Il Blog delle Stelle
L'Italia non è il RisiKo!

L'Italia non è il RisiKo!

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 30

di MoVimento 5 Stelle

Dopo giorni di continui schiaffi dalla Francia sulla questione libica, ieri doveva essere la giornata risolutiva, la giornata della chiarezza da parte del governo. Almeno questo ci avevano detto. Invece è stata la giornata del caos. Sulle Ong abbiamo assistito a un ulteriore bluff: come scrivono anche diversi organi di stampa, non sarà prevista alcuna sanzione per le organizzazioni che non aderiscono al codice di condotta. Perché? Perché "non si tratta di una legge, e quindi non si prevedono sanzioni in caso di inosservanza", hanno spiegato fonti del Viminale. E' questo il punto. Non si tratta di una legge, bensì di un pezzo di carta senza alcun valore giuridico e nonostante questo, la maggioranza delle Ong riunite ieri al Viminale non lo ha sottoscritto.

A tal proposito il MoVimento 5 Stelle chiede una cosa molto chiara: chiudiamo i porti a quelle Ong private che non rispettano le regole. E basta con i codici, per noi valgono le leggi dello Stato. C'è una nostra proposta di legge a prima firma Alfonso Bonafede depositata settimane fa che prevede unità di polizia giudiziaria a bordo delle imbarcazioni per combattere i trafficanti. Il Pd ha i numeri per portarla in aula. La porti e votiamola. Se proprio vuole, ce la copi come ha già fatto con i vitalizi. Non ci offendiamo, l'importante è fare qualcosa per fermare i flussi irregolari verso le nostre coste che alimentano i portafogli dei trafficanti. Siamo un Paese sovrano, la Libia è un tema di sicurezza nazionale e non dobbiamo aver paura di dire che la priorità in questo momento è proteggere i nostri confini nazionali.

Dopo di che c'è la missione navale di cui hanno ieri timidamente accennato i ministri Pinotti e Alfano. Eroi della patria, quelli che insieme a Renzi benedivano Triton e l'accordo con Bruxelles per far approdare tutti i migranti sulle nostre coste. Ad oggi quel che ci è stato detto, in ordine, è che:
- Le operazioni italiane saranno di affiancamento con le autorità libiche.
- Le navi utilizzate saranno quelle già previste dall'operazione 'Mare Sicuro'.
- La missione da nazionale diventa bilaterale.

Punto, nient'altro. Non abbiamo indicazioni su dove dovranno posizionarsi le nostre imbarcazioni, nessuna garanzia sulla sicurezza dei nostri militari. Peraltro la relazione di maggioranza del Pd presentata nelle commissioni riunite Esteri-Difesa è pressappoco uno scarabocchio. In un passo si legge che "l'Italia ha scelto una strategia diversa da quella di breve momento (fatta magari di qualche scatto fotografico in un palazzo di Parigi), ma più centrata sulle esigenze di stabilizzazione di quel Paese". Ma di quale strategia parlano? Dell'accordo sancito a inizio anno con Serraj, quando il ministro Minniti è andato in Libia? Allora dal governo assicurarono lo stop dei flussi migratori verso l'Italia, poi nelle settimane successive gli sbarchi sono aumentati del 46%...

La verità è che questi signori qui vogliono un'altra volta carta bianca, ma l'ultima volta che gli è stata data carta bianca sui migranti, con la forte opposizione del MoVimento 5 Stelle, Renzi e co. hanno stretto un'intesa con i burocrati di Bruxelles per istituire Triton e far si che tutti i migranti approdassero in Italia. Hanno svenduto la nazione per erogare qualche bonus, in cambio di qualche briciola di flessibilità. E noi non ci stiamo più!

Avremmo voluto votare sì, avremmo voluto votare sì perché mai come in questo momento c'è bisogno che l'Italia si faccia protagonista per aprire una fase di stabilità in Libia, dove manteniamo importanti interessi geo-strategici. Avremmo voluto votare sì perché i trafficanti libici vanno fermati, così come i flussi irregolari, in un momento in cui tutti in Europa ci voltano le spalle. Ma per l'ennesima volta questo governo si è dimostrato totalmente incapace. Questa proposta di missione è sembrata più una ripicca verso Parigi (dopo il recente vertici tra Macron, Serraj e Haftar) che un'operazione vera e propria.

Ecco, siamo alle ripicche. Credono che sia tutto un gioco, credono forse che l'Italia sia come il Risiko. Non è così!

I5S2017_460X230.png



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

2 Ago 2017, 10:53 | Scrivi | Commenti (30) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 30


Tags: libia, minniti, movimento 5 stelle, risiKo, triton

Commenti

 


Ciao
Aiuto è il modo migliore per condividere il suo amore eterno, è che cosa li spinge a fare prestiti disponibili alla festa di 6000 un 1 milione di euro e più. in termini molto semplici per ogni persona che può rimborsare indipendentemente dalla loro razza, ma c'è una particolarità che vantaggio sopra i casi italiani il governo controlla la nostra organizzazione economica. Facciamo anche investimenti e prestiti tra individui di tutti i tipi. I trasferimenti sono garantiti da una banca per i trasferimenti di sfondo sicurezza che sommiamo operativa in tutto il mondo messo noi incoraggiamo più italiani. Per ulteriori informazioni, può contattare loro: developpement1985@gmail.com

gatuzio nathalia Commentatore certificato 05.08.17 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Facile credito, rapido ed efficace
Il prestito denaro facile non richiede alcuna richiesta di credito.
Non importa quale sia la vostra situazione, non avrete problemi a trovare
Un prestito con noi. Vi garantiamo un'approvazione immediata del credito.
Contattaci direttamente sul nostro indirizzo email: chouinardromaine@hotmail.com

mollonv thomas12 Commentatore certificato 05.08.17 18:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
Per i vostri progetti, non avete abbastanza soluzione di finanziamento è la signora Josina gomez lei ti offre prestiti di 20000 euro per 500.000euros o più con un tasso del 2% Contatta il tuo servizio di posta prestitobancaio2017@gmail.com

collorado geradino Commentatore certificato 05.08.17 06:31| 
 |
Rispondi al commento


acheCiao signore/signora,
Sto cercando il prestito di denaro per diversi mesi che ho avuto debiti e bollette da pagare. Pensavo che fosse finita per me. Ma per fortuna ho visto la testimonianza fatta da molte persone su Mm Josina gomez, che è come ho contattato mio mutuante per pagare i miei debiti e il mio progetto. e signora Josina mio concesse un prestito di 60,000 euro sul mio conto, posso assicurarvi che tutti questi carta suo governarlo mio aiuto per pagare fuori il mio contatto di debito la e sarebbe la verità Se avete bisogno di finanziamenti; prendere in ualsiasi progetto ti rendi cont questo vi aiuterà a raggiungere e sostenere finanziariamente sua e-mail prestitobancario2017@gmail.com

collorado geradino Commentatore certificato 05.08.17 06:18| 
 |
Rispondi al commento

Opportunità per un rapido finanziamento, accessibile a qualsiasi impresa o persona seria. Noi concediamo la nostra assistenza finanziaria a società, aziende e persone di buon carattere che cercano finanziamenti per la realizzazione dei loro vari progetti. Vi preghiamo di inviarci un messaggio privato o inviarci una e-mail per ulteriori informazioni: developpement.aide@gmail.com
PS: Si prega di unirti a noi in un messaggio privato o scrivere a: https: //web.facebook.com/creditaidesdeveloppement

richo larissa Commentatore certificato 04.08.17 13:13| 
 |
Rispondi al commento

La specializzazione dei nostri governanti,dal dopo guerra in poi, è " SVENDERE L'ITALIA ".

Questa è l'amara realtà!

Italiani destatevi!

Amedeo De Francisci, Messina Commentatore certificato 03.08.17 09:30| 
 |
Rispondi al commento

VITALIZI, INDENNITÀ, RIMBORSI ELETTORALE E LE CASSE VOTO DEI PARTITI.

Uno sperpero di soldi totalmente svincolato dalle basilari regole di trasparenza, fiume di denaro pubblico ai partiti con parlamentari ricchi e pariti pieno di debiti costretti a chiudere i loro giornali, licenziare i dipendenti e lasciare gli uffici e le sedi.

LA CASSA DEI PARTITI E LA TASCA DI POLITICI HANNO UN UNICO CHIAVE, MA CON UNA DIFFERENZA, I PRIMI POVERI E I SECONDI RICCHI...

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 03.08.17 07:08| 
 |
Rispondi al commento

"UN DECRETO LEGGE DA EMETTERE PER RISOLVERE DEFINITIVAMENTE IL PROBLEMA:
Art.1)Prendendo atto, che l’Unione Europea non ascoltando ripetutamente le
eccezioni del Governo italiano su l’immigrazione indiscriminata che sta
avvenendo da parte di extracomunitari senza permesso d’ingresso in Italia,
delibera negli articoli seguenti quanto necessario per la tutela della
sicurezza nazionale.
Art.2)I porti italiani non accettano l’ingresso di navi battenti bandiere
non italiana che dovessero far sbarcare cittadini extracomunitari senza
permesso di soggiorno rilasciato preventivamente dalle autorità italiane
preposte.
Art.3)Tutte le navi battenti bandiera italiana non sono autorizzate nel
Canale di Sicilia a prestare soccorso in mare se non autorizzate
preventivamente dalle Capitanerie di Porto situate sul territorio italiano.
Art.4)Solo le navi della Marina Militare Italiana sono autorizzate a
prestare soccorso nel canale di Sicilia e ad imbarcare naufraghi anche da
imbarcazioni italiane che abbiano precedentemente con autorizzazione
provveduto al soccorso e all’eventuale imbarco di naufraghi.
Art.5)Le navi della Marina Militare Italiana sono autorizzate dal Governo
Italiano a sbarcare i naufraghi extracomunitari sui porti o sulle coste
degli Stati da dove sono partire le imbarcazioni soccorse, lo sbarco deva
avvenire con la collaborazione dei rispettivi Governi interessati.
Art.6)Se l’art.5 non potesse essere eseguito per la mancata collaborazione
degli Stati a cui appartengono i porti e le coste da dove sono partite le
imbarcazioni, la Marina Militare Italiane è autorizzate ad eseguire lo
stesso gli sbarchi prendendo tutte le necessarie precauzioni per garantire
l’incolumità dei naufraghi sbarcanti.Questa operazione avverrà eludendo
l’eventuale divieto di attraversamento delle acque territoriali e di
accostamento in risposta alla partenza dalle loro coste e dai loro porti di
imbarcazioni non autorizzate e pertanto identificate quali natanti battenti
bandiere piratesche."

Edoardo Pellegrini 02.08.17 22:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

allora proprio ieri è stato disposto da un magistrato serio, il sequestro di una nave ONG perché è dimostrato che quella nave aveva contatti con i trafficanti di esseri umani : ebbene mi chiedo : ma come si può solo pensare che SOLO QUELLA NAVE HA CONTATTI CON GLI SCAFISTI TRAFFICANTI? Ormai lo sanno anche i bimbi delle nursery che fra le navi e gli scafisti intercorrono scambi di dati per concordare il punto di incontro per imbarcare i clandestini appena fuori (e a volte persino all'interno) le acque territoriali libiche !!!!! Solo i beccamorti rimbambiti del governo fanno finta di non saperlo al punto da aver venduto lo sforo di bilancio in cambio dell'invasione dell'Italia !!! Ma questo NON SI PUÒ DIRE : l'informazione di regime ovviamente tace la verità acclamata grazie alla rivelazione della Bonino ; e allora avanti con gli sbarchi e con i miliardi che invece di finire a chi è in miseria completa, finiscono nelle tasche di cooperative rosse... e di africani in cerca di lavoro o di assistenza gratuita in questo paese di merxx...

Umberto Leoni Commentatore certificato 02.08.17 22:09| 
 |
Rispondi al commento

le navi militari le vogliono muovere per fermare la c-star, la nave di defend europe.
è più che lampante. i governi mondialisti non vogliono fastidi.

cercheranno di far affogare un po' di migranti (preferibilmente donne e bambini), e faranno ricadere la colpa su una qualche interferenza della c-star.

guardatevi le interviste di defend europe e peter sweden su youtube. sia in sicilia che a cipro, pedinati di continuo dalla polizia, peggio che per i terroristi.

le ong invece, tutto organizzato con croce rossa, trasporti notturni per non far vedere niente al popolino, allocazione dei migranti in paesini sperduti, sempre per non far vedere niente al popolino, depliant informativi per i migranti, così che possano pretendere tutto gratis, tanto paga il popolino.

fortuna che qualche governo all'est ha deciso di non farsi prendere per il cu*o.
quello italianoide invece, fa finta di farsi prendere in giro, tutti finti tonti, tutti smarriti e impacciati, ma la collusione col grande progetto di invasione è più che ovvia.

frigo rifero 02.08.17 19:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa missione non e' una ripicca e' una questione di traffici. I politici italiani non sono andati in Libia per una missione di pace sono andati in Libia per salvaguardare i loro traffici con i dittatori. Aiuteranno i dittatori a restare al trono contro tutti Al saraj e Macron etc che invece vanno li' per aiutare i popoli a costruire governi seri.

chicca s., Milano Commentatore certificato 02.08.17 19:11| 
 |
Rispondi al commento

OT? La global strategy di Macron in Africa e in Ue

L’operazione in Libia del leader neogollista francese è il sigillo sulla autonomia strategica e, quindi, su quella geoeconomica dell’Italia che, nella maledetta “seconda repubblica”, non conterà nemmeno un decimo di quanto accadeva durante la Prima.
Ci ruberanno così l’alto di gamma, che non sanno fare.
Non era poi, malgrado le apparenze, una scelta irrazionale, quella di Sarkozy, di eliminare Gheddafi.
A parte la ripresa nei sondaggi elettorali ormai a picco per il Napoleone franco-ungherese, la paura di dover pagare il debito contratto da Sarkozy con il Rais libico, le ipotesi continue di un Dinaro Oro di Tripoli che avrebbe eliminato il Franco CFA, il presidente neogollista sapeva che il colonnello voleva lasciare rapidamente il potere.
Sei mesi al massimo, un ruolo garantito di “padre della patria”, nuove elezioni democratiche che avrebbero messo in pista il figlio intelligente, Saif Al Islam.
Ma il petrolio “privato” e personale di Sarkozy a Bengazi (dove è iniziata la “rivolta democratica” dei jihadisti, dato che la Cirenaica è stata l’area a maggiore presenza di mujahiddin afghani sul totale della popolazione in tutto l’Islam) i debiti con il rais che è meglio non ripagare, uno strano assassinio, tutto faceva pensare a Sarkozy di potercela fare facilmente.

Macron sa bene, quindi, che il ruolo geopolitico della Francia, come dicevano quelli dell’OAS, organisation de l’armée sécrète, si costruisce solo in Africa.

http://bit.ly/2ujUL1e

id &as Commentatore certificato 02.08.17 16:52| 
 |
Rispondi al commento

A quel che sembra le iniziative di Minniti hanno solo ingarbugliato la situazione è consentito alle ONG di umiliare il Governo italiano. Quanto alla "flotta" finirà' per prendere ordini dalle motovedette che abbiamo regalato ai libici di Tripolitania e che oggi sono loro. Speriamo solo che qualcuno tipo Atznar non ce le mandi a picco o che non urtino contro qualche siluro russo.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 02.08.17 15:25| 
 |
Rispondi al commento

cara donata, purtroppo di insensato in Italia C'È TROPPA GENTE INGENUA E RADICAL CHIC COME TE! É evidente che tu, come la boldrini e gli altri sciagurati saltimbanchi di governo, vivi una vita parallela fatta di libri di benpensante filosofia: la gente perbene (e normale) ha capito da mesi, che questa è una situazione di pari gravità rispetto ad un conflitto! Ma i radicale chic come te, vogliono o non vogliono capire che fra quelli che voi chiamate migranti, non c'è nessun NAUFRAGO e dall'africa ci saranno (ce lo dicono le statistiche) un 6 o 7 % di persone alle quali è riconosciuto il diritto di asilo? Lo vuoi capire o no che il diritto internazionale dice che i naufraghi (quindi nessuno) vanno eventualmente sbarcati in Tunisia o a Malta? In ogni caso, NON É UN PROBLEMA ITALIANO QUELLO DI ISTITUIRE HOT SPOT SULLE COSTE LIBICHE E SBRIGARE LE PRATICHE PER I VERI RICHIEDENTI ASILO per poi smistarli presso gli stati dove VORREBBERO ANDARE !!!! Solo una mente ridotta come quella della boldrini e dei benpensanti che ragionano come lei (e te) non riesce a comprendere queste cose... o no?

Umberto Leoni Commentatore certificato 02.08.17 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Non vogliamo l'ennesima presa in giro del governo fondata su un pezzo di carta, ma la nostra proposta di Legge a prima firma Alfonso Bonafede!

Intanto un Leone qualche ora fa ha ruggito in Aula: magistrale. Condividiamo il più possibile.

https://www.youtube.com/watch?v=AkDGipVRJLQ

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.08.17 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con la proposta di Alfonso Bonafede ma non si potrebbe evitare che la polizia giudiziaria a bordo sia armata ? Contro chi possono intervenire pochi agenti armati ? In questo modo anche le ONG come MSF non porebbero ostacoli a firmare l'accordo !

pericle seneca () Commentatore certificato 02.08.17 14:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono solo capaci di calarsi i pantaloni, anche con le ONG.
A paroloni, ad aggettivi, a chiacchere inutili sono ibattibili ma quando si tratta di fare scappano tutti.
E questi sarebbero quelli che "sanno governare".

Con questi "sanno governare" sono nella cacca fino alle orecchie.
Devono stare attenti a non agitarsi troppo, potrebbero provocare onde.

giorgio peruffo Commentatore certificato 02.08.17 13:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

noi italiani abbiamo detto basta immigrati,ma tante palle a raccontare, se hanno fatto un accordo nel 2014,adesso è il 2017, i tempi sono cambiati e allora o le navi portano gli immigrati anche in francia, germania, spagna ecc, cioè li portono lì, oppure annassero a cagà,noi non li reggiamo più, non è questione di crudeltà,ma di islamici in italia basta

anna quercia, piancogno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 02.08.17 13:35| 
 |
Rispondi al commento

http://rumoriapiancogno-annaquercia.blogspot.it/2017/08/arrivata-la-prima-nave-ong-non-in.html
una presa per il culo internazionale, abbiamo un governo emmierda e basta.Migranti, fermata per controlli la prima nave ong La Capitaneria: "Normale controllo".


quando chi governa è scolleghato dal suo popolo non è democrazia,ma è dittatura e invece di spettegolare sul Venezuela si veda che succede da noi.
Un popolo,lo dicono nelle piazze, nelle chiese,discoteche al mercato non ne vogliamo più, risposta del governo è quella solita, scortati e messi in posti di accoglienza, costo annuo 5 miliardi di euro.
ci voleva un genio per barattare la nostra dignità e pagarla pure, certo che con Renzi la Merkell ci va a banchetto,stramangia per una vita e gratis,anzi ne è pagata, si danno tre miliardi europei ad Erdogn per fermare il flusso che portava i migranti in Germania, e si prendono 5 miliardi dall'Italia per incrementarlo, per portare gente nel nostro paese, grazie a una teoria di un delirante senile cretino miliardario e criminale che ha predisposto il bisogno di mischiare le razze per potere vendere meglio i prodotti di merda americani e poi sottometterci.
Questo succede in Italia grazie alla nostra schifosissima politica servile, la casta che nulla si fa mancare e del suo popolo se ne frega, lo vende, lo ha sempre venduto,ma oggi è al limite della decenza

anna quercia, piancogno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 02.08.17 13:32| 
 |
Rispondi al commento


Il Capo dello Stato visita le zone terremotate.

Mi viene alla mente, con viva simpatia, l' Ammiraglio Bruno Brivonesi che, imbarcato in qualita' di ufficiale a bordo della nave da battaglia Regina Margherita, si prodigo' nelle opere di primo soccorso prestate alla popolazione colpita dal terremoto ricevendo un encomio solenne e venendo decorato con una Medaglia di bronzo al valor civile. In realta' le navi da battaglia dirette immediatamente su Messina furono, oltre alla Regina Margherita, le corazzate Regina Elena, Vittorio Emanuele e Napoli. La Regina Margherita rimase per qualche tempo ancora nella nuova zona operazioni e in pochi mesi, grazie alle officine di bordo, al personale specializzato ed alle risorse materiali disponibili - parliamo di una nave da battaglia e non di una nave da crociera - completo', in brevissimo tempo, un primo villaggio per il riparo delle famiglie colpite (forse oggi rimane ancora qualcosa di quel villaggio). Come sempre il tempo rimane un fattore essenziale per quanto riguarda eventi di tale criticita' al pari del valore e della disponibilita delle risorse umane assegnate ed impiegate. La Marina Militare opero' secondo criteri che oggi sono propri della Protezione Civile (allora non c' era) e di altri enti destinati alle opere di ricostruzione. [IMO]
( Mare e Cielo. Giusti editore, Livorno, 1938)

Francesco C. Commentatore certificato 02.08.17 12:51| 
 |
Rispondi al commento

PReparate invece una legge per il reimpatrio immediato di tutti gli invasori che sono sbarcati dall'inizio del governo PD ad Oggi ... ed intendo TUTTI!
Reimpatrio forzato o rimetteteli su barche e spediteli verso la francia ... basta farsi prendere per il culo da tutto il resto del mondo !

Stefano P., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 02.08.17 11:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto questo è già stato scritto, non ci sono accordi ma solo presa in giro per gli italiani, il piano Kalergi si farà, se non si ci sarà una protesta decisa da parte del m5stelle, coinvolgendo milioni di italiani.

caterina bergamo 02.08.17 11:39| 
 |
Rispondi al commento

ma con gentiloni oni oni e renzusconi oni oni che fanno rima con ....ioni ioni... che volgiamo pretendere?

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 02.08.17 11:25| 
 |
Rispondi al commento

molto modestamente credo che in una situazione come quella che stiamo vivendo, non occorre "il rispetto della legge" OCCORRE UNA NUOVA LEGGE VOTATA D'URGENZA per chiudere i porti italiani A TUTTE LE NAVI CHE TRASBORDANO I CLANDESTINI. Nell'articolo è ben specificato che ci troviamo in una situazione assolutamente di emergenza per cui a mio parere, occorre un provvedimento deciso e L'UNICO DA ADOTTARE È LA CHIUSURA DI TUTTI I PORTI PREVIO UN BLOCCO NAVALE AI LIMITI DELLE ACQUE LIBICHE. Quello che succede DOPO ai clandestini, NON É UN PROBLEMA DELL'ITALIA MA É UN PROBLEMA DELL'ONU !!! Stiamo svegli ragazzi : QUA LA SITUAZIONE È GIÀ OLTRE IL TRAGICO...

Umberto Leoni Commentatore certificato 02.08.17 11:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori