Il Blog delle Stelle
A Catania e Palermo per un week end indimenticabile! #SceglieteIlFuturo

A Catania e Palermo per un week end indimenticabile! #SceglieteIlFuturo

Author di Giancarlo Cancelleri
Dona
  • 33

di Giancarlo Cancelleri

Sabato 28 ottobre ci sarà Beppe a Catania! Con lui arriveranno tantissimi portavoce nazionali ed europei; ci saranno anche Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio (al mio fianco da mesi) che arricchiranno la carovana dello #SceglieteilFuturo tour.

Il #Cataniaday inizierà con una passeggiata di 10 chilometri
, a cui parteciperanno Beppe e vari parlamentari nazionali e siciliani, con partenza alle 15.30 da Acitrezza, Via Lungomare dei Ciclopi (altezza Porto Nuovo) e arrivo alle 19 circa in Piazza Università, dove ci incontreremo tutti alle 21 per il comizio.

Domenica 29 ci sposteremo tutti insieme a Palermo per il #PalermoDay. Un’intera giornata per le vie della città, saremo in tutte le piazze, strade e mercati per incontrare il maggior numero possibile di persone. Ci aspetta un week end indimenticabile! Manca poco, non mancate! 💪🏻

Ps: sostienici con una donazione ---> http://www.giancarlocancelleri.it/donazioni/

ECCO TUTTE LE TAPPE DEL TOUR IN SICILIA #SCEGLIETEILFUTURO. PASSATE PAROLA E RAGGIUNGETECI!

27 ottobre
Ore 15:30 Villafranca Tirrena
Ore 18:00 Milazzo
Piazza Caio Duilio
Ore 21:00 Messina
Piazza Cairoli

28 ottobre
Ore 16:00 fino alle 23:00 Catania Day
Pomeriggio a Catania in compagnia dei portavoce regionali, nazionali ed europei
Ore 18:00 Augusta
Piazza Duomo
Ore 21:00 comizio a Catania
Piazza Università

29 ottobre
Ore 9:00 fino alle 22:00 Palermo Day
Intera giornata a Palermo in compagnia dei portavoce regionali, nazionali ed europei

30 ottobre
Ore 21:00 Trapani

31 ottobre
Ore 18:00 Alcamo
Corso VI Aprile (attraverso Piazza Ciullo d’Alcamo)
Ore 21:00 Sciacca

1 novembre
Ore 21:00 Agrigento
Piazza Cavour

2 novembre
Ore 18:00 Niscemi
Ore 21:00 comizio a Caltanissetta

3 novembre
Ore 21:00 comizio finale a Palermo
Piazza Verdi



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

26 Ott 2017, 13:08 | Scrivi | Commenti (33) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 33


Tags: beppe grillo, cancelleri, catania, m5s, palermo, sicilia

Commenti

 

volevo ricordare a quegli/quelle idioti/e che si divertono a fare le "cosacce" con gli immigrati che questi tizi ( non dico il colore che poi ti fanno passare per rassssista ) sono poratori di alcune varianti di papilloma virus che si trasmette coi rapporti sexuali....
poi se la moglie si ritrova con un papilloma in gola o il marito con un papilloma sul ......

non dite che non lo sapevate perché ve l'ho detto.... e questi papillomi aumentano il rischio di cancro.....

non c'è una vera e propria medicina se non la bruciatura col laser o altri mezzi simili.

per non parlare che hanno le piattole e anche se la big pharma non ve lo dice sono portatrici di HIV e tante altre belle cosine.

tanto per dirne una ai sinistronsi 27.10.17 03:22| 
 |
Rispondi al commento

Aleanka
Renzi sta facendo un sacco di quelle cose che voleva fare Berlusconi, e guarda caso hanno sancito in privato il patto del Nazareno, il padre si dice che appartenga alla massoneria deviata che è poi diventata la P2, stessa cosa la Boschi il cui padre era al vertice della banca dell’Etruria che era la cassa forte della P2, guarda caso trattano con Verdini (quello che per anni ha pascolato e istruito Renzi) che si sa essere appartenuto alla P2. B apparteneva alla P2. Quindi è abbastanza chiaro che il potere sia tornato a loro dopo la parentesi Monti-Letta che appartengono alla massoneria dell’Euro. E, guarda caso, Napolitano ha imposto Padoan che è la continuazione di quei poteri forti europei che (usando Fm, Bm e Bce)e ci stanno affossando.
Siamo caduti dalla padella alla brace, solo il tempo ci dirà se è peggio il potere massonico nostrano o quello dell’Euro, l’unica certezza e che nessuno dei due fa l’interesse del popolo.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.10.17 20:02| 
 |
Rispondi al commento

Viviana Vivarelli
Che il Pd avesse rinnegato tutta la sua storia e i suoi valori era già evidente dal plauso ‘senza se e senza ma’ alla spregevole riforma Fornero e alla turpe agenda di Monti, dalle scelte che Napolitano ha imposto di ministri derivati ac perinde cadaver dai diktat del Fondo Monetario (vd Padoan), dalla politica filo USA (F35 e non solo). ma poi erano risultati già vomitevoli le adesioni incondizionate al protervo Marchionne e alla sua volontà padronesca di togliere ogni diritto ai lavoratori e di ricacciare i sindacalisti alla Landini all’impotenza ricattando i lavoratori senza pietà. Abbiamo anche dovuto vedere l’inchino alla Schettino del sindaco di Torino Fassino allo strapotere di Marchionne e ora il vomito irrompe senza freni, quando Renzi dichiara che ‘andrà a visitare una fabbrica al giorno, e sceglie proprio Detroit, inneggiando alla delocalizzazione a cui aveva già fatto omaggio facendo ministro proprio la Guidi, una che sul lavoro portato fuori dal nostro paese ha fatto il suo interesse primario.
Come li difenderemo i lavoratori italiani? Quando vanno a lavorare all’estero?

Renzi collude con i peggiori brutti ceffi italiani: Berlusconi, Verdini, Marchionne, Genovese… gente che disonora l’Italia, che va contro gli Italiani, che dovrebbe essere messa all’indice dalle persone perbene
Che tanti del Pd continuino a sostenere un simile farabutto è ormai una vergogna nazionale.
Con tale genere di persone il nostro Paese non può che sprofondare in un baratro economico, politico e morale.
Mi sento come si sentiva un Tedesco assistendo all’ascesa fatale di Hitler e comprendendo appieno la catastrofe verso cui andava il paese, mentre le piazze si gremivano di folle plaudenti.
Non c’è nulla di più atroce di vedere l’impazzimento generale per un despota mentre media e politici perduti inneggiano al peggio e persistono nel sostenerlo.
Quanto accade in questi tempi nel nostro Paese mi spaventa e mi fa sentire impotente.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.10.17 20:01| 
 |
Rispondi al commento

Diritti che sono costati decenni di lotte fatti a pezzi nell’incuria di un parlamento di servi
Valori nazionali e universali calpestati bellamente da un pupazzo venduto a una cricca di magnati che promette la mattina ciò che rinnegherà la sera
Una setta deviata come la P2 che ormai la fa da padrona nelle istituzioni e nelle forze di difesa nazionali
Patti biechi e vergognosi con le tre bande della criminalità organizzata che ormai coinvolgono anche il Quirinale
Un ingresso in sordina nella terza guerra mondiale
Leggi a tutela del lavoro fatte a pezzi con la spocchia di un parvenue viziato e insolente a cui tutto è concesso
Depenalizzazione progressiva di reati gravissimi e ostacoli all’applicazione della giustizia per il trionfo dei peggiori
Delinquenti conclamati come Berlusconi, Verdini, Genovese, Bruno.. imposti come coautori della Costituzione o difensori di leggi incostituzionali
La Costituzione fatta progressivamente a pezzi nel caos di un potere protervo e bieco
.. e nessuno, oltre al M5S, davanti a questo immondo sfracello che faccia una sana opposizione?!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.10.17 19:56| 
 |
Rispondi al commento

IL CAIMANO E LA LUCERTOLA
Mario Miguel

Quando il Caimano, rimasto sprovvisto di incisivi referenti politici, decise, nei primi anni novanta, di entrare in politica aveva due obiettivi fondamentali: a) tutelare le proprie aziende operanti in regime di monopolio e di totale arbitrio ( in assenza di normative chiare dedicate al nascente sistema della Tv privata ); b) garantirsi una immunità-impunità per via del suo oscuro passato di imprenditore edile capace di muovere vagonate di miliardi di dubbia provenienza.
Quel che accadde alle politiche del ‘94 e nei successivi sedici anni è andato ben oltre le sue aspettative. Neanche lui si aspettava che l’opposizione della Sinistra potesse essere così inadeguata, tronfia e becera. Quei due obiettivi degli inizi si sono via via arricchiti di tante smodate, ambiziose finalità, tanto da essere stato capace di compiere immani evasioni fiscali, di far approvare decine di terrificanti leggi ad personam, di imporre un asfittico regime di monopolio dell’informazione, e di far eleggere a delicati ruoli istituzionali decine di soggetti provenienti da ambienti malavitosi e da quello della prostituzione, trascurando in modo delinquenziale gli interessi generali del Paese.
Questo specchiato curriculum politico, per il quale ha subito esemplari condanne penali, ha invogliato la Sinistra (ancor più inadeguata, tronfia e becera) a stabilire con il Caimano un patto d’acciaio per dar vita a importanti riforme costituzionali. Illudendosi, forse, che il processo di espansione smisurato degli obiettivi predatori dello stesso sia ormai poca cosa ? O piuttosto ritenendo di poterlo sostituire con un rettile politico di stazza assai minore ma non meno simpatico nei modi e perfettamente omologo nella spregiudicatezza decisionale…

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.10.17 19:38| 
 |
Rispondi al commento

ACCORDI PER BANDE
Viviana

Chi governa se ne sbatte di chi non vota.
E ormai se ne sbatte anche di chi vota.
Dal momento che per tenersi il potere non esita a rinnegare il proprio programma, a fare il contrario di quello che aveva promesso e ad allearsi col proprio nemico storico quando non ha ottenuto abbastanza voti per governare da solo.
Ormai la politica è ridotta a una lotta con accordi tra bande, una lotta del potere per il potere affinché resti sempre più solidamente e impunemente nelle mani di chi ce l’ha, impedendo a chi non ce l’ha di limitarlo, controllarlo o emendarlo.
Ma se la democrazia si è ridotta a un gioco di predoni che si mettono d’accordo tra loro per imbrogliare anche meglio la gente comune, sentire qualcuno che insiste a chiamare democrazia questo sistema mafioso è peggio che ridicolo, è da ignoranti o collusi.
C’è chi continua a parlare di democrazia numerica e di maggioranza democratica.
Ce ne vuole di faccia a dire queste sciocchezze, quando Renzi ha sul totale appena un 22% e non c’è sistema elettorale dove il 22% di un insieme possa essere chiamato legittimamente ‘maggioranza degli elettori’!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.10.17 19:36| 
 |
Rispondi al commento

A mantova' ..scusa er ritardo!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 26.10.17 19:23| 
 |
Rispondi al commento

Grasso lascia gruppo pd al senato.
Gesto apprezzabile ma assolutamente tardivo.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 26.10.17 18:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gentiloni riconferma Visco. Che si voglia mantenere la poltrona a tutti i costi è un dato di fatto, ma c'è dell'altro. Le cose devono stare come sono, se si affermasse il m5s, estraneo al meccanismo della casta, in molti corrono il rischio di essere incriminati per le malefatte che potrebbero aver commesso e anche incorrere in risaricimenti. Quindi meglio che tutto resti com'è.
Oggi si legge che l'ex Sindaco di Porto Empedocle, un certo Calogero Firetto, che ha amministrato questo comune dal 2006 al 2015, portandolo al dissesto, attende la sentenza a Febbraio. Nonostante ciò che ha causato, si è fatto eleggere nel 2015 Sindaco ad Agrigento, dove attualmente amministra.
Allora vedete che la cosa si ripete, amministrano male, creano danni e poi vengono scupolosamente riconfermati: questa è la realtà.

Veronica2 26.10.17 18:39| 
 |
Rispondi al commento

[...] Tuttavia, secondo quanto dispone l’art. 74 cost., il Presidente della Repubblica, può, prima della promulgazione, rinviare la legge alle Camere con messaggio motivato e, solo in caso di nuova approvazione, egli è tenuto a promulgarla.
Ne consegue che la promulgazione non è mero atto notarile, ma comporta una valutazione, di legittimità e talvolta anche di merito, sulla legge. [...]

Se il pdr firma la legge, la promulga senza un rinvio alle camere, significa che non ravvede elelementi di incostituzionalità.
Diventata legge dello stato, spetterà alla corte costituzionale il verdetto definitivo ma le elezioni saranno avvenute e il parlamento, come per il porcellum, sarà ugualmente legittimato a rimanere insediato perché eletto con una legge dello stato in vigore.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 26.10.17 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Sergio: ho l' obbligo di firmare le leggi, anche se non le condivido.

Se diceva "sono un passa carte", risparmiava fiato e onorava la verità.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 26.10.17 18:08| 
 |
Rispondi al commento

QUANDO MI DISPIACE NON ESSERCI
ma ci sarò con il cuore. Forza ragazzi ce la possiamo fare. Spazziamo via questa associazione di BUNGA BUNGA

giovanni ., Roma Commentatore certificato 26.10.17 18:05| 
 |
Rispondi al commento

Con questa legge elettorale, tutti i modelli dimostrano che non sarà possibile alcuna maggioranza in grado di formare un esecutivo. Gli elettori leghisti lo hanno capito? E soprattutto, è a loro chiaro che anche il loro capo, mr felpa, lo sa benissimo? Datevi una sveglia, citrulli!
Un governo di CDX non può nascere con questa legge elettorale ! Sarete mandati affan..lo da B. in tempo zero , B. vuole governare con Pinocchio e un po' di traditori e salvini lo sa! Svegliaa tonti !

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 26.10.17 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Tutti i regimi hanno avuto modo di nascere e prosperare grazie alla complicità colpevole della stampa. L' informazione libera e indipendente è indice di democrazia . M5⭐ al governo o sarà la fine.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 26.10.17 17:33| 
 |
Rispondi al commento

ot

marcucci voleva il mattarellum, purtroppo, dice, quando si fa una legge elettorale si cerca la mediazione...
se poi non la si trova si fa come per l'italicum... o no?..

marcu'..trovane un'altra... trovane..

http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/10/26/rosatellum-permette-di-scegliersi-i-propri-rappresentanti-surreale-botta-e-risposta-tra-il-fatto-e-il-senatore-renziano/3937643/

pabblo 26.10.17 17:32| 
 |
Rispondi al commento

uno slogan....a roma non si ruba più'''
dal 6 novembre nemmeno in sicilia....

francesco degni 26.10.17 17:31| 
 |
Rispondi al commento

"E’ un miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze perchè esse sembrano assurde e inattuabili.
Le conservo ancora nonostante tutto perchè continuo a credere nell’intima bontà dell’uomo. … Vedo il mondo mutarsi lentamente in un deserto, odo sempre più forte l’avvicinarsi del rombo che ucciderà noi pure, partecipo al dolore di milioni di uomini, eppure, quando guardo il cielo penso che tutto si volgerà nuovamente al bene, che anche questa spietata durezza cesserà, che ritorneranno l’ordine, la pace e la serenità.
Intanto debbo conservare intatto i miei ideali; verrà un tempo in cui saranno ancora attuabili."
(Anne Franck)

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 26.10.17 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono notizie che alcuni direttori di giornale non daranno mai perché considerano i lettori una massa di idioti manipolabili. In parte hanno ragione ma le copie che perdono sono la prova che la gente è stanca della propaganda . Sono direttori ai quali puoi chiedere di perlarti del fascismo, fanno editoriali a riguardo, sono capaci di spiegare l' argomento in modo chiaro e trascinante. Non ci sono dubbi , appaiono sinceri e domocratici.

(Da il FQ)

Destinazione Italia doveva essere il viaggio che rimette in connessione il leader del Pd con gli italiani. Ma dopo la prima settimana tra fischi, insulti e proteste nelle stazioni lo staff cambia programma e decide di non divulgare più le tappe, sottraendo il segretario alle imboscate di chi non gradisce la sua passerella lungo i binari. Neppure l'organizzazione del Pd sa dove e quando ferma il treno. E passa la palla alle Fs, che a sua volta la ripassano al partito. Mentre il convoglio si arrende dove è più agevole spiccare il volo

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 26.10.17 17:11| 
 |
Rispondi al commento

Forza Sicilia !!

elena guerini, bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 26.10.17 17:04| 
 |
Rispondi al commento

B è andato su con la rimozione di una precisa legge che glielo vietava in quanto proprietario di tv e giornali.E questa non è democrazia
L’inciucio attuale era già stato tentato dalla bicamerale di D’Alema,che era ed è disposto a patteggiare i diritti costituzionali per avere i voti di B e garantirgli immunità e potere,come oggi sta facendo Renzi.E questa non è democrazia
Per 20 anni i due partiti fondamentali hanno mentito facendosi votare perché l’uno combatteva l’altro
Oggi si arriva al patto palese dei due soggetti che dovrebbero essere avversari,calpestando di fatto ogni ideologia,ogni sentire di dx o di sx, ogni differenza dovuta di programma.
Milioni di cittadini hanno dato il loro voto perché fossero tutelati i loro diritti,la loro possibilità di lavoro,la giustizia,lo stato sociale.Quello che viene fatto con protervia da Renzi e B calpesta i diritti,se ne frega del lavoro,vuol distruggere lo stato sociale e portare tutto l’esistente ad una privatizzazione che ci renderà la vita ancora più dura,e ogni atto di legge ormai è una evidente ingiustizia
I media ci danno una visione sempre più distorta e padronale dei fatti e manipolano l’informazione e il giudizio come sotto un regime autoritario.E questa non è democrazia
Da 20 anni a questa parte non solo i valori della Costituzione non sono stati attuati ma adesso Renzi e B cercano di fare a pezzi la Costituzione e di diminuire la sovranità popolare
Un presidente della repubblica è uscito dai vincoli delle proprie competenze e dei propri poteri per creare dal nulla 3 governi,nessuno dei quali esce dalla sovranità popolare e dalla libera scelta dei cittadini ma che,tutti e 3,discendono dai comandi provenienti da una cricca finanziaria internazionale che ci comanda attraverso ordini disumani di organismi mai eletti da nessuno come il Fondo Monetario e la Bce
E questa non è democrazia.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.10.17 17:01| 
 |
Rispondi al commento

LA GOVERNABILITA’ DI RENZI NEGA LA DEMOCRAZIA
Viviana Vivarelli

Renzi non fa che parlare di governabilità, come se il rafforzamento del Potere fosse il maggiore interesse degli Italiani, ma la governabilità come lui e Berlusconi la intendono non serve agli interessi del Paese ma solo al consolidamento del loro potere personale, nella costituzione di una diarchia, da cui discendono due corti di ‘nominati’ mentre i diritti della sovranità e i diritti elettorali sono calpestati ogni giorno di più. I nominati stessi discendono dai due capi-in-testa e non sono più rappresentativi dei cittadini, mentre le ideologie che in tutta l’era repubblicana hanno contraddistinto i due poli principali vengono dissolte in un iperliberlismo che serve a compiacere i poteri forti dell’occidente, mentre fa da sottofondo a una nomenclatura sempre più sfacciata e arrogante che conosce solo il valore del denaro e dell’occupazione di tutti i gangli dello Stato.
La governabilità sta distruggendo la democrazia.
Non abbiamo avuto democrazia con i governi di B sostenuti sotto banco dal csx.
Ne abbiamo ancora meno oggi che il patto nascosto è diventato palese e che si rimuovono i problemi gravissimi dei cittadini e delle famiglie per rafforzare un potere ormai esoso e che pensa solo alla propria impunità e alla propria eternità.
Il primo modo per limitare lo strapotere della classe più corrotta e peggiore d’Europa è limitare gli abusi e i privilegi di questa classe trasbordante e la prima regola di democrazia che Grillo ha proposto è appunto questa: drastico tagli di emolumenti, privilegi e vitalizi, durata non superiore alle due legislature, diritto di recall per chi tradisce il proprio mandato e si dimostra indegno del posto che occupa, possibilità dal basso di accedere ai posti di rappresentanza.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.10.17 16:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L’UNICA COSA CHE RENZI HA ROTTAMATO E’ LA SOVRANITA’ POPOLARE
Massimo Buzzelli

Signor Presidente del Senato, dopo che Lei ha proposto che a B e al suo Governo venisse attribuito un “premio speciale alla lotta contro la mafia”, sarebbe adesso il caso di proporre Renzi e il PD ad un premio per la democrazia. Che ne pensa?
L’Italia dopo la II guerra mondiale ha avuto un gruppo di persone elette, colte ed illuminate che hanno dato alla nazione una COSTITUZIONE dalla quale ha attinto anche l’O.N.U. per redigere la statuto dei diritti dell’uomo, ora questa costituzione verrà modificata da: pregiudicati, delinquenti, escort, mafiosi, scilipotisti, pressapochisti, ciarlatani, renzusconiani, i colpi di fortuna non capitano due volte. Forza Italia.
La Goldman Sachs ha deciso che la costituzione di questo paese è troppo democratica. Renzi con rinnegati come Zanda e Napolitano ubbidisce: la Costituzione sarà rottamata. In verità sarà l’unica rottamazione fatta da Renzi. La vecchia cricca ha solo scambiato qualche posto, ma è lì più salda e impunita che mai.
L’unica cosa che Renzi ha rottamato è la sovranità popolare.
Sarà poi la volta dello stato sociale, delle pensioni sociali, delle pensioni di reversibilità, della sanità pubblica, di tutti i nostri diritti….
Il popolo bue non capisce un’acca. Gli elettori votano la propria estinzione come tanti zombi.
Questa gentaglia procede a colpi di ghigliottina, disinformazione e calunnie; opportunisti e caterve di troll che formano ormai il nuovo squadrismo.
Su tutto si erge come un Moloch insensibile e meccanico l’iperliberismo, morto in tutti i suoi effetti, vivo più che mai nella sua sporca corruzione.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.10.17 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Viviana
Io vorrei una sola dittatura:
quella del bene comune, della partecipazione democratica, del controllo dal basso del potere, della punizione dei delinquenti, del premio ai meritevoli.
Travaglio lucidamente ridicolizza la frasetta di Renzi sulla pretesa ‘dittatura della minoranza’, tirata fuori come il coniglio dal cappello dal maghetto di turno che tenta di spacciare spifferi per lalleri per mascherare la propria corsa al potere. Frasetta estremamente incongrua dal momento che serve a stroncare il dibattito sullo scempio della Costituzione di chi vorrebbe discuterla in tempi ragionevoli e non sbrigarla in una settimana alla svelta, in modo raffazzonato, come fosse un articoletto del codice della strada.
Dittatura della maggioranza.. dittatura della minoranza… ma cosa si dovrebbe dire della dittatura di un uomo solo che si porta un intero Stato a rimorchio?
I tempi cambiano. Le fesserie restano.
E purtroppo la parte più bolsa delle masse capisce solo le frasette arroganti del potere. E si ferma lì.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.10.17 16:48| 
 |
Rispondi al commento

IL POTERE PER IL POTERE
Viviana Vivarelli

Ormai sono sparite le ideologie, i valori, i principi, la sopravveste delicata con cui gli ambiziosi mascherano la loro ingordigia per mostrarsi meglio di come sono. Resta solo la lotta del potere per il potere. E di questa lotta Renzi e Berlusconi sono gli esempi più spregevoli e accaniti. Uno è giovane e bellicoso, l’altro talmente vecchio e mummificato che dovrebbe solo andarsene e resta in piedi solo grazie al puntello del potere, offertogli da Renzi e dal Pd, perché non c’è elisir di lunga vita migliore del potere.
Il potere intossica chi lo usa come una droga e oggi siano arrivati a quantità di overdose da paura.
Il Presidente Leone, che è stato uno dei peggiori presidenti della Repubblica italiana, ovviamente dopo Napolitano, diceva: “Cummannà è meglio che fottere”.
.
Il lupo trovò l’agnello alla sua mensa.
E subito lo accusò di volerlo mangiare.
Così Napolitano accusa il Movimento di autoritarismo.
Così fanno i malvagi che proiettano sugli altri come intenzione quello che loro fanno come occupazione.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.10.17 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno riesce ad accorgersi che in 20 anni da parte del Pd un vero ostruzionismo alle leggi di B non è stato fatto mai?Qualcuno ha visto mai,in questi 20 anni,qualche sforzo congiunto della cosiddetta sx che assomigliasse anche vagamente alla lotta disperata dei 5stelle contro un golpe autoritario allo Stato italiano?
Anzi,quando c’erano da votare iniquità di grossa taglia come lo scudo fiscale o le leggi ad personam,c’erano diessini come D’Alema che si assentavano apposta dall’aula,affinché,anche con le scarse presenze dei berlusconiani,le schifezze potessero passare,e c’erano persone che si dicevano di sx come Bertinotti che erano ben liete di tutte le opportunità della loro carica e arrivavano a difendere la casta dimenticando qualunque cosa fosse mai stata di sx
E’ in questo modo che con meno di 20 voti B è riuscito a far passare,in questo ventennio,7.500 tra leggi e decreti,ignominiosi.E nessuna di queste schifezze è mai stata cambiata o corretta dai successivi governi di csx,in nome di una mafia del potere che ormai è senza colore e senza onore
Compari e debosciati,apparentemente avversari,ma intimamente uniti in una colla comune,oggi come sempre
Certo che per salvare la Costituzione i piddini non solo non sarebbero saliti sui tetti,ma nemmeno sulle sedie
E ora che un gruppo di resistenti fa in Parlamento quell’opposizione dura che in 20 anni la cosiddetta sx non ha saputo fare mai,uno come Zanda ha la faccia di dire che le loro parole sono ‘luride’!E lo dice uno che appoggia il piano losco di distruzione della democrazia di un pidduista mafioso,quando lo stesso ha tentato di portare alla Camera un progetto per cacciare a forza di legge l’opposizione da Parlamento,quando lui stesso si è piegato al gioco sporco di asservimento del nostro Paese alla finanza internazionale,calpestando qualunque valore di indipendenza,libertà,democrazia,futuro degli Italiani
Davvero è questa gente ‘lurida’ e senza luce!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.10.17 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Viviana Vivarelli

“Un partito di “sx” senza un minimo programma, senza un minimo straccio di ideologia che fornisca quantomeno un metro di giudizio per poter dire “questo è giusto, questo è sbagliato”, è mai possibile?” (Sebastiano)
Eppure è questo che è avvenuto: un partito come il Pd, che discende da quella che fu la terza forza di sx europea, distrutto progressivamente dopo la morte di Berlinguer da persone vili e incapaci, guidate da tipi come D’Alema che già nella sua bieca bicamerale mostrava il compromesso con B,un intero sistema democratico ridotto a fare da stampella a quel neoliberismo spietato, radicale, cinico, che la sx era nata per combattere, un sistema capitalista cieco ed efferato che, dato ormai come imploso su stesso perché distruttore di futuro, è sopravvissuto grazie all’inerzia gravissima di una sx che ha rinnegato se stessa, che ha tradito il suo mandato storico, che ha ingannato e venduto i suoi elettori, con un popolo bolso e cretino che ha eletto da solo il proprio boia, che ha accettato di tutto: l’alleanza stretta con B, la distruzione sistematica della democrazia, il peggior sistema di sfruttamento mondiale e i suoi ordini ubbiditi ciecamente, un iperliberismo finanziario barbaro e antiumano negatore di ogni valore, con l’Italia venduta alla finanza, e i nostri beni sociali, i nostri servizi, i nostri diritti regalati a una cricca di banchieri gangster e di speculatori finanziari. E per che cosa?
Per permettere a una banda di politici corrotti di stare attaccati alle loro poltrone e impuniti per i loro reati!
.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 26.10.17 16:41| 
 |
Rispondi al commento

@ Dino in sottocommento tuo!ciaooo!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 26.10.17 14:24| 
 |
Rispondi al commento

ALLA C.A. DELLA CITTADINA CIARAMBINO,
Carissima cittadina Valeria vorrei raccomandarti di vigilare sui lavori del depuratore di CUMA, in quanto, in data odierna, gli organi di informazione di regime hanno divulgato la notizia che una ditta francese ha ottenut L?APPALTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEPURATORE PER DIVERSI MILIONO DI EURO. Occhio quindi ad appalti e subappalti tipici e caratteristici del sistema politico-amministrativo del regime.

Giovanni F. 26.10.17 14:15| 
 |
Rispondi al commento

BASTA CON LA MERDA

Quella cacata che è il Rosatellum, non potrà nulla contro la volontà popolare.

Una parte del popolo si è espressa andando sotto il palazzo del potere quando esprimevano l'ovvia fiducia alla suddetta cacata, perchè quelli che l'hanno voluta sono solo delle merde e le merde, a casa mia, se non le vuoi pestare, si scansano.

Ecco, un motivo siciliani, per non pestare la merda, è quello di votare M5S, così intanto daremo un assaggio ai merdaioli, di cosa è capace di fare il popolo.

Basta con la merda, vogliamo respirare aria pulita. E voi in Sicilia ne avete respirata davvero troppa!

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 26.10.17 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Chiunque fino ad oggi si sia lamentato della politica, dei partiti, dei ladri politici, non andando più a votare perché " tanto sono tutti uguali", "tanto è inutile"...oggi, alla prima occasione DEVE ANDARE A VOTARE, perché l'alternativa a questa "merda" esiste e si chiama Movimento 5 Stelle.
Non ci sono più scuse, se non "chi è causa del suo mal pianga sé stesso" (ma in questo caso farebbe piangere pure le nuove generazioni e tutti gli Italiani che queste "merde" vogliono mandare a casa).
Insomma, un po' di sano patriottismo oggi è essenziale e necessario.

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 26.10.17 13:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori