Il Blog delle Stelle
I miliardi di Standard & Poors

I miliardi di Standard & Poors

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 27

di Carla Ruocco

È passato un mese da quando a Trani in solitudine il Pubblico Ministero Michele Ruggiero ha ricevuto la sentenza che Standard & Poors nel declassare l’Italia ha fatto una sciocchezza, ma non l’ha fatto apposta. Quindi non è un’assoluzione perché il fatto non sussiste; il fatto c’è. Standard & Poors ha arrecato danno alla Repubblica Italiana. E allora ci si chiede come mai il Ministero dell’Economia finora assente dal Processo non abbia deciso di costituirsi parte civile e chiedere i danni. Il dubbio è legittimo e quindi abbiamo deciso di chiedere un chiarimento a Padoan. La risposta è che si aspettano le motivazioni. Siamo al tragicomico. Il Ministro è diventato quindi giudice; per decidere se costituirsi o meno vuole ben valutare se vincerà la causa. Peccato che questo lo dovrà decidere il giudice civile. E anzi a ben vedere se il Ministro non si costituisce parte civile, dato che nessun giudice quindi potrà pronunciarsi, sarà passibile di danno erariale di fronte alla Corte dei Conti. Infatti questa sua omissione sta levando una grande opportunità per gli italiani: quella di evitare l’aumento dell’IVA o di altri balzelli che il Governo si dovrà inventare per far fronte all’austerità richiesta da Bruxelles.

Una manovra correttiva di circa 5 miliardi con aumento dell’Iva dal 22 al 25 piuttosto che chiedere i soldi ai responsabili. Standard & Poor’s, infatti, se condannata, dovrà liquidare danni di svariati miliardi di euro allo Stato italiano. Non procedere quindi da parte del Governo non solo vede una confusione di ruoli da parte del Ministero con l’Autorità Giudiziaria ma soprattutto vede il Governo ancora una volta preferire i poteri forti della Finanza agli interessi dei cittadini.

Caro Ministro, caro Presidente del Consiglio non consentiremo che questa “ardua sentenza” vada ai posteri. Come prima cosa suggeriamo per punti cosa lei , prof. Padoan dovrebbe fare:
1. Convochi una riunione con il ragioniere generale Franco, il direttore generale La Via e il Direttore del Debito Pubblico Cannata e si faccia calcolare puntualmente quanto è costato in termini di costo di servizio del debito pubblico e di derivati il declassamento di Standard & Poor’s fino a oggi
2. Convochi quindi il capo di Gabinetto Garofoli e predisponga la costituzione di parte civile presso il Tribunale di Trani utilizzando le stime di cui al punto precedente
3. Attenda serenamente e per il bene del Paese la decisione del giudice civile.

Buon lavoro Signor Ministro e in campana che non aspetteremo i posteri. Vuole leggere le motivazioni? Intanto le suggeriamo di leggere la requisitoria del magistrato Ruggiero e di indignarsi come è capitato a me.

Banner_marcia_460x230.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

7 Mag 2017, 11:45 | Scrivi | Commenti (27) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 27


Tags: agenzie di rating, Carla Ruocco, Michele Ruggiero, Padoan, standard and poors, Trani

Commenti

 

Ciao

Aiuto è il modo migliore per condividere il suo amore eterno, che è ciò che ci spinge a rendere disponibili prestiti rimborsabili da 500 a 1.000.000 EURO e anche più; in termini molto semplici a tutte le persone che possono rimborsare indipendentemente dalla razza. Facciamo anche investimenti e prestiti tra individui di tutti i tipi. Offro prestiti a breve, medio e lungo termine in collaborazione con il Ministero delle finanze e dell'economia e un periodo di rimborso a prezzi accessibili. I trasferimenti sono forniti da una banca per la sicurezza della traduzione. Per tutte le vostre richieste. proposte rispetto con le tariffe e le procedure dei pagamenti.
. Per ulteriori informazioni si prega di contattare
da e-mail:infos@cibanque.com

Numero WhatsApp: + 330644146852

FRANCK dencil, rome Commentatore certificato 10.05.17 09:52| 
 |
Rispondi al commento

SE IL GOVERNO E IL MINISTRO PADOAN NON MUOVE UN DITO PER CHIEDERE I DANNI, SARANNO GLI ITALIANI A FARLO CONTRO IL MINISTRO E IL GOVERNO, PERTANTO SI CHIEDE AGLI ITALIANI DI DOCUMENTARSI E FARE UN ANALISI SU QUESTA VICENDA E SE POSSIBILE COMMENTARE E CONDIVIDERE, SPECIALMENTE I CITTADINI ADDETTI AI LAVORI DELLA FINANZA.

cosimo calabrese, chiaravalle Commentatore certificato 09.05.17 17:01| 
 |
Rispondi al commento

A chi servono le agenzie di rating?
Nel mondo esistono almeno 10 delle 14 e più agenzie di rating importanti:
4 USA: Standard & Poor's-Moody's Investors Service -A. M. Best-Egan-Jones Rating Company-
1 USA+UK+F:Fitch Ratings
1 RUSSA : Muros Ratings
1 UCRAINA: Credo line
1 GIAPPONESE:Japan Credit Rating Agency, Ltd.
1 CANADESE: Dominion Bond Rating Service
1 CINESE: Dagong Global
2 ITALIANA: CRIF Rating Agency-Cerved Group
1 AUSTRALIANA: Baycorp Advantage

LE AGENZIE CHE BASTONANO L'ITALIA ED ALTRI PAESI EUROPEI SONO SEMPRE LE STESSE 2 AMERICANE ed una anglo, franco americana con sedi in USA. NELL'ORDINE:: Standard & Poor's - Moody's - Fitch Ratings. Le altre agenzie di rating, giapponesi, cinesi, russe e altro, non si sentono mai nominare. O sono distratte o non fanno un tubo.
I Cinesi nutrono dubbi sull'operato di queste agenzie, ed avranno le loro buone ragioni, gli altri non si esprimono. La cosa più che la sciare perplessi, fa capire il forte conflitto s’interessi tra queste agenzie e e l’interessi ai quali sono legate. Qualcuno dovrebbe cominciare a spiegarci, chi c’è dietro, chi le finanzia, quali interessi debbono sostenere e tanto altro. La cosa che in vece lascia perplessi è il credito che viene dato a queste agenzie. Per quanto riguarda i sospesi in corso, finirà tutto in una bolla di sapone, non perché abbiano ragione; questa ente non ha mai ragione, ma per motivi che non dovrebbe essere difficile dedurre.
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 08.05.17 13:47| 
 |
Rispondi al commento

Grazie dell'info e buon Lavoro.

nicola crosato Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 07.05.17 23:25| 
 |
Rispondi al commento

Carlo, siamo in piena sintonia:)

#si potrebbe accusare (e denunciare) il ministro per alto tradimento (verso lo stato, cioe' l'italia)?#

undefined 07.05.17 21:21| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io ti ringrazio, cara Carla.

Adelaide C., Crema Commentatore certificato 07.05.17 20:37| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Carla Ruocco . A nome di un anonimo cittadino italiano . Avanti cosi'.

alessandro diana, grosseto Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 07.05.17 19:45| 
 |
Rispondi al commento

si potrebbe accusare (e denunciare) il ministro per alto tradimento (verso lo stato, cioe' l'italia)?

perche' se puo' andare in causa portando l'italia come parte lesa, e per il suo ruolo puo' farlo solo lui ma non lo fa, questo e' alto tradimento.

carlo 07.05.17 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Per il futuro dobbiamo rifiutare ufficialmente i giudizi delle societa di ratino. Come puo una societa privata giudicare uno Stato? C'e gia la BCE che ci giudica: basta e avanza!

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 07.05.17 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Lo IOR ha messo al bando - pensò su indicazione di Papà Francesco - i Derivati. Prendiamo esempio è invitiamo Padoan a fare lo stesso visti danni sofferti dal Paese.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 07.05.17 18:37| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Carla, grato di apprendere.

Pier W. Commentatore certificato 07.05.17 18:17| 
 |
Rispondi al commento

L'AUMENTO DELL'IVA ECATOMBE SULL'ECONOMIA

L'aumento dell’Iva comporterà una raffica di rincari in tutti i settori, una lunga serie di beni subirà un incremento dei listini, con conseguenze pesantissime sui consumi, per effetto della maggiore IVA, gli acquisti delle famiglie scenderanno del 3% su base annua.

L'unica strada per mantenere invariata l'imposta sui consumi, rilanciandoli grazie a una parallela azione di sgravio del cuneo fiscale, è quella di intervenire con decisione sulla spesa pubblica improduttiva.

MENO CONSUMI, MENO LAVORO, PIÙ FALLIMENTI DELLE AZIENDE...RIDURRE ITALIA ALLA FAME...LA GRECIA E' VICINA....

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 07.05.17 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Onorevole Ruocco.
Ho letto il Suo articolo con interesse.
Mi pare, dal tenore dello stesso (peraltro quando i telegiornali della RAI hanno riportato la vicenda mi par di ricordare che abbiano detto cose diverse, quindi ogni precisazione in merito sarà più che grsdita), che ci sia stata una Sentenza penale del Tribunale di Trani che ha assolto alcuni imputati dell'agenzia di rating in questione dal reato di agiottaggio perché manca il dolo.
Se così fosse il Ministero competente dovrebbe valutare la fattibilità di un'azione civile di risarcimento dei danni, essendo rilevante per il danno aquilano la sola colpa del danneggiante. Occorrerebbe pertanto in primo luogo vedere se nel frattempo l'eventuale illecito civile non si sia prescritto, non essendosi il Ministero costituito parte civile nel processo penale. Dopodiché occorrerebbe che lo stesso Ministero facesse fare alle competenti funzioni una valutazione dei danni come descritto al punto 1 dell'articolo, per poi formalizzare una richiesta di risarcimento formale a Standars&Poors per danni subiti e subendi da parte dello Stato (tra questi ultimi quelli relativi all'eventuale necessità di aumentare l'IVA in futuro) interrompndo la prescrizione prima possibile.
Per valutare eventuali azioni civili occorre necessariamente attendere la Sentenza penale per esteso (qui, credo, ha ragione il Ministro). Tuttavia potrebbe darsi che nel frattempo la società avanzi delle proposte transattive che il Governo dovrebbe valutare.
Come per tutte le cicende giudiziarie anche per questa è presumibile che occorrano tempi molto lunghi. Credo che sia difficile che si risolva prima che il Governo debba decidere se aumentare o meno l'IVA.
Anche per questo ritengo che il Parlamento debba essere costantemente informato e che tutto ciò debba essere oggetto di continue interrogazioni parlamentari.
Buona domenica a Lei e a tutti i lettori.

Iacopo Comporti 07.05.17 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Politici servi della finanza come sempre !!!

Roberto Caforio, BRINDISI Commentatore certificato 07.05.17 17:04| 
 |
Rispondi al commento

Pardon correggo:
suggestionare

Rosa Anna 07.05.17 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Con questo sistema si affossa qualsiasi economia
Per poi razziarla
Ormai temo che è una pratica diffusa ovunque

Sono anni che denuncio questo cannibalismo


Un atto sconveniente a danno della sovranità di uno stato
dovrebbe far pensare che queste valutazioni non avranno più credito
Quindi diverranno innocue divagazioni sulle economie reali
Purché chi è in grado di comprendere non si lasci più sopuggestionare

Rosa Anna 07.05.17 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Bell'articolo.
1- la speculazione del 1992 è finita che hanno pagato la perdita solo i contribuenti? Direttore finanziario ENI, Ciampi, Amato
2- gli USA icassano da Volkswagen, da Barclais ecc: perchè l'Italia no? La manipolazione dell'Euribor è finita sulle spalle di tutti coloro che avevano un finanziamento indicizzato all'Euribor.
3- L'azione penale obbligatoria non è obbligatoria per una truffa planetaria del genere?

Ilario Fantuzzi 07.05.17 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Brava! Ben detto. Che Padoan poi lo faccia e' tutta un'altra storia. C'è' un ingiustificato timore reverenziale verso le agenzie di rating per paura delle "tremenda vendetta".

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 07.05.17 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Cari Amici, non perdete il vostro tempo con falsi istituti di credito che non potrà mai fornire ciò che si desidera. Io che ti parlo, ho già fatto l'esperienza con un sacco di suoi falsi istituti di credito e con l'aiuto di Dio, mi sono imbattuto in ms. ANISSA KHERALLAH ( developpement.aide@gmail.com una donna, molto modesto e gentile. Esorto voi ha il contatto di questa donna, se non, avrai sempre essere vittime di false istituti di credito. Ho avuto il mio prestito e so di cosa parlo. Ascoltate quello che vi dico, io non guadagna nulla da dirvi tutto quello che io vi dico in questo momento, ma io lo faccio per salvare dalle mani delle persone sbagliate. Se si vuole veramente prestito, è questa donna saggia che può aiutare. Sono orgoglioso di essere il suo testimone, perché mi sento sollevato il giorno in cui ho preso il mio denaro.

depoulo clara Commentatore certificato 07.05.17 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Il PM Michele Ruggiero non va lasciato solo!

http://www.controinformazione.info/il-csm-indaghera-su-michele-ruggiero-hanno-paura/#

http://www.controinformazione.info/la-macchina-sovversiva-di-soros-esposta-al-pubblico/

Un saluto a tutti.
Un Esodato Super Incazzato.

Giovanni Antonio 07.05.17 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per questo post, Padoan non ha più scuse, ora che tutto è stato spiegato in maniera chiara: o sei per il tuo paese o sei contro e servo di queste lobby maledette, ministro a lei la scelta!

Filippo 07.05.17 13:40| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è che se Padoan si costituisce Parte Civile come farà poi a farsi assumere da Standard & Poor's?
Non sarebbe una novità, Barroso (ex Presidente della Commissione europea) lo ha già fatto, è stato assunto a Goldman Sachs.

Poi uno si domanda perchè queste cacchette non fanno gli interessi dei cittadini.

giorgio peruffo Commentatore certificato 07.05.17 13:23| 
 |
Rispondi al commento

Grande Carla, sono convinto che senza un coinvolgimento di una larga fascia di cittadini su questi argomenti finanza, sarà difficile riprendere in mano il nostro futuro, perché loro ce lo stanno rubando!

Giancarlo Renzi 07.05.17 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Padoan
è un Bankiere e fa l'interesse dei Banksters , mica gli interessi degli Italiani ( che Gli pagano l'esoso stipendio ) .
La colpa , in fondo , non è la sua ( Lui fa gli interessi dei Suoi veri padroni ) ma di Chi
ce lo ha messo !!!!!


Lino V. Commentatore certificato 07.05.17 12:23| 
 |
Rispondi al commento

Qui, sembra proprio che giochiamo a "ciapa no!"

Abbiamo la possibilità di incamerare un bel po' di soldi e, per non si capisce cosa, non sfruttiamo questa possibilità?

Mi chiedo: se per volere del nostro ministro perdiamo questa somma, questi è imputabile per danno erariale allo stato?

Buona domenica a tutti/e !!!!




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori