lo sapevamo, quindi...

homofaber 09.05.17 00:09| 
 |
Rispondi al commento

Questo sistema europa di moneta unica stà distruggendo l'europa.
Da quando esiste questo sistema di finanza chè sottomette le nazioni al suo volere, la prima volta dopo il fascismo e il nazismo in europa rinasce una forza di estrema destra il 35% e 10.637.183 di voti, la prima volta chè questo sistema è stato sconfitto.
Il PD in italia e in europa esultano invece di temere l'avanzata degli estremismi chè stanno creando loro stessi, forse non si preoccupano perchè sono due facce della stessa medaglia?

claudio a., verona Commentatore certificato 08.05.17 23:59| 
 |
Rispondi al commento

Sì, in Francia la corruzione è meno diffusa che in Italia ed esiste un senso dello Stato maggiore che qui in Italia, sebbene neanche loro siano perfetti(i casi Fillon o Sarkozy lo dimostrano). Macron comunque non credo proprio abbia la statura di un grande leader, farà il gioco dell'establishment senza infamia e senza lode, del resto la scelta non era il massimo per i francesi comunque andassero le cose. I veri statisti che vivono la politica come opera sociale al servizio della collettività senza farsi influenzare dalle lobbies sono in via di estinzione da molto, troppo tempo.

Lorenzo P., Cuneo Commentatore certificato 08.05.17 22:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Alla luce del risultato delle presidenziali in Francia,
tenuto conto che in Spagna la leadership filoeuropeista è saldamente al comando,
che in Germania la partita è tra Schultz e la Merkel
e che in Italia le connotazioni politiche anti Euro (quali????) non sembrano preoccupare più di tanto ,
non vedo quale evento politico,
nel breve/medio periodo, possa turbare la sopravvivenza dell'Euro.

Tenete presente che in Italia c’è una grande ricchezza privata e ancora ampi spazi per poterla tassare
(es: successioni e donazioni & + IVA ).
E poi, da parte dei creditori, incassare in Euro è più conveniente che incassare in lire.
E quindi perché la politica italiana dovrebbe far torto ai creditori internazionali facendoci uscire dall’Euro?

Cosa ci insegna il risultato in Francia?
Insegna una cosa molto semplice, anzi due, di cui una è conseguenza dell'altra:
La prima è che dall'euro non si esce per via politica (e comunque se avesse vinto la Le Pen, la strada per l'uscita sarebbe stata comunque lunga e accidentata);

La seconda è che se anche dovesse prevalere la via politica, il risultato sarebbe lo stesso, se non si unissero tutte le forze anti euro (destra, sinistra, verdi, gialli, rossi, neri e cavoli a merenda).
Lo vedete possibile nel contesto italiano?
Per quanto mi riguarda, almeno allo stato attuale, direi NO.

l'intenzione di Renzi è di voler tornare alle urne in autunno (quindi prima della manovra di bilancio 2018),
e la rapidità con la quale il Pd si è diretto verso le primarie e poi verso l'assemblea nazionale che, proprio oggi, lo ha nominato segretario del partito, confermerebbe lo scenario appena delineato.

Se tutto il ragionamento dovesse risultare corretto (non lo so, lo vedremo) il nuovo governo (verosimilmente Pd con qualche alleanza),
che a quel punto avrebbe davanti a sé 5 anni di legislatura, dovrebbe varare una manovra
" robusta " .
Per dirla in altri termini: prima si va al voto e dopo si TASSA .


Lino V. Commentatore certificato 08.05.17 22:32| 
 |
Rispondi al commento

macron !!! io lo definirei" micron"subito dalla merkel l'unica che pensa prima al suo paese chissa quanto tempo passerà prima che i francesi si accorgano dell'errore

chiari a. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 08.05.17 21:57| 
 |
Rispondi al commento

L’ elezione del presidente francese Macron si inserisce in un disegno antico che segna una tappa e una svolta storica nel secolo dei Lumi.

Quele spirito animerà la politica di E. Macron, il nuovo presidente della repubblica francese?

http://laboratoriocattolico.altervista.org/6606-i-numeri-di-chi-ha-votato-macron/

Giovanni Traverso 08.05.17 21:26| 
 |
Rispondi al commento

Certo che diMaio poteva anche rifiutare di rispondere in radio alla domanda gossip sull' età della fidanzatina sua e pretendere invece di farsi intervistare su temi più importanti tipo il problema corruzione, le pensioni, i vitalizi, gli sprechi, le opere pubbliche inutili, e avanti ancora. Patetico . Cosa facciamo la succursale dei programmi trash in tv o di certa stampa ridicola. Sono incazzato. E in più vi voto pure. Grillo mettili in riga perché sempre più spesso cadete nel grottesco, imitando quelli che dovreste contrastare e battere.

Barlafuss 08.05.17 20:58| 
 |
Rispondi al commento

in gran parte condivido il pensiero d Beppe Grillo.
Quanto alla corruzione molto meno diffusa, invece, ho dei seri dubbi.
Sbaglio o la maggior pare degli ultimi presidenti francesi non si è potuta ripresentare alle elezioni per gli scandali?

Francesco Piras 08.05.17 20:45| 
 |
Rispondi al commento

Il popolo francese subito sotto il tacco europeo.

Jean-Claude Juncker avvisa il nuovo Presidente: La Francia spende troppo, troppi sprechi

Non sono passate che poche ore dall'elezione del nuovo Presidente della repubblica francese, Emmanuel Macron, ma già da Bruxelles arrivano le prime sferzate a Parigi, con delle richieste ben precise per l'Eliseo.

È al quotidiano belga Le Soir che il presidente della Commissione europea. Jean-Claude Juncker, affida le sue riflessioni, mettendo ben in chiaro che "i francesi spendono troppo e per le cose sbagliate".

Un avvertimento molto preciso dall'Unione Europea, con cui si chiede ai francesi di ridurre la spesa pubblica, alla luce del fatto che, soprattutto, una quota tra il 53 e il 57 per cento del Prodotto interno loro del Paese va in spesa pubblica. "Questo non può funzionare a lungo", dice Juncker.

La Franche non può contare sulla buona volontà dei suoi partner, aggiunge il presidente della Commissione. "Deve raggiungere un accordo con gli altri, la Germania non è sola nel chiedere una politica di stabilità".

Tagli agli stipendi, licenziamenti, tagli alle pensioni, ridotta assistenza medica, pressione fiscale alle stelle. Mia opinione

Francesco C. Commentatore certificato 08.05.17 20:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma come si puo' immaginare che vincendo macron hanno vinto i poteri forti e se vinceva la le pen vinceva "il popolo".

il fascismo, storicamente, non e' stato espressione dei poteri forti, giusto, ma perche' e' stato il suo cane da guardia sbavante e ringhioso. quello che morde veramente e senza tante remore. (p.s. andare a vedere dov'e' e/o dove e' stato.)

hanno votato per il male peggiore. in fondo, da noi il fascismo l'abbiamo avuto al governo. ma in francia fascismo e nazismo sono stati "invasori".

tutti e due, macron e la le pen sono espressione degli stessi poteri, cosi' come lo erano trump e la clinton.

solo che in francia non sono ancora cotti completamente per votarsi il fasciscmo, cioe' per completare il "progetto".

da loro come da noi (speriamo nei 5s) manca la vera alternativa. e per il momento, la strategia di fare votare zuppa o pan bagnato, per loro sta funzionando a meraviglia.

carlo 08.05.17 20:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Concordo con Max: si sono eletti un'altra "Francia di Vichy" .

Il commento di Beppe lo trovo cerchiobottista.
Molto piu' chiari:
http://orizzonte48.blogspot.it/2017/05/macron-il-vincitore-di-tappa-ma-la.html
e
http://goofynomics.blogspot.it/2017/05/cinque-anni-dopo-macron-e-gli-squilibri.html

Salsa giuridica e salsa economica per gli appassionati del genere .

Il livello del ns. blog mi e' decisamente meno profondo anche vedendo le considerazioni che compaiono sui due che linko


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 08.05.17 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Ripropongo per I "ritardatari" del web. Diagnosi di uno psichiatra italiano: Macron, un individuo psicopatico, narcisista a cui non frega niente di nessuno.

https://www.youtube.com/watch?v=NNDgsw39m9s&feature=youtu.be

Eppero', ascoltatelo fino in fondo. [IMO]

Francesco C. Commentatore certificato 08.05.17 19:23| 
 |
Rispondi al commento

il giorno in cui (prossime elezioni) al governo ci sarà M5S io mi auguro davvero che non sia l'allora capo di governo M5S ad andare dalla merkel, ma che venga lei chiamata a venire in Italia per rivedere un pò tutti gli accordi CAPESTRO che ci sono stati imposti. Sarebbe un primo GRANDISSIMO segno di NON SUDDITANZA alla frau capò dal baffetto depilato.
Se per contro lei rifiutasse subito a ribadire che in Italia verranno proposti dei referendum sia per uscita Italia da euro sia da unione.
Vediamo un pò, quando uno/una non capisce le cose con le buone tocca presentare le cattive.
Ripeto, mi auguro che MAI E POI MAI un capo di governo M5S si "abbasserà" e recarsi al cospetto di una nullità quale la teutonica "frau" del nulla.

luigi 08.05.17 18:46| 
 |
Rispondi al commento

Nel 2012, quando vinse Hollande, mi dissi: "Non sarà un granché, ma almeno è l'unico, in questa Europa, a parlare contro l'austerità".

Tutte le speranze erano puntate su di lui. Ce l'avrebbe fatta a cambiare la situazione?

È finita come ben sappiamo.

(Nel frattempo, in Grecia vinse Tsipras. E si rivelò il re dei traditori)

Con Hollande, abbiamo buttato via 5 anni. Ora, tocca a Macron. Altri 5 di austerità e di asservimento alle banche.

Povero popolo, quando ti sveglierai?

GIAN PAOLO ♞ 08.05.17 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Leggete,leggete...meditate,meditate...

http://www.controinformazione.info/dai-documenti-filtrati-di-macron-si-evidenziano-i-piani-segreti-per-lislamizzazione-della-francia/

http://www.controinformazione.info/fine-della-campagna-elettorale-in-francia/

http://www.libreidee.org/2017/05/attali-cioe-macron-salvare-la-francia-a-spese-dellitalia/

http://www.libreidee.org/2017/04/attali-supermassone-oligarchico-macron-una-mia-creatura/

Un saluto a tutti.
Un Esodato Super Incazzato.

Giovanni Antonio 08.05.17 18:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oggi è andato subito a scodinzolare dalla merkel e sicuramente si faranno in pubblico della crasse risate sull'Italia.

dfsdgf 08.05.17 18:03| 
 |
Rispondi al commento

e nel mentre ..... la prima cosa che farà macron si recherà ad appecoronarsi dalla merkel.
Chissà perchè non appena eletti tutti vanno dalla merkel eh?
poi sarebbe la Le Pen quella da considerare il "nuovo" hitler dei nostri tempi????
I benpensanti, ve ne sono di quelli che questa definizione non se la meriterebbero proprio.
Solo perchè uno si presenta a guida del paese con una idea "nazionalista" sarebbe pericoloso??????
Diceva Totò:" MA MI FACCIA IL PIACERE ........ MI FACCIA".
Se l'Italia si trova in condizioni disastrose è anche a causa proprio di questi "benpensanti".
Comunque ..... inorridisco nel pensare che, paragonando quello che successo in Francia, alla creazione di un suo partito politico, da parte della fornero, questo partito alle prossime elezioni arrivasse a ballottaggio ed infine, vincendo, la fornero diventasse il nuovo capo di governo.
Mica per nulla eh, ma ........ questo è proprio quello che successo in Francia con macron.
Unica soddisfazione ........ pure i "cugini" d'oltralpe ora hanno il loro "bomba" (e quindi hanno poco di che "stare sereni").

luigi 08.05.17 17:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi esulta per la vittoria dell'Aquilotto francese non sa che cosa ci aspetta. L'Asse, Orsa Maggiore - Aquilotto, ci getterà definitivamente a mare, come fanno gli scafisti con gli immigrati.
Ma, diversamente da quest'ultimi, a noi italiani non ci salverà nessuna ONG.

Pier W. Commentatore certificato 08.05.17 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Beppe ha scoperto l'acqua calda e per evidenziarlo lo ha anche scritto in neretto " primo presidente a non provenire da uno dei due partiti tradizionali francesi," per forza , il popolo non crede più ai partiti e allora in tutta fretta hanno messo in gioco la bambola gonfiabile e lo hanno fatto Presidente della Francia , come da noi trovarono un Monti , lo fecero senatore e subito presidente del consiglio , cosa vuol dire questo ? Che i politici non servono a niente , servono solo a gestire il popolo ma nelle decisioni importanti comanda l'economia dei banchieri , questo però non potevi scriverlo perché come il PD e il PDL anche il M5S è asservito al gioco dei Banchieri , non posso sapere se per vile ricatto o semplice natura liberista , unico dato certo che dalle europee del 2014 il M5S non ha fatto niente per informare i cittadini sui pericolo di questa Europa , ha sempre parlato di tutto dalla polenta a km 0 all'inquinamento luminoso ma non una parola sulle imposizioni che continuano ad arrivare dall' Europa , sia fiscali che di mercato , e guai a parlare dell'uscita dall'Euro , scappano, si nascondono , riparlano della bufala del referendum o della moneta fiscale , parola d'ordine non rispondere assolutamente agli elettori che chiedono spiegazioni, che brutta fine per il M5S inglobato dai Rothschild . P. S. WikiLeaks, ecco i finanziatori di Macron:

- George Soros: 2.365.910,16 €
- David Rothschild: 976.126,87 €
- Goldman-Sachs: 2.145.100 €

Adesso capite perché Manlio Di Stefano e sicuramente anche Borrelli e Di Maio esultano per il risultato delle elezioni francesi ?

Alvaro Nannicini, Pisa Commentatore certificato 08.05.17 16:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PER FRANCESI E' STATA LA SCELTA DIFFICILE TRA PEGGIO E MENO PEGGIO...

Se penso ai grandi uomini del 900 penso a Cesare Battisti, Armando Diz, Antonio Gramsci, Sandro Pertini ,Berlinguer,Alcide De Gasperi, Gandi, Nelson Mandela, Winston Churchill, Tatcher...

Ora come ora il panorama dei "capoccioni mondiali è desolante".
Nel panorama della politica internazionale e nazionale mancano quei grandi politici che erano capaci di mettersi sul serio in gioco per i loro ideali e non temevano confronto né il dialogo né la lotta, ma andavano avanti con intelligenza pensando solo al bene del loro paese, ci mancano...

“Dalle stelle alle stalle”...

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 08.05.17 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, non ti capisco.
Il 34% della Le Pen dimostra solo una cosa: il popolo, il ceto medio e la PMI francese si son fatti fregare un’altra volta dai banchieri e dalle multinazionali.
Io non sono mai stato né fascista né sostenitore del Front National.
Ma se avessi dovuto scegliere fra Le Pen o Macron avrei sicuramente scelto la prima.
Così come avrei scelto Melenchon contro Macron.
Avrei scelto qualunque candidato contro il Libero Mercato, la Globalizzazione, L’euro, l’Europa tedesca.
E invece ancora a parlare di destra e sinistra, dividersi… e far vincere Macron, uomo delle banchieri e delle multinazionali.
Ovvio che per gli eurocrati “l’Europa è salva”.
La Le Pen avrebbe fatto saltare sia l’Euro che l’Europa.
La candidatura di Macron dimostra una cosa soltanto:
Il vecchio centro destra e centro sinistra sono ormai bruciati, ormai impresentabili.
E allora i Banchieri hanno messo un nuovo uomo, il loro uomo direttamente.
E tu pensi che il “primo presidente a non provenire da uno dei partiti tradizionali francesi si impegnerà a salvaguardare il popolo che rappresenta”??????????????
Ho forti dubbi che possa avvenire,
basta guardare chi sta festeggiando.

Santo Nalbone 08.05.17 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Sarà il renzi francese.

giorgio peruch 08.05.17 16:40| 
 |
Rispondi al commento

ANALISI DEL VOTO FRANCESE (parte 3): La lotta dei cittadini comuni, imprenditori compresi e delle nuove generazioni contro la politica tradizionale fatta di compromessi, burocrazie, multinazionali, speculazioni economiche, cattolicesimo alla Papa Francesco, supponenza intellettuale e buonismo ovvero contro tutto quell'apparato di privilegiati che ha mangiato e continua a mangiare sulla nostra pelle. L'europa attuale e chi la governa rappresentano quel totalitarismo bonario e soporifero che fatalità un francese, Tocqueville, descrive nelle pagine della: "Democrazia Americana". Ma per batterlo, per insorgere contro di esso e vincere serve un oltrepassamento delle barriere ideologiche tradizionali e un unione fra estrema destra ed estrema sinistra che quella striminzita percentuale di elettorato ha attuato. A sinistra bisognerebbe rinunciare all'antifascismo militante cosi come decidersi una buona volta ad elaborare un programma economico/politico degno di tal nome e affrontare in maniera critica il problema immigrazione; a destra invece dovrebbe esserci una decisa espulsione di pulsioni xenofobe e fascistoidi e un apertura nei confronti dei diritti individuali e libertari come ad esempio matrimonio gay aborto ecc ecc Insomma entrambi dovrebbero lavorare su ciò che unisce anziché insistere su divisioni e tematiche del secolo scorso, perché il nemico non sono "post comunisti" o "post fascisti" ma i moderati col colletto bianco. Naturalmente questa è fantapolitica, dovremmo aspettare decenni forse anche di più, per vedere qualcosa di simile, un soggetto politico del genere è impensabile nel nostro paese e probabilmente non risulterebbe neppure vincente, eppure io penso che qualcosa in Italia stia nascendo... Il Movimento Cinque Stelle,nonostante i suoi errori sta cercando di rappresentare questo tipo di istanza e se riuscisse per miracolo ad ottenere il 40% dei consensi sarebbe qualcosa di estremamente rivoluzionario, e in italia una rivoluzione non c'è mai stata...

Francesco Bullo 08.05.17 16:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo me non è vero amore......ma il frutto di una situazione psicologica di distanza dalla politica vissuta dai cittadini francesi.....anche loro sono stufi dei classici della politica che pensano solo alla prossima elezione....probabilmente hanno visto in lui il renzie italiano....l'affabulatore che ti incanta con le parole, ti convince con la sua arroganza e presunzione, con la sua oratoria.....ma che poi nei fatti non cambierà una virgola di quello che è stato fatto da chi lo ha preceduto o peggio farà dei cambiamenti che complicheranno la vita agli onesti cittadini che tutti i giorni lavorano con serietà guadagnandosi il proprio stipendio con il sudore della propria fronte....

Aldo moioli 08.05.17 16:39| 
 |
Rispondi al commento

ANALISI DEL VOTO FRANCESE (PARTE 2)
e a volte anche presente, fascista e razzista del movimento della LePen che non è stata minimamente in grado di difendersi anche perché non ha fatto una "pulizia interna" del partito per renderlo presentabile. Macron ha quindi vinto in maniera schiacciante sfiorando il 70% dei consensi, ma non è questo il dato più interessante che è emerso da queste elezioni... I dati interessanti sono piuttosto altri 3: 1) Melenchon candidato di "estrema sinistra" ha preso il 19,8 % dei voti, appena il 5% in meno di Macron con percentuali che in Italia pure Salvini si sogna. Questo perché anzichè puntare unicamente sul discorso no border, Melenchon ha puntato sull'ecologia e su radicali riforme economiche in aperto contrasto con i burocrati europei. Oltretutto coerentemente con le sue idee non si è espresso sul voto post ballottaggio. Da questo dato emerge che la sinistra in Francia è quasi il terzo partito, cosa che naturalmente i giornali si guardano bene dall'evidenziare. 2) L'astensione nel paese ha raggiunto il livello più alto nella storia delle elezioni francesi, ciò significa che Macron, da un punto di vista politico la continuità rispetto alla direzione politica europea degli ultimi 10 anni, non ha di fatto la maggioranza dei consensi. E occhio che in Francia quando si incazzano si incazzano sul serio altro che le mezze seghe italiane... Li vanno di Molotov senza farsi troppi problemi. 3) E questo è il dato più interessante, l'11 % di coloro che al primo turno hanno votato Macron ha votato Le Pen al ballottaggio. Questa striminzita percentuale rappresenta il futuro della politica europea e forse mondiale, questi elettori hanno capito forse inconsapevolmente che la lotta non è fra fascismo e comunismo, non è fra xenofobia e tolleranza, non è fra destra e sinistra, ma al contrario è (e qui paradossalmente sono costretto a tirare fuori categorie ottocentesche) lotta di classe. (Continua..)

Francesco Bullo 08.05.17 16:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ANALISI POLITICA DEL VOTO FRANCESE (mi sembrava brutto lasciarla languire sulla mia pagina facebook, se avete voglia ditemi cosa ne pensate): Forse il punto di partenza migliore per analizzare un fenomeno tanto complesso sono le parole di Marie Le Pen: "Ora comincia una battaglia fra patrioti e mondialisti: per questo trasformeremo il nostro movimento." Con questa frase l'abilissima politica francese ha dimostrato di comprendere dove sia il futuro della politica... Non si parla più di destra o di sinistra e di tutto l'armamentario ideologico che ne consegue, ma di categorie "altre" che definirei post ideologiche e che investono in questo caso la libertà di auto determinazione dei singoli stati, l'idea di continuità o meno rispetto al progetto europeo, il modo di contrastare e/o controllare l'immigrazione; un dibattito serio, interessante, che parla finalmente di visioni concrete e non di principi morali. Eppure... Eppure la Le Pen ha perso contro un avversario sul cui programma i suoi stessi elettori hanno dei seri dubbi, con un partito neonato e non perfettamente organizzato, un rappresentante delle odiatissime élite europee e delle banche. Come si spiega? Si spiega naturalmente col fatto che la popolazione francese non ha votato per Macron, ma ha votato CONTRO LE PEN, e le radici di questo "voto-contro" sono storiche, per questo per analizzarle bisogna applicare gli strumenti della vecchia politica. La Francia, a differenza del nostro paese, ha delle profondi radici democratiche e antifasciste; Vichy è infatti stata percepita come una sorta di tradimento di una parte della popolazione francese che, durante la seconda guerra mondiale, si è piegata al volere dell'invasore nazista. Per cui Macron, supportato dai partiti tradizionali, ma non da Melenchon (su cui torneremo), ha avuto gioco facilissimo nel puntare tutta la campagna elettorale sul passato (continua...)

Francesco Bullo 08.05.17 16:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

RENZI È UNA GIGANTESCA FAKE NEWS, IL BOMBA HA COLPITO ANCORA: ECCO TUTTE LE BALLE DI RENZI MINUTO PER MINUTO

Renzi aveva promesso ai quattro venti di ritirarsi dalla politica ed è stato appena nominato segretario del Partito Demagogico. Renzi è una gigantesca fake news, nel suo discorso il mentitore seriale Renzi ha colpito ancora: ecco le balle più clamorose del bomba minuto per minuto.

1. "Il Pd non è il luogo dove tutti sparano contro". Solo negli ultimi tempi abbiamo assistito solo a Prodi impallinato dai 101 traditori, di cui molti renziani, a Letta pugnalato alle spalle da una congiura di palazzo, guidata da Renzi, alla scissione di Bersani e company, fortemente voluta dal segretario.
2. "Il Pd non è un partito personale". Renzi ha trasformato il Pd in una macchina di potere e propaganda a proprio uso e consumo, imponendo una svolta leaderistica che si riflette sui temi dell'agenda politica, sulle nomine di ogni ordine e grado, sull'azzeramento del concetto stesso di pluralismo.
3. "Lo stallo sulla legge elettorale non dipende dal Pd". Renzi ha creato il caos istituzionale con l'Italicum e ora, mesi dopo la sentenza della Consulta, il partito di maggioranza non sblocca la riforma. Il M5S ha chiesto sin dall'inizio di andare subito al voto con il Legalicum, ma il segretario del Pd tiene il Parlamento in stallo.
4. "Il Pd mette al centro tre parole: lavoro, casa e mamme". Il Jobs Act sta creando la più grande bolla di disoccupazione mai vista, la casa è diventata facilmente pignorabile dalle banche grazie al Pd e alla mamme sono stati chiusi i punti nascita in tutta Italia.
5. "Guardo al ballottaggio in Francia e rosico". Renzi rosica perché ignora che in nessun ordinamento democratico esiste un ballottaggio per gli organi legislativi, come il Parlamento, ma solo per quelli monocratici come la carica di Presidente della Repubblica.


segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 16:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Diego Fusari
Vince Macron, i mercati festeggiano, l'Unione Europea esulta, il capitale ringrazia, la classe dominante brinda. Vi è altro da aggiungere?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Evidentemente, si tratta dell'ennesimo burattino che la Finanza internazionale mette a capo di una nazione occidentale, una fra le più importanti; io dico che finirà in pesanti sommosse di piazza.

Antonio Di Cosola 08.05.17 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Macron promette di imporre l’austerità al settore pubblico, eliminando 120.000 posti di lavoro in cinque anni; d’altra parte promette importanti investimenti nel settore ambientale, sanitario e agricolo. E’ figlio dei mondi finanziari e industriali, ma si ritrova anche come difensore dei valori rivoluzionari e universali della Francia di libertà e uguaglianza. Il suo scopo è quello di creare un centro estremo funzionale, da perennizzare nel tempo e far in modo di realizzare indisturbato la sua politica ultra-liberista, puntando sulle pensioni e sugli ammortizzatori sociali, fino a creare anche un sussidio di disoccupazione universale che coprirebbe tutti, incluso chi è stato licenziato.

Fiorella G., Parigi Commentatore certificato 08.05.17 16:01| 
 |
Rispondi al commento

Io dico che finirà in pesanti sommosse di piazza.

Antonio Di Cosola 08.05.17 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Almeno i francesi hanno potuto votarsi il presidente.

Almeno i francesi hanno potuto scegliere.

Grazie al doppio turno, hanno potuto scegliere il meno peggio, ma hanno scelto.

E, udite udite, si voteranno pesino i rappresentanti al governo.

Evidentemente i politici francesi rispettano o hanno paura del proprio popolo. La storia qualcosa insegna.

Da noi, il presidente è imposto dai nominati della politica; ricordo che sono presenti in parlamento, con un premio di maggioranza, frutto di una coalizione sciolta dopo il voto di una legge incostituzionale.

Noi, non possiamo scegliere

Da noi, il doppio turno, alias ballottaggio, è una cosa che suona “ambigua”. L’idea che il popolo possa scegliersi i propri rappresentanti suona populisticamente democratico.

Noi, le elezioni le vedremo a fine legislatura. Ricordo che l’ultimo presidente del consiglio eletto in seguito alla vittoria delle elezioni è stato Berlusconi nel 1998!

Evidentemente i nostri politici non ci rispettano e non hanno alcun timore per fare qualsiasi cosa. Ricordo che abbiamo avuto un presidente del consiglio, non eletto e fatto senatore il giorno prima per essere nominato tale.

Luca G. Commentatore certificato 08.05.17 15:56| 
 |
Rispondi al commento

E ora fate attenzione: Renzi cambierà la legge elettorale per ammettere le coalizioni, non dichiarerà niente agli elettori su quello che intende fare nei confront di Berlusconi, si manterrà sul vago come sta già facendo adesso, ma di nascosto farà patti elettorali con FI, mandando i suoi scagnozzi come Zanda a contrattare le spartizioni, mentre i media prepareranno il campo dicendo che Fi è cambiata.. .che non è più un partito di dx... che è di centro .. che è moderata...che è liberale.... Intanto la cartina di tornasole saranno le amministrative dell'11 giugno, che chiameranno al voto 10 milioni di elettori e vedranno sicuramente le prime prove di inciucio tra Pd e Fi a livello locale (e già sono iniziate: in Lomellina e Oltrepò Pavese prove di alleanza “per il bene del territorio”) ma piano piano, per vedere l'effetto che fa e dare la cannata finale dopo il voto delle politiche nello stile del peggior tradimento, che è poi lo stile fisso di Renzi. Non si sgarra.
E i piddioti dietro, come tanti somari attaccati alla cavezza.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 15:55| 
 |
Rispondi al commento

fonte : Marcello Foà ,

In realtà Macron è, da sempre, un rappresentante dell’establishment e la sua ascesa è frutto di una brillante quanto spregiudicata operazione di marketing politico.

Ragioniamo. Sulla Francia incombeva un rischio: che dopo la Brexit e la vittoria di Trump, il vento del cambiamento si imponesse anche qui, spazzando via i due partiti tradizionali, sia quello socialista sia l’Ump, accomunati, agli occhi degli elettori, da lunghi anni di promesse tradite.

Come scongiurarlo? Puntando sul "nuovo ",
ma teleguidandolo.
Dunque, più precisamente, presentando il vecchio vestito di nuovo.

Lino V. Commentatore certificato 08.05.17 15:46| 
 |
Rispondi al commento

Et pourtant Macron ha vinto ed è' questo che alla fine conta. Avrà' la vita difficile? Certamente come chiunque di questi tempi venga chiamato alla guida di un Paese specie se europeo. A conti fatti e' sempre meglio vincere che perdere.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 08.05.17 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Perché usare mezze parole ed i soliti "ni" : macron rappresenta "il non cambiamento" (la Le Pen ha perso e quindi è inutile parlare di quello che avrebbe rappresentato) : basta vedere i grandi leader dell'europeismo, per chi tifavano. Qualcuno qui accennava ALLE PAROLE DI MACRON CIRCA IL CAMBIAMENTO DELL'EUROPA.... in realtà le solite balle raccontate da tutti i neo eletti (ad eccezione di renzi)... per dare dare consistenza ai loro programmi: la storia ci insegna che quello di cambiare questa europa è un sogno irrealizzabile perché volerla cambiare, CORRISPONDE DI FATTO AD USCIRNE !!! La Grecia del parolaio tsipras ne è fulgido esempio. Altro esempio è costituito dal parolaio italiano renzi... il quale dopo gli ululati e le minacce alla UE, regolarmente si appecoronava ai piedi della Merkel in sede europea. Dunque macron, rappresenta la continuazione della politica di questa UE la quale continuerà tranquillamente a curarsi più dei grandi interessi finanziari che delle reali esigenze della povera gente. Personalmente delle difficoltà presunte o vere che incontrera' macron a governare il suo paese... non me me frega niente... soprattutto perché il risultato dell'europeismo francese in questa tornata elettorale REALISTICAMENTE, non è MAI STATO IN DISCUSSIONE... mentre la eventuale VERA spallata a questa europa di burocrati e lecchini LA SI AVRA' ALL'INDOMANI DELLE ELEZIONI IN CASA NOSTRA... altro che "il pericolo Le Pen"....

Umberto Tordone Commentatore certificato 08.05.17 15:21| 
 |
Rispondi al commento

il toy boy non salvera proprio nulla e nessuno che non rientri nei "suoi piani"....e sembrerebbe che i cittadini non facciano parte dell'agenda del banchiere

ma almeno,

hanno imparato i francesi a non mettersi il pane sotto l'ascella sudata?

bloody frogs!! :)

Path Walker Commentatore certificato 08.05.17 15:19| 
 |
Rispondi al commento

@marco romolo 08.05.17 14:14|

parte 1) Caro Marco, ho la sensazione che tu sia ancora giovane. Il fatto e' che, con il passare del tempo ed il permanere degli stessi problemi sociali, economici e politici le persone che, come me, viaggiano oltre i 60, cominciano ad averne le tasche piene e diventano insofferenti. E cosi' si diventa meno propensi a "fare un bagno di umilta'" che, molte volte si traduce in un dover essere piu" tolleranti. A questo devi aggiungere che i libri di storia sono stati riscritti tante volte, ad usum delphini ovviamente, e le nuove generazioni finiscono per studiare una storia che di storia vera non ha un bel niente. Bisognerebbe acquistare diversi e corposi libri di diversi autori di diversi orientamenti di paesi diversi per tentare di ricostruire qualcosa di credibile a meno che non sia vissuto quel periodo in prima persona. E bisognerebbe avere il tempo per leggerli.

Francesco C. Commentatore certificato 08.05.17 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto Aldo Moro accartocciato in una renault rossa.
Ho visto Berlinguer mentre stava morendo implorare i suoi di andare casa per casa.
Ho visto il P.C.I. diventare PD e i diritti dei lavoratori gettati nel cassonetto “ Rifiuti Ideologici”.
Ho visto Violante rammaricarsi con Berlusconi nonostante un conflitto d’interesse mai nato!
Ho visto rete quattro salva e salva rai tre, ma la verità assassinata per sempre! ... Ho visto Enrico Letta consegnare un pizzino a Monti “ Dimmi cosa posso fare per te”
Ho visto Fassino gridare “ abbiamo una banca” e “ facci sognare”
Ho visto l’ILVA uccidere uomini di tumori e salvata da una “legge lampo”
Ho visto Bersani, finanziato da Riva, non dire niente su Taranto!
Ho visto l’art.18 sprofondare come se non fosse mai esistito!
Ho visto D’Alema in barca, sorridere!
Ho visto il MPS inabissarsi e nessuno ne parla.
Ho visto un popolo allo sbando ed un Premier dire che va tutto bene.
Ho visto la farsa delle primarie del PD....

...cos’altro deve vedere un popolo per capire?

Cit. Pino Palombo

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 15:17| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

. parte 2) Apparentemente tutto sembra essere corretto ma le "sfumature" esistono ed hanno lo scopo di fare un bel lavaggio di cervello, tanto per dirla sic et simpliciter. Per quanto concerne le guerre credo che tu ti riferisca ad una bella guerra tipo I e II mondiale, perche', per il resto, di guerre ce ne sono fin troppe. I "60 anni di pace" non sono conseguenza di un improvviso buonismo delle recenti generazioni politiche; derivano piuttosto dalla forzata consapevolezza che, oggi, una bella guerra non vedrebbe ne' vincitori ne' vinti. "Quello" ha "messo" l' Inno all Gioia non perche' sia buono, ma solo per far capire "in giro" che i pochi intimi, gli amici con il grembiulino dai quali direttamente deriva, hanno una ragione in piu' per sentirsi i nuovi padroni. E questa, per noi che abbiamo gia' vissuto queste belle esperienze, si chiama ipocrisia della peggiore specie. Malattia estremamente pericolosa per la gente in genere e per quella modesta in particolare. Un caro saluto.

Francesco C. Commentatore certificato 08.05.17 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Sottoscrivo Diego Fusaro, che ammonisce chi non è ricco e potente e pure festeggia per la vittoria di Macron..

Il 99% dell'umanità è ancora in fase pre-puberale (come cervello). Ecco spiegato il famoso 40% di Renzi.

Se votassero solo quelli capaci di intendere e di volere, non sarebbero esistiti i governi degli ultimi 30 anni (forse 50. Forse 70).

La gente si intende più di calcio e di telenovele che di politica, diciamoci la verità.

Tutti subiamo la crisi e nessuno si ribella.

Sulla legittima difesa, addirittura la discussione verte su quanto una vittima possa o non possa difendersi, anziché sullo stabilire pene gravissime per i delinquenti.

Alle prossime elezioni, prenderemo più o meno i voti di Marine Le Pen. Arriveremo primi, ma a cosa servirà?

Siamo nulla finché la gente verrà lobotomizzata dalla Tv e dai giornali.

GIAN PAOLO ♞ 08.05.17 15:12| 
 |
Rispondi al commento

MACCARON A' LA FRANCAISE.

Giovanni F. Commentatore certificato 08.05.17 15:12| 
 |
Rispondi al commento

I leccachiappe di regime, cinquatadueini, stanno già facendo paragoni tra Macron/Renzi e Grillo/Le Pen. Leccachiappismo fantascientifico: 2017 Leccachiappismo Nello Spazio.
Bah, io capisco che passare dal 77° al 52° posto nella classifica internazionale sulla libertà di stampa redatta da Ballist Sans Frontiers, in un solo anno (daje a ride!) sia una gran soddisfazione per un leccachiappe a tempo pieno, ma leccachiappe! che diamine! manco Ridley Scott ci arriva a 'ste cacchiate fantascientifiche!
Comunque i Francesi non sanno cosa li attende: taglio sanità, salari e pensioni.
Solite ricette da criminali eurocratici.
Peggio per loro.

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 08.05.17 15:10| 
 |
Rispondi al commento

NO M5S?...AHI,AHI,AHI,AHI!!...

Giovanni F. Commentatore certificato 08.05.17 15:07| 
 |
Rispondi al commento

a differenza ns però i francesi non è che se le lascino fare le cose senza batter ciglio.
sicuramente Macron ha poco di cui essere allegro perchè secondo me non avrà vita dura ma mooolto mooolto di più

E comunque siamo sempre lontani anni luce dalle porcherie a cui hanno sottoposto e sottopongono a noi...

Vogliamo parlare di Renzi che pensa di aver vinto qualcosa di vero? glielo dice qualcuno che ormai gli italiani hanno la nausea di lui e di tutti i suoi personaggi loschi e grigi ?? e ovvio vale anche per tutti gli altri, retaggio di una politica che non c'è più perchè non c'è più nulla da spartirsi visto che l'hanno spazzato via

ripeto scendiamo in piazza per votare prima che in un anno ci affondano peggio che la grecia.

Dani Cap 08.05.17 14:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Diego Fusaro

In Francia ha vinto, ancora una volta, la classe dominante, l'aristocrazia finanziaria apolide nemica dei diritti sociali e delle sovranità nazionali, delle masse popolari e della possibilità per il popolo di autodeterminarsi. Se appartenete alla classe dominante, fate bene a giubilare. Se appartenete al restante 99 per cento della popolazione ed egualmente giubilate, siete irrecuperabili.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Lunedì mattina. Ti svegli e accendi la TV. La prima persona che vedi è Renzi che a proposito delle elezioni francesi dice: - Se fosse passato il referendum a quest'ora avremmo anche noi il ballottaggio.- Ma come si fa a mentire così spudoratamente? Il referendum non avrebbe cambiato la legge elettorale, ma la Costituzione. Non posso pensare che il segretario di un partito politico possa commettere un errore così grossolano. Oppure che abbia dimenticato che la legge elettorale col ballottaggio l'ha boccia la Corte Costituzionale. Perché era sbagliata. Come sbagliate sono tutte le riforme approvate dal suo governo. Mente sapendo di mentire. Il referendum non avrebbe introdotto il ballottaggio. Mandiamo i bugiardi a casa. #maipiùPD

Pasquale Ricchiuti

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Lettera Aperta
Al Garante del M5S Beppe Grillo
E, p.c.
Ai Portavoce del M5S in Parlamento
AI Portavoce del M5S nel Consiglio Regionale
Dell'Emilia Romagna
Agli Attivisti del M5S di Parma e Provincia
Ai cittadini di Parma


https://www.facebook.com/parmaducato5stelle/posts/728120384037685


"Punti di vista" Di fatto qui, nonostante che sia "En Marche" che ha vinto (forse definibile movimento neo-socialista, di centro, viene commentato ed enfatizzato quel 1/3 perdente di Marine Le Pen (La estrema destra francese, qui definita non sufficientemente estrema) I punti di vista sono rispettabili. Per impostazione razionale, in genere, parto dall'analisi di chi ha preso più voti (il centro) e che ha vinto. Conosco nulla di Ms. Macron, salvo quel che si legge su Wiki: provinciale, figlio di élite professionale, mandato a studiare a Paris per tenerlo lontano dall'influenza della Prof. del liceo di 24 anni più anziana; lui, poi se la è sposata e ci ha fatto dei figli, oltre i 3 che lei già aveva dal precedente matrimonio; Macron sceglie filosofia, poi affari pubblici a Sience Po, poi l'ENA la scuola amministrativa di Stato francese (dove, in genere, si formano i migliori) E' stato socialista, consigliere di Hollande e da lui nominato ministro nel governo Valls. Non ho seguito la campagna, ho solo, appena, ascoltato il suo discorso, dopo la vittoria. Il coraggio della "verità" è filosofia, così come la "liberté, égalité, fraternité". E' figlio dell'istruzione, è figlio dei lumi, è figlio della Francia. E' uno di quei figli che il MoVimento, intellettualmente, non sa "amare" perché non è un "portavoce" ma ha idee sue, mooolto ben radicate.

Paolo B. 08.05.17 14:45| 
 |
Rispondi al commento

MACRON A PARIS, MINCHION IN ITALY

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe / e altri utenti, questo è il mio primo commento in assoluto. Volevo ...esprimere il mio sostegno invece al candidato Francese Emmanuel Macron. Rappresenta una speranza per l'Europa...perchè invece di usare la parola ''distruggere'' ha usato la parola ''cambiare''. Sarebbe interessante ...se anche il movimento 5 stelle si proponesse come un ''qualcosa'' che vuole cambiare l'Europa senza distruggerla a tutti i costi...magari con un reddito di cittadinanza europeo...oppure elezioni dirette del presidente della commissione. Se volete il mio voto (e immagino anche quello di molti altri) dovete essere più esaustivi sulla politica estera europea.

Federico A. Commentatore certificato 08.05.17 14:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma allora questi francesi sono proprio fessi.......
Però non è che poi noi italiani abbiamo dimostrato di essere migliori..... almeno fino ad ora abbiamo sempre votato per congreghe di farabutti tagliaborse, miserabili egoisti traditori, infidi, viscidi e vigliacchi...
E scusate se ho dimenticato qualche altra " qualità", ma potete sempre corregermi ed integrare.....

Giovanni. Russo, SA Commentatore certificato 08.05.17 14:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli sciocchi che appoggiano Macron contro il cosiddetto nazismo della Le Pen farebbero bene ad aprire gli occhi e prendere coscienza del fatto che il solo nazismo oggi esistente è quello dell'Unione Europea e del fiscal compact, del "ce lo chiede il mercato" e dell'austerità depressiva. Signori, Hitler non torna con baffetto e svastica: è tornato parlando inglese e condannando tutti i crimini che non siano quelli del mercato, difendendo l'apertura globalista dei confini e la libera circolazione delle merci e delle persone mercificate.
(Diego Fusaro)

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Oggi la battaglia politica non è più tra destra e sinistra, visto che in vari paesi europei la sinistra è scomparsa e al più abbiamo una destra populista contro una destra dell'alta finanza e delle multinazionali, o una ex sinistra che rinnega tutti i suoi valori e ideali per allearsi con la destra che trova. Oggi la lotta è tra quelli che sostengono la cricca dei magnati e quelli che difendono i diritti dei popoli. Neoliberisti e fautori della democrazia diretta. Inutile cercare di dimostrare che la democrazia potrebbe stare tra i primi.
Infelici quei Paese dove non esiste nessun Movimento a favore del popolo!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Ma come potete essere sempre contro tutti? La visione del mondo 5 stelle "o sei uno di noi o sei dell'estabilshment". Il vostro movimento è bellissimo ed è nato da un rigurgito italiano contro la falsa politica e per questo si deve rispettare, come sincera e veritiera rappresentazione di milioni di anime di questo paese. Ma fatevi un bagno di umiltà, sopratutto aprite un libro di storia! Sapete da quant'era che non si vedevano 60 anni di pace in Europa?? Da AUGUSTO, DUEMILA anni fa! Sapete qual'è l'unico motivo per cui non c'è stata questo periodo guerra? Non per la formazione di un unico grande impero nazifascista no.. per l'UNIONE EUROPEA! Gli esseri umani dimenticano troppo in fretta.. E voi vorreste uscirne in nome di una fantomatica europa dei popoli contro "l'establishment".. in nome dei nazionalismi.. così, lasciando le future generazioni in un Europa divisa, ognuno con la propria moneta, ognuno coi propri confini.. quanto pensate che ci rimetterà la guerra a tornare? Bel regalo per le future generazioni.. Si l'UE deve cambiare e molte cose non vanno bene.. ma sono istituzioni giovani, cosa pensate che con un battito di mani si crei una comunità europea perfetta? Dico solo che chi si sente minacciato da un presidente francese che mette l'Inno alla Gioia prima della Marsigliese è uno stolto che ancora non ha imparato a distinguere amici da nemici.

marco romolo 08.05.17 14:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A noi, avsvano chiesto di tapparci il naso,
ai francesi, è stato chiesto:
Voulez vous un coup de marteau sur la tete ou sur les couillons?

Antonio* D., Carrara Commentatore certificato 08.05.17 14:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ottima analisi, non condivido solo la tua speranza finale...

Pep Gatto, Galatone Commentatore certificato 08.05.17 14:08| 
 |
Rispondi al commento

E' cominciata la corsa a bighe unite

IL PD E FORZA ITALIA ALLEATI
"Ecco il Comune dove correranno insieme alle elezioni A Sava, comune di 16.500 abitanti in provincia di Taranto, il PD e Forza Italia appoggiano lo stesso candidato sindaco. "Questa notizia mi fa sobbalzare...
MA PERCHE' SI ERANO DIVISI? E QUANDO?😁😁😁😁😁

Alessandro Bertone

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Macron non costituisce il cambiamento che ha promesso in campagna elettorale. Riflettendoci bene, considerare un uomo che è stato consigliere dell’Eliseo e poi ministro dell’economia di un governo socialista, puo incarnare un movimento politico se non rivoluzionario perlomeno innovativo, considerando che poco più di un anno fa “En marche!” non esisteva nemmeno? Come può un ex banchiere della Rothschild rappresentare le istanze del socialismo e della sinistra? In realtà, Macron è, da sempre, figlio del sistema e la sua ascesa politica è solo frutto di una brillante quanto spregiudicata operazione di marketing politico, profittando di una Francia sulla quale incombeva un rischio: che dopo la Brexit e la vittoria di Trump, il vento del cambiamento si imponesse anche qui, spazzando via i due partiti tradizionali, sia quello socialista sia l’Ump, accomunati, agli occhi degli elettori, da lunghi anni di promesse tradite. Macron, è il vecchio sotto nuove spoglie, eterodiretto, da Jacques Attali uno dei personaggi più influenti nella politica francese, sin dai tempi di Mitterrand di cui fu eminenza grigia,un francese globalista,convinto europeista,introdotto e stimato nell’establishment internazionale, consigliere di Sarkozy e considerato da Holland, già nell’aprile del 2016 pronosticava che uno sconosciuto avrebbe vinto le presidenziali del 2017 e indicava due possibili nomi: Emmanuel Macron a sinistra e Bruno Le Maire. video https://youtu.be/2UAxMMtAmPw Con queste premesse non è difficile decriptare le intenzioni di Macron, il quale non rappresenta il cambiamento ma la continuità, i francesi subiranno il proseguimento delle politiche di Hollande, che, paradossalmente, tanto hanno odiato. Politica mediatica mentre il malessere francese profondo ed è destinato ad aumentare se l’economia francese non ricomincerà a crescere davvero e se la società francese non troverà un nuovo slancio. Quel che l’élite alla Jacques Attali è stata incapace di realizzare ormai da decenni.

Fiorella G., Parigi Commentatore certificato 08.05.17 14:06| 
 |
Rispondi al commento

David Divad
Ecco chi sono i finanziatori di Macron, SOCIO DI RENZI !!!
George Soros: 2.365.910,16 €
David Rothschild: 976.126,87 €
Goldman-Sachs: 2.145.100 €
FRANCESI POPOLO MASOCHISTA !

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Quante tranvate deve prendere ancora il Pd per spingere i media a darci informazioni veritiere sulla realtà politica ed economica dal Paese smettendola di spacciare questa finzione giornaliera fatta ad uso e consumo di un re decaduto e sconfitto?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Credo che mai come in questo caso, il non voto di massa, sarebbe stat la "soluzione" più realistica e lungimirante per il popolo francese.

salvatore leonangeli 08.05.17 14:03| 
 |
Rispondi al commento

Dobbiamo tornare allo Stato Nazione , all'Italia sovrana libera di calibrare le vongole e di usare il proprio olio d'oliva , libera di costruirsi aerei tutti suoi , di mandare i suoi militari dove più le aggradi ! L'autarchia , oggi , non è uno spauracchio visto che siamo in grado di costruire tutto e , spesso , meglio degli altri ! Le materie prime le scambiamo con le nostre eccellenze che sono tante . Si dovrebbe scendere a patti con le mafie e con la chiesa assegnando loro mantenimenti opportuni in cambio della non intrusione nella nostra vita politica . Ripudiare le partecipazioni dei nostri soldati alle guerre visto che la nostra costituzione lo vieta .

vincenzodigiorgio 08.05.17 14:01| 
 |
Rispondi al commento

Il vittorioso manichino uscito delle banche corre subito oggi stesso in Germania.
Una rimpatriata...

massimo m., Roma Commentatore certificato 08.05.17 13:54| 
 |
Rispondi al commento

CON TUTTI I DIFETTI SONO QUASI UN POPOLO !!!

Franco Della Rosa 08.05.17 13:50| 
 |
Rispondi al commento

Per una volta mi sembra un post fatto male

undefined 08.05.17 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Macron letteralmente trionfa prendendo il doppio dei voti della Le Pen (66% contro il 33%), per 5 anni l'asse Germania-Francia a favore dell'Europa è rafforzato, viene decapitata la leader europea di tutti i movimenti euroscettici e populisti, e secondo Grillo la notizia è che quel "34% è pesante". Non pretendevo da Grillo un video di esultanza per la vittoria della volontà del popolo e della democrazia come nel caso di Trump (chissà perché il 66% che vuole Macron è meno "popolo" di quelli che votarono Trump), ma almeno un'analisi meno rancorosa. Anche stavolta un po' di Maalox gioverebbe.

Fabio B. 08.05.17 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Straccioni d'Europa, di che vi rallegrate se ha vinto la destra delle banche e della finanza? Avete da perdere tutte le vostre catene ma passando da una destra all'altra non farete che rafforzarle.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 13:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ex grande Francia dai grandi valori rivoluzionari,grazie ai politici venduti è finita a essere una Colonia gestita dai grandi Maestri burattinai.Questo realtà segna la fine della ex grande potenza Russa,quindi Putin si deve affrettare a consegnare la testa di Assad alle Divinità della globalizzazione ed oltre la metà del popolo Francese si deve rassegnare a essere sacrificato per far posto alla nuova razza umana globalizzata e pianificata tramite le guerre mascherate in Missioni di Pace. Il governo fotocopia italiano con tutti i bonisti del business dell'accoglienza possono festeggiare il trionfo della globalizzazione.Anche la Francia ha il suo Napolitano, Monti e la Madonna piangente come salvatori della Patria perduta e la rielezione di Napolitano per fare la terza Repubblica guidata dal figliol prodigo ed eredi doc democristiano & cattocomunisti della grande ammucchiata spartitiva.Le Elezioni Francesi hanno sotterrato tutte le conquiste ed i valori Etici e Morali conquistati con la rivoluzione Francese.L'Unica speranza è che si sveglino i generali Orsi Russi a suonare la riscossa come avvenuta con Stalin contro i Nazisti.L'unica certezza è che le elezioni francesi ci hanno dimostrato che l'essere umano singolo non conta nulla,è tutto questione di potere e denaro e l'unico Dio che esiste è il Dio denaro gestito dai padroni del mondo:"America,Inghilterra,Israele,Vaticano"!Godiamoci lo spettacolo del teatrino di guerra recitato in Siria,dove vede da un lato la ex Grande Potenza Russa ridotta al ridicolo,martoriata-denigrata-sanzionata che sostiene Assad e dall'altra parte i guerrieri finanziati e sostenuti dai padroni del mondo con tutte le loro governance delle singole Colonie raggruppate nella UE e la stessa UE & Nato che vogliono destituire Assad perché non vuole sottomettere la propria Nazione ricca di materie prime e svendere il suo popolo ai padroni del mondo.


La destra alza la testa. La sinistra è morta. Ma destra e sinistra sono categorie superate; se ci credete ancora siete dei dinosauri. L'Europa è divisa tra magnati e populisti. E al momento vincono i magnati. Fatevene una ragione.
Per la Francia non cambia nulla. Prima era pro Merke. Ora resta pro Merkel. Le vittime non hanno ancora imparato ad associarsi in modo nuovo, con un Movimento veramente democratico e che abbia sotterrato le etichette passate. Ma un Casaleggio non nasce dappertutto. E finché i diritti dei popoli non riusciranno a vincere in tutta Europa, ce ne sarà di cammino da fare.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Bene, ora aprirà il confine a Ventimiglia, lui è totalmente per l'immigrazione libera, agli antipodi della Le Pen. O no?

GIORGIO S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 13:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Nando Meliconi,
“Quali sono i difetti del Movimento, i punti deboli, le migliorie da fare?”
Trovi più interessanti le critiche che i facili slogan?
Ecco allora la mia delle 13,05 puoi trovarla sul sito che raccoglie le critiche censurate.
Ciao!

Lucilla M. 08.05.17 13:40| 
 |
Rispondi al commento

IL SILENZIO DEI REGIMI

Dove sono le prime pagine dei giornali con gli scandali al vetriolo sugli amministratori comunali?
Raggi,Muraro,Marra a Roma ma nel resto d'Italia cosa accade?
A Reggio Calabria il sindaco in carica PD Falcomatà assoda un segretario generale imputato per bancarotta fraudolenta.
Cos'è Reggio Calabria,è troppo lontana dal cuore del PD oppure la notizia non deve trapelare agli elettori delle primarie renziane?
E il sindaco di Terni in galera?
Giornalai e direttori di telegiornali sveglia il web vi seppellirà prima che possiate correre ai ripari perchè il vostro silenzio vi sta scavando la fossa.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 13:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1
Scrive Paolo Flores d'Arcais :”L’orrore è stato evitato, il candidato fascista non salirà i gradini dell’Eliseo. Un grande sospiro di sollievo dunque, ma da entusiasmarsi c’è poco. Se nel cuore storico della democrazia europea, la Francia di “liberté, égalité, fraternité” che deve la legittimità delle sue istituzioni ai sanculotti del 1789 e ai resistenti del maquis e del governo in esilio contro il tradimento di Vichy, il candidato di un partito intasato di negazionisti in nostalgia di Petain e di cattolici vandeani, prende un terzo dei consensi, sarebbe più serio mantenere un certo timore, oltre che qualche oncia di vergogna. E capire come sia stato possibile arrivare a tanto, andando alle radici per poter reagire. Prima che sia troppo tardi.” “Destra sociale? I fascismi si sono sempre dichiarati sociali, dalla parte dei lavoratori e dei disoccupati. Hitler aveva chiamato il suo partito “nazional-socialista” (nazismo è la contrazione). Abbindolate le masse, hanno sistematicamente e regolarmente distrutto ogni organizzazione di lavoratori, intrecciato valzer e amorosi sensi con i più biechi poteri finanziari e industriali, distrutto ogni possibilità legale di lotta per i non privilegiati.” (Io: Ma forse che la pseudo sx europea attuale e soprattutto italiana non ha fatto altrettanto?). “Ogni generazione sente il prepotente bisogno di ripetere gli errori delle generazioni precedenti. Anche Mussolini, e Hitler, e i loro scherani, a molte personalità e persone comuni dell’epoca apparivano delle “macchiette”: in pochi anni hanno ridotto l’Europa in macerie e fame. Oggi queste consapevolezza storica minima si è perduta, e il sonno della memoria, come quello della ragione, produce mostri. .. Invece di condannare duramente il fascismo, con lenta ma infine inesorabile crescita, si è tollerato che partiti e movimenti fascisti si ricostruissero, si legittimassero per partecipazione elettorale,

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.05.17 13:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pienamente d'accordo con il post di Beppe....
E, a parte l'augurio finale, i Francesi se ne accorgeranno....forse in tempo per le elezioni politiche...ma non so....
Per noi rimane vitale uscire da questo incubo euro.

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 13:26| 
 |
Rispondi al commento

NE RESTERA' SOLO UNO

In Europa l'ultimo immortale della democrazia delle masse è il M5S,ed è questo il nemico da abbattere da parte di quell'establishment che sta facendo terra bruciata delle costituzioni nazionali e dei diritti delle persone in nome di una Europa della finanza e delle banche.
E' per questo che cercano di omologare il M5S nei gruppi dei populisti visto che è fallita miseramente ogni collocazione politica da parte della propaganda partitocratica per cercare di identificare il Movimento con la destra o con la sinistra e dare l'opportunità ad una informazione di regime che vuole imporre una Europa di finti moderati come modello perfetto di democrazia.
Non esiste in Europa un organismo capace di rappresentare direttamente il popolo come fa il M5S che della partecipazione fa la sua bandiera e da informazioni veloci e mirate di quello che sta accadendo nel vecchio continente.
L'UE della Merkel e dei Junker si aggira come una bestia ferita dopo l'effetto Brexit e il ciclone Trump cercando di contenere quello che chiama populismo che altro non è che la voce della democrazia morente che non si sente più rappresentata da questa elite finanziaria.
Macron è il nuovo pupazzo francese che da noi si chiama pinocchio,legislature di facciata per addolcire la pillola di nuove tasse e nuovi debiti per mantenere sempre gli stessi cerchi di potere.
L'Italia è l'ultimo baluardo per ritornare a quell'Europa dei job act e delle riforme costituzionali che permetteranno al più forte ma sopratutto al più cattivo di prendersi pezzi di nazione a prezzi di outlet per egemonizzare l'intero continente e poter sottomettere i popoli a suon di debiti e svalutazioni salariali.
Il M5S ha una grande responsabilità:costituisce la linea Maginot dello strapotere finanziario europeo rendendo soldati i singoli cittadini.Superata tale linea la democrazia sarà solo una parola vuota.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 13:20| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pure in Italia il 30% non ha espresso il voto alle ultime politiche!!!!CONTA SOLO CHI ESPRIME IL VOTO..ALTRIMENTI dobbiamo rivedere il ns.25,5% ed il probabile 31,5% delle prossime politiche...

gabriele.minuz 08.05.17 13:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

HA VINTO IL BANCHIERE SERVO DEI ROTHSCHILD, MACRON, L'UOMO CHE STA SOTTO SOROS E CHE FA IL VOLERE DELLA MASSONERIA MONDIALE CONTRO IL POPOLO. ALLA SUA PRIMA APPARIZIONE, ECCO I SIMBOLI: DIETRO DI LUI LA PIRAMIDE E COME SOTTOFONDO L'INNO DELL'UE. E' IL TRIONFO DEI BUROCRATI, DEI LOBBISTI E DEI CRIMINALI.

Zampano . Commentatore certificato 08.05.17 13:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Macron è un prodotto della pubblicità a 360 gradi , compresa quella subliminale e altre nuove , a noi sconosciute . Dichiarare alla luce del sole che Macron è una creatura dei Rothschild denota una sicumera inattaccabile da parte della Casta francese -mondiale che pare pronta alla conquista totale del mondo . Chiediamoci che cosa vogliono i veri padroni del mondo , quei 35 milioni di ebrei alleati dei 50 milioni di non ebrei che detengono la maggior parte delle ricchezze mondiali ! Altro denaro non credo , ne hanno a sufficienza , potere politico idem ! Forse vogliono un mondo nuovo , un mondo più vivibile , non inquinato da miliardi di esseri non solo inutili ma dannosi ! Forse desiderano applicare qualche forma di eugenetica che riduca il genere umano dai 7 miliardi attuali a uno solo ? Con un solo miliardo l'inquinamento sparirebbe quasi del tutto , certo , ma come far sparire 6 miliardi di persone ?

vincenzodigiorgio 08.05.17 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Faccio notare a tutti quelli che pensano che gli italiani siano più stupidi degli altri, che è solo un problema di peggior informazione.
A quanto pare però la qualità dell'informazione sta crollando anche all'estero, e in questa vicenda francese mi sembra di rivedere noi italiani quando è arrivato renzi.

Non so se consolarmi o disperarmi ancora di più.

fabrizio castellana Commentatore certificato 08.05.17 13:10| 
 |
Rispondi al commento


Imprenditore 70enne nei guai: sequestrati 5,6 milioni di euro

Operazione della guardia di finanza: il livornese aveva conferito il suo patrimonio, compresi 84 immobili, in due gruppi che continuava a gestire

***********

Avrà avuto la solita tessera del solito partito da quelle parti...

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 13:08| 
 |
Rispondi al commento

COME FANNO QUESTI DEFICENTI NULLAFACENTI (WRITER)
AD IMBRATTARE I PALAZZI FINO AL SECONDO PIANO?
POTRO' MAI VEDERE LA MIA CITTA' PULITA?

Maurizio B., Roma Commentatore certificato 08.05.17 13:07| 
 |
Rispondi al commento

In trasferta dall’Italia alla Francia. Gli antagonisti, con pugno chiuso, caschi e cappucci per non farsi riconoscere, si sono dati appuntamento a Parigi per contestare sia Macron sia Marine Le Pen. Tutti in piazza, in ordine sparso, per ripetere scene già note, provocazioni e cariche della polizia. Si sono uniti i militanti dei centri sociali italiani con quelli francesi, al grido: «Siamo tutti antifascisti».

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 13:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I francesi storicamente hanno sempre fatto schifo e sempre lo faranno.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 13:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

comunque sembra una persona intelligente.

bisogna vedere il livello di carogneria.

carlo 08.05.17 13:03| 
 |
Rispondi al commento

hanno scelto il meno peggio. la sinistra e' stata traditrice quasi come quella renziana nostrana. la destra e' sempre quella, in piu' con un candidato inquisito. la le pen, basta la parola. fascistoide.

cosa dovevano votare.....

hanno scelto quello che a parer loro, nella peggiore delle ipotesi, li avrebbe menati di meno. sperando poi che sia veramente quello della svolta.

pero' come cambiano i tempi. ci prendono pe il naso e ci portano a decidere chi e come vogliono loro.

il problema e' che non c'e' il "piano b", l'alternativa. o e' zuppa o e' pan bagnato. per chi si vota? per la destra e la sinistra che fanno le stesse politiche di spogliazione dei diritti e del denaro?
e chi resta? un tipo che boh non parla malissimo e una fascistoide, che dice che la politica e' divisa in due: mondialisti e nazionalisti.
che cazzata...... roba ridicola.

si vota il meno peggio, macron. sperando che l'alternativa" sia lui. anche se casomai continuera' a modo suo col "piano a".

manca chi prospetta il "piano b". speriamo che il m5s da noi, in italia, non si perda in minchiate alla lepen-salvini-trump e sia la vera alternativa.

carlo 08.05.17 13:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non è l'europa il nemico dell'Italia ma, i quaquaraquà che hanno il potere nelle mani e mancano del senso della PATRIA. I veri nemici l'Italia ce li ha in casa. Hanno inventato la legge di stabilità per rapinare i pensionati e i contribuenti. Il Presidente emerito Giorgio Napolitano può essere criticato ma ha concluso il suo mandato con una solenne sentenza : . E'la sacro santa verità!.

GIORGIO CERRUTO 08.05.17 12:57| 
 |
Rispondi al commento

la France avec Macron en marche (in marcia) eh eh

l'Italie avec le fanfaron(parolaio)
est pourrie(è marcia) ah ah ah

saluti ai monelli del blog

▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌

old dog 08.05.17 12:56| 
 |
Rispondi al commento

NON ABBIATE PIETA' PER I POVERI: ESSI SONO DEI SERVI VOLONTARI

"Si erano accorti che c'erano tra noi uomini sazi e ingozzati di ogni sorta di beni di lusso, mentre altri stavano a mendicare alle porte, sbranati dalla fame e dalla povertà; e trovavano strano che quelli, così bisognosi, potessero sopportare una tale ingiustizia; che non prendessero gli altri per la gola o appiccassero il fuoco alle loro case.

Michel De Montaigne

Max Stirner Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 08.05.17 12:48| 
 |
Rispondi al commento

LASCIATE CHE I POPOLI ABBATTANO I LORO DITTATORI E I POVERI I LORO SFRUTTATORI

"Ho passato tutta la vita proprio qui nella piantagione, a Candie, circondato da facce nere. Nel vederle tutti i giorni, uno dopo l'altro, mi chiedevo sempre una cosa: "perché non ci ammazzano?"

Quentin Tarantino, (Django Unchained)

Max Stirner Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 08.05.17 12:47| 
 |
Rispondi al commento

I FRANCESI HANNO VOTATO PER PHILIPPE PETAIN

Non possiamo contare sui francesi per cambiare l'Europa e non possiamo contare su di noi per farlo.

Etienne De La boétie aveva capito tutto 500 anni fa.


Condivido l'articolo

Donata Saggiorato, Vicenza Commentatore certificato 08.05.17 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Macron non è Renzi e il modello di società che propone,il modello d'Europa sono una vera novità: intelligenza, innovazione, giustizia al potere. Se l'Italia rimane Ferma a Berlusconi, il mondo si muove, la Francia cambia e l'Europa si apre al futuro.
Grillo ha comunque il sentore che Macron è una novità nel mondo politico non solo Europeo. Spero che l'"ex-comico" non si faccia oscurare dai pregiudizi. Interessanti sono le sue parole : Mi auguro che Macron, che comunque è il primo presidente a non provenire da uno dei due partiti tradizionali francesi, si impegnerà a salvaguardare il popolo che rappresenta meglio di quanto lo facciano i piddini nostrani (buoni solo a copiare gli slogan d'oltralpe). E questo mio augurio ha un motivo di fiducia: il senso dello Stato Sociale in Francia è più consolidato e la corruzione molto meno diffusa."

Democrazia O., Parigi Commentatore certificato 08.05.17 12:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Movimento 5 Stelle: grazie di esistere!!

Adelaide C., Crema Commentatore certificato 08.05.17 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Draghi ,Merkel,Macron scateneranno l'inferno, via libera all flessibilità più forsennata e chi non accetta verrà sostituito dai migranti. La fine degli stati europei con la loro millenaria cultura e la realizzazione del melting pot portatore di contrasti apparentemente risolti ma affioreranno a ogni piccola crisi ( vedi le periferie francesi e gli slum americani ). Solamente il denaro e la finanza resteranno immutabili come i loro proprietari.

Roby G., Cagliari Commentatore certificato 08.05.17 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Il bel cocco di mamma, pardon cocco di moglie

Vado in Rai a vedere la indeformabile Clerici , chissà che mi venga un po
di appetito e recuperi una ricetta inedita per la mia collezione

Tutti questi uomini e donne di plastica che riempiono gli schermi dicendo
le stesse bugie mi danno la nausea

Ninte rivoluzione, siamo europei

Merde Non lo posso dire, abusato ormai da faccia di ........

Rubano anche i vocaboli
Non ci resta più niente
Lasciateci soli, seduti lungo il fiume che passa

Rosa Anna 08.05.17 12:38| 
 |
Rispondi al commento

i Francesi , non hanno il m5s da votare
e hanno votato il meno peggio .


tuttavia ,
anche molti commenti di questo blog sono di

estrema destra
e
estrema sinistra

io le ritengo posizioni di maggioranza nel paese ; purtroppo

i due "estremi si toccano"

l'Italia è diventato uno stato :
Fascio Sovietico Fantozziano

con una burocrazia
Fascio Sovietico Fantozziana

con una legislatura
Fascio Sovietico Fantozziana

con un apparato
Fascio Sovietico Fantozziano

Il m5s , è una speranza , che ho condiviso pienamente nei primi Vday

una ventata di aria fresca ,
un sano pragmatismo ..

che negli ultimi mesi , anni
è andato assottigliandosi ..

non si parla più di riduzione del PESO della politica sul paese ..

più di un milione di persone in questo paese vivono direttamente o indirettamente di politica

più di un milione di persone in questo paese vivono direttamente o indirettamente di CHIACCHIERE


Far passare il messaggio, che non abbiamo bisogno dell'Europa ..
che possiamo fare dell'Italia un AUTARCHIA ..

ALTRA CAZZATA che non condivido , che però ho finanziato dando un contributo..

Questa Europa fa schifo ..
ma il mondo fuori dall'Europa , è peggio

oggi senza collaborazione internazionale , non si va da nessuna parte ..

problematiche sensibili come ..
Emigrazione di necessità (fame nel mondo)
Tutela dell'ambiente

NON sono affrontabili da un singolo stato ..
figuriamoci da uno stato decaduto e decadente ,da almeno 30 anni , come l'Italia ..

Siate seri ,
Siate onesti ,dite i problemi COLOSSALI che l'Italia,l'Europa e il mondo devono affrontare nei prossimi decenni ..
Siate progressisti fino in fondo
Abbiate una visione meno nazionalista ..
Date una speranza di mondo migliore ..

e più del 50% degli italiani vi voterà

Ne sono sicuro

Sinceramente
un grillino
europeista/mondialista convinto !

my 2 cent
non di dracme , non di sesterzi
ma di europa solidale

Nello R., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 08.05.17 12:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Francia ha scelto il suo Presidente. Per i francesi è stato un suicidio assistito, pur di non far vincere la Le Pen sono caduti dalla padella alla brace.
Purtroppo non hanno avuto una alternativa valida, una vera rappresentanza del popolo. Così ha vinto un uomo della grande finanza, un uomo delle Banche, l'emblema della politica liberista, fatta di politiche di lacrime e sangue, di disgregazione del tessuto sociale.
Siccome i francesi non sono come gli italiani, io penso, spero di essere smentito, che la Francia vivrà un periodo di lotte, di scioperi, anche violenti, contro le riforme che le verranno imposte dall'Europa tecnocrate.
In Italia c'è chi festeggia, copiando slogan, vestiti e cravatte. Ma ha fatto i conti senza l'oste. In Italia la vera forza di opposizione e la più grande rappresentanza del popolo non è la Lega di Salvini, ma un movimento politico nato e cresciuto tra la gente. Quindi dal punto di vista di scegliere chi guidare il Paese, noi italiani siamo più fortunati rispetto ai francesi e possiamo scegliere consapevolmente tra chi, come Renzi, ha portato avanti politiche liberiste come la svalutazione del salario dei lavoratori e lo smantellamento di qualsiasi tutela, e tra chi si è opposto a tutto ciò mettendo al centro della politica le esigenze dei cittadini, ascoltando i loro problemi, lottando dentro il Parlamento sempre più espressione dei poteri forti e non della sovranità popolare.

Carmelo MALTESE 08.05.17 12:34| 
 |
Rispondi al commento


Non si tratta di voler essere antieuropeisti a tutti i costi.

La domanda e' : E' possibile essere europeisti, oggi, convinti di non dover poi soggiacere ad un sistema oligarchico, autoritario, dittatoriale in mano alla finanza ed ad altri pochi intimi? La sinistra sembra essere convinta che la finanza sia davvero composta da filantropi. E si', di filantropi, in questo campo, se ne conoscono. Cominciando da Geroge Soros, noto per essere un filantropo ante litteram, per finire ai Rothschild. (cosi' o al contrario me ne strapungo altamente). Allora la risposta dovrebbe essere semplice, a meno che non ci si voglia irrigidire a tutti i costi nei soliti discorsi : io sono di sinistra, tu sei di destra, quello e' di centro. La risposta e' che non si puo' essere europeisti con queste premesse. Credo.
[IMO]

Francesco C. Commentatore certificato 08.05.17 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Speriamo che questa vittoria dia slancio ad un M5S che abbia il coraggio di dire che l'Europa è essenziale per l'Italia. Certo dev'essere cambiata e migliorata (se non addirittura rifondata) ma da qualunque prospettiva la si guardi un Italia senza Europa non è un bene sotto nessun punto di vista (economico, sociale, libertà etc).

gianluca 08.05.17 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi!!!

Paolo 08.05.17 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Rimpatriati (con scorta) 4 volte: immigrati trovati ancora in Italia

Il blitz della polizia a Perugia porta all'arresto di due immigrati spacciatori. Già espulsi e accompagnati in Tunisia per 4 volte (a nostre spese)

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Poveri francesi...ancora al guinzaglio della merkel!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 08.05.17 12:27| 
 |
Rispondi al commento

Sicuramente io avrei votato per la Le Pen. Questa Europa se non lo capisce con le buone che bisogna cambiare registro allora lo si fa con le cattive. Il popolo della Gran Bretagna ha votato per uscire dall'Europa e avevano la sterlina, in Francia i contrari a quest'Europa sono sempre di più. Anche noi dovremmo avere una posizione più forte contro l'euro e contro questa Europa. Dal mio punto di vista non la si riuscirà a cambiare quindi l'unica soluzione è farla crollare. Quello che hanno fatto al popolo greco e quello che stanno facendo a noi italiani lo stiamo pagando a caro prezzo.

Lucas Fusaro, Rende (CS) Commentatore certificato 08.05.17 12:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I dipendenti di Etruria denunciano i truffati È una guerra tra poveri

Gli ex funzionari della banca fallita fanno causa ai risparmiatori che li hanno accusati

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 12:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La storia ci ha insegnato che i francesi riescono a risolvere i loro problemi anche con mezzi drastici.
Hanno decapitato i loro nobili, in nome della libertà, legalità, ecc. Per non dipendere dal petrolio hanno istituiti le centrali nucleari (anche se ora sarebbe una soluzione molto discutibile).
Si sono presentati al presidente usa e si sono fatti cambiare i dollari che detenevano, in oro.
I loro scioperi hanno fatto cadere governi. Hanno uno stato sociale molto accentrato e fortissimo senso del bene comune.
Costui è stato scelte della finanza europea, liberista e male si sposa con la cittadinanza francese.

Rosa 08.05.17 12:26| 
 |
Rispondi al commento

ora i media come prassi visto che sono delle zecche..associano il bugiardo seriale fiorentino a macron per raccattare voti.......ma se sono gia piu di 3anni che sta sbagliando tutto che novita e'?

marco iacovelli, cassano magnago Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Quella marcia da "grandeur" davanti al Louvre, l'Inno alla Gioia e la Piramide massonica...

Emmanuel Macron sceglie l'inno dell'Europa Unita come sottofondo della sua passeggiata trionfale verso il palco eretto sull'Esplanade, nel luogo più significativo della cultura nazionale. Un gesto inequivocabile: la Francia di Macron non sarà quella nazionalista e ostile all'Unione Europea auspicata da Marine Le Pen, ma sarà parte integrante di quell'Unione.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 12:25| 
 |
Rispondi al commento

IL POTERE CONSOLIDATO FA MURO
Il ragionamento di Beppe non fa una grinza. Infatti 1) l'estrema destra non è votabile dalla classe medio/borghese 2) la Francia è un paese più ricco e benestante dell'Italia, 3) In Francia non c'è un partito serio e non compromesso con il passato, 4) La Francia è il paese che la Germania considera un partner privilegiato. Questi fattori hanno determinato l'elezione di Macron che sarà indubbiamente il Renzi francese con relativa delusione.

giovanni ., Roma Commentatore certificato 08.05.17 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Il bel cocco di mamma, pardon cocco di moglie

Vado in Rai a vedere la indeformabile Clerici , chissà che mi venga un po di appetito e recuperi una ricetta inedita per la mia collezione

Tutti questi uomini e donne di plastica che riempiono gli schermi dicendo le stesse bugie mi danno la nausea

Ninte rivoluzione, siamo europei

Merde Non lo posso dire, abusato ormai da faccia di ........

Rubano anche i vocaboli
Non ci resta più niente
Lasciateci soli, seduti lungo il fiume che passa

Rosa Anna 08.05.17 12:24| 
 |
Rispondi al commento

macron? farà la stessa fine del fiorentino tanto in fretta è asceso tanto in fretta cadrà
solo dopo la vittoria delle elezioni e l'andata al governo del M5S in europa nulla sarà come prima.

il grillino doc 08.05.17 12:22| 
 |
Rispondi al commento

questa mattina nella trasmissione farlocca della merlina dopo aver fatto vedere il posto su macron di beppe grillo la conduttrice ha detto che di maio e' il candidato premier del m5s ...tutti si sono scompisciati della risate ...romano minzolini.centinaio la conduttice......che caxxo hanno da ridere .......

marco iacovelli, cassano magnago Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 12:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' un fatto di comodo. La sinistra si è turata il naso e l'ha votato per stoppare l'estrema destra di Le Pen.

Sarà dura, tuttavia, per il neo eletto governare il paese. Farà gli interessi delle banche e dei poteri forti non certo dei poveri cristi!!! E' una sorta di Fornero al maschile (anche se guardando la Fornero si nota una certa vicinanza al mondo maschile che a quello femminile...)

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 12:12| 
 |
Rispondi al commento

Tra Maccheron e Le Pennette, oggi all'arrabbiata, ha vinto la Francia dei je suis cojon. Il popolo è sempre un'incognita, spesso vive di logica riflessa dagli specchietti per Allodole.


I francesi sono stati inteligente a respingere il candidato Putin Viva France Viva UE


IL voto va rispettato sempre anche se non piace. Con buona pace del duce Grillo ch

Rocchetti Mario 08.05.17 11:52| 
 |
Rispondi al commento

I francesi, gira e rigira ,si sono messi,in un bel,cul-de-sac. Questo personaggio,che è diventato presidente, che si vuole e, lo vogliono far passare per una novità,è la cosa più vecchia,anacronistica,antistorica che potevano fare, con questa scelta..Sprizza,"poteri forti" da tutti i pori,è la classica persona che incarna l'establishment,saranno cavoli amari, per gli ultimi ed i..penultimi (francesi ed europei), della Le Pen, non vale spenderci neanche una parola,si andrebbe di male in peggio.

Canzio R. Commentatore certificato 08.05.17 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Marcion fra un anno ripeterà le stesse incaute gesta di Hollande!

Con la differenza che il portone sarà quello di una casa di riposo francese e sul portone ci sarà una sua vecchia amante segreta: di 80 anni!

http://www.effedieffe.com/images/stories/foto2009/hollande_homme_fatale.jpg

Aldo B. 08.05.17 11:43| 
 |
Rispondi al commento

ogni popolo ha quello che si merita di avere.....

Luciano Casadei 08.05.17 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Nel discorso di ieri sera Macron ha detto tutte le cose che qualunque cittadino voleva sentirsi dire.
Questo è per me già un campanello di allarme: come si fa ad accontentare tutti? legandosi mani e piedi ai più forti? per poi dire che la volontà c'era ma........
Da quello che sembra l'asse Franco-Tedesco si rafforzerà, con buona pace di chi voleva un cambiamento.
Comunque è giusto che i Francesi abbiano scelto chi più gli dava fiducia, e noi dobbiamo rispettare questa scelta senza, per questo, allinearci con le idee (e gli inciuci) degli altri

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 08.05.17 11:42| 
 |
Rispondi al commento

#M5S #M5SCLN #M5SANCI #M5SANPI #M5SDOCG #M5SGREENPOWER #REFERENDUMART75 #EUROEXIT #ITALEXIT #FAREPOLITICA #BASTARAI #SCHUTZSTAFFEL
GIANROBERTO CASALEGGIO.
«La selezione deve essere fatta “dal basso”, dai cittadini, che propongono le persone più adatte e di cui conoscono la storia e le competenze. Va considerato che il concetto di leadership è estraneo alla democrazia diretta. I movimenti di democrazia diretta rifiutano il concetto di leader. Occupy Wall Street, per esempio, ha coniato per sé stesso il neologismo leaderless, senza leader».
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10209299296581420&set=a.4583010135279.1073741825.1292735344&type=3
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-05-07/turbofinanza-miliardaria-25-guadagnano-come-352mila-lavoratori-italiani-175942.shtml?uuid=ABZ6VFcD&nmll=2707

Giampaolo S., Torino Commentatore certificato 08.05.17 11:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...però la vittoria di Macron deve farci riflettere:

1. davvero avremmo preferito la Le Pen?
2. l'europeismo di Macron è stato uno degli elementi che lo ha portato al successo,
3. il ritorno al franco è stato una delle proposte più disastrose (elettoralmente) della Le Pen: davvero il movimento vuole proporre il ritorno alla lira?

Se il movimento non dichiara apertamente il suo 'amore' per l'Europa - non quella delle banche, quella dei popoli, ma comunque amore per l'Europa - non vedo come possa vincere.

Spero ancora in un movimento sinceramente europeo ed europeista.

Giuseppe C., Udine Commentatore certificato 08.05.17 11:38| 
 |
Rispondi al commento

MACRON E I FRANCESI: SARA' VERO AMORE?

Beppe, hai sintetizzato bene il quadro, è stata una vittoria annunciata e scontata, l'opposizione della Le Pen non avrebbe mai vinto.

Adesso per la Francia ci sarà il vero esame, quello di giugno dove voteranno per le legislative, è lì che si vedranno botte da orbi, chi ha vinto per la Presidenza, rischia di perdere il Parlamento visto che stanno tutti intorno al 30%.

Nel frattempo... mangiamo schifezze delle multinazionali francesi, distribuite da catene di multinazionali francesi, vendute in catene di supermercati di multinazionali francesi.

La Francia si fa i caxxi suoi, siamo noi che non ci facciamo i nostri.

Arrivederci e grazie.

Nando da Roma.

p.s.

Leggo spunti interessanti in rete, tipo :

Quali sono i difetti del Movimento, i punti deboli, le migliorie da fare?

Non lo so, è un po' di tempo che trovo più interessanti le critiche che i facili slogan, sono quelle che mi tengono con i piedi per terra e la mente sveglia.


Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 08.05.17 11:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sarò controcorrente ma questo Marcion è un essere mentalmente disturbato dato che è già andato contro-natura sposandosi la sua insegnate della quale si era infatuato quando aveva ancora 15 anni, una debolazza che se è perdonabile a un ragazzino non lo è per una insegnante che allora aveva quasi 40 anni e tre figli.

In un altro paese civile la sig.ra Marcion sarebbe andata sotto-processo per circonvenzione di minori e, che in Italia, non dimentichiamolo, è un reato sanzionato dall’art. 643 c.p.

Povera Francia ! Fra un anno vedrete che questo Marcion verrà beccato dai paparazzi col casco da motociclista in testa all'uscita di qualche casa di riposo francese!

Aldo B. 08.05.17 11:26| 
 |
Rispondi al commento

errore, macron proviene dal partito socialista, è stato pure ministro dell'economia nominato da hollande..

luca 08.05.17 11:26| 
 |
Rispondi al commento

La cosa peggiore è che le banche hanno capito che la politica tradizionale può essere pericolosa, ogni tanto un politico potrebbe fare gli interessi del paese, quindi è meglio fondare un partito ex novo come quello di Macron. In Italia abbiamo il teppistello e non so fino a che punto l'establishment punterà su di lui dopo la sconfitta al refeRenzum.

Poiex Xeiop Commentatore certificato 08.05.17 11:26| 
 |
Rispondi al commento

morale terzo millennio:
« o sei di destra o magni 'sta minestra »

ma tanto è lo stesso, la minestra la magni a destra

poveri europei .. italiani inclusi!

Lenin Nicolaj (che fare), Roma Commentatore certificato 08.05.17 11:26| 
 |
Rispondi al commento


Lotta al terrorismo? E come?


La sinistra francese, postmoderna, atlantista, tifosa delle banche e della finanza, amica di Berlino e delle politiche economiche tedesche, erede ideologica del maresciallo Petain, fiera del tacco assolutista europeo ha consapevolmente votato Macron. E così si comincia da alcuni articoli apparsi sui giornali: 1. Dai documenti filtrati di Macron si evidenziano i piani segreti per l’islamizzazione della Francia , come può combattere il terrorismo? Balle. Populismo. 2. "Macron est un psychopathe" : l’analyse d’un psychiatre italien https://www.youtube.com/watch?v=NNDgsw39m9s&feature=youtu.be . Insomma, la sinistra italiana sembra spiazzata. Se avesse vinto Le Pen avrebbe avuto un presidente da criticare. E' indubbiamente scontenta perchè non ha vinto un candidato di sinistra ma, essendo europeista e sostenitrice delle politiche dei ponti e dell' immigrazione, non può sconfessare Macron e tantomeno il mondo della finanza e dei banchieri dal quale il nuovo presidente proviene. La sinistra francese sembra aver dimenticato la sua rivoluzione, la presa della Bastiglia, la Marsigliese e l' invasione tedesca della II° Guerra Mondiale. Così applaude l'inno alla Gioia che risuona dopo il successo delle elezioni e gioisce per la prima visita all' estero : Berlino. LOL [IMO]

Francesco C. Commentatore certificato 08.05.17 11:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'altro giorno stavo a sentire le dichiarazioni dei francesi(alcuni)...
vado a votare e voto scheda bianca..oppure vado a votare e ci metto una bella frase..io non vado a votare tanto sappiamo già chi vincerà....
Pensavo di essere in Italia...invece era un report dalla Francia!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 08.05.17 11:21| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Beppe.
Il mio unico dubbio riguardo te è:
pensi davvero di poter essere un'alternativa con personaggi come Di Maio?

Il Condottiero (fu il guerriero) Commentatore certificato 08.05.17 11:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT salutare
Quando la sanità diventa un affare:
Sanità, arrestati 19 medici e imprenditori farmaceutici: “Associazione a delinquere”
E poi non mi venite a dire che dietro i vaccini non ci siano speculazioni e businness!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 08.05.17 11:17| 
 |
Rispondi al commento

Io sto con chi si è astenuto dal votare Macron e Le Pen.
Auguri ai francesi.
P.s. Hanno le frontiere chiuse o aperte ai "migranti"?

Terry E. (), Mi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 08.05.17 11:16| 
 |
Rispondi al commento

SOLO UNA LENTA AGONIA ALTRO CHE RIVOLUZIONE, SOLO UNA MERA ILLUSIONE: Tra la peste ed il colera non c'era tanta scelta, i francesi hanno scelto il colera. Macron attuerà la politica delle austerity, il baronetto della Rothschild banque al servizio delle lobbies finanziarie e del Parlamento Europeo,darà il benvenuto al TTIP, al CETA ed altri trattati. I francesi comincino a dimenticare il diritto al lavoro, alla salute, niente piu CDI (contratto a durata indeterminata), niente welfare e stato sociale, perché la politica sarà dettata dai gruppi finanziari internazionali. Era il sogno di Renzi e fortunatamente non ci è riuscito, ma è probabile che adesso farà di tutto per rifarsi nuova propâganda sulle tracce del suo ''amico'' francese. La Francia morirà in LENTA AGONIA....per il collocamento dove lavoro si prevedono grandi trasformazioni e forse un giorno non lontano, non esisterà manco più, ma questo è solo l'inizio! La Francia ha deciso di SUICIDARSI, altro che RIVOLUZIONE, domani sarà già troppo tardi per reagire!

Fiorella G., Parigi Commentatore certificato 08.05.17 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

hanno eletto il peggiore! Figlio delle multinazionali della finanza famelica che fagocita democrazia civiltà e la ricchezza creata dal 99% della popolazione.
Le Pen a confronto sarebbe stata Bernadette.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 08.05.17 11:07| 
 |
Rispondi al commento

I francesi hanno scelto. come curarsi le emorroidi dandosi una botta sui coglioni......viva la france

peppe ceceris Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 08.05.17 11:05| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori