Il Blog delle Stelle
L'Euro non è più irreversibile. Parola di Mario Draghi

L'Euro non è più irreversibile. Parola di Mario Draghi

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 95

di MoVimento 5 Stelle Europa

Apprendiamo oggi quello che sapevamo già da tempo. Il "whatever it takes" con cui il presidente della BCE Mario Draghi sanciva l'immortalità dell'Euro non esiste più. Il custode della moneta unica ammette, a seguito di un'interrogazione a firma M5S, che gli Stati sovrani possono rescindere da questo folle progetto. E da buon tecnocrate ribadisce con la minaccia, che bisognerebbe pagarne il prezzo. Il Movimento 5 Stelle sostiene che a pagare il prezzo di questa sciagura economica e sociale dovrebbero essere tutti quelli che l'Euro l'hanno voluto e difeso strenuamente, anche quando tutte le evidenze suggerivano (e suggeriscono oggi più che mai) quanto sia stata folle la costruzione dell'unione monetaria.

Marco Valli, portavoce del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo: "Fino a ieri era tabù anche solo pensarlo, ma da oggi il "whatever it takes" a quanto pare non vale più. Mario Draghi indirettamente ha ammesso, con una velata minaccia, che un Paese può lasciare l'Eurozona, ma dovrà pagare un conto salato.

Stiamo parlando ovviamente di un conto illegittimo e tecnicamente confutabile sui saldi Target 2. Il conto salato dal punto di vista sociale/economico è stato causato da chi ha voluto tenere in piedi il progetto Euro a tutti i costi. Paghino quindi Romano Prodi, Mario Draghi, tutti i Governi che l'hanno difeso e gli altri promotori di questa sciagura. Gli italiani non hanno mai votato per sostenere la moneta unica.

Da tempo in Europa chiediamo un dibattito per la dissoluzione concordata e ordinata dell'Eurozona, vista l'impossibilità tecnica e politica di portare avanti un progetto valutario comune sostenibile".

QUI LA LETTERA CON LA RISPOSTA DI MARIO DRAGHI
L'interrogazione è firmata Marco Valli e Marco Zanni, per correttezza d'informazione precisiamo che Marco Zanni non fa più parte del Movimento 5 Stelle.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

24 Gen 2017, 11:20 | Scrivi | Commenti (95) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 95


Tags: draghi, euro, europa, m5s, moneta

Commenti

 

Avete bisogno di un prestito per pagare il debito con urgenza o per uso personale? Contattare il Sig Kocak Ramazan in questa e-mail (co-operative1@hotmail.com), ho appena ricevuto una somma di prestito di 50.000 euro da questa società, ho cercato per un prestito vero e proprio per gli ultimi 5 mesi e tutto quello che ho ottenuto è stato grappolo di truffe che mi hanno fatto di fidarsi di loro e alla fine della giornata, hanno preso i miei soldi senza darmi nulla in cambio, tutta la mia speranza era perduta, mi sono confuso e frustrato, poi lo trovo molto difficile per sfamare la mia famiglia, non ho mai voluto avere niente a che fare con i prestiti on-line di nuovo, così sono andato a prendere in prestito i soldi da un amico, gli ho detto tutto quello che è successo e lui ha detto che mi può aiutare, che conosce un creditore onesto che mi può aiutare, che ha appena ricevuto un prestito dalla società Kocak Ramazan prestito, mi ha diretto su come applicare, ho fatto come mi ha detto, ho applicato, non ho mai creduto, ma ho provato e con mia grande sorpresa ho ottenuto il prestito di 50.000 euro entro 48 ore , non potevo credere, io sono felice e ricco di nuovo e sto ringraziando Dio, perché non credo creditori onesti come questo st ill esisto sulle truffe alto tasso di tutto il mondo, voglio solo per introdurre questa azienda a tutti qui, si trovano in Turchia, il loro indirizzo e-mail è (co-operative1@hotmail.com) contatto con loro ed essere felici come me , potete contattarmi sulla mia email personale per mettere in discussione se si vuole (stephanie.burrowes1@gmail.com)

amanda 04.04.17 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Ritengo che sia possibile pagare il "Salato debito".Così come dice il nostro connazionale Draghi alla Germania.
Semplicemente facendo pagare la rimanenza dei danni di guerra,che la Germania deve restituire all'Italia.Una cifra di 11,5 milioni di Usa .Ultimi calcoli confermati,e mai pagati....

Michele M., Pachino Commentatore certificato 29.01.17 15:41| 
 |
Rispondi al commento

pagare per uscire dall euro! penso che abbiamo pagato anche troppo per entrare in questo inferno che ha distrutto la nostra economia e il futuro di generazioni

chiari a. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 26.01.17 20:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando il Mario Draghi scrive in soldoni:
Se l'Italia (o altri) vuole lasciare l’Eurosistema, i crediti e le passività della sua Banca Centrale Nazionale nei confronti della BCE devono essere saldati integralmente.
Cioè: si può uscire, ma pagando
Ora qualcuno sa quanto noi dovremo pagare se volessimo uscire? Ho sentito parlare di circa 350 milioni di Euro. Ma come, sento sempre dire che l'Italia ogni anno dà all'Europa molti più miliardi di quelli che riceve!!!
Fra tanti Bla Bla c'è qualcuno che sappia veramente come stanno le cose?

paolo boccali, sarteano Commentatore certificato 26.01.17 18:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Offerta di prestito affidabile tra particolare
Il mio contatto: erick_taveau@hotmail.com
La mia offerta è aperta a tutti che siete una società o un individuo potete contattarmi: erick_taveau@hotmail.com
Bisogno di un prestito per incrementare il vostro business, per comprare una casa, comprare una macchina, pagare le bollette e il debito .... Sono in grado di aiutarvi ad avere un prestito da 5.000€ a 1.000.000€ rimborsabili per il periodo che si desidera. Non indosso, io sono un individuo. La vostra richiesta di prestito è stata respinta dalla banca sono qui per aiutarvi.
Se la mia offerta vi interessa vi prego di contattarmi al più presto per noi per discutere le modalità ei documenti da fornire: erick_taveau@hotmail.com
Per maggiori informazioni si prega di contattare me: erick_taveau@hotmail.com
Grazie

erick taveau 26.01.17 14:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

una moneta forte, come e' l'euro, e' utile per i paesi virtuosi, che fanno politiche commerciali e economiche basate sulla qualita' dei prodotti, sull'equilibrio interno tra domanda e offerta, tra costi e guadagni, in stati che difendono, oltre che le epsortazioni, anche il mercato interno, non perdendo i cittadini potere d'acquisto (non essendoci una sua svalutazione) etcetc.

una moneta debole invece, come e' stata o potrebbe essere la lira, e' utile per quei paesi che "drogano" la loro economia. ad es nelle esportazioni, cercando di competere non con la qualita' e la bonta' dei prodotti, ma col loro minore costo.
ma per "creare" questo minimo costo, ci vuole la svalutazione della moneta. e questo vuol dire una moneta di sempre minor valore, quindi meno potere d'acquisto nelle tasche dei cittadini. quindi, un mercato interno sempre piu' impoverito. e infatti chi la mena sul voler svalutare, considera sempre e solo le esportazioni (nelle mani delle grandi aziende) e non si cura del mercato interno, cioe', per i 5s, proprio quelli che vorrebbe difendere, artigiani, negozianti, piccole aziende etcetc.

se andiamo a vedere ad es cosa succedeva nei paesi europei preeuro, vediamo che il mercato interno era forte nei paesi con una moneta forte (germania, olanda, danimarca etcetc.).
invece era debole nei paesi con una moneta debole, tipo l'iitalia. dove aprire un negozio, gia' dagli anni '90 bisognava essere degli eroi e ogni giorno centinaia di piccole aziende chiudevano e fallivano.

l'euro e' buono senza bisogno di essere eroi o supermen, ma se sei un paese "normale".

invece, e' deleterio se se ci si basa sui taroccamenti e si ragiona come tremonti che dichiaro che "ho aumentato il debito pubblico perche' ci prestavano i soldi a un tasso di interesse basso".

tra le due opzioni, rimanere mezzi zingari e truffaldini "all'italiana" e uscire dall'euro, o mettersi una volta per tutte a fare bene rimanendo nell'euro, che aiuterebbe, tifo per questa seconda opzione.

carlo 26.01.17 10:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

draghi sei un pezzo di merda

antonio . Commentatore certificato 25.01.17 23:54| 
 |
Rispondi al commento

Concordo pienamente !!! era tutto programmato x svuotarci sempre di piu' le tasche a scapito nostro ; favorendo i loro interessi.

rosaria marsano Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 25.01.17 22:35| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
mi permettete di valutare se è veramente colpa dell'euro che l'Italia va male o è colpa del fatto che grandi aziende dell'auto hanno esportato gran parte della loro produzione all'estero. Non so se ci sono altri casi al mondo, è come se le case automobilistiche se ne andassero dalla Germania o dalla Francia, cosa succederebbe al loro Pil. Perchè è stato permesso questo dopo tutte le sovvenzioni erogate, dopo tutti i sacrifici fatti dagli Italiani alla catena di montaggio. Nel 2000 venivano prodotti in Italia quasi 2 milioni di veicoli, ora poco più di 300 mila. Probabilmente con tutto l'indotto vale molto più del 10% del Pil, cosa centra allora l'Euro.

Giancarlo A 25.01.17 22:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Draghi e Napolitano devono essere arrestati e processati.

I golpisti finanziari che hanno terminato la democrazia italiana dopo 63 anni di vita sono stati condotti al Palazzo italiano da Mario Draghi e dal Group of Thirty. Ad attenderli dentro il Palazzo vi era Giorgio Napolitano, da 35 anni uomo di punta in Italia del Council on Foreign Relations degli USA e amico delle loro multinazionali, coma da lui stesso dichiarato su Business Week.

http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=272

Zampano . Commentatore certificato 25.01.17 18:28| 
 |
Rispondi al commento

Si è capito ,finalmente ,che l'euro è stato un errore madornale ,di cui sono stati responsabili , in primis ,Prodi e Ciampi. Si dovrebbe capire se c'è la possibilità di far pagare loro per i gravi danni subiti dal PAESE. Insomma trovare un appiglio giuridico che li sanzioni, in quanto il danno arrecato è veramente immane. Al tempo di Roma antica ,il condottiero sconfitto pagava con la decapitazione!

paolo d., Pescara Commentatore certificato 25.01.17 17:32| 
 |
Rispondi al commento

1 - Draghi sta mentendo perché in caso di uscita l'obbligo di regolare i debiti crediti NON esiste (se esistesse i primi a uscire sarebbero i tedeski con un surplus da 700 miliardi che provocherebbe il fallimento immediato di BCE).

2 - i debiti target 2 da 358 miliardi sono la prova inconfutabile che l'euro è un disastro gigantesco poiché senza leva del cambio le banche centrali rischiano debiti esorbitanti che nemmeno nel tempi di crisi petrolifera mondiale abbiamo mai avuto.

3 - i debiti interbancari si pagano nella nuova valuta e a dirla tutta si possono tranquillamente non pagare visto che son debiti di banca e non di stato.

4 - noi abbiamo un credito presso il mes (125 miliardi a regime)

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 25.01.17 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Sintetizzo la risposta di Draghi:
il nostro conto presso la BCE (target 2) è molto in rosso;
1. il conto corrente europeo sopravvive grazie ai conti attivi di altri paesi (Germania, Austria, ecc.)
2. l'acquisto dei titoli QE (PAA) da parte di investirori internazionali è permesso grazie al sistema target 2, attraverso l'emissione di titoli da parte di Deutsche Bundesbank (banca centrale tedesca);
3. come per tutti i conti correnti, quando si chiudono vanno regolarizzato passivi e crediti.
Tradotto significa che non solo vanno pagati i debiti e ricomprati tutti i nostri titoli, senza riuscire più a collocarne;
4. visto il vostro (Italia) saldo, se uscite ci fate un favore.
Altro che 300 mld, sono più di 1.000.
basta cazzate, non si può uscire dall'euro.

massimo o. Commentatore certificato 25.01.17 12:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beata innocenza. Come se uscendo dall'Euro si tornasse automaticamente ai bei tempi andati. Non è così: ci sarebbe una svalutazione immediata di almeno il 20 % , o di più se ci fosse una speculazione sulla lira. Ovviamente il potere di acquisto di pensioni e stipendi diminuirebbe in proporzione. I ricchi, che hanno i loro capitali all'estero o comunque investiti per es. in azioni o obbligazioni estere, se ne farebbero un baffo. E gli ipotetici vantaggi ? Poter stampare moneta a volontà, aumentando il debito come regalino ai nostri nipoti ?

Roberto Tosi 25.01.17 12:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'IVA al 40% con l'ingresso nell'euro a causa volutamente di un mancato controllo e' una montagna di SOLDI!!!!! che fine hanno fatto? sicuramente nelle loro gia' opulente societa'

Michele Evola 25.01.17 10:32| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo (o per fortuna) la fine prossima ventura della moneta unica, che sta aprendo praterie infinite per le destre europee, fara' piazza pulita delle formazioni sinistroide legate al neoliberismo - che ha nell'€ la sua massima espressione - traditrici delle proprie radici a difesa dei lavoratori

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 25.01.17 10:26| 
 |
Rispondi al commento

"Se un paese lasciasse l’Eurosistema, i crediti e le passività della sua BCN nei confronti della BCE
dovrebbero essere regolati integralmente" considerando che l'Italia ha un debito con BCE di oltre 300 miliardi Draghi sta implicitamente dicendo che non si può uscire dall'euro, non il contrario! Questi post fanno perdere credibilità al movimento.

ely Bo 25.01.17 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Dall'ingresso dell'euro e con tutti i prezzi raddoppiati l'IVA l'abbiamo pagato al 40% ve ne siete accorti nessuno ne parla

Michele Evola 25.01.17 10:23| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, condivido.
Il Movimento deve essere una squadra unita. Chi non è d'accordo con il programma del Movimento se ne deve andare.
Va benissimo organizzare la partecipazione ad eventi, uscite in tv ecc. altrimenti non sarebbe dato spazio a tutti.
Non ci devono essere fughe in avanti, la linea va concordata con tutta la squadra.
Un' ultima cosa, finalmente ora possono dire che la Raggi è indagata e di nuovo grandi titoloni sulle prime pagine. Sto cercando il prestito di denaro per diversi mesi che ho avuto debiti e bollette da pagare. Pensavo che fosse finita per me.
Ma per fortuna ho visto la testimonianza fatta da molte persone su Mm Josina gomez, che è come ho contattato mio
mutuante per pagare i miei debiti e il mio progetto. e signora Josina mio concesse un prestito di 60,000 euro sul mio conto, posso assicurarvi che tutti questi carta suo governarlo mio aiuto per pagare fuori il mio contatto di debito la e sarebbe la verità
Se avete bisogno di finanziamenti; prendere in prestito denaro o qualsiasi progetto ti rendi conto che questo vi aiuterà a realizzare e sostenere finanziariamente sua e-mail octaviorodrigo15@gmail.com

gracia malcone Commentatore certificato 25.01.17 09:33| 
 |
Rispondi al commento

L'introduzione dell'euro ha consentito all'Italia di non essere travolta dagli interessi per il debito pubblico e dall'inflazione. Uscire dall'euro, ovvero parlare eufemisticamente di "sovranità monetaria" significa decidere di svalutare del 40% (almeno) la moneta nazionale e questo a sua volta significa falcidiare pesantemente i redditi da pensione e anche da lavoro dipendente ovvero impoverire i ceti più deboli. Vantaggi ? FORSE si e forse NO e sicuramente non per i ceti meno abbienti. La dimostrazione sta nel fatto che negli ultimi 4 anni nonostante la svalutazione dell'euro nei confronti del dollaro di più del 30% e nonostante la ripresina mondiale la nostra economia, come quella di quasi tutti i Paesi dell'UE (con l'eccezione della Polonia) non ha avuto nessun boom.

Salvatore Durante 25.01.17 09:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La lettera di risposta di Draghi (volutamente scritta in euroburocratese per intimidire chi non è "dentro" a questi argomenti) mette in evidenza comunque che LA POLITICA MONETARIA E'IN MANO AI BANCHIERI e in particolare alla BCE.

Chi ha sottratto sovranità monetaria allo Stato, inteso come unione dei cittadini di una nazione, ha commesso un gravissimo crimine.
CRIMINE COPERTO DAI MEDIA che sono di propietà di chi ha sottratto questa sovranità al controllo dello Stato.

Questo argomento è TOP SECRET, molto difficilmente se ne parla in tv...e di solito lo si fa cercando di confondere le idee a chi ascolta e allontanarlo il più possibile dalla verità.

Riguardo al Target2, sarebbe opportuno spiegare che è una piattaforma dove avvengono pagamenti con importi molto alti tra i Paesi membri del blocco europeo e viene usata sia dalle banche centrali che dalle banche commerciali per effettuare e processare pagamenti in euro in tempo reale.E'un meccanismo di trasferimento di denaro senza frontiere (e quindi con pochissimi controlli); è cioè un sistema di regolazione internazionale di crediti e debiti tra banche.

Per darvi un'idea di cosa stiamo parlando target 2 processa una media giornaliera di 343.729 pagamenti, con un VALORE GIORNALIERO medio di MILLEOTTOCENTO MILIARDI DI EURO.
Questo sistema TOTALMENTE OPACO (perchè gestisce ENORMI FLUSSI FINANZIARI e permette alle banche di tenere conti nascosti ed anonimi) è stato pensato nella sua forma originaria dal banchiere della P2 Calvi (assassinato a Londra) e pochi anni fa (anche se non si chiamava ancora target2) è stato al centro di una inchiesta giornalistica francese a cui è stato messo il silenziatore perchè troppo scottante.
https://www.youtube.com/watch?v=6RtDFZHNTgw&t=53s

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 25.01.17 08:24| 
 |
Rispondi al commento

Ormai dovrebbe essere chiaro a tutti, e dico tutti, che gli affari,industria,finanza, e, proprietà privata, non possono coesistere liberamente in un paese civile,democratico, e, regolamentato; pena, il ricatto continuo e costante al resto della popolazione mondiale, (99%). L'euro, rappresenta oggi l'emblema di questa devastazione incontrollata e incontrollabile, ed è forse, anche per questo che non si è voluto costruire una confederazione europea. Trump prova a mettere il guinzaglio a tutti i cani sciolti dell'establishement, ma non sarà facile fin tanto che non si riporti il FMI, BM, BCE, nei confini in cui e per cui sono nati. Salut!

Ermete Sestili Commentatore certificato 25.01.17 06:03| 
 |
Rispondi al commento

...W la vecchia Lira!
...NON FACCIAMOCI DECIDERE I PREZZI DEI NOSTRI PRODOTTI!

Fabio Ciottoli, Pistoia Commentatore certificato 25.01.17 05:47| 
 |
Rispondi al commento

Mario Draghi ha dichiarato che l’uscita dell’Italia dall’€. ci costerebbe oltre 300 miliardi. Questo, secondo lui, sarebbe l’aggio da pagare. Stranamente, questo aggio corrispondere al circa il 20%. del nostro PIL. Altrettanto stranamente, quel circa 20%, corrisponde all’aumento medio, Germania inclusa, del debito dei paesi UE area €. Questo aumento del debito, dei paesi UE area €., si è prodotto dal 2002, inizio €., al 2016. Quello che Draghi. dovrebbe spiegare meglio, oltre questa velata minaccia, sono le ragioni per le quali, l’uscita dall’€, dovrebbe costarci quella cifra. Intanto, vengono platealmente smentite, tutte le cazzate sbandierata sull’€: Lavorerete la metà e guadagnerete il doppio, sarete travolti dalla prosperità ecc ecc. Queste cazzate si sono dimostrate addirittura opposte: coloro che lavorano , lavorano il doppio e guadagnano la metà, siamo travolti dalla povertà e dalla stagnazione, il welfare fa sempre più ridere, i giovani sono alla canna del gas. Gli unici che hanno accumulato crediti colossali, sono i consorzi bancari privati , che costituiscono la BCE. Mi sembrava strano che qualcuno, da questa montagna di merda, non ci avesse tirato fuori del ricco cioccolato.

Saluti
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 25.01.17 02:25| 
 |
Rispondi al commento

Movimento Europa....potreste anche avere ragione....ma..

Come pensate di uscire dall'euro è dall'Europa senza cambiamento della nostra Costituzione ,che da soli è nemmeno con il 51% non si può fare?

Troppo facile arrivare a delle linee politiche senza dire....come...fare.

Ps
La risposta di draghi non è di certo quella che intendete voi.
Ps2
L'uscita dall'euro va decisa dagli iscritti e non da voi...che di casini ne avete fatti tanti

carlo p. Commentatore certificato 25.01.17 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Ci hanno dato carta al valore nominale? Restituiamogli carata al valore nominale !!!!!!

Massimo moroni 25.01.17 00:05| 
 |
Rispondi al commento

Naturalmente quelle di giannini a 'di martedi' che se l'italia esce dalla zona euro deve pagare 358 miliardi son falsita' pure, come quelle di draghi.
La cosa grave e' monti che non dice niente (ma lui e' servo e venduto, giannini e' proprio gnurant)

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 24.01.17 23:00| 
 |
Rispondi al commento

E questa è l'ultima risposta della Commissione, che mostra in quale disdicevole considerazione vengano tenuti, sia il nostro Paese, che il nostro Gruppo EFDD !!!!

RISPOSTA B1] 26 gennaio 2015 - E-009760/2014
Il Consiglio non ha discusso la questione sollevata nell'interrogazione.

Link: http://www.europarl.europa.eu/sides/getAllAnswers.do?reference=E-2014-009760&language=IT

Paolo J., Torrevecchia Teatina (CH) Commentatore certificato 24.01.17 22:58| 
 |
Rispondi al commento

Questa sembrerebbe la stessa interrogazione della precedente, ma fatta in data diversa.

B] 26 novembre 2014 - E-009760-14 - Interrogazione con richiesta di risposta scritta al Consiglio - Articolo 130 del regolamento - M. Zanni, M. Valli, M. Zullo, I. Corrao, L. Agea, L. Ferrara, D. Aiuto

Oggetto: Presunta irrevocabilità dell'euro
L'articolo 50 del TUE prevede che uno Stato membro possa decidere, conformemente alle proprie norme costituzionali, di recedere dall'Unione, ma non è prevista alcuna possibilità di recedere dalla sola moneta unica europea, l'Euro.
Per valutare la presunta irrevocabilità dell'Euro si deve risalire al trattato di Maastricht, che comprendeva un protocollo sulla transizione all'UEM, in cui gli Stati membri dichiaravano «il carattere irreversibile della transizione della Comunità alla terza fase dell'Unione economica e monetaria». Si faceva un chiaro riferimento quindi a un approccio globale, comunitario e valido per tutti. Due successivi protocolli allegati allo stesso trattato, e tuttora in vigore, rendono nei fatti non più valido questo assioma, avendo il Regno Unito e la Danimarca ottenuto delle esenzioni che hanno consentito loro di non entrare, in maniera legale, nella terza fase dell'UEM, ovvero nell'Euro.
Alla luce di questa chiara contraddizione, il Consiglio non ritiene necessario prevedere delle regole nel caso in cui uno Stato membro senza deroga decida di recedere dalla sola moneta unica ma voglia continuare a essere membro a tutti gli effetti dell'Unione europea, tenuto conto altresì del fatto che la sola fissazione irrevocabile del tasso di cambio con cui l'Euro è subentrato (articolo 140 TFUE) non può certo costituire una barriera in questo senso?

Link: http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+WQ+E-2014-009760+0+DOC+XML+V0//IT&language=it

Paolo J., Torrevecchia Teatina (CH) Commentatore certificato 24.01.17 22:53| 
 |
Rispondi al commento

RISPOSTA A1]
21 gennaio 2015 - E-009020/2014 - Risposta del Vicepresidente Valdis Dombrovskis a nome della Commissione
L'euro è la moneta comune dell'Unione europea e la condivisione di una moneta unica crea una comunanza di destini. L'uscita di uno Stato membro dalla zona euro non è un'opzione politica. Tutte le parti devono tener fede agli impegni presi. L'irrevocabilità dell'appartenenza alla zona euro, sancita dal trattato (articolo 140 del TFUE), è peraltro parte integrante del quadro dell'UEM. Durante la recente crisi la Commissione e gli Stati membri hanno dimostrato il loro incrollabile credo e il loro fermo impegno in tal senso. A tutti i livelli sono stati profusi sforzi per migliorare il funzionamento dell'UEM e continueranno a esserlo. A tal fine la Commissione lavora a stretto contatto con le altre parti interessate, mossa da un impegno pieno a favore dell'integrità della zona euro.

Link: http://www.europarl.europa.eu/sides/getAllAnswers.do?reference=E-2014-009020&language=IT

Paolo J., Torrevecchia Teatina (CH) Commentatore certificato 24.01.17 22:50| 
 |
Rispondi al commento

A] 10 novembre 2014 - E-009020-14 - Interrogazione con richiesta di risposta scritta alla Commissione - Articolo 130 del regolamento
M. Zanni, M. Valli, M. Zullo, I. Corrao, E. Evi, L. Agea, L. Ferrara, D. Aiuto
Link: http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+WQ+E-2014-009020+0+DOC+XML+V0//IT&language=it
Oggetto: Presunta irrevocabilità dell'euro
L'articolo 50 del TUE prevede che uno Stato membro possa decidere, conformemente alle proprie norme costituzionali, di recedere dall'Unione; non è prevista invece alcuna possibilità di recedere solo dalla moneta unica europea, l'euro.
Per valutare la presunta irrevocabilità dell'euro si deve risalire al Trattato di Maastricht, che comprendeva un protocollo sulla transizione alla terza fase dell'Unione economica e monetaria nel quale gli Stati membri dichiaravano «il carattere irreversibile della transizione della Comunità alla terza fase dell'Unione economica e monetaria». Si faceva quindi un chiaro riferimento a un approccio globale, comunitario e valido per tutti. Due successivi protocolli, allegati allo stesso trattato e tuttora in vigore, rendono nei fatti non più valido questo assioma, in quanto il Regno Unito e la Danimarca hanno ottenuto esenzioni che hanno consentito loro di non entrare, in maniera legale, nella terza fase dell'Unione economica e monetaria, ovvero nell'euro.
Alla luce di questa chiara contraddizione, la Commissione europea non ritiene necessario prevedere delle regole nel caso in cui uno Stato membro decida, senza una deroga, di recedere solo dalla moneta unica, pur volendo continuare a essere a tutti gli effetti membro dell'Unione europea?
La sola fissazione irrevocabile del tasso di cambio con cui l'euro è subentrato (articolo 140 TFUE) non può certo costituire una barriera in questo senso.
Link: http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+WQ+E-2014-009020+0+DOC+XML+V0//IT&language=it

Paolo J., Torrevecchia Teatina (CH) Commentatore certificato 24.01.17 22:48| 
 |
Rispondi al commento

Gentili Amici, onde far maggior chiarezza su quanto sta avvenendo, ho cercato di ricostruire la sequenza cronologica delle interrogazioni effettuate dal nostro Gruppo europarlamentare, EFDD, circa l'oggetto in discussione (irrevocabilità dell'uscita dall'Euro) che ha recato, in conclusione, la sibillina risposta del Presidente della BCE, Mario Draghi, sulla tematica.
Per quanti fossero interessati, riporto la documentazione da me trovata, a partire da due preventive interrogazioni alla Commissione europea, da cui non è scaturita risposta di effettivo valore politico/legale (lettere A] e B]), tal che, penso, si sia resa necessaria un'ulteriore interrogazione indirizzata alla BCE per aggirare l'ostacolo delle mancate risposte.
P.S.: Per questioni di spazio, probabilmente sarò costretto ad utilizzare vari commenti.

Paolo J., Torrevecchia Teatina (CH) Commentatore certificato 24.01.17 22:46| 
 |
Rispondi al commento

Gentili Amici, per coloro a cui interessa e per quanti ne hanno fatto richiesta nei commenti, sono riuscito a rintracciare l'interrogazione da cui è scaturita la risposta del Presidente M. Draghi, della BCE. Buona lettura.

Interrogazione Z-000120/2016 alla Banca centrale europea - Articolo 131 del regolamento
M. Zanni, M. Valli

Oggetto: Squilibrio nei saldi TARGET2

TARGET2 è la piattaforma gestita dalla Banca centrale europea che le banche private dell'Eurozona utilizzano per gestire i pagamenti in entrata e in uscita nei confronti di altre banche, delle amministrazioni pubbliche o dell'Eurosistema.
Fino al 2008 i saldi TARGET2 dei Paesi erano sostanzialmente in equilibrio (vicini allo zero) mentre dopo la crisi finanziaria la forbice dei saldi ha iniziato ad ampliarsi in maniera rilevante.
A settembre 2016 il saldo dell'Italia era negativo per € 344 miliardi mentre quello della Germania positivo per € 676 miliardi.
TARGET2 opera come se fosse un sistema di regolamento netto dove di fatto il regolamento dei saldi non è effettuato mai.
Considerando quanto precede, si interroga la BCE per sapere:

1. qual è il fattore principale che ha causato l'allargarsi delle divergenze tra i saldi dei singoli
paesi dopo la crisi del 2008;
2. se le divergenze tra i saldi rappresentino un fattore di squilibrio che può incidere sulla
sostenibilità a medio-lungo termine dei fondamentali macroeconomici di un singolo
paese, soprattutto con riferimento ai paesi con posizione permanentemente debitoria;
3. come tecnicamente sarebbero regolati i saldi, soprattutto le posizioni nette debitorie, nel
caso in cui uno Stato membro partecipante al sistema uscisse dalla moneta unica.

Link: http://www.europarl.europa.eu/RegData/commissions/econ/questions/2016/595479/ECON_QZ(2016)595479_IT.pdf

Paolo J., Torrevecchia Teatina (CH) Commentatore certificato 24.01.17 22:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Basta con le chiacchiere inutili: Movimento...muoversi! muoversi!
-Al Voto Subito!!
-Uscire da UE ed euro il più presto possibile.
-Sovranità Monetaria e Sovranità Nazionale
-Fuori dalla NATO
-Applicare alla lettera la Costituzione a partire dall'Art.1: i traditori
della Carta Costituzionale e del Popolo Sovrano vanno messi sotto processo!
-Reddito di Cittadinanza subito a partire da: Pensionati "al minimo" -
Disoccupati – Esodati
-Aiuti adeguati (non elemosine) alle PMI e alle famiglie per far ripartire
il lavoro e il mercato interno, ecc...
-Stop alla tratta degli schiavi: Rimpatrio immediato di tutti gli immigrati
clandestini e/o "non aventi diritto"
Grazie per l'attenzione, un saluto a tutti.
Un Esodato Super-Incazzato.

Giovanni Antonio 24.01.17 21:53| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma che cosa vieterebbe all'Italia di uscire dall'unione europea ma fare indipendentemente da questa trattati di libera circolazione e libero scambio di merci e persone esattamente come ha la Svizzera? Che tra l'altro ha più trattati lei da sola dell'intera UE.

Roberto Giuffrè 24.01.17 20:02| 
 |
Rispondi al commento

Ciao M./Mme/Mlle
Non so come a condividere con voi la mia gioia perché sto sempre cercando il prestito, sono cadde sulla donna di affari del nome gomez. Lei mi ha dato un prestito di 20.000 euro, molti dei miei colleghi che hanno ricevuto prestiti presso Madame senza preoccupazioni. Soprattutto per me, Ho ricevuto la mia richiesta dicredito, tramite bonifico bancario per un durata di 72 ore senza protocollo il motivo che mi spinge a pubblicare questo annuncio è che questa donna continui a fare miracoli per le persone che hanno veramente bisogno. Così ho deciso di condividere questa opportunità Ecco la sua email:octaviorodrigo15@gmail.com

gracia malcone Commentatore certificato 24.01.17 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Se Marco Zanni non fa più parte del Movimento è perchè ve lo siete giocato. Era un soggetto valido e in gamba ma, come tanti di noi, anche lui è sempre stato coerente con la linea originaria del M5S laddove si asseriva di volersi staccare dall'euro.

Gaetano Campisi, Martina Franca Commentatore certificato 24.01.17 19:25| 
 |
Rispondi al commento

E' chiaro ormai che uscire dall'euro non basta.
La mancanza di sovranità monetaria è la vera fonte del disastro economico che stiamo affrontando.
E'stata delegata la politica monetaria di intere nazioni alla BCE; e senza più sovranità monetaria (ceduta CRIMINALMENTE ad una Banca Privata-perchè la BCE è privata) ci siamo stretti il cappio al collo e questi fanno di tutto per non farcelo togliere.

Bisogna approfondire le meccaniche (NON COSI' DIFFICILI come vogliono farci credere) attraverso cui è regolata l'emissione di moneta in Europa (e anche USA) per capire che siamo all'interno di un inganno globale che drena costantemente risorse dal mondo del lavoro.
DA QUESTO INGANNO SI PUO' E SI DEVE USCIRE con consapevolezza e determinazione.

L'emissione di moneta deve tornare ad essere prerogativa degli Stati e NON delle banche private che prestano agli Stati applicando pure un interesse al loro ingiustificato privilegio di gestire la politica monetaria per conto di Governi sempre più ininfluenti e corrotti.

Approfondite questo argomento dell'emissione della moneta perchè è da qui che parte la vera libertà di una nazione, non a caso sui media di regime questo argomento è TOP SECRET.

Intanto lorsignori continuano indisturbati a creare DAL NULLA denaro e ad indebitarci.
https://www.youtube.com/watch?v=mA2cK83SeQw

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 24.01.17 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, ma qualcuno mi spiega dove, nella lettera di Draghi, sta scritto che l'Euro non e' piu irreversibile, che si puo' rescindere e che si deve pagarne il prezzo?
Io ho letto la lettera citata nel link, ma non ne ho trovato traccia.

Di che cosa state parlando?

massimo cecchetti 24.01.17 17:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Spero che il Movimenti 5 stelle una volta al governo ci faccia uscire da questo EURO di .....

Shiba Inu 24.01.17 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno dello staff potrebbe spiegarmi perché avete pubblicato la risposta ma non avete pubblicato la domanda? Potreste per chiarezza per favore pubblicare il link dell'interrogazione firmata Marco Valli e Marco Zanni. Come facciamo a valutare la risposta se non siamo a conoscenza della domanda?

Gianluca C., Rimini Commentatore certificato 24.01.17 16:32| 
 |
Rispondi al commento

è evidente che di fronte alla dissoluzione dell Europa e di fronte alla politica commerciale di Us,Russia e Inghilterra che proteggono gli interessi dei loro popoli diventa assurdo mantenere una moneta che di unico ha avuto solo i rincari con i prezzi raddoppiati fin dall inizio

Rino Siconolfi, Ferrara Commentatore certificato 24.01.17 16:17| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco perché non avete pubblicato L'interrogazione firmata Marco Valli e Marco Zanni, qualcuno potrebbe postare il link?

Gianluca C., Rimini Commentatore certificato 24.01.17 16:12| 
 |
Rispondi al commento

Benissimo....fuori allora al più presto da questa trappola mortale, da questo euro strozza popoli, da questa europa dei tecnocrati, lobbisti e finanz-capitalisti.
Al più presto.

Antonio S. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 24.01.17 16:11| 
 |
Rispondi al commento

La linea politica del mov sono gli eurobond (quindi l'€). Sapevatelo.
Chi non segue la linea del programma e' fuori.
Bye

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 24.01.17 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Draghi dice: "Se un paese lasciasse l’Eurosistema, i crediti e le passività della sua BCN nei confronti della BCE dovrebbero essere regolati integralmente". Il che vuol dire che pagherà Bankitalia, che notoriamente è una società privata e che non è detto sia lei che stamperà le nuove neo-lire. Tutto chiaro ora ? NON PAGHERA' LO STATO ! PAGHERANNO I BANCHIERI !


come per l'usura di casa nostra dove le leggi proteggono dagli abusi, si ricorra a un arbitrato di un tribunale internazionale, perché di truffa e usura si é trattato, e il conto da pagare su l'uscita dall'euro si abbasserà di tantissimo, in ogni caso ce da guadagnare ritornando alla sovranità monetaria che ci hanno estorto. Quindi ben venga l'uscita dalla moneta truffa e dal club degli usurai.

dolphin 24.01.17 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Molto semplicemente.. Bene! Via dall'€ anche subito.. Come era prima me lo ricordo bene!!!

Luisa piccinno 24.01.17 15:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche se non hanno mai votato per l'euro saranno i cittadini italiani a pagarne il prezzo perché' votando dei politici come loro rappresentanti li hanno autorizzati a decidere per loro. Si chiama democrazia rappresentativa. Per questo è' importante votare con cognizione di causa e di conseguenze e non a pene di segugio.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 24.01.17 15:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FUORI DALL’EURO SUBITO.
RITORNO ALL LIRA, RITORNO ALLA SOVRANITA’ MONETARIA NAZIONALE.
358,6 miliardi di debiti riguardano le banche italiane e quelle straniere. Se falliranno le nostre falliranno anche le loro. A entrambi conviene calma e buonsenso. I debiti saranno ripagati in Lire non appena possibile.
L’importante è che NESSUNO TOCCHI LA RISERVA AUREA NAZIONALE, quello è l'oro degli italiani !!!!!!!!!!!

Santo Nalbone 24.01.17 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo già pagato il conto e aspettiamo il resto, adesso il conto lo facciamo noi andando al voto
!

Antonio Esu 24.01.17 14:59| 
 |
Rispondi al commento

M5S Europa? Ma chi scrive questi articoletti ebeti non ha il coraggio di metterci il suo nome? Tutti sanno, come giustamente dice Draghi, che il problema non è l'uscita dall'euro ma il conto da pagare! Quindi Signor M5S Europa vai a studiare un po' di economia e calcola (con dati scientificamente validi) il conto poi, per favore, riscrivi l'articolo.
Buon lavoro

fabio t. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 24.01.17 14:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"L'Unione Europea" non è mai esistita...E' esistita soltanto --UNA BANCA-- (sappiamo da chi gestita) che PRESTA SOLDI ...AD "USURA"! I risultati sono sotto gli occhi di tutti! E,visto che,come tutte le BANCHE chiede un prezzo per chiudere il "rapporto"... è stata anche UNA PESSIMA BANCA! Questo è a tutti gli effetti un "CRIMINE"contro una civiltà.Al pari di tanti altri a cui stiamo assistendo nel mondo e,di cui in alcuni siamo (ahimè) purtroppo CO-RESPONSABILI!

Mario Girolamo 24.01.17 14:24| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE. DANGER.
Occorre andarci piano. Non sono un esperto di economia, ma nel prendere la decisione di una uscita dall’euro c’è da prevedere un atterraggio soffice, o sarà la catastrofe dagli esiti imprevedibili, tipo la post-Jugoslavia. Uscire semplicemente dall’euro è come far cambiare maglietta ad un giocatore scadente che non riesce a confrontarsi con uno più muscoloso e giovane. In Italia, operano molte aziende cinesi con cui non riusciamo a competere, con o senza l’euro. Per me, il problema è sempre lo stesso: i vertici della società devono essere occupati dai più capaci e volenterosi. I salari bassi non bastano se non c’è progettazione e alta professionalità nel lavoro. Le nostre scuole ed università selezionano forse i migliori, o i meglio raccomandati?

Giuseppe C. Budetta 24.01.17 14:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli Stati sovrani non solo possono rescindere gli accordi ma ormai sono praticamente costretti a farlo a causa degli squilibri di bilancio provocati dalla Germania scavalcaregole e dal mettere insieme economie troppo diverse in un'unica area valutaria non ottimale:
5 anni fa uscire dall'euro sarebbe stata una scelta, oggi è solo una conferma di tutto quello che gli economisti seri (non pagati per mentire) hanno sempre ripetuto.

Ma il "conto salato" a chi lo dovremmo pagare? a Draghi? In piombo o sberle? E a che titolo ci sarebbe un conto da pagare visto che la precedente uscita da moneta unica del '92 non ha portato in Italia l'apocalisse?
http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/09/10/quelli-che-%E2%80%9Cnel-1992-tassi-schizzarono-alle-stelle-%E2%80%9D/348149/
Come al solito vale il detto "crepi l'astrologo".

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 24.01.17 14:20| 
 |
Rispondi al commento

L'Euro e l'Unione Europea rappresentano il folle, ma ingegnoso (solo per la Germania) progetto, atto a sostituire un Marco tedesco troppo forte a favore del settore manifatturiero tedesco a discapito del settore manifatturiero estero,soprattutto quello italiano,che primeggiava davanti a quello tedesco. Punto.

Non vi sono altri scopi per cui è stato creato questo colossale raggiro per favorire la sola Germania.

L'Italietta,coi suoi soliti politici ignoranti da due soldi,è stata trascinata dentro pur non rispettando i parametri di Maastricht (oggi tra l'altro violati da tutti gli Stati) e pur non rispettando soprattutto il Pil.
Come fare a rovinare un paese se non può entrare nella UE a causa del Pil? Semplice,facciamola entrare lo stesso. Cosi è stato e i risultati si sono visti. Ma con gente menomata/ritardata mentalmente come prodi,il nano ecc ecc non poteva che andare cosi. E' gente che all'estero sarebbe già morta di fame.

Venendo poi a draghi beh,c'è da ridere come al solito.
E' un ex cane di Goldman Sachs messo li a quattro zampe esattamente come il figlio fallito che,casualmente,è trader dei tassi d'interesse presso Jp Morgan.
Non è un conflitto d'interesse vero? Patetico.
Ma la famiglia draghi si sa,rappresenta l'ignominia e il fallimento. Bau Bau.
Bye Bye UE :-)

Taipan X Commentatore certificato 24.01.17 14:19| 
 |
Rispondi al commento

mai sovrani del nostro paese cn la moneta unica

Federico Reale Commentatore certificato 24.01.17 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Ecco la risposta al bluff di Draghi:


http://scenarieconomici.it/le-contraddizioni-di-draghi-sul-target-2-ed-i-suoi-timori-per-la-prossima-esplosione-delleuro/

Fuori dall'Euro subito!!!

undefined 24.01.17 13:58| 
 |
Rispondi al commento

E poi non volevate fare un referendum sull'uscita dall'euro? Avete già cambiato idea e preso la decisione autonomamente?

Francesco Brandina 24.01.17 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Ma se Romano Prodi volevate farlo addirittura Presidente della Repubblica!!!!!!!

Rupert Ruperti Commentatore certificato 24.01.17 13:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Poi che l euro vada ridiscusso nulla da ridire

Francesco Brandina 24.01.17 13:29| 
 |
Rispondi al commento

La dissoluzione dell'euro zona è una pessima idea


Cari MoVimento 5 Stelle Europa, bravi!

Meno zanni!

Ciao.

Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 24.01.17 13:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ne hanno fatti così tanti di soldi facili facili ( costi triplicati, quintuplicati, decuplicati in certi casi)e senza alcun rischio che non sanno più come e dove investirli. """""E adesso che siete con le pezze al culo e non avete nemmeno gli occhi per piangere potete anche andarvene. Sic et simpliciter.

quoquetu 24.01.17 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Ridiscutere l'Euro, o fuori subito dalla moneta unica!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 24.01.17 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Allo stato attuale, Brexit non ha
ancora iniziato a prendere forma.
Oggi, la cosiddetta diplomazia
silenziosa precede negoziati ufficiali.
Tuttavia, il primo ministro britannico
Theresa May sembra amare l'idea di
un accordo di libero scambio con
l'UE. Questo tipo di soluzione, che è
in contrasto con la tendenza della UE
verso il federalismo, può dare origine
a un nuovo dibattito in Svezia, che è
per molti versi è l'equivalente
scandinavo del Regno Unito. Come
ha fatto la Gran Bretagna, la Svezia
ha rifiutato di introdurre l'euro, sia in
termini di politica UE, la Gran
Bretagna e la Svezia sono d'accordo
sul 90 per cento di tutte le questioni.

https://tinyurl.com/kajo8ro/sputniknews.com/politics/201701241049942970-sweden-eu-swexit/

ro, Firenze 24.01.17 11:51| 
 |
Rispondi al commento

bene è chiaro che l'affermazione di poter uscire dall'€ pagandone un prezzo è un ricatto

se si esce tutti dall'€ chi e che paga a chi?

mentre chi paga i danni subiti dall'Italia con la distruzione dell'economia?

io prenderei lo stipendio/pensione dei politici che hanno causato questo disastro e gli darei un sussidio di sopravvivenza

il reddito di cittadinanza non se lo meritano

ma vogliamo scommettere che pagheranno i cittadini
come sempre

il politico ormai ha delle sentenze a favore

"non sapevano quello che facevano"

saluti ai monelli del blog

▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌

old dog 24.01.17 11:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori