Il Blog delle Stelle
I gessi assassini nella

I gessi assassini nella "buona scuola" del PD

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 32

di Alberto Zolezzi, commissione ecomafie M5S

Abbiamo disprezzato fin dall’inizio il decreto “buona scuola”, ma non avremmo pensato che si arrivasse ai gessi assassini. In data 17 ottobre 2016 è stata evacuata la scuola elementare Papa Giovanni XXIII di Vighizzolo, frazione di Montichiari (BS). Ben 11 bambini sono stati ricoverati in ospedale per gravi sintomi: nausea, vomito, mancanza di fiato, senso di oppressione toracica, tosse, lacrimazione, dolore toracico, sintomi avvertiti in diversa misura da molti studenti e operatori della scuola. I test eseguiti in ospedale hanno rivelato fra l’altro importante incremento ematico della Carbossiemoglobina. Dopo la dimissione molti studenti hanno rifiutato di tornare a scuola per settimane per lo spavento preso.

Gli episodi di sintomi si sono ripetuti anche nelle settimane e mesi successivi e sono stati troppo spesso derubricati a “puzze”. Il cattivo odore in realtà è un allarme decisamente positivo perché consente di rendersi conto di un pericolo, talvolta potenzialmente mortale.

Durante la seduta di Commissione ambiente del Consiglio comunale di Montichiari, il 26 ottobre 2016, sono intervenuto in merito alla possibilità che i sintomi fossero dovuti a intossicazione da acido solfidrico, e che la fonte non fossero le discariche (lontane 500 metri dalla scuola e con il vento in direzione opposta) ma lo spandimento di gessi di defecazione nei campi limitrofi alle scuole.

Tali gessi derivano dal trattamento di fanghi di depurazione (i rifiuti della depurazione delle acque bianche e nere civili o della depurazione di acque di scarto industriale).

Ricordo che a Montichiari sono presenti 21 discariche per oltre 17milioni di metri cubi di ogni tipo, 5 sono ancora attive. ATS e ARPA Lombardia, presenti al Consiglio non risposero alla mia domanda sul campionamento dell’aria all’interno della scuola (quali sostanze erano in concentrazione elevata? Era stato dosato l’acido solfidrico?). Parlarono di generici studi epidemiologici negli anni successivi, con una emergenza sanitaria e ambientale in corso hanno proposto di lasciar passare e fare danni uno Tsunami senza interferire. Ma devono prendere lo stipendio in questi periodi di inerzia?

Le stesse domande le posi nel Question time in Commissione ambiente alla Camera il 3 novembre 2016, il Sottosegretario del Ministero dell’ambiente Silvia Velo rispose che “L’acido solfidrico non venne dosato perché nessuna descrizione da parte dei segnalanti e nessuna percezione da parte dei componenti delle squadre intervenute segnalavano caratteristiche riconducibili all’acido solfidrico”.
Secondo un documento sanitario regionale toscano, per restare in ambito vicino all’ex premier,
“L’esposizione ad elevate concentrazioni di acido solfidrico determina un ampio spettro di effetti su diversi organo bersaglio. Sono documentati effetti di irritazione oculare, sull’apparato respiratorio (secchezza della gola, tosse, dispnea, edema polmonare non cardiogenico), sul sistema nervoso (nausea, mal di testa, delirio, tremori, convulsioni), sul sistema cardiovascolare (aritmie cardiache, alterazioni della pressione cardiaca), sull’apparato riproduttivo (aumento degli aborti spontanei)”.

Io credo che a Montichiari si abbia esperienza di questi sintomi e si conosca la necessità di prendere precauzioni di emergenza.
Questa descrizione di sintomi evidenzia come una filiera amministrativa (dal Comune all’ossimoro dell’ambiente Gianluca Galletti), che non ha nulla di politico, abbia rischiato di cagionare gravissimi danni a dei bambini, visto che la scuola, il giorno dopo l’incidente, senza aver avuto nessuna certezza sulla causa, è stata riaperta.
Visto che una normativa, l’allegato 3 al D.Lgs. 75/2010 (Governo Berlusconi IV) sui fertilizzanti non è stata abrogata dall’articolo 26 ”Collegato ambientale” alla legge di stabilità 2015, diventato legge 221/2015 (Governo Renzi), come da noi richiesto, ma c’è stata una semplice proposta di controllo dell’azoto dopo la procedura chimica nei materiali ottenuti. Che non è stata neppure ancora attuata!

In pratica i fanghi di depurazione vengono trattati con correttivo calcico magnesiaco di libera commercializzazione, vengono sottoposti a idrolisi alcalina, precipitazione con acido solforico, integrazione con additivi ed eventuale estrazione di metalli pesanti od anioni indesiderabili tramite elettrocinesi. Si ottiene un gesso di defecazione o un carbonato di defecazione, che magicamente esce dal ciclo dei rifiuti e può essere sparso al suolo, sui nostri campi, senza essere neppure regolato dalla Direttiva nitrati, perché non è più un rifiuto! L’eliminazione dei metalli pesanti è “eventuale” e non mi risulta mai avvenga, perché costosa, quindi i campi di molte regioni italiane si trovano intossicati da metalli pesanti e azoto in eccesso, tramite un escamotage normativo studiato semplicemente per risparmiare denaro! Una filiera agroalimentare di eccellenza sta subendo l’attacco di una filiera amministrativa patologica.

Da un punto di vista chimico la procedura è complessa e pericolosa, buona parte dei decessi nella filiera dei rifiuti in Italia è stata causata dalla procedura di formazione dei gessi, l’aggiunta di acido solforico va fatta a titolazioni molto precise, con macchinari spesso non a disposizione delle imprese del settore, vedi il caso della Coimpo di Adria (4 decessi da acido solfidrico il 22 settembre 2014, prima ispezione della Commissione ecomafie di questa legislatura) poi interdetta dall’attività nel settembre 2016 dopo l’inchiesta interregionale su spandimento fanghi che ha avuto origine in Toscana. I due decessi in Lazio alla Kyklos (provincia di Latina) il 29 luglio 2014 sono stati dovuti a inalazione di acido solfidrico. Ho scritto un interrogazione sul decesso del 26 settembre 2016 presso l’impianto di gestione rifiuti di Rapallo (GE). Non si scherza con i rifiuti! Bisogna tenere conto che il mescolamento con acido solforico è in parte motivata dal ridurre la puzza, ma è proprio in quella fase che possono avvenire i problemi. Acido solforico sui materiali organici dei fanghi può dare reazioni chimiche incontrollate, soprattutto in caso di spandimenti ripetuti su materiale che ha subito reazioni metacrone o in caso di eventi metereologici.

Non c’è alcun controllo sul tipo di rifiuti (fanghi o altro) in partenza, e una volta eseguita la calcificazione è ben difficile capire da dove si era partiti, questa procedura può favorire illeciti di ogni tipo per la riduzione del costo di gestione di rifiuti talvolta pericolosi da notizie di stampa.

Questa normativa va abrogata!
L’inchiesta sullo spandimento illecito di oltre 80.000 tonnellate di fanghi in Toscana, con pronta rimozione della Direttrice Arpa da parte del Governatore PD apparentemente per la sua zelante azione di controllo è solo una parte di questa speculazione nazionale bipartisan, in cui invece che pensare a recupero di materia ed elementi preziosi (il fosforo per esempio) si pensa a risparmiare sulla gestione di rifiuti, si pensa a fare cassa con i rifiuti, con la esportazione di fanghi e gessi verso la Lombardia per esempio (oltre mezzo milione di tonnellate di fanghi importati all’anno dai dati ARPA). Per cui un territorio, a norma di legge, può subire l’attacco di enormi quantitativi di rifiuti che rischiano di causare un ecatombe per la progressiva scomparsa di falde acquifere idropotabili e per la riduzione della qualità dei prodotti agroalimentari.

La Lombardia a gestione Lega-Centro destra, riceve fanghi dal Veneto di analoga amministrazione e da altre regioni, alcuni vengono trasformati in gessi ed esulano dalle Direttive UE sulla vulnerabilità dei terreni da nitrati. Un grande impianto è quello della ditta “Valli s.p.a.” di Lonato, che con la valutazione di impatto ambientale (VIA) del 11866 del 22 novembre 2010 rilasciata dalla DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E RETI di Regione Lombardia, potrà passare da 90.000 tonnellate a 263.750 t/anno per il trattamento di fanghi con la possibilità di trasformarli in gessi dal 19 07 2011. Questa ditta è di proprietà di Antonio Parolini, fratello dell’Assessore regionale lombardo allo sviluppo economico, Mauro Parolini, che non risulta correlato direttamente alla Valli spa ma il suo ufficio di ingegneria combacia con la sede delle società del gruppo.

È chiaro che difficilmente Regione Lombardia farà qualcosa di concreto per ridurre l’importazione di fanghi e il trattamento per produrre gessi visto l’evidente conflitto di interessi.

Passiamo dal centro destra al centro sinistra, restando nel modello unico.
La REJECTOFAGIA (dieta a base di rifiuti) del centro destra, nutrirsi di rifiuti altrui per fare cassa, è condivisa dal centrosinistra che non ha cambiato la normativa e nella Toscana in mano al centro sinistra le indagini sono in corso.
In data 17 01 2017 la stampa di Brescia ha pubblicato notizie secondo cui sarebbe indagato un impianto di Lonato per lo spandimento di gessi di defecazione in relazione all’episodio del 17 ottobre 2016, che ha portato all’evacuazione della scuola citato in premessa.

Cioè dati evidenti di intossicazione di minori sono stati sottostimati riaprendo la scuola il giorno dopo senza aver capito cosa fosse successo, senza chiedere agli enti di controllo risposte. Le risposte, se arriveranno, le darà la magistratura, come troppo spesso sucecde in Italia per il controllo politico degli enti di controllo ambientale e sanitario. Un comune in mano al PD non ha neppure pensato di difendersi dalla bestialità delle normative di cui è responsabile, nemmeno la furbizia di comunicarsi le porcate in vigore. Con il rischio enorme per la salute degli studenti.
Il 12 gennaio è iniziata la discussione in Commissione ambiente della mia risoluzione numero 7-00925 sulla gestione dei fanghi e per la regolamentazione degli spandimenti al suolo; in provincia di Mantova a breve molti comuni tramite il “comitato tutela suoli agricoli lombardi” si doteranno di un regolamento per tutelarsi dall’attacco dei rifiuti e da normative nazionali criminogene.

Resta il fatto che un Sindaco del PD ha fatto riaprire una scuola senza avere alcuna certezza per la salute degli studenti, in un comune con 21 discariche e che accoglie anche rifiuti su suoli agricoli.
Dopo l’inchiesta più che dimissioni credo per lui, come per tutto il modello unico dei partiti, ci stia l’esilio, la stessa pena che stanno subendo gli abitanti di Montichiari, bambini compresi, che stanno fuggendo per non convivere con “puzze”, gessi assassini e nubi tossiche da anni.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

23 Gen 2017, 10:07 | Scrivi | Commenti (32) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 32


Tags: gessi, pd, rifiuti, scuola, tossici

Commenti

 

Cosa c'entra "la buona scula" citata nel titolo con tutto il resto dell'articolo? Questo non è solo clickbaiting, è proprio disinformazione.

Titolo+immagine danno l'impressione che, per colpa della "buona scuola", ci siano nelle scuole gessetti tossici che uccidono i bambini, la gente condivide sui social senza leggere (e senza quindi accorgersi che l'articolo parla di tutt'altro) e si fa passare l'idea che sia sbagliata la riforma.
Siate onesti con voi stessi e ditemi se davvero non è così.
Sono stato simpatizzante e anche attivo nel movimento nei primi anni, ma ormai fa più schifo di quelli che accusava all'inizio...

Giorgio Merisi 26.01.17 16:30| 
 |
Rispondi al commento

Se l'immagine voleva essere ironica
Ha dato disagio
Un vero peccato giocare così su una denuncia seria

Rosa Anna 25.01.17 22:33| 
 |
Rispondi al commento

Ma allora ditelo, che siete un po'…timidi!.
Cosa c'entra la presunta disinformazione, perché é stato scelto un
gessetto da lavagna?. C'é un articolo da leggere, per capire quale
sia il problema del "gesso", argomento, confesso, per me nuovo.
Il gessetto connette il pensiero della scuola e degli sversamenti di
un gesso di risulta, da processi di trattamento delle acque luride.
Speriamo in ulteriori aggiornamenti da parte di Alberto Zolezzi, su
questo grave problema, senza partire per la "tangente", come fanno
alcuni…che non appartengono al M5S.

Alessandro Poggi 25.01.17 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Ormai dovrebbe essere chiaro a tutti, e dico tutti, che gli affari,industria,finanza, e, proprietà privata, non possono coesistere liberamente in un paese civile,democratico, e, regolamentato; pena, il ricatto continuo e costante al resto della popolazione mondial
Sto cercando il prestito di denaro per diversi mesi che ho avuto debiti e bollette da pagare. Pensavo che fosse finita per me.
Ma per fortuna ho visto la testimonianza fatta da molte persone su Mm Josina gomez, che è come ho contattato mio
mutuante per pagare i miei debiti e il mio progetto. e signora Josina mio concesse un prestito di 60,000 euro sul mio conto, posso assicurarvi che tutti questi carta suo governarlo mio aiuto per pagare fuori il mio contatto di debito la e sarebbe la verità
Se avete bisogno di finanziamenti; prendere in prestito denaro o qualsiasi progetto ti rendi conto che questo vi aiuterà a realizzare e sostenere finanziariamente sua e-mail octaviorodrigo15@gmail.com

gracia malcone Commentatore certificato 25.01.17 09:30| 
 |
Rispondi al commento

Siamo nel vago e nell'incerto.....gessetti delle scuole.
Al livello delle scie chimiche

carlo p. Commentatore certificato 25.01.17 00:49| 
 |
Rispondi al commento

La denuncia mi sembra importante e circostanziata, ma perchè rovinarla con rifermento ai gessetti della lavagna che non c'entrano niente?

Amedeo Scotti, Dolzago Commentatore certificato 24.01.17 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Regà, er post è importante e pregno de preoccupanti informazzioni, ma er titolo è perlomeno "fuorviante", bisogna esse onesti; gnente de grave, ma nun fatece pijà n' colpo....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 24.01.17 07:59| 
 |
Rispondi al commento

Fatemi capire: nelle scuole italiane i bambini usano gessi per lavagna, di produzione della ditta Parolini, la quale li ricava dalla trasformazione dei fanghi da smaltire?
Ditemi che non è vero, che è soltanto un film dell'orrore! Pena Capitale per i responsabili.

Teresa, Bari 23.01.17 19:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La ringrazio, signora. Anissa KHERALLAH ( developpement.aide@gmail.com per il vostro gentile aiuto oggi.All'inizio non avevo preso sul serio il vostro business, ma oggi quando ho visto il credito che ho voluto nel mio account , grande è la mia gioia e sinceramente chiedo scusa per aver dubitato di te e la tua abilità per aiutare le persone. Grazie e grazie per la vostra attenzione. Grazie a voi ho dovuto pagare i miei debiti .

.pablo portugal gomez Commentatore certificato 23.01.17 18:21| 
 |
Rispondi al commento

La scuola avrei potuto aiutarla collaborando come ATA , ma per un errore tecnico in fase di domanda sono stato decretato come immeritevole del precetto. Dopo aver chiesto al Presidente della Repubblica uno storno, ancora aspetto risposta.

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 23.01.17 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Grandi ragazzi! È incredibile quello che viene evidenziato!
Grazie

Marina V., sanmartinoinstrada Commentatore certificato 23.01.17 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Se un giorno la finissimo di postare immagini e/o titoli che poi leggendo si scopre che nulla hanno a che fare con l'argomento, forse faremmo meno figure da peracottari e meriteremo più rispetto! Fino ad allora passeremo come i bufalari delle scie chimiche. E questo continua a fare incazzare sempre più attivisti!! NON SE NE PUO' PIU'!!

Peppe Ganci, Siracusa Commentatore certificato 23.01.17 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari 5MS non fate l'errore del '68 denunciare é giusto, ma bisogna costruire una classe dirigente!
Ci siete solo Voi, vi ho già scritto, e come iscritto, sui problemi del lavoro solo un imbecille e mi spiace dirlo parlando di come pagare onestamente il personale che fa poche ore alla settimana e mi ha risposto che é un problema del legislatore. Inoltre vogliamo continuare a denunciare e basta e poi delegare? Scusate lo sfogo!!

Roberto Bucci 23.01.17 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io condivido la critica all'abbinamento tra immagine e contenuto del testo: contenuto del testo molto valido e molto allarmante; l'abbinamento è invece sintomo della quasi altrettanto preoccupante imbecillità di chi ne è responsabile.

Gino Sighicelli, Pontremoli Commentatore certificato 23.01.17 15:25| 
 |
Rispondi al commento

io abito a desenzano 5 km da lonato e quella ditta li di smaltimento veleni e affini,la valli 'veleni and porcherie varie,è abbastanza conosciuta,ma ben protetta dalla politica quindi difficile da indagare.Solo via vai di mercedes e audi,bocche cucite,e cc pronti a mandarti via.Poveri noi che fine abbiamo fatto!

antonio . Commentatore certificato 23.01.17 15:21| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE PER L'INFORMAZIONE MA I GIORNALISTI DOVE SONO?

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 23.01.17 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici,

Vi scrivo a nome di tanti pentastellati della circoscrizione estera, 
per esprimere tutte le nostre preoccupazioni sul voto estero.

Nei giornali e nelle tv  ora si parla solo del voto in Italia e tutii i
politici che fino ad ieri hanno tuonato, come tutte le volte, che
va riformato, NON PARLANO PIU' !!

Eppure il voto estero non e' in discussione alla corte costituzio-
nale si potrebbe intanto APPROVARE una legge per riformare
questo??

Abbiamo piu' volte sollecitato alcuni parlamentari del movimen-
to 5 stelle a  fare proposte, magari discutendole con noi, SILEN-
ZIO ASSOLUTO.

Molti proponiamo  che chi vuol votare, ne  faccia richiesta, si re-
gistri, come  e'  avvenuto  per i comités  e di votare su interrnet,
ma non  tutti siamo d' accordo, E' POSSIBILE USARE ROUSSEAU
PER DECIDERE SE LA MAGGIORANZA E'  D'ACCORDO ??

Lo chiedo a Beppe Grillo e a Davide Casaleggio, visto che i
parlamentari non RISPONDONO..

Cerchiamo di intervenire ora... LAMENTARSI dopo e'  da in-
genui e TROPPO FACILE...

Un caro saluto
Ivo bellaccini iscritto certificato nella circoscrizione centro-
nord America, Repubblica DOMINICANA.

ivo bellaccini 23.01.17 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Io veramente non capisco come ancora ci sia ancora gente che vada dietro a questo governo di ladri e cialtrolni. E' pazzesco quanto la mente dell'uomo sia perversa. E' comunque per cambiare le cose dovremmo cambiare prima il nostro comportamento, e svegliarci dallo stato catatonico in cui lo stato ci ha messo sino ad oggi.

Claudio Donadeo 23.01.17 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
La nostra banca offre diversi tipi di prestiti per il tuo viaggio di piani di costruzione di casa e anche investimenti che offriamo prestiti fino a 90,000 euro soddisfiamo abbastanza di clienti in tutto il mondo che tutti i nostri documenti e le attività sono coordinate da avvocati e notaio, europea e banche americane nostro direttore è chiamato Josina gomez dandosi finanziamento in tutti i paesi del mondo che siamo in Europa in Asia, America e Africa
Nostra mail: octaviorodrigo15@gmail.com

diana fidelia Commentatore certificato 23.01.17 14:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un decreto chiamato "buona scuola" da gente che non ha nemmeno la licenza elementare e che non sa nemmeno parlare italiano nella loro completa deficienza, è una delle cose più esilaranti del partito-dementi.

Questa gente morta è derisa dall'Italia intelligente,quelli del No al referendum,e presto saranno solo dei falliti che torneranno dove meritano in attesa dell'Inferno che li ospiterà alla fine delle loro vite miserabili da dimenticati.

Au Revoir.

Taipan X Commentatore certificato 23.01.17 13:46| 
 |
Rispondi al commento

continui a non capire come si possano fare cose del genere e che riguardano tutti. cosa se ne faranno dei soldi quando non potranno piu' bere o respirare? e' proprio un comportamento pazzesco ed inconcepibile.
fermateli per carita'! non vedo l'ora che andiate voi al potere per cambiare leggi scellerate come queste.
grazie per quello che fate e per l'informazione che sempre fate. se non fosse per voi o per il fatto quotidiano creperemmo senza nemmeno sapere cosa o come. non che faccia tanta differenza ma ci si puo' opporre o protestare.
grazie pr quello che fate.

rosanna scarpa 23.01.17 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Condivido la critica sull'immagine ed il suo contesto. Mettiamo un po più di attenzione a queste cose per non essere ripresi da chi non aspetta altro che criticarci. O forse è una strategia di comunicazione?

giancarlo s., Taranto Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 23.01.17 12:19| 
 |
Rispondi al commento

Spettabile Signor Alberto Zolezzi, facente parte della commissione ecomafie del M5S, sono contento vi aver votato il M5S, la miglior compagine politica presente su tutto il panorama politico italiana, responsabilità, conoscenza, soluzioni possono darle solo cittadini che entrano nelle istituzioni, avanti tutta e la barra dritta!
non un notizia sui media, che vergogna! i giornalisti sono al 77esima posizione sulla libertà di informazione, un paese per loro colpa è di fatto un paese semi libero, i giornalisti sono schiavi del proprio proprietario televisivo, editore di turno, rendendosi ridicoli e non affidabili!

Potere Ai Cittadini 23.01.17 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Il titolo e l'immagine sono fuorvianti, dà a credere che ci sia un problema con i gessetti delle lavagne nelle scuole e che questi siano stati imposti dall'ultima riforma della scuola. Fa passare per poco serio un articolo serio.

roberto bobina 23.01.17 12:02| 
 |
Rispondi al commento

E poi osano scrivere che i portavoce del movimento sono incompetenti?
Ha ragione Bechis che scrive che il Movimento ha la migliore squadra di governo in merito alla gestione delle leggi. Io aggiungo competentissimi anche in tantissimi altri settori. Complimenti Zolezzi, l'Italia ha bisogno di persone competenti come lei.

Rosa 23.01.17 10:53| 
 |
Rispondi al commento

SONO TALMENTE NAUSEATA,CHE NON SO NEANCHE CHE COMMENTO SCRIVERE.....
MALEDETTI POLITICI....vi auguro di fare la fine che meritate!!!!!!!
M5S,AVANTI A TUTTA FORZA.

ANNA PONISIO Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 23.01.17 10:37| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo verrete derisi per i prossimi 100 anni, c'è chi viene deriso per chi crede alle scie chimiche, figuriamoci per i "gessi chimici". Non crederete mica di venir presi sul serio vero? pura utopia, anzi magari lo hanno pure fatto apposta visto che sicuramente sapevano gli effetti dell'acido solfidrico.

Emilio M., Pistoia Commentatore certificato 23.01.17 10:33| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori