Il Blog delle Stelle
I 128 reattori nucleari UE hanno in media 30,6 anni. Quelli del Belgio son pieni di crepe

I 128 reattori nucleari UE hanno in media 30,6 anni. Quelli del Belgio son pieni di crepe

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 14

di Dario Tamburrano, EFDD - M5S Europa

Questo dato e quelli seguenti, salvo se diversamente indicato, sono tratti da "The world nuclear industry status report" redatto nel 2015 da esperti indipendenti. Valgono le considerazioni che faceva Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace ed ex ricercatore dell'Enea, all'indomani di Fukushima: più un reattore nucleare è vecchio, più è distante dagli standard di sicurezza attuali. E a proposito di Fukushima: le migliaia e migliaia di crepe nei reattori nucleari del Belgio sono state scoperte durante i controlli effettuati in seguito all'incidente nucleare in Giappone. Eppure quei reattori (insieme ad altri decisamente stagionati) sono stati recentemente riaccesi. E' proprio il caso di dire che da Fukushima l'UE non ha imparato nulla, per parafrasare il titolo del convegno cui abbiamo partecipato la scorsa settimana a Bruxelles e contemporaneamente riassumere tutti i discorsi.

Il grafico qui mostra l'età dei 128 reattori nucleari in funzione nell'UE. Come quelli seguenti, fotografa la situazione al mese di luglio del 2015.

I 128 reattori accesi nell'UE costituiscono circa un terzo di quelli attivi in tutto il mondo. Qui la loro distribuzione per classi di età.


Il picco del nucleare UE è stato toccato nel 1989, quando erano accesi 177 reattori: circa un quarto in più di quelli attuali. Qui il grafico.

Ci sono state tre "ondate" di costruzione di centrali nucleari: due piccole negli anni '60 e '70 ed una grande negli anni '80, che ha interessato soprattutto la Francia. Attorno al 1990, oltre al picco dei reattori, si è registrata la svolta: i reattori sono stati più spesso spenti che inaugurati. Ecco il grafico.

L'85% dei reattori nucleari europei è concentrato in otto Paesi dell'Europa occidentale; solo 19 reattori sono distribuiti fra gli Stati che facevano parte dei satelliti URSS e che recentemente sono entrati nell'UE. La cartina che mostra la loro distribuzione nello spazio è stata pubblicata dall'European Nuclear Society.

Sarebbe saggio spegnere i 128 catorci atomici dell'UE. Ma l'atomo è una maledizione che si proietta sempre nel futuro: secondo un documento di lavoro della Commissione Europea visto dalla prestigiosa agenzia di stampa Reuters all'inizio di febbraio, per smantellare il vetusto parco nucleare e per gestire le scorie servirebbero 286 miliardi di euro. Attualmente, per coprire questi costi, sono disponibili solo 105,1 miliardi di euro. Mancano 118 miliardi. Bisognerà pur trovarli e imparare la lezione: mai spendere un centesimo per il nucleare, che - oltre ad essere pericoloso - inghiotte soldi come una voragine senza fondo. Al momento sembra che l'UE - come non ha imparato da Fukushima - non voglia imparare nemmeno questa lezione e tende a considerare praticabile la costruzione di nuove centrali. Ma è un'altra storia. Cercheremo di raccontarla nel giro di pochi giorni.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

7 Giu 2017, 10:32 | Scrivi | Commenti (14) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 14


Tags: Dario Tamburrano, greenpeace, m5s, reattori nucleari

Commenti

 

se andrete al governo dovrest indagare anche sul fattore scie chimiche vi/ci hanno deriso per troppe volte per essere una bufala, se fosse tutto falso poi che problema ci sarebbe, di cosa hanno paura i nostri (e non solo) governanti? http://ilquieora.blogspot.it/2016/06/stati-uniti-le-scie-chimiche-sono-reali-uccidono-esseri-umani-il-senato-lo-ammette-video.html#more

Emilio M., Pistoia Commentatore certificato 10.06.17 20:32| 
 |
Rispondi al commento

Al prossimo incidente nucleare senza pietà ci devono risarcire anche per la piu' piccola formica avente conseguenze dalle radiazioni.

ALFREDO DI LORENZO, napoli Commentatore certificato 09.06.17 14:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

aspettiamo come al solito che succeda la catastrofe per accorrere e non poter far nulla ma spendendo miliardi di euro.

E' una tipica indole dell'essere umano IDIOTA, esempio sono quegli incroci stradali pericolosi, dopo che ci sono morte troppe persone le Amm. Pubbliche corrono a metter in sicurezza l'incrocio spendendo soldi a camionate.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 08.06.17 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è le offerte di Lady Josina gomez di diverso pronto per i vostri progetti a 5000 euro a 500.000 euro con un tasso del 2% per il vostro progetto di viaggio e di tasse scolastiche per business costruzione d'oltremare e sostanziali investimenti in vari progetti commercio e costruzione un altro acquisto di casa e Appartamento noleggio auto acquisto e pronto per la salute e l'istruzione di tuo sollievo di bambini pronti per chiunque nel settore agricolo pericolo e business milioni project financing
Contattare il servizio di posta elettronica bancadiaccreditamento2017@gmail.com


martilia antonio Commentatore certificato 08.06.17 02:31| 
 |
Rispondi al commento

alle nazioni che hanno voluto il nucleare verrebbe da dire "se accade un incidente sono fatti vostri..." peccato che le radiazioni non si fermano al loro confine, e per colpa loro ci rimettiamo anche noi che il nucleare non l'abbiamo voluto; allora possiamo definirli dei potenziali assassini?

seergio mazzesi 07.06.17 23:19| 
 |
Rispondi al commento

La storica frase di Murphy:

« Se ci sono due o più modi di fare una cosa,
e uno di questi modi può condurre a una catastrofe,
allora state pur certi che il politico di professione la farà in quel modo. »

Aldo B. 07.06.17 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Per le info basta rivedere online la puntata di Report di lunedi 5 giugno. Bisogna scatenare un vespaio, perche è assurdo che si continui a tenere la gente in un costante rischio di catastrofi nucleari facendo finta di niente alcune centrali dovevano essere dismesse già da 20 anni e continuano a funzionare con autorizzazioni e proroghe di politici compiacenti e sicuramente a libro paga. In Europa ce ne sono decine e tutte a pochissima distanza dai confini Italiani con 2 casi interni. NO NUCLEARE

Antonio.P 07.06.17 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Einstein, per il dono del nucleare, arma di morte e distruzione dei popoli.

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 07.06.17 11:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori