Il Blog delle Stelle
Dopo 15 anni tornano a salire i giovani italiani fermi alla terza media

Dopo 15 anni tornano a salire i giovani italiani fermi alla terza media

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 15

tratto da Il Sole 24 ORE

Che avessimo ancora pochi laureati e troppi abbandoni scolastici lo sapevamo. Stesso discorso per la disoccupazione giovanile oltre la soglia di guardia e il record di ragazzi che non studiano né lavorano (Neet). Ma che dopo 15 anni la quota di under34 fermi alla terza media fosse tornata a salire, al punto da continuare a sopravanzare i loro coetanei in possesso di un titolo terziario, è un dato che coglie di sorpresa. E che deve far riflettere.

A certificare l’ennesimo ritardo italiano in materia di istruzione è stata nei giorni scorsi Eurostat. Con due dati che parlano da sé: mentre in tutta Europa gli appartenenti alla fascia d’età 25-34 anni che al massimo hanno completato la secondaria di I grado sono scesi dal 16,6 al 16,5%, da noi sono tornati a salire. Tant’è che dal 25,6% di fine 2015 siamo passati al 26,1% del 2016. Una performance che ci lascia ancora al quintultimo posto della graduatoria davanti a Portogallo, Malta, Spagna e Turchia. Ma che fa notizia soprattutto perché segna un’inversione di tendenza lunga più di 15 anni.

Per trovare l’ultimo episodio di peggioramento in questa particolare classifica bisogna infatti risalire al biennio 2001-2002 quando eravamo saliti dal 40,7 al 42,7 per cento. Da lì in avanti il trend dei nostri connazionali 25-34enni fermi alla licenza media era sempre diminuito. In maniera più o meno sensibile a seconda delle annate. E il film non cambia di molto se ci si focalizza sul sottogruppo 25-29 anni. Dopo una decina d’anni di discesa anche qui l’aria è cambiata e la fetta di popolazione a bassa scolarizzazione è salita al 23,3 per cento.

I5S2017_460X230.png



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

5 Set 2017, 15:27 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 15


Tags: italiani, m5s, scuola, terza media

Commenti

 

Molti non hanno capito che il lavoro futuro bisogna inventarselo.Secondo me con i ns anziani si puo'lavorare facendoli star meglio o chiedendo loro cosa vogliono fare in base ai soldini che possono spendere o meglio farmi guadagnare.Anche beppe grillo inizia a invecchiare!!!con lui potrei veramente fare i soldini.ciao a tutti.

pippo faenza 07.09.17 16:47| 
 |
Rispondi al commento

I nostri figli fino alla 3^ media ?
E' possibile, molti genitori sono pensionati il quale vedono come nella non rivalutazione delle stesse un pericolo per la sopravvivenza, ricordo come non sia mai stata fatta una vera politica per la famiglia, sempre abbandonata a se stessa, agli assegni famigliari da fame, e oggi dicono che la natalità è bassa, che sono necessari gli africani per coprire il deficit di nascite, ma il Ministro è lontano da queste cose, Lui deve far quadrare i conti, magari risparmiando sulle pensioni, l'importante è foraggiare le banche, mantenere i posti di lavoro nelle stesse e cosette di questo genere.
Dopo i regali fatti a Alitalia oggi sentiamo che è allo stesso punto di prima, sull'orlo del fallimento.
Se la politica è questa, meglio l'antipolitica.


Robona 07.09.17 08:28| 
 |
Rispondi al commento

secondo me uno dei problemi principali è che in un paese in cui non c'è meritocrazia, lo studio non è stimolato e si riduce solo ad un business...a mio figlio, che affronta questo anno la prima elementare hanno dato undici (11!!!) libri, pagati dallo stato, poi quando si arriva alle scuole medie i libri complessivamente arrivano a 40 kg e 400€ di spesa...quando basterebbe un tablet con tutte le informazioni necessarie...se vogliamo parlare di università...negli altri paesi europei c'è una programmazione, vengono effettuate analisi approfondite per capire quale sarà la richiesta a 10 anni per le varie professioni e su questa base vengono limitati i posti disponibili nelle università, così chi si laurea (per merito!) ha molte possibilità di ottenere un buon posto di lavoro. Da noi le università negli ultimi 10 anni si sono moltiplicate come funghi e le tasse sono aumentate in modo esponenziale, creando così questa nuova classe di disoccupati laureati, mentre anche per chi lavora come libero professionista, causa anche il decreto Bersani, la concorrenza è così alta che i guadagni (per lavori intellettuali che comportano anche responsabilità civili e penali) sono ridotti e paragonabili a quelli di una colf...

Stefano Del Santo 06.09.17 09:23| 
 |
Rispondi al commento

...comunque, so' soddisfazzioni....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.09.17 19:22| 
 |
Rispondi al commento

E' 'a "buona scuola", bellezza.....


( una volta al governo, buttatele fuori tutte a calci nel culo, quelle solenni teste di minchia, quella massa di inutili burocrati, di imbecilli che non hanno mai messo piede in un'aula e che pretendono "risultati" senza spendere ed investire nella Scuola...)

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.09.17 19:09| 
 |
Rispondi al commento

La laurea va bene ,ma secondo il sottoscritto,molti non vanno all'università per ragioni economiche:
1-Troppe tasse
2-Il costo dei libri
3-La permanenza,per la presenza,nell'università.

Non tutti si possono permettere i costi della "buona scuola"!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 05.09.17 18:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

È la "buona scuola" di renzi?

Gigio il Pendolare 05.09.17 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Piu' un popolo e'ignorante piu' il potere puo' controllarlo. Un popolo che permette tutto questo schifo non e'vittima, ma e' complice della situazione attuale. Siamo un popolo di poveri pagliacci, con il cervello in putrefazione , solo cosi si spiega come un pluripregiudicato (con il suo braccio destro in galera per associazione MAFIOSA) condannato e'cacciato dal parlamento sia diventato per ben tre volte presidente del consiglio, CON IL RISCHIO CHE POSSA RIVINCERE LE ELEZIONI IN PRIMAVERA. AL PEGGIO NON C'E' MAI FINE . QUANTO AL PRESUNTO CENTRO SINISTRA CON QUELLO CHE HANNO COMBINATO IN QUESTI ULTIMI SETTE HANNI,POSSIAMO TRANQUILLAMENTE DIRE CHE SONO PEGGIO DEL CENTRO DESTRA. Basta ricordare solo che hanno cancellato ART 18.

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 05.09.17 17:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe
torna a scrivere sul blog!!!
Un tempo mi capitava di scoppiare a ridere leggendo il blog!!!!
Ci manca il tuo sano cinismo capace di tirar fuori il lato comico delle situazioni più disperate.

Troppo grigia è ormai l'Italia
vien da vomitare quando accendi la tv o internet... vedi tutte queste facce di merda!!!

ci hanno ammorbato la vita
è desiderabile il sopraggiungere di un evento apocalittico che polverizzi gli attuali equilibri

Paolo . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2017 05.09.17 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Se si dev'essere disoccupati con una laurea tanto vale esserlo con la licenza media. Si risparmiano soldi e fatica. La cultura poi interessa sempre meno in una civiltà educata e dedita all'edonismo spicciolo.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.09.17 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori