Il Blog delle Stelle
La proprietà dei giornali andrà indicata nella testata

La proprietà dei giornali andrà indicata nella testata

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 222

da AffariItaliani

Dopo le parole del vicepremier Luigi Di Maio, la questione della libertà di informazione e degli intrecci dei giornali con i grandi gruppi industriali e finanziari è tornata all’ordine del giorno nell’agenda di governo.In un’intervista esclusiva al direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino, Di Maio spiega come vede l’informazione e che cosa intende fare il governo in materia di conflitto di interessi e di tutela e recupero della libertà di informazione compromessa.

Ministro Di Maio, secondo lei in Italia l’informazione non è libera?

"Il sistema dell'informazione (giornali, radio, tv) è in mano a pochi grandi gruppi editoriali che hanno chiari interessi industriali e che hanno, in alcuni casi, concessioni da parte dello Stato. Questo è sotto gli occhi di tutti. Lo abbiamo scritto in un post sul Blog delle Stelle parlando della mappa del potere dei Benetton: 'Monica Mondardini è nel cda di Atlantia ma anche presidente di Sogefi, amministratore delegato di Cir Spa (la holding di De Benedetti) e, udite udite, vice presidente di Gedi Editoriale (Repubblica, l'Espresso). Non si fa mancare nulla. Livia Salvini, sindaco effettivo di Atlantia (controllore) e, contemporaneamente, nel Consiglio di Amministrazione de Il Sole 24 ore (amministratrice). Massimo Lapucci è nel Consiglio di Amministrazione di Atlantia e, guarda un po', anche della Caltagirone Spa (Il Messaggero, Il Mattino)'. Secondo lei questi giornali possono fare informazione libera? Detto questo c'è chi riesce a farla. Alcuni blogger indipendenti, per esempio".

Il premier Conte ha dichiarato alla nostra Piazza di non leggere i giornali, “senno’ non potrei governare”. Lei quali giornali legge abitualmente? E quali tg e gr? E online? Come è cambiata la sua dieta mediatica da quando è vicepremier e ministro?

"Per informarmi non leggo i giornali italiani, fanno solo propaganda. Leggo articoli specializzati, giornali esteri, blogger, dossier per informarmi sulle problematiche legate alla mia attività da ministro. I giornali italiani li leggo per capire come ci vogliono attaccare i loro editori prenditori. Un tempo i giornali rappresentavano uno spaccato dell'opinione pubblica, avevano dentro un po' del sentimento popolare che si respirava nelle strade e nei bar. Questa componente si è persa ed è per tale ragione che perdono copie. Per capire cosa pensano le persone mi affido alle piazze e ai social. Leggo sempre i commenti sulla mia pagina Facebook e Instagram. Valgono molto più di tutti gli editoriali del giorno".

lI governo gialloblù e l’alleanza Cinquestelle-Lega vengono sottoposti a un evidente bombardamento mediatico quotidiano. Secondo lei si tratta di libere scelte redazionali o c’è dell’altro dietro questa ostinazione? E perché?

"Il MoVimento 5 Stelle viene attaccato dai media fin da quando era in fasce. Questa abitudine non l'hanno mai persa. Non è una scelta redazionale. E' una scelta sistemica. Questo è evidente perchè quando decidono di attaccare, attaccano tutti insieme utilizzando la stessa falsità. Dietro ci sono quei gruppi prenditoriali che pensano di poter continuare a fare il bello e il cattivo tempo. Da quando c'è il MoVimento 5 Stelle al governo la musica è cambiata. Noi mettiamo al primo posto gli interessi dei cittadini, non i loro come ha fatto chi ci ha preceduto".

Ha avuto contezza ed esperienza personale dell’intreccio perverso tra potere economico ed editoria?

"L'intreccio è opaco. E' difficile avere esperienza personale. Tuttavia, come le dicevo prima, per capirlo bisogna guardare gli intrecci societari e le proprietà. A quel punto tutto diventa evidente. Anche la linea editoriale, che ormai è una sola per tutti i giornali e le tv: attaccare il MoVimento 5 Stelle!".

Crede che i direttori siano indipendenti o siano semplici foglie di fico dell’editore- finanziere o industriale che ha interessi imprenditoriali extraeditoriali? Di quali direttori lei ha stima e si fida?

"Posso dire soltanto che il tempo dei Montanelli è finito. E aggiungo: purtroppo".

Chi è il miglior giornalista italiano? E perché?

"Non è mio compito fare classifiche. Il problema dei giornalisti oggi è che ormai fanno parte dell'establishment, quindi invece di fare informazione, invece di fare inchieste, si limitano all'autodifesa che spesso e volentieri sfocia in becera propaganda".

Si può ancora tornare indietro, all’editore puro senza interessi extra editoriali e con un solo padrone, ossia il lettore?

"Si deve tornare agli editori puri. Solo così si garantisce un'informazione libera e veritiera. Lo faremo con una legge, lo faremo chiedendo alle società partecipate di non fare pubblicità sui giornali e lo faremo eliminando i finanziamenti pubblici ai giornali, diretti e indiretti. Ci sono giornali che professano il liberismo più sfrenato e poi campano di finanziamenti pubblici. Non è ridicolo?".

È opinione diffusa che solo con rigidi paletti e una regolamentazione del conflitto di interessi si potrà forse ovviare a questa gravissima anomalia e a questo malcostume. Ci state pensando? E’ pronto un provvedimento?

"Il conflitto di interessi è nel contratto di governo, il provvedimento complessivo è allo studio".

A che cosa pensate quando parlate di una legge che incentivi l’editore puro e limiti l’editore-finanziere (o imprenditore)?

"Ci arriveremo gradualmente. Il minimo sindacale è che il lettore sappia chi possiede il giornale e tutti i conflitti di interesse. Se il 'padrone' del giornale possiede centrali a carbone è chiaro che non dirà mai la verità sull'inquinamento delle fonti fossili. E' bene che il lettore lo sappia. Se il 'padrone' del giornale possiede un partito dovrebbe esserci il simbolo di quel partito appiccicato sopra. Insomma bisogna smetterla di prendere in giro i lettori. Aggiungo una cosa: la maggior parte delle fake news provengono dall'informazione tradizionale: telegiornali e carta stampata".

Come supererete l’impasse creatosi alla Rai con la presidenza Foa? Sicuro che non lottizzerete anche voi?

"Lo supereremo nell'interesse di tutti gli italiani che pagano il canone. L'interesse del MoVimento 5 Stelle non è lottizzare. Vogliamo liberare la RAI dai partiti e renderla un'industria culturale che possa competere con i colossi mondiali".



bannerdoni5s2018.jpg

13 Set 2018, 15:53 | Scrivi | Commenti (222) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 222


Tags: affari italiani, di maio, editori, editoria, giornali, giornalisti, intervista, m5s

Commenti

 

Caro Luigi Di Maio,
osservando quel che succede, in questo inizio legislatura, ho capito una cosa: Salvini sta governando con il M5S ma solo per farlo FALLIRE.
Ad ogni pié sospinto corre a scodinzolare da Berlusconi come e più dello stesso Dudù. Quando torna, eccepisce eccezioni inaccettabili come ha fatto con il condono vergognoso che vuole proporre. Ho la brutta impressione che, se il M5S rifiutasse (cosa che deve fare) l'appoggio, lo appoggerebbero PD, F.I. e FdI per farlo passare. Qui siamo al ricatto MAFIOSO. Sulle nomine RAI, FOA è già l'uomo di Berlusconi ma hanno creato lo stallo per favorire comunque Mediaset. Ora si torna a discutere ma solo per ottenere ancora qualche concessione per votare FOA. E' Salvini che sta favorendo il NANO, ma non per un fatto di alleanze, bensì in virtù di una situazione ricattatoria che dura da oltre un decennio. (Leggi "Il potere dei segreti", il NON libri di Marco Lillo in cui sono riportate intercettazioni non rilevanti a carico di questi ed altri malfattori e da questi utilizzate). Vi sono spartizioni preventive di governi regionali e comunali. C'era un patto Berlusconi-Maroni per la Lombardia alla Lega in cambio dell'appoggio per l'elezione di B. a Capo dello Stato, fallita a causa della condanna definitiva di quest'ultimo. Cose che fanno storcere il naso... ma poi si scopre che qualche mafioso custodiva archivi di dossier e capisci che è tutto vero. Io sono abituato a seguire giornalisti che sono anche degli storici. Saluti.

luca C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 20.09.18 23:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LUCA
Ripeto quanto già scritto in un post di qualche settimana fa: L'informazione deve poter essere fatta solo da coop. di giornalisti iscritti all'albo; a costoro deve essere imposto di pubblicare TUTTE le notizie di cui vengono a conoscenza, dopo averne verificato la fonte. In caso di pubblicazione di notizia non veritiera dev'essere entro due giorni pubblicata la smentita, obbligatoriamente in prima pagina e utilizzando caratteri di misura ed intensità doppia rispetto a quelli con cui era stata pubblicata la notizia non vera. L'inosservanza dev'essere punita per la prima volta con la sospensione dall'albo per una settimana e, alla volta successiva, alla radiazione dall'albo professionale. Ci sono centinaia di notizie sulla mafia, sulla ndrangheta e relativi pentiti e fiancheggiatori che vengono soltanto "enunciate" senza alcun seguito... a Palermo si stava svolgendo il processo sulla Trattativa, durato anni, e a parte il Fatto Quotidiano nessun giornale ne parlava. Lo hanno fatto quando sono arrivate le sentenze, ma solo per attaccare i Magistrati (con la M maiuscola)... Carmelo D'Amico, pentito di Mafia, boss del Messinese, due anni fa ha dichiarato:"il capo dei capi di Cosa Nostra, dopo Rijna, è Marcello Dell'Utri e Berlusconi è il suo braccio destro". Aveva manifestato l'intenzione di fornire dettagli ma aveva chiesto un programma di protezione per sé e la sua famiglia: non si è saputo più nulla. Sono circa vent'anni che il Viminale è in mano agli uomini di Berlusconi... CHE VERGOGNA. Anche adesso è lo stesso. Salvini dice di avere un consenso che supera quello dei 5 stelle ma non fa altro, ad ogni pié sospinto, che correre a scodinzolare da Berlusconi come un cagnolino. Nessuno gli chiede perché ?!? E' ricattato ? A me sembra proprio di si. Riflettete. Salvini è nel governo per farlo fallire. Saluti.

luca C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 20.09.18 22:38| 
 |
Rispondi al commento

E’ indiscutibilmente vero, portavoce, Ministro dello sviluppo economico e Ministro del lavoro Luigi Di Maio, che, per poter discernere ciò che scrivono i giornali, è molto importante sapere chi sono i loro proprietari.
Analogamente, per poter discernere ciò che dicono politici, pubblici funzionari, responsabili di organizzazioni a carattere collettivo, eccetera, è molto importante conoscere almeno la loro situazione reddituale.
Per questi, il Parlamento Italiano dovrebbe promulgare una legge (riforma a costo zero) per l’obbligatorietà della “trasparenza”; del tipo, per esempio, definita nella campagna “Candidati trasparenti” di Riparte il futuro (https://www.riparteilfuturo.it/parlamento-trasparente-xviii).

Santo Mazzotti, Remedello Commentatore certificato 19.09.18 02:10| 
 |
Rispondi al commento

Liberate la RAI dai partiti (se ci riuscite) ma soprattutto liberate gli italiani dal canone. A meno che non mi convinciate che pagare 90 EURO annui non è una porcheria (che va bene soprattutto ai partiti).

gabrio moli 18.09.18 20:35| 
 |
Rispondi al commento

Da giornalista freelance pienamente daccordo

Giovanni V., Rocca Priora Commentatore certificato 17.09.18 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Un quotidiano che prende un sacco di soldi per fare pubblicità, per esempio, a Benetton, di quale libertà parliamo, se non quella di fare gli interessi dei Benetton.
Io sono per dare il sovvenzionamento pubblico ai soli quotidiani e agenzie stampa che non hanno altre entrate se non quello della vendita diretta alle edicole e online, come era originariamente proprio per garantire la libertà d'informazione.

Barbara Croce 16.09.18 22:21| 
 |
Rispondi al commento

SECONDO me basta leggerlo!

..poi se non si è rincitrulliti si capisce subito di che pasta è fatto l'editore!

pippo 15.09.18 11:58| 
 |
Rispondi al commento

LA PROPRIETA' DEI GIORNALI
non è sufficiente indicare il nome di una società bisogna indicare anche chi sono gli azionisti, le persone fisiche. Le scatole cinesi non bastano bisogna indicare tutta la filiera che compone la proprietà di un giornale e di un canale televisivo. Basta con i sotterfugi o i paraventi è necessario conoscere chi sono le persone fisiche che manovrano nell'ombra

giovanni ., Roma Commentatore certificato 15.09.18 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Benissimo

elio 15.09.18 08:59| 
 |
Rispondi al commento

A volte la "verità" economica non coincide con quella politica!

ognuno protegge la sua!
E secondo voi è GIUSTA sempre quella politica??

A quanti dietro-front delle promesse politiche si è assistito in questi ultimi mesi??

Questo discorso in economia non è possibile perchè non si lavora sulle promesse ma sui "numeri"...
e quelli sono inconfutabili!

pippo 15.09.18 06:58| 
 |
Rispondi al commento

Una "legge" che protegga i cittadini dalle
--CASTRONERIE-- promesse in campagna elettorale??

(non tutti gli elettori sanno che tali promesse valgono soltanto nel "momento in cui si dicono"!)

poi si rimane delusi... molto più delle (false?) notizie lette su alcuni quotidiani che ce "le ricordano spesso nelle loro prime pagine!"

pippo 15.09.18 06:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

INFORMAZIONE e FORMAZIONE COSCIENZIALE

Che l'informazione sia ad oggi carta da c..o,NON C'E' DUBBIO,ma A CHI SI RIVOLGE?
Abbiamo noi CONOSCENZA E CONSAPEVOLEZZA reale di cio' che ci circonda.
Se c'e' qualcuno che parla,c'e' qualcuno che ascolta e PROBABILMENTE NON SA' DISCRIMINARE.
Perche'?
PERCHE' ALL'EDITORE INTERESSA VENDERE PUBBLICITA E I SUOI INVESTIMENTI.
Se dicono quelle cazzate ,e' perche' sanno come promuovere i loro prodotti,come difendere il LORO castello e SOPRATTUTTO CONOSCONO I LORO POLLI.

IMMAGINATE SE NOI,NON COMPRIAMO PIU' I PRODOTTI PUBBLICIZZATI IN QUELLE EMITTENTI e compriamo prodotti locali,artigianali e possibilmente a km zero.
IMMAGINATE SE USIAMO MENO L'AUTO,SE SPEGNAMO CON PIU' ATTENZIONE LE LUCI,SE RISPARMISMO ACQUA,SE VOTIAMO CONTRO GLI ARMAMENTI.
Oppue,IMMAGINATE SE OGNI VOLTA CHE C'E' UN TELEGIORNALE CAMBIAMO CANALE,oppure ANDAIAMO A FARCI UN GIRO.

CON CHI PARLEREBBERO GLI INFAMI che SFRUTTANO LA NOSTRA STUPIDITA'.
CHI STA MEGLIO DEI 2?

SCUOLA..FORMAZIONE DEI DIRITTI,DELLA STORIA..VIA EDITORI TENDENZIOSI DAI LIBRI DI TESTO.
VIA PROFESSORI CHE HANNO TIMORE DEL PARERE DEI GENITORI E NON FANNO PIU' UN CAZZO.
Mettere EDUCAZIONE CIVICA E STUDIO APPROFONDITO DELLA COSTITUZIONE.

PARTIAMO SUBITO..DAI BAMBINI DI 5 ANNI..FRA 25 ANNI L'ITALIA SARA' UN'ALTRA COSA!

QUI NON SI TRATTA DI PARARSI IL C..O...QUI SI TRATTA DELLA VERA CRESCITA,CHE SARA' SOLO SECONDARIAMENTE ECONOMICA!

O no?

CORAGGIO..RIFORMARE LA SCUOLA E' UNA URGENZA,E NON FACCIAMO PER CORTESIA GITE AL MULINO BIANCO!

Luca Fini 14.09.18 23:04| 
 |
Rispondi al commento

OTTIMO..E' GIUNTO IL MOMENTO DI DARE RIEQUILIBRIO AL SISTEMA INFORMATIVO.
Non si puo' dire ad un telegiornale di una emittente privata" tu questa cosa non la puoi dire" ,se e' diffamatoria e non comprovata ,ci sono i tribunali.
QUELLO CHE SI PUO' FARE e' OBBLIGARLI PER LEGGE,all' inizio dei loro telegiornali a mandare 30 secondi di comunicazione di stato,AVVERTENDO L'UTENTE CHE,ESSI,RISPONDONO AD UN EDITORE DI PARTE PER CUI ESSI SARANNO TENDENZIOSI!
Poi,anche il blog,potra' smettere di bannare commenti scomodi e non diffamatori,se essi sono correlati della fonte,cosi da non rischiare querele.
TRASPARENZA PER TUTTI E DA TUTTI!
Chiaro che io dico cio' e sono di parte,quella di un cittadino che tutti chiamerebbero " cane sciolto" ma che in realta' non e' un cane ,ma sicuramente NON HO PADRONI se non la mia coscienza,con la quale mi relaziono costantemente.
AUTODETRMINAZIONE DI CUORE,PENSIERO,PAROLA,SPOSTAMENTI TRA CONFINI E DA
PRESENTE E FUTURO!
GIU' LE MANI DALLE PERSONE!
LIBERTA'!

Luca Fini 14.09.18 22:45| 
 |
Rispondi al commento

A livello di informazione politica è tutto eguale agli scorsi anni. Vespa e Fazio sono su RAI1, Bianca Berlinguer su RAI3, in Mediaset non è cambiato niente, la7 è tal quale agli scorsi anni. Spiace, ma il nuovo Governo è circondato e, forse, i giornalisti non sono così pessimi come li si dipinge perchè potrebbero sparare anche di più ad alzo zero.

Chiara Mente Commentatore certificato 14.09.18 18:44| 
 |
Rispondi al commento

LA CARTA STAMPATA E LE TV
MEZZI DI DISINFORMAZIONE

E' PROPRIO COSI' !

UNA VOLTA C'ERANO GLI EDITORI PURI,ONESTI,
CAPACI E AVVEDUTI.

OGGI CI SONO ?

UN TEMPO LE GRANDI FIRME, AMANTI E DEDITI ONESTA MENTE AL PROPRIO LAVORO,0PERAVANO ORGOLGIOSAMENTE DA INDIPENDENTI E CON GRANDE COSCIENZA PROFESSIO NALE: SCRIVEVANO SOLO QUELLO CHE RITENAVANO CORRET TO, VERIFICABILE, DIMOSTRABILE, GIUSTO. ERANO UOMI NI, PROFESSIONISTI IMPARZIALI E, ALLO STESSO TEMPO, SEVERI NEI GIUDIZI - SOSTENUTI DA CIRCOSTAN ZIATE E VALIDISSIME MOTIVAZIONI - CHE "AFFIBBIA VANO" A CHICCHESIA : POLITICI, MINISTRI, GOVERNO, PERSONAGGI NOTI ED INFLUENTI, IMPRENDITORI, ETC. .
I GIORNALISTI, QUINDI PERSEGUIVANO ALTA FINALI TA'PEDAGOGICO-EDUCATIVE, BEN SAPENDO QUANTO L'INFORMAZIONE CORRETTA E PUNTUALE FOSSE ED E'FOR MATIVA PER LA CRESCITA DELLA COMUNITA', DELLA NAZIONE E PER LO SVILUPPO DI UNA COSCIENZA CIVICA DI CIASCUNO CITTADINO. ERANO ALTRI TEMPI .

LO FACEVANO CON RISPETTO, STILE, PONENDO IL LORO INTERLOCUTORE DAVANTI ALLE PROPRIE REALI RESPONSA BILITA. NON OBBEDIVANO NE' A CORRENTI POLITICHE, NE' A INTERESSI ECONOMICI, NE' AI POTENTATI ECONOMICI.
ERANO SEMPRE LORO, I MAESTRI, PUR AVENDO UN LORO EDITORE !

OGGI, CONTINUAMENTE, SI PROCESSA TUTTO E TUTTI!
E CIO'AL SOLO FINE DI ADEMPIERE AD UN COMANDO : INFANGARE, INFAMARE, MISTIFICARE, CONFONDERE STRUMENTALMENTE LA REALTA',I FATTI,L'OPERATO ALTRUI, IL "GOVERNO ALTRUI", E NON DELLA CARTA STAMPATA, CHE MAGARI HA FINANZIATO E SPONSORIZZATO PARTITI E POLITICI, PER UN "GOVERNO AMICO" .

UN TEMPO SI LEGGEVANO I GIORNALI E CI SI TENEVA INFORMATI; OGGI NON E' PIU' COSI' ! MANCA QUELLA NECESSARIA "LIBERTA' PROFESSIONALE" CHE TI FA DIRE E PARLARE LIBERAMENTE, SENZA I VINCOLI DEL TUO EDITORE.
LA DIGNITA, LA MORALITA, L'ETICA PROFESSIONALE ERANO BEN SALDE TANTO CHE NESSUN EDITORE OSAVA INTERFERIRE SUL GIONALISTA.
OGGI, LA STAMPA IN GENERALE E' "IMBAVAGLIATA" DAL POTERE ECONOMICO . QUESTO E' QUANTO !

Salvatore Cannatà (salvo niketeras), Mentana Commentatore certificato 14.09.18 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Io leggo tutti i giorni il sole 24 ore e da quanto scrivono tutti i giorni mi sto convincendo che è un governo di inetti, incapaci, sempre in disaccordo su tutto che manderanno in rovina L'italia.
D'altra parte i giornalisti del SOLE24ORE sono tutti laureati in economia, finanza perché mentirebbero così spudoratamente!

BRUNO 14.09.18 17:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

standig ovation per LUIGI, CAMBIAMO subito…, ALESSANDRO a LA7 un leone!!! bravissimi, siete i miei eroi!!! ce la faremo a sconfiggere i mastini !!!! l'intelligenza abbinata all'onesta' vince sempre..

simona porta 14.09.18 15:58| 
 |
Rispondi al commento

Basta finanziamenti ai giornali.

Silverio Mazzella (pacchiarotto), Ponza Commentatore certificato 14.09.18 13:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

benone sono con voi

giancarlo ricomini, marina di carrara toscana Commentatore certificato 14.09.18 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono una infinita di modi e malizie per orientare il giudizio di chi legge.
Purtroppo lo stato dovrebbe insegnare nelle scuole le tecniche di persuasione.
Ma nemmeno il M5s lo farà perché a tutti torna comodo persuadere chi legge per qualche tornaconto economico, politico, elettorale.
Anche il principio qui enunciato "editore puro" è solo una frase ad effetto perché per scrivere e pubblicare ci vogliono centinaia di milioni di euro. Chi ce li mette? E poi chi controlla chi e cosa uno scrive? Ma si può controllare la stampa? Direi di no se viviamo in uno stato di diritto. Ritorniamo al principio per cui sono le menti di chi legge che devono essere allenate a criticare e soppesare le notizie.

BRUNO 14.09.18 11:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sti " FALSI manager" detti Commissari Europei favoribili strapagati, per diventare poi " VERI manager" al soldo milionario per chi baratta o ricatta i soldi dei Governi con le multinazionali dei furti fiscali, tributari, diritti d'autore, falsi DOP, i IGP, precariato umano, l'uso di glifosati ecc. purche' i gli EuroOnorevoli con il torcicollo sui personali interessi. Elezioni, elettori, candidati, sondaggi, sponsor elettorali , multinazionali, fatturati, utili fiscali, utili azionari ufficiali, cda con ex Onorevoli, partecipazioni trust offshore senza tasse, trade online di narcodollari, sono gli anelli della loro catena.
Bisogna zittirli Noi non siamo "massa critica" di statistiche universitarie per le pubblicita', produzioni, vendite,consumi, elusioni, concussioni, degenze, morti, cause effetti di vegetali umani organici di durata 99ennali finalizzati a quelle rendite parassitarie di pochi al mondo e di chi sta con loro.
Chi no ! vada alle mense dei"poveri"dove loro elemosine tramite le onlus sono li, purche' deducibili da tasse. I megafoni umani delle notizie devianti e borderline all'antigoverno "populista" se non mi paghi.
Chi mescola la "merda" nel calderone dei casini italiani dall'ignorante poverta' elettorale dal post guerra ad oggi tenuta a bada, facendosi sempre i fatti loro, nominando "masterchef delle notizie allarmistice e maliziose " i nostrani giornalisti italiani che non devono scrivere piu' onestamente sui loro quotidiani, ma parlare da traghettatori velenosi di sondaggi e voti drogati solo in tv e radio, tanto i proprietari, editori, finanzieri, politici, avvocati, giudici, azionisti, benefattori, mecenati sono la stessa ""figura""! Anche se la tessera massonica e' scaduta ! Che cambia !
Pubblicate online sul web tutte le vere cifre dei commissari e segreterie EU. Gli oltre 80 mil.ni di miei Cittadini Elettori Europei in difficolta' possono far male agli altri elettori e loro civili sponsor del terrore. Paesani e nostrani inclusi !

giuseppe n., Dozza Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 14.09.18 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Si dovrebbe prevedere come reato la pretesa di far fessa la gente con ragionamenti a cazzo di cane perché c'è un limite a tutto!
La gente siamo noi e non dovremmo permettere a politici fetenti e scimuniti di farci fessi a loro piacere come se fossimo un branco di pupazzi con cui giocare o un paese da terzo mondo.
Non siamo mica al luna park nel banchetto dove si tirano le palle alle facce di cartapesta!
Qui le facce di cartapesta siamo noi!
E le pallate di merda le tirano a noi!
Dovrebbe esserci un veto di tipo costituzionale che impedisce ai politici fetenti e dissennati di farsi beffa della gente, perché non è tollerabile che dopo il danno anche la beffa...
Una legge che impedisca a Scajola di dire che ha presso 80 mazzette "ma non lo sapeva"
O a Berlusconi che ha comprato giudici, testimoni e finanzieri ma "a sua insaputa"
O per punrie chi in parlamento ha votato su Ruby nipote di Mubarack
O sul pareggio del bilancio in Costituzione
O che ha presto di imporci una Costituzione fatta da Verdini
O per un Ghedini che ci viene a dire che Berlusconi non sapeva nulla delle puttane perché era "solo l'utilizzatore finale"
Una legge che impedisca a Lupi di dire enormi boiate come "lo scudo fiscale non ha favorito l'evasione e la mafia" o "Scajola è stato un ministro bravo e efficiente"
O a Cicchitto di dire che "le dimissioni di Scajola dimostrano un forte senso dello Stato" .
O che punisca chi ha sentenzionato chi ha liberato Renzi dal reato di danno erariale dicendo che "Non sapeva quello che faceva"
Una legge secca come una ghigliottina che, appena uno di questi fetusi si permette di dire una cazzata che nemmeno un bambino di 8 anni potrebbe tollerare..: Zac, il taglio della lingua!
Anche un popolo vilipeso e tramortito come quello italiano ha una sua dignità. Dopo tutto!
Che ci ammazzino va bene, ma che sghignazzino anche sul nostro cadavere è troppo!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 10:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si giusto in particolare IL SOLE 24 ORE!

BRUNO 14.09.18 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Grande viviana!!!sei preziosa per tutti noi!!! E per questo blog!!!❤

Sandy***** S., Sandonaci Commentatore certificato 14.09.18 10:24| 
 |
Rispondi al commento

DON GALLO

"...mi torna in mente la frase del vescovo delle favèlas Helder Camara: "Quando do da mangiare a un povero, tutti mi chiamano santo. Quando chiedo perché i poveri non hanno cibo, allora mi chiamano comunista."
Il modello capitalistico è sbagliato. Non applica alcun principio del cristianesimo e io sono dalla parte di chi cerca di cambiarlo..
Dice bene padre Alex Zanotelli,il venti per cento di questo pianeta consuma l'80% delle risorse totali,quindi io non sto dalla parte delle minoranze, come scrivono, ma dalla parte delle maggioranze, miliardi di persone vittime di ingiustizia.
I filosofi sostengono che l'uomo deve farsi 3 domande: chi è, da dove viene, dove sta andando e, come disse Woody Allen...cosa mangeremo stasera.
Mi accusano di essere semplicista. E' vero, le cose sono così semplici...

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Sulla liberalizzazione o meno del lavoro nei giorni festivi, io taglierei la testa al toro: sta aperto chi vuole ma, se ha dei dipendenti, li paga il doppio e garantisce comunque loro un giorno libero la settimana.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 10:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MAURIZIO LANDINI
“Ilva?Con questo accordo siamo di fronte a un fatto nuovo:non solo si garantisce l’occupazione, perché non ci sono licenziamenti e si mantengono sia i diritti salariali che l’art. 18.Ma l’accordo prevede anche più di 4 miliardi di investimenti. L’accordo sindacale non ha tentato di tutelare l’occupazione,mantenendo le cose come sono.Il nostro impegno è che vengano fatti investimenti perché quella fabbrica non sia più un inferno,né per chi ci lavora,né per chi ci vive vicino Innanzitutto,il buon lavoro è stato fatto dalle lavoratrici e dai sindacati,che da 6 anni gestiscono la situazione.E hanno impedito che passasse una logica di riduzione dei diritti e dei salari.Do atto a Di Maio che ha fatto il ministro, lasciando fare al sindacato la sua parte.E,anche nei momenti critici nella notte,ha dato un contributo per fare in modo che le soluzioni fossero trovate.Quindi ha sostenuto le nostre posizioni per far cambiare idea all’azienda. Vorrei far notare che quell’accordo Di Maio non l’ha firmato.Quell’accordo è stato firmato dal sindacato,da ArcelorMittal e dai commissari.Mittal era partita che assumeva solo 10mila lavoratori e non voleva prendersi nessun impegno rispetto a quelli che sarebbero stati ancora lì nel 2023, quindi ci sarebbero stati dei licenziamenti.Abbiamo detto che un accordo così non lo firmavamo.Non voleva dare l’art.18.E anche sugli investimenti ambientali non c’era una serie di vincoli,che sono stati invece ottenuti.
Non abbiamo fatto l’accordo con Calenda non per una ragione politica,ma perché erano previsti licenziamenti.Mittal non aveva l’impegno di assumere,i numeri iniziali diversi e sull’ambiente c’era bisogno di forzare qualcosa in più.Quando ci siamo incontrati con Di Maio,gli abbiamo detto con molta chiarezza che per noi quello stabilimento e il gruppo non andavano chiusi.E gli abbiamo spiegato chiaramente perché non avevamo fatto l’accordo prima,chiedendo al governo di battersi insieme a noi per far cambiare idea a Mittal"

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 09:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Imola oggi
Diciotti, 42 clandestini pronti a costituirsi parte civile.
Arrivano senza documenti, ammettono di essere clandestini e vogliono costituirsi parte civile in un eventuale processo?
Ma con quale diritto?
..
Vorrei vedere se io posso arrivare come clandestino, forzando un confine e senza documenti in un altro Stato e poi mi costituisco parte civile contro il suo Ministro degli Interni!!!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 09:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scanzi contro il Pd dalla Gruber

https://youtu.be/zlB64PO8mQE


viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 09:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il PD esulta sperando la disfatta del governo giallo-verde, e che il RE Matarella gli riaffidi un incarico provvisorio di fare un nuovo Governo. Sarebbe l'ennesima dittatura in questo paese che ha perso ogni credibilità internazionale, siamo molto peggio di quando gli italiani andavano in Germania a lavorate e li mettevano alla prova per vedere se rubavano. IL PD HA PORTATO ALLA DISFATTA DELL?ITALIA, quel Martina si deve vergognare di parlare in pubblico, cosi tutti i giornali o tv che lo invitano ad dibattito politico. Il PD è morto e non risorgerà.............

Fabio Sardegna 14.09.18 09:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Parliamo tanto di Stati,ma che valore hanno nel mondo moderno?
L’economia e la finanza sono dettate da magnati che possiedono la quota di maggioranza di società per azioni
Il mercato è comandato da multinazionali che danno lucro a magnati e dettano pace e guerre,miserie e ricchezze,leggi del mercato,del lavoro o dell’informazione
I media sono di privati e persino la tv che dovrebbe essere a regime pubblico dipende per 3/4 da B o Cairo che sono privati
Governi corrotti come quello di B o Renzi hanno usato le istituzioni,le leggi e i cittadini per maggiorare guadagni privati(multinazionali o ricconi)e difendere una loro personalissima impunità
Le agenzie di rating sono private,possono alzare o abbassare le quotazioni di gruppi azionari come di Governi,dettando guadagni di privati o fallimenti di intere Nazioni,e stanno al di fuori di ogni controllo statale,sono quotate in Borsa e possono provocare il fallimento di un Paese o amplificare una bolla speculativa micidiale usando corruzione, collusione e speculazione privata
Le banche sono gestite da privati.Perfino Bankitalia è privata
Inutile dire che mafia,‘ndrangheta e camorra sono private
Ma private sono anche le corporazioni,come quelle di Confindustria o dei farmacisti,dei venditori di armi,dei petrolieri,della chimica farmaceutica, che mirano solo a mantenere interessi privati
La Comunità Europea serve principalmente a favorire gli interessi del principale gruppo bancario tedesco che è un gruppo privato.E le direttive europee sono finalizzate a smantellare diritti dei lavoratori,il welfare o i diritti sul territorio per favorire multinazionali gestite da privati
I massimi organismi internazionali,come WTO,Bm o Fm sono organismi privati che fanno l’interesse di magnati
Persino le chiese sono organizz. private che non sottostanno alle leggi pubbliche o agli interessi della collettività ma sono gestite in modo personalistico e monocratico da privati.
E noi siamo qui col nostro sogno di democrazia partecipata !!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 09:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ha ragione il ministro Di Maio sul reddito di cittadinanza non vedo perche tante opposizioni a questa legge, quanto basta per trovare le risorse eliminare le spese inutili anche perche si tratta di venire a gente che comunque lavora senza prendere niente facendo solo volontariato presso uffici dei comuni

Distinti saluti

Maria Giuseppa Montanaro

Maria Giuseppa Montanaro 14.09.18 09:25| 
 |
Rispondi al commento

Mario d'Aloisio
Settantamila posti letto in meno in dieci anni. Centosettantacinque gli ospedali chiusi. Liste d'attesa sempre più lunghe che fanno aumentare la spesa privata. E per curarsi gli italiani fanno sempre più debiti. Tutto grazie all'Ue e a chi l'ha sostenuta.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 09:14| 
 |
Rispondi al commento

Penso che sia inutile, a questo punto, anche distinguere tra editori puri e impuri. Un giornale non dovrebbe avere proprio nessun ''padrone'', perché è impossibile dimostrare i conflitti di interessi e corruzioni quando sono di natura clientelare e amicale.
I giornali dovrebbero essere costituiti come cooperative, quelle vere, intendo, e ogni giornalista unico responsabile di quello che scrive. Inoltre si dovrebbe obbligare per legge a pubblicare in prima pagina le ''SCUSE UFFICIALI'' in caso di fakenews; questo dovrebbe valere anche per le televisioni.
Un'altra cosa importante da fare sarebbe stabilire un ''prezzo standard'' per ogni inserzione pubblicitaria su qualsiasi giornale e sorteggiare il giornale che la pubblicherà, in modo da non creare clientele fisse e finanziare egualmente ogni giornale, con una redistribuzione equa degli introiti pubblicitari.

Mi rendo poi conto che, come dice l'amico travagliato, un buon giornalismo di inchiesta ha dei costi, ma sinceramente non saprei davvero quale soluzione si possa trovare.....
Una cosa è certa: il sistema del finanziamento pubblico ha fallito, quello privato altrettanto; non ci resta che provare la carta delle INFO-COOPERATIVE!

Zazà


P.S.
Ieri sera mi sono fatto quattro risate guardando Vespa e i suoi ospiti farsi in quattro per ''giustificare'' la partecipazione di Società Autostrade alla ricostruzione del ponte a Genova.......
poveri idioti, si stanno autodistruggendo!
Finché avremo giornalisti e politici d'opposizione così ritardati, questo governo non perderà mai il consenso; non vedo l'ora di rivedere Renzeppelino in tv con i giornalisti ''slurpanti'' evitare accuratamente di fargli domande sui casini di famiglia.
....UNICEFFI che non sono altro.....

Il Barone Zazà 14.09.18 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Chi finanzia il giornale, la proprietà,, devono essere scritti in grande, ben visibili. Altrimenti sti criminali lo scrivono visibile soltanto col microscopio, manco fosse la pubblicità di un medicinale!

Gilles 14.09.18 08:51| 
 |
Rispondi al commento

COME NON CONDIVIDERE?
ma certo che bisogna fare un severo conflitto d'interessi. Non se ne può più di questi editori-imprenditori che usano l'informazione per i propri interessi. Se la Lega non condivide bisogna dirlo forte e chiaro e Salvini, con tutti gli scheletri che ha nell'armadio, si sputtanerebbe un bel pò!

giovanni ., Roma Commentatore certificato 14.09.18 08:39| 
 |
Rispondi al commento

sono d'accordo.

Tommaso Giannitrapani 14.09.18 08:38| 
 |
Rispondi al commento

Nel FQ ci sono molti che potrebbero scrivere su repubblica, stampa e messaggero, tanto sono in mala fede! Feltri (FQ del 14/09/2018 pag.6): “ I DUBBI degli investitori sono poco finanziari e molto politici e riguardano soprattutto i Cinque Stelle che restano un oggetto misterioso: “È vero che il partito è molto scontento della leadership di Di Maio? ”; “Matteo Salvini è andato dal 14 al 32 per cento e i Cinque stelle dal 32 al 26, perché i Cinque Stelle restano nella coalizione?”". L’articolo si sviluppa poi tutto da questi concetti e dati iniziali . Ma come si fa a fare un discorso , scrivere un articolo, partendo da una falsità ovvero il sondaggio che da il M5S al 26%, mentre gli altri lo danno nello stesso periodo al 30% ? E sono quelli che hanno sempre sottostimato, perché di parte, il M5S (politiche 2013 dato al 14% poi risultato al 25%, politiche 2018 dato al 25% poi risultato oltre il 32%). E poi se il metodo è confrontare i dati dei sondaggi prima delle elezioni con gli attulai sondaggi come fa per la lega( ha preso il 17,33% alle elezioni , il 14% sono i sondaggi precedenti alle elezioni )allora per onestà lo deve fare anche con i 5S che prima delle elezioni venivano dati al 25% e non al 32 come scrive in mala fede Feltri. Se bara e scrive falsità il FQ che non ha un padrone e non prende soldi pubblici, ci possiamo spiegare dove arriva lo schifo degli altri giornali pieni di zerbini al guinzaglio di vecchi ladroni come de benedetti, caltagirone, berlusconi , etc. etc., ed è il motivo per cui, possiamo esserne certi, non se ne salva nessuno.

ciro r., napoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 14.09.18 08:32| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono rotto di questa Lega che non produce, che offre solo propaganda. Questi italioti del c.... che si cibano di propaganda. Ma che hanno fatto questi leghisti per gli italiani? Sono uguali agli altri, sono politica vecchia, come PD, FI ecc.. Noi dobbiamo continuare ad andare avanti da soli e per andare avanti dobbiamo crescere. Ottimo il lavoro di Conte, ma noi abbiamo prodotto, i contraenti un cavolo! Che si sveglino questi poveracci e comincino a lavorare per l'Italia, senza propaganda possibilmente.

Carlo Grignani 14.09.18 08:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

4x
lo vedremmo meglio nelle mansioni affidate da Totò e Nino Taranto al caratterista Pietro De Vico in Totòtruffa ’62: contatore di piccioni in piazza San Marco a Venezia.

Fatto Quotidiano 14 settembre 2018

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 08:21| 
 |
Rispondi al commento

3x
Invece Alfano,con sua grande sorpresa,fu chiamato dal primo studio legale italiano, il Bonelli-Erede di Milano, come consulente in “Public International Law & Economic Diplomacy”. Un’irresistibile nota spiega che “le competenze (allo studio Bonelli-Erede sono molto spiritosi, ndr)di Alfano verranno integrate con quelle di molti professionisti che da anni si occupano di diritto internazionale. L’obiettivo è assistere non solo le aziende, ma anche Stati, Enti, Istituzioni nel Mediterraneo, Africa e Medio Oriente per favorire gli investimenti”. I poverini sperano che porti nel privato le relazioni accumulate da ministro degli Esteri in Nordafrica (dove strappò il record mondiale di sbarchi di migranti). Tipico caso di circonvenzione di capaci.
Altro avvocato per insufficienza di prove è il renziano Ernesto Carbone, trombato dopo un solo giro: manco il tempo di acclimatarsi alla buvette (è un noto esperto di feste&ape) e già ha dovuto tornare alle pandette. Gli elettori ingrati gli hanno restituito il Ciaone lanciato dopo il referendum-trivelle. Fuori dal suo studio c’è una fila di clienti ansiosi di farsi difendere da lui: tutti aspiranti suicidi.
Poi c’è la pattuglia degli ex pm tornati in toga: la Finocchiaro (parcheggiata al ministero), la Ferranti (promossa in Cassazione senza uno straccio di concorso), D’Ambruoso (approdato alla Procura di Bologna, con gran sollievo di tutte le altre), ecc.
E Giovanardi? Si gode la liquidazione di 315 mila euro, frutto di 7 sudate legislature, e si dedica alla filatelia: in pratica, conta i denti ai francobolli. Non si hanno purtroppo notizie del prodian-renziano Sandro Gozi, ma avendo raccontato che Macron chiese consiglio a lui prima di fondare En Marche!, troverà senz’altro un impiego all’Eliseo. Noi però, visto lo score di successi inanellati in Italia e in Europa (l’ultimo fu la sconfitta della favoritissima Milano per l’Agenzia Ue del farmaco),

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 08:20| 
 |
Rispondi al commento

1x
Contatori di piccioni in Piazza San Marco
LAVORATORIIIII !-di Marco Travaglio

Se ne parla poco. Ma oltre ai profughi di guerra, ai rifugiati politici, ai migranti economici e climatici, abbiamo pure quelli parlamentari. Dal 4 marzo, quando furono trombati il 66% degli eletti nella scorsa legislatura, 600 anime in pena vagano per l’Italia in cerca di integrazione, mendicando un posto di lavoro, anzi più un posto che un lavoro. Possibilmente poco faticoso, perché non sono abituati e rischiano un’ernia fulminante. Certo, non sono molti, rispetto alle decine di migliaia di migranti tradizionali. Ma con le zanne, le ganasce e gli stomaci che si ritrovano, mangiano per un milione. In più, sono incattiviti dal taglio dei vitalizi, per nulla lenito dalle laute liquidazioni (chi lascia il Parlamento intasca pure la buonuscita, per le esigenze di prima sopravvivenza). Prendete Carlo Cottarelli, che non è neppure un trombato visto che non s’è mai candidato: Mattarella, a fine maggio, dopo aver rimandato a casa Conte per via del ministro Savona, l’aveva scelto come premier per farne il suo Monti personale. E lui, per quattro giorni, aveva girato i palazzi romani con i galloni di “presidente del Consiglio incaricato”, lo zainetto e il trolley, a caccia di ministri e fiducie. I ministri li aveva trovati, mentre di voti ne aveva collezionati zero su 945: una bella cifretta, che indusse perfino Mattarella a domandarsi con che faccia si potesse bocciare un governo voluto dalla maggioranza parlamentare per promuoverne uno voluto da nessuno. Ora però Carlo “Zero” Cottarelli avrà finalmente la sua rivincita: sarà ospite fisso di Fazio e occasionale di Floris, per giudicare con la massima serenità e imparzialità il governo che ha fregato il posto al suo. Come se invitassero Letta a dare i voti al governo Renzi, o Renzi a dare le pagelle al governo Gentiloni.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 08:16| 
 |
Rispondi al commento

2x
Ma lui, almeno, un mestiere ce l’ha a prescindere dalla tv: sta al Fondo monetario e scrive un po’ dappertutto. Mettetevi invece nei panni di chi non ce l’ha, o non ne ha mai avuto uno. Nunzia De Girolamo, tagliata fuori dalle liste di FI in Campania, ripescata in extremis in Emilia e ivi non rieletta dopo 10 anni alla Camera, sarà inviata speciale di Giletti. Ma non è stato facile convincerla, perché – assicura – “avevo anche altre proposte” (pare la volessero al segnale orario). Essendo avvocato, farà la giornalista, ma “senza perdere la mia identità: rimango di centrodestra, liberale, berlusconiana e non forzista”, e sono soddisfazioni. Scoppia invece la premiata coppia degli Addams di La7: Elsa Fornero resta lì col frustino, mentre l’ex Pdl Giuliano Cazzola rimbalza a Rete4. La gente non li può vedere, ma le tv se li strappano di mano.

Altri invece si disintossicano sulla carta stampata. Latorre è columnist del Messaggero, Capezzone de La Verità, Cicchitto di Libero, Verdini – fra una condanna e l’altra – del Tempo, dove editorialeggiano anche Dell’Utri (suo compare della P3) e Bisignani (che invece stava nella P2 e nella P4). Un ricongiungimento famigliare. Ma il caso più penoso è quello di Maroni: da governatore lombardo, era uno dei politici più potenti d’Italia; ma rinunciò a ricandidarsi per diventare ministro nel Renzusconi; e ora ha una rubrica sul Foglio, e pure in ultima pagina (su un giornale di cui già sfugge la prima).
Un fenomeno ancor più inspiegabile è quello di Alfano: prima di diventare un nessuno come politico e ministro, Angelino Jolie era già un nessuno come avvocato nella natìa Agrigento. “Riparto – aveva dichiarato dopo le elezioni – da dove avevo iniziato”. Cioè dal nulla. E lì sarebbe rimasto, non esistendo in natura nessuno che si farebbe assistere da uno come lui, fosse pure per un parafango ammaccato.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 08:15| 
 |
Rispondi al commento

Essere al centro della Vita
Riuscire a dire parole appassionanti
Cogliere l’Universale di ogni cuore
Sentirsi nella parte migliore della Storia
Scuotere le coscienze e colpire i potenti
Sognare l’Ideale e provare a praticarlo
Respirare con la salvezza della Terra
Trovarsi all’unisono con la sofferenza del Mondo
Che ci può essere di più esaltante
per l’essere Umano?

Viviana

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 08:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

b
la finanza perversa, i Paesi come la Germania che hanno tratto profitto dalla situazione. I macellai conserveranno tutti i loro capitali provvidenzialmente messi in salvo. La mannaia colpirà la gente comune e sarà così dura da portare alla rivoluzione. Non occorre sbandierare ideali anarchici o comunisti: la rivoluzione scoppierà perché la maggior parte della gente non riuscirà a sopravvivere. Non sarà l’ideologia, sarà la fame. E non sarà una rivoluzione mirata, ma disordinata e che finirà nel sangue.
E la contrazione della domanda di beni sarà tale da schiantare ogni mercato possibile, col fallimento di tutti, precipitando anche gli altri Paesi nella rovina, per la quota che hanno di titoli greci e per il fatto che tutti i Paesi europei sono legati a una sorte comune, come sono legati al fallimento dell’economia americana e del neoliberismo americano.
Ora non ci vuole molto acume per vedere che quello che ha portato la Grecia al default è identico a quel che è accaduto in Italia: abusi, privilegi, e sprechi, corruzione pubblica, politica allo sbando, deficit alle stelle, distruzione dello stato sociale, governi che hanno arricchito le banche, le multinazionali e i corrotti e hanno tagliato il futuro dei poveri.
Quello che un Governo serio dovrebbe fare è una politica di economia, di tagli agli sprechi, di tetti agli abusi, di razionalizzazione della spesa pubblica, di snellimento delle leggi e alleggerimento delle tasse.
Cosa accade invece? In Italia come in Europa persiste chi vuole censurare l'informazione, speculare sulla miseria, continuare le guerre, devastare altri Paesi, ridurre il tenore di vita dei popoli, ridurre la democrazia, distruggere valori e diritti, ammazzare il futuro.
A questo l’idiota applaude. Col danno di tutti.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 08:02| 
 |
Rispondi al commento

a
IDIOTI-Viviana Vivarelli

IDIOTA vuol dire umano di piccola mentalità privata e meschina, persona di corto intendimento che non riesce ad andare al di là delle proprie idee limitate e continua tuttavia a propagarle, elettore o politico incapace di vedere oltre, appoggiandosi ai peggiori, sostenendo il disfacimento e danneggiando l’insieme.
Nell’800 il termine ‘idiota’ era clinico e contrassegnava una categoria di minorati mentali. Nel nostro secolo l’idiota è uno che mette le proprie idee in difesa di qualcosa che danneggia tutti, e anche se stesso ma, stupidamente, non se ne rende nemmeno conto e continua, da vero idiota sostenerlo.

Oggi in Italia sono idioti quelli che dicono “Vogliamo più Europa! Chi se ne frega del fallimento della Grecia?”
Chi se ne frega cosa? Dietro la Grecia ci siamo noi. E quello che sta accadendo alla Grecia oggi accadrà a noi domani.
La Grecia, grazie a una classe politica corrotta che è andata al potere con la corruzione, comprando il voto con regali e posti di lavoro, usando in modo clientelare la democrazia, dilatando in modo inverosimile l’Amministrazione Pubblica, concedendo privilegi non sostenibili e profittando di abusi intollerabili, si ritrova oggi col Paese sequestrato, il popolo alla fame, le casse dell’erario vuote e il deficit dilatato, fino a una situazione di fallimento pubblico, che ha richiesto l’aiuto pesantissimo dell’UE, un aiuto che richiede come corrispettivo tagli e economie che porteranno il paese al disastro sociale.
La Grecia vede i suoi titoli declassati a livello spazzatura, il che vuol dire che i possessori greci di titoli si ritrovano invece che dei risparmi dell’’immondizia nelle mani, e dovrà abbassare pensioni, salari e stipendi del 30% in 10 anni e tagliare ogni sorta di servizio sociale.
Non saranno penalizzati i colpevoli di questa situazione: il centrodestra che ha governato male, la finta sx che ha fatto peggio,i politici corrotti, i partiti infami,le banche, gli imprenditori disonesti,

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 08:01| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno, di fronte agli scempi attuali propone di eliminare la festa del 1° maggio.
Semmai si dovrebbe farla una volta la settimana!
Vi pare giusto, dopo l'assassinio, eliminare il funerale della vittima?
(Viviana)

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 07:48| 
 |
Rispondi al commento

L’Era della Globalizzazione Neoliberista

Un analista americano ha previsto la crisi dell’euro
Noi non sappiamo più dove siamo.Non sappiamo cosa accade.Non sappiamo dove andiamo.E meno di tutti sembra lo sappiano quelli che pretendono di governarci
La nostra sarà ricordata come l’Era della globalizzazione neoliberista
Ovvero del dominio perverso delle Banche,della Borsa,delle Multinazionali e dei partiti snaturati che si sono messi al loro servizio

Segni di questa epoca dissennata saranno:
-il profitto al posto della vita umana
-la mercificazione dell’esistente
-le crisi finanziarie sempre più tragiche e a catena
-il crollo delle monete
-la crisi dei partiti e della democrazia parlamentare
-gli scempi climatici
-l’inquinamento del Pianeta
-l’immiserimento del mondo
-le guerre per esportare finta democrazia
-la marea di petrolio nell’Oceano
-il continente di borse di plastica
-la morte di infinite specie animali
-gli OGM
-i diserbanti folli e le semenze sterili
-l’imbarbarimento umano in apartheid, ghettizzazione,xenofobia,razzismo,omofobia, ginofobia,pedofilia…
-la decadenza delle ideologie
-la crisi delle grandi Chiese
-la perdita di valori umani,familiari,nazionali, universali
-la fine in un materialismo brutale senza alcuna spiritualità
-i flussi migratori incontrollati
-la sostituzione del lavoro e della produzione con la moneta virtuale e i giochi finanziari

Cosa salveremo di questa epoca sciagurata:
-i milioni di volontari
-la marcia per la pace di 110 milioni di persone
-il pensiero no global
-la critica al mercato e al neoliberismo
-l’informazione alternativa sul web
-la costruzione dal basso di una democrazia partecipata
-la lotta dei popoli contro le multinazionali
-un’economia sostenibile
-la condanna della guerra come abominio umano
-la condanna di razzismo,xenofobia,omofobia, ginofobia e pedofilia
-la fine del petrolio e dell’uranio
-le energie verdi
-la fine delle ideologie
-la necessità di salvare il Pianeta

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 07:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

STEFANO RAGUSA.
Di Maio risolvendo Ilva ha salvato la Puglia e il Paese, Genova (in cui si trova l'altra Ilva) e non solo Taranto, da un disastro economico di proporzioni bibliche, un autunno sindacale da guerra civile. Con abile e finora sconosciuta, maestria, ha dispiegato una strategia negoziale, politica e comunicativa da raffinato e navigato uomo di Governo. Una Case History che un giorno insegneranno a Science Politiche di Parigi. Bravo, bravo, bravo. Sul come prendere un contratto miliardario già firmato e ottenere in tre mesi dal contraente almeno 1000 assunzioni in più (700 + una cifra che va dai 300 ai 2500 tra i non esodati volontari) autolimitazioni draconiane sull'ambiente.
Solo per rendere le dimensioni, la fabbrica Bekaert in Toscana, che tanto occupa le cronache recenti per la delocalizzazione, impiega poco più di 300 dipendenti. Mittal ha assunto quanto tre Bekaert messe insieme, gratis et amore dei, con un contratto già in tasca. Il ministro ha trasformato le parti avverse, sindacati e amministratori locali, in inconsapevoli alleati, a planare dritti sulla firma nel d-day. Con pragmatismo ha dato concretezza, spessore a questo governo. Sì, lo so, le scelte si pagano in consensi. Non puoi accontentare tutti. Ci saranno contestazioni, fischi, accuse di tradimento, ma rimane la consapevolezza di aver fatto la cosa giusta. Molti di noi, per non dire tutti, tutti tranne Di Maio, avevano promesso di chiudere il mostro in campagna elettorale, sapendo che Ilva era dello Stato. Era una concessione come Autostrade. Ex italsider, tornata indietro allo Stato per inadempienze dei Riva, proprio come sta succedendo ad Autostrade.
Mai avremmo immaginato che Calenda, a legislatura quasi scaduta, in gran segreto avesse firmato la cessione a Mittal senza neppure consultare i lavoratori. Ci siamo trovati dopo le elezioni con l'annuncio che Ilva era già venduta e i sindacati in rivolta.

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 07:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Luigi Di Maio:
"Sarà un piacere vedere, dopo le prossime elezioni europee, una classe dirigente comunitaria interamente rinnovata che non si sognerà nemmeno di far passare porcherie come quella sul copyright. Un messaggio per le lobby: questi sono gli ultimi vostri colpi di coda, nel 2019 i cittadini vi spazzeranno via."

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 07:16| 
 |
Rispondi al commento

http://www.tarantobuonasera.it/news/cronaca/751391/gas-radon-nelle-scuole-dei-tamburi-contestato-melucci-sotto-palazzo-di-citta

Ad accertarlo è stata l’Arpa Puglia che nel mese di luglio ha completato l’attività di monitoraggio
La segnalazione dell’Arpa è stata inoltrata a metà luglio al dirigente scolastico dell’istituto comprensivo che, a sua volta, ha provveduto a girarla all’Asl ed al Comune.
Abbiamo segnalato i dati il 13 luglio a conclusione dell’anno di monitoraggio - ha spiegato il dg dell’Agenzia regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale - abbiamo commentato e trasmesso i dati alle istituzioni competenti.

Dal 13 luglio sono trascorsi DUE MESI!
Al sindaco, autorità scolastiche, ARPA, ASL, assessorato sanità regionale, pres. regione Emiliano: LO SAPEVATE DA ALLORA?
Se sì, come mai NESSUNO ha provveduto a risolvere il problema sapendo che l'inizio dell'anno scolastico era prossimo e lo si è saputo solo la settimana prima?
Di chi la COLPA?
Alla fine sarà ANCORA la sindaca di ROMA RAGGI, la responsabile di tutti i problemi italiani!
Ma ANDATE TUTTI AFF....LO TUTTI, VIGLIACCHI:
tutti a SCARICABARILE! Nessun responsabile!
MA I LAUTI STIPENDI VE LI PAPPATE OGNI MESE!
Anche i giornalai e le TV m-rde locali, regionali e nazionali: NESSUNO SAPEVA!
O TUTTI SAPEVANO MA il problema erano ancora una volta i cinghiali a roma MA NON I CINGHIALI A BARI!
CHE SCHIFO l'INFORMAZIONE ITALIANA!
Gli scandali dei politici e famiglie PD/dc-FI, dal BABBEO alla BOSKJ a VERDINI ai BRAGHETTON ai BERLUSCONI ai CALTAGIRONE ai DE BENEDETTI, ai DE LUCA ai PITTELLA, ecc..sono tutti dimenticati e secretati!
Il BABBEO che VIGLIACCAMENTE continua a sparare caxxate sul NULLA per SVIARE FURBESCAMENTE l'attenzione dalle sue porcate, quelle della sua famiglia, dei suoi complici e di tutto i vermi PDioti e Forzamummie!
Ma gli italiani onesti già dal 4 marzo li hanno scaricati nei cessi di arcore e nazareno!
PD/DC-FI arrendetevi e rassegnatevi! La cuccagna è FINITA!
FORZA 5*!

giuseppe r. Commentatore certificato 14.09.18 07:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

12-9-2018 TONINELLI DA VESPA
"Società Autostrade non metterà neanche una mattonella nella ricostruzione che dovrà pagare. Sarà solo una parte degli incredibili danni che ha causato. Il ponte lo ricostruirà lo Stato. Nel decreto che approveremo domani (giovedì 13) è previsto un commissario straordinario a cui saranno conferiti poteri straordinari, oltre il limite del codice degli appalti. Il ponte non lo costruirà chi lo ha fatto cadere. Non gli consentiremo di guadagnare ancora nella costruzione. Li obbligheremo per legge a pagare".
Il ministro ha detto anche che a costruire sarà una società a partecipazione pubblica, Fincantieri, insieme a Italfer,società eccellenze nella sfera delle Ferrovie dello Stato.
E quando gli è stato chiesto come pensa di crossare le procedure di appalto europee ha detto: "È un caso eccezionale per l’immane gravità. Lo Stato può fare quello che vuole. I nostri tecnici vanno ogni giorno a dialogare ogni giorno con la commissione europea" " Nel decreto Genova non abbiamo inserito la revoca delle concessioni, ma non veniamo meno alla volontà chiara di portarle a decadenza". Bruno Vespa gli ha chiesto: "Anche pagando 20 miliardi di danni?", cioè l’indennizzo previsto nella concessione. "L’inadempimento fa decadere il contratto – ha risposto. Abbiamo illustri giuristi che si dovranno contrapporre agli avvocati di Autostrade. L’obiettivo non è far decadere non la convenzione sulla A10, ma tutta la convenzione sui circa 3 mila km di autostrade".
"Lei vuole abolire con un legge un contratto" gli ha detto Vespa. Lui ha confermato: "Noi per legge lo facciamo decadere". Ha spiegato di essere convinto che la Società Autostrade farà ricorso, ma che la Corte Costituzionale ci metterà un anno o due anni a decidere e nel frattempo il ponte sarà costruito.
Il ministro ha anche detto che tutto il consiglio dei ministri è d’accordo e che l’iter seguito è condiviso dalla Lega.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 07:14| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente lo abbiamo fatto dimettere.

Prendiamoci la Consob e l'Italia!

NavaAffondata 14.09.18 07:10| 
 |
Rispondi al commento

Grazie a M5S l'emergenza di Genova sta venendo gestita nel modo migliore

Mesiversario 14.09.18 07:07| 
 |
Rispondi al commento

Tutti Scommettono Sul Divorzio Salvini-Di Maio. E Sbagliano
FRANCO BECHIS

In tanti scommettono sulla rapida fine del governo gialloverde e quindi sul divorzio fra Matteo Salvini e Luigi di Maio che sono il fondamento dell’esecutivo guidato da Giuseppe Conte. Ci sperano ovviamente Matteo Renzi e Silvio Berlusconi, oggi destinati ad essere semplici comparse della politica, ruolo a cui non sono mai stati abituati. Ma fanno il tifo anche numerosi altri poteri in Italia, come si è capito da Confindustria, dai banchieri e da gran parte della grande stampa e tv italiana. Legittimo sperare. Ma non lungimirante. Perché i due sono destinati a durare. E per molti anni quella alleanza politica sarà la sola possibile. A meno che gli elettori decidano diversamente. Ma questo è sempre possibile…Gran parte delle divergenze che vengono narrate sulla stampa non sono infatti tali, e le due componenti discutono assai meno di quello che accadeva ad esempio fra Lega e Forza Italia o An nel vecchio centrodestra. Di conflitto non si può affatto parlare, anche se è vero che ci sono personalità che hanno pensieri e sfumature diverse, come il presidente della Camera, Roberto Fico. Ci sono, ma sono in gran parte minoritarie sia su un fronte che su un altro. E sia Lega che M5s hanno fortissimo nel loro dna politico il completo distacco dalle politiche del Pd e dei governi precedenti, cosa che sembra difficilissimo fare per Forza Italia. E l’alleanza attuale di governo è non poco facilitata da Salvini, che sarà un leader politico mediatico e populista, ma molto pragmatico e assai poco ideologico, più incline a cercare di risolvere i problemi che a sventolare bandiere ideali.
Avendo seguito da cronista spesso il M5s e in molte occasioni pure la Lega sia in parlamento che nelle piazze, non mi erano sfuggite queste affinità già all’inizio della scorsa legislatura, ed era anche naturale che questa sintonia crescesse con gli anni,

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 06:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Franco Bechis
La storia della sinistra è stata quella di giocare anche sulle proprie divisione: ad un certo punto si è scisso l'elettore dal partito

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 06:42| 
 |
Rispondi al commento

Luigi di Maio ha detto che siamo fatti al 90% di acqua.
Renzi è fatto al 90% di acqua sporca.
Lapo al 90% è fatto.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 06:28| 
 |
Rispondi al commento

Secondo Salvini, il blocco dei beni della Lega potrebbe portare alla scomparsa del Partito. Poi ci sarebbero anche delle conseguenze negative.

[@rostokkio]

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 06:19| 
 |
Rispondi al commento

Rostokkio
Ho speso 360 euro di libri scolastici e girato l'angolo è già uscita la nuova edizione.
..
(Il nuovo Ministro dell'istruzione vi risulta che stia facendo qualcosa?)

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 06:16| 
 |
Rispondi al commento

Mario d'Aloisio

Settantamila posti letto in meno in dieci anni. Centosettantacinque gli ospedali chiusi. Liste d'attesa sempre più lunghe che fanno aumentare la spesa privata. E per curarsi gli italiani fanno sempre più debiti. Tutto grazie all'Ue e a chi l'ha sostenuta.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 14.09.18 06:04| 
 |
Rispondi al commento

Questa strada è quella giusta. Editoria pura, niente finanziamenti pubblici, legge sul conflitto di interessi.Non è ,però,ne semplice ne facile. Tutto l'apparato economico , la casta, e tutti quelli che fino ad oggi, hanno gestito l'informazione secondo i loro interessi,faranno quadrato e si opporranno con qualsiasi mezzo a queste riforme. Gli attacchi quotidiano che arrivano da stampa e Tv sono già, nel solco di questa strategìa- Il solo pensare che possano essere fatte le riforma di cui parla il PdC, mette paura,ma tanta, ai poteri forti.-

Vincenzo . Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 14.09.18 04:44| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi è. Il boss che comanda l'Italia e purtroppo siamo andati molto male.
Ora bisogna bloccare questo andazzo ed eliminare subito Berlusconi dalla politica. Poi dobbiamo buttarlo in galera per tutta la vita.
Solo così possiamo salvare l'Italia!
Facciamo subito così, grazie e cordiali saluti.
Rinaldin

franco rina Commentatore certificato 14.09.18 04:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Berlusconi è. Il boss che comanda l'Italia che purtroppo è andata sempre peggio!!!
Per bloccare questo brutto andazzo e salvare l'Italia e' necessario ed indispensabile eliminare politicamente Berlusconi e buttarlo in galera per tutta la vita!!!
Facciamo cosi subito, grazie e cordiali saluti.
Rinaldin

franco rina Commentatore certificato 14.09.18 04:05| 
 |
Rispondi al commento

ciò una voglia di vedere i video di RENZII...ciò!!

Mauro Magni 14.09.18 03:05| 
 |
Rispondi al commento

E svegliatevi ! ! !

vincenzo di giorgio 14.09.18 00:01| 
 |
Rispondi al commento

1) OT: Wrong Again! Di Nuovo Sbagliato!

La mia nonnina, scomparsa troppo presto all’età di 101 anni, ha comunque fatto in tempo ad insegnarmi tante cose.

Una di queste è il famoso “sapone della nonna”. Non so se è dovuto a lei questo modo di indicare una ricetta splendida, funzionante e a rifiuti Zero. Se lo fosse, io e Beppe saremmo fratelli senza saperlo, perché è proprio la stessa nonna che l’ha insegnata magistralmente anche a lui che l’ha trasmessa a tutti noi.

“C’è più gioia nel dare che nel ricevere”. Il dare è la gioia del Re.
Spesso, nel mio piccolo reame, mi presto a servire in famiglia e lavo i piatti con questa ricetta meravigliosa.
Ma come sempre ci sono i contestatori; anche in famiglia. Soprattutto!

Appena sciacquato il mio piatto, questo corpo sospetto viene sistematicamente passato ai raggi x sotto i riflettori potentissimi dei miei avversari. Alle volte non risciacquo bene e forse rimane la mia impronta digitale, non lo so, ma ogni volta vengo assalito con la stessa solfa: “Vedi che rimane un alone con il tuo pseudosapone della nonna? Non va! Con Lasty super sgrassante nuova formula, con tensioattivi anionici, cationici e cacofonici questo non succede. È talmente ostinato contro il grasso e lo sporco che ha in sé delle virtù talmente tossiche e portentose da distruggere tutto tranne sé stesso, orgogliosamente invincibile. Mai biodegradabile! Il futuro dell’umanità!!
Ma quale sapone della nonna...
Hai ancora sbagliato!”.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.18 23:02| 
 |
Rispondi al commento

2) Forse l’insegnamento più grande, comunque, resterà quello che ho compreso solo molti anni dopo la sua scomparsa:

- Non aver mai timore, inseguendo un Principio, di poter sbagliare. Non aspettare il futuro, crealo. Quando tutti ti diranno: “Sbagli, povero illuso; che vuoi fare? Sei il solo a credere ad una cosa simile!”. Tu, invece, credici!
Non temere mai di fallire, anche cento volte, per raggiungere ciò in cui credi con tutto il Cuore.

Molti hanno iniziato a dubitare e si sono arresi proprio un attimo prima della realizzazione di un Sogno, per la paura di fallire. Ciò nonostante si sono ritrovati proprio lì, dove sono soliti riunirsi soli i perfetti, coloro che non sbagliano mai. -.

- Coloro che non sbagliano mai? – gli rispondevo perplesso.

E lei:
- Si; ci sono alcuni uomini infallibili, duri, tutti di un pezzo, che non sbagliano mai -.

- Mostramene qualcuno di questi eroi, nonnina, te ne prego, perché voglio unirmi ad essi, imparare da questi uomini ed essere un giorno come loro. Dove sono? -.

Fui presto esaudito. Con un autobus ci dirigemmo un po’ fuori porta e scendemmo quasi in campagna. Marmi, fiori…un silenzio di tomba, all’ombra dei cipressi…
eravamo al cimitero.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.18 23:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quello di ostia che mena i giornalisti,è un delinquente,ne ero convintissima ora sono solo convinta.

Giuseppina Marzi Commentatore certificato 13.09.18 22:58| 
 |
Rispondi al commento

Denis Verdini condannato a 5 anni e mezzo per bancarotta fraudolenta de Il Giornale della Toscana. l’ex senatore di Ala era stato condannato in appello a 6 anni e 10 mesi per il crack della banca Credito cooperativo fiorentino.
MA.... E' ANCORA A PIEDE LIBERO...E CONTINUA A DELINQUERE..........

aniello r., milano Commentatore certificato 13.09.18 22:56| 
 |
Rispondi al commento

sinceramente non trovo più nemmeno la forza di commentare......sappiamo tutti cosa succede in Italia con i Media Italiani.......
è inutile continuare a dirci sempre le stesse cose......o questa gente la facciamo chiudere, o li chiudiamo quasi tutti in una cella........
commettono un reato di "diffamazione a mezzo stampa verso lo Stato".......è cosi'........
non c'e' molto altro da dire, c'e' solo da fare...

fabio S., roma Commentatore certificato 13.09.18 22:32| 
 |
Rispondi al commento

Via il canone obbligatorio RAI
SEGNALE CRIPTATO come si era detto in origine all'avvio del digitale terrestre

la RAI deve essere pagata DA CHI LA GUARDA
e da chi la ascolta....
via il canone dal BOLLO veicoli a motore

basta monopoli e rendite di posizione
una montagna di denaro spolpato a tutti indiscriminatamente e senza concorrenza...

Mauro Magni 13.09.18 22:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo voi che ci facevano le giornaliste (si fa per dire) Monica Maggioni prima, e , Lilli Gruber dopo,alle riunioni del Bildenberg? E' tutto chiaro? Allora, le elezioni europee sono prossime e gli attuali figuranti europei,espressione di nessuno,non se li ricorderà più nessuno,però iniziamo quantomeno a mettere da parte questi pennivendoli assoldati e facciamo molta attenzione ai trasformismi dell'ultimora:chi tradisce il popolo una volta e si assolda col potere,lo tradirà sempre!!

vincenzo Rina, Nova Siri Commentatore certificato 13.09.18 22:12| 
 |
Rispondi al commento

cosa si pretende da TAJANI
un individuo colluso fino al midollo spinale col berluskonismo più infame becero e soprattutto sconclusionato
Le riforme ammazza-popolo le ha dovute fare il governo dei tecnici di MARIO MONTI
perché il berluska dopo i disastri che ha fatto non voleva assolutamente metterci la faccia per riparare... si fa per dire.

Mauro Magni 13.09.18 22:10| 
 |
Rispondi al commento

Ot
Come ITALIANO sono profondamente offeso dall'ONU. Spero che il governo italiano gli tolga i finanziamenti e prenda le distanze da questo baraccone come ha fatto Trump.

Giorgio 13.09.18 21:57| 
 |
Rispondi al commento

Questa foto dove il Presidente Conte dice ai bambini sottovoce..." Mi raccomando, i giornalisti non lo devono sapere!" spiega meglio di mille parole a quale infame livello, queste penne-vendute, hanno fatto arrivare la stampa italiana!

https://www.facebook.com/GiuseppeConte64/photos/pcb.479141622567808/479139799234657/?type=3&theater


Roberto ., Roma Commentatore certificato 13.09.18 21:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@Beppe A.

Ti ho risposto nel sottocom - maria s., ancona 13.09.18 13:26 sul post
https://www.ilblogdellestelle.it/2018/09/i_negozi_chiudono_la_domenica_in_tutta_europa_e_fa_bene_alleconomia.html

Scusa Beppe ma oggi, dalle 9:43 alle 15:53, 4 (quattro) post centrali!!

maria s., ancona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 13.09.18 21:14| 
 |
Rispondi al commento

OT
Serve un ultimo sforzo...spazzare via la classe politica che ha espresso la governance (sic) europea. Una masnada di gente non eletta da nessuno espressione dei poteri forti, che fa il bello e cattivo tempo..., cui non frega nulla dei popoli, della storia e dei diritti delle persone. Spazzati via loro si può iniziare a costruire, se del caso, un'Europa dei Popoli com'era nelle intenzioni originarie.
L'appuntamento è alle elezioni europee prossime venture, cerchiamo di mantenere la calma...la direzione di marcia ė tracciata.

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 13.09.18 21:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la stragrande parte dell'informazione non è libera e imparziale; urge porre rimedio a questa grave anomalia indegna di un paese che possa definirsi democratico.
forza luigi!

daniele p., cortona Commentatore certificato 13.09.18 20:50| 
 |
Rispondi al commento

grande Luigi, sei un leone.

paolo b., ancona Commentatore certificato 13.09.18 20:48| 
 |
Rispondi al commento

Leggo spesso ,pardon leggevo spesso da giovane... "quotidiano INDIPENDENTE"... mica vero... dipendeva dai contributi!
hahahhha,.....!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.18 20:48| 
 |
Rispondi al commento

Sarei curioso di sapere cosa metterà Repubblica in testata...
1-De maledetti
2-Il bischero
3-Gentalin
4-Dez
5-Waltroni
6......
E il Corriere della serva?
E La Stampa?
Qui viene fuori un casino...è come bruciare loro i contributi o no?
Grandi.... vi seguo sempre con ammirazione.!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.18 20:46| 
 |
Rispondi al commento

Per usufruire dei contributi i furboni editori,visto che sono cambiate le disposizioni,stanno cercando di cambiare le loro ragioni sociali in Cooperative,ma questo non li dirime da dover dimostrare chi il "capo Cooperativa" o l'editore proprietario che vi si cela dietro.

Quindi ottima iniziativa di indicare la proprietà della testata che serve a smascherare i PRENDITORI.

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.18 20:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT

Il ministro Di Maio su Facebook, dopo le dimissioni del presidente Consob Nava:

" Finalmente arriva la presa d'atto da parte del presidente della Consob, Mario Nava, circa la sua incompatibilità tra il distacco dagli uffici tecnici della Commissione europea e la guida di una Autorithy nazionale come la Consob. Complimenti a chi nel Movimento 5 Stelle non ha mai mollato su questa battaglia.
Adesso vi prometto che nomineremo un servitore dello stato e non della finanza internazionale. Volteremo pagina assicurando alla Consob un presidente che possa esercitare pienamente e liberamente il suo ruolo. "

Roberto ., Roma Commentatore certificato 13.09.18 20:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non basta la stampa Nazionale e le TV adesso ci si mette pure l'UE e la BCE.... stanno avanzando i ladroni europei per metterci alla frusta... coraggio teniamo duro ed andiamo avanti... solo il buon senso,l'onestà e la trasparenza saranno i presupposti per combattere il liberismo sfrenato!
ps: parlano gli stessi che hanno ridotto in miseria la Grecia.

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.18 20:30| 
 |
Rispondi al commento

per beppe a. che scrive:


"preeuro gli italiani si son comprati prima e spesso 2 casa, e costruito il primo risparmio al mondo, mentre la maggior parte dei tedeschi vive in affitto. E' tutto li'"

-------------------------------------------------------------------ù


negli anni '60, quando le case te le tiravano dietro e si potevano comprare anche solo con il tfr. cosa che gia' dagli anni 80 era impossibile fare.

per le case, ai tedeschi conveniva andare in affitto piuttosto che comprare, visti gli affitti bassi, che ancora oggi ci sono. c'era anche la possibilita' di potersi trasferire con meno problemi per motivi di lavoro, familiari o altro. lo stesso per olandesi, danesi etcetc.

solo da noi gli affitti costano come una rata di un mutuo. e non per i mutui bassi, ma per gli affitti alti. cosi' conviene comprare piuttosto che andare in affitto. si paga lo stesso ma si diventa proprietari.

ricordi quando il governo dovette calmierare i prezzi mettendo l'equo canone? che non servi' a niente. olandesi etcetc. avevano gia' questa regola.

tanto per dire che nei paesi del nord europa sono veramente anni luce lontani dall'italia, ti descrivo una loro legge:

in olanda una decina di anni fa il governo tolse l'equo canone, cioe' si poteva affittare al prezzo che si voleva. libero mercato.
questo porto' a un aumento del costo degli affitti, che da una media di 300 euro al mese, schizzzo' a 600 euro..
la gente si ribello' cosi'' il governo fece una legge per cui se uno comprava una casa gli interessi del mutuo li avrebbe pagati lo stato. questo vale solo per la prima casa, chiaro.
cioe', la casa costa 200 mila euro? ok, mutuo di venti anni e paghi in venti anni 200 mila euro. solo quelli. gli interessi li paga lo stato.

cosi' gli olandesi hanno cominciato a diventare padroni di case, come noi. perche' da allora gli conviene avere una casa di proprieta'.

e' che i dati se sono incompleti sono fuorvianti. e sui dati un tanto al kilo c'e' chi ci marcia.

carlo 13.09.18 20:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT

Conferenza stampa Premier Conte dopo CdM

https://www.youtube.com/watch?v=ABvBIh2dd-k&feature=youtu.be

Roberto ., Roma Commentatore certificato 13.09.18 20:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A TITOLO DI CRONACA ..OGGI SU SKY LA GELMINI PREOCCUPATA PER LE MINACCE DI DI MAIO " ALL INFORMAZIONE"..MI SA CHE QUEL TUNNEL HA LASCIATO UN BUCO ...OVVIAMENTE I CONDUTTORI " HANNO DIMENTICATO" IL BERLUSCA ...

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 13.09.18 19:50| 
 |
Rispondi al commento

"carlo
per esempio un aumento di capitale; oltre allo stato ha (ancora) azionisti, obbligazionisti..."

-----------------------------------------------------------------

e ha bisogno di un giornale per questo? se proprio vuole farlo sapere a tutti si compra mezza pagina di un quotidiano e lo dice li'. gli costa senz'altro meno che dovere avere un giornale. oppure, se sono notizie per i soli interessati, manda lettere (o email) agli azionisti.

mai sentito che una spa per comunicare certe cose (ad esempio un aumento di capitale) ha bisogno di un suo giornale.

carlo 13.09.18 19:41| 
 |
Rispondi al commento

Grande di Maio

Walter 13.09.18 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Chiediamo ancheva Rai 3 di dire prima del TG che questo è il TG del Partito Democratico.

Ciro M., Brussels Commentatore certificato 13.09.18 19:23| 
 |
Rispondi al commento

@ PAOLETTO ZA+ DA CROCHETTA... CHETTA... CHETTA... CHETTA

Bisogna sapere distinguere chi, sul blog, si esprime perché ha un pensiero che non è conforme alla linea della maggioranza, da chi ha altre ragioni per intervenire, sistematicamente, argomentando in modo palesemente provocatorio, spesso insulso.
Appartenenti a questa ultima categoria vi sono persone che generalmente definiamo troll, ma vi è anche una categoria d'individui, le cui motivazioni appartengono più al "sociale" che alla volontà di provocare.

Paoletto Za+ da Crochetta non è un troll, ma una persona che ha bisogno di attenzione. Ogni risposta che ognuno di noi dà ai suoi commenti, andrebbe considerata come un atto dedicato al "sociale": un atto di comprensione verso una persona in difficoltà. Egli ha bisogno di attenzione e non è difficile comprenderne il perché. Egli, per ottenere attenzione, non conosce altro mezzo della provocazione. Egli vive, si rapporta con gli altri come può e come sa, ma il suo scopo è solo quello di dimostrare che esiste e lo fa con l'unico modo che conosce: rompere gli zebedei.

Detto ciò, chiunque, una volta tanto desideri fare una opera di carità, come andare a lavare il culo ai vecchietti infermi, gli risponda pure, ma tenendo presente che si tratta solo di un atto di carità. Per tale motivo, se non ve la sentite di rispondergli con tale motivazione, per favore evitate di rispondergli.

La massima forma di culture che forma ciò che è rimasto nella mente del Paoletto, sono i proverbi e se voltete dissertare con lui, vi invito a farne largo uso.

Bastonare uno come Paoletto, è come bastonare un cane mentre caga. Troppo facile.

Dire gobbo ad un gobbo, sono capaci tutti ed è per questo che se non ci si rivolge a lui, con spirito caritatevole, poi ci si vergogna un po' di averlo bastonato.

Se fate la carità, fatelo in silenzio e con moderazione, altrimenti ignorate e abbiate pietà.
Questo è l'ultimo mio commento che riguarda Paoletto.


Erano 70 anni che attendevamo che un uomo di governo pronunciasse parole così convincenti e schiette. Il M5S ha permesso che tale sogno diventasse realtà. Al di là di quanto si riuscirà a realizzare in concreto, il solo fatto che nell'agenda di un governo sia entrato un nodo cruciale come la libertà di informazione e i mezzi per garantirla per davvero è qualcosa di assolutamente straordinario. Bravissimo Di Maio!

Pausilypon 13.09.18 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Togliere i finanziamenti alle testate. Il resto sono chiacchere!

Valerio VIVALDI 13.09.18 19:16| 
 |
Rispondi al commento

Mi permetto un consiglio.
Nelle comunicazioni ufficiali del Governo sarebbe opportuno uscire con una voce sola, quella del Presidente Conte.
I due vice, dovrebbero esternare le loro ragioni a titolo personale o quali capi dei rispettivi movimenti politici.
Altrimenti, e lo vediamo ogni giorno, la disinformazione o meglio la cattiva informazione della stampa e TV, si diverte a lanciare invettive, fake news, disorientando tutti.
In particolare sulle discussioni relative ai vari provvedimenti allo studio è bene, ripeto, lasciare la parola al Presidente Conte, che sintetizzando e unificando le varie ragioni, permette di evitare tutto quel frastuono di voci, controvoci, supposizioni e smentite che ogni giorno ci tocca ascoltare.
L'armonia di una compagine di Governo va gestita soprattutto con una comunicazione rigorosa e ben fatta.
Altrimenti ci prestiamo a quanto trattato in questo post, che con un poco d'impegno possiamo evitare
G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 13.09.18 19:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finalmente. Finalmente si cambia davvero.

Giuseppe C., Sinalunga Commentatore certificato 13.09.18 19:03| 
 |
Rispondi al commento

L'accordo sull'Ilva è il migliore possibile nelle condizioni peggiori possibili.
Landini ha chiaramente spiegato la differenza fra il ministro Di Maio e l'ex ministro Calenda, numeri e dati alla mano.
Ora tutti sanno che il governo populista, razzista, incompetente, fascista, lavora per il popolo italiano. Domanda semplice ma quelli bravi, progressisti, competenti, illuminati per chi lavorano?
Giù duri col caterpillar, spazzare via tutto il passato a muso duro il popolo è con voi!

stefanodd 13.09.18 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Andrea Scanzi: “L’eterno ritorno del Tragedia”

Sempre lucido e simpatico come lui solo sa, Matteo Renzi continua a regalarci perle. Ormai, più che un uomo, pare un mesto compendio dell’infelicità. Non sa più cosa fare. Smette, anzi no. Si dimette, anzi no. Gioca a tennis e sta zitto due anni, anzi no. Va in tour per insegnare al mondo come perdere da soli. Poi torna e fa la parodia involontaria del critico d’arte, straparlando di un “Michelangelo fiorentino” (era aretino) e dissertando del Tondo Doni in qualità di Tondo di Rignano. Infine, con pantaloni attillati a metà tra un Amleto bolso e un mimo dismesso, grida: “Non vi libererete di me, andrò in tivù e nelle scuole!”. Gli avversari esultano, gli studenti meno: non era già bastata la “buona scuola” come forma di sadismo?
Per Renzi è proprio un fatto personale: deve radere al suolo tutto il Pd. Tre sere fa si è esibito alla Festa de l’Unità di Milano. A bordo palco, primo a suggerire e applaudire, svettava il marginale Scalfarotto: un fiancheggiatore all’altezza del proprio Duce. “Testi” da asilo nido, dizione da galera, presenza scenica da battipanni: anche a Milano, Renzi ha sbagliato tutto. Sogniamo con lui.
– “Salvini alle 3.25 di mattina era a Milano Marittima (compare la foto sullo schermo, NdA). Leva la foto, ci sono dei bambini!”. Renzi – cioè: Renzi – fa ironia sul fisico altrui. Bisognerebbe che un amico gli dicesse una volta per tutte: “Guarda che sei più brutto di un disco minore di Povia”. Solo che un Luciano Nobili non può dirglielo. Vuoi perché altrimenti scompare.
E vuoi perché, pure lui, anela forse a un ruolo come mostro Aniba nel remake di Jeeg Robot.
– “Il Movimento 5 Stelle al governo è una banda di scappati di casa. E’ un dato di fatto. Voglio farvi vedere la classe dirigente dei 5 Stelle”. Che tra i 5 Stelle ci siano personaggi improponibili è innegabile, che sia Renzi – cioè: Renzi – a ironizzare sulle classi dirigenti altri è surreale.


SEGUE SOTTO

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.18 18:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ministro Di Maio finalmente avete capito su deve intervenire. Più volte scrivendo su questo blog, ho dichiarato che l’informazione dei giornali italiani e della RAI è fortemente di parte.Occorre perciò rivendere la legge sull’Editoria che in più decenni ha regalato soldi alle testate giornalistiche italiane a titolo di contributi a quei giornali organi di partito e dichiaratamente con a capo una forza o partito politico.Vada a leggersi la legge, se non lo ha già fatto è vedra’ che tutti questi soggetti hanno goduto a piene mani di questa legge fatta apposta per loro. Noi, poveri e piccoli, ma editori puri, non abbiamo mai potuto neanche accedere a queste leggi. Agisca subito e provi a sentire anche noi editori del Sud quanto abbiamo ancora da dire e dare alla Nazione Italia. Vada a controllare a quanto ammontano i contributi annui versati ai giornali ogni anno in questi tanti anni e tolga dalla bolletta Enel il canone RAI e che a non pagare siano i pensionati al di sotto dei mille euro, al contrario del Sig Gentiloni che nella scorsa legislatura lo ha previsto per gli ultra 75 anni di età prima che muoiano. Legga anche i miei commenti su questo blog e scriva anche a noi di tanto in tanto che la seguiamo e la votiamo. Forza e coraggio.

Luca Arpino 13.09.18 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Salvini: "Mentre in Italia stiamo lavorando per rimettere MAMMA e PAPÀ sui documenti, altrove cancellano maschi e femmine dal certificato di nascita... Non ho parole!"
Magari se ne accorge anche lui che sta portando l'Italia indietro.
NEW YORK - "Gender X": questa la scritta che d'ora in poi potrà comparire sul certificato di nascita di chi è nato a New York e non si riconosce né nel genere maschile né in quello femminile. La decisione è stata presa a grande maggioranza al City Council e permetterà anche ai genitori di poter scegliere la 'X' per designare i propri figli neonati. Esulta la comunità transgender e Lgbt della Grande Mela che parla di "decisione storica". Gli adulti che lo desiderano potranno cambiare così il proprio certificato di nascita senza che ci sia bisogno di una certificazione medica.
"Oggi è una giornata storica per New York, sempre più campione mondiale sul fronte dell'inclusività e dell'uguaglianza", commenta lo speaker del City Council, Corey Johnson, un democratico come il sindaco Bill de Blasio che ora firmerà la legge che entrerà in vigore dal primo gennaio 2019.
"I newyorkesi non avranno più bisogno della documentazione di un dottore per cambiare il proprio genere sul certificato di nascita e non saranno più trattati come se la loro identità fosse una questione medica", aggiunge Johnson.
Di "decisione eccezionale" parla Carrie Davis, l'avvocato transgender che ha portato avanti la battaglia per il 'Gender X', sottolineando con un chiaro riferimento alle politiche dell'amministrazione Trump come la svolta arrivi "in tempi di pericolo e di incertezza sul fronte dei diritti dei transgender americani a livello nazionale".
Alcuni stati come la California, l'Oregon e il Montana già permettono di cambiare il genere sul proprio certificato di nascita senza un'autorizzazione medica, ma non prevedono il segno 'X' invece di 'Maschio' o 'Femmina'.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.18 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Andare avanti senza pietà chi semina raccoglie. Con questa opposizione di ubriachi siamo in una botta di ferro.

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 13.09.18 18:37| 
 |
Rispondi al commento

Lo avevo scritto mesi fa , Tria puo' fare la valigia, puo' restare, rimanere a mezzo servizio, essere rimpiazzato anche da monti, la cosa non ci riguarda. Per i distratti ricordo che Tria non ha nemmeno il suo voto, infatti non e' parlamnetare, non e' un capo corrente, meno che mai un capo partito. Puo' scrivere il DEF ch piu' gli piace, lo puo' scrivere sotto dettatura della merkel e di draghi, in commissione bilancio al Senato il Prof. BAGNAI la riscrive punto per punto, con la riforma delle pensioni, il reddito di cittadinanza e la flat tax. Camera e Senato approvano e Tria puo' fare quello che vuole. La politica piu' forte di Tria, dei marcati, dello spread e di quest'europa che non vogliamo piu'. Uno dei tanti servi della merkel , il moscovici, blatera idiozie senza senso, il Time dedica la copertina a Salvini , sottotitolando: In missione per distruggere l'europa. Ma tutta questa gente a 10mila , 20mila euri al mese ora se ne accorgono? Perche' il M5S quale missione ha se non quella di uccidere questa europa? I nostri interessi cozzano con i mercati e con lo spread ma noi siamo la politica. Se la politica non governa gli avvenimenti se riconosce si fa serva di altre forze qualcosa non funziona. Quello che non funziona va in un qual che modo sanato. Ci andranno di mezzo i prossimi 100 clandestini , pazienza. Non e' tempo di bisturi ma di accetta. Si deve tagliare, non incidere ma amputare, siamo al punto o noi o loro. Non puo' esserci posto per entrambi, la misura e' colma. Torniamo ognuno alla propria sovranita', alla propria moneta e alla fine scopriremo di amarci come mai. Restiamo schiavi dei mercati , dello spread e dei servi della merkel e finiremo per farci una guerra , vera, con le armi. Pochi hanno capito che dopo il muro il Berlino ora deve crollare la ue. Presto lo capiranno. Ora tutto verra' travolto e giustamente , io lo anticipai, Salvini ha detto che andremo ad un accordo bilaterale con la GB dopo la brexit.
Io gia' lo anticipai, inevitabile

ubaldo diciotti (ubaldodiciotti), Catania Commentatore certificato 13.09.18 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Sara Sarli.
Verdini, il "costituzionalista" di Renzi e Boschi della scorsa legislatura nonché amico del pregiudicato di Arcore Berlusconi, è stato condannato a 5 anni e mezzo per bancarotta fraudolenta...
..
Questi sarebbero i 'competenti' e gli 'onesti'!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.18 18:33| 
 |
Rispondi al commento

bombardano perche fra poco anche per loro finira il magna magna era ora

giancarlo ricomini, marina di carrara toscana Commentatore certificato 13.09.18 18:32| 
 |
Rispondi al commento

L’ex senatore Denis Verdini è stato condannato in primo grado a 5 anni e mezzo di reclusione per la bancarotta fraudolenta della Società toscana di Edizioni.

Vi ricordo che era uno dei padri costituenti che voleva modificare la Costituzione con il referendum.

[@LVIX1]

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.18 18:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Renzi: "Referendum? Mai più: sopravvalutai gli elettori".

Nel caso non fosse chiaro, ci sta dicendo che siamo una massa di imbecilli.

[@LVIX1]

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.18 18:26| 
 |
Rispondi al commento

Grande Luigi!, questo è parlare chiaro, questo è andare al centro dei problemi, questo è contribuire alla formazione della libera opinione dei cittadini. QUESTA È FORMAZIONE CULTURALE......Populismo?....lo chiamino come vogliono, ma è ciò di cui hanno bisogno gli italiani e forse non solo...e fa solo che bene!!.....per questo chi ha gestito il potere per 30 anni, lo sta combattendo!

Massimo Sabatino 13.09.18 18:22| 
 |
Rispondi al commento

Il problema della stampa serva e parziale non si risolve indicando la proprietà, ma imponendo un sistema di etica informativa e regolando i finanziamenti pubblici: ennesima cosa che dovevate fare e che è rimasta lettera morta. Magari la farete, ma per ora non se ne parla più da 6 mesi. Eppure era un punto fondamentale.

Biagio C. Commentatore certificato 13.09.18 18:20| 
 |
Rispondi al commento

C'era una volta "Carosello" in TV che molti di noi ricordano con grande nostalgia per come era presentata la pubblicità di prodotti di consumo o altro! Calimero, ispettore rock, tenente sheridan, ecc..ecc.., che anche i bimbi potevano guardare!
Alle 20.30 tutta la famigliola, davanti alla tv per godersi lo spettacolo e molti di noi anticipavano le battute dei protagonisti che sono diventati dei classici ed ancora oggi si dicono:
-è perchè sono piccolo e nero (calimero)
-con quella bocca puoi dire quello che vuoi! (virna lisi)
-nella mia vita ho commesso solo un errore!
(ispettore rock)
ecc..ecc..
Oggi la pubblicità delle TV è diventata (all'80%) una vergogna come tutte le porcate e programmi di film, spettacoli ed altro che ci si VERGOGNA a guardarli e che sono diventati dei TABU' per i bimbi ed anche per tanti anziani e giovani ancora all'antica!!!!
Tutto questo per rendere l'idea della grande differenza fra la vecchia, sana ed onesta (80%) politica dei tempi di carosello e la sporca e disonesta politica dei governi PD/dc-FI, e vermi al seguito, della 2a repubblica che hanno distrutto e disonorato l'Italia e gli italiani onesti!
Il 4 marzo, e con il GOVERNO DI CAMBIAMENTO, i cittadini stanno riacquistando FIDUCIA nelle ISTITUZIONI, DIGNITA', ONORE, DEMOCRAZIA, valori sociali smarriti ed infognati dalle caste politiche, clan e bande mafiose e massone delle istituzioni, organi di stato, magistratura, P.A., sindacati e tutto il marcio del sistema corrotto creato e voluto da PD/dc e FI!
Ecco questa intervista a Di Maio ridà il senso di pulito e di aria sana in Italia che, con questo esecutivo M5*-Lega, riprende la strada giusta per dare la priorità ai cittadini onesti e le famiglie alla disperazione eliminando e colpendo la CORRUZIONE e l'ARRICCHIMENTO dei tanti POLITICANTI PD/dc-FI e famiglie, im-PRENDITORI, CASTE, CLAN, ecc.., COLLUSI e COMPLICI nel DEPREDARE ed IMPOVERIRE il POPOLO ITALIANO!
Finalmente la DEMOCRAZIA, la LIBERTA' e la GIUSTIZIA SOCIALE!
GRAZIE!

giuseppe r. Commentatore certificato 13.09.18 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Luigi...

rolando c. Commentatore certificato 13.09.18 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Anche oggi la ZECCA imperversa ...hai veramente rotto le @@!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.18 17:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo nel post
D: Si può ancora tornare indietro, all’editore puro senza interessi extra editoriali e con un solo padrone, ossia il lettore?

Di Maio "Si deve tornare agli editori puri. Solo così si garantisce un'informazione libera e veritiera. Lo faremo con una legge, lo faremo chiedendo alle società partecipate di non fare pubblicità sui giornali e lo faremo eliminando i finanziamenti pubblici ai giornali, diretti e indiretti....”

Fortissimo Di Maio; se una partecipata, tipo Monte dei Paschi o STM o ATAC di Roma, ha da informare, lo farà con i marocchini che ci porteranno la pubblicità nella cassetta delle lettere o tramite cartelloni pubblicitari...
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 13.09.18 17:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La calma e la virtu dei forti
Buon lavoro a tutti

salvatore stassi (sito), roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.18 17:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Luigi

Una volta che ti incontrai a Padova ti feci una previsione e ti dissi stai attento perchè tutta la partita o buona parte di essa si giocherà sul problema dell'immigrazione problema oltra sentito dal popolo,ora te ne faccio un'altra la più grande partita stà per giocarsi sulla trasparenza dell'informazione.
Tu e il governo fatte in modo di renderla una creatura capace di camminare con le proprie zampe. Cosi vedremo chi è degno di rimanere o chi è destinato a sparire.
Forza Luigi sei un grande

Giuseppe Fadda Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.18 17:44| 
 |
Rispondi al commento

Bellissimo articolo, forza Luigi sono d'accordo con te e con il Premier Conte.

patrizia v., cagliari Commentatore certificato 13.09.18 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Meno male NON VEDO L'ORA legge sul CONFLITTO D'INTERESSE E PUBBLICAZIONE A CHI APPARTIENE IL GIORNALE!!!
AVANTI LUIGI BRAVO!!!!

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 13.09.18 17:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sommetto che dei pi*** diranno “ togliamo i soldi ai giornali”, non sapendo che sono già stati tolti
( i quotidiani grandi non ricevono sussidi da un pò, mentre Avvenire, Opinioni nuove-libero quotidiano, Italia oggi, il manifesto ecc. ricevono fondi; qui la lista https://www.lettera43.it/it/articoli/media/2017/08/29/fondi-pubblici-per-leditoria-brindano-cattolici-e-renziani/213241/ )

Contrordine compagni!!!
W M5S :-)))
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 13.09.18 17:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Luigi,
non ti voglio bene, te ne voglio tantissimo.

Proprio per questo mi chiedo: non dovevamo eliminare un sacco di leggi per fare chiarezza ed andare a sintesi?
Perché stiamo ballando come Dervisci rotanti intorno a questi cadaveri stampati che, come minimo, emettono nell’aria miasmi pericolosi per la salute della democrazia?

maria s., ancona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 13.09.18 17:30| 
 |
Rispondi al commento

"ben poco scentifico, preferisco i dati eurostat

Beppe A."

-------------------------------------------------------------------


quei dati eurostat che riporti e ai quali fai riferimento nel tuo commento non dicono il costo della vita preeuro.

se prima c'era un divario di quasi il doppio e oggi c'e' solo un 3% di differenza, vuol dire solo una cosa, che in italia il costo della vita e' cresciuto in maniera spropositata rispetto a quello della germania.

e infatti nell'italia post euro i prezzi sono raddoppiati, mentre in germania sono rimasti gli stessi. e, come dice eurostat, il divario si e' ridotto di pochissimo.

carlo 13.09.18 17:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di Maio
"Per informarmi non leggo i giornali italiani, fanno solo propaganda”
Effettivamente, un giorno Giggino è sul Sole 24 ore, il giorno dopo è sul Corriere, La Stampa. E non parliamo di TV ; basta cliccare su Google “intervista a Di Maio” oppure a Toninelli...
W Giggino ;-)))
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 13.09.18 17:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Togliamo i finanziamenti diretti ai giornali. AVANTI!

claud poggi, prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 13.09.18 17:21| 
 |
Rispondi al commento

Comunque l'unico editore effettivo è Cairo, a parte la presenza fattiva in Mediobanca e LA7 si sta attrezzando per diventare come i canali Rai! ANTI-MOVIMENTO!
L'atteggiamento è cambiato dalla approvazione del decreto Dignità!
Siamo nel giusto!

Giovanni Baroso, Torino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 13.09.18 17:20| 
 |
Rispondi al commento

OT. Qualcuno che risponda a questo de...

Il caos politico responsabile dell'economia europea ITALIA Pierre Moscovici imprime all'Italia un "problema". Ora il governo populista della nazione chiede di presentare un bilancio credibile per il prossimo anno.
- Abbiamo un problema, e questa è l'Italia. Lavorerò di più con l'Italia che altrove ", ha detto Moscovici, secondo NTB.

Il commissario francese dell'UE mette in guardia l'Italia contro la decisione di un bilancio statale gonfiato che aumenta ulteriormente il debito pubblico.

L'Italia ha bisogno di pagare prestiti e portare avanti le riforme economiche, ha detto. Il governo populista italiano è sotto pressione per rispettare la legge elettorale sull'aumento delle spese.

Il debito pubblico in Italia è pari al 132% del prodotto interno lordo (PIL) del paese, scrive l'agenzia di stampa.

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 13.09.18 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Ci vuole la LEGGE SUL CONFLITTO DI INTERESSI.

Rigorosa e non ci sarebbe bisogno d’altro.
Ho paura che inserire in testata la proprietà, serva a fare alla stessa ulteriore pubblicità.
A meno che non sia preceduta da OCCHIO RAGAZZI, come in quel volantino distribuito in Toscana all’epoca del mostro di Firenze.

maria s., ancona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 13.09.18 17:15| 
 |
Rispondi al commento

Giornalisti pseudo giornalai,

(con tutto il rispetto dei veri giornalai)

Siete un covo di serpenti al soldo dei vostri padroni, scrivete e dite tutto quello che vi passano sotto il naso, capisco che dovete sopravvivere, almeno un minimo di senso del dovere lo dovreste avere,
mi fate pena

W M 5 * * * * *

Vincenzino A., Verona Commentatore certificato 13.09.18 17:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Di Maio,

i propositi sono ottimi, "sono i provvedimenti allo studio" senza limite di tempo, che mi preoccupano.

FORZA E CORAGGIO.

giuseppe belotti, ranica -bg- Commentatore certificato 13.09.18 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Io sono molto "preoccupato",per il futuro del pregiudicato,di De Benedetti di Caltagirone,di Angelucci ,di Cairo, dei giornalisti(si fa per dire)alla Sallusti,alla V. Feltri alla Cerasa, o alla Calabresi.Ma la preoccupazione più grossa,l'ho,per i Vespa i Fazio e compagnia cantando.Come faranno,questi e quelli del servizio pubblico a riciclarsi? dopo il tutto un culo ed un par di braghe, con il supercazzaro,traditore,falso e strafottente di Rignano?L'unica cosa(Luigi) che non hai detto,ed io non ho mai condiviso è il perché, concedi interviste a certi pezzi di carta, che mi fanno venire il mal di pancia solo a sentirli nominare.

Canzio R. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 13.09.18 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Parole sante e evidenze quotidiane !
Forza Luigi !!!!

Giovanni Baroso, Torino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 13.09.18 16:13| 
 |
Rispondi al commento

Stamane ho sentito la presentazione del nuovo direttore di Radio 24. Nulla da eccepire.....se manterrà quanto ha detto

Alessandro L., Milano Commentatore certificato 13.09.18 16:08| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori