Il Blog delle Stelle
Il #ProgrammaFisco del MoVimento 5 Stelle

Il #ProgrammaFisco del MoVimento 5 Stelle

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 47


di MoVimento 5 Stelle

Oggi iniziamo a discutere il Programma Fisco del MoVimento 5 Stelle, la prossima settimana si terrà la votazione. I cittadini, davanti al fisco, hanno indubbiamente dei disagi. La pressione fiscale è eccessiva, sulle imprese, sulle famiglie, e tutto il rapporto con il fisco è molto complesso. Occorrono una serie di norme che rendano più snello, equo e sostenibile il fisco in Italia. È per questo che il Movimento 5 Stelle chiede di esprimervi su dei punti fondamentali che riguardano proprio la realizzazione di un alleggerimento nei confronti delle imprese, una redistribuzione dei carichi fiscali migliore e tanti altri aspetti che andiamo ad analizzare.

Uno dei temi fondamentali per tutti i cittadini è quello del rispetto dell’ambiente e quindi non si può rinunciare a utilizzare il fisco per riuscire a indurre nei cittadini dei comportamenti virtuosi affinché la tutela dell’ambiente sia effettivamente attuata. E per questo abbiamo pensato, tra le nostre proposte, quella di creare un unico contributo ambientale in sostituzione di tutte quelle misure attualmente previste che purtroppo non portano a nulla. Logicamente questo contributo unico ambientale terrà conto delle specificità del settore e del tipo di produzione.

Altri punti importanti nel nostro programma fisco che sarà in votazione, mi raccomando votate bene e con attenzione, sarà sicuramente uno snellimento della normativa fiscale e questa iper-burocrazia che va toccata, va ridotta, perché non è possibile che gli utenti siano, ancora oggi, nel momento in cui devono pagare una tassa o un’imposta, totalmente confusi. Quindi bisogna snellire le normative fiscali ed eliminare questa iper-burocrazia. Inoltre, le agenzie di riscossione, devono far sì che venga rispettato in pieno l’articolo 53 della Costituzione perché parla di giusta imposizione fiscale. Oggi, purtroppo, quello che ci segnalano gli utenti, è che spesso queste attività di riscossione causano maggiori oneri finanziari per l’utente che deve pagare le imposte e, in più, ingenerano uno stato psicologico, uno stato di paura, perché il contribuente si sente oppresso e pressato da continue lettere e minacce che non portano assolutamente a nulla se non a un grave peggioramento psicologico del contribuente che invece, probabilmente, vuole semplicemente pagare le proprie tasse.

E poi, infine, avremo il tema delle commissioni tributarie, che hanno un ruolo fondamentale nella composizione delle controversie all’interno di interessi contrapposti. Ambedue meritevoli di adeguata tutela, abbiamo da un lato lo Stato con la percezione del gettito e l’individuazione dell’imponibile inevaso, dall’altro lato abbiamo la correttezza sostanziale e procedurale del prelievo sul contribuente. Vi invitiamo a esprimervi affinché possiate indirizzare l’azione di governo del Movimento 5 Stelle, in modo tale che recuperiamo questo rapporto ormai svilito tra cittadino e istituzioni.



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

27 Giu 2017, 08:18 | Scrivi | Commenti (47) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 47


Tags: fisco, movimento 5 stelle, programma, tasse

Commenti

 

Ciao
Avviso ai miei clienti, l'indirizzo e-mail è: investissementcrediti@gmail.com

Mi ricordo che io sono il direttore della banca di credito e io do credito a chi ha bisogno di finanziamenti. Ho anche fare investimenti e prestiti tra individui di tutti i tipi. Offro prestiti a breve, medio e lungo termine. La mia offerta è compreso tra €5.000 e €10.000.000 con un tasso di interesse del 3%, e il rimborso avviene su base mensile.
Se qualsiasi momento che siete interessati, prego e chiedere di contattarmi via:
Ecco i nostri contatti whatsapp: + 33 644146852

piero fiavi, rome Commentatore certificato 02.07.17 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
Siamo l'unico prestito in collaborazione con la struttura di cibanque. Questo è per voi rassicura e chiarire non questione di fiducia ovvero sul sito, vi preghiamo di contattarci per il vostro prestiti veloci e affidabili senza documento oneri che il ladro ti chiede parlo di un altro creditore che è proprio degli individui. Siamo una banca Offriamo prestiti a livello internazionale. Con il capitale da utilizzare per fare prestiti tra singoli breve - e a lungo termine di 1000 a 5.000.000 di euro per tutte le persone serie sono davvero bisogno:
-Fornire prestiti finanziari
-Prestito immobiliare
-Investimenti prestito
-Prestito auto
-Prestito personale
Vi preghiamo di contattarci via e-mail per ulteriori dettagli
E-mail: prestitobancario2017@gmail.com

basaglie sandro155 Commentatore certificato 01.07.17 05:40| 
 |
Rispondi al commento

Con un controllo farro dalla mia banca la pressione fiscale su di me (guida turistica) fra emu tarso etc...è del 42 % alla quale si deve aggiungere il 20 % trattenuto alla fonte. Vi sembra possibile vivere in uno stato dove su 100€ che ti sudi ne devi dare €62 allo stato che in cambio non ti da assolutamente nulla se non corruzione e sperpero e debito che non fa che aumentare? Insopportabile. Tutto ciò crea una quantità di lavoro nero che è sotto gli occhi di tutti ed è assolutamente necessario per vivere. Tutti dico tutti ormai in Italia se possono lavorano in nero. E come si potrebbe vivere altrimenti. Io penso che per risolvere il problema si dovrebbe fare un drastico taglio alle aliquote ma con pene severissime per chi evade fino anche a levare le eventuali licenze e aumentare le tasse sui grossi patrimoni, tagliare tutti i privilegi passati e futuri e detestare al massimo il lavoro. Utopia? Probabilmente si

Esther ., Catania Italia Commentatore certificato 30.06.17 08:39| 
 |
Rispondi al commento

Ciao !!!!

Offerta di prestito a disposizione di chiunque sia nel bisogno , Proponiamo vari tipi di denaro con tasso d'interesse del 3% ci
concede un prestito tra le 72 ore. potete applicare tra 3.000 e 1 milioni di euro.
Per ulteriori informazioni, contattare:
aidefinancier100@gmail.com
Per ulteriori informazioni non esitate a contattarci: aidefinancier100@gmail.com

ruttha comento Commentatore certificato 29.06.17 22:33| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Ecco la mia posta "prestitobancario2017@gmail.com" Caro Signor e la
signora desiderosi di fare un prestito, con un capitale di € 28.000.000, destinare ha privati prestiti di brevi e lungo termine da 2000 a € 500.000 ha tutte persone serie, affidabile e integrate, desiderano fare un prestito. "" Il mio tasso di interesse varia dal 2% all'anno a seconda della quantità in prestito e il termine del rendimento del fondo, come essere unico e avere una banca che non voglio violare la legge sull'usura. Si può rimborsare il 5 a 15 anni al massimo a seconda della quantità di pronto. Hai bisogno di fare un prestito: finanziamenti immobiliari prestiti sono prestiti personali si registra vietato bancario e non avete il favore delle banche, o meglio, si ha un progetto e necessità di finanziamento, bisogno di soldi per pagare le bollette, fondo per investire in società. La nostra organizzazione non è una banca, e non abbiamo bisogno di un sacco di documenti. Prestito giusto e onesto e affidabile. Cordiali saluti.. Quindi, se avete bisogno di prestito

nathalia corgne Commentatore certificato 29.06.17 20:51| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno faccio il commercialista e penso che dopo anni e anni di danni riformare il sistema tributario sia un argomento di tale complessità da rendersi impossibile.
L'evasione non si cerca, continuando a cercare dove cercano ora.
Ormai per chi ha attività legali, la possibilità di fare evasione, se non quella di piccolo cabotaggio, è zero.
Ma se io pago 40 mila euro di imposta:
- perchè perdono tempo a chiedermi lo scontrino della farmacia?
- perchè mi fanno inviare 4 liquidazioni iva e altrettanti spesometri?
- perchè mi fanno indicare in unico una marea di dati che mai nessuno avrà il tempo di controllare?
- perchè il mio f24 contiene 9 codici tributo?
Ma al tempo stesso:
- perchè hanno cacciato i commercialisti dalle commissioni tributarie?
- perchè quando si immatricola una ferrari non si va IMMEDIATAMENTE a controllare il proprietario, anzichè fare il posto di blocco-buffonata in strada?
- perchè le microditte di stranieri non le controlla nessuno "perchè tanto non possiedono nulla"?
- perchè quando io ricevuto un avviso bonario di pagamento di imposta e DIMOSTRO che l'avevo pagata, non si licenzia il funzionario?
- perchè non si impone una fideiussione bancaria a chi vuole iniziare un'impresa, se negli ultimi 10 anni ha accumulato debiti fiscali non pagati?
- perchè non si dice chiaramente che un dipendente a reddito fisso EVADE l'iva quando paga in contanti il suo idraulico che così EVADE l'irpef facendogli lo sconticino?
- che fine hanno fatto le indagini ai funzionari del fisco che tagliavano le cartelle di pagamento?

I miei clienti che hanno sempre pagato regolarmente, quelli a cui ho sempre spiegato e impedito la fattura falsa, quelli a cui ho impedito di detrarre l'auto per l'amante, quelli sono ad un passo dal fallimento.
Altro che moneta elettronica....

PABLO 29.06.17 09:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PER RADDRIZZARE IL SISTEMA FISCALE IN ITALIA È NECESSARIO INTRODURRE ANCHE IL PAGAMENTO DI OGNI TRANSAZIONE ATTRAVERSO STRUMENTI ELETTRONICI E ABOLIRE LA CARTA MONETA. ALTRIMENTI NON NE USCIAMO.A MALI ESTREMI ESTREMI RIMEDI.

ennio rossi Commentatore certificato 29.06.17 07:58| 
 |
Rispondi al commento

Staff, se ci sei batti un colpo. Meglio dovresti creare un bad blog dove metterci tutti li strozzini, prestatori di soldi, facendo l'opera pia di toglierceli dalle palle. Non è tollerabile che il blog sia impestato da questa gentaglia.
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 29.06.17 00:18| 
 |
Rispondi al commento

Flat Tax
15%
il guadagno non è un crimine e tutti hanno il diritto a elevarsi economicamente, ad avere l'opportunità

maria t., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 28.06.17 20:43| 
 |
Rispondi al commento

Bisognerebbe riformare le commissioni tributarie...spesso sono composte da ex professionisti del luogo, la maggior parte impreparati e con conflitti d'interesse, e il presidente è un giudice del tribunale civile poco preparato in diritto tributario....bisognerebbe istituire giudici tributari specializzati e senza conflitti d'interesse.....se funziona la giustizia tributaria diminuisce l'evasione fiscale e di conseguenza si può ridurre la pressione fiscale.

Luigi Iamele 28.06.17 19:05| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi lo scrive?
A me piace la tassazione unica sui redditi,come propone anche la lega, 15% dai 12.000€ fino a 100.000€ .
Poi un graduale aumento fino ad un max del 20%.

Giuseppe pintaudi 28.06.17 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Comprendo i problemi burocratici che affliggono chi paga le tasse ma non sopporto la incapacità dell'agenzia delle entrate di mettere in relazione i dati desumibili dall'obbligatorio uso del codice fiscale (ad es. proprietà di immobili, auto, barche ecc.) conti e titoli bancari, per combattere l'evasione.

claudia cardellicchio 28.06.17 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Anche questo è un punto cruciale del programma di governo, perché agisce su un'area di evasione/elusione enorme e perché genera la fiducia/sfiducia nel sistema di chi si sente giustamente o ingiustamente pagatore dei servizi che riceve dallo stato. Credo non sia necessario inventare niente di straordinario, ci sono molti studi validissimi. Per esempio richiamo l'introduzione di una flat-tax di base(studio presentato dal Sole24ore) del 25% in sostituzione delle attuali imposte dirette con varie possibilità di detrazioni per preservare la progressività e soprattutto la salvaguardia dei più deboli. Un altro aspetto che trovo fondamentale è il doppio livello d'imposizione nazionale/locale, nella massima semplificazione ma restituendo autonomia di spesa/raccolta agli enti locali (soprattutto comuni). Il tema controversie lo si può normalizzare seguendo due semplici criteri: semplificazione, le norme devono essere talmente poche e talmente chiare da non necessitare di un commercialista di supporto; e tempestività, quando anche si dovesse innescare un contenzioso (come purtroppo nella giustizia ordinaria) meno tempo intercorre tra apertura e chiusura del contenzioso e più soddisfazione si ottiene da entrambe le parti. Da ultimo il tema sanzioni, 'unico criterio valido per definire le sanzioni è che non deve convenire arrivare a pagarle, cioè se l'imposizione è equa e la sanzione è gravosa quanto basta, chiunque ci pensa due volte ad assumersi il rischio di evadere. Il penale ci sta nei casi che danneggiano maggiormente la comunità.

Paolo M., milano Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 28.06.17 16:06| 
 |
Rispondi al commento

UNA SOLUZIONE C'E' ED E' MOLTO SEMPLICE, APPLICARE IL SISTEMA AMERICANO, DOVE IL SINGOLO CITTADINO PUO' SCARICARE QUALSIASI SPESA FATTA. IL CONTROLLO
IN QUESTA MANIERA VIENE FATTA DAL CONSUMATORE CHE SECONDO ME E' L'UNICO CHE PUO' CONTROLLARE TUTTO IL SISTEMA FISCALE

FRANCESCO PISTILLI 28.06.17 12:18| 
 |
Rispondi al commento

DEFISCALIZZARE IL PIÙ POSSIBILE GLI ITALIANI. ..PER LA RIPRESA. ..

ANNA TUZZOLINO, Trino Commentatore certificato 28.06.17 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Credo che nel programma l'inserimento di alcuni punti possono essere utili ai cittadini:
1. Abolizione legge fornero;
2. Abolizione bollo auto o tassa circolazione;
3. Abolizione tassa provinciale trasporti;
4. Abolizione contributi INPS per i lavoratori autonomi, lasciando loro la libera scelta sulla loro previdenza in considerazione che sono autonomi

Domenico Vanzanelli 28.06.17 10:29| 
 |
Rispondi al commento

buondi, scrivo perche' mi aspetto che il commento arrivi al gruppo di lavoro in oggetto altrimenti non serve mettere questa possibilita' di inserire note! prima di discutere come conrollare che i contribuenti paghino quannto ognuno di essi ha formalmente accettato di contribuire negli sforzi pubblici mella nostra 5 stelle proposta di gestione della economia e quindi finanza per le esigenze demandate dai singoli alle comunita', definirei come tale gestione e definizione di contribuzione dovrebbe avvenire a partire dalle Municipalita' e poi le regioni e quidi lo stato centrale e quindi i contributi per gli sforzi singolari portati a livello europa e quindi Mondiale. Annualmente i nosrti super calcolatori dovrebbero fare il bilancio dei servizi e degli eventuali nuovi progetti e quindi definire in relazioni agli utilizzanti i contributi e ricevere la accettazione via rete dai cittadini l'adesione di ognuno alla contribuzione. Per me questo dovrebbe essere definito, publicizzato e corredato degli esempi presso le munnicipaita' dove ora 5 stelle si e' insediato

giampaolo gottardo, go Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 28.06.17 09:22| 
 |
Rispondi al commento

GRANDE NOVITA' all'Agenzia delle Entrate: finalmente semplificata la vita dei contribuenti!!
Hanno cambiato denominazione al modello CUD, togliendo la D....!
(GIà che c'erano potevano sostituirla con una L!!:-)
Sono proprietario di tre miniappartamenti in Slovenia, per i quali percepisco l'affitto. Ora vi spiego come funziona il fisco sloveno: entro la fine di febbraio si comunica l'importo riscosso e loro entro aprile ti inviano il cedolino con l'importo già scritto, che tu puoi pagare in banca, anche online. Sugli affitti si paga il 22,5% inoltre una tassa patrimoniale (simile alla nostra IMU) di circa 90 € all'anno. Anche per quest'ultima fanno tutti i calcoli loro e ti mandano il cedolino a casa.
Trovo VERGOGNOSO il fatto che per poter pagare le imposte devo avvalermi di uno "specialista" che mi aiuti.
Le istruzioni per la compilazione del modello UNICO hanno CENTINAIA di pagine.
Moduli F23, F24 sempre più complicati, con misteriosi codici da inserire pena la nullità, codici oltretutto che vengono spesso cambiati, in maniera che quando il povero disgraziato li ha imparati, con il gioco delle tre carte vengono modificati!!!!
E' ora che il Movimento vada al potere per fare una bella pulizia!
Questo Stato Biscazziere e Ladro si faccia in là e la Pubblica Amministrazione faccia il proprio dovere, che è quello di aiutare i cittadini, non mettere soltanto i bastoni fra le ruote inserendo difficoltà burocratiche insormontabili sul cammino di chiunque svolga o intenda svolgere una qualunque attività.

Lorenzo B., Trieste Commentatore certificato 28.06.17 09:13| 
 |
Rispondi al commento

Riforma Fiscale: Per far riprendere il paese e portare equità, a costo zero: TASSAZIONE INVERSAMENTE PROPORZIONALE AL RISCHIO Premiare chi rischia (impresa e settori in difficoltà) penalizzando posto pubblico dirigenti pubblici privilegi.. Il rischio è un costo che se si considera, porta tutti a produrre e creare lavoro e toglie interesse e nomine di scambio in posti pubblici dai quali nessuno si licenzierebbe! si contrasta anche il sistema di nomina degli amici La valutazione del rischio e relative categorie si desume matematicamente su grandi numeri che derivano da incrocio fra CCIAA INPS INAIL.. che hanno le comunicazioni di rinuncia al posto, di pericolosità, di licenziamenti.. Tutto matematico La tassazione deve pesare sui privilegiati e l'italia deve tornare a produrre con piccole imprese elastiche duttili di qualità che offrono lavoro.. e che da sempre sostengono il paese. Il sistema estorsivo con metodi presuntivi dell ag delle entrate ha fatto chiudere migliaia di piccole imprese e artigiani - dati ufficiali - 800 miliardi di crediti inesigibili di Equitalia dimostrano l'infondatezza e la mancanza di rispetto della costituzione (art 53) - ci ha portato al fallimento e alla distruzione del paese. chi non viene colpito crede siano esagerazioni ma è tutto dimostrato. Chi comprende e non reagisce ha gravi responsabilità verso il paese Con questa rivoluzione fiscale economicamente sostenibile, matematicamente calcolabile... perderebbero tutti interesse verso le posizioni che creano corruzione di soldi e nomine, e riporterebbero interesse nell'investire in attività private con la creazione di tanti posti di lavoro. Lo studio di Luciano Dissegna è riconosciuto ma dobbiamo proporlo come M5S per realizzarlo, visto che la casta certo non vuole una equità che rende il paese più forte economicamente e culturalmente

Luisa Catellani 28.06.17 08:23| 
 |
Rispondi al commento


Aldo Masotti, Verona :
io invece sono un semplice agente di commercio (partita IVA )
da sempre il ramo economico mi appassiona..in quanto lo provo ogni giorno SUL CAMPO.

Non lo studio ma .....lo applico con azione DIRETTA,

e quando sbaglio le mie previsioni sono il PRIMO a PAGARNE le conseguenze... di tasca MIA

https://twitter.com/Eposmail/status/879929369921286144

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 28.06.17 07:25| 
 |
Rispondi al commento

Adesso mi chiamano per cena e devo interrompermi.

Il vostro orologio segna le 2.14 , il mio le 20.14.

Domani (pomeriggio tardo per voi ) se leggo domande e non insulti rispondo .

Ciao


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 28.06.17 02:19| 
 |
Rispondi al commento

QUARTA LEZIONE DI SCIENZA DELLE FIANZE PER I 4 ESTENSORI DEL POST DI ARIA FRITTA

Perche' la velocita' di circolazione della moneta e' importante .
Uso una storiella da qui:
http://www.daimon.org/hum/barzellette/barzellette_jokes_economia_economisti.htm

Un turista tedesco si ferma in un albergo greco e chiede se hanno camere libere. Alla risposta affermativa dell'albergatore, lascia 100 euro alla reception e chiede la chiave per vedere se la camera è di suo gradimento. Appena sale, l'albergatore corre a portare i 100 euro al fruttivendolo che riforniva il ristorante dell'albergo. Questi, di corsa, li porta al trasportatore, il quale, a sua volta, li porta al contadino da cui si riforniva per conto dell'albergo. Il contadino li porta ad una ragazza con la quale scopava dietro la promessa di darle i soldi appena li aveva. La ragazza corre all'albergo in cui portava i clienti, promettendo di pagare la camera appena avesse avuto i soldi. Appena i 100 euro sono di nuovo sul banco della reception, scende il turista tedesco, che si riprende i 100 euro, dicendo: "Zimmer non essere di mio kradimento !".

Cosa sarrebbe successo se la ragazza avesse trattenuto il denaro per andare dall'estetista il giorno dopo ?

PERTANTO:mentre per gli economisti la velocita' di circolazione V e' un dato irrilevante (in quanto e' il risultato di una divisione) per la scienza delle finanze e' un dato esogeno di un modello econometrico:
-cosa succederebbe se riesco ad aumentare la velocita' di circolazione della moneta del 10%
"ceteris paribus" ?

Se non sapete la risposta e' perche' non avete studiato la lezione 3 .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 28.06.17 02:12| 
 |
Rispondi al commento

TERZA LEZIONE DI SCIENZA DELLE FIANZE PER I 4 ESTENSORI DEL POST DI ARIA FRITTA

A questo punto abbiamo bisogno di un po' di basi:
1)I riferimenti :
http://it.wikipedia.org/wiki/Macroeconomia
http://it.wikipedia.org/wiki/Modello_IS-LM
http://it.wikipedia.org/wiki/Modello_AD-AS
http://it.wikipedia.org/wiki/Curva_BP
http://en.wikipedia.org/wiki/Laffer_curve
https://en.wikipedia.org/wiki/Foreign_trade_multiplier
http://it.wikipedia.org/wiki/Velocit%C3%A0_di_circolazione_della_moneta

2)Da cui : definizioni
Condizione di equilibrio:
Y = C + I + G + X – M
ma anche:
Nq= V * MM
poiche':
Y = prodotto interno lordo = Nq
e
C = consumi
I = investimenti
G = Spese dello stato
X = esportazioni
M = importazioni
V = velocita' di circolazione della moneta
MM = massa monetaria
possiamo riscrivere la funzione di equilibrio come segue:
C + I + G + (X-M) - (V*MM) = 0

Adesso esecitatevi ad aumentare o abbassare l'una o l'altra per capire cosa succede .

Anche in seconda elementare si capisce che se diminuisco G il PIL cala , e se sottraggo soldi al sistema V cala .

Il risultato si chiama: depressione, sia delle persone che dell'economia.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 28.06.17 02:03| 
 |
Rispondi al commento

SECONDA LEZIONE DI SCIENZA DELLE FINANZE PER I 4 ESTENSORI DI QUESTO POST DI ARIA FRITTA

Cosi' "Laffer" vedendo che il MEF poteva diventare come dio ne confuse i conti.....

Se il prelievo e' lo zero per cento lo stato incassa zero .

Se il prelievo e' al 100% lo stato incassa sempre zero in quanto nessuno lavora gratis.

Si chiama curva di Laffer la relazione che lega percentuale di imposta e gettito:
https://en.wikipedia.org/wiki/Laffer_curve


La cosa che i (se' dicenti economisti) del PD da Visco a Padoan sanno ma non applicano e' che la curva di Laffer non e' una sola ma sono tante quanti sono i settori omogenei dell'economia .

Un caso a parte merita Mario Monti il quale con l'IMU ha ottenuto dei record non facilmente eguagliabili:
-ammazzare un settore economico importante portando le proprieta' immobiliari mediamente a rendimento negativo
-come conseguenza far calare il valore degli immobili in mano agli italiani
-concorrere in buona percentuale agli NPL delle banche (Veneto Banca ringrazia)
-affossare un intero settore industriale

I danni totali di tale scelta sono superiori al gettito:
http://goofynomics.blogspot.com/2016/06/monti-fact-checking.html

Quale fu l'errore?
Non calcolare la curva di Laffer per il settore immobiliare PRIMA di mettere l'IMU.

Fondamentalmente: NON BISOGNA METTERE TASSE SUL CAPITALE IN QUANTO E' COME TAGLIARSI I COGLIONI PER FARE DISPETTO ALLA MOGLIE.

Puo' piacere poco ma SE TOCCHI IL CAPITALE I RICCHI SCAPPANO (la Francia ne sa qualcosa ) e SE TOCCHI LA CASA IN ITALIA (come capitale) ne abbassi i valori , cosi' se le comprano gli stranieri (intesi come corporazioni internazionali dotati di capitale) per poi affittarle agli italiani diventati poveri.

Mario Monti fu un ragioniere con gli steroidi: i ragionieri le aziende le sanno solo chiudere , lui quasi riesce a far chiudere una nazione.


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 28.06.17 01:54| 
 |
Rispondi al commento

Commenti nel verso giusto ne ho visti , ma scientificamente non adeguati .

PRIMA LEZIONE DI SCIENZA DELLE FINANZE PER I 4 ESTENSORI DI QUESTO POST DI ARIA FRITTA

Le imposte , le tasse e le contribuzioni sui servizi (cose diverse ) vanno relazionate all'etica ed alla costituzione.

Vincenzo Visco (PD) ha sempre ignorato entrambe le cose e molta parte della impostazione attuale del MEF va ricercata in una visione distorta del PD di come vanno fatte le cose .

Ecco l'esempio di cosa vuol dire etica di una imposta:
-mettiamo una imposta sui matrimoni delle spose bambine ?
La risposta non deve essere NO perche' immorale, la risposta della scienza delle finanze e' "NO perche' darebbe un gettito irrisorio (in italia)" .
Ottima idea per il Pakistan .

Pertanto: tassare le cose che possono essere tassate e che e' "conveniente" tassare , indipendentemente dalla moralita' o equita' sociale , il risultato e' massimizzare la tosatura senza che la pecora se ne accorga .

Perche' se se ne accorge arriva Laffer ed allora sono guai .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 28.06.17 01:26| 
 |
Rispondi al commento

Prove tecniche di invio.

Antonio Rizzi 27.06.17 23:10| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna riqualificare la spesa. Tagliare dirigenti pubblici e fissare il loro stipendio con legge costituzionale. Portare il loro tetto stipendiale a 3 volte i dipendenti di concetto che dirigono compresi premi e prebende. Stabilire il numero massimo di posti da dirigente, ad es. 1 ogni 300 dipendenti.
S
Dopo anni di governicchi stiamo in mano ai burocrati che si aumentano stipendi, carriere e ci aumentano tasse.
Una ridimensionata di quest'ordine consentirebbe risparmi significativi ovvero migliori servizi a parità di spesa.
Inoltre chi vince le elezioni si porta i propri manager, che terminano il mandato a fine legislatura.
Rifacciamo un'Italia per gli Italiani!!

Stefano Ciuffetti 27.06.17 21:56| 
 |
Rispondi al commento

questi post qui li sanno scrivere anche quelli del pd-
anche meglio-
un brodo di dado insipido-
ci vuol ALTRO

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 27.06.17 21:34| 
 |
Rispondi al commento

Non sono un esperto, ma credo che sarebbe applicare il buonsenso se venisse di moda la filosofia "meno tasse per pagarle tutti". In particolare, una volta appurato quale sia il fabbisogno per il funzionamento della macchina statale, basterebbe agire su tre leve: 1 - una equa ripartizione delle tasse da pagare (per esempio 20% per privati e 30% per le imprese) 2 - inasprimento delle pene per gli evasori (es. galera per gli evasori totali) 3 - deducibilità dall'imponibile di TUTTE le spese necessarie per vivere (medicine, cibo, vestiario,...). Questo sistema in USA funziona abbastanza bene. Perché non provare anche qui da noi ?

alessandro del grande Commentatore certificato 27.06.17 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Sto per scrivere qualcosa che farà venire un infarto ai cosiddetti comunisti ma, a mio parere, è l’unica soluzione possibile per il nostro paese

Semplificherei il più possibile: 20% di tassazione per tutti in questo modo evadere non sarà più conveniente.

Inasprimento delle pene per l’evasione

Azzererei le commissioni per il pagamento con moneta elettronica, lasciando quindi chiunque libero di pagarsi un caffè con la carta di credito.

Lavoratore Dipendente: 20% per tutti, ne guadagneranno i consumi. Negli anni la classe media (la cosiddetta borghesia) è stata massacrata. Non dimentichiamo che è quella che consuma maggiormente

Lavoratore autonomo: 20% per tutti, scommetto che il professionista rincorrerà il cliente per strada per fargli la ricevuta

Imprese, cercherei di raggiungere il 20% di base con un tetto massimo al 33%, penalizzando le imprese che hanno un impatto dannoso per l’ambiente e la salute.

Abolirei tutti i vari balzelli che ripetutamente ci ritroviamo a dover pagare:

BENZINA: Abolirei le 17 accise che gravano sul prezzo della benzina, dalla guerra dell’etiopia in poi, inserendone una sola per eliminare il bollo auto

BOLLO AUTO. Abolito per tutte le auto. Chi più guida, più inquina, più consuma carburante e quindi più paga. Niente bollo anche per auto di lusso e sportive. Almeno non ci facciamo del male da soli.

TASSA DI POSSESSO IMBARCAZIONI: Conferma abolizione, evitare il più possibile nuovi flop Monti-style.

CANONE RAI: ABOLITO. E’ ormai diventato la principale fonte di finanziamento pubblico alla stampa obbligandola a inchinarsi al regime che stiamo vivendo

BOLLETTE LUCE GAS E ACQUA. Costo netto a consumo omnicomprensivo, penalizzando i fattori maggiormente inquinanti

TASSA SUI RIFIUTI: ABOLITA. Deve essere pagata sul prodotto finale. Un oggetto che inquina deve costare di più rispetto ad uno che non inquina. La tassa è quindi pagata come fosse imposta d’inquinamento.

TASSA SULLA PRIMA CASA: Conferma abolizione. Il settore immobiliar

Luca G. Commentatore certificato 27.06.17 20:38| 
 |
Rispondi al commento

Più tasse = più evasione.

E' innegabile che paghiamo tante e troppe tasse.

Spesso sento dire:
"se tutti pagassero le tasse, tutti le pagherebbero meno" Colossale ipocrisia. Puoi riempire tutte le tasche che vuoi ma se sono bucate, è fatica sprecata. Andiamo a vedere com’è sperperato il gettito fiscale tra enti e poltrone inutili oltre che sprechi di ogni genere non raggiunti da una “vera” spending review.

Bisogna ragionare conoscendo bene le nostre tradizioni, decidendo che Stato desideriamo diventare. In Italia chi non evade è tartassato, chi evade (tanto) ha tutto da guadagnare, chi evade poco, direi “evasione di sopravvivenza”, ha il colpo di grazia da equitalia & c.
Sul blog anni fa c’era un indagine di 3 istituti internazionali in cui era ben scritto che se si recuperasse il 100% della micro evasione (meccanico, idraulico, barista ecc..), quella insomma tanto combattuta a spada tratta, si recupererebbe solo il 5% dell’evasione complessiva; questo chiarisce dov’è la reale evasione.

La tassazione elevata accompagnata da servizi inefficenti e sprechi di ogni genere ha alimentato la crisi economica che viviamo

L’ Irlanda ad esempio è uscita dalla crisi con una tassazione del 10% fino al 2010 e adesso dal 12,5% al 25% per le imprese.

Luca G. Commentatore certificato 27.06.17 20:36| 
 |
Rispondi al commento

Non generalizziamo.
Le imposte sulle Persone fisiche (IRPEF) da tempo non vengono ridotte e le aliquote vanno dal 23% al 43%.
Alle Imprese (IRES) è stata ridotta da quest'anno dal 27,5% al 24%. In più regalano alle imprese l'ACE e i super ammortamenti tanto che se si analizzano alcuni bilanci molte versano nulla o quasi.
Il ministro Calenda in un recente Convegno a fronte di una proposta di ridurre l'IRPEF ha risposto che bisogna continuare a ridurre l'imposizione sulle imprese!
Non ho sentito prese di posizione da parte del Movimento su questa linea di politica fiscale!
Quindi, se vogliamo giustizia fiscale e difendere le fasce di popolazione meno abbienti, Vi prego parliamo solo di riduzione di IRPEF, anche perché gli spazi da cui recuperare risorse mi sembrano alquanto limitati.
G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 27.06.17 19:45| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi, in questo campo non si possono dire castronerie o utopie. (...)" le agenzie di riscossione applicheranno l'art.53 Costituzione" (...) Le agenzie non fanno politica fiscale, applicando la legge riscuotono e basta! Stendiamo un velo pietoso sul resto, poco, vago e scritto da Paperino.
Beppe, metti al lavoro qualcuno di preparato o con queste premesse ci faranno a fettine...

Orazio L., Verbania Commentatore certificato 27.06.17 18:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Snellimento di leggi e chiarezza dei testi. La stampa, periodicamente, annuncia decine di miliardi annui di evasione, la GdF ne scopre alcune decine, le Commissioni tributarie ne negoziano qualche decina, lo Stato ne incassa poche unità. Perché? Ci sono incompetenti, bugiardi, corrotti? Non credo! Provate a leggere il libro del Prof. Bruno Tinti (da me conosciuto e seguito su "Il Fatto quotidiano"), già giudice tributario, dal titolo "La rivoluzione delle tasse"! Ci sono diversi suggerimenti che penso siano estremamente utili, a partire dal controllo del testo delle leggi, per verificare che quello che esce approvato dall'aula, sia quello che arriva alla Gazzetta Ufficiale. Lì, ad esempio, si cita la circostanza che, laddove si vuol punire la mancata presentazione della dichiarazione, "o" la sua infedeltà, l'Aula volle aggiungere anche la dizione "o" altre modalità. Dato che, secondo il Prof. Tinti, non esistono "altre modalità" e dato che, soprattutto, il testo definitivo vede che la "o" è diventata "e" (di chi è l'invisibile "manina"?) e dato che le altre modalità non emergono mai, ecco che l'evasore ha vira facile e non viene condannato!! Sarà fatica improba, ma sarà il caso che i parlamentari rileggano SEMPRE i testi delle leggi! Questo, solo a mo' d'esempio, perché si trovano anche altri suggerimenti nel libro citato e penso che una consultatina al Prof. Tinti (che non mi sembra lontano dal Movimento) non guasterebbe!!
Auguri di buon lavoro e grazie per l'impegno di tutti!!

Vittorio Emanuele Casprini 27.06.17 18:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Parlano tanto che chi ha persoil lavoro bisogna reinventarsi un lavoro io l'ho petso due anni fa mi voglio reinventare un lavoro aprendo una partita iva. Ma lo stato mi chiededi dargli dai 400 ai 500 euro al mese sia che lavori sia che non lavori. E normale che uno che parte adesso non possa di disporre di un giro di affare cge gli permette di avere queste cifre per pagare. Vogliamo vedere di guardare come si puo risolvere questa cosa? per permettere a chi a voglia di poter fare. si dovrebbe pagare in base al fatturato e non su un reddito presunto.

bartolini emilio 27.06.17 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Il problema delle tasse in Italia non è l'evasione ma l'altissimo livello di pressione fiscali che sfocia nell'evasione (che al 90% dei casi serve per sopravvivere)quindi una tassa unica (15%) sull'imponibile delle delle PMI, Liberi professionisti con partita iva e una tassa unica del 20/25% per le grandi azienda.
Possibilità di scaricare le spese delle famiglia (luce, gas, istruzione, acquisti, mutui etc) per il 40% questo ridurebbe l'evasione perchè per scaricare servirà presentare fatture e scontrini.
Per le PMI abolizione degli studi di settore che sono una vera e propria presa per il culo e la tassazione sulle rimanenze e magazzino.
Se io ho un negozio di abbigliamento e compro per 40.000 euro + iva la merce e ne incasso 20.000 devo pagare le tasse sulla differenza che è il mio reale imponibile, l'invenduto rimane invenduto (anche se pagato) e smaltibile nel tempo con promozioni o sconti speciali che faranno somma con l'imponibile finale e non come è adesso che ci devo pagare le tasse anche se non venduto.
Per le PMI e P.IVA e Liberi professionisti soglia esente tasse a 12.000 euro annui


America first! Veniamo anche noi? No, voi no.


WASHINGTON, 26 GIU - La nuova versione della riforma sanitaria repubblicana presentata al Senato Usa ridurrà il deficit pubblico di 321 miliardi di dollari entro il 2026, ma aentro quell'anno lascerà 22 milioni di persone negli Stati Uniti senza assicurazione sanitaria. E' la stima dell'ufficio budget del Congresso (Cbo), organo bipartisan. La versione precedente approvata dalla Camera lasciava senza copertura un milione di persone in più (23 mln). La riduzione è pari quasi all'aumento delle persone assicurate con l'Obamacare. Se la riforma fosse approvata, secondo il Cbo, le persone che perderebbero la copertura sanitaria salirebbero complessivamente a 49 milioni nel 2026 (quasi un sesto della popolazione Usa), contro i 28 milioni con la legge attuale. Il risparmio maggiore, secondo Cbo, arriverà dal taglio del Medicaid (il programma per le persone con redditi bassi o disabili), che nel 2026 sarà 26 punti percentuali più basso di adesso.

tocco di classe 27.06.17 17:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravissimi!!!

Paolo V 27.06.17 17:12| 
 |
Rispondi al commento

c'è da rivedere un po' tutto.
Per esempio Renzi ci ha riempiti di nuove imposte e non ci abbiamo più capito nulla.
E' ora che la smettano di prendere in giro i cittadini, Berlusconi ci disse che aveva diminuito le imposte, ed era vero, ma furono aumentate le imposte regionali e comunali, quindi allentò un pò da una parte per prenderci i soldi da altre parti.
Vorrei anche dire che è indecente che un cittadino venga perseguito con oneri altissimi in aggiunta alle imposte, non pagate, senza che a questi sia mai stato notificato il mancato pagamento.
Alle volte i cittadini non sono a conoscenza di eventuali oneri non pagati.
Quindi tempestiva comunicazione e nel caso proprio uno non paghi aumenti, ragionevoli e non esponenziali.
Altra cosa, dovrebbe essere lo stato a inviare al cittadino, le cartelle delle imposte dovute.
Siamo costretti a pagare un caf oppure un commercialista (istituzioni di caste), per farci fare la denuncia dei redditi.

Rosa 27.06.17 17:09| 
 |
Rispondi al commento

E cominciare da un bel referendum per abolire in canone RAI ?
E continuare con gli enti inutili, facendo una bella lista con tanto di sprechi e dei beneficiari.
E il riconteggio dei contributi delle pensioni d'oro?
Mi sono un po' stufato di tante parole che poi non portano a niente.

sergio c. Commentatore certificato 27.06.17 17:06| 
 |
Rispondi al commento

A)Un post cosi' importante rimane cosi' poco ?

B)Se non vedo interventi decenti su questo argomento li faccio io dopo quando torno , piu' tardi per voi .

C)In generale il post e' semplicemente propedeutico al "nulla": manca di ogni spessore in riferimento alla se pur minima competenza in scienza delle finanze .

Per quanto riguarda le mie competenze in materia le ritengo superiori a quelle degli estensori del post: ho una laurea in scienze politiche ramo economico 110 e lode del 1977 (quando ancora si studiava ) piu' ammennicoli post laurea in matematica, statistica ed econometrica .

So come funziona e come si fa girare un modello econometrico: su tale argomento ho chiesto a Fantinati se poteva chiedere aiuto ad a/simmetrie che ne ha uno piccolino ma adeguato a fare analisi what-if .

Non si fa politica fiscale senza capire cosa e' successo e non si fa politica economica senza politica fiscale .


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 27.06.17 16:56| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori