Il Blog delle Stelle
Smog: non multate i cittadini, multate chi inquina (e i partiti amici dei petrolieri)

Smog: non multate i cittadini, multate chi inquina (e i partiti amici dei petrolieri)

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 12

di Piernicola Pedicini, europarlamentare Efdd - MoVimento 5 Stelle, e Davide Crippa, deputato MoVimento 5 Stelle

Un miliardo di euro di multa. E' la spada di Damocle che incombe sull'Italia, e potrebbe essere il primo provvedimento europeo che dovrà affrontare il nuovo governo: il deferimento davanti alla Corte di Giustizia europea al pagamento della salatissima sanzione per troppo smog. Un altro "regalo" della premiata ditta Gentiloni-Galletti. Il loro cosiddetto piano smog non ha convinto - guarda un po' - l'Europa. Però non è giusto che a pagare le inettitudini del governo siano ancora una volta i cittadini. Per questo lanciamo un appello alle Istituzioni europee: non multate i cittadini. Loro sono già vittime dell'incapacità dei partiti nel trovare soluzioni concrete per ridurre l'inquinamento in Italia.

I Governi di centrodestra e centrosinistra hanno sistematicamente violato per ben 12 anni la Direttiva sulla qualità dell'aria.
Le elezioni del 4 marzo hanno dimostrato che i cittadini non si fidano più di questa classe dirigente e hanno scelto il Movimento 5 Stelle che ha un programma forte e ambizioso per la riduzione dell'inquinamento nel nostro Paese. Siamo per la chiusura degli inceneritori e delle centrali a carbone, per la mobilità sostenibile, per il trasporto merci su ferro, per orientare la vita in città e gli spostamenti prediligendo il trasporto pubblico alimentato da fonti rinnovabili e sostenibili.

Il programma ambiente del Movimento 5 Stelle combinato con quello trasporti e energia offrono un ventaglio di soluzioni concrete. I dati delle emissioni inquinanti prodotte nel nostro Paese dicono che nel 2016 in Italia lo smog è aumentato: il Pm10 del 13%, il Pm2.5 dell'8%. Dopo anni di cali ininterrotti sono tornati a salire anche gli ossidi di azoto, i gas prodotti dagli scarichi delle automobili e dai tir. Lombardia e Veneto hanno fatto registrare il più alto numero di sforamenti. Campania a e Sicilia sono invece i buchi neri: non forniscono nessun dato da anni.

L'articolo 35 della Carta dei diritti fondamentali dell'Ue sancisce: "nella definizione e nell'attuazione di tutte le politiche ed attività dell'Unione è garantito un livello elevato di protezione della salute umana". L'articolo 37: "un livello elevato di tutela dell'ambiente e il miglioramento della sua qualità devono essere integrati nelle politiche dell'Unione e garantiti conformemente al principio dello sviluppo sostenibile". Faremo di tutto per garantire che la tutela della salute e dell'ambiente non siano più lettera morta. I cittadini italiani hanno diritto, al pari di tutti gli altri cittadini europei, a respirare aria pulita, a mangiare cibo sano, a non vedere i propri figli ammalati di cancro per le troppe Terre dei Fuochi che ereditiamo. Non è con le multe che si risolvono i problemi. L'Italia ha scelto la discontinuità rispetto alle politiche suicide di centrodestra e centrosinistra. Questo cambiamento va rispettato.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

15 Mar 2018, 10:06 | Scrivi | Commenti (12) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 12


Tags: m5s, multe, partiti, petrolieri, petrolio, smog

Commenti

 

Caro Piernicola, nel Parlamento Europeo, Lei è stato uno dei maggiori promotori dell'Economia Circolare, che credo sia ormai la sola SPERANZA di evitare che i Cambiamenti Climatici sconvolgano la vita sulla Terra già entro pochi decenni. Sono abbastanza d'accordo con quanto Lei scrive a proposito di trasporti sostenibili, ma La prego di usare la Sua ottima reputazione per far cessare il forzato rinnovo del parco automobilistico privato, che è in corso da molto tempo in (solo) 8 dei 28 Paesi UE e che ha causato enormi sprechi energetici e conseguenti enormi quanto inutili emissioni di CO2. Io ed Enrico De Vita abbiamo esposto il problema in questa petizione https://www.change.org/p/signor-presidente-del-parlamento-europeo-signor-presidente-del-senato-italiano-basta-con-i-blocchi-ambientali-della-circolazione ,

della quale questa è una copia quasi identica, ma meglio leggibile perchè corredata di link ipertestuali al posto delle note:
https://drive.google.com/file/d/1JelD5wWlg_Ig7t6XayhNJtUh1o6pZ5sK/view .

Le paccio presente che essa è stata firmata, fra i primi, da due noti docenti universitari di Chimica, Claudio Della Volpe e Vincenzo Balzani, dal Suo collega Dario Tamburrano e da Leonardo Berlen, direttore di QualEnergia.

Grazie per l'attenzione e cordiali saluti.

Leonardo Libero


Leonardo Libero, TORINO Commentatore certificato 17.03.18 11:17| 
 |
Rispondi al commento

Questa sera g.16/3 , a carta bianca rai3, la conduttrice affermava : come mai il M5S non si ocupa di questioni ambientali ?
Questa eventuale disinformazione va colmata al piu' presto, magari con piu dettagli sul problema rifiuti e non solo.

Francesco De Rita 16.03.18 18:40| 
 |
Rispondi al commento

OT? Trasporto pubblico locale gratis contro l'inquinamento dell'aria in Germania Verso sperimentazione su autobus gratuiti in cinque centri urbani tedeschi per incentivare il passaggio da trasporto privato a pubblico

http://bit.ly/2tMmaxK

sa &di 15.03.18 20:02| 
 |
Rispondi al commento

L'Europa multerebbe l'Italia per 1 Mld di euro. Ma non ne facevamo parte? Che Europa e' questa se i problemi non si risolvono in maniera Collegiale.

Roberto Maccione Commentatore certificato 15.03.18 17:24| 
 |
Rispondi al commento

un abbonamento annuale alla rete urbana e suburbana torinese costa 508 euro, circa 42 euro al mese a persona; sostituiamo il bonus degli 80 euro con un abbonamento annuale per una coppia ed abbiamo incentivato l'utilizzo dei mezzi pubblici. Se poi incentiviamo l'acquisto di vetture ibride con riduzione di prezzo d'acquisto, esenzione del bollo e riduzione delle tariffe assicurative, riusciamo anche a rinnovare il parco veicoli più inquinanti. è così difficile da realizzare?

sergio mazzesi 15.03.18 17:14| 
 |
Rispondi al commento

La difesa della salute dei cittadini è il principale obiettivo della politica, prima di tutto il resto; questo dovrebbe essere evidente dal disposto combinato degli articoli 2 (diritti inviolabili dell’uomo) e 9 (tutela dell’ambiente “paesaggio”) della nostra Costituzione. Rispetto ai primi tempi mi pare che il m5s abbia messo il tema ambiente un po’ in disparte: anche il futuro (mi auguro) ministro dell’ambiente proposto da Di Maio (carabiniere forestale) pur essendo meglio del commercialista galletti attuale ministro, non mi pare all’altezza della drammatica situazione in cui versa il nostro paese. Ci vorrebbe uno scienziato esperto sui cambiamenti climatici. Mettere un militare in un ruolo così delicato è come affidare un malato che ha bisogno di una delicata operazione a un infermiere invece che a un chiururgo. Pensare che Grillo ha iniziato le sue battaglie, da cui poi è partita l’idea del
Movimento5stelle, proprio per la difesa dell’ambiente....


Giuseppe Paris 15.03.18 16:27| 
 |
Rispondi al commento


Piuttosto che chiudere si potrebbero riconvertire le vecchie centrali a carbone trasformandole in impianti HELE (High Efficiency Low Emissions), o anche centrali ultra super critical, a bassissimo impatto ambientale e ad altissima efficienza...

Mauri S., Bologna Commentatore certificato 15.03.18 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Resto basito (INCAZZATO è meglio) di quanto segue:

-"Il consiglio di stato, respingendo i ricorsi contro il ministero dell'Ambiente e la società SPECTRUM Geo ltd, dà di fatto il via libera alle ATTIVITA' di TRIVELLAZIONE nelle acque del mare ADRIATICO al largo delle coste tra Emilia Romagna e Puglia.
Tre sentenze, 2 sui ricorsi della regione Abruzzo appoggiati dalla Puglia, uno dalla Provincia di Teramo con comuni costieri abruzzesi: in parte infondati e in parte inammissibili i ricorsi. La trivellazione serve a cercare gas e idrocarburi su 300000 mq di fondale".-
Sopra leggo che la corte di giustizia europea multa l'italia (i cittadini italiani!!!) di un miliardo di euro(2000 miliardi di vecchie lire) per troppo smog!
I Governi di centrodestra e centrosinistra hanno sistematicamente violato per ben 12 anni la Direttiva sulla qualità dell'aria. Le elezioni del 4 marzo hanno dimostrato che i cittadini non si fidano più di questa classe dirigente che col governo Gentiloni e ministro Galletti hanno raggiunto il fondo della fogna!
La corte di giustizia europea NON HA NIENTE da DIRE al CONSIGLIO DI STATO ITALIANO che, fregandosene altamente dei ricorsi contro le trivellazioni nell'adriatico degli organi istituzionali delle regioni interessate, stanno dando di fatto il VIA alla porcata delle ricerche di idrocarburi nel bellissimo e amatissimo mare ADRIATICO?
Sembrano barzellette ma purtroppo non lo sono!
Nessun giornalaio politico e/o TV dei massoni e mafiosi, dei partiti PD/dc/FI dei berlusca e cairo, ha denunciato questo SCANDALO SCANDALOSO che DISONORA e toglie DIGNITA' e CREDIBILITA' all'Italia ed agli Italiani che dovrebbero già essere in rivolta contro il governo gentiloni ed il ministro galletti!
E cosa dire dei presidenti delle regioni adriatiche (EMILIANO & co), che stanno tacendo questa iniqua decisione del consiglio di stato?
Speriamo nei magistrati onesti e M5* per FERMARE le TRIVELLAZIONI in ADRIATICO ed in tutto il mediterraneo per NON DISTRUGGERLO!

mauro caputo 15.03.18 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Bene, questa deve essere la priorità nella politica europea! 👏👏👏
Grazie per renderci partecipi!

Pasquale Vassalluzzo 15.03.18 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Bene, questa deve essere in assoluto la priorità per quanto concerne la politica europea! 👏👏👏
Grazie per renderci partecipi...

Pasquale Vassalluzzo 15.03.18 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Anche meno guerre inquinano anche loro bombardamenti ecc....

Paolo.T Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 15.03.18 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Quale altro partito rende partecipi i cittadini su qualsiasi cosa accade?

Fabrizio G. 15.03.18 11:08| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori