Il Blog delle Stelle
L'intervista di Luigi Di Maio ad Avvenire: ''Abbiamo sconfitto le lobby dell'azzardo!''

L'intervista di Luigi Di Maio ad Avvenire: ''Abbiamo sconfitto le lobby dell'azzardo!''

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 23

Ministro partiamo dall’azzardo: quanto è stato duro difendere il divieto allo spot in queste settimane? Chi ha fatto pressione, in che modo?

Ieri abbiamo approvato, dopo decine di anni, il primo decreto non scritto da potentati economici e dalle lobby. Un decreto che mette al centro i lavoratori, i giovani precari, le famiglie e gli imprenditori. Possiamo finalmente affermare che i cittadini segnano un punto: cittadini 'uno', sistema 'zero'. Ovviamente, contro il divieto alla pubblicità del gioco d’azzardo abbiamo toccato proprio gli interessi delle lobby. Non ci siamo fatti intimidire e siamo andati avanti compatti: non potevamo più permettere che i cittadini venissero incentivati all'azzardo, un vizio che sempre più spesso degenera in una vera e propria patologia: in Italia ci sono un milione di persone a rischio, tra cui molti minori. Abbiamo applicato lo stesso divieto che è previsto per le sigarette. Una ricerca della Caritas dimostra che l'80% di persone azzarda dopo aver visto la pubblicità in tv ed il 67% online. Considero questa norma un atto di civiltà che è attuato per la prima volta in Unione Europea. Finalmente un primato di cui andare orgogliosi. Ed è anche una battaglia che il MoVimento 5 Stelle ha portato avanti per anni.

Più tortuoso il cammino delle norme sui contratti, attaccate da un lato dalle imprese per i nuovi vincoli e dall’altro dai sindacati per il ritorno dei voucher. L’impressione è che sull’occupazione il governo sia ancora un cantiere aperto: l’iter parlamentare ha prorogato la stretta sui contratti a termine in attesa che la manovra, come lei stesso ha detto, vari l’abbassamento del costo del lavoro stabile. Che tipo di intervento ha in mente su questo fronte in manovra?

"Noi siamo dalla parte di chi vuole fare impresa in un modo nuovo e contro quelli che io chiamo "prenditori". Vogliamo che le imprese crescano e si sviluppino. Questo è possibile farlo se le persone hanno soldi in tasca e la serenità per progettare un futuro facendo aumentare i consumi. Il precariato devasta la persona, devasta le famiglie e anche le imprese perché il mercato interno ne risente. Abbiamo messo un freno al precariato impedendo così il rinnovo "selvaggio" del contratto a tempo determinato perché siamo convinti che dopo 24 mesi di contratto un imprenditore serio che vuole far crescere la sua azienda deve puntare sulla forza lavoro che ha testato e, se valida, assumerla a tempo indeterminato. Finalmente siamo in media con i paesi europei: in alcuni Paesi il limite è di 18 mesi. È un primo modo per incentivare il ritorno all'utilizzo del contratto a tempo indeterminato che vogliamo far tornare di moda. Questa misura avrà benefici anche sui nostri giovani: garantendo loro più stabilità avranno una serenità maggiore per formare una famiglia.
In tutte le misure che portiamo avanti tengo sempre ben presente il problema della crisi demografica, che è una vera e propria disgrazia per l'Italia.
Sul costo del lavoro siamo già intervenuti con 300 milioni di euro per le assunzioni a tempo indeterminato degli under 35. Stiamo già lavorando con i nostri tecnici per abbassare il costo del lavoro in modo strutturale.
È una sfida che vogliamo vincere, che farà ripartire il Paese".

Alcuni interventi contestati, come il ritorno delle causali, saranno oggetto di monitoraggio? Ci sono persone che nell’interregno tra decreto e conversione parlamentare non hanno avuto la proroga del contratto: impossibile fare stime e valutazioni adesso, crede servirà per loro una “salvaguardia”?

"Ci sono tutte le modalità per prorogare i contratti. Se dovesse emergere una situazione non chiara, relativa al periodo di conversione, siamo pronti ad intervenire".

Cosa ci dobbiamo aspettare in manovra per creare occupazione, al di là degli aspetti normativi?

"Noi punteremo a semplificare l’iter amministrativo per le imprese, vogliamo risolvere il problema dei ritardi nei pagamenti della Pa. Soprattutto, puntiamo ad essere il governo che rende conveniente fare impresa in Italia. Quindi abbassare il costo del lavoro stabile, favorire la formazione che serve a realizzare un veloce inserimento lavorativo. C’è troppa distanza tra le professionalità che le aziende cercano e quello che invece offre oggi il mercato. E poi c'è la riforma dei Centri per l’Impiego su cui poggeranno le politiche per il lavoro".

Lavoro domenicale e festivi: a che punto siamo e che tempi dobbiamo aspettarci?

“Intendo rivedere le liberalizzazioni e le misure introdotte dal decreto Monti e dal Pd, che hanno permesso agli esercizi commerciali italiani di eliminare il giorno di chiusura settimanale e le regolamentazioni degli orari di apertura.
Queste misure hanno favorito l’alienazione dei tempi di vita e lo sfaldamento del nucleo familiare del negoziante e dei dipendenti, un sacrificio che si è rivelato inutile alla luce degli incassi, che sono sempre gli stessi, mentre la qualità di vita di chi lavora è peggiorata. La mia proposta è individuare 12 giorni festivi l’anno e comuni e regioni potranno decidere, in base alle loro specifiche esigenze, di chiudere un quarto degli esercizi commerciali per sei giorni. La domenica e durante le feste le famiglie hanno tutto il diritto di stare insieme: questo è il principio che voglio affermare con questa norma”.

Crede anche lei che la manovra sarà lo snodo decisivo per la maggioranza di governo? O, come osservano giustamente gli analisti, il primo vero test di un esecutivo “politico” passa dal voto, e quindi, in prima battuta, dalle prossime Europee?

Il test a livello politico io lo faccio nelle piazze. Anche se siamo al governo continuiamo ad incontrare i cittadini, spostandoci di città in città. L'accoglienza è commovente. Le persone ci stanno sostenendo perchè vedono finalmente che c'è una forza politica che fa i loro interessi e che rispetta quanto promesso in campagna elettorale. Inoltre, stando ai sondaggi, segnalo che questo governo ha un consenso attorno al 70%. La manovra sarà l'occasione per concretizzare il contratto di governo nelle sue parti economiche”.

I mercati “chiedono” un chiarimento già adesso su numeri e propositi: a che tipo di accordo con l’Ue sul deficit state lavorando, con il ministro Tria? In generale, come percepite lo “spread”: come qualcosa che potrà influenzare le vostre scelte o sulla politica economica si tira dritto a prescindere?

“Con il Ministro dell’Economia stiamo facendo un lavoro approfondito e di comune accordo, un lavoro che rispetterà quanto scritto nel contratto di Governo. È ormai palese a tutti, perfino ai burocrati europei, che la strada dell’austerità ha portato l’Unione Europea ad una grande crisi. Le ricette economiche legate a dogmi indissolubili si sono rivelate fallimentari non in linea teorica, ma dal punto di vista pratico. Quindi, com’è logico, si deve cambiare rotta anche a livello comunitario. Lo spread è un numero, come il PIL, che da solo non serve a misurare la felicità di un Paese o le performance della sua economia. Ci sono parametri, anche in Europa, totalmente e forse volutamente ignorati che potrebbero ribaltare i rapporti di forza tra Paesi. Quindi stiamo parlando di scelte politiche che necessariamente dovranno cambiare a Bruxelles”.

Cosa significa, in concreto, “avvio” del reddito di cittadinanza e della flat tax? Cosa si devono aspettare i cittadini nel 2019 rispetto al cavallo di battaglia M5s?

“Significa che questo Governo intende onorare le promesse fatte in campagna elettorale. Il reddito di cittadinanza è una vera e propria manovra economica, non certo una misura assistenzialista, che passerà per la riforma dei centri per l’impiego. Peraltro, forme di reddito di cittadinanza sono attive in tutta Europa tranne che qui da noi e in Grecia. Ho già avuto modo di confrontarmi a livello europeo con il Ministro del Lavoro tedesco, dobbiamo ambire a un sistema di centri efficiente come quello teutonico. I cittadini che si recano al centro per l’impiego non dovranno essere trattati come numeri, al contempo un reddito per le persone che si dimostrano attive nella ricerca del lavoro potrà dare serenità e contribuire al rilancio dell’economia. Con la flat tax, invece, si segue quel percorso di semplificazione che abbiamo voluto cominciare con il decreto dignità, eliminando spesometro, redditometro e split payment.
Strumenti che erano un processo alle intenzioni più che sistemi di tassazione equa”.

Su quota 100 crede di poter assumere un impegno adesso con i lavoratori che aspettano la pensione? O c’è da fare una riflessione? Sappiamo che c’è un lavoro in corso sul comparto pensionistico (quota 100, assegni d’oro…) insieme all’”amico-nemico” Boeri, ci spiega contenuti e tempi?

“Vogliamo eliminare le pensioni d’oro e riformare il sistema pensionistico nel più breve tempo possibile. Con noi esistono solo i diritti. I privilegi, come i vitalizi che abbiamo eliminato alla Camera, scompaiono. Quindi basta pensioni d'oro e aumentiamo la pensione a chi non riesce ad arrivare a fine mese. Anche qui, ciò che è stato fatto dai passati Governi si è rivelato un boomerang soprattutto per i cittadini italiani. Ricordo ancora come la riforma Fornero sia stata annunciata come la panacea per i mali dell’Italia ai tempi di Monti, quando invece di rispondere a un attacco speculativo di enormi proporzioni decisero di piegarsi al mantra europeo delle riforme lacrime e sangue. Da allora i conti pubblici non sono migliorati, perché l’economia non si rilancia tagliando tutto, ma facendo investimenti. Sarà un lavoro lungo perché dovremo combattere contro chi continuerà a ripeterci che non si può fare ma siamo al governo e dimostreremo che non è così".

Come ministro dello Sviluppo lei crede, in definitiva, che Tav, Tap e Ilva (li mettiamo insieme anche se sono questioni profondamente diverse) contribuiscano alla crescita del Paese o no? Quale è la “deadline” entro la quale i tre dossier avranno definitivamente risposte? Sente il peso di queste scelte?

Nel contratto di governo è previsto di ridiscutere la TAV e il ministro Toninelli sta agendo in quest'ottica. Anche sulla TAP stiamo lavorando perchè i cittadini devono essere ascoltati: il presidente del Consiglio Conte ha incontrato il sindaco di Melendugno, cosa che il suo predecessore non ha mai fatto, perchè per noi la voce dei territori va presa in grandissima considerazione. Ma la questione più imminente è senz’altro l’Ilva di Taranto, che rappresenta l’esempio più lampante della totale inadeguatezza di chi ci ha preceduto: anni e anni di decreti; una gara piena di criticità come evidenziato dall'ANAC; un contratto stipulato con una società senza aver prima firmato l’accordo sindacale; un disastro ambientale prolungato nel tempo; migliaia di lavoratori a rischio salute; un problema occupazionale mai gestito. Ora, in tre mesi, mi si chiede di risolvere ogni aspetto. Ce la metteremo tutta, ma sia ben chiaro che questo Governo non intende fare sconti a nessuno”.

Sull’allarme-razzismo si è espresso: non crede però che dopo due mesi di governo serva anche una “moratoria” delle parole, se così si può dire?

"Quello che serve al Paese è ciò che sta realizzando il Governo Conte: l’Europa deve farsi carico del problema immigrazione nella sua interezza con atti concreti e non solo a parole".

Dopo due mesi, i temi di confronto acceso tra Lega e 5 Stelle abbondano, dalla Rai alle opere: è ancora convinto che questo governo duri l’intera legislatura?

"Questo è un Governo che ha sottoscritto un contratto che garantisce i cittadini e le forze politiche che lo sostengono. Il dibattito è vivo ma è sempre corretto e riguarda temi che non sono nel contratto. Il governo ha degli obiettivi prefissati e che vuole portare a termine. Il Governo è solido e sta cambiando in meglio il paese. E siamo solo all'inizio".



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

8 Ago 2018, 09:30 | Scrivi | Commenti (23) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 23


Tags: avvenire, azzardopatia, crisi demografica, decreto dignità, gioco d'azzardo, luigi di maio, movimento 5 stelle, precariato

Commenti

 

Leggo male, oppure nel regolamento sono "esplicitamente" vietati messaggi PUBBLICITARI?
......
Se nel blog ufficiale del movimento non siete in grado di rimuovere simili "dabbenaggini"....

Come riuscite nella POLITICA di tutti i giorni?


Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane

Franco T., S.Vito Romano Commentatore certificato 12.08.18 20:12| 
 |
Rispondi al commento

SVEGLIAAAA!


Mentre state "colpendo" le lobby dell'azzardo!.....

Qualche "finanziaria" più o meno abusiva
APPROFITTA del blog per farsi pubblicità!!

Franco T., S.Vito Romano Commentatore certificato 10.08.18 21:07| 
 |
Rispondi al commento

Concedere prestiti alle persone
Concedo prestiti a persone viventi in tutta Europa e in tutto il mondo. Se hai bisogno di soldi non esitare a contattarmi per maggiori informazioni. Contattami direttamente sulla mia e-mail per conoscere le condizioni necessarie.

e-mail: tabmarchesi@gmail.com

Tabita Marchesi 10.08.18 11:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sembra che si stia procedendo bene, nonostante l'ostracismo e le assurde e insopportabili menzogne provenienti da più parti. Importante è mantenere gli impegni assunti con il contratto di governo, e dunque anche il rapporto con la Lega-partner in termini di correttezza e lealtà da ambo le parti. E' una prova dura e particolarmente difficile, e la nostra voce vuole essere di sostegno e di incoraggiamento. Ci auguriamo anche che, durante "l' avanzamento dei lavori", anzi quanto prima, Salvini si decida a mollare B., la cui "vicinanza" nuoce anche alla sua immagine e il cui "laccio" stretto mira a separarlo dal Movimento 5 Stelle che lavora ed opera per i cittadini, non per l'establishment. In alto i nostri cuori (i nostri con i vostri)!

m.rita nucci Commentatore certificato 09.08.18 20:38| 
 |
Rispondi al commento

Se esiste un'etica in politica??

TOGLIETE i gratta&vinci da 20 euro!!


'

Franco T., S.Vito Romano Commentatore certificato 09.08.18 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi. Siamo nella direzione giusta.

Marcello 09.08.18 02:16| 
 |
Rispondi al commento

Bravo luigi!!!incominci bene!!!molto bene!!!e chi incomincia bene e solo a meta' dell'opera!!!avanti tutta!!!sei un grandeeeee!!!😗😗😗❤❤❤🌟🌟🌟🌟🌟

Sandy***** S., Sandonaci Commentatore certificato 09.08.18 00:03| 
 |
Rispondi al commento

LUÍ SÍ BELL! Come diciamo a Napoli!
Vai avanti così! Come un treno senza fare fermate!!! 😊🌟🌟🌟🌟🌟👍

Dar T., dartes Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 08.08.18 18:46| 
 |
Rispondi al commento

Grande Luigi, avanti tutta.

patrizia v., cagliari Commentatore certificato 08.08.18 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Innanzitutto complimenti per questo incredibile risultato ottenuto. Forse alcune
persone in Italia e in Europa non ha capito ancora cosa sta accadendo. É in atto una delle rivoluzioni culturali più grandi di sempre.
Una cosa però che mi lascia perplesso sono le attuali opposizioni, che per carità in decrescita devono esserci. Però loro si oppongono a cosa? Hanno ridotto l'Italia in rovina, siamo stati ridicolizzati ovunque per i nostri governi passati, e adesso fanno opposizione... dovrebbero fare opposizione a loro stessi. Uno che si oppone deve avere argomenti validi, una solida base su cui portare avanti le proprie idee, questa gente dovrebbe vergognarsi di parlare di lavoro, sanità, futuro energetico ecc... eppure senza nessun problema loro criticano i loro stessi danni commessi in 40 anni di mal governo.

Francesco Santaguida 08.08.18 16:33| 
 |
Rispondi al commento

++

L'intervista di Luigi Di Maio ad Avvenire:
Abbiamo sconfitto le lobby dell'azzardo!

Dargli del bufalaro è come fargli un complimento!

E' appurato che i numeri del gioco d'azzardo sono
un "affare per lo Stato" e un dramma colposo e prevedibile dello stesso Stato ai danni dei suoi cittadini più deboli, condannati dallo stesso alla ludopatia, alla diffusione di microcriminalità, alla distruzione di intere famiglie, per arrivare anche ai più recenti omicidi.
In Europa non c'è nessuno che sputtana denaro nelle macchinette come gli italiani.
I numeri che lo dimostrano sono quelli presenti nel rapporto dell’Ufficio parlamentare di bilancio, che corrisponde all’Autorità indipendente dei conti pubblici.
Se si guarda poi al solito "Meridione raccontato povero" e se si guarda la raccolta media pro capite paragonata al reddito disponibile, i "poveracci della dichiarazione dei redditi del sud" sputtanano più soldi di quelli del nord.
Si va a puttane perchè ci sono le puttane visibili, tangibili e non perchè sono pubblicizzate su bakecaincontri.
Ci si droga perchè c'è la droga ad ogni angolo di strada come ad ogni angolo di strada ci sono le macchinette.
Ci si avvicina alle macchinette perchè un amico della compagnia ci gioca, perchè si sente il rumore delle monete quando cadono nel vassoio 50 monete da 2, perchè in un bar non c'è altro videogioco (per i più giovani).
La ricerca che afferma che è la pubblicità il veicolo di contagio è una stronzata ad uso e consumo del Movimento 5 Stelle e quindi "Stato" e delle stesse lobby che non sono state sconfitte in quanto hanno subito solo il solletico.

Del resto Di Maio e il M5S non possono
permettersi di danneggiare questo
"capitolo di entrata fiscale"!

Infatti l'unico "fastidio" che si sono inventati
per gli stessi medesimi giocatori ma anche per
quelli nuovi futuri, è quello di uscire comunque col portafoglio pieno con l'aggiunta della tessera
sanitaria nazionale da infilare nela macchinetta
per farti rapinare come prima.

Luigi Bufalaro 08.08.18 15:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Parlar chiaro per restare amici! Questa è la sintesi di tutto, altrimenti ognuno per la sua strada!

Pasquale M., Airola Commentatore certificato 08.08.18 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Salve. Quest'anno alle elezioni ho votato x il movimento 5 stelle. Sono contenta di averlo fatto. Mi piace vedere che finalmente si sta muovendo qualcosa. Sono consapevole del fatto , che per risolvere tutti i problemi che ormai da anni paralizzato il nostro paese ci vorrà del tempo, ma mi piace vedere che finalmente, qualcuno che è stato eletto, non faccia finta di occuparsene. Ho 53 anni lavoro con un contratto a chiamata. Mio marito 63, al momento, dopo aver dovuto svendere la propria attività x i troppi costi, sta lavorando x questi due mesi estivi come portiere notturno.(1200 euro al mese!) Durante l'inverno ha inviato vari curriculum, ma appena venivano a conoscenza dell' età, rispondevano che gli veniva a costare troppo. Vorrei chiedere al ministro Di Maio: giustissimo cercare di eliminare il precariato, ( ho due figlie che lavorano) ma non è possibile abbassare i costi per l'assunzione di un lavoratore prossimo alla pensione (aprile 2023 con i calcoli odierni) che pur essendo in grado di lavorare, e tramandare la sua esperienza professionale, si è sentito x tutto l'inverno umiliato solo per aver chiesto di lavorare? Non navighiamo nell'oro . Il fatto che mio marito lavori, oltre a far sentire mio marito ancora un uomo che possa provvedere alla propria famiglia, è anche una necessità. Spero che al più presto, cerchiate di intervenire anche nei confronti di questa categoria di persone che sono escluse loro malgrado, dal lavoro, e trattate come persone senza più nessun diritto. Grazie. Paola.

Paola Rinaldi 08.08.18 13:28| 
 |
Rispondi al commento

VOUCHER ?

Mi sembra un sistema moderno per sfruttare e negare i diritti essenziali e il futuro dei lavoratori.

Di contratti c'è ne sono un'infinità e ciò crea confusione ed insicurezza: semplificare, fare chiarezza e verificare con la tecnologia e personale qualificato il rispetto delle norme, così restituiremmo altra dignità.


giuseppe belotti, ranica -bg- Commentatore certificato 08.08.18 13:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per ora il contratto di Governo funziona benissimo e i malpancisti aumentano !

pericle seneca () Commentatore certificato 08.08.18 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Ho già segnalato che col decreto dignità il limite di età di 35 anni non è giusto. Se sono trascorsi gli ultimi anni ad aspettare che qualcuno si rendesse conto di ciò che purtroppo è accaduto, la colpa è di coloro che vi hanno preceduto. Ora questo decreto che avete chiamato dignità la toglie definitivamente a coloro che oggi hanno 36/37 38 anni. Sto parlando di professionisti schiavizzati. Noi abbiamo votato tutti in famiglia movimento 5 stelle. Lo dico solo perché non pensiate che sono del PD o simili.

Gabriella Torelli 08.08.18 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Siamo ORGOGLIOSI del GOVERNO DI CAMBIAMENTO CONTE di M5*-LEGA!
Finalmente il governo per il BENE e la DIGNITA' dei cittadini ONESTI, distrutti dai VERMI PD/dc-FI e soci a delinquere (giornalai, TVshits, caste mafiose, istituzioni ed organi di stato corrotti e complici dei disastri dei governi degli INCOMPETENTI, INCAPACI e DISONESTI del NAZARENO, ARCORE, BANDE TOSCORIGNANESI MASSONICHE, ecc..)
Ritorna la fiducia dei cittadini verso le istituzioni che oramai lavorano per il popolo e non per i DELINQUENTI DELLE CASTE POLITICHE e VERMI AL SEGUITO!
GRAZIE a tutto il governo di cambiamento M5*-Lega!

giova31 08.08.18 12:08| 
 |
Rispondi al commento

...Grandissimo Luigi!...col M5S al Governo niente sarà + come prima...e il PD che insieme a Forza Italia ha devastato l’Italia può solo andare a nascondersi...M5S fovever...

GIOVANNI INVERNIZZI di PONTIROLO 08.08.18 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Grande Luiggi! Avanti così,e avanti tutta!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 08.08.18 11:00| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori