Il Blog delle Stelle
La regola sui due mandati non si tocca e non si deroga

La regola sui due mandati non si tocca e non si deroga

Author di Beppe Grillo
Dona
  • 169

di Beppe Grillo

Il MoVimento 5 Stelle è una comunità di cittadini fondata su delle regole. Sono poche, chiare e semplici. Proprio per questo inamovibili. Una delle regole fondanti è quella dei due mandati elettivi a qualunque livello. Consigliere comunale, sindaco, consigliere regionale, parlamentare nazionale ed europeo. Questa regola non si cambia nè esisteranno mai deroghe ad essa. "Ogni volta che deroghi ad una regola praticamente la cancelli" diceva Gianroberto. Non abbiamo intenzione di cancellare nessuna delle regole fondanti del MoVimento 5 Stelle. I nostri portavoce continueranno a fare un massimo di due mandati elettivi e poi torneranno a fare il lavoro che facevano prima. Vogliamo cittadini 5 Stelle che si mettano al servizio della comunità, non professionisti della politica.

Ps: il giorno che i giornali smetteranno di inventarsi virgolettati sarà un giorno bellissimo. Attenti ai virgolettati!



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

10 Mar 2017, 11:14 | Scrivi | Commenti (169) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 169


Tags: due mandati, regola dei due mandati

Commenti

 

sono daccordissimo per una politica come servizio pubblico e non come professione, però abbiamo in parlamento molte persone nel M5S che hanno lavorato e lavorano con impegno e onestà quindi, AL VOTO SUBITO, perchè vorrei tanto vederli governare, prima che vadano tutti a casa per lo scadere del mandato.
fate l'impossibile per portarci al voto.
GRAZIE - GRAZIE - GRAZIE

silvana s. Commentatore certificato 14.03.17 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è le offerte di Lady Josina gomez di prestito diversi per vostri progetti prima fino a 70.000 euro con un tasso del 2% di contattare il servizio prestitobancario2017@gmail.com

antonie amdronia Commentatore certificato 13.03.17 22:52| 
 |
Rispondi al commento

dalle ultime elezioni ad oggi tra i nostri portavoce abbiamo avuto alla Camera l'8% ed al senato il 30% di fuoriusciti, un cospicuo numero di "Scilipoti" che ha danneggiato il movimento e che pone il problema dell'appartenenza vera. Io anche non conoscendola, per fortuna ho votato per la Castelli, me se avessi votato uno dei fuoriusciti mi sarebbero girati i c..... mettiamo in preventivo che altri "Scilipoti" alle prossime elezioni cercheranno di aggregarsi al carrozzone del primo partito italiano, pertanto pensiamoci bene prima di mettere da parte dopo due mandati dei portavoce coerenti e capaci.

seergio mazzesi 13.03.17 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Come già detto al tempo, non concordo con la regola dei due mandati che secondo me potrebbe essere affinata.

E vero si garantisce un "ricambio" costante di persone, ma si perdono anche persone molto valide che hanno fatto esperienza e hanno fatto bene per il movimento.

Una soluzione "semplice" potrebbe esser quella di poter prorogare per altri due ( o più mandati ) un numero limitato di eletti, per esempio un dieci per cento, tramite votazione online

In questo modo si avrebbe sempre un netto ricambio di persone, ma contemporaneamente non si perderebbero persone valide e conoscenze acquisite

Distinti Saluti

Giuliano C., Ardea Commentatore certificato 13.03.17 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Non è necessario avere un incarico elettivo per cambiare (in meglio) il proprio paese. Gandhi non lo ha mai avuto. E' vero che il meccanismo porterà all'uscita di scena di molti elementi di qualità, ma prima dell'arrivo del Movimento, chi li conosceva? Avrebbero avuto la possibilità di fare quello che hanno fatto? E allora, quante altre persone altrettanto capaci ed adamantine ci sono? Anche questa è la nostra sfida: far capire che il CITTADINO è politico e viceversa, ognuno fa quello che può al meglio, ma senza divenire un politico di professione.

Andrea Fardi, MARINA DI CARRARA Commentatore certificato 13.03.17 11:24| 
 |
Rispondi al commento

2 mandati oppure 3 ?
Personalmente (se si vuole creare e selezionare una classe dirigente in grado di governare) sono convinto della necessita' del terzo mandato!
Comunque sarebbe necessario e urgente sentire il parere degli attivisti! Se non votiamo per questo motivo sacrosanto, per cosa votare?

roy p., sannicola(le) Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 13.03.17 09:52| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, d'accordissimo per i due mandati, non in sensio assoluto ma per incarico elettivo, esempio: Comunali -2; Regionali -2; tra Camera e senato -2.
In questo modo, oltre ad accumulare esperienza politica e amministrativa, potremmo avere portavoce che, partendo dal basso, potrebbero contribuire al rafforzamento del movimento con maggiore cognizione di causa.
Il fatto che Casaleggio, con tutto il rispetto che ho sempre avuto per lui, affermasse che: "Ogni volta che deroghi ad una regola praticamente la cancelli". Non mi trova minimamente d'accordo. Le regole possono e debbono essere cambiate, riscritte. in meglio, in ragione dell'evoluzione socio politica.

Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 13.03.17 00:52| 
 |
Rispondi al commento


Nell'antica Roma al tempo della Repubblica. le magistrature duravano un solo anno, ad evitare lo strapotere.
Accettiamo il limite di due legislature per tutte le istituzioni, e senza il passaggio sucessivo in altre istituzioni( il sindaco passa a fare il presidente di regione, poi il parlamentare, poi il parlamentare europeo,poi la Consulta poi, poi ecc. fino ad aspettare una santa morte!).Ma evitiamo anche i doppi e tripli incarichi marisa


Per me la regola dei due mandati dovrebbe diventare "non più di due mandati nella stessa istituzione" così si limiterebbe già di parecchio la possibilità di diventare dei professionisti della politica, ma al contempo si lascerebbe la possibilità a chi ha più talento di spendersi ad un altro livello (dal nazionale al comunale o dal regionale all'europeo etc. etc.)

alessandro marhetti Commentatore certificato 12.03.17 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Mi permetto una licenza estetica

Quanto sono belli Grillo e Casaleggio in questa foto!
Anche l'estetica vuole la sua parte.

Dietro questa foto traspare l'evidenza di due uomini pensierosi, intelligenti, sempre insonni... in cerca di soluzioni per uscire dal grande disastro vigente in Italia.
Confrontatele con le foto degli altri Post, nel Blog, di Renzie e i suoi amici...e ditemi se non sembrano tutti ebetini ed ebetoni assopiti nel sonno da un'indigestione di nullità, di stupidità e di menzogna.

Un grazie ai nostri "padri" del nostro Movimento

Siete tremendamente belli in questa foto!

massimo m., Roma Commentatore certificato 12.03.17 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Scusate , i mandati sono 2 , e nessuno dice al Di Maio, Toninelli, Di Battista ecc una volta finito il mandato e tornati cittadini ,di aiutare esternamente i nuovi eletti. Grazie

stefano g., ravenna Commentatore certificato 12.03.17 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Grazie di questa precisazione. Ero preoccupata. Se fosse stata vera la notizia della deroga ai due mandati non avrei più votato M5S.
A proposito... Avrai sicuramente visto, caro Beppe, la lettera di Paolo Flores D'Arcais su MicroMega. Mi ha tolto le parole di bocca. Te la posto nel caso ti fosse sfuggita
http://temi.repubblica.it/micromega-online/caro-grillo-devi-scegliere-destra-o-sinistra/?refresh_ce
Con l’affetto di un'elettrice (fino a quando lo renderete possibile)
Laura Galluzzi

Laura Galluzzi Commentatore certificato 11.03.17 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Regola giusta per non creare un ceto che vive di politica , ma male applicata causa effetti collaterali assolutamente controproducenti. Possibile che Grillo.e Casaleggio non lo capiscano e non si accorgano di cosa sta succedendo nei territori, dove la prima forza politica italiana è presente in pochissimi Comuni e non si riesce a presentare le liste (perfino dove siamo già presenti) perchè , di fronte agli stipendi d'oro (da 10.000 euro in su, spese comprese spesso non rendicontate) magari di parlamentari e consiglieri regionali che , una volta eletti, nemmeno si fanno piu vedere, gli attivisti incrociano le braccia e se ne vanno o puntano a candidarsi nei posti che "contano" .
Adesso qualcuno scrive che in futuro si farebbe una deroga per i "vertici" (che nessuno ha mai eletto tali, salvo che nei talk show) , facendo pure i nomi di ragazzi che non sono certo dei De Gasperi, Togliatti , Moro o Berlinguer, oppure che si farebbe una deroga per chi è già consigliere comunale perchè si possa ricandidare per la terza volta , ma sempre bei Comuni.... pare di vedere applicata al Movimento la religione induista delle "caste" , da cui non si può uscire : chi è deputato continuerà a fare il deputato con lauti compensi , chi è consigliere potrà continuare a farsi il c...o (gratis)
Mi chiedo se si rendano conto di ciò che dicono o sono proprio fuori dalla realtà

carlo c., cavarzere Commentatore certificato 11.03.17 17:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe ha ragione, la regola dei due mandati non si cambia per nessun motivo.I Parlamentari attuali hanno davanti ancora un altro mandato.Quando sara il momento se sarà necessario cambieremo lo statuto e porteremo i mandati a 3 o 4 secondo necessità Pero per il momento non se ne parla.Le regole ci sono e vanno rispettate. Grazie Beppe

Andrea Ciolli, Roma Commentatore certificato 11.03.17 13:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo me i mandati dovrebbero essere 3, mi rendo conto che se cambiamo la regola adesso i nostri nemici prezzolati grideranno allo scandalo e alla mancanza di coerenza, ma 2 legislature sono poche per acquisire la competenza per governare il paese. Parlare ben in televisione e` una cosa, barcamenarsi in un sistema corrotto ed ostile e` un'altra, vedi l'esempio di Roma. C'e` poi il problema irrisolto di pensare al ruolo degli ex-portavoce all'interno del movimento dopo i 2 o 3 mandati. Il rischio e` che si riciclino nelle partecipate perché` se si va` al governo si diventa centro di potere sul territorio. Dobbiamo essere sicuri di non diventare come gli altri, che piazzano i loro uomini nelle amministrazioni locali e partecipate, il rischio c'e`, e diventa anche maggiore con la regola dei due mandati e a casa. Sono tutti pronti ad andare a casa in nostri portavoce una volta che hanno assaggiato il potere e la notorietà`?
I portavoce dovrebbero rimanere nel movimento come attivisti non pagati, per aiutare i prossimi con la loro esperienza.

Giovanni Borghini 11.03.17 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, sono un vostro fedelissimo convinto e informatissimo elettore.
Anche se capisco le tue ragioni, io credo che forse è arrivato il momento di iniziare a pensare ad un aumento di un solo anno alla questione dei 2 mandati portandoli a 3.
Solo 3, ma 3.
Immaginiamo che riusciamo ad andare a governare l'intero paese Italia e che lo governiamo anche bene (sono sicuro che lo governeremmo benissimo).
Non è possibile che tutti i di Maio, di Battista, Lezzi, Toninelli etc. non possano ricandidarsi per un governo BIS altrettanto vincente e utile ai cittadini.
Pensaci Beppe... pensaci...

Gianluca C., Rimini Commentatore certificato 11.03.17 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con i due mandati ,noi siamo diversi.Altrimenti non voterei più per il M5S.
Non voglio che sia un mestiere a vita,
dove poi ci mettono figli mogli ecc..Rimanendo a tempo indeterminato entri la corruzione.Rimanendo li si allontanano dalla realtà del paese e dei problemi dei cittadini.Licenziamenti eccccc.

Paolo.T Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.03.17 10:57| 
 |
Rispondi al commento

perfettamente d'accordo: non è un lavoro impossibile, lo dimostrano gli attuali portavoce che dopo pochi anni dalla loro elezione ne sanno quanto ed anche di più dei loro colleghi attaccati alle poltrone. Sarebbe utile che alla fine delle due legislature gli attuali portavoce offrissero le loro conoscenze attraverso validi consigli a chi li sostituirà.

Maria P., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau 11.03.17 10:20| 
 |
Rispondi al commento

O.T. candidata sindaca M5s a Monza scelta con 20 voti

Doride Falduto, avvocata di 37 anni, sarà il volto che correrà alle prossime amministrative della città lombarda (122 723 abitanti). Dietro di lei si è classificato Danilo Giovanni Sindoni con 17 voti, in una votazione che ha visto 66 partecipanti in totale.

Evidentemente qualcosa nella partecipazione democratica del movimento non funziona.

mario 11.03.17 10:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La regola dei due mandati è triste sacrosanta, ma, per mettere d'accordo molti degli obiettori, basterebbe aggiungere la parolina magica "completi", cioè se una legislatura va ad elezioni anticipate questa non vale come mandato completo.


Meno male questo chiarimento ci voleva proprio !

Augusto Giuseppe Merletti 11.03.17 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Il portavoce 5stelle deve deve bruciare per gli ideali del movimento.
Il portavoce 5 stelle è coscente del fatto che se entra in politica deve farlo per difendere il PAESE DAI LADRONI, deve essere l`anticorpo per arginare il FURTO CON SCASSO!!!!

Vedi debito pubblico 2300 000 000 000,
http://www.nationaldebtclocks.org/debtclock/italy

questo perché il popolo non ha avuto le proprie sentinelle ed ora la cassaforte è vuota!!

Il regalo di benvenuto ad ogni bambino che nasce in Italia e di un debito pari a 38 300 euri a cranio.

L`Italiota ha sempre il vizio di perdere di vista gli obbiettivi principali, e sopratutto soffre di amnesia.... poi si lamenta che va con le pezze sul cxlo...ha ha ha ha ha

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 11.03.17 08:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo me per avere un ricambio di qualità servono tre mandati.

domenico policastro, san gregorio magno Commentatore certificato 11.03.17 08:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Assolutamente in disaccordo .
Elementi di spessore non possono essere liquidati dopo 2 candidature sarebbe deleterio per il movimento anche se e' chiara l utopia di una partecipazione popolare in continua evoluzione ,bella la regola ma credo controproducente e rischiosa .

Renato pistoia 11.03.17 08:20| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo che la regola dei due mandati non va assolutamente toccata, è il principio base del M5S e molti elettori si sono avvicinati al movimento proprio per questa regola, soprattutto gli anziani.
Vanno riviste invece, a mio parere, le regole stabilite per le politiche del 2013 che prevedevano che si potesse candidare colui già candidato precedentemente alle amministrative o regionali. Bene, ci sono coloro che si candidano continuamente senza mai essere eletti e che tra una candidatura e l'altra non si attivano per il loro territorio ma hanno come obiettivo solo il raggiungimento della poltrona.
Bisogna anche considerare che molto spesso per le amministrative ci sono i candidati "riempi-lista" e pertanto questa regola non è la migliore, a mio parere, per la scelta di un candidato che siederà in Parlamento.
Forse questo è stato uno dei motivi per cui molti nostri parlamentari hanno effettuato "il salto della quaglia" in questo mandato.
Dovremmo imparare dai nostri errori.

Loredana Fasano 11.03.17 08:18| 
 |
Rispondi al commento

Domanda per lo Staff o per chi è in grado di rispondere: i mandati devono essere pieni, oppure anche un mandato di pochi mesi o pochi anni, interrotto per nuove elezioni comunali, è considerato mandato pieno ? Potrebbe succedere che un eletto del M5S come Consigliere comunale, decada dopo che il Sindaco viene arrestato (vedi comune di Marino): in questo caso una regola rigida dei due mandati penalizzerebbe certamente il nostro Consigliere. Forse sarebbe il caso di modulare meglio questa regola, assolutamente giusta nell'enunciato di base, ma bisognosa di chiarimenti. Grazie

michele testa 11.03.17 07:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA SCELTA DEI CANDIDATI DEL M5S PIÙ PENSATORI MENO URLATORI...

Studiare le modalità di selezione la classe politica è essenziale anche per capire quali sono gli incentivi che spingono un cittadino preparato culturalmente ad entrare in politica.
Scegliere candidati competenti è cruciale, anche se è difficile selezionare i “migliori” ma è indispensabile per avere la nuova classe politica meno urlatori da campagna elettorale ma più pensatori.

Perciò M5S deve creare le condizioni perché i cittadini delusi dai partiti tradizionali si avvicinano alla politica, deve essere aperto al confronto e alle nuove idee e la selezione di chi è capace di fare analisi e proposte avviene in modo automatico, ma le condizioni che ciò avvenga è compito del M5S.

ITALIA E' IN MANO AI CATTIVI AMMINISTRATORI....


LA SCELTA DEI CANDIDATI DEL M5S MENO URLATORI PIÙ PENSATORI...

Studiare le modalità di selezione la classe politica è essenziale anche per capire quali sono gli incentivi che spingono un cittadino preparato culturalmente a entrare in politica.
Scegliere candidati competenti è cruciale, anche se è difficile selezionare i “migliori” ma è indispensabile per avere la nuova classe politica meno urlatori da campagna elettorale ma più pensatori.

Perciò M5S deve creare le condizioni perché i cittadini delusi dai partiti tradizionali si avvicinano alla politica, deve essere aperto al confronto e alle nuove idee e la selezione di chi è capace di fare analisi e proposte avviene in modo automatico, ma le condizioni che ciò avvenga è compito del M5S.

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 11.03.17 05:04| 
 |
Rispondi al commento

IO SONO 5S

ADDENDUM:
Tutti i "nuovi" sono a rischio TRADIMENTO.
Vedi recente passato.
Mentre i "vecchi" sono tendenzialmente dei "FEDELISSIMI".
E comunque, anche con il VINCOLO di MANDATO,
rischiamo di avere dei "nuovi" 5S con il
MAL DI PANCIA. Molto pericolosi.
Della serie: I FRANCHI TIRATORI.

Giovanni M., Cambiago Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 11.03.17 00:17| 
 |
Rispondi al commento

Un'altra regola semplice e importante e'
Art.1 comma e),astenersi da comportamenti suscettibili di pregiudicare l'immagine o l'azione politica del m5s o
o di AVVANTAGGIARE ALTRI PARTITI..
bene questa regola oggi 10/3/17
In Valle D'Aosta dal consigliere regionale del m5s
Cognetta Roberto a mio parere e' stata violata,votando la fiducia a un nuovo governo,assieme a molti consiglieri che hanno tradito il proprio mandato elettorale e insediato pure un'assessore, condannato in 2 grado ...aspettiamo un Intervento perche ' le regole si applichino a tutte le latitudini e a tutti gli eletti m5s...grazie

gabriele.minuz 11.03.17 00:03| 
 |
Rispondi al commento

Giusto e perfectto
E per questo Che 5 s e differente dei altri partiti.

Paolo manfrom 10.03.17 23:47| 
 |
Rispondi al commento

È uno dei motivi principali per cui ho scelto M5S

Marco Spagnoli 10.03.17 22:14| 
 |
Rispondi al commento

l'unico grande dispiacere è quello di non vedere i volti dei nostri cari fratelli eletti 5 Stelle che tutti i giorni combattono questa giusta battaglia.

Giovanni F. Commentatore certificato 10.03.17 21:59| 
 |
Rispondi al commento

LE REGOLE SONO REGOLE, PUNTO!

Coloro che non sono d`accordo dovrebbero arruolarsi nel PD-FI-lega...

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 10.03.17 21:31| 
 |
Rispondi al commento

vorrei mettere in evidenza la disparità di trattamento tra un consigliere di opposizione del m5s e un sindaco o un onorevole sempre del m5s. ovviamente chi si fa 10 anni da onorevole puo' tranquillamente tornare a fare il proprio lavoro; chi si è dedicato anima e corpo a contrastare lo strapotere dell'amministrazione al potere da consigliere di opposizione con pochi euro al mese deve dopo 10 anni lasciare tutto e tornare a fare il proprio lavoro! ...? qualcosa stride! penso che si debba fare tesoro dell'esperienza maturata sul campo da questi "operai" e far tesoro della loro esperienza creando una specie di area di esperti che ricevono per tot anni un aiuto, magari con i soldi restituiti dagli onorevoli. in questo modo si continuerebbe a sfruttare la capacità propositiva dell'attivista senza rischiare di perderla per defezione o altri motivi.

nunzio coscarelli 10.03.17 21:14| 
 |
Rispondi al commento

Questa è la regola piu bella del movimento.
Chi solo pensa di non condividerla non ha capito cos'è il Movimento.
Non fate i pizzarottini...

Maurizio Dati Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 10.03.17 21:07| 
 |
Rispondi al commento

Penso che la soluzione è la semplice legge elettorale che il movimento dovrà proporre
in ogni sede e mi riferisco alla PREFERENZA UNICA.
Vado a votare e scelgo un rappresentante.
Gli attuali parlamentari verranno confermati dai cittadini.
Chi non è piaciuto non verrà riconfermato.

Sergio S., Pogliano Milanese Commentatore certificato 10.03.17 21:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

All'amico Antonio M. Vinci ,

Le vs. deduzioni teoriche non mi convincono e la Storia mi da ragione .
L’idea che si ottenga un governo che dipenda direttamente dal "Popolo " ( bue) tramite Internet , è un’idea semplicemente delirante .
Chi dice questo non sa NULLA ( o fa finta di non saperlo )di come "funziona " la politica .
Lascia perdere ....

Lino Viotti Commentatore certificato 10.03.17 19:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nessuna regola è assoluta ma mi pare che il limite dei due mandati abbia senso e NON esiste per fare un dispetto agli assessori dei piccoli comuni ma per evitare le attuali concentrazioni di potere immutabile che tutti i commentatori sembrano non vedere:
quando ci accorgeremo che tale problema sarà risolto allora potremo tranquillamente rimuovere il vincolo di mandato, farlo prima sarebbe un grossolano errore.

Vero che l'esperienza è utile ma un buon parlamentare deve scegliersi collaboratori quindi nulla vieta di scegliere proprio ex politici esperti (dopo il parlamento è possibile partecipare alla politica senza carica elettiva).

Io capisco che nei piccoli comuni non si riesca quasi a fare la lista e che rinunciare ai pochi già eletti 2 volte significa non trovare persone ma aggiungere un'eccezione per le "piccole" cariche elettive è un pericoloso precedente e francamente non giustificabile poiché creerebbe 2 pesi e 2 misure.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 10.03.17 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Condivido il principio che le regole non si cambiano, questo assunto rende forte l'idea che tutti i cittadini siano capaci di rappresentarsi nella società, e che ognuno di essi possa per un periodo limitato, e come servizio alla collettività, esserne portavoce nelle istituzioni.
Avanti per la strada tracciata, i ripensamenti sono un lusso che non ci possiamo permettere, sopratutto se ispirati da una informazione corrotta e in necrosi.

antonio curreli 10.03.17 19:07| 
 |
Rispondi al commento

La regola dei due mandati, così com'è, sarà l'arma più potente mai messa in mano ai nostri avversari, anche più della Raggi e di Davide Casaleggio, capo per eredità genetica e patrimoniale.
La minaccia di rimandare l'Italia alle urne sarà la loro arma per eliminare gli avversari migliori e il ricatto per comperarsi i peggiori.

max p., verona Commentatore certificato 10.03.17 18:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CHE SCHIFO..... ho pubblicato alcuni commenti critici sui temi del blog...... non violenti, non offensivi, non razzisti....solamente critici..... e mi trovo CENSURATO nei messaggi già pubblicati e INTERDETTO da ogni ulteriore pubblicazione con quell'indirizzo mail..... CHE SCHIFO....... alla faccia dell'uno vale uno..... e immagino se doveste governare..... CHE SCHIFO


invito a riflettere bene su questa regola, la politica è un'arte difficile, ci vuole anche esperienza e molte conoscenze dell'apparato dello stato. Visto come è ridotta l'Italia ci vorranno 30anni di governo 5* per rimetterla in piedi. Questo primo mandato serve per prendere il potere, i ns. ragazzi hanno fatto un lavoro straordinario da apripista, vedrei di buon occhio il 3 mandato per i ministeri + delicati.


Concordo in pieno con Beppe. La regola dei due mandati non si tocca. I portavoce eletti avranno interesse ad operare per il bene comune perché sanno di dovere ritornare fra il popolo, avendo la certezza di non rimanere nelle istituzioni a nome del movimento per più di due mandati. Inoltre, nello stesso modo in cui la rete ha espresso persone capaci nel 2013, così sarà in grado di esprimerne altre durante le future elezioni. Importante, sarà, riuscire a trasmettere l'esperienza acquisita ai nuovi portavoce. E sappiate che ci saranno nuovi Dibba e Di Maio, abbiate fede nei cittadini onesti e di buona volontà.

Eduardo Marchese, Roma Commentatore certificato 10.03.17 18:20| 
 |
Rispondi al commento

IO SONO 5S

LA RELATIVITA' (di Einstein)

"Ogni volta che deroghi ad una regola
praticamente la cancelli"

Premetto per similitudine.
Einstein aggiunse una DEROGA alle LEGGI della
FISICA CLASSICA. Senza assolutamente CANCELLARLA.
La RELATIVITA' e frutto del PERFEZIONAMENTO
delle LEGGI di NEWTON.
Le UNITA' di MISURA, da NEWTON ad EINSTEIN
sono le stesse. INVARIATE.
E'EVOLUZIONE, e non RIVOLUZIONE delle IDEE.
Tutte le LEGGI di Einstein si rifanno
alla FISICA CLASSICA e alle sue LEGGI.
L'unica RIVOLUZIONE di Einstein si
ritrova in un POSTULATO.
La VELOCITA' DELLA LUCE è FINITA,
e non INFINITA come CREDEVA NEWTON.
Come dire che
l'IDEA ASSOLUTA è figlia dell'IGNORANZA.
Non evolve. Non MIGLIORA.
Si ferma e non va OLTRE.
Io propongo per questa LEGGE, un EVOLUZIONE.
In DEMOCRAZIA è il POPOLO che DECIDE ?
SI' o NO ?
Se SI', allora date al POPOLO 5S la scelta:
(R)innovare la FIDUCIA.
La scelta agli ISCRITTI. In caso contrario
"avete" scritto i "10 COMANDAMENTI".
Assolutismi, infiniti. Cioè DOGMI.


PS:
Evitiamo che l'IGNORANZA,
si TRASFORMI, per EVOLUZIONE
in DEFICIENZA.Sopratutto perché un giorno,
sicuramente, andremo
OLTRE ad EINSTEIN.

PS: Anche io, non voglio "professionisti" della
POLITICA.E capisco le INTENZIONI. Ma desidero gente CONOSCIUTA,
PREPARATA, ALLENATA. In questa DEMOCRAZIA RAPPRESENTATIVA,
il M5S ha generato INDIVIDUI POLITICI che nel TEMPO hanno
dimostrato OTTIME CAPACITA'. E NON.
Domani , con la vostra FORMULA, mi ritroverò gente SCONOSCIUTA
a cui dare il mio VOTO. Scusate, ma La POLITICA
non dovrebbe essere una ROULETTE.
Un GIOCO D'AZZARDO.
Dove è la MERITOCRAZIA in tutto questo ?
Comunque, esiste solo un modo per evitare
il PROBLEMA: DEMOCRAZIA DIRETTA.
VOTARE IDEE. E non IDOLI.

PS:LA MIA POSIZIONE ? Senza la RELATIVITA', il NAVIGATORE SATELLITARE
mi dice di essere una MUCCA, che pascola e RUMINA, in mezzo ad un CAMPO.
Mentre la REALTA'che VIVO, mi dice che sto percorrendo una STRADA.
E' VERO. TUTTO è RELATIVO. ;-)


Giovanni M., Cambiago Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 10.03.17 18:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chiaro e pacifico, du mandati.
A Casaleggio padre succede er fijo a comanna' li 5 Stelle.
Poi però il nipote non po' più eredità!

Ugo Poeta 10.03.17 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è che trovare un altro Di Battista oppure un altro Di Maio è difficile.... Quando loro finiranno i due mandati con chi li sostituiamo?

antonio pec 10.03.17 17:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nei paesini è un problema trovare candidati fidati per le elezioni comunali.
La regola dovrebbe essere cambiata almeno per le cariche più "povere" (consigliere comunale, spesso di opposizione), se volete farci sopravvivere.
L'alternativa sarà perdere l'occasione di partecipare alle elezioni comunali o imbarcare chi si presenta un mese prima.
Fate voi.

gianfranco t., varazze Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.03.17 17:10| 
 |
Rispondi al commento

Norma giusta per evitare i "politici di professione" , ma equiparare la carica di consigliere comunale (salvo che nei più grandi comuni come Roma dove è retribuita) a quelle di parlamentare nazionale o europeo o consigliere comunale (da 10.000 euro in su) significa non conoscere la realtà e causare danni : infatti, da un lato non si trova nessuno che voglia candidarsi nei Comuni , mentre se in Parlamento ci devono ) e non , possono) andare solo coloro che non hanno alcuna conoscenza ed esperienza politico-amministrativa di base , tutti si sentono legittimati a candidarsi direttamente per le cariche che "contano". Mandando degli sprovveduti (e talvolta degli arrivisti semi-sconosciuti) alle massime cariche istituzionali e non riuscendo a trovare chi si candida nei consigli comunali, come già sta avvenendo in vista delle prossime elezioni. Se pensiamo che è possibile governare il Paese senza essere presenti nei territori , cioè nei Comuni (il M5S è la prima forza politica ma alle prossime amministrative si presenterà in meno del 20% dei Comuni anche medio-grandi) , pensando che basti il Blog e le apparizioni in TV , ci si accorgerà presto dell'errore compiuto

carlo c., cavarzere Commentatore certificato 10.03.17 16:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Già da tempo ho sollevato il problema ed ho visto che chi strilla gli slogan cretini del movimento senza averli mai capiti né condivisi (ma bisogna gridarli perché è politicamente corretto) in realtà è convinto che se riescono a farsi eleggere potranno andare avanti all'infinito; e ne sono felici. Resta a questo punto il dubbio sull'onestà di questa gente. Sono d'accordo che la regola dei due mandati è cretina, sarebbe meglio dieci anni, cioè un tempo prefissato. Io propongo che i vari promoter non si possano mai candidare. Cmq quando vari anni fa fecero una Costituente tale Robespierre ottenne che i membri di tale Assemblea non potessero candidarsi: molto democratico, ma così la successiva Camera si riempì di incapaci, con notevole danno. Tra qualche anno magari Grillo non ci sarà più ed invece della percentuale attuale di transfughi avremo i vari promoters trasformati in quello che sperano, cioè politici a tutti gli effetti, in chiaro e non mascherati. Ognuno ha i portavoce che merita.....

Oronzo Barberio, Mesagne (Brindisi) Commentatore certificato 10.03.17 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Forse mi è sfuggita qualche polemica in queste ultime ore (come se non ne avessimo abbastanza...!) ma chi ha messo in dubbio il vincolo dei due mandati?

Questa è una delle regole che rende il M5S affidabile.
Una regola fondante, sacrosanta!
Senza di essa il Movimento diventerebbe corruttibile come gli altri partiti e non più degno di frequentazione da parte delle persone libere.

Chi ha tentato di delegittimmare il vincolo dei due mandati non ha capito cosa è il M5S e la rivoluzione culturare che persegue!

Antonio Maria Vinci Commentatore certificato 10.03.17 16:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L’idea che si ottenga un personale di governo con, al massimo, cinque anni di partecipazione istituzionale,
per poi congedarLo dopo altri cinque anni, è un’idea semplicemente DELIRANTE!!.( bisognerebbe aumentare i mandati a 4 o 20 anni )

Una formazione puramente teorica può produrre un buon accademico (forse) ma non è sufficiente per un politico.
Neanche il governatore di una banca centrale può basarsi solo sulla sua formazione universitaria:
una preparazione teorica è necessaria, ma non basta, a meno di non avere un approccio tutto libresco ai problemi.
Poi quello che conta è la prassi:
si impara a far politica facendola.
La formazione di base serve a capire e valutare le proprie esperienze nel bene e nel male.
Un eccesso di teoria porta ad un approccio dogmatico e sterile, ma l’assenza di una formazione di base precipita poi nell’empiria più pura, che impedisce di capire quello che si sta facendo.
Dunque, la pratica è la seconda metà della mela, ugualmente necessaria quanto la prima.

Ma, ovviamente si tratta di una pratica che ha un valore se è costruita nel tempo:
nessuno “nasce imparato”
si dice nella mia città d’origine,
e la pratica politica è formativa se avviene in un periodo abbastanza lungo.

Fare 2 soli mandati e poi "ritornare " al lavoro che si faceva prima è una affermazione
di Chi arriva da Marte !!

Significa invece FARE 10 ANNI DI MILITARE!!
Chi Ti prende più !! dopo 10 anni fuori dal mondo del lavoro !!!

L’idea che si ottenga un personale di governo con, al massimo, cinque anni di partecipazione istituzionale, per poi congedarlo dopo altri cinque anni, è un’idea semplicemente delirante/demeziale !!!!!

Cari amici
ricordateVi di aver avuto successo perché avevate come pietra di paragone i cialtroni della Seconda Repubblica,
ma la gente ora vuole di più.

La classe dirigente va formata/selezionata (possibilmente dal basso se crediamo nella democrazia).


Lino Viotti Commentatore certificato 10.03.17 15:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Giusto Beppe, le regole fondanti non si possono cambiare senza snaturare il MoVimento. Mi chiedo cosa torneranno a fare quelli che erano disoccupati.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 10.03.17 15:41| 
 |
Rispondi al commento

Non mi è chiaro un particolare della regola dei due mandati e quindi pongo un quesito nella speranza di avere risposta: Se un portavoce ha già assolto i due mandati, può dopo avere incarichi quali Presidente della Repubblica, Presidente del Consiglio, Presidente Banca d'Italia, Ministro, Assessore Regionale, Assessore Comunale e/o Area Metropolitana o altro ancora per esempio C.S.M. o Corte Costituzionale che come è noto si possono assumere senza alcuna elezione politica? Grazie

Gaetano Savoca 10.03.17 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo i commenti.....
Io rispetto tutte le opinioni anche quelle diverse dalle mie, pero' mi pare di capire che c'e' molta gente che non ha ancora afferrato lo spirito, l'etica del movimento che consiste nel dare un servizio e non tutelare una professione. Noi parliamo di portavoce e non di onorevoli a lunga durata e rappresentanti del proprio elettorato.... la regola dei due mandati e' un colpo di genio di Beppe e casaleggio che garantisce e sprona all' onesta' dei comportamenti. In quanto alla formazione di persone esperte e valide costoro anche dopo i due mandati potranno trasferire la loro esperienza ai nuovi arrivati e seguita re quindi a partecipare e collborare con gli attivisti del movimento. Non credo che un di mio e un di battista non saranno ascoltati come esperti e consulenti dei nuovi gruppi....

raffaello raffaelli, arezzo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 10.03.17 15:32| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Non concordo con Grillo e con questa norma suicida. Il limite dei due mandati è una regola sciocca perchè non prende totalmente in considerazione la differenza tra un mandato in un piccolo comune (ricordo che è SENZA indennità e si fa nei ritagli di tempo come un volontariato) da un mandato, per esempio, parlamentare. Inoltre non consente ai candidati di "farsi le ossa" con cariche minori (e spesso non retribuite) che però sono utili a crescere e migliorare. Infine non tiene per nulla in considerazione la realtà italiana dove elezioni a raffica sono sempre possibili, a maggior ragione ora che avremo un bel proporzionale. E non voler modificare una regola "a prescindere" è un comportamento ottuso. Meditate.

Frank Ippolito (@spartacus_m5s), francesco.ippolito.mi@gmail.com Commentatore certificato 10.03.17 15:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusa Beppe, con tutto l'affetto che ti voglio, ti faccio notare che fra i valori fondanti dell'amato M5S c'è anche la PARTECIPAZIONE e la TRASPARENZA valori che a Roma sono andati a ramengo


le regole non sono comandamenti inviolabili , possono essere riscritte in base alle nuove esperienze e necessità , nel caso generale dei due mandati sono d'accordo ma potrebbero esserci delle eccezioni se il rappresentante sia stato meritevole ed abbia dato un contributo notevole alla crescita , per cui si potrebbe estendere per un terzo ed ultimo mandato in base ad una votazione degli iscritti con una soglia minima di preferenze

angelo miccinilli Commentatore certificato 10.03.17 15:10| 
 |
Rispondi al commento

La regola dei due mandati è un modello di civiltà politica, per cui il M5S rappresenta la vera e rivoluzionaria novità nel panorama politico italiano. Guai a chi s'illudesse di poter vivere di politica in eterno, sulle spalle del M5S: subirebbe una cocente delusione. Due mandati e poi a casa per sempre.

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 10.03.17 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Due mandati per ogni carica elettiva. Siamo un movimento, facciamo politica come servizio civile, non come professione. Questa è la forza del Movimento. Poi si torna ad essere un semplice cittadino, (rimanendo un attivista politico), perché nessuno possa abusare del potere. Questa è una salvaguardia geniale!
Chi pensa di cambiare una regola così semplice e geniale ha dimenticato da dove viene e non sa dove va.

massimo m., Roma Commentatore certificato 10.03.17 14:44| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe mi sta bene tutto ma la regola dei due mandati proprio no. Non potete permettervi di perdere gente come quella che avete ora a livello nazionale. Sono difficili da trovare ,sono amati dal popolo e non vi tradiranno mai neanche quando avranno le mani in pasta . Un caro saluto, Maurizio.


Il vincolo dei due mandati è sacrosanto. Impedisce ai portavoce di entrare nella mentalità, di avere tutta la vita davanti per raggiungere gli obiettivi prefissati. L'unica riflessione è, se invecepossa essere utile stabilire il tempo che vale per due mandati regolari, e cioè 10 anni. Proprio per evitare la possibilità che persone molto valide e molto motivate si bruciano in pochissimi anni a causa di legislature brevi. Si evita anche la possibilità di non fare saltare un governo per garantirsi la poltrona (siamo umani e per quanto idealmente lo rifiutiamo ci può stare)o di accontentarsi di ottenere solo briciole... nel senso ''meglio poco che niente''.

Giuseppina Dalla Mariga 10.03.17 14:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una regola è pur sempre una regola, ammettiamo che di battista completi i due mandati. In tal caso se i mandati sono stati soddisfacenti per la maggioranza dei 5stelle cosa si dovrebbe fare senza calpestare le regole?
Fermo restando che le regole non si cambiano se non in casi eccezionali, una volta che dibattista venisse votato dal 70% dei 5 stelle io proporrei che fosse abilitato a svolgere un terzo mandato e così via ad libitum in base ai precedenti risultati definiti da una maggioranza importnte dei 5stelle.

pietro marceddu (sarduspater4), cagliari Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 10.03.17 14:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non so quanto merito mi spetti per aver proposto tanti anni fa, su questo blog, al momento di redarre il programma del nascituro Movimento, la regola dei due mandati. Certo, prima del mio intervento, questa regola non era stata ancora inserita e lo fu il giorno dopo o giù di lì. E basta vederne gli effetti per capire quanto sia giusta: tutti i voltagabbana eletti con noi (non faccio nomi) si sono rivelati tali proprio in forza di essa. Mentre dall'altra parte, basta vedere il livello morale dei politici di professione per capire quanto a costoro (e a noi) avrebbe giovato un ritorno anticipato nella società civile.

inclemente mastengo, roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 10.03.17 14:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I fans dei famosi non si rendono conto che i vari vips che purtroppo abbiamo creato, sono assolutamente sostituibili. Vogliamo cambiare questo Stato o formare un partitone di bravi politici inamovibili? Se non capiamo che la cd. "bravura" dei nostri portavoce, e mi si perdoni il virgolettato, dipende fortemente da come i cittadini si comportano, non andremo mai da nessuna parte.

A L., roma Commentatore certificato 10.03.17 14:16| 
 |
Rispondi al commento

E ci risiamo, per eleggere i candidati alle elezioni del comune di Monza bastano 20 voti per scegliere la candidata sindaca del nostro movimento. Ma quando capirete che questo modo di procedere non ci porterà da nessuna parte? La selezione si fa per merito e per capacita'. Non per numero di clic sulla piattaforma (fossero stati 2.000 poco male, ma 20 clic è roba da far ridere a crepapelle). E poi vi lamentate che i media ci prendono in giro!!! Ma per favore, cambiate registro e comportati da persone mature.


Sono d'accordo. La politica non l'ha mai prescritta un medico come cura indispensabile, è da tempo memorabile nessuno è mai stato invocato a furor di popolo. E quando qualcuno vuole offrire i suoi servigi per lo Stato, c'è da avere forti sospetti se non addirittura paura.
Un saluto a tutti.

enrico caserza, sant'olcese (GE) Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 10.03.17 13:43| 
 |
Rispondi al commento

..d'accordo in un paese NORMALE.
ma in italia i 2 mandati potrebbero bruciarsi (assieme a dei valenti politici) in brevissimi tempi.
Forse aver messo max 10 anni ........

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 10.03.17 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Il limite di due mandati è l'unica misura contro il professionismo politico. L'esperienza acquisita dagli uscenti può non essere dispersa se verrà messa a disposizione all'interno del movimento a beneficio dei nuovi

antonino m. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 10.03.17 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Gli altri post mi hanno fatto riflettere. Ragioniamo per assurdo (speriamo) : se il PD/PDL ci mandano ad elezioni ogni 6 mesi perché dalle prossime urne esce una totale instabilità proporzionale, noi dopo il primo giro perdiamo tutti i validi e in un anno anche le riserve . Restano vivi solo e sempre Grillo e tale Davide Casaleggio, mai scelto né votato.
In America la regola dei due mandati funziona, perché un'altra regola prevede che non vi possano essere elezioni intermedie.
Platone avrebbe detto che il rispetto delle regole ha portato Socrate a bere la cicuta, ma non è detto che questo sia stato il bene per Atene

max p., verona Commentatore certificato 10.03.17 13:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Questa regola non si cambia nè esisteranno mai deroghe ad essa. "Ogni volta che deroghi ad una regola praticamente la cancelli" diceva Gianroberto."

Onore alla memoria di un piccolo grande uomo.

Se guardiamo l'intera matematica, anch'essa è fondata su pochi principi base. Così anche nella chimica: H2O, due atomi di idrogeno e uno di ossigeno danno la vita ad un intero ecosistema-pianeta. Così anche nella religione: un buon decalogo è sufficiente per tutto. Se poi vogliamo arrivare al bosone di Higgs allora basta anche una sola particella per giocare un ruolo essenziale.

Chi vuole scardinare la semplicità delle regole è colui che non ama la semplice normalità delle cose. Dove si complica poi, tutto si complica.

Aldo B. 10.03.17 13:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

gli ex Politici M5S torneanno alla Città da ottimi Cittadini, quindi ottimi Politici!!!


Concordo con i timori di Antonio B. di Lecce. Per quanto giusta nell'essenza la scelta di un vincolo legato ai mandati può essere controproducente se non autolesionista. Potrebbe essere trasformata in "due mandati o per un minimo di rappresentanza in cariche elettive pari a 8 anni"?

Marco Facchinetti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 10.03.17 13:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Rispondo al commento sottostante: Se qualcuno che si è candidato col m5s, si fa i due mandati e poi fonda un altro partito, significa che vuole diventare politico di professione, quindi mantenuto a vita dai cittadini italiani come tutti gli altri politici,dove sta allora la sua credibilità? In cosa è diverso dagli altri?Significa tradire i principi del movimento per un suo interesse personale...per questi motivi trovo inconcepibile il commento quì sotto...per non parlare delle alleanze...per quale motivo si dovrebbe farle con uno che ha sbandierato come giuste le regole del movimento finchè era all'interno, e poi si candida con un altro partito, sfruttando la popolarità che gli ha dato il m5s...e il m5s che pretende coerenza da parte dei propri esponenti, dovrebbe fare alleanze con un tipo che ha cambiato opinione una volta uscito dal movimento...ma stiamo scherzando?...

Donata Saggiorato, Vicenza Commentatore certificato 10.03.17 13:04| 
 |
Rispondi al commento

MBAH ESISTE UN GROSSO RISCHIO !! x togliersi di mezzo tutti i 5S che ormai sono noti al pubblico e seguiti in tuttaitalia (sicuramente le ns figure di riferimento), basterà votare a febbraio 2018 e poi due mesi dopo !!! et voilà non saranno più candidabili per la regola dei due mandati !!! Urge contromisura

Antonio B., Lecce Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 10.03.17 13:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

questa è una regola che non serve a niente, soprattutto per quelli che per la prima volta sono entrati in parlamento come portavoce m5s e hanno acquisito una esperienza.
riflettete: a questi abbiamo chiesto di tagliarsi lo stipendio, di rinunciare ai finanziamenti pubblici, al vitalizio e alle indennità di carica.
in più gli chiediamo di andarsene a casa dopo due mandati, quando hanno intorno a se una marea di parlamentari che resteranno al loro posto per chissà quanto.
è davvero troppo.
due mandati sono pochi, soprattutto in questa fase.
e ne pagheremo le conseguenze; vedrete quanti dei nostri verranno rieletti comunque in altre liste, portando via voti al M5S.
prendete Pizzarotti, che rivincerà a Parma per i prossimi 15 anni.
dobbiamo imparare a modulare le regole, e nel caso cambiarle, perchè applicarle rigidamente a testa bassa è sbagliato e dannoso.


Non sono molto d'accordo sui due mandati e poi a casa. Rifletto su questo: è
molto difficile trovare gente brava, preparata e con le palle; siamo sicuri
che, col tempo, non imbarcheremo flotte di incompetenti?
E poi io un movimento senza Di Maio, Di Battista, Taverna, Lezzi, etc......non riesco ad immaginarmelo.
Capisco che con i soli due mandati non si rischierebbe di modificare il DNA, ma noi abbiamo le regole: finché ti adopererai per realizzare il programma per il bene comune sarai un 5stelle, altrimenti 2 calci nel
sedere e via. Questo è solo il mio pensiero. Massima fiducia al Movimento 5 Stelle.

Pedro Parrella Commentatore certificato 10.03.17 12:59| 
 |
Rispondi al commento

come principio generale e sacrosanto !! MA.... c'è un grosso e doloroso ma... Non si puo' ricominciare ogni due legislature a far passare del tempo prezioso xè i nuovi 900 parlamentari si formino la cultura politica, studino regolamenti etc... (QUINDI SERVE SCUOLA PREPARATORIA !!!).
E poi,... nessuno ha pensato che in caso di elezioni ravvicinate..(pensate in spagna a quando si è votato tante volte in sei mesi xè non si riusciva a formare un governo, cosa che succederà anche in Italia con le elezioni del 2018!) M5S resterà spiazzato e con il cerino in mano !?

Antonio B., Lecce Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 10.03.17 12:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La cosa che mi perplime non è la regola dei mandati in se ma la formazione di chi subentra. Per intenderci gli attuali parlamentari dei 5 stelle o comunque "politici" a tutti i livelli dei 5 stelle fanno esperienza durante il corso della loro attività e migliorano le loro competenze. Quando subentrano i nuovi non c'è il rischio che i nuovi debbano fare esperienza nuovamente? non sarebbe il caso di FORMARE affiancare chi vuole subentrare dopo gli attuali in carica? Altrimenti si ripete come un circolo vizioso la fase iniziale di inesperienza.

Emiliano Micheli 10.03.17 12:49| 
 |
Rispondi al commento

Mi sta benissimo che non si operi alcuna deroga. Sembrerebbe un'autocastrazione ma potrebbe non essere così. Infatti - poichè sarebbe delittuoso perdere la grande esperienza acquisita e il talento dei nostri attuali rappresentanti in Parlamento - chi dei nostri eroici ragazzi volesse continuare a fare la politica del Movimento potrebbe continuare a farla creando un nuovo Partito o Movimento stesso. Aumentando così in modo considerevole la presenza in Parlamento di persone con "forma mentis" a 5 Stelle. Una nuova presenza che potrebbe servirci, in questo caso, anche per le eventuali alleanze fino ad oggi inconcepibili e incompatibili col nostro DNA. Insomma fare quello che in modo indecente e vergognoso hanno fatto FI con NCD e ALA e il PD con il DP e tutte gli altri farlocchi Partiti pseudo- sinistrorsi. Chi di spada ferisce di spada perisce.

Clark R., Palermo Commentatore certificato 10.03.17 12:45| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe; GRAZIE!!!

Paolo Garilli 10.03.17 12:42| 
 |
Rispondi al commento

Concordo .

Il M5S lo intendo come una membrana semipermeabile che permette al comune cittadino di passare da fuori a dentro le istituzioni , ed al politico di percorrere la strada inversa .

Perchè semipermeabile ? Perchè la "membrana M5S" impedisce ai disonesti di passare all'interno delle istituzioni .

A riveder le stelle .

Gianfranco

ps : se per i giornalisti vigesse la regola delle "2 cazzate" , molti di loro non andrebbero oltre Nome Cognome .

Gianfranco 10.03.17 12:23| 
 |
Rispondi al commento

Totalmente d'accordo !!!

Monica C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 10.03.17 12:19| 
 |
Rispondi al commento

Vedo, caro Beppe, che hai letto subito il mio commento e mi hai risposto, sia pure indirettamente.
Prendo atto che il Movimento è destinato al suicidio politico per la scriteriata e scellerata regola dei due mandati che, è sì giusta in sé, solo non è attuabile ora prima che sia stata cambiata la mentalità e la cultura degli italiani sul modo di fare politica. Il problema è che siamo ancora molto lontani dal raggiungimento di questo risultato. Ma non ci senti su questo argomento. Peccato. E' stato un bel sogno. Scusa ma qui dimostri di essere poco lungimirante, qualità che invece ti ha quasi sempre contraddistinto. Cordialmente.

Achille N., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 10.03.17 12:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

due mandati 'elettivi' pare tratto da un testo dei dorotei. Vuol dire che Ministri, sottosegretari, assessori e dirigenti di Stato invece potranno invece restare in carica finché saranno graditi al 'garante'?

ivo mej 10.03.17 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Orgoglioso del M5S

luca Tegoni, parma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 10.03.17 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Si certo, Grillo, peccato che le deroghe sono molte e tu non ricordi neanche quanto ne hai fatte leggi un po' va' e rinfrescati la memoria:

http://www.beppegrillo.it/2011/06/il_movimento_5_4.html

Hic Rodus, hic salta.Il MoVimento 5 Stelle è figlio di un'utopia, di una politica senza intermediazioni, senza quelle sovrastrutture autoreferenziali che si chiamano "partiti". Qual è la sostanza dei partiti? L'organizzazione in correnti, le strutture fisiche, i riferimenti territoriali, i pacchetti di voti, le assemblee nazionali, regionali, provinciali che propongono le liste degli eletti, che prendono decisioni per i cittadini, i leader e i leaderini, il finanziamento pubblico. Organizzazioni da antiquariato politico. Il MoVimento 5 Stelle vuole abbattere ogni barriera tra cittadino e politico, tra eletto e elettore. Il "Non Statuto" lo spiega nell'articolo 4. "Il MoVimento 5 Stelle non è un partito politico né si intende che lo diventi in futuro. Esso vuole essere testimone della possibilità di realizzare un efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico al di fuori di legami associativi e partitici e senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi, riconoscendo alla totalità degli utenti della Rete il ruolo di governo ed indirizzo normalmente attribuito a pochi". Nel MoVimento c'è un solo e unico riferimento: il cittadino. Nessuno sopra di lui, nessuno sotto di lui. La peste dei cosidetti "quadri intermedi", capi e capetti, capopanza e ballerine di prima fila sempre pronti per visibilità personale a farsi intervistare ...continua nel link

Pierpaolo Menduni 10.03.17 11:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ottima la regola dei due mandati, però si dovrebbe anche inserire nelle nostre regole il vincolo di mandato nel senso che chi viene eletto è non è più in linea con gli scopi del Movimento non può cambiare o formare un gruppo parlamentare, ma dimettersi.
Ci sono parlamentari che hanno fatto il salto della quaglia, ed altri che addirittura hanno formato un nuovo partito, sono in parlamento, e nessuno ha votato quel partito (e non vengano a dire che loro sono stati eletti, non è vero, è il partito che ha preso i voti, e loro erano nei primo posti in base a quanto erano consumate le papille gustative).

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 10.03.17 11:41| 
 |
Rispondi al commento

dovrebbe valere per tutti non solo per il M5S.

Pensate a individui come Casini, Gasparri, Bersani ecc... eletti nella massime istituzioni dello Stato da 20 30 anni ed oltre senza mai aver apportato nulla di buono per la nazione Italia, ma percepito emolumenti, indennizzi, prebende, maturato vitalizi ecc... per cifre di milioni di euro.
Per quale motivo logico e razionale dovremmo pagare con i nostri soldi persone che non producono nulla di buono, ma devastano l'Italia e continuano a devastarla?

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 10.03.17 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Mi par poco e chiaro.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 10.03.17 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Una volta c'era la sospensione se indagati...

Il Guerriero (ex il gladiatore) Commentatore certificato 10.03.17 11:30| 
 |
Rispondi al commento

perfetto!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 10.03.17 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Le vogliamo rimettere in fila le regole?
Così le ripassiamo un po' tutti e vediamo se ce le ricordiamo tutti tutte.
E magari le lasciamo scritte da qualche parte, visibili e sempre a disposizione

Sul doppio mandato, concordo al 100%

max p., verona Commentatore certificato 10.03.17 11:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori