Il Blog delle Stelle
I contratti fuorilegge negli Outlet e centri commerciali

I contratti fuorilegge negli Outlet e centri commerciali

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 25


di Movimento 5 Stelle Friuli Venezia-Giulia & Emilia-Romagna

Molti dei contratti che regolano le attività negli outlet e nei centri commerciali sono fuori legge. In molte città italiane, infatti vengono fatti stipulare contratti di affitto di ramo d’azienda e si obbligano i piccoli imprenditori a sbarazzarsi dei lavoratori prima della loro risoluzione.

Una pratica che oltre a mettere a repentaglio migliaia di posti di lavoro, sta costando milioni, per non dire miliardi di euro alle casse dello Stato e dell’INPS. Risorse che se ne vanno per gli ammortizzatori sociali che vengono avviati, per le mancate contribuzioni previdenziali dei lavoratori licenziati e anche per gli incentivi che lo Stato e le Regioni mettono a disposizione per tornare ad assumere i lavoratori del commercio.

Come previsto dall’art. 2112 del Codice Civile i licenziamenti dei dipendenti imposti per contratto agli imprenditori che lavorano nei centri commerciali e negli outlet sono illegittimi. Per questo non devono essere accettati dai lavoratori, che, seguendo il codice civile, devono continuare a svolgere la loro attività nel centro commerciale. È incredibile come chi gestisce questi spazi pensi di utilizzare i lavoratori come pacchi postali, cercando di scrollarsi di dosso ogni responsabilità.

A ritenere questa pratica illegittima non è solo il MoVimento 5 Stelle
, che da mesi ormai cerca di seguire la vicenda accanto a piccoli imprenditori e lavoratori coinvolti, ma a dirlo è lo stesso Ministero del Lavoro. Recentemente rispondendo ad un’interrogazione del portavoce 5 Stelle alla Camera Claudio Cominardi con la quale si chiedeva la tutela delle posizioni lavorative del personale dipendente della “Saldarini Srl”, il Ministero ha confermato che ci sono già state tre sentenze che riguardano licenziamenti illegittimi imposti dall’Outlet Fidenza Village in provincia di Parma. In base a più pronunciamenti della Cassazione, ha ribadito come i rapporti di lavoro debbano proseguire con il cessionario ed i lavoratori conservino tutti i diritti acquisiti. Nonostante tutto ciò i grandi centri commerciali continuano a non prendersi in carico i dipendenti che verrebbero retrocessi col ramo d’azienda.

Alcune di queste perplessità erano state avanzate anche dalla Procura della Repubblica di Gorizia. Al termine delle indagini svolte dal Nucleo di Polizia Tributaria di Gorizia per una causa tra gli imprenditori del negozio “Nadale Fashion n. 1” e il Centro Commerciale Tiare Shopping Center di Villesse (Gorizia) , la Procura aveva concluso le proprie indagini affermando che “certamente il contratto in questione è un contratto capestro e che numerose clausole del contratto hanno contenuto estremamente pesante” e che “il contratto di affitto di ramo d’azienda stipulato possa ragionevolmente ricondursi ad un contratto di locazione non finanziaria di fabbricato ad uso commerciale” e sia pertanto connotato da una falsa qualificazione giuridica.

Il MoVimento 5 Stelle con una serie di azioni sia in Parlamento con i portavoce Camera e Senato Claudio Cominardi e Gianni Girotto che nei Consigli Regionali di Friuli Venezia-Giulia ed Emilia-Romagna, chiede alle istituzioni di fare chiarezza una volta per tutte. Chiarezza sul rispetto della legge anche da parte di questi grandi gruppi finanziari che troppo spesso con il commercio hanno poco a che fare. Purtroppo quando l'imprenditore Saldarini ha cercato di coinvolgere anche l'ex Premier Matteo Renzi sul problema del cosiddetto “Sistema Outlet” non ha mai ricevuto alcuna considerazione. Forse perchè dietro agli Outlet ci sono anche gli interessi delle Cooperative, Banca Etruria e papà Renzi?



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

4 Lug 2017, 15:55 | Scrivi | Commenti (25) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 25


Tags: boschi, centi commerciali, contratti, lavoro, m5s, outlet, renzi

Commenti

 

Se dobbiamo proprio dirlo questa condizione non esiste sono nei centri commerciali in Italia. Anche all'interno delle partecipate come Leonardo-Finmeccanica ci sono situazioni del genere

Albert Nightfall 06.07.17 08:29| 
 |
Rispondi al commento

che dietro agli outlet
ci sia la fam. renzi
sembra "abbondantemente" acclarato
---------------------------------------
benissimo, nessun problema
si segua l'iter sotto
come per chiunque altro
naturalmente

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 06.07.17 05:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dipendesse da me sti outlet
avrebbero vita dura
ma talmente dura , da chiedersi il perche' esistere-
per me il contributo economico per loro alla socialita' si aggirerebbe tra il 70 ed il 90%
piu' accertamenti fiscali ogni 6 mesi-
----------------------------------------------
indipendentemente dagli utili o dalle "perdite"
---------------------------------------------
a seguire od in contemporanea, TUTTE le coop e TUTTI i discount-
questo TAPPO all'economia deve essere TOLTO-------------------------------------------
si potessero aprire oneste botteghe - familiari-
sarebbe come mettere una pianta alla luce del sole-
con la sola innaffiatura, fiorirebbe spontaneamente, profumando le citta' ed i paesotti-
chi dice che sarebbe anacronistico, non conosce affatto l'argomento
ed ecco in buona parte risolto il fattore , sia occupazione , sia calo demografico
si fidino
tutti

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 06.07.17 04:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non si puo' fare politica del lavoro se il lavoro non c'e' .

Il lavoro lo danno le aziende o lo stato .

Le aziende si fanno con i soldi per fare i soldi: se non ci sono soldi non ci sono aziende.

Se lo stato non assume non c'e' lavoro statale.

Non si crea lavoro se fai scappare i soldi e chiudi il credito dalle banche .

All'universita' mi hanno insegnato:
-prendi i soldi in banca al 7-9%
-vendi ai clienti con un margine molto superiore
-piu' giri , piu' vendi , piu' guadagni

Oggi non si puo': non funziona .

Mi spiegate che senso hanno i tassi negativi in una economia di cose fisiche ?

Quale e' l'unica ragione per cui io presto denaro alla BCE avendone poi meno indietro ?

L'unica ragione e' perche' CREDO CHE AVVENGA UNA DEFLAZIONE , cioe' il mio denaro a 10 anni vale di piu' di quello che vale ora .

Il che significa dare per scontato un ulteriore indebolimento del salario .

Io ho passato la vita a fare l'amministratore di societa' di capitali ma oggi , pur avendo la possibilita' di fare e creare lavoro non vedo condizioni appetibili per fare alcunche' .


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 05.07.17 18:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Basta far lavorare tutti gli italiani disoccupati, pagarli adeguatamente e il problema delle pensioni in essere e future non esisterà più

simona verde Commentatore certificato 05.07.17 17:37| 
 |
Rispondi al commento

TANTE CHIACCHIERE...RISULTATI ZERO. L'UNICA SOLUZIONE E' ORGANIZZARSI IN DECINE DI MIGLIAIA E ANDARE IN SICILIA A PRESIDIARE TUTTI I PORTI E NON FAR SBARCARE NESSUN MIGRANT, ALTRIMENTI QUESTA INVASIONE NON FINIRA'MAI. PER VASCO ROSSI IN 240 MILA DA TUTTA L'ITALIA E PER PROTEGGERE I NOSTRI CONFINI IN QUANTI? CI VUOLE UN ATTO DI FORZA DA PARTE DEGLI ITALIANI, PERCHE' SE ASPETTIAMO QUESTI POLITICI CRIMINALI NON NE USCIREMO PIU'!

simona verde Commentatore certificato 05.07.17 17:32| 
 |
Rispondi al commento

GLI ONESTI RAPINANO GLI AUTOMOBILISTI ROMANI
A Roma è stata attivata la corsia preferenziale di via Portonaccio ma lo sapevano solo i Grillini. Multe a gogo per centomila Romani.
L'assessore Enrico Stefano ideatore della trappola li prende per il culo dicendo che è tutto regolare
la Raggi prevede un introito extra di 10 milioni di euro in multe e gongola.
Arriva il M5S ,occhio al portafoglio

Cristian G., rm Commentatore certificato 05.07.17 16:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto procede secondo i piani della sinistra illuminata. Azzeramento dei diritti, caos nel diritto del lavoro, progressiva schiavizzazione.
Sindacatii che hanno, da tempo,
l'unico obiettivo di mantenere l'initile sistema. Lavoratori impauriti e soggetti a qualsiasi forma di ricatto; altrimenti? A casa, fuori c'è la fila di gente disposta a tutto pur di avere uno straccio di lavoro.
Viva la globalizzane, viva il liberismo sfrenato.
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 05.07.17 13:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Morti i sindacati con una politica assente e demente i "signori" predatori ne approfittano per schiavizzare.

Clesippo Geganio 05.07.17 09:16| 
 |
Rispondi al commento

http://tg.la7.it/cronaca/gruppo-lidl-sotto-inchiesta-per-mafia-15-arresti-15-05-2017-115903

Quattro società commissariate, tra cui una che gestisce i vigilantes del tribunale di Milano. Coinvolti circa 200 punti vendita. L'indagine per mafia della Dda, sull'asse Lombardia - Sicilia. Boccassini:

'Sapevano chi corrompere'

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 05.07.17 00:43| 
 |
Rispondi al commento

riflessione sulla grande truffa dei finti artisti...


artista = masestro d'arte....Chi esercita una delle belle arti (spec. le arti figurative, o anche la musica e la poesia)....chi svolge attività nel campo dello spettacolo e nell’arte che ha raggiunto l’eccellenza nell’arte professata.


Ma un giornalista o un presentatore non è un artista!

alla base dell'arte c'è la CREATIVITA' e perciàò un qualunque lavoro, anche difficile, non è arte se non abbisogna di creatività.


infatti nelle TV di tutto il mondo c'è una distizione netta per esempio tra giornalisti e artisti veri e propri cosicché Vasco Rossi o Celentanto o anche una Show girl come la Cuccarini o la Carrà possono essere definiti ARTISTI....

Infatti i compensi dei giornalisti o anche dei tecnici TV e degli artigiani che lavorano dietro le quinte sono "calmierati" perché sono lavori facilmente sostituibili.... Un artista invece, al pari di un quadro o di una scultura... non hanno un prezzo fisso.... possono valere poco se sono "croste" o valere tantissimo se sono come la pietà di Michelangiolo.


Allora come fare per dare soldi ad uno che artista non è?

Semplicemente si prendono dei giornalisti e dei comuni presentatori e con una magia degna di Silvan (grande artista) si elevano al rango di grandi artisti!


Tutto questo per dire che FAZIO non ha neppure un ungia di un piede di un grande artista.....

Paolo Villaggio era un MAESTRO e cioè un artista... FAZIO non sa cantare... non sa ballare non sa fare un caZZo tranne stare dietro una scrivania a intervistare la gente... ma le interviste le fanno gli ARTISTI o le fanno i GIORNALISTI?

E' stata fatta una grandisima mistificazione offensiva per i veri artisti.... e in malafede... PENSATECI!

Ma FAZIO è insostituibile?

mavaffff...................

senza arte ne parte ma col portafoglio pieno 05.07.17 00:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ragazzi, che culo, gli immigrati mi pagano la pensione! e più ne vengono e più siamo ricchi!!!
bravo tito, vai cosìììììììììììììììì!

Giovanni F. Commentatore certificato 04.07.17 22:54| 
 |
Rispondi al commento

E poi persone come Tito Boeri ci vengono a dire che senza gli immigrati mancano 38 miliardi alle casse dell'inps mettemdo in pericolo il nostro benessere! Ma se si comincia a pagare il giusto e il dovuto a chi lavora e versare i giusti e dovuti contributi (e mahari mandando in galera i soliti papponi dell'inps) nob ci sarebbe bisogno di questa importazione di disperati e schiavi, con pesantissimi risvolti su tutti noi




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori