Il Blog delle Stelle
La zavorra dei derivati e le speculazioni del MEF

La zavorra dei derivati e le speculazioni del MEF

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 22

di Carla Ruocco

Era la primavera del 2015 quando il Movimento 5 stelle prendeva atto della denuncia effettuate dal Financial Times e da Repubblica di una serie di rinegoziazioni di operazioni in derivati fatte nel primo semestre 2012. Venivano negoziati oltre 30 miliardi di euro di derivati con perdite potenziali per 8 miliardi. Erano già in corso da alcuni mesi le audizioni della Commissione d’indagine sui derivati della Camera dei Deputati dove tra gli interventi di autorevoli esperti della materia c’era chi diceva che andava tutto bene madama la marchesa e chi ci diceva che la situazione era terribilmente fuori controllo.
Questa denuncia della stampa seguiva l’operazione in derivati con Morgan Stanley che era costata all’erario a fine 2011 oltre 3 miliardi di euro.

Giusto perché non se ne perda memoria in quegli stessi giorni il Governo produceva il disastro degli “esodati” che magari con 3 miliardi in più si poteva gestire meglio se non evitare. Le lacrime di quei giorni forse sarebbero dovute essere versate per questa incredibile operazione finanziaria.

Unica forza politica a prendere di punta il problema fu il Movimento; decidiamo di farlo con la migliore scienza giuridica ed economica al nostro fianco e a settembre 2015 organizziamo alla Camera dei deputati in Sala Regina un convegno senza precedenti e francamente senza “successori”. Da quel convegno non abbiamo mai mollato la presa. Con costanza e sistematicità abbiamo iniziato a scandagliare i documenti pubblici del MEF e della Corte dei Conti, a fare interrogazioni e Question Time. Per non parlare delle denunce alla Procura e degli accessi agli atti per ottenere i contratti derivati. Un muro istituzionale insormontabile ci si poneva però di fronte. Ma non abbiamo mollato: ogni indizio è diventato una domanda. Questa strategia ha fornito elementi importanti che con il conforto di analisi tecniche di qualità ci ha consentito di arrivare alle seguenti conclusioni.

Le operazioni in derivati effettuate dal MEF sono state operazioni speculative; le decine di miliardi di euro di perdite potenziali non sono potenziali ma si manifestano a rate ogni anno per 5-6 miliardi di euro con elevatissima probabilità. Così è andata. Dal 2011 abbiamo speso per derivati quasi 30 miliardi di euro e il guadagno di spesa per interessi derivante dal Quantitative Easing di oltre 20 miliardi del quadriennio 2013-2016 è stato praticamente azzerato dalle spese per derivati.
Non è finita purtroppo. Le perdite potenziali su derivati sono ancora ben sopra i 30 miliardi di euro e temiamo che ne vedremo ancora delle belle. Nel 2017 ci attendiamo purtroppo altri 4-5 miliardi di perdite. Dall’incrocio dei dati di più fonti temiamo ad esempio che in questo mese di febbraio lo Stato sia stato costretto da una banca controparte a versare un miliardo circa per l’esercizio di una swaption. Speriamo di sbagliarci. Ma guardate che se non è andata così è solo perché il MEF ha rinegoziato questa perdita, non perché non si sia manifestata.

Il muro istituzionale trovato sinora nella nostra pressante attività Parlamentare ha forse mostrato una crepa. La procura regionale per il Lazio della Corte dei Conti ha contestato di recente un danno erariale complessivo di 4,1 miliardi nell'ambito dell'indagine sulla chiusura e ristrutturazione dei derivati tra Morgan Stanley e ministero dell'Economia. Non sbagliammo quindi a sentire puzza di marcio in queste operazioni. Nel mirino sono finiti non solo Morgan Stanley ma anche l'attuale responsabile del debito pubblico Maria Cannata, il direttore generale del Tesoro Vincenzo La Via e gli ex ministri Domenico Siniscalco e Vittorio Grilli; questi ultimi ora tra l’altro lavorano proprio presso Morgan Stanley e JPMorgan entrambe banche controparti dello Stato nelle operazioni che riguardano il debito pubblico.

Abbiamo tante cose da chiedere e da denunciare e a breve ci sentirete di nuovo interrogare il MEF per avere informazioni e per ottenere la trasparenza che su questo tema ci viene negata da anni. Non molliamo! Noi non ci arrenderemo mai!



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

21 Feb 2017, 10:18 | Scrivi | Commenti (22) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 22


Tags: derivati, m5s, mef, ruocco

Commenti

 

Ciao
Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è che la signora Josina gomez offerte di prestito diversi per i vostri progetti prima fino a 60.000 euro con un tasso del 2%
-Viaggi e project financing per studi all'estero
-costruzione sfondo imprese e gli investimenti in vari commercio e costruzione progetto e altro
-Acquisto di affitto casa e appartamento
-Acquisto di auto e prestito per la salute e l'educazione dei vostri figli
-pronto soccorso per chiunque in pericolo
- -finanziamento del progetto milioni
Contattare il nostro servizio e-mail prestitobancario2017@gmail.com

jolia antonio () Commentatore certificato 23.02.17 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Basta con la solidarietà ai tassisti, agli ambulanti, agli operai di quella e dell’altra fabbrica . Basta con la solidarietà a qualsiasi singola categoria. Dobbiamo dare la nostra solidarietà solo a noi stessi, tutti uniti compatti, a prescindere dalla categoria d’appartenenza . Non sono in ballo l’interessi o la tutela di quella o di l’altra categoria. Prima o poi tutte le categorie saranno passate per il tritacarne, che noi alimentiamo. Chiunque pensi di rimanere fuori da tritacarne o è stupido o è un povero sprovveduto. La differenza tra noi e il tritacarne è che lui macina un pezzo di carne per volta, mentre noi stiamo a guardare, compiaciuti o dispiaciuti, pensando: sono affari loro non miei. Sicuramente in quel preciso momento sarà così ma quando quel momento arriverà anche a te? Quale sarà la tua razione, quali saranno i tuoi pensieri? Dov’è la solidarietà che speravi ci fosse ma che invece non c’è? Questo è il giuoco che, inesorabilmente, stanno vincendo su tutti i fronti. Se non abbiamo ancora capito che le lotte per categoria lavorativa o corporazione sono tutte destinate alla sconfitta, non abbiamo capito il mondo in cui stiamo vivendo. L’unica categoria da tutelare e la categoria umana, ed ha solo una speranza; marciare compatta e unita per bloccare il tritacarne. Se dobbiamo manifestare dovremo farlo tutti insieme, trasversalmente, fino al collasso del tritacarne. Altrimenti faranno di tutti noi, come stanno già facendo, degli hamburger a basso prezzo. O marciamo tutti insieme o marciremo un poco per volta.
Saluti

Gianfranco B. Commentatore certificato 23.02.17 00:18| 
 |
Rispondi al commento

I derivati sono come la catena di sant'antinio o lo schema Ponzi accaduto in US. Prendi da Peter per dare a Paul, ma nel caso di queste schifezza, la banche prendono da Peter, i risparmiatori, e non li danno a nessuno, se li tengono, ci speculano, concedono prestiti agli amici e poi scaricano ai risparmiatori le perdite. Queste azioni malefiche vanno bloccate con riforma del sistema bancario, dove si vieta in assoluto questi tipi di azioni ad alto rischio dei risparmi. La storia ci dice che dal '29 hanno solo creato danni economici enormi ai sistemi economici finache solidi e senza debiti

Carlo Cappello 22.02.17 20:56| 
 |
Rispondi al commento

Cari , del M5st. :::

Fuggite dalla "sinistra " europea, poiché vive nel SOGNO di poter immaginare un’altra Europa!!!
Non esiste e non esisterà mai!! un’Altra Europa,
esiste solamente quella delle banche,
della Germania divoratrice della periferia
e delle multinazionali (ossia degli oligopoli)!!!
…alcuni non si stancano di insistere sulla ingenuità di alcuni partiti/Movimenti che pensano sia possibile combattere l’austerità entro l’euro,
e ripetono all’infinito che il problema fondamentale oggi in Europa è la sovranità nazionale e popolare,
che è la democrazia;
Ciò richiede di lasciare l’euro e anche probabilmente l’Unione europea.
La sinistra, come un cancro, divora anche Te!!
Vedi di smettere prima!!!!

Lino Viotti Commentatore certificato 22.02.17 20:44| 
 |
Rispondi al commento

Solo pochi commenti sul blog per una bomba ad orologeria che sta per scoppiare purtroppo nelle mani di tutti noi italiani.
Quindi poca gente consapevole che è proprio su questi temi che si gioca il futuro dell'Italia.

COME SEMPRE tutto succede a causa di banche speculative in combutta con amministratori pubblici (MEF) che sono niente di più che loro infiltrati nelle istituzioni (vedi appunto Grilli, Padoan, Monti, Siniscalco eccetera)
Il denaro pubblico che noi ci sudiamo lavorando e poi versiamo in tasse viene in buona parte risucchiato da questi criminali in giacca e cravatta per i loro giochetti tossici.
I DERIVATI DEVONO ESSERE MESSI FUORI LEGGE, sono veleni, scorie radioattive che prima o poi faranno i loro danni nell'economia reale, come è già successo nella crisi del 2008.

TUTTO CALCOLATO DAI BANCHIERI CENTRALI che al momento opportuno fanno pagare a tutti noi le loro porcate finanziarie.

Non è ora di dire basta a questa truffa globale?

Questo divertente cartone spiega in maniera ultra semplice le motivazioni della crisi in cui Europa ma anche Usa si trovano (dal 2008 dei derivati) in poi.
Da vedere e rivedere.
https://www.youtube.com/watch?v=G4eqeczdKlw#t=395.412487058

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 22.02.17 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Sono iscritto al M5S dal dicembre scorso e frequento il Municipio 2 di Milano facendo qualche volta servizio ai banchetti. A mio avviso è necessario che i cittadini siano al corrente delle porcate dei derivati e del 'Ceta', con volantini da distribuire nei gazebi o banchetti del M5S, in quanto i quotidiani non ne parlano o non ne vogliono parlare; questi sono finanziati in parte dallo Stato e quindi non vogliono far sapere quanto lo Stato deve pagare alle banche o ai grossi capitali che detengono il potere.
Giancarlo

Giancarlo Francese, milanomi Commentatore certificato 22.02.17 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è noto.Le soluzioni anche.
Andiamo al governo per realizzarle in modo intelligente. Prepariamoci.
Brava Carla.
Gfp

Gianfilippo ., ARESE Commentatore certificato 22.02.17 08:17| 
 |
Rispondi al commento

I derivati

È il termine usato che spiega la truffa

eppure quando venni a conoscenza di queste operazioni fatte passare per grandi opportunità per favorire le casse delle pubbliche amministrazioni senza gravare di tasse il cittadino contribuente, tutti potevano capire che i dirigenti stavano commettendo un altro crimine dei loro, perchè non è pensabile che gente del mestiere non capisca quando sta seduto al tavolo delle 3 carte, loro erano complici del banco a nostre spese.

la cosa grave è che non potevo, perché non sapevo come, dimostrare la loro inettitudine.
Con questi si sta come il passeggero sul pullman che vede l'autista non più in grado di guidare, ma non può fare nulla per fermarlo.
Ora si devono pagare i danni.
cordiali saluti

RAGAZZI ALBERTO ANDREA 21.02.17 23:44| 
 |
Rispondi al commento

questi criminali pidioti hanno una miniera di soldi una colossale fortuna rubata ai cittadini, si sono messi a giocare d'azzardo bisogna che PAGHINO !!!!!!!!

Michele Evola 21.02.17 21:49| 
 |
Rispondi al commento

Premesso che non dovrebbe essere permesso, mai, d’investire risorse pubbliche in derivati e titoli speculativi (scommesse) in genere. Ci sono due aspetti semplici:
1)Chi sta con i ladri o è ladro anche lui (complice) o è un totale imbecille (propendo più per il ladro complice) .
2)Trattandosi di politici o alti funzionari dello stato , sicuri della loro impunità, che fanno questi luridi traffici, finché non potremo garantire loro anni di galera e sequestro dei beni di famiglia, continueremo ad assistere a questi scempi a danno della collettività.

Quindi, il movimento dovrebbe adoperarsi affinché il maltolto venga restituito/ripreso e la galera garantita, con tutte le aggravanti possibili.
Poi, mi sembra evidente, se queste operazioni, con soldi pubblici, sono tenute nel massimo riserbo uno può solo pensare:
ma se c’è del marcio in Danimarca, a Roma cosa c’è?
Saluti
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 21.02.17 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Una volta fatto l'errore madornale di entrare nel circuito infernale dei derivati è' molto difficile uscirne, è' peggio del giro dell'usura. Avrà' voglia il MEF a rinegoziare e a pagare a favore delle banche d'affari che campano proprio sui grulli ignoranti che si affidano ai derivati. Il peggio è' che nessuno paga per i danni erariali provocati è tutto viene coperto dall'omertà politica, non dissimile da quella mafiosa.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 21.02.17 15:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

occorre vedere quando scoppierà 'il danno' derivati se governerà un solito partito o il m5***** la soluzione sarà molto diversa. il 'danno' va recuperato da chi lo ha creato ! e non salvare i dolosi colpevoli come la stupida & mortale soluzione di mps o altre.

mario di genova 21.02.17 12:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prova.

Giovanni F. Commentatore certificato 21.02.17 12:29| 
 |
Rispondi al commento

È proprio sbagliato il concetto che un ente pubblico debba chiedere prestiti alle banche perché così di fatto lo stato è sottomesso ai privati dunque anticostituzionale


L'argomento derivati è economicamente assai rilevante:
qual è la posizione del M5S a riguardo???

Vietare i derivati per le pubbliche amministrazioni? vietarli per chi non ha tre lauree in giurisprudenza matematica e economia?
Vietarli ai pensionati?
Vietarne la vendita?

INSOMMA COSA VOLETE FARE CONTRO I DERIVATI?

Ormai le elezioni sono vicine, entro un anno se il M5S si allea alla lega vince.... che si fa?? si lascia tutto come sta?

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 21.02.17 12:17| 
 |
Rispondi al commento

emeriti traditori degli italiani.
Quando si sveglieranno gli elettori sarà sempre troppo tardi.

Paolo Hidalgo Commentatore certificato 21.02.17 11:50| 
 |
Rispondi al commento

stamani ho visto la faccia di PADOAN allorquando bruxxel ha richiesto la manovra di 3,4 ml a prescindere dallo 0,1% di PIl in più.
ebbene, era la faccia di quello che dice "mein kapitan, signorsì, sarà fatto" povera italia con sti ministri senza attributi e senza rossore e senza o.............e

rosario salvatore brandi, palermo Commentatore certificato 21.02.17 10:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori