Il Blog delle Stelle
Imprese, Governo glissa su obbligo etichetta Made in Italy

Imprese, Governo glissa su obbligo etichetta Made in Italy

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 13

di MoVimento 5 Stelle

Il Governo glissa sull'obbligo di indicare l'origine dei prodotti in etichetta omettendo di dire quali azioni concrete intenda adottare, anche nelle opportune sedi Ue, e limitandosi a ripercorrere la cronistoria dell'impegno dell'Italia in Europa, ad oggi fallimentare nonostante nel 2014 durante il Governo Renzi l'Italia abbia avuto la presidenza del Consiglio 'Competitività' conclusasi con un nulla di fatto.

Di fatto il ministro Calenda non ci ha detto come vuole agire. Già tre settimane fa avevo proposto di convocare a Roma gli 'Stati Generali del Made in' invitando a Roma quei Paesi Ue che sono favorevoli al Made in obbligatorio, in modo da far pressione a Bruxelles anche attivando un'unione rafforzata come proposto da una nostra risoluzione approvata dal Governo. In particolare occorre puntare immediatamente almeno modificare il Codice doganale europeo affinché importatori e fabbricanti si facciano carico dell'etichetta obbligatoria, e ad avviare una discussione su una proposta di compromesso per introdurre almeno in via sperimentale l'etichettatura obbligatoria, per un periodo limitato di tre anni, in cinque settori manifatturieri (calzature, tessile abbigliamento, ceramica, legno arredo e oreficeria), ovvero quei comparti che trarrebbero più vantaggi dall'introduzione del 'made in' obbligatorio. Chiediamo che su questo tema il Governo intervenga prima della fine della Legislatura perché ne va del futuro delle nostre imprese.



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

14 Nov 2017, 17:05 | Scrivi | Commenti (13) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 13


Tags: contraffazione, m5s, made in italy

Commenti

 

Il candidato pentastellato alle regionali siciliane, La Gaipa, arrestato, è sotto tiro dagli attivisti.
Si, si è macchiato, forse.
Ma a me un po' fa pena.
In quelle province, la camera dell'albergo costa meno di Roma o Cremona, e la qualità per l'ospite deve essere uguale, anzi, in Sicilia si mangia meglio che a Cremona! E spesso, ho sentito, c'è una imposta da pagare per essere tranquilli.
Dove si può risparmiare?
E' semplice, per un disoccupato che spera che lo stato gli dia soldi, e non ha rischi, additare.
Forse se era in Danimarca, dove le tasse sono addirittura più alte, La Gaipa pagava, perchè quasi tutti i danesi pagano, inverso dei siciliani.
Forse è meglio candidare solo chi non ha mai fatto qualcosa.
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 14.11.17 22:08| 
 |
Rispondi al commento

Il post è bello, ma la foto no.
...o forse non sapete che la Campania è la regina delle contraffazioni, dalle borse ai bolli, sino ai pantaloni...
I vari TG, ogni giorno ci informano che in Campania è successo qualcosa, sempre, e è nelle cronache dell'Italia. Pertanto il prodotto falso fatto in Campania, è più che legittimo mede in Italy.
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 14.11.17 21:46| 
 |
Rispondi al commento

ma guardate che il concetto del "made in Italy" era già stato superato da un po' di anni a mano di uno degli ultimi governi Berlusconi: praticamente per poter metterci la tanto ambita etichetta basta che "almeno una fase del processo di produzione avvenga in Italia". Cioè se io faccio produrre le scarpe all'estero e poi ci metto solo i lacci in Italia il prodotto diventa un MADE IN ITALY! Correggetemi se sbaglio. Per cui se è così di cosa state discutendo? Non fatevi prendere in giro!

antonio g 14.11.17 20:06| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera
L'Unione Europea lancia l'input di GENERALIZZARE e il caro governo attuale risponde: SIGNORSI'
VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA...

sebastiano b., catania Commentatore certificato 14.11.17 17:52| 
 |
Rispondi al commento

L'Unione Eurocratica, si sa, è germanocentrica.
Ai paesi esportatori, come la Germania, non conviene che i loro prodotti vengano troppo riconosciuti, perché i consumatori dei paesi in deficit di bilancia dei pagamenti, come l'Italia, potrebbero prima o poi decidere di boicottare le importazioni.
Io stesso quando posso, preferisco comperare prodotti italiani. Inoltre, soprattutto nel settore agroalimentare, l'italiano preferisce i prodotti locali. Ecco la necessità, per i massoni dell'oligarchia eurocratica, di eliminare il marchio di origine. Non è una novità di oggi, o di questi mesi; la cosa è in progetto da diversi anni.
Fuori dall'Unione Europea il più presto possibile.
Il Movimento Cinque Stelle deve avere il coraggio di parlare di Italexit.

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 14.11.17 17:05| 
 |
Rispondi al commento

IMPRESE, GOVERNO GLISSA SU OBBLIGO ETICHETTA MADE IN ITALY.

Non deve essere un Post di riempimento questo, il Made in Italy potrebbe essere davvero il nostro rilancio, ma il Made in Italy vero, non quello che, "basta un solo passaggio produttivo in Italia" per essere marchiato Made in.

Vogliamo rilanciare i nostri prodotti?

Allora investiamo sul prodotto fatto "interamente" in Italia, quello che ha il sapore di un vero prodotto italiano, quello che il mondo ama, non uno schifo fatto in giro per il mondo o con prodotti da chi sa quale parte!

Però in tutto questo c'è da capire una cosa, per il "vero" Made in Italy, c'è da spendere, e questo non tutti gli italiani possono permetterselo, come il "Bio", bio un caxxo, pe' magnà bio ce devi avè li sòrdi!

Come pe' fatte l'impianto Fotovoltaico da solo, pe' prima cosa ce lo devi avè un tetto!

Mo ve regalo un pensiero:

NON È DIFFICILE FARE UN PRODOTTO ECCELLENTE, IL DIFFICILE È VENDERLO!

Mo ve ne regalo n'altro:

VENDIAMO AL MONDO LE NOSTRE ECCELLENZE.

Se in Italia non tutti hanno la possibilità di comprare un buon prodotto, a chi lo provi a vende?

Ecco, la nostra politica a quello dovrebbe pensare, prima a "imporre" il "100% Made in Italy", poi a creare una rete di vendita in tutti i paesi del mondo.

I turisti che passano da mio negozio, la prima cosa che chiedono è:

Scarpe italiane?

Vendo scarpe, e vendo scarpe italiane fatte all'estero, o con passaggi produttivi dove la mano d'opera costa meno.

In 15'anni ho visto aziende storiche chiuse o smembrate, ho visto invadere il mercato da prodotti fatti a caxxo e con materiali da schifo, magari con un "marchietto" ben pubblicizzato, ho visto sparire la mano dell'artigianato italiano dalle scarpe.

Le scarpe sono un'eccellenza italiana nel mondo.

VENDO SCARPE, MA PENSIERI E IDEE LI REGALO.

Arrivederci e grazie, graziella e grazie ar...

Nando da Roma

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 14.11.17 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Ovvio. Così i cinesi gongolano... Traditori. E questi erano gli "innovatori" che avevano "inventato" l'euro per "contrastare l'avanzata delle economie orientali"...

Biagio C. Commentatore certificato 14.11.17 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Il problema non è inventare l'acqua calda (l'etichetta) ma controllare che effettivamente sia cosi !

Rocco 14.11.17 14:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PENSATE AD UNA DISTRAZIONE O ALLA PRESSIONE DI TUTTI i commercianti che "nel dubbio" hanno un mercato più lucroso. SIAMO IN BOCCA ALLE IENE......quelle che te se magnano e non quelle che vanno scovando le cose storte !

terenzio eleuteri Commentatore certificato 14.11.17 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Aggiugerei il made in Italy ai prodotti ALIMENTARI...NE ABBIAMO DA VENDERE. nell'articolo non é menzionato

antonella grazia meriello, cellamare Commentatore certificato 14.11.17 12:31| 
 |
Rispondi al commento

semplicemente questo "non puo'" accadere, è una posizione totalmente inaccettabile e merita una divulgazione molto piu' ampia di questo post

umberto maggetti 14.11.17 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Ancora una volta i politici del governo italiano ci hanno raccontato delle "balle"?

Credo che si potrebbe fare una etichetta del made dei "prodotti" di origine italiana, garantiti e sicuri, con le foto dei ministri Calenda e Martina.

BEPPE

giuseppe belotti, ranica -bg- Commentatore certificato 14.11.17 11:47| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori