Il Blog delle Stelle
Ancora un incendio alla raffineria ENI di Sannazzaro

Ancora un incendio alla raffineria ENI di Sannazzaro

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 17

di Iolanda Nanni, capogruppo M5S in Regione Lombardia

Accade di nuovo: un incendio è divampato stamani alla raffineria ENI di Sannazzaro (PV). A distanza di meno di 2 mesi dalla terribile esplosione di dicembre i cui danni alla salute e all'ambiente NON sono ancora stati vergognosamente calcolati! I dati sono stati SECRETATI dalla Procura e neanche noi, come rappresentanti dei cittadini, possiamo averne accesso. Il M5S chiede immediata e urgente audizione in Parlamento di ENI. Vogliamo sapere cosa sta succedendo in quell'area, vogliamo capire se quell'impianto è fallato e vogliamo impedire che la popolazione sia costretta a subire ancora altri danni alla propria salute e all'ambiente. Non c'è più tempo da perdere! In attesa che la magistratura accerti le responsabilità, noi pretendiamo che la popolazione sia informata e tutelata.

Video girato da cittadini del posto stamani ore 8,40 non capisco perché in TV NESSUNO dia la notizia. L'incendio non è ancora stato domato



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

5 Feb 2017, 16:07 | Scrivi | Commenti (17) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 17


Tags: eni, incendio, pavia, raffineria, sannazzaro

Commenti

 

per i Parassiti Delinquenti di regime, ENI é molto più comodo incendiarla (nei vari stabilimenti) per 2 motivi:
1) é più facile nascondere le tracce di irregolarità, corruzione e malaffare registrate nei suoi libri contabili.
2) si potranno anche rubare i soldi pubblici stanziati successivamente per un'eventuale bonifica che ovviamente non avverrà MAI!!!

Dar T., dartes Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 07.02.17 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Può esser un’intera industria esser abusiva?

Sembrerebbe di sì.

Ecco il caso degli impianti dell’ex Polimeri Europa – Versalis (Gruppo ENI s.p.a.) di Sarroch (CA), dal 2014 di proprietà del Gruppo Saras s.p.a. in un’interessante inchiesta del bravo Pablo Sole per Sardinia Post.

Buona lettura.

gigi boi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 07.02.17 09:21| 
 |
Rispondi al commento

UOMO HA DICHIARATO GUERRA CONTRO LA TERRA E SUO FUTURO....

Il 92% delle persone sul globo, cioè oltre 9 persone su 10, respirano aria troppo inquinata, aria che danneggia la loro salute respiro dopo respiro.

Inquinamento in mare e oceani scaricate nei fiumi e da questi portati al mare sostanze organiche, degradabili o meno, provenienti dagli scarichi urbani, prodotti organici di origine agricola come i fitofarmaci e i fertilizzanti, inquinanti degli scarichi industriali.

Il petrolio rilasciato dalle petroliere o piattaforme petrolifere.
I prodotti radioattivi rilasciati durante la produzione e i test nucleari.
Il surriscaldamento delle acque costiere.
Lo sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche.
Lo sviluppo urbano incontrollato sulle coste e il turismo di mare.
La discarica di contenitori di plastica e altri rifiuti solidi non biodegradabili.
L'aumento della popolazione minaccia la sicurezza globale, circa 7 miliardi oggi, entro il 2050 più di 9 miliardi in sostenibile.

GUERRA CONTRO LA TERRA E' UNA BATTAGLIA PERSA ....

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 07.02.17 07:32| 
 |
Rispondi al commento

L'unico problema dell'Italia è la Raggi, questo è.
L'Italia fondamentalmente non ha nessun altro problema

Roberto M., roberto.maini@gmail.com Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 06.02.17 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Leggo sotto di qualcuno che sostiene sia colpa degli stranieri, in questo caso dei rumeni.
Posso dire per esperienza che le regole del paese dove operi le devi rispettare e qualcuno deve vigilare su chi opera e quanto è stato fatto. Che siano stranieri non c'entra niente. Un'opera fatta male esiste perchè qualcuno in alto, quindi non straniero, non ha fatto il suo dovere e solitamente questo accade per.......le solite ragioni.

claudio 06.02.17 09:04| 
 |
Rispondi al commento

Il nostro Paese è ormai completamente allo sfascio. Tanti disastri di ogni genere senza che chi ci governa si decida finalmente di fermare la corruzione, a mio avviso la principale causa della distruzione dell'intero terrotorio italiano.

Stendardo Ubaldo 06.02.17 08:58| 
 |
Rispondi al commento

Il suo post ,dimostra come in italia ci sia da fare un lavoro di ripristino e tutela per i cittadini, ma non solo quello.
Mette in evidenza la scarsa qualità informativa delle reti rai, anche se si paga per avere un diritto che dovrebbe essere dato gratis.
Non ci dovrebbe essere una censura sui danni causati da un qualsiasi incidente,penso che questo non danneggi,il lavoro svolto ne da giudici o magistrati ,quindi parliamo di una censura ingiustificata.

francesco s., Coreglia antelminelli Commentatore certificato 06.02.17 08:18| 
 |
Rispondi al commento

è legale che i dati siano secretati? se lo è bisogna cambiare la legge, se non lo è bisogna intervenire tramite i carabinieri

pietro marceddu (sarduspater4), cagliari Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 05.02.17 22:20| 
 |
Rispondi al commento

La TV non dice nulla su questo disastro ambientale (uno dei tanti purtroppo ) perché è troppo impegnata a sperare a zero sulla raggi. .... con montagne di parole inutili e viva l'itaglia. ......

alessio Iannascoli 05.02.17 20:41| 
 |
Rispondi al commento

IO abito in provincia di alessandria sul confine con la provincia di PAVIA due mesi fa in occasione dell'altro scoppio si e' formata un enorme nube tossica che ha oscurato il cielo per qualche ora. Poi ci e' e stato comunicato che la nube si e' "dissolta" sull'appennino ligure. Questa volta invece ormai da parecchi giorni nebbia e smog ci stanno soffocando se e' passata un'altra nube tossica non ce ne siamo neanche accorti perche ormai l'aria qui e' sempre tossica.

lucia 05.02.17 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Siamo un ente di regolamentazione economica e finanziaria. Assistiamo persone in difficoltà finanziarie per completare la loro richiesta di prestito, da istituti di credito speciale efficace e affidabile. Stiamo vedendo i mutuatari (individuo, azienda, società, ecc.) nelle procedure per l'adesione al loro prestito. Ci potete raggiungere a questo indirizzo: assistance.particulier@gmail.com

Aiuto finanziario Commentatore certificato 05.02.17 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Sono impianti appaltati ai rumeni.
Il lavoro agli stranieri e questi sono i risultati

anonimo 05.02.17 18:27| 
 |
Rispondi al commento

Ma il diritto costituzionale alla salute è più debole del diritto alla privacy dell'Eni? Come è possibile che sia tutto secretato...se abiti vicino hai diritto di sapere cosa rischi, credo...

Stefano 05.02.17 18:23| 
 |
Rispondi al commento

Vergogna

Anna Imperstore 05.02.17 16:32| 
 |
Rispondi al commento

LE TV NON DANNO NOTIZIA PERCHE' SONO TUTTE IMPEGNATE NELLE DARE NOTIZIE DEI RESPIRI, A CHI DA IL BUONGIORNO, QUANTI PASSI FA DURANTE LE 24 ORE DELLA SUA VITA GIORNALIERA, CHE FA LA RAGGI PURTROPPO SENZA COLPA NE REATO DI VIRGINIA, QUESTI INTERESSI SONO PURTROPPO PIU' IMPORTANTI DI QUALSIASI INTERESSE DI STATO.

cosimo calabrese, chiaravalle Commentatore certificato 05.02.17 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Perché non guardate anche quello che è successo ad Anagni in provincia di Frosinone con la vecchia fabbrica della videocolor che " casualmente " dopo che è stata chiusa è andata in fiamme provocando un grande danno ambientale ora che doveva essere bonificata?

Domenico 05.02.17 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Ma soprattutto, Eni nel 2015, ha riportato 8,82 miliardi di euro di perdite e nel 2016 è ancora in perdita e questi signori si permettono di elargire dividendi! Investite per lo meno nella sicurezza dei vostri impianti! Altro che dividendi!

Stefano De Bon 05.02.17 14:20| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori